Momenti di poesia. “Viva l’Italia” di Luca Debiti – La mia poesia

Momenti di poesia. “Viva l’Italia” di Luca Debiti – La mia poesia

dedicata al carabiniere Mario Cerciello Rega ed a tutte le forze dell’ordine cadute durante lo svolgimento del loro servizio.

tricolore-2.jpg

“Viva l’Italia”

Lievi son l’ali della vita
che in un sol battito
trafugano i sorrisi

chiusi dentro un legno
di rovere pregiato
che qualcuno ha sollevato

Greve poi
è quel che resta sospeso
sopra di noi

tra le grida strazianti
gli applausi scroscianti
fino ai muti silenzi

Memori dei tuoi passi
felpati, come di un eroe
che non scorderemo mai.

© di Luca Debiti 2019

foto http://www.trevisotoday.it/

 

Momenti di poesia. “Come ieri” di Luca Debiti – La mia poesia

Momenti di poesia. “Come ieri” di Luca Debiti – La mia poesia

tumblr_puil69tQv51sfvnyxo1_540.jpg

“Come ieri”

Dillo al mondo
Con il pettinar
Del vento
Sopra i tuoi capelli

Mentre cogli un fiore
Ch’è sbocciato
Nella luce schietta
Del mattino

Al primo caldo
Sole sulla pelle
Tutta bagnata
Di finissima rugiada

Dillo al mondo
Stanco delle solite
Inutili parole
Della sera

Quando il cielo
Si gonfia e si riarma
Della putrida
Becera ignoranza

Che ogni giorno
È una nuova
Bella Primavera
E noi

Ci amiamo ancora.

© di Luca Debiti 2018

foto tumbir

Momenti di poesia. “Vicoli” di Luca Debiti – La mia poesia

Momenti di poesia. “Vicoli” di Luca Debiti – La mia poesia

tumblr_ptzc7ag48M1xrfo7yo2_540

“Vicoli”

Che bella luce
dalla mia finestra
al mattino,
tra il vociare
delle case intorno
che si fa sempre
più intenso

mentre giù
per la stretta
discesa a scalini,
coi suoi piccoli
passi felpati va
miagolando
un gattino.

© di Luca Debiti 2019
in Ariccia

foto tumbir

Momenti di poesia. “L’uomo sasso” di Luca Debiti – La mia poesia

Momenti di poesia. “L’uomo sasso” di Luca Debiti – La mia poesia

tumblr_oc9tveQ0VZ1rwk0ipo1_540.jpg

“L’uomo sasso”

Lo trovi immobile il sasso
lungo il sentiero della vita,
quando camminando
lo prendi a calci
oppure ci passi sopra
e lo schiacci,
làddove più in basso
di così
non potrebbe andare

Cronica indifferenza
per quel muto dolore,
fatto di nessun grido.

© di Luca Debiti 2019

foto tumbir

Momenti di poesia. “Bella libertà”, di Luca Debiti – La mia poesia

Momenti di poesia. “Bella libertà”, di Luca Debiti – La mia poesia

tumblr_pu88p5dJRg1x7cnrco1_400.jpg

“Bella libertà”

Imprigionati dentro noi,
tenuti a bada da un unico respiro.
Noi che ci credevamo liberi,
onnipotenti di decidere,
foss’anche di reprimere,
sorveglianti di un cuore e di una mente
come di uno schiavo o lestofante.
Noi che servivamo su di un piatto
la vendetta fredda della noncuranza,
sordi e ciechi al grido dell’amore.
Noi che adesso ci troviamo al tatto
incatenati ed anche ad occhi chiusi,
qui nel buio della notte,
rapiti da quest’emozione
e condannati ad esser carcerieri
di noi stessi,
noi ci amiamo.
E non c’è più bella libertà.

© di Luca Debiti 2015

foto tumbir

Momenti di poesia. “Più che mai”, di Luca Debiti – La mia poesia

Momenti di poesia. “Più che mai”, di Luca Debiti – La mia poesia

tumblr_ppggzoeL351uo4apxo1_400.jpg

“Più che mai”

Dentro di me
più che mai
la mia folle e bene
amata ideologia.
Accanto, tu
la tua mano
grande e morbida,
carezza del vento
sulla gota resa livida
dagli schiaffi
fin troppo audaci
del vento.
Tanti amici e, forse
anche qualche spia.
Ma adesso non è
più il tempo adatto
per recriminare,
ora è l’andare avanti
a tutto gas.
Se ci fosse davvero
una spia qui di fianco
a muovere i miei
stessi passi,
la schiaccerei come
questa lurida zanzara,
mentre tu, dall’altra
parte del tavolo
mi guardi stupita
al tremare di questo
sgangherato pezzo
di plastica a quattro
zampe e chiedi:
ao.. ma che hai?

© di Luca Debiti 2019
in Ariccia

foto tumbir

Momenti di poesia. “Nella terra del Vasari”, di Luca Debiti – La mia poesia

Momenti di poesia. “Nella terra del Vasari”, di Luca Debiti – La mia poesia

L’anno scorso scrissi in Cortona questa poesia dedicata alla terra bellissima che ho nel sangue da parte di padre (Arezzo, palazzo del Pero)

tumblr_pvdbxlXu1D1turrjgo1_400

“Nella terra del Vasari”

Ogni minuta zolla
ed ogni filo d’erba
al suon dei passi
lievi qui conserva
memorie della storia

E dei Medici la gloria
sulle vette Leopoldine
che spavalde ancor
si ergono dai campi
ai fianchi del Vingone

V’è in me ragione allor
quando m’arresto
nel mio girovagare
e lo sguardo volge là
dov’è splendor.

