Equità, giustizia sociale e redistribuzione del reddito non sono optional

Equità, giustizia sociale e redistribuzione del reddito non sono optional

di Pier Carlo Lava

A proposito di Reddito di cittadinanza e Salario minimo… secondo recenti studi sono circa 5 milioni gli italiani in difficoltà o “poveri” che in buona parte devono ricorrere all’aiuto di parenti e amici e/o rivolgersi alla Caritas e ad altri enti assistenziali per cercare di sopravvivere.

Reddito Equità italia-persone-povere-mense.jpg

Alessandria today: Abbiamo apprezzato e condiviso l’iniziativa voluta dal M5S relativa al Reddito di cittadinanza anche nel caso che questa non porti ai risultati sperati in termini di aumento dell’occupazione e rilancio dell’economia ma ovviamente si deve attendere per esprimere qualsiasi considerazione in merito, ritenendo comunque che sia stato compiuto un grande atto di giustizia sociale con un minimo di redistribuzione del reddito a  famiglie in grave difficoltà economica spinte da tempo ai margini della società.

Allo stesso modo anche se non è ancora stato approvato ma ci auguriamo che lo sia al più presto, condividiamo la necessità di attuare il salario minimo per tutti i lavoratori, come proposto dal M5S, che consideriamo un giusto e adeguato riconoscimento all’importanza del lavoro  svolto e un’iniziativa di riequilibrio che tra l’altro contribuirà a mettere più soldi nelle tasche degli italiani contribuendo al rilancio della nostra economia.

L’equità sociale in Italia negli ultimi decenni è stata alterata continuamente a senso unico determinando un considerevole aumento del divario fra le classi sociali ricche e tutte le altre che invece hanno da tempo difficoltà crescenti sino a precipitare verso livelli di povertà e oltre, queste iniziative ed altre che dovrebbero essere attuate in seguito sono finalizzate a riportare nel paese una situazione di giusto equilibrio visto  che ha ormai raggiunto livelli insostenibili.

Sciopero lavoratori LAPIDEI e cave industria

Sciopero lavoratori LAPIDEI e cave industria, 15 luglio 2019

PER UN CONTRATTO CHE RESTITUISCA SALARIO, QUALITA’ DEL LAVORO E DIRITTI

Il Contratto Nazionale LAPIDEI INDUSTRIA è scaduto a marzo. Le trattative sono bloccate.

Rocco Politi Lapidei Sciopero 15 luglio 2019 2.jpg

Confindustria Marmomacchine e Anepla sono chiusi alle richieste dei Lavoratori. Dobbiamo dare valore a questo Contratto e non permettere di allungare i tempi contribuendo a infliggere danni alle lavoratrici e ai lavoratori sia dei Lapidei che delle Cave.

L’indisponibilità del mondo imprenditoriale ci obbliga ad azioni di lotta e di protesta suffragate da 8 ore di sciopero e con la relativa sospensione degli straordinari e della flessibilità al lavoro.

In sintesi di seguito le posizioni datoriali più preoccupanti in essere:

-la chiusura del CPNL bilaterale che stava dando i primi frutti venendo meno all’intervento sull’intera filiera delle costruzioni, (primo passo verso il contratto unico) e alla bilateralità territoriale; Continua a leggere “Sciopero lavoratori LAPIDEI e cave industria”

R.S.U. FIOM-CGIL: Piano di smaltimento ferie

R.S.U. FIOM-CGIL: Piano di smaltimento ferie

Con un incontro tenutosi nello stabilimento Arcelor Mittal S.p.A. di Novi L.re l’azienda ha comunicato alle R.S.U. un piano di smaltimento ferie che porterà i lavoratori ad azzerare le stesse entro il 30 settembre.

Comunicato_FIOM_040719.jpg

Le motivazioni fornite in merito alla decisione presa non ci hanno convinto nella maniera più assoluta, è stato chiesto se questa operazione porterà all’apertura della cassa integrazione a Novi ad ottobre ma al momento tale ipotesi non è stata confermata.

La Fiom-Cgil di Novi Ligure rivendica la mancanza di investimenti sulla sicurezza negli impianti di Novi Ligure, l’organico che, rispetto all’accordo del 6 settembre è mancante di circa 20 unità e l’aspetto produttivo che preoccupa non solo a causa dell’incidente avvenuto al trasformatore andato in fiamme qualche mese fa.

