Intervista a 360° allo scrittore alessandrino Piero Milanese, di Lia Tommi

Alessandria: Ho incontrato Piero Milanese, noto scrittore alessandrino, in un elegante caffè sotto i portici della splendida Piazza Garibaldi. È una persona semplice, immediata e spontanea.

– Gli chiedo innanzitutto di raccontarci qualcosa della sua vita.

Risponde che è nato nel 1947 ad Alessandria. Lavorava come tecnico elettronico in aziende del gruppo FIAT su sistemi di automazione varia e componentistica per auto, dal 2002 è in pensione. Da sempre appassionato di letteratura, nel 1975 pubblica il romanzo «Il posto alla FIAT». Nel 1998 pubblica la raccolta di poesie dialettali «El cór an Piasa» (Il cuore in Piazza) cui seguono i premi letterari «Cesare Pavese» al Grinzane Cavour nel 2000, e due «Guido Gozzano» a Terzo d’Acqui nel 2001 e nel 2016, per altre sue raccolte inedite di versi. Nel 2012 collabora con l’Istituto per la Storia della Resistenza di Alessandria alla stesura dell’antologia «El lén-ni an Tani» (Le lune in Tanaro) del poeta Giovanni Rapetti. Altri suoi saggi sull’opera di questo poeta compaiono ne «Il canto di Orfeo» (Atti del convegno internazionale di Rocca Grimalda, 2012), e nel volume «Fame e abbondanza» (2017) patrocinato dall’IRCrES-CNR e dalla CRT.
Nel 2013 torna al romanzo con «Parola sospesa» cui seguono nel 2014 «Amamialfredo», nel 2015 «La scappatella», e nel 2016 «La violinista – Amore e guerra nella Repubblica Partigiana dell’Ossola», tutti pubblicati dalle edizioni «Araba Fenice» di Cuneo. Vive con la moglie a Fubine, nel Monferrato alessandrino.

– Veniamo all’attività di scrittore: domando quali sono i quattro romanzi che ha scritto e se hanno un filo conduttore.

Denominatore comune ai quattro romanzi è il rapporto tra l’individuo e la Storia, lo svolgersi delle vicende particolari dei personaggi intrecciate ad avvenimenti politici e sociali del periodo preso in esame.
Nei primi tre, Parola sospesa, Amamialfredo, La scappatella (la cosiddetta “trilogia degli anni ’60) sono appunto gli anni del boom economico, della contestazione, del terrorismo e dell’emancipazione femminile a fornire gli spunti per lo sviluppo delle trame.Il quarto, La violinista, rappresenta invece una riflessione sugli anni precedenti, non vissuti dall’autore, ma diretti ispiratori di quell’idealità, la Resistenza, cui direttamente o indirettamente fanno riferimento tutti i suoi lavori (in Parola sospesa emerge ad esempio, anche se in maniera acerba e indefinita, un’ipotesi di Unione Europea proprio nella love story di due giovani di nazionalità diversa).

Continua a leggere “Intervista a 360° allo scrittore alessandrino Piero Milanese, di Lia Tommi”

Il labirinto rosso, di Barbara Sarri

Il labirinto rosso, di Barbara Sarri

Recensione di DIANA PERAZZOLO  http://www.milanonera.com/

Il labirinto.jpg

Il labirinto rosso,un giallo tutto al femminile
La visione del giallo con Barbara Sarri si tinge decisamente di rosa: non solo per il fatto che la protagonista è una investigatrice privata, Isabel Blanco, che ha la passione per il flamenco e nel tempo libero collabora con un centro di accoglienza per donne maltrattate, ma anche perché è lei a narrare in prima persona le vicende che la coinvolgono.
Il racconto si arricchisce così di tutta una serie di caratteristiche squisitamente femminili, che lo rendono estremamente vivido e reale: profumi, colori, sensazioni… ma anche sentimenti, dubbi e supposizioni che la protagonista vive nella sua interiorità coinvolgendo il lettore nel processo investigativo, ma anche nelle sue vicende amorose.
Così quando sul suo treno viene trovato il cadavere di una vecchia signora, accoltellata senza che nessuno se ne accorgesse, Isabel si trova ad investigare sulla sua misteriosa morte insieme al suo spasimante, il romantico ispettore dall’evocativo nome di Romeo, ma anche a confrontarsi con il suo ex, Christian, con uno sguardo decisamente più disilluso. Continua a leggere “Il labirinto rosso, di Barbara Sarri”