© di Luca Debiti 2018

Momenti di poesia. “Dipende”, di Luca Debiti – La mia poesia

Momenti di poesia. “Dipende”, di Luca Debiti – La mia poesia

tumblr_pvccphT56h1sik5qgo1_400.jpg

“Dipende”

È una notte di fragole
e di lame nel cuore
per qualcosa che nasce,
per qualcosa che muore

e quelle perle dal cielo
sagge e preziose,
si lascian guardare
nella loro fragilità

Perché anche le stelle
hanno lacrime amare,
se in un amore han creduto
come hai fatto tu.

© di Luca Debiti 2019

Momenti di poesia. “L’inchino” di Luca Debiti – La mia poesia

Momenti di poesia. “L’inchino” di Luca Debiti – La mia poesia

tumblr_p0goxsdEYb1wj5ghjo1_540

“L’inchino”

C’è aria di festa
in paese
ed un profumo
di fiori, di brace
e di fritto
che allieta i cuori

Qualcuno brama
dalla propria finestra
aspettando l’inchino

ma il Santo patrono
è sordo al richiamo
e nel suo lento
passar sotto i cieli
benedice i fedeli
tirando dritto.

© di Luca Debiti 2019

Momenti di poesia. ” Cosa resterà? ” di Luca Debiti – La mia poesia

Momenti di poesia. ” Cosa resterà? ” di Luca Debiti – La mia poesia

tumblr_paae3stpyl1tit9reo1_540

” Cosa resterà? “

Di tutte le belle parole,
libere di fluttuare
di labbra in labbra
in nome dell’amore

e di tutte quelle foglie
giovani e forti
sui rami di un albero,
che si credono eterne

cosa resterà?

I giorni sono come
i petali di un fiore,
che cadono e volano
via, uno dopo l’altro

e non si rialzano più .

© di Luca Debiti 2019

“Fammi volare”, poesie di Luca Debiti

“Fammi volare”, poesie di Luca Debiti Copyright di Luca Debiti 2017

Fammi Volare, Luca Debiti.jpg

Prefazione a cura di Maurizio Salici

Luca Debiti nasce a Mosca nel 1968 da genitori italiani in servizio presso l’ambasciata italiana.

È romano di adozione e vive ad Ariccia (provincia di Roma ) lavorando come operaio in una ditta che si occupa di manutenzioni idriche per conto di Acea (gestore acque della capitale ).

La sua passione per la poesia nasce in concomitanza di esperienze negative e non, che segnano e formano il suo essere uomo,facendo crescere dentro di lui un’importanza sempre più grande nei confronti dell’amore .

Nei suoi versi si possono leggere delusioni,emozioni,passioni;vissute e poi scritte per trasmettere con estrema semplicità l’importanza di ogni suo sentimento , la stessa semplicità che lo distingue e contraddistingue da altri poeti.

Luca è se stesso in qualsiasi sua parola e ognuna di queste ha un senso veritiero e profondo che enfatizza qualunque suo scritto. Continua a leggere ““Fammi volare”, poesie di Luca Debiti”

Momenti di poesia. “Là dove l’anima”, di Luca Debiti

“Là dove l’anima”, di Luca Debiti

Tra queste mie mani grandi
di seta e di granito
trattengo tutto e niente,
mentre il vento fresco
del mattino fra i capelli
passa e mi scompiglia
ogni pensiero.
Come una nuvola che non sa
dove andare,
vago indietro e avanti
sotto questo cielo immenso,
fino a dissolvermi laggiù
dove l’anima assapora
un’illusione tacita
e va a confondersi nel blu.

© Luca Debiti 2017

Momenti di poesia. “Quel cuore”, di Luca Debiti

“Quel cuore”, di Luca Debiti

Tutto si discosta.
Le grigie nuvole dal cielo,
lo sguardo triste
nascosto dietro un velo,
una lacrima improvvisa
via dagli occhi
se leggermente lucidi,
l’asfalto dalla terra,
il pongo dalle mani

E tutto si deforma
lasciando però a volte
tracce inequivocabili
di una presenza.
Anche quel cuore
che hai lasciato andare.
Così ogni cosa dopo
sembra torni ad essere
normale.

© Luca Debiti 2017

“Sete d’amore”, di Luca Debiti – Jolanda Multineddu – Lina Chiro

“Sete d’amore”, di Luca Debiti – Jolanda Multineddu – Lina Chiro

Ci sono sempre
così tante domande
e puntualmente
così poche risposte
a questa sete d’amore
che abbiamo.
Quando guardiamo
il cielo di notte
lasciando l’anima volare
in quel furtivo abbraccio
alle stelle.
Ho sete del tuo amore.
Amarti nel vento di un
temporale…
per dissetarmi di te…
oltre il tempo della tempesta
e darti quel bacio che
non hai mai assaggiato.
E’ difficile raggiungerti li’…
Dove nasce il sole.
Ma in ogni alba mi catturi…
In ogni tramonto ti appartengo.
L’amore non ha dimensioni…
Non ha forma
e non vuole costrizioni.
Non e’ saggezza l’amore…
E’ follia…
E tu…
Sei la mia follia.

Luca Debiti – Jolanda Multineddu – Lina Chiro

Momenti di poesia. “Un po’ com’era il cuore”, di Luca Debiti

“Un po’ com’era il cuore”, di Luca Debiti

Ci sono angoli sinistri
che il Sole della vita
non riesce a penetrare.
Pareti lisce e scivolose
dove l’unghia stride
andando giù, lasciando
segni in verticale

Un pò com’era il cuore
prima d’incontrare te,
che dando nuova luce
alla mia stanza
hai spalancato un mondo
di paesaggi e di colori
davanti agli occhi miei.

© Luca Debiti 2017