Huffington Post: Salvini offre la premiership a Di Maio

Salvini offre la premiership a Di Maio

L’ultima carta per rientrare in gioco. “Faremo di tutto pur di evitare Pd e Leu al governo”. Anche se la via maestra, ufficialmente restano le elezioni

By Giuseppe Alberto Falci

5d5ef802250000340084a076.jpeg

ASSOCIATED PRESS

«Presidente, se si superano i problemi politici meglio riprovarci». Quando sono passate da poco le quattro del pomeriggio, Matteo Salvini guarda negli occhi il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e gli dice chiaramente che lui è disposto a tornare sui suoi passi, a riscrivere un contratto di governo dove i No diventino Sì, e a ridiscutere la squadra di governo. È l’ennesima giravolta di un Capitano che intende fermare il flirt tra il Pd e gli stellati. “Perché – assicura – l’Italia non può permettersi di perdere altro tempo, con un governo che litiga”. Salvini sa che in cuor suo Luigi Di Maio propenderebbe per un ritorno di fiamma con la Lega. È altrettanto consapevole che dentro la galassia grillina c’è una grossa fetta di parlamentari che non gradisce l’alleanza con “il partito di Bibbiano”. Ma è conscio del fatto che ormai “con Luigi non ci parliamo da giorni”.

E allora studia la contromossa. E per recupare il rapporto sarebbe tentato di tirar fuori dal cilindro una carta tenuta nascosta fin qui, ovvero offrire al ministro di Pomigliano D’Arco la premiership. Non è dato sapere se questa offerta sia stata veicolata all’alto Colle. Certo è che davanti al Capo dello Stato Salvini ha speso le stesse parole nei confronti di “Luigi” – lo chiama ancora così – che poi ha ripetuto davanti ai cronisti uscendo dalla Sala alla Vetrata: “Credo che Luigi abbia lavorato bene nell’interesse del Paese, agli insulti di altri preferisco non rispondere. Preferisco un governo che faccia che costruisca, che guardi avanti”… continua su: https://www.huffingtonpost.it/entry/salvini-offre-la-premiership-a-di-maio_it_5d5ef7c4e4b0dfcbd48aa094

Repubblica: Sondaggi, la crisi costa 3 punti alla Lega rispetto alle Europee. Pd e M5S recuperano

Sondaggi, la crisi costa 3 punti alla Lega rispetto alle Europee. Pd e M5S recuperano

224830562-aaa6ed71-4327-4cde-b40d-d38a2dd20cfb.jpg

Matteo Salvini, 46 anni (ansa)

Per Tecnè, il partito di Matteo Salvini sarebbe al 31.3%. Forza Italia in calo di mezzo punto, Fratelli d’Italia stabile.

ROMA – La Lega di Salvini sempre primo partito, ma in calo di 3 punti rispetto alle Europee. Pd e M5S che invece guadagnano, rispettivamente 2 e quasi 4 punti, rispetto allo scorso maggio. Lieve calo per Forza Italia, praticamente stabile Fratelli d’Italia. Nel giorno delle consultazioni al Quirinale per trovare una soluzione alla crisi di governo, è questo il quadro che emergerebbe se si andasse subito al voto, secondo un sondaggio Tecnè.

Il partito di Matteo Salvini sarebbe l’unico sopra il 30%, con un 31.3% che è comunque inferiore rispetto al 34.3% raccolto alle elezioni per il Parlamento europeo. Continua il recupero del Partito democratico guidato da Nicola Zingaretti, che secondo Tecnè oggi si attesterebbe al 24.6% (alle Europee aveva raccolto il 22.7%).

Anche il Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio, dopo il tracollo di maggio (17.1%), guadagnerebbe voti (20.8%). Mezzo punto in meno per Fi di Silvio Berlusconi, che passerebbe dall’8.8% di maggio all’8.3%, mentre per Fdi di Giorgia Meloni la variazione se si andasse subito alle urne sarebbe positiva, seppur minima, da 6.5% a 6.7%.

