In evidenza

MATRISCIANO M5S: Approvato dal Consiglio dei Ministri lo stato di emergenza per l’alessandrino

MATRISCIANO M5S: Approvato dal Consiglio dei Ministri lo stato di emergenza per l’alessandrino

susy-matrisciano-m5s.png

“Questo pomeriggio durante il Consiglio dei Ministri è stato approvato lo stato di emergenza per l’alessandrino e per tutti i territori che sono stati colpiti dal maltempo delle ultime settimane e hanno subito notevoli danni. Il Governo ha stanziato 17 milioni per far fronte alle esigenze più immediate. Con questa azione si possono tranquillizzare alcuni colleghi dell’opposizione che, a seguito del disastro di Venezia, temevano una disparità di trattamento pensando che ci sarebbero stati cittadini di serie A e cittadini di serie B. Tutti i territori verranno trattati in ugual misura e riceveranno le dovute attenzioni e risorse per far fronte alle immediate esigenze per i danni causati dal maltempo”. Così in una nota la dichiarazione della senatrice alessandrina Susy Matrisciano

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)

M5S. Interpellanza: Skatepark Parco Carrà

M5S. Interpellanza: Skatepark Parco Carrà

Al Presidente del Consiglio Comunale Alessandria 12/11/2019

M5S

INTERPELLANZA

Alessandria: Ai sensi dell’art. 57 del Regolamento del Consiglio Comunale

Oggetto: Skatepark Parco Carrà

Premesso che lo skatepark del Parco Carrà presenta condizioni di degrado estremo del manto in cemento tali da non renderlo più utilizzabile in alcun modo da skateboards, rollerblades, monopattini.

Considerato che tutti i capoluoghi di provincia hanno a disposizione uno skatepark fruibile e completo, con rampe, rail, half pipes, adatti a principianti, medi ed esperti. Spesso essi sono sponsorizzati da aziende private che riescono ad abbinare il loro marchio ad un contesto di sport e giovani.

Logo Comune Alessandria

il sottoscritto Consigliere Comunale, interpella il Sindaco per sapere – Se è intenzione della giunta costruire nel Parco Carrà uno skatepark degno di un capoluogo di provincia magari cercando degli sponsor privati. – Quali altre iniziative sono state intraprese per migliorare la fruibilità di suddetto parco

Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle

I Consiglieri Comunali Michelangelo Serra Francesco Gentiluomo

M5S. Interpellanza: Dispersioni idriche, abbassamenti di pressione e possibili mancanze d’acqua nel quartiere Cristo

M5S. Interpellanza: Dispersioni idriche, abbassamenti di pressione e possibili mancanze d’acqua nel quartiere Cristo

Al Presidente del Consiglio Comunale Alessandria 12/11/2019

M5S.jpg

INTERPELLANZA

Alessandria: Ai sensi dell’art. 57 del Regolamento del Consiglio Comunale

Oggetto: Dispersioni idriche, abbassamenti di pressione e possibili mancanze d’acqua nel quartiere Cristo

Premesso che dal mese di Agosto in alcune aree del quartiere Cristo e dei sobborghi ad essi collegati si sono verificate sospensioni del servizio idrico o abbassamenti di pressione a macchia di leopardo con molti disagi per la popolazione.

Logo Comune Alessandria.jpg

Considerato che il presidente del Gruppo Amag Paolo Arrobbio il 12 Novembre 2019 ha dichiarato «Amag Reti Idriche è una società sana e fortemente patrimonializzata. E, a breve, sarà possibile un piano di investimenti da 25 milioni di euro con il sistema bancario grazie ai risultati ottenuti ovvero 71 milioni di euro di patrimonio netto e oltre 24 milioni di crediti».

il sottoscritto Consigliere Comunale, interpella il Sindaco per sapere – Se AMAG Reti idriche intende risolvere il problema e con quali tempistiche. – Se il piano di investimenti di AMAG Reti idriche prevede di risolvere con urgenza anche il problema delle caditoie, del depuratore e della rete di distribuzione dell’acqua.

Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle

I Consiglieri Comunali Michelangelo Serra Francesco Gentiluomo

Enrico Mentana, sondaggio Swg per il TgLa7: la Lega di Matteo Salvini e Giorgia Meloni volano. Crollo M5s

Enrico Mentana, sondaggio Swg per il TgLa7: la Lega di Matteo Salvini e Giorgia Meloni volano. Crollo M5s

https://www.liberoquotidiano.it

Schermata 2019-11-12 a 23.16.41

11 Novembre 2019

Enrico Mentana durante l’edizione serale del TgLa7 illustra i risultati delsondaggio Swg del lunedì. Secondo l’ultima rilevazione, la Lega di Matteo Salvini mantiene il trend positivo e allunga al 34,5 per cento (più 0,4), cresce anche Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni che si avvicina alla doppia cifra, al 9,5 per cento (+0,6).

Forza Italia di Silvio Berlusconi è stabile al 6,2 per cento. “Se la matematica non è un’opinione il centrodestra arriverebbe al 50,2 per cento, la maggioranza assoluta virtuale”, sottolinea Mentana.

Nella maggioranza balzo del Pd al 18,6 per cento (+ 1,1), in calo M5s che scende al 15,8 per cento e Italia Viva di Renzi, che perde quasi mezzo punto. 

M5S Alessandria: ALBERI PER IL FUTURO. METTI RADICI NEL DOMANI

M5S Alessandria: ALBERI PER IL FUTURO. METTI RADICI NEL DOMANI

unnamed.png

Quest’anno anche Alessandria parteciperà all’evento “Alberi per il futuro”. Grazie al contributo della senatrice M5S Susy Matrisciano sono stati acquistati 10 platani che verranno messi a dimora domenica 17 novembre alle ore 10 presso il centro sportivo comunale Forum Fulvii e sostituiranno i 10 pini che lo scorso anno sono stati abbattuti a causa di una malattia.

Alberi per il Futuro è un’iniziativa dell’Associazione Gianroberto Casaleggio che si occupa di piantare alberi nelle nostre aree urbane senza bandiere e simboli partitici.

Perché piantare alberi in città? Si tratta di forestazione urbana, un processo che contribuisce a migliorare le condizioni ambientali dei suoi abitanti. Ogni albero assorbe intorno ai 15 kg di CO2 e produce ossigeno per 2,5 esseri umani.

Ma non solo. Un albero assorbe e blocca le polveri sottili, incamera ozono e migliora il microclima. La creazione di boschi urbani aiuta il contenimento dell’inquinamento, sia acustico che dell’aria e favorisce la biodiversità. La forestazione urbana contribuisce anche all’abbassamento delle temperature di 1-2 gradi e previene il consumo del suolo.

Alberi per il Futuro è un modo di lasciare un segno tangibile del nostro passaggio, migliorando il posto in cui viviamo. Se ben curati, gli alberi che piantiamo oggi, regaleranno ombra e benessere ai nostri figli.

Unisciti a noi domenica 17 novembre alle ore 10, pianta anche tu un albero per il futuro e mettiamo radici nel domani! Saranno presenti i portavoce del M5S Susy Matrisciano, Sean Sacco, Michelangelo Serra e Francesco Gentiluomo

Susy Matrisciano. Lavoro: M5S, obiettivo commissione inchiesta è lotta a morti bianche e sfruttamento

Susy Matrisciano. Lavoro: M5S, obiettivo commissione inchiesta è lotta a morti bianche e sfruttamento

Istituzione commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia, sullo sfruttamento e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro pubblici e privati.

susy-matrisciano-m5s.png

ROMA, 31 OTTOBRE 2019 – “L’istituzione al Senato di una commissione parlamentare incaricata di indagare le condizioni di lavoro in Italia, un paese in cui ancora si muore di lavoro e sul lavoro, è un segnale importante, necessario, non più rinviabile, che si pone in continuità con l’azione di Governo e arriva dopo il Dl Salva Imprese che prevede l’assunzione di ulteriori 150 ispettori tecnici del Lavoro intende migliorare il sistema dei controlli, potenziano le attività dell’Istituto”. Lo affermano i senatori del M5S Susy Matrisciano, Giuseppe Fabio Auddino, Barbara Guidolin, Antonella Campagna, Sergio Romagnoli, Iunio Valerio Romano e Simona Nocerino, componenti della commissione Lavoro di palazzo Madama, dopo l’ok del Senato alla commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia, sullo sfruttamento e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro pubblici e privati. “La mission della Commissione – spiegano i senatori –  è indagare il fenomeno delle morti bianche, una piaga per un Paese, in cui incidenti mortali sul lavoro, ma anche alle condizioni di sfruttamento – pensiamo al caporalato o al lavoro minorile – ma anche l’incidenza della criminalità organizzata in appalti e subappalti, o ancora il fenomeno delle cooperative ‘spurie’. Per la prima volta, rispetto agli obiettivi perseguiti da analoghi organi parlamentari, che si sono occupati quasi esclusivamente di malattie professionali, la Commissione amplierà il proprio raggio di azione, indagando le cause di incidenti mortali”.  “Se per il Governo e il M5S – concludono –, come dimostrano i tavoli istituiti in materia dal ministro Nunzia Catalfo, la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro rappresenta una priorità, riteniamo debba esserlo per tutte le forze politiche presenti in Parlamento, perché si tratta di una battaglia di civiltà, alla quale questa Commissione, siamo certi, darà un importante contributo”.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

M5S Alessandria: Bocciata la nostra mozione sulla sicurezza stradale davanti alle scuole

M5S Alessandria: Bocciata la nostra mozione sulla sicurezza stradale davanti alle scuole

M5S.png

Alessandria: Nel mese di Aprile 2019 abbiamo presentato una mozione che chiedeva un piano di azione per mettere in sicurezza l’entrata e l’uscita dai plessi scolastici di Alessandria chiedendo agli uffici di valutare caso per caso cosa si poteva fare, tra Zone 30, Attraversamenti pedonali rialzati e ad elevata visibilità, ZTL e Pedonalizzazioni. Abbiamo già presentato mozioni che sono state approvate per l’installazione di nuove rastrelliere per le biciclette soprattutto davanti alla scuole e la strutturazione di servizi Pedibus – Bicibus per incentivare una migliore mobilità nel percorso casa-scuola.

I comuni hanno la possibilità di creare “aree di rispetto” pedonali o ZTL davanti alle scuole. L’UNICEF presentò un documento “Nove passi per costruire città amiche delle bambine e dei bambini” dove indicò le pedonalizzazioni davanti alla scuole come diritto dei bambini a camminare e pedalare in sicurezza. Numerosissime associazioni ambientaliste, ciclistiche e pediatriche si sono schierate a favore delle pedonalizzazioni davanti alla scuole soprattutto vista la situazione attuale davanti ad ogni plesso scolastico di Alessandria ogni mattina. Continua a leggere “M5S Alessandria: Bocciata la nostra mozione sulla sicurezza stradale davanti alle scuole”

“M5S è morto”. L’addio con polemica della sindaca di Imola Manuela Sangiorgi

“M5S è morto”. L’addio con polemica della sindaca di Imola Manuela Sangiorgi

di Pier Carlo Lava

Opinione: Non vogliamo entrare nel merito della dichiarazione dal Sindaco in questione in questo articolo sull’Huffington post, che tra l’altro almeno in parte potrebbe anche avere un fondamento, ma da alcuni passaggi della stessa si evince chiaramente che ci troviamo di fronte all’ennesimo caso in cui si salta giù dal carro che diventa perdente, per saltare su quello che oggi risulta vincente e ovviamente tutto in tempo reale e con una tempestività che i politici solo in queste situazioni sanno adottare, complimenti….

