Raggi assolta per l’inchiesta sulle nomine: ‘Spazzati via due anni di fango’. Ansa.it

Raggi assolta per l’inchiesta sulle nomine: ‘Spazzati via due anni di fango’

La Procura aveva chiesto 10 mesi. La sindaca è scoppiata in un pianto liberatorio: ‘Spazzati via due anni di fango’. Di Maio: “Forza Virginia! Contento di averti sempre difesa”.

++ Raggi, al lavoro con maggiore determinazione ++

Virginia Raggi lascia la procura di Roma dopo la sentenza di assoluzione © ANSA

Redazione http://www.ansa.it/
Raggi: ‘Questa sentenza spazza via due anni di fango’

E’ scoppiata in un pianto liberatorio e ha abbracciato tra gli applausi i suoi avvocati. Cosi la sindaca di Roma Virginia Raggi ha accolto la sentenza di assoluzione nel processo sulla nomina di Renato Marra con l’accusa di falso. 

Il giudice Roberto Ranazzi, durante la lettura della sentenza di assoluzione , ha detto che ‘il falso del quale Raggi era accusata non costituisce reato”. 

Dopo l’emozione per essere stata assolta, la sindaca ha stretto la mano al giudice Roberto Ranazzi e al pm Francesco dall’Olio. “Questa sentenza – le prime parole di Raggi – spazza via due anni di fango. Andiamo avanti a testa alta per Roma, la mia amata città, e per tutti i cittadini”.  “Per i miei cittadini sono andata avanti testa alta. Ho fatto tutto con correttezza e trasparenza nell’interesse di Roma. Umanamente è stata un a prova durissima ma non ho mai mollato. Credo in quel che faccio, nel lavoro, nell’impegno costante, nel progetto che nel 2016 mi ha portata alla guida della città che amo. Un progetto che può andare con maggiore determinazione”. Così in un post su Facebook la sindaca Virginia Raggi dopo la sua assoluzione. Continua a leggere “Raggi assolta per l’inchiesta sulle nomine: ‘Spazzati via due anni di fango’. Ansa.it”

Sonia Fogagnolo M5S. Giù le mani dalla libertà femminile: ad Alessandria una mozione antiabortista che va fermata

Sonia Fogagnolo M5S. Giù le mani dalla libertà femminile: ad Alessandria una mozione antiabortista che va fermata

Mozione antiaborto. Sonia Fogagnolo, candidata del M5S per la Regione Piemonte

Sonia Fogagnolo M5S

E’ giusto finanziare con soldi pubblici campagne informative ed enti che vanno contro ad un diritto sancito dalla legge? E’ proprio questo che si propone una mozione presentata nei giorni scorsi da alcuni esponenti della maggioranza: fare in modo che il Comune (quindi gli alessandrini) elargisca “congrui finanziamenti” agli enti antiabortisti.

Nel leggere la mozione, da donna, sono combattuta tra la rabbia e l’incredulità: a quarant’anni dall’entrata in vigore delle legge che ha reso l’aborto legale (era il 22 maggio 1978) trovo surreale che alcuni esponenti politici alessandrini tentino di ostacolare la libera scelta delle donne (mettendo mano alle nostre tasche, non dimentichiamolo), emulando il provvedimento paradossale approvato recentemente dal Comune di Verona.

Ritengo perciò che lottare contro questa mozione sia un dovere, una battaglia di civiltà, a difesa dell’importanza della libertà di scelta e contro ogni forma di terrorismo psicologico che tenti di minarla. Continua a leggere “Sonia Fogagnolo M5S. Giù le mani dalla libertà femminile: ad Alessandria una mozione antiabortista che va fermata”

Matrisciano. Pernigotti, M5S: Bene convocazione del tavolo al Mise, al lavoro per trovare soluzione

Matrisciano. Pernigotti, M5S: Bene convocazione del tavolo al Mise, al lavoro per trovare soluzione

MATRISCIANO MARIASSUNTA

Roma 8 novembre 2018 – “La decisione di Pernigotti di esternalizzare le proprie attività produttive unicamente presso il territorio nazionale, ufficializzata oggi dall’azienda in una nota, è un piccolo passo in avanti per risolvere questa questione.