COSA LEGGERE SOTTO L’OMBRELLONE? IL MEGLIO DELLA NARRATIVA ITALIANA DA (RI)SCOPRIRE QUEST’ESTATE

COSA LEGGERE SOTTO L’OMBRELLONE? IL MEGLIO DELLA NARRATIVA ITALIANA DA (RI)SCOPRIRE QUEST’ESTATE

logo-alessandria-today-ok-copia

books-1478715-1170x400.x57454.jpg

di Francesca Cerutti 

È finalmente arrivata l’estate, il momento in cui tanti di noi ritrovano il tempo per leggere la montagna di libri comprati durante l’inverno e “messi in pausa” in attesa di periodi di minor stress.

Se non avete fatto la vostra scorta di libri i mesi scorsi, non preoccupatevi. Vi proponiamo qui quelli che secondo noi sono i romanzi italiani contemporanei che vanno letti almeno una volta nella vita. Per dare qualche spunto in più agli indecisi…

PS. Questa non è una classifica! I libri che presentiamo sono in ordine sparso. Quattro storie diverse, quattro stili diversi. Per citare Daniel Pennac, «il verbo leggere non sopporta l’imperativo». Fatevi trasportare dal cuore nella vostra scelta.

Ti prendo e ti porto via di Niccolò Ammaniti

«Vieni qua.»
Si avvicinò e Flora lo abbracciò forte. Pietro le mise le braccia intorno al collo e il cuore della professoressa si colmò di una tenerezza e di una pena che la fece vacillare un istante. Questo bambino doveva essere figlio mio. La gola le si strozzò. Dio mio…

È un romanzo corale ambientato in un paesino della Toscana, in cui si intrecciano le storie di diversi personaggi: Pietro, dodici anni, unico in tutta la scuola a essere stato bocciato; la sua amica Gloria, diversissima da lui ma da cui Pietro si sente inevitabilmente attratto; la loro professoressa di lettere, Flora Palmieri, la donna più misteriosa del paese;Graziano Biglia, sciupa femmine tornato in paese dopo una delusione sentimentale.– continua su: https://www.frammentirivista.it/cosa-leggere-sotto-lombrellone-il-meglio-della-narrativa-italiana-da-riscoprire-questestate/

La vita Silente, di Sisti Luisa

La vita Silente, di Sisti Luisa

È in via di pubblicazione la seconda e ultima parte della storia appassionata di Guido e Laura! Chi avesse perso la ‘prima puntata’ può richiedere a luisa.sisti@hotmail.it o via w.app una copia autografata de “La vita silente” scontata del 40% (9€) da portare sotto l’ombrellone…

41IVXRU+zrL._SX313_BO1,204,203,200_.jpg

Roma, 1963. Laura Savini è una giovane giornalista ambiziosa e sognatrice che scrive per l’inserto culturale del settimanale “Roma Oggi”. Guido Vivanti è un maturo e all’apparenza gelido professore di filologia romanza dell’Università di Roma incatenato da anni in un matrimonio senza amore.

Durante un’intervista, tra i due nasce un’istintiva attrazione mascherata da amicizia, che si muove tra frustrazioni e desideri irrisolti. Anche perché dietro la fredda apparenza di Guido si nasconde il poeta Jaufre d’Aquitaine.