5db83a2820000041325071b4

“Il Movimento è scomparso insieme a Gianroberto Casaleggio. Nei ruoli apicali personaggi senza arte né parte”. La Lega la elogia
HuffPost https://www.huffingtonpost.it

ANSA

Manuela Sangiorgi, sindaca di Imola

“Il M5s non esiste più. Il M5s è morto ed è morto quando è morto Gianroberto Casaleggio. Abbiamo visto appropriarsi di ruoli apicali da parte di persone senza arte né parte, perdere sei milioni di voti in un anno e fare finta di niente”. Lo ha detto, in un’intervista all’emittente E-Tv, Manuela Sangiorgi, sindaca di Imola che formalizzerà in consiglio comunale le dimissioni annunciate ieri sera, dopo poco più di un anno di governo della città.

Ieri, davanti agli imolesi, Sangiorgi ha detto di non sentirsi più parte del Movimento 5 Stelle – con cui aveva vinto le elezioni nel giugno del 2018 al ballottaggio strappando il 55,4% dei voti – essendo venute a mancare condizioni politiche per andare avanti. Il successo di Sangiorgi aveva segnato una sconfitta particolarmente simbolica per il centrosinistra dell’Emilia-Romagna perché Imola era sempre stata considerata un feudo inespugnabile, sia per il fortissimo radicamento del partito, sia per la presenza di moltissime grandi cooperative che per anni sono state una forma di finanziamento e di creazione di consenso per lo stesso centrosinistra. Continua a leggere ““M5S è morto”. L’addio con polemica della sindaca di Imola Manuela Sangiorgi”

M5S Alessandria – Allagamenti ad ogni pioggia: servono azioni, non parole

M5S Alessandria – Allagamenti ad ogni pioggia: servono azioni, non parole

“I cittadini alessandrini sono ormai esasperati: Non è possibile che ogni volta che passa una perturbazione accadano sistematicamente le stesse cose creando danni e disagi ai cittadini.”

M5S Allagamenti.png

“La situazione delle caditoie, nonostante i fondi per pulirle siano già stati messi a bilancio da comune ed AMAG, resta desolante. Molte zone di Alessandria specie in prossimità degli attraversamenti pedonali si trasformano in un lago. Come M5S abbiamo fatto numerose interpellanze per risolvere il problema e sia l’amministrazione sia AMAG si erano mosse ma purtroppo l’azienda vincitrice del bando AMAG era in odore di ‘ndrangheta ed è stato tutto sospeso. L’amministratore delegato Ferrari ad una nostra domanda in una commissione del 23 Luglio aveva dichiarato: “Stiamo valutando una soluzione interna, ovvero affidare il servizio ad AMAG Ambiente”. Ora ci chiediamo cosa sia stato fatto e dove siano finiti quei soldi.

Un altro problema è quello del Rio Lovassina a Litta e Spinetta: Il torrente è tombato ed ogni volta che ci sono forti precipitazioni non è in grado di scaricare il flusso. Esiste già un progetto di scolmatore del 2015 ma è un progetto molto costoso e impattante che sembra studiato più per far lavorare i soliti cementificatori piuttosto che risolvere velocemente il problema. Serve subito un progetto più finanziabile per un canale naturale che in caso di piena scarichi le acque del Lovassina a monte di Litta direttamente in Bormida.”

Maltempo, M5S: “Vicinanza alle vittime. Necessario investire in prevenzione e manutenzione del territorio a tutti livelli

Maltempo, M5S: “Vicinanza alle vittime. Necessario investire in prevenzione e manutenzione del territorio a tutti livelli

 movimento_5_stelle

In questi giorni i territori liguri e piemontesi sono stati flagellati dalla furia del maltempo. Le immagini mostrano l’eccezionalità di una situazione, un evento imprevedibile e devastante, un temporale estivo a fine ottobre che ha provocato danni alle infrastrutture e vittime. Un duro colpo per tutti e un bilancio tragico: due morti, numerosi sfollati e territori devastati.  

“Gli eventi meteorologici straordinari sono in questo momento la vera emergenza del nostro Paese ed è necessario individuare tutte le risorse possibili per un piano straordinario per la messa in sicurezza e per la prevenzione dei corsi d’acqua, degli edifici e delle vie di comunicazione. Le Amministrazioni locali non devono essere lasciate sole e il Governo e la Regione devono coordinarsi per individuare tutti i fondi per la manutenzione dei nostri territori” dichiara il sindaco di Acqui Terme Lorenzo Lucchini. Continua a leggere “Maltempo, M5S: “Vicinanza alle vittime. Necessario investire in prevenzione e manutenzione del territorio a tutti livelli”

Sondaggio Swg per Mentana, Pd-M5s crollano dopo la manovra. Lega e Fratelli d’Italia, massimo storico

Sondaggio Swg per Mentana, Pd-M5s crollano dopo la manovra. Lega e Fratelli d’Italia, massimo storico

Salvini e Meloni.png

21 Ottobre 2019 https://www.liberoquotidiano.it

Da un lato, come sottolinea Enrico Mentana, il caos di governo su una manovra pasticciata che non piace a nessuno che porta in dote una tempesta di tasse. Dall’altro, la manifestazione del centrodestra unito in piazza San Giovanni a Roma con le sue 200mila persone. Il risultato? Presto detto: crollano Pd e M5s, volano Lega, Fratelli D’Italia e Forza Italia. Sono queste le cifre che emergono dall’ultimo sondaggio Swg realizzato per il TgLa7, proposto lunedì 21 ottobre.

Impressionante, come accennato, il balzo del Carroccio: sale dello 0,8% e si assesta al 34% tondo tondo; Matteo Salvini insomma torna a flirtare con i massimi storici. Poi i Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che parimenti volano di 0,8 punti percentuali a un 8,4% che per Swg è il massimo storico del partito. Bene anche Forza Italia, con le truppe di Silvio Berlusconi che salgono dello 0,4% al 5,5 per cento. Continua a leggere “Sondaggio Swg per Mentana, Pd-M5s crollano dopo la manovra. Lega e Fratelli d’Italia, massimo storico”

Il governo dichiari lo stato di emergenza climatica e ambientale. Eppoi c’è l’emergenza nucleare. La patata bollente del M5S.

Il governo dichiari lo stato di emergenza climatica e ambientale. Eppoi c’è l’emergenza nucleare. La patata bollente del M5S.

rete-nuovo5-wordpress.jpg

Clicca qui il testo dell’appello sul clima : il tema è  posto all’attenzione del mondo dall’ondata giovanile che ha preso come riferimento la figura della 16enne Greta Thunberg, e che è sospinto dalladisobbedienza civile di massa organizzata da Extinction Rebellion. Il cambiamento climatico causerà un nuovo apartheid: i ricchi possono proteggersi  dalle conseguenze peggiori mentre saranno i poveri a subirne le conseguenze più violente: clicca qui. Però anche il nucleareandrebbe considerato come gravissima “emergenza“, anzi, se dobbiamo stare al calcolo delle probabilità, è molto più facile che l’umanità salti in aria in modo assolutamente catastrofico che non crolli giù tutta a causa del riscaldamento climatico: clicca qui Alfonso Navarra. Un banco di prova per il governo, ovvero per i Cinquestelle(era il loro cavallo di battaglia),  per contrastare la lobby militaresarebbe il blocco totale dell’accordo di acquisto di 90 cacciabombardieri nucleari F35  dagli Usa. Ma la battaglia“identitaria” dei M5S si affosserà tagliando l’acquisto: si accontenterebbero della metà.

Rete Ambientalista

https://www.rete-ambientalista.it

Il M5S sulla Delegazione alessandrina in Siberia

Il M5S sulla Delegazione alessandrina in Siberia

movimento5stelle_alessandriaOK

Alessandria: Ci chiediamo quale sia l’opportunità di mandare una delegazione comunale ad una fiera turistica ad Yekaterinburg (Siberia) mentre la nostra città ha raggiunto il punto piu’ basso nel suo decoro, sta aumentando i costi degli abbonamenti del trasporto pubblico e tagliando il trasporto ai disabili perchè non trova poche decine di migliaia di euro a bilancio.

Inspiegabile anche la cordata con Genova e non con Asti, Langhe e Roero che sarebbero territori con i quali avremmo piu’ possibilità di sfruttare il brand Monferrato e il patrimonio UNESCO all’estero.

Ancora piu’ ingiustificabile la presenza del presidente del consiglio Locci: Se fosse andato a rappresentare il consiglio comunale a spese della collettività ad una fiera del turismo in Siberia il gruppo consiliare M5S Alessandria si dissocia con fermezza dalla scelta.

M5S Alessandria  

Susy Matrisciano M5S: Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Susy Matrisciano M5S: Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Ho appreso, con enorme tristezza, dell’incidente mortale sul lavoro avvenuto lo scorso martedì a Cabella Ligure. Quasi quotidianamente in Italia un lavoratore perde la vita durante il proprio orario di servizio e questo non è assolutamente tollerabile. Fin dal primo giorno la Commissione lavoro pubblico e privato del Senato della quale faccio parte e il Ministero competente hanno prestato la massima attenzione alla sicurezza dei lavoratori.

Susy Matrisciano M5S.png

A conferma del nostro impegno in materia e del neo Ministro Nunzia Catalfo, lunedì 7 ottobre alle ore 15.00 è stato convocato al ministero del Lavoro il secondo tavolo tecnico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro con l’obiettivo di stabilire le priorità da affrontare per l’avvio del piano straordinario di prevenzione e sicurezza sul lavoro inserito nel programma di governo.

Quando si parla di sicurezza sul lavoro si fa spesso riferimento all’INL come ente deputato ai controlli, ma gli attori in campo sono anche altri e lo dimostra il fatto che il primo tavolo presenziato dal Ministro è stato concertato insieme ad Inail e al Ministero della Salute, che si inserisce nel percorso di prevenzione attraverso gli enti territoriali.

A differenza di quanto viene affermato, da chi probabilmente non è bene informato, dal 2018 gli investimenti sulla sicurezza non hanno subito decurtazioni e la riduzione della contribuzione Inail a vantaggio delle aziende, avvenuta attraverso la scorsa legge di bilancio, non ha comportato alcun taglio al comparto sicurezza e prevenzione. Continua a leggere “Susy Matrisciano M5S: Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”

Susy Matrisciano M5S: Tavolo crisi Pernigotti, non sono ancora chiare le prospettive per l’azienda

Susy Matrisciano M5S: Tavolo crisi Pernigotti, non sono ancora chiare le prospettive per l’azienda

Si è svolto ieri al Ministero dello Sviluppo economico il tavolo di crisi della Pernigotti, presieduto dal Sottosegretario Alessandra Todde, a cui ho partecipato insieme ai rappresentanti delle aziende coinvolte, l’advisor, gli enti locali e i sindacati.