Male rispetto alle elezioni europee sia +Europa (da 3.1% a 2.5%) che Europa verde (da 2.3% a 1.8%) che La Sinistra (da 1.7% a 1.4%)… continua su: https://www.repubblica.it/politica/2019/08/22/news/crisi_governo_sondaggio_elezioni_lega_pd_m5s-234153611/

Crisi di governo, Conte va da Mattarella e si dimette. Mossa disperata della Lega: ritira mozione di sfiducia. Il premier replica: “Se Salvini non ha il coraggio, mi assumo io responsabilità”

Il Fatto Quotidiano. Crisi di governo, Conte va da Mattarella e si dimette. Mossa disperata della Lega: ritira mozione di sfiducia. Il premier replica: “Se Salvini non ha il coraggio, mi assumo io responsabilità”…

conte-salvini-1050x551.jpg

A Palazzo Madama finisce l’alleanza tra M5s e Lega dopo 445 giorni. Il premier parla per tre quarti d’ora, con i il leader del Carroccio seduto alla sua destra: “La decisione della Lega che ha presentato la mozione di sfiducia e ne ha chiesto l’ìmmediata calendarizzazione oltreché le dichiarazioni e comportamenti, chiari e univoci, mi impongono di interrompere qui questa esperienza di governo”.

Il ministro dell’Interno: “La via maestra sono le elezioni, così gli italiani giudicheranno. Ma se volete tagliare i parlamentari e andiamo a votare? Ci siamo”. Renzi: “Nuovo esecutivo per evitare aumento Iva”. Zingaretti: “Premier riconosca suoi errori e si apre nuova fase”. In serata il premier sale al Quirinale e si dimette: consultazioni da mercoledì alle 16 – CRONACA ORA PER ORA Continua a leggere “Crisi di governo, Conte va da Mattarella e si dimette. Mossa disperata della Lega: ritira mozione di sfiducia. Il premier replica: “Se Salvini non ha il coraggio, mi assumo io responsabilità””

Le capriole di Salvini

Le capriole di Salvini da MoVimento 5 Stelle

Il Ministro Salvini, fra un comizio e un mojito, è alla ricerca di un “centro di gravità permanente” che, suggeriva Battiato, non gli faccia mai cambiare idea sulle cose e sulla gente. “Suo malgrado” qui c’è una forza come il MoVimento 5 Stelle che ha invece deciso di agire in maniera decisa e credibile. Non c’è tempo da perdere con chi si dimostra inaffidabile, dobbiamo pensare agli interessi degli italiani.

WhatsApp-Image-2019-08-20-at-13.00.44-852x438.jpeg

Abbiamo sempre lavorato per obiettivi seri e concreti, sottoscritti in un Contratto di Governo su cui ci siamo dimostrati sempre leali. Altri si sono persi in dichiarazioni e slogan che sono tutto e il contrario di tutto.

Ecco lo strano “Vangelo secondo Matteo”, con le dichiarazioni del Ministro Salvini degli ultimi 10 giorni. A pensarci bene, il vero Vangelo ci aveva avvertito: «In verità vi dico, uno di voi mi tradirà».

Sul Governo del Presidente Conte: dalle minacce al telefono acceso…
– Andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c’è più una maggioranza e restituiamo velocemente la parola agli elettori. (8 agosto)
– Il 20 agosto sfiduceremo il premier Conte. (14 agosto)
– Se qualcuno vuole dialogare io sono qua, sono la persona più paziente del mondo e il mio telefono è sempre acceso.Di no l’Italia muore, un governo muore, abbiamo bisogno di sì, se qualcuno dice sì ragioniamo. (15 agosto)
– Se non c’è un governo la via maestra sono le elezioni. Altrimenti ci si risiede al tavolo e si lavora. Martedì ci sono all’ordine del giorno le comunicazioni del presidente del Consiglio: le ascolterò e vediamo cosa dirà. (18 agosto)
Continua a leggere “Le capriole di Salvini”

ANSA. Governo, Di Maio: ‘Salvini ha combinato un disastro, parola al Colle’

ANSA. Governo, Di Maio: ‘Salvini ha combinato un disastro, parola al Colle’

‘Salvini disperato, ha combinato un disastro’

518e88748b1e805fa25f8217893f8caf.jpg

Dialogo con il Pd a meno di un clamoroso colpo di scena del premier Giuseppe Conte: per il M5s resta la strada obbligata per il venir meno delle condizioni politiche per un riallaccio dei canali di dialogo con la Lega. Alla vigilia delle comunicazioni del premier Giuseppe Conte al Senato, a cui formalmente i 5 stelle si affidano per non scoprire le carte della strategia scelta per dare uno sbocco alla crisi, sembra questa l’unica alternativa al momento percorribile per evitare la fine anticipata della legislatura e il ricorso alle urne.