Se la situazione non cambierà ci riserviamo di prendere qualsiasi tipo di iniziativa nei confronti di decisioni unilaterali dalle quali prendiamo le distanze nella maniera più assoluta.

R.S.U. FIOM-CGIL NOVI LIGURE

Lavoro – Consumi – Economia: Considerazioni sui dati ISTAT, di Pier Carlo Lava

Lavoro – Consumi – Economia, considerazioni sui dati ISTAT

di Pier Carlo Lava

BE001089-1515--U10104084845792Aa-590x387-kcsF-U101040850413241UH-330x185@LaStampa.it

Alla luce degli ultimi dati Istat si possono fare le seguenti…

Considerazioni

1) Da un analisi degli stessi si evince che oggi la questione lavoro risulta essere il problema principale dell’Italia, sulla quale il Governo dovrebbe concentrare gli sforzi e tutte le risorse disponibili per invertire il trend della recessione in atto nel paese.

2) L’efficienza dello stesso si misura anche su questo tema, a tale proposito occorre ricordare che ad un aumento dell’occupazione corrisponde un maggiore potere di acquisto complessivo delle famiglie e conseguentemente una crescita dei consumi interni che sono fondamentali per il rilancio dell’economia.

3) In sintesi se si mettono più soldi nelle tasche delle famiglie italiane queste automaticamente li spendono sul territorio con tutte le positive conseguenze del caso, aumento dei consumo, del prodotto interno lordo oltre ai relativi benefici per il bilancio dello Stato. Continua a leggere “Lavoro – Consumi – Economia: Considerazioni sui dati ISTAT, di Pier Carlo Lava”

UIL: Assemblea di oltre 150 lavoratori ad Arquata Scrivia in vista dello sciopero generale costruzioni del 15 marzo a Roma

UIL: Assemblea di oltre 150 lavoratori ad Arquata Scrivia in vista dello sciopero generale costruzioni del 15 marzo a Roma

Si moltiplicano proprio in questi giorni in tutte le regioni le iniziative dei sindacati delle costruzioni di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil per far conoscere le ragioni dello sciopero generale proclamato per il prossimo 15 marzo, con manifestazione nazionale a Roma, in Piazza del Popolo a partire dalle ore 9:30.

uil

Anche nell’alessandrino si terrà una grandissima assemblea dei lavoratori, a partecipare saranno sia operai che impiegati nel cantiere del Terzo Valico.
Venerdì 8 marzo dalle 13 alle 15 ad Arquata Scrivia verranno radunati in assemblea oltre 150 lavoratori. A presenziare all’assemblea, che si svolgerà al campo base di Arquata Scrivia, sarà il Segretario nazionale Feneal, Francesco Sannino.

I segretari di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil da mesi hanno presentato una piattaforma contenente proposte concrete e fattibili per difendere il lavoro e per crearne di nuovo, per dare risposta agli oltre 600 mila lavoratori che hanno perso il posto di lavoro in questa crisi che dura da anni. Per queste ragioni il prossimo 15 marzo si svolgerà lo sciopero generale di tutte le lavoratrici e lavoratori dei settori delle costruzioni.

Paolo Tolu, Segretario Feneal Uil Alessandria: “L’obiettivo dello sciopero è concordare un tavolo con il Governo in modo da poter gettare le basi per rilanciare il settore delle costruzioni, in forte crisi ormai da 11 anni e determinante per la crescita del Paese, volano per l’economia e l’occupazione italiana”.

UIL: Rapporto 2018 sulla cassa integrazione in Piemonte

UIL: Rapporto 2018 sulla cassa integrazione in Piemonte

BILANCIO ANNUALE

NEL 2018, IN PIEMONTE LA CASSA INTEGRAZIONE E’ SCESA DEL 18% RISPETTO AL 2017, IN ITALIA DEL 37,6%. TORINO E’ STATA LA PROVINCIA PIU’ CASSAINTEGRATA D’ITALIA, IL PIEMONTE LA SECONDA REGIONE

Come evidenziano i dati del Servizio politiche attive e passive del lavoro della UIL Nazionale, nel 2018, in Italia, sono state chieste 217.711.091 ore di cassa integrazione, con una diminuzione del 37,6% sull’anno precedente. In Piemonte la richiesta è stata di 28.647.114, in discesa del 18% (+2% ordinaria, -27,3% straordinaria, -96,1% deroga).

url

Nel periodo considerato, la media mensile dei lavoratori piemontesi tutelati è stata di 14.043, con una riduzione di 3.075 unità rispetto al 2017.

