Momenti di poesia. E se soltanto ti dicessi, amore, di Maurizio Donte

Momenti di poesia. E se soltanto ti dicessi, amore, di Maurizio Donte

E se soltanto ti dicessi, amore,

E se soltanto ti dicessi, amore,
del sole nato quand’è primavera,
sui prati verdi e le colline in fiore,
prima che scenda ancora un’altra sera?

Se ne va il tempo: scivola nel cuore
ogni momento che il ricordo invera:
lo rende eterno, privo di dolore,
o così almeno il mio pensiero spera.

Dirada l’ombra e tutto attorno canta,
il sogno antico, che non si allontana
dalle mie dita in cui lo stringo forte:

lo terrò in me, da qui fino alla morte,
ché dal dolore è lui che mi risana
e mi consola l’anima e l’incanta.

Maurizio Donte 21/2/2019

Momenti di poesia. Ianua Coeli, di Maurizio Donte

Momenti di poesia. Ianua Coeli, di Maurizio Donte

Ianua Coeli

Ianua Coeli

ABAB ABAB CDE EDC cFF

Tu che del cielo sei sublime porta,
scintilla accesa in noi sopra al Divino,
tu aurora che risplendi appena sorta,
e illumini i sentieri del cammino,

prega per noi perché la vita è corta
e dura il tempo breve d’un mattino:
nasce la luce all’alba e si fa smorta,
riducendosi a sera al lumicino,

ma di tempeste sai, la vita è piena,
non c’è diletto mai, né so il domani
che cosa porterà, finendo il giorno.

A te alzo gli occhi, Madre, nel ritorno
d’ogni pensiero buono tra le mani:
fai che la fine nostra sia serena,

che muti in noi la scena
di tanti anni trascorsi nel dolore;
non ci privare mai d’eterno Amore.

Maurizio Donte

Momenti di poesia. Tu sei per me soltanto un cuore ingrato, di Maurizio Donte

Momenti di poesia. Tu sei per me soltanto un cuore ingrato, di Maurizio Donte

maurizio donte

E nevica stasera sul mio cuore,

e sulla solitudine che sento

in me alle tue parole amare al vento.

Nevica sai, su questo nostro amore

tormentato, passato ormai al dolore

che porta ai giorni in cui nel sentimento

credevo ancora. Se ne va via lento,

svanisce nelle tenebre il fulgore

dei giorni in cui sorridevamo insieme;

ma ora il tempo ad altro ci conduce:

ad un futuro incerto che non so

se qui o in altrove forse troverò:

quel che soltanto in te io allora amai. Preme

nel cuore sai, il ricordo e la luce

negli occhi che traduce

il mio sentir per te quello che sai:

non lo scordare mai, quant’io t’amai. Continua a leggere “Momenti di poesia. Tu sei per me soltanto un cuore ingrato, di Maurizio Donte”

Momenti di poesia. Vita, di Maurizio Donte

Momenti di poesia. Vita, di Maurizio Donte

Vita (ibrido di canzone frottola Petrarchesca e terzina lirica, con parole rima e raccordo rimico interstrofico)

(Per acquistare il canzoniere postmaster@mauriziovetrieditore.com)

vita

A(b3)B(a5)cDB(c5)EAED

Se mai ci fosse in cuor anima e vita
ancora e non disperso amor d’allora,
ombra fuggita al vento
nel Mar che l’orma spazza dalla riva.
Nebbia mai fu l’incanto al sole ed ora
incede lento il mio pensar che piange
l’ultima sera che oramai è svanita
là dove l’onda silenziosa frange
e poi ritorna dove lei saliva.

Io ti ricordo come un fiore a riva
e vita m’eri amor che sei fuggita;
e in me furtiva piange
la memoria del tempo dell’allora
quando nel sole tu ti sei smarrita.
Così s’infrange ogni sogno spento,
ogni sperar che solo in me saliva
quando nell’ombra il mio pensare è un vento
che si domanda nel suo cuor: ed ora?
Continua a leggere “Momenti di poesia. Vita, di Maurizio Donte”

Momenti di poesia. E taccia il mio pensar su questa riva, di Maurizio Donte

Momenti di poesia. E taccia il mio pensar su questa riva, di Maurizio Donte

e taccia il mio pensar su questa riva

E taccia il mio pensar su questa riva
dove memoria dolorosa spinge
il solitario andar che il cuore stringe:
io di lei parlo, al mar che me ne priva,

d’istanti andati da cui lei fuggiva,
ma stanco è il giorno ed il ricordo stinge
nel tramontar del sol che in ciel dipinge
le nubi in viola al vento che ora arriva.

Notte verrà per me, che il greto ignora,
trascinando le pietre e sospirando
un’ora che ormai si è persa ma che amo

ancora. E luci su nell’alto chiamo
nello spirar di sera, disperando
che dell’amor sia sempre lei signora.