Di Maio attacca Salvini, che definisce “disperato per aver combinato un disastro”, dice di non voler né aprire né chiudere a nessuno e si affida al Quirinale “e al percorso istituzionale che vorrà delineare”. “Conte correttissimo – ha detto il leader M5S all’assemblea congiunta M5s- e un governo Renzi, Lotti e Boschi è frutto solo delle bufale della Lega”. Ma il Carroccio lo punge: “Noi siamo pronti al voto per il taglio dei parlamentari, il PD invece no”. E Zingaretti ribadisce che il PD attende le dichiarazioni di Conte e l’apertura della crisi: ‘O si forma un governo forte oppure meglio tornare a votare’ … continua su: http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2019/08/19/governo-conte-m5s-di-maio-lega-salvini-pd_cc30c0e4-cdbd-428a-8e87-e10b11b65c66.html

Boschi a Salvini: “Io una mummia?”. E posta foto in bikini

Boschi a Salvini: “Io una mummia?”. E posta foto in bikini

POLITICA

Boschi_Ftg_IPA.jpg

(Fotogramma)

Pubblicato il: 18/08/2019 19:49

“Salvini che dice: ‘siamo attaccati da un gruppo di renziani’ ci sta facendo uno spot pazzesco e neanche lo capisce. Per noi prima di tutto viene il Paese, non le ambizioni personali. #CapitanFracassa dice che io sono una mummia: un saluto a tutti dal mio sarcofago”.

ECRQYfHXoAUdTin.jpg

Lo scrive su Twitter Maria Elena Boschi, postando una foto in bikini con un gruppo di amiche al mare… continua su: https://www.adnkronos.com/fatti/politica/2019/08/18/boschi-salvini-una-mummia-posta-foto-bikini_YG21H3OIkTZvKJtUjpJdyH.html?refresh_ce

Salvini contestato a Massa e Pietrasanta

Salvini contestato a Massa e Pietrasanta

Slogan, striscioni, un corteo e urla: “Torna a casa”. Reggiseni appesi di notte al palazzo comunale del capoluogo per protestare contro il regolamento sul “decoro delle donne”

ABBONATI A 18 agosto 2019

Articoli Correlati

Fischi, urla e ‘Bella ciao’: le contestazioni contro Salvini a Marina di Pietrasanta

Massa, al corteo anti-Salvini una ‘Madonna’ sul baldacchino: “No odio, ma amore”

190044498-61a9fdc8-15ef-44eb-9d7a-4392a7e5d247.jpg

Lo striscione circondato da reggiseni affisso nella notte e rimosso stamani, sotto il palazzo comunale di Massa (ansa)

Uno striscione con scritto “La strada si conquista con la lotta femminista” circondato da reggiseni è stato affisso nella notte tra sabato e domenica, e subito rimosso nella mattinata, sotto il palazzo comunale di Massa, in polemica con il recente regolamento di polizia urbana del Comune guidato dal sindaco leghista Francesco Persiani, e in vista dell’arrivo oggi in città di Matteo Salvini.

Lo striscione è firmato dal collettivo femminista Kall, che sulla sua pagina facebook scrive: “Contro l’imbarazzante Daspo urbano partorito dalla nostra Giunta comunale, libere di vestirci come vogliamo, di mendicare, di ammiccare, di radunarci e di protestare”. Il collettivo invita a partecipare alla manifestazione di protesta contro Salvini, prevista per le 16 dal lungomare di Marina di Massa. La polemica sul regolamento di Massa, innescata da un tweet di Alessandro Gassman, riguarda il divieto, contro il fenomeno della prostituzione, di “mantenere abbigliamento indecoroso o indecente”… continua su: https://firenze.repubblica.it/cronaca/2019/08/18/news/massa_striscioni_e_reggiseni_contro_salvini-233870177/?ref=RHPPLF-BH-I233878760-C4-P4-S1.4-T1

Open Arms – Conte pressa e Salvini cede e autorizza lo sbarco dei minori

Open Arms – Conte pressa e Salvini cede e autorizza lo sbarco dei minori

Seconda lettera di Giuseppe Conte a Matteo Salvini, l’ennesimo capitolo della battaglia tra il presidente del Consigloi e ministro dell’Interno. La richiesta è sempre quella: far sbarcare i minori. E, s’intende, quelli imbarcati sulla Open Arms: 32, di cui 27 non accompagnati, su 134 persone in totale.