Il MiSE è stato tempestivo nel convocare un tavolo di crisi per giovedì 15 novembre, durante il quale speriamo si possano iniziare a trovare delle soluzioni utili per salvaguardare gli attuali livelli occupazionali”.

Così in una nota i parlamentari del MoVimento 5 Stelle Susy Matrisciano, Lucia Azzollina, Celeste D’Arrando, Elisa Pirro e Davide Serritella, l’europarlamentare M5s Tiziana Beghin, i consiglieri regionali piemontesi M5s Giorgio Bertola, Francesca Frediani e Paolo Mighetti e il consigliere comunale M5s di Novi Ligure, Fabrizio Gallo.

“Come MoVimento 5 Stelle – continuano i portavoce – cercheremo in tutti i modi di salvare anche questo storico marchio. Non possiamo permettere che pezzi di storia ed eccellenze del Made in Italy vengano irrimediabilmente perse”.

M5S Alessandria: No alla mozione antiabortista presentata da Locci e Trifoglio, pronti a scendere in piazza

M5S Alessandria: No alla mozione antiabortista presentata da Locci e Trifoglio, pronti a scendere in  piazza

Alessandria: Un insulto alla libertà femminile, un’iniziativa retrograda che emula la recente misura approvata a Verona: così il Movimento 5 Stelle Alessandria definisce la recente mozione, che vede come primi firmatari Emanuele Locci ed Oria Trifoglio, che mira ad impegnare il Comune di Alessandria nell’elargizione di congrui finanziamenti ad enti pro vita ed a proclamare Alessandria “città a favore della vita”.

m5s-2

In poche parole, Locci, Trifoglio, esponenti di SiamoAlessandria, Forza Italia e Fratelli d’Italia, hanno lo spudorato coraggio di chiedere all’Amministrazione di mettere mano ai soldi dei cittadini per sostenere campagne antiabortiste.

“Non abbiamo paura di mettere in campo azioni forti e a scendere in piazza nel caso questo scempio fosse approvato – tuonano Michelangelo Serra e Francesco Gentiluomo, portavoce M5S in Comune –  siamo pronti ad  unire le forze con le numerose associazioni, i singoli cittadini  e le realtà politiche, locali e regionali,  che hanno a cuore la difesa delle libertà individuali e non vogliono che la miopia di alcuni soggetti faccia sprofondare Alessandria indietro di cinquant’anni.

Editoria: Fornaro (Leu), per pluralismo informativo no taglio fondi

Editoria: Fornaro (Leu), per pluralismo informativo no taglio fondi 

Federico Fornaro

(AGI) – Roma, 7 nov. – “Liberi e Uguali presentera’ un emendamento soppressivo della norma contenuta nella legge di Bilancio che prevede l’azzeramento dei contributi indiretti ai giornali a partire dal 2020.

I quotidiani editi dalle cooperative e i periodici locali rappresentano un patrimonio fondamentale per garantire un reale pluralismo informativo, oggi messo in discussione dal Governo Lega-M5S”.

Lo anticipa il capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro, parlando con i giornalisti a margine del convegno sul pluralismo dell’informazione che si e’ svolto oggi alla Camera.

Serve Casa Italia, non i condoni

Serve Casa Italia, non i condoni

Matteo Renzi Enews 549 Lunedì 5 novembre 2018
Serve Casa Italia, non i condoni.

Serve Casa Italia

L’Italia è duramente provata dal maltempo. Tutti insieme vogliamo offrire il massimo sostegno all’azione della Protezione Civile. E la vicinanza alle famiglie delle vittime.
Rimane tuttavia un punto: l’Italia non ha bisogno di condoni ma di un progetto contro il dissesto idrogeologico. Per la prima volta nella storia, con il nostro Governo avevamo lanciato un piano ultradecennale, sotto la guida di Renzo Piano: il progetto Casa Italia.

