Momenti di poesia. “Là dove l’anima”, di Luca Debiti

“Là dove l’anima”, di Luca Debiti

Tra queste mie mani grandi
di seta e di granito
trattengo tutto e niente,
mentre il vento fresco
del mattino fra i capelli
passa e mi scompiglia
ogni pensiero.
Come una nuvola che non sa
dove andare,
vago indietro e avanti
sotto questo cielo immenso,
fino a dissolvermi laggiù
dove l’anima assapora
un’illusione tacita
e va a confondersi nel blu.

© Luca Debiti 2017

Momenti di poesia. “Quel cuore”, di Luca Debiti

“Quel cuore”, di Luca Debiti

Tutto si discosta.
Le grigie nuvole dal cielo,
lo sguardo triste
nascosto dietro un velo,
una lacrima improvvisa
via dagli occhi
se leggermente lucidi,
l’asfalto dalla terra,
il pongo dalle mani

E tutto si deforma
lasciando però a volte
tracce inequivocabili
di una presenza.
Anche quel cuore
che hai lasciato andare.
Così ogni cosa dopo
sembra torni ad essere
normale.

© Luca Debiti 2017

“Sete d’amore”, di Luca Debiti – Jolanda Multineddu – Lina Chiro

“Sete d’amore”, di Luca Debiti – Jolanda Multineddu – Lina Chiro

Ci sono sempre
così tante domande
e puntualmente
così poche risposte
a questa sete d’amore
che abbiamo.
Quando guardiamo
il cielo di notte
lasciando l’anima volare
in quel furtivo abbraccio
alle stelle.
Ho sete del tuo amore.
Amarti nel vento di un
temporale…
per dissetarmi di te…
oltre il tempo della tempesta
e darti quel bacio che
non hai mai assaggiato.
E’ difficile raggiungerti li’…
Dove nasce il sole.
Ma in ogni alba mi catturi…
In ogni tramonto ti appartengo.
L’amore non ha dimensioni…
Non ha forma
e non vuole costrizioni.
Non e’ saggezza l’amore…
E’ follia…
E tu…
Sei la mia follia.

Luca Debiti – Jolanda Multineddu – Lina Chiro

Momenti di poesia. “Un po’ com’era il cuore”, di Luca Debiti

“Un po’ com’era il cuore”, di Luca Debiti

Ci sono angoli sinistri
che il Sole della vita
non riesce a penetrare.
Pareti lisce e scivolose
dove l’unghia stride
andando giù, lasciando
segni in verticale

Un pò com’era il cuore
prima d’incontrare te,
che dando nuova luce
alla mia stanza
hai spalancato un mondo
di paesaggi e di colori
davanti agli occhi miei.

© Luca Debiti 2017

Momenti di poesia. “L’eco della notte”, di Luca Debiti

“L’eco della notte”, di Luca Debiti

Meraviglia d’un silenzio
inaspettato, eppure,
mai dimenticato
che m’invade l’animo

Tra queste file di palazzi
alberi a sprazzi
e carte gettate ovunque
ai bordi della strada

Finché mi coglierà
un barlume,
un primo cinguettio
al levar del Sole

Mentre ogni cosa
ancora giace
e si trastulla
avvolta nell’oscurità.

© Luca Debiti 2017

Momenti di Poesia.”A noi”, di Luca Debiti

“A noi”, di Luca Debiti

Siamo due cuori vaganti
ok?
Perennemente
alla ricerca di amore.
Sospesi qui,
fra le pareti del tempo,
ci consumiamo la pelle
a forza di guardare oltre
per raggiungere le stelle.
Lanciamo i nostri sogni
per aria
sperando li raccolga
prima o poi il vento.
Eppure pensaci…
quell’infinito
che abbiamo dentro,
lo sappiamo solo noi.
Noi due, si
piccoli cuori agli incanti,
forse per la prima volta
davvero
in rotta verso la felicità.