Il premier conferma la disponibilità di diversi Paesi Ue per l’ospitalità. Procura acquisisce documenti dalla Guardia Costiera. Disposta una ispezione medica a bordo. Salvini: ‘Vergogna ong, io non mollo’

Open-Arms.jpg

Foto: https://gazzettadelsud.it

La lettera di Giuseppe Conte ·

Gentile Ministro dell’Interno, caro Matteo,

ti scrivo questa lettera aperta perché il caso della nave Open Arms domina ormai le prime pagine dei giornali e perché sono costretto a constatare che anche la corrispondenza d’ufficio tra la Presidenza del Consiglio e il Viminale viene poi riportata sui giornali e allora tanto vale renderla pubblica all’origine, per migliore trasparenza anche nei confronti dei cittadini.

Ti ho scritto ier l’altro una comunicazione formale, con la quale, dopo avere richiamato vari riferimenti normativi e la giurisprudenza in materia, ti ho invitato, letteralmente, “nel rispetto della normativa in vigore, ad adottare con urgenza i necessari provvedimenti per assicurare assistenza e tutela ai minori presenti nell’imbarcazione”.
Con mia enorme sorpresa, ieri hai riassunto questa mia posizione attribuendomi, genericamente, la volontà di far sbarcare i migranti a bordo.
Comprendo la tua fedele e ossessiva concentrazione nell’affrontare il tema dell’immigrazione riducendolo alla formula “porti chiusi”. Sei un leader politico e sei legittimamente proteso a incrementare costantemente i tuoi consensi. Ma parlare come Ministro dell’Interno e alterare una chiara posizione del tuo Presidente del Consiglio, scritta nero su bianco, è questione diversa.
È un chiaro esempio di sleale collaborazione, l’ennesima a dire il vero, che non posso accettare.
Continua a leggere “Open Arms – Conte pressa e Salvini cede e autorizza lo sbarco dei minori”

Il Foglio: Conte si ricandida premier. Ma con una maggioranza M5s-Pd

Il Foglio: Conte si ricandida premier. Ma con una maggioranza M5s-Pd

La marcia indietro di Salvini sulla crisi probabilmente non basterà. Ecco i punti che potrebbero costituire il nuovo contratto di governo tra sinistra e grillini

16 Agosto 2019 alle 13:53

1565955287710_1565955317.png--conte_si_ricandida_premier__ma_con_una_maggioranza_m5s_pd.png

Foto Facebook

La lettera di ferragosto pubblicata dal premier Giuseppe Conte sulla sua pagina Facebook apre un nuovo capitolo nella strana crisi di governo. In un lungo post, indirizzato al ministro dell’Interno Matteo Salvini, il presidente del Consiglio ha presentato pubblicamente il contenuto della comunicazione formale inviata due giorni fa da Conte al ministro dell’Interno con cui chiedeva al Viminale di “adottare con urgenza i necessari provvedimenti per assicurare assistenza e tutela ai minori presenti nell’imbarcazione” della Open Arms. La scelta del premier è una conseguenza del fatto che Salvini aveva riportato non correttamente il contenuto della nota, annunciando pubblicamente la decisione del premier di accogliere i migranti salvati dalla nave. Versione ora smentita dallo stesso presidente del Consiglio… continua su: https://www.ilfoglio.it/politica/2019/08/16/news/conte-si-ricandida-premier-ma-con-una-maggioranza-m5s-pd-269686/

Governo, Salvini risponde a Grillo: “Se insultandomi vogliono propinare alleanza Pd-M5s sbagliano”

Governo, Salvini risponde a Grillo: “Se insultandomi vogliono propinare alleanza Pd-M5s sbagliano”

“Se pensano con l’insulto di propinare un’alleanza Renzi-Grillo hanno sbagliato i loro conti e gli italiani non ci stanno”. Matteo Salvini, dopo il comizio di Soverato, risponde così a Beppe Grillo che lo ha attaccato nel suo blog: “Mi eleverò per salvare l’Italia dai nuovi barbari”, ha scritto in un post il comico. .  . di Giorgio Ruta – La Repubblica

Pubblicato il 11 ago 2019

video: https://www.youtube.com/watch?v=GOlZjdElFC8

Conte. Presidente del Consiglio: Da Salvini una sleale collaborazione

Conte. Presidente del Consiglio: Da Salvini una sleale collaborazione

Sul suo profilo facebbok il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte scrive una lettera a Matteo Salvini:

Giuseppe Conte

Gentile Ministro dell’Interno, caro Matteo,

ti scrivo questa lettera aperta perché il caso della nave Open Arms domina ormai le prime pagine dei giornali e perché sono costretto a constatare che anche la corrispondenza d’ufficio tra la Presidenza del Consiglio e il Viminale viene poi riportata sui giornali e allora tanto vale renderla pubblica all’origine, per migliore trasparenza anche nei confronti dei cittadini.