“La vita silente” è il racconto intenso di una grande passione attraverso gli occhi di una donna desiderosa di sentimenti travolgenti e la scoperta delle emozioni in un uomo complesso, da sempre alla ricerca di un senso poetico della vita.

https://www.amazon.it

Però, quante ne ho passate! Ovvero: Vita di Gian, da tagliato fuori a figlio del 68 e cittadino impegnato

Però, quante ne ho passate! Ovvero: Vita di Gian, da tagliato fuori a figlio del 68 e cittadino impegnato.

di Gianluigi Radaelli https://gianrelli.blogspot.com/

Prezzo per Unità (pezzi): €20.00  €17.00  Risparmi: 15.00%

Formato: 15×21 cm Rilegatura: brossura Pagine: 516

Gianluigi Radaelli.jpg

Presentazione

Interessante esempio di romanzo autobiografico, a tratti poetico, con innesti sotto forma di diario Però, quante ne ho passate! si configura come ottimo prodotto letterario, assemblato con cura dei dettagli, con stile puntuale, chiaro e immediato, con la volontà di pescare dal passato occasioni di riflessione per il presente o il futuro, con abilità nel rendere vivide le immagini evocate, tanto da far vivere empaticamente al lettore le esperienze narrate.

Il modus scribendi di Redaelli denota una buona conoscenza della nostra lingua, il ritmo risulta mediamente elevato, l’ironia che viene usata in certi passaggi e la veridicità che si respira leggendo, sono ulteriori valori aggiunti di un’opera che può risultare interessante sia per il lettore giovane, che cerca storie dalle tinte vivaci, sia per quello più maturo, che aspira a profondità di narrazione.

Insomma, una gran bella “storia”, da ascoltare, da apprezzare in tutte le sue sfumature. Un uomo che si mette a nudo, che racconta quello che adesso è passato è di moda: lottare per un ideale, crederci, fino all’inverosimile.

Infatti, benché molto personale, ci sembra in grado di raccontare, in maniera appunto originale, un ampio scorcio della nostra storia recente.

Intervista all’Autore: https://www.librinews.it/autori/pero-quante-ne-ho-passate-gianluigi-redaelli/

da: http://www.eraclesrl.it/

foto: https://www.amazon.it

La scrittrice Carla Maria Russo su Alessandria today, biografia e presentazione del suo libro: L’acquaiola

La scrittrice Carla Maria Russo su Alessandria today, biografia e presentazione libro

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia e la prefazione del libro della scrittrice Carla Maria Russo.

carla-maria-russo-ok

BIOGRAFIA:

Sono nata a Campobasso, in Molise, dove, stando alle cronache familiari, sono vissuta solo i miei primi quindici giorni di vita. Poi ho abitato in diverse altre città seguendo i trasferimenti di mio padre, agente di pubblica sicurezza, fino a quando, all’età di tredici anni, sono approdata a Milano, da dove non mi sono più mossa e che considero la mia città. Qui ho compiuto gli studi superiori nel liceo classico A. Manzoni  e quelli universitari presso L’Università degli Studi, dove mi sono laureata in Lettere Moderne con una tesi in storia del Risorgimento.

Dopo la laurea, ho insegnato Italiano e Latino nel triennio del liceo, tornando come docente nello stesso liceo classico Manzoni che avevo frequentato come studente.

Agli inizi degli anni ’90 però ho deciso di lasciare l’insegnamento e dedicarmi ad altre attività con le quali mi piaceva misurarmi. Una di queste è stata la ricerca storica, mia antica passione, un’altra la scrittura. All’inizio ho scritto per me stessa, desiderosa di mantenere traccia delle bellissime storie nelle quali mi imbattevo attraverso le mie ricerche, così intense, appassionanti e vive da annullare il tempo e parlare all’uomo di ogni epoca. Perché ogni “vera” storia è sempre contemporanea, sempre moderna. Continua a leggere “La scrittrice Carla Maria Russo su Alessandria today, biografia e presentazione del suo libro: L’acquaiola”

La scrittrice e poetessa Iris Vignola su Alessandria today, biografia e due poesie

La scrittrice e poetessa Iris Vignola su Alessandria today, biografia e due poesie

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e le poesie della scrittrice e poetessa Iris Vigola.

Irisa vignola copia.jpg

BIO-BIBLIOGRAFIA, PREMI E RICONOSCIMENTI AI VARI CONCORSI LETTERARI

L’autrice Iris Vignola è nata a La Spezia, dove vive attualmente.