© Luca Debiti 2017

Momenti di poesia. “La tendina sul cuore”, di Luca Debiti

“La tendina sul cuore”, di Luca Debiti

Lì dietro ti vidi entrare
senza fare rumore.
Scostare piano
la tendina sul cuore
e cominciare a danzare
in punta di piedi.
Farfalla su di un fiore
tu
che ricordavi il vento
che profumavi di vento
che eri e sei ancora
il vento.

© Luca Debiti 2017

Momenti di poesia. “In cerca d’amore”, di Luca Debiti

“In cerca d’amore”, di Luca Debiti

Ruberemo ogni istante
da ora in avanti
ed ogni altro frangente
scartato in passato
tra gli avanzi del tempo

Ogni sprazzo di luce
che ancora rimane,
a questo cielo scarlatto
o ad un lieve barlume
d’un quarto di Luna

E da ogni nostro piccolo
lembo di pelle bruciata
tra le vallate del cuore,
a cui diedero fuoco,
raccoglieremo l’amore.

© Luca Debiti 2017

Il poeta Luca Debiti si presenta ai lettori di Alessandria today

Il poeta Luca Debiti si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia del poeta Luca Debiti, del quale in seguito verrà pubblicata anche un intervista in esclusiva per il blog a cura del poeta Marcello Comitini.

Luca Debiti copia

Biografia: Luca Debiti nasce a Mosca nell’ex Unione Sovietica il 22 Febbraio del 1968 da genitori italiani (padre toscano e madre lombarda) al servizio presso l’ambasciata d’Italia.

Fin da piccolo dimostra il tipico carattere dei nati sotto il segno dei Pesci: estroverso nei confronti del mondo che lo circonda ed introverso per ciò che concerne la propria sfera “intima”.

Verso la fine del 1973 torna con la famiglia in Italia, dove il papà Gino e la mamma Pasqualina prestano servizio in qualità di maggiordomo e guardarobiera alle dipendenze della nobile famiglia principesca degli Odescalchi, stabilendosi a Roma, nel popolare quartiere di Centocelle.

Frequenta la locale scuola elementare fino al 1979 quando, nuovamente, la famiglia si trasferisce per le medesime mansioni presso l’ambasciata d’Italia nell’allora Germania dell’ovest, precisamente nella cittadina ed ex capitale Bonn. Continua a leggere “Il poeta Luca Debiti si presenta ai lettori di Alessandria today”

Momenti di poesia. “Segugi”, di Luca Debiti Due

Momenti di poesia. “Segugi”, di Luca Debiti Due

“Segugi”

Son sempre lì a rincorrerla
la felicità,
un passo dietro
nella corsa sfrenata della vita.
La cercano, la invocano
talvolta la pretendono.
Ma non appena riescono
ad acciuffarla
se la lasciano sfuggire.
E restano così, confusi tra
la gente che non sa
a pianger lacrime invisibili
che non asciugheranno mai.

© di Luca Debiti 2019

Momenti di poesia. “Febbraio” Luca Debiti Due

Momenti di poesia. “Febbraio” Luca Debiti Due

“Febbraio”

È la neve copiosa
oltre le vetrate
a cader sulle fragili
anime stropicciate
davanti ai camini.
Ed è proprio questo
il momento più bello
per chi, come me
lo conosce bene,
questo breve
antipatico mese

Per stringersi forte
in un tenero abbraccio
profumato alla legna
che ha del fuoco
il senso più vero.
Da lì a rotolarsi felici
in un prato, poi
come se nulla
fosse mai stato
di questo grigiore,
sarà questione di poco.

© di Luca Debiti 2019
in Ariccia

Momenti di poesia. “Fiore di prato”, di Luca Debiti Due

Momenti di poesia. “Fiore di prato”, di Luca Debiti Due

“Fiore di prato”

Ho visto l’inverno
calare improvviso
dietro ai vetri del treno
e cingere i campi inermi
e i poveri rami
degli alberi spogli
nel suo gelido abbraccio.
Scivolare dai tetti
delle case giù
lungo i muri
e raggiungere
una miriade di cuori.
E tanti di loro,
passato il peggio,
riusciranno a rialzarsi
sgrullandosi di dosso
la neve
come fanno i cani
finito di rotolare.
Qualcuno invece,
resterà lì sdraiato
come una pietra greve
sul terreno ghiacciato
al chiaro di Luna
sotto un cielo stellato.
Solitario, come in fondo
è sempre stato.
Là dove un piccolo
fiore di prato
nei primi tiepidi
giorni di primavera
nascerà.