Susy Matrisciano.jpg

La Pernigotti ha illustrato i termini del nuovo accordo sottoscritto con il gruppo Optima per la cessione del ramo relativo ai preparati per gelati del marchio Pernigotti Maestri Gelatieri Italiani.  Secondo Pernigotti questo accordo con Optima garantirà le risorse necessarie per rilanciare gli investimenti nello stabilimento novese, ammodernando gli impianti e mantenendo così la produzione di cioccolato e torroni.

Riguardo ai lavoratori è stata annunciata una riorganizzazione che conterà su diversi strumenti, a partire dagli ammortizzatori sociali, per rendere economicamente sostenibile lo stabilimento.

Tuttavia, a mio giudizio, non sono ancora completamente chiare le prospettive di rilancio e i piani di investimento dell’azienda.

La nostra attenzione dovrà restare alta per l’effettiva tutela dei lavoratori che sono attualmente impiegati  nelle produzioni natalizie. Il nostro impegno sarà massimo affinché venga garantito il futuro di un marchio storico italiano e di tutti quei lavoratori che nel corso degli anni hanno reso i prodotti Pernigotti un eccellenza internazionale.

Pertanto aspettiamo di leggere in dettaglio il nuovo piano industriale che verrà presentato al prossimo tavolo di crisi convocato al MiSE entro la fine di ottobre.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Nuova area commerciale ad Alessandria. E il M5S denuncia le decisioni prese “nel silenzio più totale”

Nuova area commerciale ad Alessandria. E il M5S denuncia le decisioni prese “nel silenzio più totale”

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Nuova area commerciale.png

Alessandria: Il post su Facebook del Movimento 5 Stelle di Alessandria parla chiaro: «Siete pronti a una nuova area commerciale? È stata autorizzata nell’area dell’ex-economato tra corso Romita e via Palermo, in Pista. È un’area grande circa come l’Esselunga. Come sempre i Piani esecutivi convenzionati (Pec) non passano dal Consiglio comunale, ma solo in giunta e nel silenzio più totale».

Sulla determinazione dirigenziale dell’8 agosto 2019, firmata dal dirigente Marco Neri, si legge che il Pec relativo all’area ex magazzino economato del Comune di Alessandria prevede la realizzazione di «due edifici a uso commerciale con relativi parcheggi e aree verdi» e che la proposta è stata presentata dalla società Degiocase Srl (a questa ragione sociale corrisponde un’impresa di costruzioni edili di Casale Monferrato).

La determinazione dirigenziale contiene anche precise indicazioni sulla viabilità e sulla realizzazione delle aree verdi. Ed è sul punto relativo all’accesso all’area che sorge qualche dubbio. Si legge che l’unico punto di ingresso e uscita per i clienti sarà da corso Romita, mentre i dipendenti e i mezzi commerciali dovranno utilizzare l’accesso da via Palermo.

Inoltre è prevista la realizzazione «di traffic – calming in corso Romita e via Palermo per garantire visibilità e sicurezza nelle manovre di ingresso e uscita dei clienti e dei fornitori e di definire una opportuna corsia di canalizzazione sia per l’ingresso, sia per l’uscita. Gli interventi dovranno essere realizzati in forma strutturale (isole rialzate con cordoli) e non solo con segnaletica orizzontale». Continua a leggere “Nuova area commerciale ad Alessandria. E il M5S denuncia le decisioni prese “nel silenzio più totale””

Pagare tutti per pagare di meno, sogno o realtà ? di Pier Carlo Lava 

Pagare tutti per pagare di meno, sogno o realtà ? 

di Pier Carlo Lava

Alessandria post: Uno dei maggiori cancri del nostro paese, forse il più importante, che non ci consente un adeguato sviluppo è senza ombra di dubbio l’evasione fiscale, secondo una stima del Governo sarebbe di oltre 100 miliardi di euro, una cifra enorme che corrisponde a circa il 5% del prodotto interno lordo.

soldi-640x342.jpg

Un recupero massiccio dell’evasione fiscale è sempre stato l’obiettivo dichiarato di tutti i governi che si sono succeduti nei decenni ma sinora mai realizzato, se fosse raggiunto consentirebbe di effettuare forti investimenti per una politica sulle energie rinnovabili che tuteli l’ambiente con particolare riferimento alle grandi città altamente inquinate, per la mesa in sicurezza del territorio con interventi nelle zone a maggiore criticità dove periodicamente succedono alluvioni, smottamenti, per incentivi alle famiglie in difficoltà, per la riduzione effettiva del cuneo fiscale e quindi per mettere più soldi belle tasche degli italiani, ecc.ecc.

Il Governo giallo – rosso M5S e PD, appena insediato dopo il ribaltone estivo a seguito del Harakiri della Lega, ha annunciato misure per il recupero dell’evasione fiscale incentivando l’utilizzo dei pagamenti tramite carte di credito e bancomat, con bonus per i cittadini, una riduzione delle commissioni per i commercianti e maggiori controlli, riuscirà nel proprio intento, sarà la volta buona?…, noi ovviamente ci speriamo anche se restiamo dubbiosi, perciò non resta che attendere per verificare i risultati. Continua a leggere “Pagare tutti per pagare di meno, sogno o realtà ? di Pier Carlo Lava “

Il Fatto Quotidiano. Governo Conte 2, il programma definitivo in 29 punti: dal taglio tasse al salario minimo, al processo per l’autonomia differenziata

Il Fatto Quotidiano. Governo Conte 2, il programma definitivo in 29 punti: dal taglio tasse al salario minimo, al processo per l’autonomia differenziata

Dopo la bozza di programma in 26 punti, pubblicata ieri sul Blog delle Stelle, è oggi uscita una versione definitiva, alla quale si aggiungono altri tre punti. Il testo è intitolato “programma di Governo” e andrà a costituire la “politica generale del Governo della Repubblica per il prosieguo della XVIII legislatura”

di F. Q. | 4 SETTEMBRE 2019

https://www.ilfattoquotidiano.it/

Ha preso forma, con una versione definitiva, l’accordo a cui hanno lavorato negli ultimi giorni M5s e Pd in vista della nascita del governo Conte 2, la cui lista di ministri è stata appena presentata al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo la bozza di programma in 26 punti, pubblicata ieri sul Blog delle Stelle, è oggi uscita una versione definitiva, alla quale si aggiungono altri tre punti. Il testo è intitolato “programma di Governo” e andrà a costituire la “politica generale del Governo della Repubblica per il prosieguo della XVIII legislatura”.

Schermata 2019-09-05 a 08.19.07

Ecco i 29 punti

1) Con riferimento alla legge di bilancio per il 2020 sono prioritari: la neutralizzazione dell’aumento dell’IVA, le misure di sostegno alle famiglie e ai disabili, il perseguimento di politiche per l’emergenza abitativa, le misure di deburocratizzazione e di semplificazione amministrativa, il rafforzamento degli incentivi per gli investimenti privati, nonché l’incremento della dotazione delle risorse per la scuola, per l’università, per la ricerca e il per il welfare. Tutte le previsioni saranno comunque orientate a perseguire una politica economica espansiva, in modo da indirizzare il Paese verso una solida prospettiva di crescita e di sviluppo sostenibile, senza mettere a rischio l’equilibrio di finanza pubblica.

2) Con la formazione della nuova Commissione europea si apre una nuova fase di programmazione economica e sociale. Sarà un obiettivo prioritario del Governo partecipare alla definizione di nuove linee di intervento per rilanciare piani di investimento e aumentare i margini di flessibilità allo scopo di rafforzare la coesione sociale. L’Italia deve essere protagonista di una fase di rilancio e di rinnovamento dell’Unione europea, intesa come strumento per ridurre le disuguaglianze e vincere la sfida della sostenibilità ambientale. Il Governo si adopererà per promuovere le modifiche necessarie a superare l’eccessiva rigidità dei vincoli europei, che rendono le attuali politiche di bilancio pubblico orientate prevalentemente alla stabilità e meno alla crescita, in modo da tenere conto dei complessivi cicli economici e di evitare che si inneschino processi involutivi. Abbiamo bisogno di un’Europa più solidale, più inclusiva, soprattutto più vicina ai cittadini. Continua a leggere “Il Fatto Quotidiano. Governo Conte 2, il programma definitivo in 29 punti: dal taglio tasse al salario minimo, al processo per l’autonomia differenziata”

Huffingtonpost. Sondaggio Swg per TgLa7: Elettori M5S spaccati sul nuovo Governo, i dem favorevoli

Sondaggio Swg per TgLa7: Elettori M5S spaccati sul nuovo Governo, i dem favorevoli

Secondo la rilevazione, i sostenitori Pd in larga parte favorevoli al nuovo esecutivo. Più della metà ritiene Conte “accettabile”

HuffPost https://www.huffingtonpost.it

z1aa 5d6d40313b00004900cb0ee6z1aaa 5d6d41dd2400004f00721343

SWG/TGLA7 Sndaggio

Elettori M5S spaccati sull’alleanza di governo con il Pd, gli elettori di quest’ultimo invece in larga parte favorevoli. È quanto emerge da un sondaggio di Swg per il Tg La7 presentato in diretta dal direttore Enrico Mentana. Secondo la rilevazione, tra gli elettori dei 5 Stelle il 51 per cento si dice favorevole alla nascita di un Conte Bis in condominio con il Partito Democratico, mentre il 40% si dice contrario. Il restante 9% invece preferisce non esprimersi. 

Diverso orientamento tra i sostenitori del Partito Democratico, tra i quali il 69% vorrebbe il via libera alla nascita dell’esecutivo con l’ex odiato nemico a 5 Stelle, solo il 25 per cento è invece contrario. Alla platea dem è stato poi chiesto come considera il fatto che Giuseppe Conte sia premier del nuovo governo: il 58% ha risposto che non è del tutto positivo ma accettabile, il 35% lo giudica positivo e solo il 7% inaccettabile.  

M5S: Fondo di indennizzo risparmiatori truffati dalle banche

M5S: Fondo di indennizzo risparmiatori truffati dalle banche

Alessandria today: «Grazie all’impegno del MoVimento 5 Stelle i risparmiatori “truffati dalle banche” sono tutelati: dal 22 agosto per 180 giorni potranno essere inoltrate le richieste di indennizzo.

m5s.png

Grazie al lavoro istituzionale dei portavoce nazionali e all’opera di informazione e sensibilizzazione sul territorio dei portavoce locali e degli attivisti, uno dei capitoli più tristi della storia del risparmio italiano è sulla via della conclusione.

Questa è una notizia importantissima per i cittadini delle provincie del Verbano Cusio Ossola, Novara, Biella, Vercelli e Alessandria che hanno investito in obbligazioni subordinate e azioni di Veneto Banca (ex Banca Popolare di Intra).

Ancora una volta il MoVimento 5 Stelle agisce a favore delle famiglie, del tessuto sociale ed economico dei territori portando risposte concrete dove la “vecchia politica” non ha saputo o voluto agire.