Nel fantastico mondo delle fiabe è la sua raccolta di dodici racconti per bambini e per chi ama ancora sognare, pubblicata in due differenti edizioni, con diverse illustrazioni. La prima fiaba, la Principessa velata, è stata il tema della prima rappresentazione teatrale dell’Accademia di Danza “La Maison de la Danse” di La Spezia, fondata e diretta da sua figlia Emmanuelle Ricco.

La terza e ultima edizione, “Into the fantastic world of the fairy tales – Nel fantastico mondo delle fiabe, arricchita di nuove illustrazioni create dall’autrice in collaborazione con le sue nipotine Irene e Veronica e in doppia versione italiana e inglese – by Boulevard Books, Staten Island, N. Y.,  si trova sui maggiori canali Web.

La sua prima poesia “A mia madre” è inserita nell’antologia di vari poeti Poesie per una mamma, edito dalla casa editrice Il Tigullio.

I suoi libri di poesia, editi da Irda Edizioni, sono pubblicati su vari canali Web: “Unico Amore” (il primo, scritto a quattro mani con il poeta Horion Enky),  “Non sogno e non realtà” – “Dinanzi a me, c’è solo il mondo” – “Mi voltai… e vidi quel fiore”. Continua a leggere “La scrittrice e poetessa Iris Vignola su Alessandria today, biografia e due poesie”

Lontano dagli occhi, di Patrizia Benetti Mezzelane Casa Editrice

Lontano dagli occhi, di Patrizia Benetti Mezzelane Casa Editrice

Lontano dagli occhi.jpg

Trama del libro

Elisabetta, giornalista di una famosa rivista femminile, è fidanzata con Emiliano fin da quando erano bambini. Diventato ingegnere, lui viene trasferito in Canada.

Nel corso della prolungata lontananza Elisabetta cresce emotivamente, fa nuove amicizie e riflette sul loro rapporto, anche perché Emiliano è cambiato, le telefona sempre più raramente, sembra essersi scordato di lei.

Col passare del tempo Elisabetta riesce a vedere il fidanzato per ciò che è: un seduttore, viziato ed egoista. Un giorno, per ragioni di lavoro, la ragazza intervista Lorenzo Strambelli, avvocato divorzista.

All’apparenza snob, l’uomo rivela una grande umanità e tra i due nasce una profonda attrazione. Elisabetta si trova così costretta a fare una scelta sofferta. Ama ancora Emiliano? E Lorenzo è solo una fugace apparizione oppure l’uomo della sua vita?

foto: https://www.libreriauniversitaria.it

 

L’amore che mi resta, di Michela Marzano, recensione di Cristina Saracano 

L’amore che mi resta, di Michela Marzano, recensione di Cristina Saracano 

Alessandria: Un romanzo che narra la storia di un disagio dalle proporzioni enormi. Una madre riceve una telefonata. Una figlia sta molto male. È in pericolo di vita. La madre non ce la fa a vederla ancora una volta viva.

23561553_10154758731581152_1650930573724991017_n.jpg

È ispirato alla vita dell’autrice, che vent’anni fa, anoressica e depressa, ha tentato il suicidio, ma, fortunatamente, in questo caso, ce l’ha fatta: ha rivisto sua madre, gli amici, i parenti, è ritornata a vivere.

Giada, la protagonista del libro, no.

Inizia così la storia, la narrazione di un dolore, il tentativo di trovare le parole per descriverlo, per conviverci. È molto difficile. Non esiste parola in nessuna lingua che indichi la perdita di un figlio: esiste orfano, per la perdita di un genitore, esiste vedovo, per la perdita di un compagno di vita, ma un genitore che perde un figlio come si può definire? È una situazione insopportabile. Pare impossibile poter continuare, o ricominciare a vivere.

Si ricorda tutto di lui: sembra presente in ogni angolo della casa, ci si ricorda degli odori collegati a lui.

I ricordi olfattivi sono sempre molto intensi.