Giuseppe Conte

Ti ho scritto ier l’altro una comunicazione formale, con la quale, dopo avere richiamato vari riferimenti normativi e la giurisprudenza in materia, ti ho invitato, letteralmente, “nel rispetto della normativa in vigore, ad adottare con urgenza i necessari provvedimenti per assicurare assistenza e tutela ai minori presenti nell’imbarcazione”.
Con mia enorme sorpresa, ieri hai riassunto questa mia posizione attribuendomi, genericamente, la volontà di far sbarcare i migranti a bordo.
Comprendo la tua fedele e ossessiva concentrazione nell’affrontare il tema dell’immigrazione riducendolo alla formula “porti chiusi”. Sei un leader politico e sei legittimamente proteso a incrementare costantemente i tuoi consensi. Ma parlare come Ministro dell’Interno e alterare una chiara posizione del tuo Presidente del Consiglio, scritta nero su bianco, è questione diversa.
È un chiaro esempio di sleale collaborazione, l’ennesima a dire il vero, che non posso accettare.
Come ho sempre pubblicamente rappresentato, il tema dell’immigrazione è un tema complesso. Va affrontato con una politica di ampio respiro, come ho provato a fare sin dal primo Consiglio Europeo al quale ho partecipato, a fine giugno 2018, evitando di lasciarci schiacciare dai singoli casi emergenziali.
Da subito ho elaborato una piattaforma politica fondata su sei premesse e dieci obiettivi, in modo da inserire tutte le singole iniziative in questa prospettiva strategica, sempre costantemente ispirata alla tutela dei diritti fondamentali e, in particolare, della dignità della persona e alla protezione dei nostri interessi nazionali, sovente compromessi nella gestione del fenomeno migratorio.
Continua a leggere “Conte. Presidente del Consiglio: Da Salvini una sleale collaborazione”

Renzi: “Salvini è in minoranza, si dimetta. Serve un governo di forze responsabili”

Renzi: “Salvini è in minoranza, si dimetta. Serve un governo di forze responsabili”

Franceschini e Martina aprono alla proposta lanciata da Bettini. Il segretario Zingaretti: “È il momento dell’unità e dell’allargamento delle forze per proporre un’alternativa al paese”. La vicesegretaria De Micheli in controtendenza: “La prospettiva più probabile sono le elezioni politiche”

123440544-37fb8b0c-e97f-416a-9529-0a76f5fe89fd.jpg

“Salvini ha fallito e si deve dimettere. Serve un esecutivo istituzionale. Tutte le forze responsabili diano vita a un esecutivo per evitare l’aumento dell’Iva al 25%”.

Mentre il Pd attende i prossimi passaggi parlamentari e discute di come affrontare i nodi delle alleanze e i rapporti di forza interni, Matteo Renzi in conferenza stampa al Senato appoggia ufficialmente il “lodo Bettini”, ossia la proposta di un accordo di legislatura con il M5s.

“Siamo di fronte a un fatto clamoroso – afferma Renzi –  e nella mia veste di ex premier trovo che sia un passaggio che non va sottovalutato: è la prima volta che si apre una crisi in pieno Ferragosto e si ipotizza di votare in piena sessione di bilancio, che la nomina del commissario Ue è fuori dall’ordine del giorno, che c’è un clima d’odio generalizzato.

Avverto il bisogno di lanciare un appello a tutte le forze politiche che oggi ha lo spazio per essere accolto: c’è una occasione che viene testimoniata dal voto sul calendario che forse oggi si terrà. Dico forse perché Salvini scopre di essere in minoranza”. Renzi poi dà ragione al segretario dem: “Zingaretti ha avanzato due richieste, unità e che la segreteria gestisca questo passaggio.