© di Luca Debiti 2019
in treno, tratta Terontola – Roma
Gennaio

Cuore e Mente, di Luca Debiti

Cuore e Mente, di Luca Debiti

Il tema dominante del poeta e l’amore, una ricerca costante che e presente in ogni tematica e che si realizza nel sogno dell’amore tra uomo e donna. Alla sua donna che c’e, che non c’e, che trova, che ha trovato.

41k637gidjl._sx351_bo12c2042c2032c200_

All’amore, il poeta si volge con passione e virilità ed allo stesso tempo con garbo, dichiarazione e corteggiamento attento.

L’espressione in metafora si dipinge in “non detto” esplicito, ma ancor più significativo, e questa ritengo sia la forma d’arte che “approda” al compimento della poesia più vera. Aprire il cuore nella scrittura e donare di se la parte piu delicata, ne sia grato il lettore! (Lucia Lanza)

foto: https://www.amazon.it

“La strada che non aveva un nome”, di Luca Debiti

“La strada che non aveva un nome”, di Luca Debiti

Varcando linee e cerchi

della mia immaginazione

giunsi a te

che in un angolo giacevi

tra sogni persi ed illusioni.

Così presi la tua mano

come si raccoglie un fiore

e ridiedi moto al tempo

dando un senso pieno

alle sue ore.

Scostai le nuvole davanti

accatastate lungo il viso

per scovare il tuo sorriso

rinchiuso nella stanza cupa

piena zeppa dei -perché-.

E senza dire niente

c’incamminammo entrambi

dall’altro capo della strada

che non aveva un nome.

Da qualche parte

ci dicemmo fiduciosi

senza mai voltarci

porterà.

© Luca Debiti 2017

“Fammi volare”, poesie di Luca Debiti, prefazione a cura di Maurizio Salici

“Fammi volare”, poesie di Luca Debiti, prefazione a cura di Maurizio Salici

Luca Debiti nasce a Mosca nel 1968 da genitori italiani in servizio presso l’ambasciata italiana. È romano di adozione e vive ad Ariccia (provincia di Roma ) lavorando come operaio in una ditta che si occupa di manutenzioni idriche per conto di Acea (gestore acque della capitale ).

fammivolare2clucadebiti

La sua passione per la poesia nasce in concomitanza di esperienze negative e non, che segnano e formano il suo essere uomo,facendo crescere dentro di lui un’importanza sempre più grande nei confronti dell’amore .

Nei suoi versi si possono leggere delusioni,emozioni,passioni;vissute e poi scritte per trasmettere con estrema semplicità l’importanza di ogni suo sentimento , la stessa semplicità che lo distingue e contraddistingue da altri poeti.

Luca è se stesso in qualsiasi sua parola e ognuna di queste ha un senso veritiero e profondo che enfatizza qualunque suo scritto. Per lui non ha alcuna importanza la metrica;scrive ascoltando il cuore ed il cuore non ha regole per alcuna forma poetica, bensì racconta tutto ciò che vive con emozione, ecco perché i versi di Luca arrivano diritti al cuore e in un modo o in un altro diventano parte di chi legge.

Potrei citare certi suoi passi che mi hanno colpito e fatto riflettere, ma lascio a voi che leggerete fare la stessa cosa che ho fatto io senza la mia influenza;quello che ha affascinato me in un modo, può affascinare voi lettori in un altro, solo per un semplice motivo: ognuno ha un vissuto a cui è legato in modo positivo o negativo e i versi di Luca sono adatti per qualsiasi trascorso e soprattutto vivono con la speranza di un presente proiettato in maniera positiva verso il futuro.

foto: http://www.amazon.it