I portavoce e gli attivisti invitano i risparmiatori coinvolti dal “caso VenetoBanca” a visitare il sito https://fondoindennizzorisparmiatori.consap.it a “registrarsi, compilare la domanda, caricare gli allegati richiesti, produrre la domanda compilata in formato pdf da stampare e firmare, caricare la domanda firmata e infine inviarla telematicamente entro 6 mesi da oggi”.

Un’altra promessa del MoVimento 5 Stelle in favore dei cittadini è stata mantenuta.

I portavoce locali e nazionali della provincia di Alessandria

Huffington Post: Salvini offre la premiership a Di Maio

Salvini offre la premiership a Di Maio

L’ultima carta per rientrare in gioco. “Faremo di tutto pur di evitare Pd e Leu al governo”. Anche se la via maestra, ufficialmente restano le elezioni

By Giuseppe Alberto Falci

5d5ef802250000340084a076.jpeg

ASSOCIATED PRESS

«Presidente, se si superano i problemi politici meglio riprovarci». Quando sono passate da poco le quattro del pomeriggio, Matteo Salvini guarda negli occhi il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e gli dice chiaramente che lui è disposto a tornare sui suoi passi, a riscrivere un contratto di governo dove i No diventino Sì, e a ridiscutere la squadra di governo. È l’ennesima giravolta di un Capitano che intende fermare il flirt tra il Pd e gli stellati. “Perché – assicura – l’Italia non può permettersi di perdere altro tempo, con un governo che litiga”. Salvini sa che in cuor suo Luigi Di Maio propenderebbe per un ritorno di fiamma con la Lega. È altrettanto consapevole che dentro la galassia grillina c’è una grossa fetta di parlamentari che non gradisce l’alleanza con “il partito di Bibbiano”. Ma è conscio del fatto che ormai “con Luigi non ci parliamo da giorni”.

E allora studia la contromossa. E per recupare il rapporto sarebbe tentato di tirar fuori dal cilindro una carta tenuta nascosta fin qui, ovvero offrire al ministro di Pomigliano D’Arco la premiership. Non è dato sapere se questa offerta sia stata veicolata all’alto Colle. Certo è che davanti al Capo dello Stato Salvini ha speso le stesse parole nei confronti di “Luigi” – lo chiama ancora così – che poi ha ripetuto davanti ai cronisti uscendo dalla Sala alla Vetrata: “Credo che Luigi abbia lavorato bene nell’interesse del Paese, agli insulti di altri preferisco non rispondere. Preferisco un governo che faccia che costruisca, che guardi avanti”… continua su: https://www.huffingtonpost.it/entry/salvini-offre-la-premiership-a-di-maio_it_5d5ef7c4e4b0dfcbd48aa094

Il Fatto Quotidiano. Direzione Pd dà mandato a Zingaretti per trattare con il M5s: “No a contratto, ma dialogo su 5 punti. Governo di legislatura o voto”

Direzione Pd dà mandato a Zingaretti per trattare con il M5s: “No a contratto, ma dialogo su 5 punti. Governo di legislatura o voto”

Il segretario Pd ha riunito la direzione e ottenuto il mandato per andare a sedere al tavolo con i 5 stelle. La condizione per poter andare avanti è che ci sia “discontinuità” con il passato. I democratici non vogliono un contratto, ma piuttosto metteranno sul tavolo una serie di temi, dall’Europa alle politiche economiche, intorno ai quali far partire una discussione. Perplessità del vice Orlando sul nome di Conte: “Non è possibile costruire un’esperienza diversa con lo stesso presidente del consiglio”

Zingaretti-1200-1050x551.jpg

Nicola Zingaretti ha ricevuto il mandato dalla direzione Pd per trattare con ilMovimento 5 stelle e valutare se esiste una “nuova maggioranza” in Parlamento. Alla vigilia della consultazioni del Capo dello Stato, i democratici si sono riuniti e hanno votato all’unanimità perché il segretario sieda al tavolo con i grillini. “Abbiamo la responsabilità e il dovere di farlo”, ha dichiarato ai suoi.

La strada, come è stato chiaro fin dalle prime dichiarazioni di Zingaretti dopo le dimissioni del premierGiuseppe Conte, è molto stretta: “Serve un governo forte: chiarezza e nessuna confusa ammucchiata”, ha ripetuto. Un eventuale nuovo governo “deve essere di svolta, di legislatura” altrimenti “è meglio andare alle urne”.

Tra le condizioni dettate dal leader c’è la profonda discontinuità con il governo gialloverde e anche per questo i democratici non vogliono parlare di “contratto”, ma di punti da far sottoscrivere alle due parti e temi su cui far partire la discussione. Perché, è il concetto, è utile anche usare un linguaggio diverso dal passato per far capire che si apre un nuovo capitolo. I paletti fissati dal Pd vanno dall’europeismo alle politiche economiche e passano per la gestione dei flussi migratori: “Appartenenza leale all’Unione europea; pieno riconoscimento della democrazia rappresentativa, a partire dalla centralità del Parlamento; sviluppo basto sulla sostenibilità ambientale; cambio nella gestione di flussi migratori, con pieno protagonismo dell’Europa; svolta delle ricette economiche e sociale, in chiave redistributiva, che apra una stagione di investimenti”… continua su: https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/08/21/direzione-pd-da-mandato-a-zingaretti-per-trattare-con-il-m5s-no-a-contratto-ma-dialogo-su-5-punti-governo-di-legislatura-o-voto/5400075/

Addio alla plastica monouso entro il 2021. Quando l’Europa funziona

Addio alla plastica monouso entro il 2021. Quando l’Europa funziona

da MoVimento 5 Stelle

Dal 2021, in Europa, saranno vietati i prodotti di plastica monouso. Niente più piatti, posate, cannucce, cotton fioc e via discorrendo.

Ma non solo: Il divieto è stato esteso anche ai prodotti di plastica oxo-degradabile, vale a dire degradabile ma comunque inquinante,e ai contenitori del cibo da asporto in polistirene espanso, il comune polistirolo per intenderci.

08-19-Addio-alla-plastica-monouso-852x438.jpg

Questo, in sintesi, il target raggiunto a fine marzo dal Parlamento europeo, attraverso l’approvazione della direttiva sui prodotti di plastica monouso. O perlomeno per quanto riguarda i prodotti “per i quali esistono alternative”. Invece, per i prodotti in plastica per i quali non esistono ancora sostituti “ecofriendly”, gli Stati membri dovranno mettere a punto piani nazionali, con misure dettagliate, per ridurre significativamente il loro utilizzo, e nel caso delle bottiglie di plastica si dovrà potenziare il riciclo e avere almeno il 25% di PET riciclato nelle nuove bottiglie prodotte.

Si tratta di un primo passo certo, considerando la pervasività delle plastiche e il loro pesante impatto sia in fase di produzione sia quando diventano rifiuti contaminando purtroppo tutti gli ecosistemi. Per il MoVimento 5 Stelle bisogno approfittare di queste novità e continuare a insistere su questo nuovo corso: finalmente è arrivato qualcosa di buono da parte di questa Unione europea, troppo spesso lontana dalla realtà quotidiana e dagli interessi dei cittadini. Continua a leggere “Addio alla plastica monouso entro il 2021. Quando l’Europa funziona”

Le capriole di Salvini

Le capriole di Salvini da MoVimento 5 Stelle

Il Ministro Salvini, fra un comizio e un mojito, è alla ricerca di un “centro di gravità permanente” che, suggeriva Battiato, non gli faccia mai cambiare idea sulle cose e sulla gente. “Suo malgrado” qui c’è una forza come il MoVimento 5 Stelle che ha invece deciso di agire in maniera decisa e credibile. Non c’è tempo da perdere con chi si dimostra inaffidabile, dobbiamo pensare agli interessi degli italiani.

WhatsApp-Image-2019-08-20-at-13.00.44-852x438.jpeg

Abbiamo sempre lavorato per obiettivi seri e concreti, sottoscritti in un Contratto di Governo su cui ci siamo dimostrati sempre leali. Altri si sono persi in dichiarazioni e slogan che sono tutto e il contrario di tutto.

Ecco lo strano “Vangelo secondo Matteo”, con le dichiarazioni del Ministro Salvini degli ultimi 10 giorni. A pensarci bene, il vero Vangelo ci aveva avvertito: «In verità vi dico, uno di voi mi tradirà».

Sul Governo del Presidente Conte: dalle minacce al telefono acceso…
– Andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c’è più una maggioranza e restituiamo velocemente la parola agli elettori. (8 agosto)
– Il 20 agosto sfiduceremo il premier Conte. (14 agosto)
– Se qualcuno vuole dialogare io sono qua, sono la persona più paziente del mondo e il mio telefono è sempre acceso.Di no l’Italia muore, un governo muore, abbiamo bisogno di sì, se qualcuno dice sì ragioniamo. (15 agosto)
– Se non c’è un governo la via maestra sono le elezioni. Altrimenti ci si risiede al tavolo e si lavora. Martedì ci sono all’ordine del giorno le comunicazioni del presidente del Consiglio: le ascolterò e vediamo cosa dirà. (18 agosto)
Continua a leggere “Le capriole di Salvini”

Oggi la Lega dovrà rispondere delle proprie colpe

Oggi la Lega dovrà rispondere delle proprie colpe

Alessandria today: Così Luigi Di Maio che sul suo profilo facebook scrive un post a sostegno del Premier Giuseppe Conte.

Luigi Di Maio

Caro Giuseppe, oggi è un giorno molto importante.
Il giorno in cui la Lega dovrà rispondere delle proprie colpe per aver deciso di far crollare tutto, aprendo una crisi di governo in pieno agosto, in spiaggia, solo per rincorrere i sondaggi.
Oggi, al Senato, i ministri M5S saranno al tuo fianco.
Ci presenteremo in aula a testa alta.
Tutti, ognuno di noi, sa di stare dalla parte giusta della storia.
Qualunque cosa accada, volevo dirti che è stato un onore lavorare insieme in questo Governo.

69287682_2423688467667685_3625619208676573184_n.jpg

Vorrei sfruttare l’opportunità di questo post per ringraziarti. Sì, ringraziarti. Quando tutta Italia ha conosciuto Giuseppe Conte, lo ha conosciuto come uno dei membri della squadra di Governo del Movimento 5 Stelle. Era il 2 marzo del 2018, io ero candidato Premier e tu mi avevi dato la disponibilità a ricoprire il ruolo di candidato Ministro della Funzione Pubblica. Sono sicuro lo avresti fatto ai massimi livelli e saresti stato il Ministro più amato d’Italia.
Ma, diciamocelo, saresti stato sprecato.
Allora avevamo ben compreso le tue capacità e competenze, non ancora invece la tua profonda umanità.
Per fortuna, quando è nato questo Governo, a me e Alfonso Bonafede venne l’idea di proporre te come Presidente del Consiglio di garanzia tra le due coalizioni.
In 14 mesi hai salvato l’Italia da due procedure di infrazione, hai rappresentato l’Italia ai tavoli europei ottenendo i margini di bilancio per dare ai cittadini Quota 100 e il Reddito di Cittadinanza.
Hai saputo farti amare dagli Italiani soprattutto nelle aree più disagiate del Paese.
Qualunque cosa accadrà oggi, sappi che per me e per tutti noi vederti in quel ruolo è stato motivo di orgoglio.
Sei una delle scelte di cui vado più fiero nella mia vita. Sei una perla rara, un servitore della Nazione che l’Italia non può perdere.