Sono richieste comprensibili, da accogliere, è giusto ci sia l’unità massima da parte delle forze politiche”. E aggiunge: “Non mi pento e sono orgoglioso di aver detto l’anno scorso all’accorso M5S-Pd. Ora ci sono condizioni opposte, è tutt’un’ altra storia rispetto a 18 mesi fa. Non c’è un accordo Pd-M5S suffragato dal voto popolare”.

In merito alla riduzione del numero di parlamentari proposta dal M5s, conclude: “Una riforma insufficiente, ma se ne può parlare”… continua su: https://www.repubblica.it/politica/2019/08/13/news/crisi_di_governo_il_pd_discute_del_governo_di_legislatura_con_il_m5s-233523981/?ref=RHPPLF-BH-I233502364-C8-P3-S1.8-T1

Salvini dice sì al taglio dei parlamentari M5S: «Allora ritiri la mozione di sfiducia» La Lega va sotto, Conte in aula il 20 agosto

Salvini dice sì al taglio dei parlamentari M5S: «Allora ritiri la mozione di sfiducia» La Lega va sotto, Conte in aula il 20 agosto

A Palazzo Madama il ministro dell’Interno apre al taglio dei parlamentari. Poco prima aveva annunciato che non ritirerà i ministri dal governo

di Valentina Iorio e Redazione Online

13572340-kMgH-U31301714463570mVH-656x492@Corriere-Web-Sezioni.jpg

21,24 Uscendo dalla Camera Luigi Di Maio ha dichiarato: «Oggi siamo alla mossa della disperazione. Vedere Salvini dire non possiamo tagliare i parlamentari e poi cambiare idea li porta in un cul de sac: se votano la sfiducia a Conte non possono tagliarli, se vogliono tagliarli non possono votare la sfiducia a Conte». «Staremo a vedere quale genio gli abbia suggerito questa strategia», ha aggiunto il vicepremier e capo politico M5S, per poi invitare a Salvini a non chiamarlo più amico. «Gli amici sono leali sempre. D’ora in poi è bene chiamarci per nome e cognome e basta». E ancora: «Hanno trascinato l’Italia e gli italiani in una crisi di governo a ferragosto, ora stanno creando un pasticcio istituzionale dal quale non credo usciranno facilmente»

20,45 Il ddl sul taglio dei parlamentari è stato calendarizzato in aula alla Camera il 22 agosto nel pomeriggio. La mattina si riunirà la commissione Affari costituzionali per completare i lavori. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio.

19,25 Intanto, la conferenza dei capigruppo della Camera è stata spostata alle 20… continua su: https://www.corriere.it/politica/19_agosto_13/salvini-renzi-nuovo-governo-grazie-5-stelle-truffa-contro-italiani-a4268aae-bd9e-11e9-88cc-58d8f24ec1cd.shtml

Di Maio M5S: La Lega dopo averla bloccata per un anno oggi ha ceduto sulla proposta del taglio dei Parlamentari

Di Maio M5S: La Lega dopo averla bloccata per un anno oggi ha ceduto sul taglio dei Parlamentari

Così Luigi Di Maio sulla sua pagina facebook commenta l’intervento di Salvini al Senato sulla proposta del M5S di tagliare 345 parlamentari.

11 agosto 2019 a seguito della mozione di sfiducia di Salvini a Conte

Schermata 2019-08-13 a 19.58.45.png

Dopo un anno di fatiche e anche di speranza, non vi meritavate che qualcuno aprisse una crisi di Governo l’8 agosto. Perché una crisi di governo ora è assurda, ma soprattutto è pericolosa. Porta con sé la preoccupazione che a dicembre possa aumentare l’IVA. Che possa saltare Quota 100 per chi voleva andare in pensione o che possa scomparire la tassazione al 15% per chi ha una partita Iva. Perché causare tutto questo? La risposta a voi. Credo che l’abbiate ben compresa.

Qualcuno dice che all’Italia serva un Governo forte. Bene, ce l’avevamo un governo forte e la Lega lo ha fatto cadere. Era quel Governo che aveva fatto tante cose che ora rischiamo di perdere.

