Governo, Salvini risponde a Grillo: “Se insultandomi vogliono propinare alleanza Pd-M5s sbagliano”

Governo, Salvini risponde a Grillo: “Se insultandomi vogliono propinare alleanza Pd-M5s sbagliano”

“Se pensano con l’insulto di propinare un’alleanza Renzi-Grillo hanno sbagliato i loro conti e gli italiani non ci stanno”. Matteo Salvini, dopo il comizio di Soverato, risponde così a Beppe Grillo che lo ha attaccato nel suo blog: “Mi eleverò per salvare l’Italia dai nuovi barbari”, ha scritto in un post il comico. .  . di Giorgio Ruta – La Repubblica

Pubblicato il 11 ago 2019

video: https://www.youtube.com/watch?v=GOlZjdElFC8

La Repubblica: Sant’Anna di Stazzema, 75 anni fa l’eccidio: storie di bambini e di miracoli

Sant’Anna di Stazzema, 75 anni fa l’eccidio: storie di bambini e di miracoli

174556279-0bd1a93e-4f30-4c56-98f0-54fd238bda1d.jpg

La famiglia Pardini 

Il 12 agosto del 1944, i soldati tedeschi misero a ferro e fuoco il paesino dell’Alta Versilia dove avevano trovato rifugio migliaia di sfollati in fuga da guerra e bombardamenti. Le vittime accertate furono 560, in prevalenza donne e minori. Raccontiamo quel terribile giorno attraverso le storie di mamme e bimbi, perchè la memoria è un dovere di fronte all’attuale rigurgito di simboli e idee nazifasciste

di RAFFAELLA CORTESE e MARCO PATUCCHI

12 agosto 2019

ROMA – C’è una grande vallata che scende fino al mare, ricamata da castagni e ulivi. Poche case, qualche roccia bianca appuntita. Una mamma stende il bucato al sole. Il profumo di pulito si mischia a quello delle erbe selvatiche. Ha bisogno di un filo molto lungo per mettere ad asciugare tutti quei panni: le camice di Anna Maria e Luciana, adolescenti, che ci tengono ad essere sempre a posto; i pantaloncini degli unici due maschietti, Eros e Feliciano; gli abitini di Maria Grazia, Franca e Carla; i lenzuolini della piccolissima di casa, Maria, di appena tre mesi.

Quella bella signora di 39 anni è Bianca Prezioso, origini napoletane, la moglie di Antonio Tucci, tenente di Marina di stanza a Livorno. Pluridecorato, in cuor suo, dopo aver conosciuto la Grande Guerra, aveva sperato di non dover rivivere qualcosa di simile. Si sbagliava.

Lasciata Livorno, bersagliata dai bombardamenti, sfollano in un posto tra le montagne della Versilia apparentemente al riparo dalle rotte di eserciti e aviazione: Sant’Anna di Stazzema. Proprio Sant’Anna, protettrice delle mamme e delle partorienti. Bianca ogni giorno le rivolge, in silenzio, una preghiera… continua su: https://www.repubblica.it/cronaca/2019/08/11/news/s_anna_di_stazzema_75_anni_fa_l_eccidio_storie_di_bambini_e_di_miracoli-233422908/

Enzo Bianchi “La compassione perduta”, di Elvio Bombonato

Enzo Bianchi “La compassione perduta”, di Elvio Bombonato

L’articolo proviene dal sito di Bose, pertanto può essere riprodotto. Padre Enzo Bianchi è il fondatore della Comunità ecumenica di Bose, priore ora in pensione, ma sempre attivo con articoli, anche su La Stampa, libri, convegni, conferenze. Un profeta.

Schermata 2019-07-12 a 00.27.49

Enzo Bianchi “La compassione perduta”

La Repubblica 10 luglio 2019

di ENZO BIANCHI dal sito del Monastero di Bose

Chi stiamo diventando? Uno degli argomenti chiave nella complessa questione delle migrazioni riguarda la presunta minaccia alla nostra identità che l’afflusso di una certa tipologia – etnica, religiosa, reddituale – di stranieri rappresenterebbe per la società italiana.

Ma attualmente a preoccupare maggiormente non dovrebbe essere un’ipotetica futura “sostituzione” dell’italianità – qualunque cosa significhi questo termine – con elementi estranei alla storia e alla cultura del nostro Paese, quanto piuttosto un già avvenuto mutamento nel modo di pensare, di parlare e di agire fino a pochi anni fa patrimonio largamente condiviso.

Per anni ho insistito preoccupato sui piccoli passi quotidiani verso la barbarie: ormai vi siamo immersi, così che sentimenti ed emozioni di cui un tempo ci si vergognava, almeno in pubblico, ora sono esibiti come trofei di guerra. Specularmente, atteggiamenti di solidarietà, condivisione, bontà, compassione vengono sfigurati e irrisi  «Pietà l’è morta» si cantava durante la resistenza al nazifascismo, rivendicando il diritto a ripagare con la stessa moneta della spietatezza che si macchiava di crimini contro l’umanità Continua a leggere “Enzo Bianchi “La compassione perduta”, di Elvio Bombonato”

Da Repubblica: Il testimone “Vi racconto l’interrogatorio di Falcone su Berlusconi” di Salvo Palazzolo

di ettoremar

Palermo

Non è più un mistero l’appunto di Giovanni Falcone in cui compaiono i nomi di Silvio Berlusconi e di tre mafiosi, un foglio di block- notes ritrovato quindici giorni fa nell’ufficio- museo del giudice dal suo ex collaboratore Giovanni Paparcuri. « Fu il pentito Francesco Marino Mannoia a parlare di Berlusconi al dottore Falcone, che chiedeva di grosse estorsioni, di imprenditori che pagavano. Eravamo alla fine del 1989 » . Questo racconta a Repubblica chi c’era quel giorno, si chiama Maurizio Ortolan, ispettore in pensione della polizia di stato, il suo nome non è noto al grande pubblico dell’antimafia, ma questo poliziotto e i suoi colleghi del vecchio “ nucleo centrale anticrimine” di Gianni De Gennaro hanno scritto pagine importanti nella lotta alla mafia, al fianco dei giudici di Palermo. Nel 2006, l’ispettore Ortolan era nella squadra che arrestò il boss Bernardo Provenzano. Continua a leggere “Da Repubblica: Il testimone “Vi racconto l’interrogatorio di Falcone su Berlusconi” di Salvo Palazzolo”