Inoltre, se la perdita è voluta dallo stesso figlio, se è stato lui, e lui solo, a decidere di farla finita, allora i perché, i dubbi, gli interrogativi diventano davvero insostenibili. Ci si carica di sensi di colpa, aumentano le domande: “Perché è successo?” “Come ho fatto a non accorgermene?”

Questa è una storia di maternità e di amore materno. Perché questa madre, adottiva, colma d’amore, ama la figlia come avrebbe voluto che sua madre amasse lei. Perché amare è dare tutto quello che vorremmo ricevere, ma quello che gli amati vorrebbero ricevere è diverso. Continua a leggere “L’amore che mi resta, di Michela Marzano, recensione di Cristina Saracano “

Due libri di Rita Bonetti (Ritabù): Persiane blu e Ho Seminato Perle Per La Tempesta, poesie

Due libri di Rita Bonetti (Ritabù): Persiane blu e Ho Seminato Perle Per La Tempesta, poesie

Rita 2.jpg

Persiane blu

Rita.jpg

Ho Seminato Perle Per La Tempesta, poesie

I ‘numeri’ di Sulle spalle di Umberto sono l’indice esplicito del legame degli alessandrini – e non solo – con Eco.

Associazione ‘Amici del Plana’ Fondazione Francesca e Pietro Robotti d’Italia Società Alessandrina di Italianistica Università delle Tre Età di Alessandria sono liete di invitare la S.V. alla presentazione del volume

Schermata 2019-06-26 a 15.26.10.png

I ‘numeri’ di Sulle spalle di Umberto sono l’indice esplicito del legame degli alessandrini – e non solo – con Eco.

I sostenitori: ben 22 Associazioni del territorio e i due Istituti culturali più che ‘centenari’ (la Biblioteca civica ‘Francesca Calvo’ e la Società di Storia Arte e Archeologia) hanno affiancato i 132 sottoscrittori individuali mettendo a disposizione le risorse per la pubblicazione di un ‘mirabile mostro’ di quasi 800 pagine.

Le collaborazioni: 13 testate giornalistiche e radiofoniche (fra cui due quotidiani e un settimanale nazionale) che – insieme agli 86 autori di 133 contributi tra saggi, articoli, note, poesie ed espressioni figurative, commenti, memorie, documenti, ‘dissertazioni’ studentesche, pre- e post- fazioni – hanno dato ‘spessore’ alle poco meno che 800 pagine di Sulle spalle di Umberto.

venerdì 28 giugno 2019, ore 21 presso Associazione Cultura e Sviluppo piazza Fabrizio De André, 76 ALESSANDRIA

UN LIBRO per le EDICOLE SACRE DEL TORTONESE

UN LIBRO per le EDICOLE SACRE DEL TORTONESE

A cura di luciano Ferrario e Giacomo Seghesio

Martedì 25 giugno 2019, ore 21  presso la BIBLIOTECA T. de OCHEDA di Tortona

È stato presentato il libro, con destinazione dei proventi a Associazione Enrico Cucchi – Volontari per le cure palliative.

Schermata 2019-06-26 a 17.53.33Schermata 2019-06-26 a 17.53.25Schermata 2019-06-26 a 17.53.38

Relatori :

Giuseppe Decarlini, Giacomo Maria Prati, Mehmet Raffaele Frugis, Giampaolo Pepe, di cui si trovano interessanti interventi anche nel volume.

Alessandra Dellacà ha condotto la serata durante la quale sono state proiettate immagini  raccolte da Giacomo Seghesio a partire dagli anni 70

Dal social web al territorio e da qui al libro: una virtuosa energia circolare, un progetto immaginato da tempo e finalmente realizzato che ha aggregato persone e talenti e reso un servizio all’immagine turistica dell’ambiente in cui viviamo.