Forza amico mio!

Chi vivrà vedrà, l’amara speranza di non vedere, di Agostino Pietrasanta

Chi vivrà vedrà, l’amara speranza di non vedere, di Agostino Pietrasanta

Domenicale Agostino Pietrasanta

https://appuntialessandrini.wordpress.com

Zingaretti-Di-Maio-1030x615.jpg

Alessandria: Posso cambiare opinione, ma senza svolte improvvise né eccessi squilibrati; se mi sono dichiarato contrario a eventuali convergenze tra PD e pentastellati, se ne ho sottolineato un’incompatibilità non solo per quanto attiene un’adeguata programmazione amministrativa, ma ancor più per  ispirazione politica, non mi sento ora di acquisire elementi per un diverso parere.

Almeno in via di principio; e non solo perché fino a ieri per Di Maio il PD era il “partito di Bibbiano”, non solo perché non sono trascorsi anni da quando Grillo (certo più faceto e fantasioso del Gigino) parlava dei PiDioti, ma per la sottocultura anti/sistema del Movimento: una cultura anti/sistema che, in quanto tale, si conciliava con quella di Salvini nel negare una democrazia fondata sull’equilibrio tra sovranità popolare e suo esercizio nel rispetto delle regole. Una cultura che invece, nonostante le “liquidità” (!) intervenute, sta alla base delle tradizioni del PD, tanto cattolico/democratica, quanto socialriformista, anche nella versione del comunismo italiano.

Ciò posto, leggo e ascolto da qualche settimana, e per alcuni anche prima, le ragioni di parecchi amici che dissentono con trasparente dialettica, rispetto alle mie opinioni. Negli ultimi giorni poi, si fa strada l’idea e l’urgenza di fatto di una vera e propria resistenza alla deriva totalitaria di Salvini, fondata purtroppo sul consenso di un popolo ingannato dalla immotivata paura del pericolo immigrazione e della ostilità dell’Europa. Una deriva che non sono io certo a negare. Continua a leggere “Chi vivrà vedrà, l’amara speranza di non vedere, di Agostino Pietrasanta”

Il Foglio: Conte si ricandida premier. Ma con una maggioranza M5s-Pd

Il Foglio: Conte si ricandida premier. Ma con una maggioranza M5s-Pd

La marcia indietro di Salvini sulla crisi probabilmente non basterà. Ecco i punti che potrebbero costituire il nuovo contratto di governo tra sinistra e grillini

16 Agosto 2019 alle 13:53

1565955287710_1565955317.png--conte_si_ricandida_premier__ma_con_una_maggioranza_m5s_pd.png

Foto Facebook

La lettera di ferragosto pubblicata dal premier Giuseppe Conte sulla sua pagina Facebook apre un nuovo capitolo nella strana crisi di governo. In un lungo post, indirizzato al ministro dell’Interno Matteo Salvini, il presidente del Consiglio ha presentato pubblicamente il contenuto della comunicazione formale inviata due giorni fa da Conte al ministro dell’Interno con cui chiedeva al Viminale di “adottare con urgenza i necessari provvedimenti per assicurare assistenza e tutela ai minori presenti nell’imbarcazione” della Open Arms. La scelta del premier è una conseguenza del fatto che Salvini aveva riportato non correttamente il contenuto della nota, annunciando pubblicamente la decisione del premier di accogliere i migranti salvati dalla nave. Versione ora smentita dallo stesso presidente del Consiglio… continua su: https://www.ilfoglio.it/politica/2019/08/16/news/conte-si-ricandida-premier-ma-con-una-maggioranza-m5s-pd-269686/

Governo, Salvini risponde a Grillo: “Se insultandomi vogliono propinare alleanza Pd-M5s sbagliano”

Governo, Salvini risponde a Grillo: “Se insultandomi vogliono propinare alleanza Pd-M5s sbagliano”

“Se pensano con l’insulto di propinare un’alleanza Renzi-Grillo hanno sbagliato i loro conti e gli italiani non ci stanno”. Matteo Salvini, dopo il comizio di Soverato, risponde così a Beppe Grillo che lo ha attaccato nel suo blog: “Mi eleverò per salvare l’Italia dai nuovi barbari”, ha scritto in un post il comico. .  . di Giorgio Ruta – La Repubblica

Pubblicato il 11 ago 2019

video: https://www.youtube.com/watch?v=GOlZjdElFC8

Salvini dice sì al taglio dei parlamentari M5S: «Allora ritiri la mozione di sfiducia» La Lega va sotto, Conte in aula il 20 agosto

Salvini dice sì al taglio dei parlamentari M5S: «Allora ritiri la mozione di sfiducia» La Lega va sotto, Conte in aula il 20 agosto

A Palazzo Madama il ministro dell’Interno apre al taglio dei parlamentari. Poco prima aveva annunciato che non ritirerà i ministri dal governo

di Valentina Iorio e Redazione Online

13572340-kMgH-U31301714463570mVH-656x492@Corriere-Web-Sezioni.jpg

21,24 Uscendo dalla Camera Luigi Di Maio ha dichiarato: «Oggi siamo alla mossa della disperazione. Vedere Salvini dire non possiamo tagliare i parlamentari e poi cambiare idea li porta in un cul de sac: se votano la sfiducia a Conte non possono tagliarli, se vogliono tagliarli non possono votare la sfiducia a Conte». «Staremo a vedere quale genio gli abbia suggerito questa strategia», ha aggiunto il vicepremier e capo politico M5S, per poi invitare a Salvini a non chiamarlo più amico. «Gli amici sono leali sempre. D’ora in poi è bene chiamarci per nome e cognome e basta». E ancora: «Hanno trascinato l’Italia e gli italiani in una crisi di governo a ferragosto, ora stanno creando un pasticcio istituzionale dal quale non credo usciranno facilmente»

20,45 Il ddl sul taglio dei parlamentari è stato calendarizzato in aula alla Camera il 22 agosto nel pomeriggio. La mattina si riunirà la commissione Affari costituzionali per completare i lavori. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio.

19,25 Intanto, la conferenza dei capigruppo della Camera è stata spostata alle 20… continua su: https://www.corriere.it/politica/19_agosto_13/salvini-renzi-nuovo-governo-grazie-5-stelle-truffa-contro-italiani-a4268aae-bd9e-11e9-88cc-58d8f24ec1cd.shtml

Di Maio M5S: La Lega dopo averla bloccata per un anno oggi ha ceduto sulla proposta del taglio dei Parlamentari

Di Maio M5S: La Lega dopo averla bloccata per un anno oggi ha ceduto sul taglio dei Parlamentari

Così Luigi Di Maio sulla sua pagina facebook commenta l’intervento di Salvini al Senato sulla proposta del M5S di tagliare 345 parlamentari.

11 agosto 2019 a seguito della mozione di sfiducia di Salvini a Conte

Schermata 2019-08-13 a 19.58.45.png

Dopo un anno di fatiche e anche di speranza, non vi meritavate che qualcuno aprisse una crisi di Governo l’8 agosto. Perché una crisi di governo ora è assurda, ma soprattutto è pericolosa. Porta con sé la preoccupazione che a dicembre possa aumentare l’IVA. Che possa saltare Quota 100 per chi voleva andare in pensione o che possa scomparire la tassazione al 15% per chi ha una partita Iva. Perché causare tutto questo? La risposta a voi. Credo che l’abbiate ben compresa.

Qualcuno dice che all’Italia serva un Governo forte. Bene, ce l’avevamo un governo forte e la Lega lo ha fatto cadere. Era quel Governo che aveva fatto tante cose che ora rischiamo di perdere.

Tutti mi chiedono: “E ora che succede?”. Sento parlare di aperture, appelli e altri termini in politichese. Non ci sono giochi di palazzo che ci interessino, per il Movimento 5 Stelle ci sono semplicemente tre punti fondamentali:

1. Approvare subito il taglio di 345 parlamentari. Per la prima volta nella storia italiana c’è stata una forza politica che ha avuto il coraggio e la determinazione di eliminare le proprie poltrone. È un atto concreto, che vi farà risparmiare parecchi soldi e vi restituirà un Parlamento più efficiente. Ma è anche il simbolo di un cambiamento culturale e di mentalità della classe politica. Nessuno l’avrebbe mai fatto se non ci fosse stato il Movimento 5 Stelle. Ci aspettiamo adesso che nessun partito trovi scuse su questo, dopo che questa riforma ha già passato 3 voti di 4 necessari. Ne manca solo uno. Ci vogliono solo due ore ed è fatta. Solo due ore. E il mio appello è rivolto a tutte le forze politiche in Parlamento.

2. Approvato il taglio dei parlamentari, ci rivediamo subito in aula per capire chi abbia davvero intenzione di sfiduciare Giuseppe Conte come Presidente del Consiglio dei Ministri. Il Movimento 5 Stelle sarà al suo fianco fino alla fine.

3. Ci affidiamo alle decisioni del Presidente della Repubblica.

L’unica apertura da fare è al buon senso. Tagliamo 345 poltrone. Nessun inciucio, nessun giochetto. Solo mezzo miliardo in meno di sprechi da investire in scuole, strade e ospedali.

13 agosto 2019, oggi a seguito dell’interventi di Matteo salvini in Parlamento

Voglio darvi una buona notizia, dopo le proteste dei cittadini nelle piazze e sui social la Lega ha ceduto sul taglio dei parlamentari, una riforma del MoVimento 5 Stelle e che il Paese aspetta da anni. Settimana prossima tagliamo 345 parlamentari.

Sono ancora seriamente preoccupato per milioni di famiglie italiane e per il rischio che aumenti l’Iva. Non comprendiamo ancora le ragioni di tutto questo caos improvviso, in pieno agosto, senza senso.  Nessuno capisce i motivi di chi sta tentando di portare l’Italia sull’orlo del precipizio mentre i cittadini, invece, chiedono giustamente risposte.

Ma l’ho già detto: ognuno è artefice del proprio destino e certe cose si pagano. Il MoVimento si è sempre comportato con correttezza e lealtà, facendo il meglio per gli italiani. Ci basta sapere questo.  Ad ogni modo ho sentito dire ai leghisti, in un momento di euforia, che taglieranno anche gli stipendi dei parlamentari.  È giusto però che i cittadini sappiano che una proposta in tal senso già c’era, è nostra e la Lega l’ha bloccata per un anno. Continua a leggere “Di Maio M5S: La Lega dopo averla bloccata per un anno oggi ha ceduto sulla proposta del taglio dei Parlamentari”

Svolta di Grillo: sì al fronte anti-Salvini. E apre alla deroga sul terzo mandato

Svolta di Grillo: sì al fronte anti-Salvini. E apre alla deroga sul terzo mandato

Contatti Fico-Franceschini. I parlamentari in chat si rivoltano contro Di Maio a favore del patto con il Pd

ILARIO LOMBARDO 11 Agosto 2019

grillo

ROMA. «Ogni volta che deroghi a una regola la cancelli» è la frase di Gianroberto Casaleggio che il figlio Davide non potrà più rivendicare. Solo Beppe Grillo poteva salvare il M5S da se stesso, da suoi principi antichi o recentissimi, da una tattica fallimentare. Perché solo Grillo ha ancora il potere di plasmare a suo piacimento la creatura a cui ha dato vita.