Il Piemonte si è collocato al 2° posto per numero di ore di cassa integrazione richieste, preceduto dalla Lombardia.

DATI PROVINCIALI

L’andamento delle ore nelle province piemontesi, nel confronto tra 2018 e 2017, è stato il seguente: Verbania +86,1%, Cuneo +60,2%, Torino -13,9%, Alessandria -25,1%, Asti -45,4%, Vercelli -47,5%, Novara -56,9%, Biella -65,4%.

Torino, con 17.469.002 ore, è stata, anche per il 2018, la provincia più cassaintegrata d’Italia. Continua a leggere “UIL: Rapporto 2018 sulla cassa integrazione in Piemonte”

Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CGIL: Ancora un morto sil lavoro, una consuetudine inaccettabile

Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CGIL: Ancora un morto sil lavoro, una consuetudine inaccettabile

Alessandria: Anche stamattina, come ormai purtroppo è consuetudine in tutta Italia,  l’ennesimo infortunio mortale  sul lavoro ha colpito il settore delle costruzioni,

Nello stabilimento della ditta I-PAN nel sito produttivo della ditta  IBL di Coniolo ha perso la vita un lavoratore di 42 anni, rimanendo schiacciato,  mentre svolgeva l’attività quotidiana di sua competenza.

Sta diventando una consuetudine INACCETTABILE.

Le Organizzazioni Sindacali del settore delle Costruzioni  della provincia di Alessandria, porgendo le più sentite condoglianze alla famiglia del lavoratore, piangono un’altra vittima del lavoro non riuscendo a capire come di lavoro, nel 2019, si possa ancora morire.

Le Organizzazioni Sindacali, sono a proclamare 24 ore di sciopero, nel sito produttivo IBL, I-PAN,  a partire dalle 06.00 di venerdì 01-02-2019 alle 06.00 di sabato 02-02-2019, per riportare e sensibilizzare tutti, sul  tema della sicurezza nei posti di lavoro a tutela dei lavoratori e  per non dover piangere altri morti.

Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CGIL di Alessandria

Lavoro, Abet esternalizza produzioni, Bergesio (Lega) presenta interrogazione al MiSE, intervenire per attenuare ricadute sul territorio

Lavoro, Abet esternalizza produzioni, Bergesio (Lega) presenta interrogazione al MiSE, intervenire per attenuare ricadute sul territorio

Roma, 29 gen. – “Con l’interrogazione n. 4 – 01159, ho sottoposto all’attenzione del Governo la situazione di Abet Laminati di Bra.

L’azienda è leader per la produzione di laminati plastici decorativi, presente sul territorio sin dagli anni ’50, con 13 filiali consociate estere, 6 aree commerciali in Italia e 1000 dipendenti.

giorgio-maria-bergesio-1

Nei giorni scorsi i vertici dell’azienda hanno comunicato alle rappresentanze sindacali unitarie l’intenzione di aprire una procedura di mobilità per 112 dipendenti e l’amministratore delegato ha spiegato che è necessaria una riorganizzazione del personale a causa dell’accresciuta competitività.

Questa notizia, giunta in modo improvviso data la solida situazione finanziaria dell’azienda, è per noi motivo di preoccupazione e temiamo che l’impatto della riorganizzazione della logistica di Abet possa comportare rischi occupazionali per le filiali commerciali di Roma e Reggio Emilia, oltre a pesanti ricadute sul territorio cuneese.

Per questo motivo mi sono rivolto al Ministro dello sviluppo economico e del lavoro e delle politiche sociali, per chiedere se il Ministro sia a conoscenza della situazione e per conoscere quali iniziative abbia intenzione di adottare al fine di attenuare l’impatto occupazionale”.

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, Senatore piemontese della Lega.

Ufficio Stampa Lega Senato

UILTUCS Alessandria sull’incontro a Roma per la situazione Iperdì di Novi Ligure

UILTUCS Alessandria sull’incontro a Roma per la situazione Iperdì di Novi Ligure

Si è tenuto oggi l’incontro tra le Organizzazioni sindacali e la Proprietà di IPERDI’ (Generalmarket) al Mise di Roma. Alla riunione era presente anche la deputata alla Camera in commissione Lavoro Jessica Costanzo.

logo_uiltucs-2013

Ricordiamo che i 21 lavoratori di Novi Ligure, come i più di 600 lavoratori prima impiegati in una quarantina di punti vendita Iperdì e Superdì sparsi tra Piemonte e Lombardia, sono da più di 5 mesi senza stipendio.