Tutti mi chiedono: “E ora che succede?”. Sento parlare di aperture, appelli e altri termini in politichese. Non ci sono giochi di palazzo che ci interessino, per il Movimento 5 Stelle ci sono semplicemente tre punti fondamentali:

1. Approvare subito il taglio di 345 parlamentari. Per la prima volta nella storia italiana c’è stata una forza politica che ha avuto il coraggio e la determinazione di eliminare le proprie poltrone. È un atto concreto, che vi farà risparmiare parecchi soldi e vi restituirà un Parlamento più efficiente. Ma è anche il simbolo di un cambiamento culturale e di mentalità della classe politica. Nessuno l’avrebbe mai fatto se non ci fosse stato il Movimento 5 Stelle. Ci aspettiamo adesso che nessun partito trovi scuse su questo, dopo che questa riforma ha già passato 3 voti di 4 necessari. Ne manca solo uno. Ci vogliono solo due ore ed è fatta. Solo due ore. E il mio appello è rivolto a tutte le forze politiche in Parlamento.

2. Approvato il taglio dei parlamentari, ci rivediamo subito in aula per capire chi abbia davvero intenzione di sfiduciare Giuseppe Conte come Presidente del Consiglio dei Ministri. Il Movimento 5 Stelle sarà al suo fianco fino alla fine.

3. Ci affidiamo alle decisioni del Presidente della Repubblica.

L’unica apertura da fare è al buon senso. Tagliamo 345 poltrone. Nessun inciucio, nessun giochetto. Solo mezzo miliardo in meno di sprechi da investire in scuole, strade e ospedali.

13 agosto 2019, oggi a seguito dell’interventi di Matteo salvini in Parlamento

Voglio darvi una buona notizia, dopo le proteste dei cittadini nelle piazze e sui social la Lega ha ceduto sul taglio dei parlamentari, una riforma del MoVimento 5 Stelle e che il Paese aspetta da anni. Settimana prossima tagliamo 345 parlamentari.

Sono ancora seriamente preoccupato per milioni di famiglie italiane e per il rischio che aumenti l’Iva. Non comprendiamo ancora le ragioni di tutto questo caos improvviso, in pieno agosto, senza senso.  Nessuno capisce i motivi di chi sta tentando di portare l’Italia sull’orlo del precipizio mentre i cittadini, invece, chiedono giustamente risposte.

Ma l’ho già detto: ognuno è artefice del proprio destino e certe cose si pagano. Il MoVimento si è sempre comportato con correttezza e lealtà, facendo il meglio per gli italiani. Ci basta sapere questo.  Ad ogni modo ho sentito dire ai leghisti, in un momento di euforia, che taglieranno anche gli stipendi dei parlamentari.  È giusto però che i cittadini sappiano che una proposta in tal senso già c’era, è nostra e la Lega l’ha bloccata per un anno. Continua a leggere “Di Maio M5S: La Lega dopo averla bloccata per un anno oggi ha ceduto sulla proposta del taglio dei Parlamentari”

Toady.it: Cosa ha fatto il governo Conte e tutte le misure a rischio per la crisi

Cosa ha fatto il governo Conte e tutte le misure a rischio per la crisi

La fine del governo Conte rischia di lasciare nel limbo una serie di misure che hanno appena visto la luce, mentre altri provvedimenti, che hanno avuto la possibilità di esprimere i loro primi effetti, potrebbero avere vita breve

Luigi Di Maio e Matteo Salvini in un'immagine ripresa a Roma 8 luglio 2019-3

Redazione

Luigi Di Maio e Matteo Salvini in un’immagine ripresa a Roma, 8 luglio 2019. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

I rider, gli insegnanti e i lavoratori delle aree di crisi, ma anche il salario minimo, il reddito di cittadinanza e quota 100. La fine del governo Conterischia di lasciare nel limbo una serie di misure che hanno appena visto la luce, mentre altri provvedimenti, che hanno avuto la possibilità di esprimere i loro primi effetti, potrebbero avere vita breve. A preoccupare di più, al momento, sono il decreto legge imprese e ildecreto legge scuola, approvati all’inizio della settimana dal governo ‘salvo intese’ e che, secondo quanto disposto dal Cdm, dovrebbero approdare in Gazzetta ufficiale il 28 agosto.

Pensioni, 80 euro e reddito di cittadinanza: cosa succede se cade il governo

In pratica i decreti legge in questione non sono stati varati ma soltanto annunciati. Il decreto legge imprese, infatti, stanzia le risorse per aiutare i lavoratori delle aree in crisi industriale complessa (che si trovano in regioni come Sardegna e Sicilia), per la cassa integrazione e altro. Senza decreto non ci sarebbero lerisorse per sostenere i dipendenti delle aziende in difficoltà… continua su: https://www.today.it/economia/governo-conte-cose-fatte.html