Evitare il voto, fare un governo, qualunque, contro Matteo Salvini, derogare al terzo mandato soprattutto in caso i due obiettivi precedenti svanissero. «Dobbiamo fare dei cambiamenti? – scrive Grillo – Facciamoli subito, altro che elezioni, salviamo il paese dal restyling in grigioverde dell’establishment, che lo sta avvolgendo».

Il comico è risorto leader e fa valere il suo ruolo di garante cancellando in un post tutta la narrazione artificiale che vede Luigi Di Maio pretendere subito il voto. La contraddizione è solo apparente, perché quando Di Maio, al mattino, dice «andiamo a votare subito ma prima tagliamo 345 parlamentari», sa che sostiene due cose inconciliabili: se passasse quella legge, per le procedure costituzionali il voto slitterebbe di sei mesi… continua su: https://www.lastampa.it/politica/2019/08/11/news/svolta-di-grillo-si-al-fronte-anti-salvini-e-apre-alla-deroga-sul-terzo-mandato-1.37334808

PERNIGOTTI, MATRISCIANO (M5S): SALVAGUARDATE PRODUZIONE E OCCUPAZIONE

PERNIGOTTI, MATRISCIANO (M5S): SALVAGUARDATE PRODUZIONE E OCCUPAZIONE

“Da cittadina piemontese prima e da parlamentare del M5S poi, sono molto soddisfatta per l’accordo che il Governo, nella figura del Ministro Luigi Di Maio e del vicecapo di gabinetto del MiSE, Giorgio Sorial, ha raggiunto per la Pernigotti di Novi Ligure.

susy-matrisciano

Un risultato importante, direi storico visto che – com’è emerso durante il tavolo che si è svolto oggi presso il Ministero durante il quale è stato presentato l’accordo preliminare per la reindustrializzazione dello stabilimento – la produzione resterà a Novi e saranno salvaguardati tutti i posti di lavoro.

I due nuovi investitori, la cooperativa torinese Spes e l’imprenditore Giordano Emendatori, garantiranno al territorio sviluppo industriale e, appunto, attenzione e valorizzazione del capitale umano, due aspetti per me fondamentali.

Ancora una volta, abbiamo dimostrato qual è la nostra stella polare: quella di difendere i diritti e la dignità dei cittadini e di garantire a marchi storici, come Pernigotti, di rimanere dove devono stare, cioè nel nostro Paese”.

Lo afferma in una nota la senatrice piemontese del MoVimento 5 Stelle, Susy Matrisciano, capogruppo M5S in Commissione Lavoro al Senato.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)

M5S Alessandria – Disastro Cuttica: Sparito il piano di riequilibrio, dichiarazioni deliranti di Barosini

M5S Alessandria – Disastro Cuttica: Sparito il piano di riequilibrio, dichiarazioni deliranti di Barosini

movimento_5_stelle.jpg

Alessandria today: Nonostante la conferenza stampa di ieri della giunta, oggi saltano a sorpresa le commissioni bilancio sul piano di riequilibrio. Non c’è il parere positivo dei revisori che chiedono ulteriori modifiche. Tutto questo avviene mentre il consiglio comunale e le commissioni restano all’oscuro di tutto.

Come gruppo del Movimento 5 Stelle chiediamo che un piano ventennale importantissimo per la storia ed il futuro della nostra città venga affrontato con la massima serietà e la massima calma. Per questo chiederemo la convocazione di un ulteriore consiglio comunale prima della scadenza del 17 Agosto in modo da scongiurare il commissariamento e il dissesto. 

Nel frattempo l’ass. Barosini sbraita contro il comune e le stesse funzioni del suo assessorato. Vi pare normale che il responsabile dell’organizzazione dei servizi si lamenti del fatto di non essere in grado di gestire la situazione? La sua lagna di oggi sul Piccolo contro i dipendenti in ferie e contro il suo dirigente infortunato serve solo a distogliere l’attenzione dal fallimento del suo operato.  Per questo come gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle ne chiediamo le dimissioni.

Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle Alessandria.

Minori in affido, M5S: “Pretendiamo chiarezza anche da Palazzo Rosso” Al via l’azione capillare dei gruppi 5 Stelle in tutti i comuni del Piemonte

Minori in affido, M5S: “Pretendiamo chiarezza anche da Palazzo Rosso” Al via l’azione capillare dei gruppi 5 Stelle in tutti i comuni del Piemonte

Alessandria: Alla luce delle recenti inchieste in Emilia Romagna e su input del gruppo nazionale Pari Opportunità del Movimento 5 Stelle, in coordinamento con quelli regionali, il Gruppo Consiliare di del Movimento alessandrino formalizza un’interrogazione che sarà presentata anche in altri consigli comunali e in consiglio regionale. 

url.png

Un’interrogazione per chiarire le modalità di affido dei minori, dati e numeri dei servizi e per verificare la correttezza delle procedure adottate dagli organi competenti. A portare avanti la battaglia ad Alessandria sono i consiglieri Michelangelo Serra e Gentiluomo Francesco che hanno formalizzato l’atto in consiglio comunale e che, grazie alla sinergia con i gruppi pentastellati locali, verrà esteso anche agli altri consigli comunali del Piemonte.

Sono molti, ogni anno, i minori allontanati coattivamente dalle proprie famiglie e non sempre, secondo quanto emerso da alcune inchieste giornalistiche in Emilia Romagna, con motivazioni tali da giustificarne la drastica scelta. Urge una verifica anche in Piemonte. A tale proposito il Gruppo di lavoro Pari Opportunità ha elaborato una serie di attività ispettive volte a conoscere «quanti sono attualmente i bambini allontanati dalla famiglia di origine e per quale durata», «a quale tipologia di affidamento extra familiare (specificando se trattasi di famiglia affidataria, singola persona, comunità di tipo familiare e istituto di assistenza pubblico o privato) si è ricorso», «quanti sono gli esiti positivi di rientro/riaffido del minore alla famiglia di origine», e «quanti controlli gli organi di competenza del Comune hanno attivato negli ultimi cinque anni e con quali esiti». Continua a leggere “Minori in affido, M5S: “Pretendiamo chiarezza anche da Palazzo Rosso” Al via l’azione capillare dei gruppi 5 Stelle in tutti i comuni del Piemonte”

M5S. Maria Assunta Matrisciano: La Pernigotti riparte

M5S. Maria Assunta Matrisciano: La Pernigotti riparte

In questi giorni la Pernigotti riprende la produzione nello stabilimento di Novi Ligure.

67484307_471244456992912_6606019185715707904_n.jpg

Sappiamo benissimo quanto sia ancora lunga la strada davanti a noi per salvaguardare produzione e occupazione, ma il fatto che 70 operai (con l’obiettivo di arrivare a 130 entro Natale) ricomincino subito a fare torrone, cioccolato e gelati non può che essere una buona notizia.

Il Governo si è immediatamente messo al lavoro per Pernigotti, sia grazie alla reintroduzione – nel Decreto Genova – della cassa integrazione per cessazione cancellata dal Jobs Act sia avviando un confronto con la proprietà per giungere alla migliore soluzione possibile per decine di famiglie.

Passo dopo passo andiamo avanti avendo come unico interesse il benessere e la dignità dei lavoratori. In qualità di parlamentare del territorio, insieme ai miei colleghi darò un contributo affinché alla Pernigotti di Novi Ligure la situazione torni finalmente com’era un tempo.

Link al post facebook:

https://www.facebook.com/MatriscianoSusyM5S/photos/a.149269015857126/471244453659579/?type=3&theater

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)

Tav: Molinari (Lega), stop ‘No’ 5S, rispettare contratto e accordi internazionali

di Pier Carlo Lava

Alessandria today, su questo punto ci troviamo d’accordo con la Lega, le necessità di dare avvio alle grandi Opere, Tav in primis, alla luce della di stagnazione economica del paese è di vitale importanza per rilanciare l’economia e l’occupazione e dare una spinta alla crescita.  

Non si può sempre dire di No e decidere in esclusivamente in base all’analisi costi benefici, dato che se questa fosse stata fatta quando è stata costruita l’autostrada Milano – Genova con all’epoca un ridotto numero di auto in circolazione questa non sarebbe mai stata realizzata.

Riteniamo in politica non basti la pur necessaria onestà, ma serva anche maggiore lungimiranza e una visione in prospettiva, altrimenti il paese resta fermo mentre l’Europa e il mondo corrono veloci, con tutte le conseguenza del caso per l’Italia.

Tav: Molinari (Lega), stop ‘No’ 5S, rispettare contratto e accordi internazionali

Riccardo Molinari.jpg

Roma, 21 lug – “Grazie ai ‘No’ dei 5S alle opere il Paese ha perso già abbastanza tempo. La smettano di trovare ancora scuse sul Tav, che invece va realizzato nel rispetto del contratto di Governo e degli accordi internazionali.

Ora avanti tutta senza ‘se’, senza ‘ma’ e senza ulteriori ritardi per consentire agli italiani di viaggiare di più e meglio, spendendo e inquinando meno”.

Così il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari.

Il nostro Paese per una poltrona

Il nostro Paese per una poltrona

MoVimento 5 Stelle https://www.ilblogdellestelle.it/

Giocare sporco e su più tavoli, per una poltrona: ecco cosa c’è dietro la decisione presa dalla Lega sul voto al nuovo Presidente della Commissione UE von der Leyen.

Il nostro paese.png

Ora ci attaccano, come spesso fanno per sviare l’attenzione e accendere i riflettori su qualcosa di meno imbarazzante. Ma sono stati proprio loro ad ammettere questa “strategia”; una mossa che però non fa certo gli interessi degli italiani. Detto altrimenti, hanno sostenuto la volontà italiana di pesare in Europa per cambiare le regole, salvo poi fare marcia indietro quando non hanno ottenuto garanzie sulla poltrona di Commissario a cui guardavano dal giorno dopo il voto di maggio.

Vogliamo fermare la serie di menzogne che leggiamo in questi giorni e vogliamo fare chiarezza perché, come spesso accade, la verità è una cosa semplice: e i cittadini hanno il diritto di conoscerla.

Il MoVimento 5 Stelle ha lavorato per l’interesse del Paese, tutelando il lavoro portato avanti dal Presidente Conte in sede europea; un mandato sostenuto da tutte e due le forze di maggioranza, anche dalla Lega. Ma questo stesso partito, evidentemente, ha poi scelto di trattare privatamente, per il proprio interesse. Per una poltrona. L’europarlamentare leghista Donato, infatti, riprendendo uno scambio di battute di Claudio Borghi su Twitter conferma e rivendica la strategia: dissimulare un sostegno alla von der Leyen per poi sfilarsi e fare lo scaricabarile sul MoVimento.