La cassa integrazione è finalmente stata sbloccata ma ancora sarà necessario attendere i tempi tecnici per i pagamenti. Le voci di una possibile acquisizione da parte di altri gruppi del settore sono invece al vaglio del Tribunale di Monza, che si esprimerà il prossimo 16 gennaio.

Fino a quella data non ci saranno ulteriori sviluppi. Il prossimo venerdì mattina alle 11 è indetta l’assemblea con i lavoratori presso la UIL di Novi per maggiori dettagli e per un confronto con i dipendenti. 

Ricordiamo anche che le lavoratrici, i lavoratori e la UILTuCS  parteciperanno alla Gara podistica di domenica prossima a Novi Ligure ancora una volta fianco a fianco con i lavoratori della Pernigotti.

Torchia. CGIL: “IPERDI’ DI NOVI LIGURE”

Torchia. CGIL: “IPERDI’ DI NOVI LIGURE”

Alessandria: Il 3 dicembre 2018 presso il MISE, la proprietà GCA ha dichiarato di aver firmato un accordo con MAXIDI’ e ITALMARKET per l’affitto dei rami d’azienda che riguarderebbero 14 punti di vendita, nei quali sarebbe compreso anche quello di Novi Ligure.

CGil GCA GENERALMARKET - del 03-12-2018

Alla MAXIDI’ andrebbero i PV di: Novi Ligure, Barlassina, Lomazzo, Robbio e S.M. Siccomario, complessivamente 124 LAVORATORI, mentre alla ITALMARKET 9 PV e più precisamente i PV di: Pavia, Treviglio, Bregnano, Rho, Cogliate, Cornate, S. Colombano, Cairate e Muggiò, complessivamente altri 172.

Dall’incontro è anche emerso che le società subentranti potranno farsi carico delle mensilità non ancora retribuite da GCA ai lavoratori per Agosto e Settembre. Continua a leggere “Torchia. CGIL: “IPERDI’ DI NOVI LIGURE””

Moduzzi. UIL FPL: Reintegro della lavoratrice e salvaguardia del posto di lavoro.”

Moduzzi. UIL FPL: Reintegro della lavoratrice e salvaguardia del posto di lavoro.”

Alessandria: Buone notizie per una lavoratrice che era stata licenziata ingiustamente dalla cooperativa Villa Primule Gestione S.r.l. per la quale lavorava come OSS nella casa di riposo Orchidea di Alessandria.

UMyUJhw4

La ragione del licenziamento era il superamento del periodo di comporto, ossia assenza per malattia, ritenuta superiore ai 120 giorni.

Il licenziamento è stato impugnato dall’avvocato Stefano Ena che, dopo il rifiuto della società a revocarlo, ha proceduto con ricorso avanti al Giudice del Lavoro di Alessandria.

La tesi dello studio legale associato Ena Gallina Lasagna Lunati di Alessandria era che il calcolo fosse errato perché il nuovo contratto era stato sottoscritto dall’aprile 2017 e non risultava corretto quindi conteggiare anche le assenze precedenti. Inoltre il contratto che è stato applicato alla lavoratrice non è sottoscritto da Cgil, Cisl e UIL, le sigle maggiormente rappresentative, e prevede un periodo massimo di malattia ben inferiore a tutti i contratti stipulati in Italia e addirittura più breve del periodo indennizzato dalla stessa INPS, con possibili profili di incostituzionalità. Continua a leggere “Moduzzi. UIL FPL: Reintegro della lavoratrice e salvaguardia del posto di lavoro.””

Pernigotti. Matrisciano e Costanzo M5S: Soddisfatti per impegno Governo per tutela lavoratori

Pernigotti. Matrisciano e Costanzo M5S: Soddisfatti per impegno Governo per tutela lavoratori

M5S

Roma, 15 novembre. Siamo molto soddisfatte per la disponibilità dimostrata dal governo nel garantire la tutela dei diritti delle persone interessate da quanto sta accadendo alla Pernigotti di Novi Ligure. Seguiamo da vicino gli sviluppi. Questa mattina è stato un incontro dei lavoratori con il ministro Di Maio al quale abbiamo partecipato in rappresentanza dei parlamentari del MoVimento 5 Stelle. Così in una nota la senatrice Susy Matrisciano e la deputata Jessica Costanzo del MoVimento 5 Stelle.