Un progetto che in teoria tutti si erano impegnati a non rimettere in discussione. Eppure il primo atto del nuovo Governo è stato la cancellazione di Casa Italia e dell’unità di missione sul rischio idrogeologico. Noi abbiamo messo i soldi e attivato le strutture, il nuovo Governo ha rifiutato i finanziamenti europei e sbaraccato Casa Italia.


Qui il video del mio intervento in Senato, qualche settimana fa, su questo tema. Ne ho parlato anche stamani in un video dal treno.
Nei prossimi giorni arriverà in Aula il decreto su Genova. Ci hanno messo dentro un condono edilizio, un condono a Ischia. Proporremo di votare un emendamento che cancella il condono e ripristina Casa Italia. Sfidiamo il Governo: se davvero vi sta a cuore la tutela del territorio cancellate il condono edilizio e ripristinate Casa Italia. Vediamo se siete seri o no. Continua a leggere “Serve Casa Italia, non i condoni”

Luigi Di Maio M5S: Vogliono metterci gli uni contro gli altri avvelenando i pozzi

Le banche vanno salvate ma senza fare pagare il prezzo ai risparmiatori e i manager che hanno sbagliato rovinando migliaia di famiglie, come gli Stati Uniti ci insegnano vanno messi in carcere. Occorre cambiare le leggi per evitare che questi fatti tornino a ripetersi in futuro. Solo così politici torneranno ad essere credibili!!!. #dalleparoleaifatti

Pier Carlo Lava

Luigi Di Maio M5S: Vogliono metterci gli uni contro gli altri avvelenando i pozzi

La cosa più odiosa fatta dal governo precedente è stato rifarsi sulla pelle dei risparmiatori per salvare i banchieri. Li hanno chiamati “decreti salva banche” e invece erano ammazza risparmiatori.

45247893_1967776616592208_8618638528454066176_o.jpg

Hanno pagato loro il prezzo degli errori di altri, che sono stati tutelati da chi prima governava l’Italia. Il MoVimento 5 Stelle è sempre stato dalla parte dei risparmiatori e in Aula mentre veniva approvato questo schifo abbiamo attaccato duramente il Pd che li aveva accoltellati a tradimento.

Quando poi abbiamo redatto il contratto di governo abbiamo messo tra i punti più importanti il risarcimento della truffa che avevano subìto e nella Manovra del Popolo abbiamo stanziato 1 miliardo e mezzo per loro. 15 volte di più se paragonato all’elemosina di 100 milioni del vecchio governo. Continua a leggere “Luigi Di Maio M5S: Vogliono metterci gli uni contro gli altri avvelenando i pozzi”

Luigi Di Maio sul problema della prevenzione e del dissesto idrogeologico

Considerando che nel comunicato su facebook è stato omesso, ci permettiamo di aggiungere un pensiero della nostra redazione, per tutte le persone che hanno perso la vita in questa ennesima e annunciata tragedia che ha duramente colpito il nostro paese e di vicinanza alle loro famiglie.

Diciamo basta a questi ennesimi comunicati e discorsi di circostanza, che come al solito vengono effettuati dai politici dopo ogni tragedia, al nostro paese servono interventi concreti e immediati per la messa in sicurezza del territorio, forse anche prima di forme di assistenzialismo. Solo così politici torneranno ad essere credibili!!!. 

#dalleparoleaifatti

Pier Carlo Lava

Luigi Di Maio sul problema della prevenzione e del dissesto idrogeologico

In questi giorni diverse zone del Paese, da Nord a Sud, stanno affrontando momenti drammatici a causa del maltempo.
Tanti Comuni rimasti isolati, strade distrutte, linee dei trasporti interrotte e tante famiglie al momento sono senza energia elettrica.  Ingenti danni e grossi disagi.

45398325_1967843543252182_5112521854166237184_n.jpg

Interi paesaggi sono letteralmente devastati. Dalle zone del bellunese ci arrivano immagini che mai avremmo voluto vedere, con intere distese di alberi abbattuti dal vento e dalle piogge, un patrimonio boschivo che è andato perduto.