Il libro con la raccolta delle immagini postate dagli aderenti al gruppo FB “Edicole sacre del tortonese”, ha dimostrato, nella presentazione di martedì 25 giugno, di essere un’imperdibile occasione per gettare uno sguardo più approfondito alla storia delle Edicole e di rappresentare una originale modalità per illustrare e non dimenticare il significato spirituale della loro edificazione, il valore artistico delle loro decorazioni, gli aneddoti ad esse legati: il libro è un omaggio al sacro ma anche alla sacralità del territorio e delle sue eccellenze, e delle amicizie che fra le persone si possono creare, camminando e postando. Continua a leggere “UN LIBRO per le EDICOLE SACRE DEL TORTONESE”

La scrittrice e poetessa Serena Trentin su Alessandria atoday

La scrittrice e poetessa Serena Trentin su Alessandria atoday

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia della scrittrice e poetessa Serena Trentin.

Serena Trantin foto

Biografia dell’Autrice Serena Trentin

Serena Trentin nasce nel settembre del 1975 in un piccolo Paese alle porte di Alessandria.

Ama dipingere fiori su seta e scrivere racconti per bambini e romanzi.

E’ innamorata della Natura, sua ispiratrice.

All’età di otto anni scrive le sue prime Poesie, e nel 2001 viene premiata con la pubblicazione della poesia “Al di là delle mie montagne” nell’Antologia “Ottavio Nipoti” di Ferrera Erbognone.

Nel 2013 la Rivista “Poeti e Poesie” pubblica sette poesie inedite nella Collana “Sentire”, interpretate da un attore professionista sul canale You Tube. Continua a leggere “La scrittrice e poetessa Serena Trentin su Alessandria atoday”

Anna e l’Angelo. Una favola per il bambino che è dentro di noi, di Serena Trentin

Anna e l’Angelo. Una favola per il bambino che è dentro di noi, di Serena Trentin

Serena copertina

Prefazione del libro Anna e l’Angelo

Anna e l’Angelo è una favola per bambini, ma anche per il bambino che vive in ogni adulto. Anna siamo tutti noi, e l’Angelo è quella voce che talvolta ci dimentichiamo di sentire. I bambini nella loro purezza ed innocenza sono sempre in ascolto. Questo libro ci insegna ad imparare da loro.

Serena Trantin foto

“CUORI FRA LE RIGHE”, di Chiara Cipolla

“CUORI FRA LE RIGHE”, di Chiara Cipolla

di Chiara Cipolla. Buongiorno amici lettori, 

Vi segnalo “Cuori fra le righe” di Chiara Cipolla, Barbara Anderson, Alberto Guerrini, Matilde Bonetti, Chiara Casalini, Gianni Ciardi, Lorena Corvin, Daniela Delaiti, Alessandra Di Girolamo, Mirta Drake, Pitti Duchamp, Annabella Lee. 

cuori-cipolla

Dodici autori uniti da una nobile causa: aiutare gli animali abbandonati. Il ricavato delle vendite, infatti, sarà interamente devoluto all’Associazione Tom&Jerry onlus di Buccinasco (MI).  

Tom & Jerry, onlus nata nel 2002, si ispira al principio di non violenza e antispecismo e riconosce il diritto al rispetto ed alla dignità della vita di ogni essere vivente. Lavora per la diffusione ad ogni livello della cultura e della salvaguardia dell’ambiente, della natura e degli animali, lottando contro ogni loro possibile sfruttamento. L’obiettivo primario consiste nella tutela, aiuto e protezione di ogni forma di vita animale.

Titolo: Cuori fra le righe

Autori: Chiara Cipolla, Barbara Anderson, Alberto Guerrini, Matilde Bonetti, Chiara Casalini, Gianni Ciardi, Lorena Corvin, Danila Delaiti, Alessandra Di Girolamo, Mirta Drake, Pitti DuChamp, Annabelle Lee

Genere: Raccolta

Disponibile in ebook a € 1,99

e in formato cartaceo a € 9,07

TRAMA:

Dodici autori di generi molto differenti – dal rosa al gotico, dal fantasy al distopico, dallo storico alla poesia – uniti per la prima volta per rendere omaggio al sentimento più nobile: l’amore. Continua a leggere ““CUORI FRA LE RIGHE”, di Chiara Cipolla”