Maurizio Donte

Momenti di poesia. Se fosse stata mai memoria un vanto, di Maurizio Donte

Momenti di poesia. Se fosse stata mai memoria un vanto, di Maurizio Donte

Se fosse stata mai memoria un vanto

Se fosse stata mai memoria un vanto,
inclita Musa, per cui andai in deriva
sul mar più volte, disciogliendo il pianto
al sol morente mentre il dì fuggiva;

ci fosse ancora nel mio cuor l’incanto:
vela che spinge a te il mio amore, diva,
ma nulla muove sotto l’alto manto
di stelle in cielo; e del ricordo priva

è questa notte che ricerca il fiore
della luce che tutto inalba. Orme
saranno allora impresse sulla rena,

e il tempo avrà pietà della mia pena,
legando ogni tormento al canto. Dorme
oramai in me di lei l’ombra d’amore.

Se fosse mai… di Maurizio Donte

Se fosse mai… di Maurizio Donte

Op.188

48408735_1861769947268700_8659862745547538432_n

Se fosse mai…

AbC(d3)EF(g5) Hi
Canzone. Metro della 29, Francesco Petrarca
Su di uno schema di Arnaut Daniel de Riberac

Se fosse mai il futuro giorno ancora
splendente in cielo e bianco,
invece che dolente nel restare
al vento, privo sia d’amor che voglia;
distrutta vita nostra sulla riva,
che pur m’attira ed è senza sostegno
alcun che sia soave.

Così si sperde in aria come spora,
il pensier mio ch’è stanco
di viver senza alcun conforto, e amare
lo spento fuoco acceso da una foglia
consumata oramai e d’energia priva.
E poi sospira, rivedendo il segno
che mi lasciò in cuor, grave.

E fu così che fosti un dì signora
da cui giammai m’affranco,
e muore l’anno ed io non so sperare,
e sento in me svanir qualsiasi voglia,
che questa vita ancor mantenga viva.
Non più s’ammira la virtù e lo sdegno
resta come una trave

infissa in me, ma che ciascuno ignora.
Ed è il mio sogno un branco
di idee perdute in questo viver rare
e cento giorni non son che la soglia
dell’ultimo traguardo a cui s’arriva
là dove spira e al divenir del regno
si volta la mia nave,

a quel che so da me non esser degno,

di cui non ho la chiave.

Regolamento del concorso di poesia ” Amore… parole dal Cuore” 2019

Regolamento del concorso di poesia ” Amore….. .parole dal Cuore” 2019

da Maurizio Donte

Regolam

Nota introduttiva al regolamento:

Ai fini della partecipazione al concorso poetico “Amore parole dal cuore” e per evitare qualsiasi possibile controversia, il presente regolamento deve essere letto in ogni sua parte prima dell’adesione al concorso. Qualora fosse inviato materiale e/o documentazione non conforme a quanto specificato nel regolamento,  la commissione di vigilanza non ammetterà le opere e i rispettivi autori senza obbligo di darne comunicazione o motivarne l’esclusione. L’iscrizione al concorso comporta eventuale pubblicazione delle poesie inviate.

 L’invio della documentazione deve avvenire con un’unica mail che contenga tutti gli allegati necessari per l’iscrizione al concorso nelle modalità indicate nei punti successivi. Si invitano pertanto gli aspiranti concorrenti a verificare tutto il materiale prima dell’invio. La partecipazione rappresenta tacita accettazione di tutte le norme del regolamento. Continua a leggere “Regolamento del concorso di poesia ” Amore… parole dal Cuore” 2019″

Se fosse mai… di Maurizio Donte

Se fosse mai… di Maurizio Donte

se fosse mai

Se fosse mai…
AbC(d3)EF(g5) Hi
Canzone. Metro della 29, Francesco Petrarca
Su di un tema di Arnaut Daniel de Riberac

Se fosse mai il futuro giorno ancora
splendente in cielo e bianco,
invece che dolente nel restare
al vento, privo sia d’amor che voglia;
distrutta vita nostra sulla riva,
che pur m’attira ed è senza sostegno
alcun che sia soave.

Così si sperde in aria come spora,
il pensier mio ch’è stanco
di viver senza alcun conforto, e amare
lo spento fuoco acceso da una foglia
consumata oramai e d’energia priva.
E poi sospira, rivedendo il segno
che mi lasciò in cuor, grave.
Continua a leggere “Se fosse mai… di Maurizio Donte”

Canzone Petrarchesca, di Maurizio Donte

Canzone Petrarchesca, di Maurizio Donte

Canzone

Quando sull’onde vaga

abCabccdeeDfF fgG

Quando sull’onde vaga
la mia canzone al vento,
dentro al mio cuore sento ritornare
amor, eterna piaga
in petto; sentimento
nuovo che muove amare
idee e sopra le rare
foglie dei rami posa
in silenzio, pensando
a te, signora, quando
il tempo ed ogni possibile cosa
sembrava a noi venire,
andando oltre il giorno e il suo finire.
Continua a leggere “Canzone Petrarchesca, di Maurizio Donte”

E fu per me l’amore, di Maurizio Donte

E fu per me l’amore, di Maurizio Donte

E fu per me l’amore un dolce fuoco,
un sole nato, un raggio di mattina,
un segno dato al cuore, oppure un gioco,
prima che scenda tenebra e rovina.