Ma perché sfilarsi? Semplice, la trattativa non è andata a buon fine. Lo spiega bene Fabio Martini oggi su La Stampa: la priorità leghista era blindarsi la poltrona, non ottenere impegni dall’Europa su migranti, lavoro e ambiente. Continua a leggere “Il nostro Paese per una poltrona”

La priorità è il taglio del cuneo fiscale: la lettera di Luigi Di Maio al Sole 24 ore

La priorità è il taglio del cuneo fiscale: la lettera di Luigi Di Maio al Sole 24 ore

Luigi Di Maio ( Capo Politico del MoVimento 5 Stelle ) Governo 5 Stelle

https://www.ilblogdellestelle.it

Di seguito la mia lettera pubblicata dal Sole 24 Ore. 

LuigiDiMaio-852x568.jpeg

Gentile direttore, intervengo dalle pagine del suo giornale per affrontare un tema che mi sta molto a cuore e che nei prossimi giorni interesserà l’azione di Governo: la nuova legge di bilancio. E’ molto importante a mio avviso che tutto il Governo, nella sue espressione più alta che sono i ministri, avvii un percorso di dialogo ampio e costante che ci consenta di poter interpretare al meglio le esigenze di un Paese, l’Italia, che nonostante tutte le difficoltà della congiuntura internazionale, sta dando prova del suo immenso valore.

I dati sull’occupazione che vedono il massimo storico dal 1977, le performance del nostro export e anche i livelli dello spread ci incoraggiano a imprimere una vigorosa sterzata all’economia italiana. In questi sette anni che ho vissuto nelle istituzioni, prima da Vice Presidente della Camera e poi da Ministro dello sviluppo economico e del lavoro, ho avuto modo di constatare che solo uno sforzo veramente ampio e collettivo, quando si è alla guida della seconda forza manifatturiera d’Europa, può garantire il raggiungimento degli obiettivi desiderati, mentre le iniziative individuali mostrano il passo corto, finendo per esporre a grave frustrazione i medesimi promotori. Continua a leggere “La priorità è il taglio del cuneo fiscale: la lettera di Luigi Di Maio al Sole 24 ore”

Se si fanno le cose per il Paese il governo va avanti 4 anni

Se si fanno le cose per il Paese il governo va avanti 4 anni

di Luigi Di Maio ( Capo Politico del MoVimento 5 Stelle ) Di seguito la mia intervista al Corriere della Sera

luigi-di-maio-30124.660x3681.jpg

«Bisogna dire la verità al Paese». «La Lega sia responsabile Hanno vinto le Europee dimostrino qualcosa».

Luigi Di Maio, continua a ripetere che il governo durerà altri 4 anni ma intendete andare avanti così, litigando su tutto?
«Per noi il governo va avanti se fa le cose per gli italiani e se agli italiani dice la verità. Francamente non vedo litigi, vedo solo continui attacchi al M5S. Una volta sul salario minimo, un’altra sull’Europa, è un continuo e mi dispiace, ma se si fanno le cose per il Paese il governo va avanti 4 anni».

Intanto ieri vi siete scontrati sul voto per von der Leyen: ora l’Italia rischia l’irrilevanza nella nuova Commissione?
«Vede? Nessuno si è scontrato, noi non ci siamo scontrati, siamo stati attaccati ingiustamente. Dovrebbe chiedere alla Lega perché ha cambiato idea all’ultimo minuto. Dovrebbe chiedere loro perché hanno attacco noi e non Orbàn, che sono loro alleati e hanno votato la von der Leyen. Ecco, attaccassero Orbàn invece che il M5S. Pensi che alcuni europarlamentari leghisti hanno anche candidamente ammesso di aver dissimulato. Quindi che dobbiamo pensare?».

Che succede ora?
«Abbiamo sempre detto che il voto delle Europee è stato chiaro e spetta alla Lega la nomina del commissario. Se ora sono in grado di farselo nominare un commissario, dopo essersi isolati in Europa, ben venga. Altrimenti gli diamo una mano. Ad ogni modo in Europa daremo tutto il supporto necessario. La responsabilità è della Lega. Ripeto: hanno vinto le elezioni, ora sono loro prima degli altri a dover dimostrare qualcosa agli italiani».
Continua a leggere “Se si fanno le cose per il Paese il governo va avanti 4 anni”

Pernigotti, MATRISCIANO (M5S): Dal tavolo al MiSE segnali positivi.

Pernigotti, MATRISCIANO (M5S): Dal tavolo al MiSE segnali positivi

pernigotti 17luglio 2019.jpg

“Le due manifestazioni di interesse presentate da soggetti italiani per lo stabilimento Pernigotti di Novi Ligure, sulle quali sono in corso approfondimenti relativamente ai piani industriali, testimoniano il grande impegno profuso in questi mesi dal MiSE per giungere alla migliore soluzione possibile, salvaguardando entrambe le linee di produzione e l’occupazione di tutti i lavoratori che si trovano in cassa integrazione.

Il fatto che l’azienda abbia confermato lo stato avanzato delle trattative con i potenziali investitori, garantendo la continuità operativa degli impianti produttivi, è un segnale positivo che lascia fiduciosi per il futuro dello stabilimento”.

susy-matrisciano.jpg

Così in una nota Susy Matrisciano, senatrice del MoVimento 5 Stelle membro della Commissione Lavoro al termine del tavolo Pernigotti al MiSE.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Equità, giustizia sociale e redistribuzione del reddito non sono optional

Equità, giustizia sociale e redistribuzione del reddito non sono optional

di Pier Carlo Lava

A proposito di Reddito di cittadinanza e Salario minimo… secondo recenti studi sono circa 5 milioni gli italiani in difficoltà o “poveri” che in buona parte devono ricorrere all’aiuto di parenti e amici e/o rivolgersi alla Caritas e ad altri enti assistenziali per cercare di sopravvivere.

Reddito Equità italia-persone-povere-mense.jpg

Alessandria today: Abbiamo apprezzato e condiviso l’iniziativa voluta dal M5S relativa al Reddito di cittadinanza anche nel caso che questa non porti ai risultati sperati in termini di aumento dell’occupazione e rilancio dell’economia ma ovviamente si deve attendere per esprimere qualsiasi considerazione in merito, ritenendo comunque che sia stato compiuto un grande atto di giustizia sociale con un minimo di redistribuzione del reddito a  famiglie in grave difficoltà economica spinte da tempo ai margini della società.

Allo stesso modo anche se non è ancora stato approvato ma ci auguriamo che lo sia al più presto, condividiamo la necessità di attuare il salario minimo per tutti i lavoratori, come proposto dal M5S, che consideriamo un giusto e adeguato riconoscimento all’importanza del lavoro  svolto e un’iniziativa di riequilibrio che tra l’altro contribuirà a mettere più soldi nelle tasche degli italiani contribuendo al rilancio della nostra economia.

L’equità sociale in Italia negli ultimi decenni è stata alterata continuamente a senso unico determinando un considerevole aumento del divario fra le classi sociali ricche e tutte le altre che invece hanno da tempo difficoltà crescenti sino a precipitare verso livelli di povertà e oltre, queste iniziative ed altre che dovrebbero essere attuate in seguito sono finalizzate a riportare nel paese una situazione di giusto equilibrio visto  che ha ormai raggiunto livelli insostenibili.

La lezione di Peppino Impastato non si dimentica

La lezione di Peppino Impastato non si dimentica

a lezionedalla pagina facebook di Luigi Di Maio

C’è chi per anni ha alzato muri di silenzio e omertà fra i cittadini e le Istituzioni, tra la sete di giustizia e la verità sulle stragi. C’è chi ha trattato con la mafia alle spalle dell’Italia onesta, preoccupandosi solo di correre a insabbiare tutto. Noi siamo un’altra cosa e apriamo gli archivi della Commissione parlamentare antimafia ai cittadini.

Ringrazio il presidente Nicola Morra per il suo impegno: per la prima volta quei documenti non sono più un segreto. Tutti possono leggere con i propri occhi le pagine più torbide che hanno segnato il Paese, tutti devono poter ascoltare gli audio di eroi come Paolo Borsellino che hanno combattuto a costo della vita, senza mai chinare il capo. Né di fronte ai cosiddetti uomini d’onore, né al cospetto dei loro complici tra gli uomini di Stato.
La lezione di Peppino Impastato non si dimentica, la mafia è una montagna di merda. E tutti la devono vedere.

Ex Ilva – Arcelor-Mittal; La sicurezza dei lavoratori è sacra, ma questa battaglia non si può perdere

Ex Ilva – Arcelor-Mittal; La sicurezza dei lavoratori è sacra, ma questa battaglia non si può perdere

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: La sicurezza dei lavoratori è sacra quindi va tutelata la loro salute a cosa serve avere un posto di lavoro se poi si rischia di morire, perciò condividiamo questo braccio di ferro, ma attenzione perchè questa battaglia non si può assolutamente perdere dato che ci sono in ballo migliaia di posti di lavoro.

la sicurezza

dalla pagina facebook di Luigi Di Maio

Si è da poco concluso il tavolo Ilva che avevo aperto alle 14 di oggi pomeriggio.
Questo tavolo è stato convocato dopo la tragica scomparsa di Cosimo, l’operaio che lo scorso 10 luglio ha perso la vita dopo essere caduto da una gru a causa del maltempo e delle scarse condizioni di sicurezza.

Ad Arcelor-Mittal ho detto chiaramente che la sicurezza dei lavoratori all’interno dello stabilimento tarantino non è barattabile. La vita delle persone non è barattabile.
L’azienda ha assicurato che farà un maggiore sforzo negli investimenti in manutenzione e sicurezza, utilizzando anche i lavoratori al momento in cassa integrazione se necessario.
Dalla prossima settimana proprietà e sindacati, inizieranno una serie di incontri, perché non c’è più tempo da perdere e nessun tipo di messa in sicurezza può essere considerata di secondaria importanza.
Entro il 31 dicembre di quest’anno, verranno adottate, inoltre, delle nuove soluzioni che eviteranno che gli operai possano trovarsi in pericolo di fronte a fenomeni atmosferici straordinari come la tempesta dello scorso 10 luglio.

Ancora un abbraccio alla famiglia di Cosimo. Facciamo tutto ciò che è possibile.

Flat Tax, la proposta della Lega: tasse al 15% fino a 55 mila euro. Di Maio: se piano è pronto si faccia subito

Flat Tax, la proposta della Lega: tasse al 15% fino a 55 mila euro. Di Maio: se piano è pronto si faccia subito

di Redazione Economia

Clipboard-kyoD-U3130604403699lDG-656x492@Corriere-Web-Sezioni.jpg

«Il nostro obiettivo è la flat tax con un’unica deduzione fiscale che assorbirà tutte le detrazioni. Vogliamo portare al 15% l’aliquota fino a 55.000 euro di reddito familiare. Ci saranno benefici per 20 milioni di famiglie e 40 milioni di contribuenti. Ci sarà un grande impulso ai consumi e risparmi per 3.500 euro per una famiglia monoreddito con un figlio. C’è l’intenzione di portare nelle tasche 12-13 miliardi di euro».

Questo è il progetto di Flat Tax leghista, illustrato nel corso del tavolo al Viminale, secondo quanto riportano le parti sociali presenti. L’esposizione del progetto tanto caro alla Lega è stato affidato ad Armando Siri, l’ex sottosegretario alle Infrastrutture, costretto alle dimissioni a metà aprile, che partecipa comunque all’incontro indetto dal ministro dell’Interno con le parti sociali (leggi l’articolo di Cesare Zapperi sul ritorno di Siri al fianco di Salvini).