Il Governo si è attivato immediatamente per essere al fianco di tutti i cittadini che stanno vivendo le grandi difficoltà causate dall’emergenza, così come hanno fatto la Protezione civile, i vigili del fuoco e i sindaci che voglio ringraziare per il prezioso lavoro che stanno svolgendo. Continua a leggere “Luigi Di Maio sul problema della prevenzione e del dissesto idrogeologico”

Davide Crippa M5S: passi avanti al tavolo su IperDì e SuperDì.

Davide Crippa M5S: passi avanti al tavolo su IperDì e SuperDì.

Roma, 31 ottobre 2018. Si è tenuto oggi presso il MiSE, il secondo incontro del tavolo di crisi del Gruppo Commercianti Associati General Market srl, proprietario della catena di supermercati IperDì e SuperDì.

Davide Crippa M5S

Al tavolo, presieduto dal Sottosegretario allo Sviluppo Economico con delega alle crisi aziendali Davide Crippa, hanno preso parte i sindacati e i vertici aziendali.

“Sono stati compiuti passi in avanti verso la soluzione della crisi aziendale – ha dichiarato Crippa – e lunedì prossimo è previsto uno specifico tavolo presso il Ministero del Lavoro, per avviare la procedura di cassa integrazione reintrodotta su proposta del Ministro Di Maio nel Decreto Emergenze attualmente in corso di conversione in Parlamento. 

Ho chiesto, inoltre, all’azienda – ha aggiunto Crippa – di procedere al più presto al pagamento degli stipendi arretrati per tutti i lavoratori coinvolti nella vertenza, in particolare per quelli che non percepiscono retribuzioni dallo scorso mese di luglio e si trovano in serie difficoltà economiche”.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)

 

COMITAL, Susy Matrisciano (M5S): Tempo scaduto per il Jobs Act, LAVORATORI si riappropriano di diritti

COMITAL, Susy Matrisciano (M5S): Tempo scaduto per il Jobs Act, LAVORATORI si riappropriano di diritti

Roma, 31 Ottobre 2018 – “Giorno dopo giorno stiamo rimediando ai disastri fatti dal Jobs Act. Stamattina in Regione Piemonte il ministro Di Maio è stato accolto da un forte applauso da parte dei lavoratori della Comital di Volpiano che da 4 mesi sono senza retribuzione né ammortizzatore sociale. Grazie a un emendamento del Governo contenuto nel decreto emergenze, nessuno di loro, 140 in tutto, perderà il reddito.

MATRISCIANO MARIASSUNTA

Con la reintroduzione della cassa integrazione per cessazione stiamo restituendo tranquillità e dignità ai lavoratori, eliminando tutte le storture lasciateci da Renzi e Co., a cui consigliamo di fare un bagno di realtà confrontandosi con quei cittadini che stiamo salvando”. Così in una nota Susy Matrisciano, senatrice piemontese del MoVimento 5 Stelle membro della Commissione Lavoro.

“Oggi pomeriggio – ricorda Matrisciano – parteciperò al tavolo di crisi presso il Ministero dello Sviluppo Economico organizzato con la proprietà dei supermercati Iperdì e SuperDì per verificare che anche per questi lavoratori si sia trovata una soluzione alla loro crisi e che ci possa essere ancora un futuro per oltre 700 famiglie. Non possiamo più lasciare soli i lavoratori così come purtroppo è avvenuto in questi ultimi anni”, conclude.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)

Sergio Mattarella “risponde” ai 5 stelle: “Imprescindibili pluralismo e libertà di opinioni”

Sergio Mattarella “risponde” ai 5 stelle: “Imprescindibili pluralismo e libertà di opinioni”

Sul blog delle stelle attacco ai giornali e in particolare a Repubblica per la copertura della manifestazione in Campidoglio contro l’amministrazione Raggi

Italian Football Team Meets President Sergio Mattarella


By Huffington Post
PAOLO BRUNO VIA GETTY IMAGES

“L’irrobustimento delle voci espressive di identità e realtà rappresenta un servizio reso alla intera comunità della Repubblica: il pluralismo e la libertà delle opinioni sono condizioni imprescindibili per un Paese civile, come afferma la nostra Costituzione”. Lo scrive Sergio Mattarella, in un messaggio al Sir, l’agenzia dei vescovi, in occasione dei trent’anni dalla fondazione.