Non sono altro ormai che un suono fioco,
un’onda che alla riva s’avvicina:
un vecchio che non vive se non poco,
la luce nella sera che declina.

Un canto nato e morto in un momento,
un’anima percossa da uragani;
un vento che non sai da dove viene

è il tempo ch’é passato e che non tiene,
ma corre attraversando le tue mani,
senza dire nient’altro che: mi pento.

The sound of silence, di Maurizio Donte

di Maurizio Donte

Dedicato a Simon and Garfunkel

Nel silenzio che c’è qua/, ti saluto

oscurità /che vieni, amica;… e in ment[e

e] nel cuore, sai, così lenta tu sorg[i

e] vai, come mai? Tutt’intorno a me, sent[o

il] tempo che corre e va/, ormai, nel vent[o…

e] la luce poi verrà; e dall’alto scorg[i

il] senso sai, che l’eterno, lentamente

scioglierà; chi lo sa? Io son perdut[o…

The Sound

e] m’aggiro per le vie della città,

fin quando il sole tornerà, alla gente

che non sa; e la ragione della vit[a

e] di tutti i guai, non saprà, mai…Smarrita

se ne andrà, ogni luce…e nelle spente

sere sai, resterà l’oscurità

e il suono del silenzio correrà

e morirà, nel vento…

Maurizio Donte

Concorso di poesia: Amore… parole dal Cuore, da Maurizio Donte

amore

da Maurizio Donte

Sono ad invitarvi, cari amici, a questo concorso, che mi onora d’aver scelto il sottoscritto, quale presidente di giuria.

REGOLAMENTO

1. L’associazione Culturale Ulmeta con il patrocinio del Comune di Ormea promuove il I Concorso di Poesia a tema imposto:

“Amore.parole dal Cuore”

2.Il Concorso è rivolto a chiunque abbia compiuto il 18° anno di età.
Le opere possono essere edite o inedite in lingua italiana ed eventualmente premiate in altri concorsi. Ogni concorrente ha la facoltà di presentare una sola poesia non superiore ai trenta versi.
3.L’iscrizione al Concorso non prevede versamento di somme di denaro. L’invito di partecipazione allo stesso e alla premiazione non impegna l’organizzazione a rimborsi spese e a obblighi di qualsiasi genere e natura nei confronti dei concorrenti.
4.Saranno assegnati tre premi alle prime tre opere. I premi consisteranno in diplomi d’onore e libri sulla cultura locale. Le prime tre opere saranno pubblicate sulla seconda edizione del volume edito dall’Associazione Culturale Ulmeta. 
In caso di impossibilità per gli autori di recarsi a Ormea, i premi verranno inviati.

Continua a leggere “Concorso di poesia: Amore… parole dal Cuore, da Maurizio Donte”

Una poesia di Maurizio Donte

Una poesia di Maurizio Donte

Maurizio Donte

E quando il vento largo sulla vela
muove la sua rincorsa alla scogliera,
di questa vita resta sulla tela
solo il giorno che termina la sera.

E nel venir futuro che si cela,
levando il canto al mare, alla bufera,
il domani è un disegno che si spera;
realtà dolente eterna che non svela

altro che il nereggiar sull’orizzonte
di nubi mosse che non sanno dove
le porta l’aria che rifrange il suono.

E nella notte in cui esplode il tuono,
o vivi nel destino che hai di fronte,
o navighi nel mondo dell’altrove.

Maurizio Donte
30/10/2018

Bella eri come il sole all’alba, di Maurizio Donte

Bella eri come il sole all’alba, di Maurizio Donte

Maurizio Donte

Bella eri come il sole all’alba quando
nasce e riversa la luce sui prati
e le colline, sui ricordi amati
d’una volta, sui giorni in cui sperando

in te vivevo ancora. Galleggiando
va via la primavera: trapassat[i
i] pensieri dalle parole; oscurati
dalle ombre che verranno. Non amando

passerò il tempo nuovo, e nelle sere
conterò i suoni in aria di campane
che rintoccano lente sulle case.

Vibra intorno il mistero e più lontane
le nubi condensano in pioggia. Nere
sensazioni che mutano di fase

evaporando. Spente
nuvole che s’indorano alla fine,
di una luce che va oltre il confine

dei dubbi e delle spine;
remote come ipotesi sul niente:
un cerchio che s’allarga nel presente.

Maurizio Donte 8/8/ 2018