Il presidente Conte convocherà la proprietà turca della Pernigotti. Siamo determinati a fare tutto quanto è in nostro potere per scongiurare la cessazione dell’attività e stimolare la reindustrializzazione. L’obiettivo del governo è garantire ai dipendenti di poter continuare a lavorare, rivedendo anche i termini con i quali verrà concessa la cassa integrazione concludono.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)

Presidio dei lavoratori della Pernigotti davanti alla Prefettura di Alessandria

Presidio dei lavoratori della Pernigotti davanti alla Prefettura di Alessandria

Prefettura e Provincia

da Redazione

Alessandria, venerdì 16 novembre 2018 alle 11.00 davanti alla Prefettura, ci sarà un presidio dei lavoratori della Pernigotti. Successivamente si terrà un incontro fra tra i sindacati e il Prefetto.

Matrisciano. Pernigotti, M5S: Bene convocazione del tavolo al Mise, al lavoro per trovare soluzione

Matrisciano. Pernigotti, M5S: Bene convocazione del tavolo al Mise, al lavoro per trovare soluzione

MATRISCIANO MARIASSUNTA

Roma 8 novembre 2018 – “La decisione di Pernigotti di esternalizzare le proprie attività produttive unicamente presso il territorio nazionale, ufficializzata oggi dall’azienda in una nota, è un piccolo passo in avanti per risolvere questa questione.

Il MiSE è stato tempestivo nel convocare un tavolo di crisi per giovedì 15 novembre, durante il quale speriamo si possano iniziare a trovare delle soluzioni utili per salvaguardare gli attuali livelli occupazionali”.

Così in una nota i parlamentari del MoVimento 5 Stelle Susy Matrisciano, Lucia Azzollina, Celeste D’Arrando, Elisa Pirro e Davide Serritella, l’europarlamentare M5s Tiziana Beghin, i consiglieri regionali piemontesi M5s Giorgio Bertola, Francesca Frediani e Paolo Mighetti e il consigliere comunale M5s di Novi Ligure, Fabrizio Gallo.

“Come MoVimento 5 Stelle – continuano i portavoce – cercheremo in tutti i modi di salvare anche questo storico marchio. Non possiamo permettere che pezzi di storia ed eccellenze del Made in Italy vengano irrimediabilmente perse”.

COMITAL, Susy Matrisciano (M5S): Tempo scaduto per il Jobs Act, LAVORATORI si riappropriano di diritti

COMITAL, Susy Matrisciano (M5S): Tempo scaduto per il Jobs Act, LAVORATORI si riappropriano di diritti

Roma, 31 Ottobre 2018 – “Giorno dopo giorno stiamo rimediando ai disastri fatti dal Jobs Act. Stamattina in Regione Piemonte il ministro Di Maio è stato accolto da un forte applauso da parte dei lavoratori della Comital di Volpiano che da 4 mesi sono senza retribuzione né ammortizzatore sociale. Grazie a un emendamento del Governo contenuto nel decreto emergenze, nessuno di loro, 140 in tutto, perderà il reddito.

MATRISCIANO MARIASSUNTA

Con la reintroduzione della cassa integrazione per cessazione stiamo restituendo tranquillità e dignità ai lavoratori, eliminando tutte le storture lasciateci da Renzi e Co., a cui consigliamo di fare un bagno di realtà confrontandosi con quei cittadini che stiamo salvando”. Così in una nota Susy Matrisciano, senatrice piemontese del MoVimento 5 Stelle membro della Commissione Lavoro.

“Oggi pomeriggio – ricorda Matrisciano – parteciperò al tavolo di crisi presso il Ministero dello Sviluppo Economico organizzato con la proprietà dei supermercati Iperdì e SuperDì per verificare che anche per questi lavoratori si sia trovata una soluzione alla loro crisi e che ci possa essere ancora un futuro per oltre 700 famiglie. Non possiamo più lasciare soli i lavoratori così come purtroppo è avvenuto in questi ultimi anni”, conclude.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)