Il Presidente della Repubblica torna a farsi sentire sul tema all’indomani dell’ennesimo attacco da parte del Movimento 5 contro i giornali e in particolare contro Repubblica. Continua a leggere “Sergio Mattarella “risponde” ai 5 stelle: “Imprescindibili pluralismo e libertà di opinioni””

Salvini elogia Draghi e pressa Di Maio: “Tuteleremo le banche”

Salvini elogia Draghi e pressa Di Maio: “Tuteleremo le banche”

Vertice di riconciliazione con l’alleato grillino ma resta il nodo della Rai. Tra Cinque stelle e Lega veti incrociati sulle direzioni di Tg1 e Raiuno

40c58c00-dafd-11e8-830c-21b273b0f378_44133d20e3b39bcbf97f6fc41990cffc-km0D-U1120932871490BVF-1024x576@LaStampa.it

ANSA

I vice premier Luigi Di Maio (M5S) e Matteo Salvini (Lega)

https://www.lastampa.it Ultima modifica il 29/10/2018 alle ore 10:37

ILARIO LOMBARDO ROMA

L’apparenza dice che non hanno parlato di Rai, come fa sapere Matteo Salvini. Ma a sentire il M5S e chi si è messo in contatto con Luigi Di Maio, di Rai si è parlato eccome durante il vertice a due a Palazzo Chigi. Ed è stato l’argomento che più ha diviso i leader, costretti ad apparire coesi per consegnare ai mercati un’immagine di compattezza che si sfalda quando si entra nella carne viva di diversi temi. In mattinata Salvini era atteso su Sky. Intervista annullata all’ultimo, in vista dell’incontro con Di Maio, per evitare di sbilanciarsi sulle questioni aperte.  

In oltre due ore di faccia a faccia, il leghista e il grillino mettono a punto la strategia settimanale su manovra e banche, anche per provare a tenere da parte le tante differenze che si stanno accumulando. In questi giorni i grillini hanno compulsato con ansia un report di Goldman Sachs datato 12 ottobre in cui si definisce «improbabile» la sopravvivenza di questo governo alla metà del 2019 – quindi subito dopo le Europee – e dove si profetizza la rinascita della maggioranza di centrodestra. Uno scenario che inquieta Di Maio, non a caso più bellicoso di Salvini.   Continua a leggere “Salvini elogia Draghi e pressa Di Maio: “Tuteleremo le banche””

Torino diventa No Tav, rivolta anti-M5S

Torino diventa No Tav, rivolta anti-M5S

Oggi voto in Consiglio comunale, le categorie produttive si mobilitano. Di Maio a Salvini: se ci fermiamo, implodiamo

7a3d0eda-daf9-11e8-830c-21b273b0f378_875401dcb242b5a19061f415409a1593-kL1H-U1120932427494kaG-1024x576@LaStampa.it

ANSA

https://www.lastampa.it Pubblicato il 29/10/2018

LUCA FERRUA ILARIO LOMBARDO TORINO-ROMA

Tap sì, Terzo Valico sì, Tav forse no. Il ripensamento globale delle grandi opere fondamentale per la base Cinque Stelle e al centro di un braccio di ferro sempre meno amichevole con la Lega oggi vive una giornata importante. Se tutto andrà come previsto Torino, una delle due città simbolo della Tav si sfilerà e voterà un ordine del giorno per chiedere al governo di destinare i soldi della Torino-Lione alla viabilità del territorio. Una scelta che farebbe indossare al capoluogo piemontese, storico baluardo del Sì, la maglia dei «No Tav».

Una decisione senza ricadute concrete ma politicamente dirompente. Non è una sorpresa perché Chiara Appendino è No Tav da sempre, ma la probabile scelta del Consiglio comunale spacca la città. Sapere che la sindaca è No Tav è un conto, vedere che questa scelta viene presa a nome di tutta Torino un altro.  