Circostanza che ha fatto infuriare il premier, Giuseppe Conte: «Se si tratta di un vertice di partito, la presenza di Siri va bene. Se è un vertice di governo, la presenza di Siri non va bene», ha detto il presidente del Consiglio. Che ha anche sottolineato che la «manovra economica si fa a palazzo Chigi, i tempi li decido io» (leggi qui l’articolo completo: Incontro Salvini-sindacati, Conte irritato: «Scorrettezza istituzionale»)… continua su: https://www.corriere.it/economia/tasse/19_luglio_15/flat-tax-proposta-lega-aliquota-familiareal-15percento-ma-fino-55-mila-euro-reddito-cf9aab2e-a6de-11e9-8722-90fee69fd06f.shtml

Il Senato da via libera al taglio di Deputati e Senatori

Il Senato da via libera al taglio di Deputati e Senatori

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Gli Italiani attendono da tempo che la politica riformi se stessa dando dimostrazione di essere capace di tagliare i costi, pur mantenendo l’efficienza della Istituzioni e non solo di chiedere come si è sempre fatto i sacrifici ai soliti noti e in particolare a quelli che hanno poco ma sono in tanti…

L’operazione però non è ancora definitivamente conclusa pertanto ci auguriamo che non venga bloccata anche questa volta come è già successo durante il Governo di Matteo Renzi, anche se va ricordato che si trattava di una proposta diversa in quanto riguardava specificatamente l’abolizione del Senato.

Riccardo Fraccaro m5s

Così Riccardo Fraccaro M5S sulla sua pagina facebook

Il via libera del Senato alla riduzione del numero di deputati e senatori è il penultimo voto per l’approvazione definitiva di una riforma epocale. Manca solo un passo e il taglio di 345 parlamentari sarà realtà. È un buon giorno per l’Italia.
Sono orgoglioso dei nostri senatori, Palazzo Madama ha dato per la seconda e ultima volta il suo voto favorevole al taglio dei parlamentari e ora cede il testimone alla Camera per l’approvazione finale.

I nostri parlamentari dimostrano, con i fatti e non con le parole, di mettere gli interessi dei cittadini davanti alle poltrone. Pd e Forza Italia hanno provato a fermare il cambiamento, votando contro la riforma. E dire che in passato queste forze politiche si erano espresse a favore del taglio del numero dei parlamentari. Continua a leggere “Il Senato da via libera al taglio di Deputati e Senatori”

Di Maio M5S chiede l’apertura di una Commissione d’inchiesta sui finanziamenti ai partiti

Di Maio M5S chiede l’apertura di una Commissione d’inchiesta sui finanziamenti ai partiti

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Indipendentemente dalla questione dei rubli russi che secondo la magistratura la Lega di Matteo Salvini avrebbe percepito, riteniamo che sia corretto e necessario per la trasparenza della politica nei confronti della quale molti hanno da tempo perso la fiducia e per onestà nei confronti dei cittadini, chiedere l’apertura di una Commissione d’inchiesta  sui finanziamenti ai partiti.

Se come sostiene Matteo Salvini di essere estraneo alla vicenda, che secondo quanto afferma è stata montata ad arte è vero non ha nulla da temere.

Luigi Di Maio.jpg

Luigi Di Maio M5S

In questi giorni sento un po’ di confusione in giro. Vi dico qual è l’Abc del fare politica per il MoVimento 5 Stelle:

a) quando il Parlamento chiama, il politico risponde, perché il Parlamento è sovrano e lo dice la nostra Costituzione. Peraltro quando si ha la certezza di essere strumentalizzati, l’aula diventa anche un’occasione per dire la propria, difendersi e rispondere per le rime alle accuse, se considerate ingiuste;

b) se ci sono sospetti su finanziamenti ai partiti, si fa una commissione di inchiesta per tutti i partiti.

Oggi c’è la legge SpazzaCorrotti, ma negli ultimi decenni non è stato così. Soprattutto è comico che sia il Pd a parlare di finanziamenti (dopo le coop rosse, dopo Mafia Capitale e dopo le indagini della magistratura che ancora coinvolgono i loro vertici).

La commissione di inchiesta sui finanziamenti ai partiti serve, va fatta subito e deve riguardare tutti, anche il MoVimento. Nessuno escluso. I cittadini quando votano devono sapere se la forza politica a cui stanno dando il loro consenso fa i loro interessi o quelli di qualcun altro;

c) riteniamo doveroso garantire la tracciabilità dei soldi che un partito incassa durante una campagna elettorale. Il MoVimento 5 Stelle, sempre con la SpazzaCorrotti, ha obbligato tutti a rendere pubbliche le donazioni che ricevono e su questo non ci si può tirare indietro.

Di Maio. M5S: Quattro nuove offerte per Alitalia

Di Maio. M5S: Quattro nuove offerte per Alitalia

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Il 15 luglio si chiudono i termini per la formazione del consorzio di imprese che dovrà rilanciare la nuova Alitalia. Ci auguriamo perciò che finalmente si trovi un accordo soddisfacente per tutte le parti in causa e sopratutto che la nostra Compagnia di bandiera esca definitivamente dai problemi di bilancio, che in diverse occasioni l’hanno portato sull’orlo del fallimento a causa della malagestio dei manager nominati dalle scelte politiche sbagliate dei Governi passati.

Alitalia.jpg

Oggi sono state presentate quattro offerte per la nuova Alitalia. Hanno avanzato un’offerta economica il patron della compagnia aerea Avianca, il gruppo Toto, il gruppo Atlantia e il patron della Lazio Claudio Lotito. È una buona notizia. Ci sono più possibilità di scelta.


Domani è una giornata importante, perché il Consiglio di Amministrazione di Ferrovie dello Stato dovrà scegliere il partner (o i partner) con cui iniziare il percorso per la nuova Alitalia. Auspico che si scelga tra le offerte più ambiziose e non tra quelle più conservative.
Continua a leggere “Di Maio. M5S: Quattro nuove offerte per Alitalia”

Mal che vada sarà stato un grande atto di giustizia sociale, di Pier Carlo Lava

Mal che vada sarà stato un grande atto di giustizia sociale

di Pier Carlo Lava

Premettiamo che con quanto segue non vogliamo fare il difensore d’ufficio di nessuno ma solo esternare le nostre considerazioni come cittadini su un argomento alquanto discusso e come al solito in politica criticato, senza attendere i tempi tecnici necessari per valutare serenamente quale potrà essere l’effettiva dimensione dei risultati conseguenti.

Mal che vada.jpg

Foto dall’archivio Ansa

Mal che vada sarà stato un grande atto di giustizia sociale e per come sono andate le cose negli ultimi 20 anni è un salto di qualità non da poco, lo aspettano poco meno del 10% degli italiani, sono circa 5milioni di poveri che negli ultimi 10 anni sono quasi raddoppiati (infatti erano 2,5 milioni).

“In Italia vivono 5 milioni di individui in condizione di povertà assoluta, il massimo dal 2005 sia in termini di famiglie (1,778 milioni, pari al 6,9% delle famiglie residenti) che in termini di singole persone (8,4% dell’intera popolazione). È il dato – aggiornato al 2017 – che ha fornito il presidente dell’Istat Maurizio Franzini durante un’audizione sulla Nota al Documento di economia e finanza del governo. Il fenomeno interessa il 6,2% dei cittadini italiani (3 milioni 349 mila) e il 32,3% degli stranieri (1 milione e 609 mila persone)”.*** Continua a leggere “Mal che vada sarà stato un grande atto di giustizia sociale, di Pier Carlo Lava”

Reddito di cittadinanza, aspettative, risultati e considerazioni, di Pier Carlo Lava

Reddito di cittadinanza, aspettative, risultati e considerazioni, di Pier Carlo lava

Alessandria today: Il Reddito di Cittadinanza è una legge prevista dal contratto definito delle due forze di maggioranza e approvata dal Governo Giallo Verde, M5S e Lega, ma fortemente voluta dal Movimento di Luigi di Maio che ne aveva fatto uno dei cavalli di battaglia con cui ha vinto le elezioni politiche.

arton67210.jpg

Un provvedimento che secondo il Governo era finalizzato a perseguire i tre seguenti obiettivi:

– Un aiuto concreto per circa 2,5 milioni di famiglie, con circa 5 milioni di italiani in difficoltà

– Un incentivo per agevolare la ricerca di un posto lavoro e aumentare l’occupazione

  • Un rilancio per l’asfittica economia italiana

Ovviamente essendo ancora nella fase iniziale è difficile valutare gli effetti del Reddito di Cittadinanza ma una cosa è certa è la prima volta che un Governo vara una legge che aiuterà concretamente alcune milioni di italiani in stato di difficoltà.

Ulteriori considerazioni in merito, saranno meno di quelli previsti dal Governo ad averne diritto, infatti in molti casi le domande presentate non sono state accettate in quanto mancanti dei requisiti di legge, oltre ai cittadini che non hanno ritenuto di presentare la richiesta e infine come sempre succede in Italia ci sarà anche chi lo  percepirà senza averne il diritto e che almeno per ora è sfuggito alle maglie di controllo dello Stato. Continua a leggere “Reddito di cittadinanza, aspettative, risultati e considerazioni, di Pier Carlo Lava”

MINORI, M5S: POLITICA NON PUO RIMANERE IN SILENZIO, SUBITO AL LAVORO PER RAFFORZARE TUTELA MINORI

Matrisciano M5S Inchiesta Angeli e Demoni

MINORI, M5S: POLITICA NON PUO RIMANERE IN SILENZIO, SUBITO AL LAVORO PER RAFFORZARE TUTELA MINORI

Susy Matrisciano.jpg

ROMA, 27 GIU 2019

Strappati alle famiglie d’origine accusate di violenze e rimasti con gli affidatari anche dopo l’archiviazione dei procedimenti contro i genitori naturali. Quanto emerge dall’inchiesta; Angeli e Demoni, che vede coinvolta anche una Onlus di Torino e che in queste ore ha portato a diverse ordinanze di custodia cautelare nei confronti di politici, medici e assistenti sociali per aver messo in piedi un vero e proprio sistema illecito di affidamento dei minori, rende urgente e necessario un intervento della politica, per far sì che avvenimenti simili non si ripetano mai più. Lo dichiarano i parlamentari piemontesi e valdostani di Camera e Senato del MoVimento 5 Stelle.

Proprio per questo la politica non può rimanere in silenzio e in tal senso, già dalla prossima settimana, alla Camera si lavorerà affinché ci siano norme chiare volte a tutelare i minori, come quelle già approvate sull’istituzione della commissione inchiesta sui fatti del Forteto e indagine conoscitiva della commissione Bicamerale Infanzia. Siamo certi che la giustizia farà il suo corso, impedendo di esercitare la professione a chi ha sbagliato. Nessun tipo di violenza sui minori, fisica o psicologica, può rimanere impunita. Soprattutto se questi reati sono commessi da chi, in nome delle istituzioni, dovrebbe proteggerli  concludono i parlamentari pentastellati.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)