Appendino oggi non sarà in Consiglio è in missione a Dubai alla ricerca di investitori. Non certo un’assenza improvvisa così resta il dubbio che sia stata una scelta strategica. Vani i tentativi dell’opposizione di rinviare la discussione in una data che garantisse la presenza della sindaca. Continua a leggere “Torino diventa No Tav, rivolta anti-M5S”

Susy Matrisciano M5S:  Rinvio tavolo crisi catena Iperdì e Superdì

Susy Matrisciano M5S:  Rinvio tavolo crisi catena Iperdì e Superdì

È stato rinviato a mercoledì 31 ottobre l’incontro previsto oggi al Ministero dello Sviluppo economico per il tavolo di crisi del Gruppo Commercianti associati Generalmarkey S.r.l. che, da diversi mesi, versa in una grave situazione finanziaria dopo la decisione dei vertici aziendali di chiudere i punti vendita della catena Iper DÌ e Super DÌ.

MATRISCIANO MARIASSUNTA

L’azienda che gestisce anche un punto vendita a Novi Ligure continua a posticipare l’incontro del tavolo di crisi aperto presso il MISE al quale mi sono iscritta per fare avere ai dipendenti informazioni di prima mano. Si deve fare subito chiarezza circa il piano aziendale che intende attuare. Non si può continuare a giocare sulle spalle dei dipendenti che non percepiscono più lo stipendio ormai da mesi.

“Comprendo le difficoltà gestionali che la Società sta affrontando – dichiara il Sottosegretario allo Sviluppo Economico con delega alle crisi aziendali Davide Crippama sono preoccupato per la mancanza di informazioni sulla cessione dei punti vendita, preannunciata come imminente nel corso del primo incontro svoltosi lo scorso 1 ottobre. È pertanto necessario che la proprietà faccia al più presto chiarezza sulle trattative in corso con i possibili acquirenti e sul futuro occupazionale dei lavoratori, che si trovano da mesi senza retribuzione. Al fine di tutelare i lavoratori è inoltre prioritario che l’azienda proceda con l’attivazione della procedura per l’utilizzo degli ammortizzatori sociali”.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)

“Di Maio vuole tagliare pure gli assegni da 3.500 euro”. Ma M5s: “Solo da 4500”

Ma quale cambiamento?, qui va a finire, come succede da sempre, che anzichè intervenire seriamente sui veri cancri del paese: gli evasori fiscali, la corruzione, l’evasione dell’IVA, l’economia sommersa e la criminalità organizzata, pagheranno i soliti noti, cioè cittadini e pensionati. Già ma per i politici intervenire sulle questioni importanti, quelle che potrebbero risolvere definitivamente i problemi del paese è difficile meglio andare sul facile… e naturalmente alla faccia delle promesse di cambiamento!!!.

Pier Carlo Lava

“Di Maio vuole tagliare pure gli assegni da 3.500 euro”. Ma M5s: “Solo da 4500”

Il vicepremier annuncia un decreto che di fatto darà il via libera alle sforbiciate sulle pensioni

Franco Grilli http://www.ilgiornale.it/

Il taglio delle pensioni? Adesso può rivelarsi una vera e propria stangata.

1529741384-fis

I grillini infatti adesso hanno un obiettivo chiaro per la manovra: recuperare un miliardo. Come? Toccando gli assegni anche a partire da 3500 euro netti. Come riporta Repubblica, la sforbiciata potrebbe essere mille euro sotto la soglia dei 4500 di cui si era parlato nelle ultime settimane e fissata anche nel disegno di legge che si trova adesso in Commissione alla Camera. Il tutto con un decreto che di fatto renderà operativo il taglio in tempi rapidissimi. E il taglio, come ripete Di Maio, quasi a voler giustificare questa sforbiciata senza preavviso sull’assegno, servirà a finanziare l’aumento delle pensioni minime a 780 euro. Continua a leggere ““Di Maio vuole tagliare pure gli assegni da 3.500 euro”. Ma M5s: “Solo da 4500””