Barbara Tartaglione: Perché non anche per i Comuni della Valle Bormida alessandrina?

Barbara Tartaglione: Perché non anche per i Comuni della Valle Bormida alessandrina?

Barbara Tartaglione

Lettera aperta ai Sindaci della Valle Bormida alessandrina.

L’Ospedale Policlinico San Martino di  Genova ha realizzato una  Indagine Epidemiologica in Val Bormida nei Comuni di Altare, Cairo Montenotte,Carcare, Cosseria e Dego, ASL 2 Regione Liguria.

Su questo studio, Comitato Sanitario Locale Val Bormida – WWF Sezione Savona – Progetto Vita e Ambiente -O.N.A.  Osservatorio Nazionale Amianto Dipartimento Val Bormida – Are Valbormida, hanno chiesto  alla Regione Liguria di fissare  un immediato incontro pubblico per un suo approfondimento e un’estensione a tutti i Comuni della Val Bormida. Continua a leggere “Barbara Tartaglione: Perché non anche per i Comuni della Valle Bormida alessandrina?”

Medicina Democratica: Imbarazzanti comportamenti dell’Arpa di Alessandria

Medicina Democratica: Imbarazzanti comportamenti dell’Arpa di Alessandria

Barbara Tartaglione 1a

Nella sua replica Alberto Maffiotti ha fatto una dichiarazione gravissima per un direttore dell’Arpa. Ha scritto: “ Per quanto riguarda la pubblicazione o meno di dati inerenti il processo [Solvay] mi dispiace ma dopo richiesta per la divulgazione il PM non ha acconsentito. Il sottoscritto non può divulgare atti che sono stati richiesti dalla magistratura ,atti che a quanto mi consta sono stati negati anche a Medicina Democratica dallo stesso magistrato”.  

Non è così. Il PM Ghio ha chiesto al tribunale di Appello di Torino di depositare agli atti le aggiornate analisi dell’Arpa dalle quali risulta il perdurare di una grave situazione ecosanitaria nella Fraschetta causata dalla Solvay.

La Solvay, ovviamente, si è opposta a inserire nuova documentazione agli atti, minacciando una espansione  del processo. Il tribunale ha deciso di non acquisire agli atti le nuove analisi dell’Arpa.

Come Medicina democratica, abbiamo così chiesto al PM Ghio copia del documento Arpa. Il PM ci ha risposto di non poterlo ricevere dal tribunale di Torino, dunque di richiederlo direttamente all’Arpa. Continua a leggere “Medicina Democratica: Imbarazzanti comportamenti dell’Arpa di Alessandria”

Barbara Tartaglione: Maffiotti, se ci sei batti due tre colpi

Barbara Tartaglione: Maffiotti, se ci sei batti due tre colpi

Barbara Tartaglione 1a

Alessandria: Alberto Maffiotti magari ci considera un po’ prevenuti nei confronti dell’Arpa da lui diretta, però per le deludenti esperienze passate ci sentiamo immuni da critiche.

Ad esempio, per quanto riguarda la Solvay, gli abbiamo chiesto, più volte, di fornirci e rendere pubbliche le ultime analisi che per la loro gravità il pm Ghio intendeva produrre al processo di appello a Torino, e invece ha fatto orecchie da mercante.

Sempre restando nell’orbita dell’azienda chimica di Spinetta Marengo, malgrado ripetuti solleciti anche per quanto riguarda il Pfoa è caduto in un catatonico silenzio, proprio mentre in Veneto è in corso una emergenza sanitaria regionale e nazionale.

Siamo estremamente perplessi anche per quanto riguarda le sue non-dichiarazioni in merito alla fuga del pericolosissimo PFIB, tossico e cancerogeno.  Continua a leggere “Barbara Tartaglione: Maffiotti, se ci sei batti due tre colpi”

Barbara Tartaglione e Lino Balza: Le responsabilità dei giornalisti

Barbara Tartaglione e Lino Balza: Le responsabilità dei giornalisti

Barbara Tartaglione

Lino Balza copia

Che il  processo Montedison Solvay abbia costretto o avviato la bonifica è una balla colossale, propaganda di avvocati della difesa e dell’accusa che giustificano le loro parcelle. Si accollano una grossa responsabilità morale quei giornalisti che l’avallano: inferiscono un grave danno agli alessandrini, disarmandoli.

Si aggiungono a quella cattiva informazione che c’è stata per cinquanta anni e che ha contribuito, attenuando le mie denunce e coprendo il dolo dell’azienda, al disastro ecosanitario di Spinetta Marengo.

Onestamente i giornali dovrebbero chiedere ad Arpa, e pubblicare, quale è lo stato dell’avvelenamento della falda a dieci anni dall’avvio del processo: tutti avrebbero conferma che nessuna bonifica è stata avviata perché non si possono definire bonifica le cosiddette “barriere idrauliche” (prelevare un lago d’acqua e “lavarlo”) o le fantasiose “punturine di ditionito di sodio”, perché la bonifica –l’unica vera ma costosissima-   consiste nell’eliminare i 21 veleni cancerogeni dal terreno altrimenti destinati a sciogliersi come cocktail in falda finchè usciranno da tutti i rubinetti. Continua a leggere “Barbara Tartaglione e Lino Balza: Le responsabilità dei giornalisti”

Lino Balza: Informazione e disinformazione

Lino Balza: Informazione e disinformazione

Lino Balza copia

Alessandria: Per 40 anni Lino Balza e Medicina democratica sono stati sinonimi,  anche tramite una opinione pubblica locale e nazionale  subissata dei miei interventi.   Perciò chi ha aperto alcuni organi di informazione ha letto che “Medicina democratica esprime moderata soddisfazione per la sentenza Montedison-Solvay”. Molti lettori saranno stati tratti in inganno interpretando: “Balza e la Sezione esprimono moderata soddisfazione”. L’autore della soddisfazione era invece tale Fulvio Aurora.

Il quale di Spinetta e del processo non sa un’acca e dei lavoratori e dei cittadini alessandrini non gliene è mai fregato un piffero. Se l’informazione fosse stata completa, i lettori avrebbero anche conosciuto i pesanti giudizi di insoddisfazione espressi nel nostro comunicato stampa: riportato qui sotto. Continua a leggere “Lino Balza: Informazione e disinformazione”

Moderata soddisfazione di Medicina Democratica per la sentenza in Corte di Assise Di Appello a Torino per il Processo SOLVAY DI SPINETTA MARENGO (ALESSANDRIA) .

Moderata soddisfazione di Medicina Democratica per la sentenza in Corte di Assise Di Appello a Torino per il Processo SOLVAY DI SPINETTA MARENGO (ALESSANDRIA) .

Si attende adesso il ricorso per Cassazione.

Moderata

“Medicina Democratica esprime una moderata soddisfazione in relazione alla sentenza emessa questo pomeriggio dalla Prima Corte di Assise di Appello di Torino, in merito al processo Solvay di Spinetta Marengo-Alessandria, che conferma l’impianto della sentenza  dalla Corte di Assise di Alessandria del 14 dicembre 2015: sono state confermate infatti, nella sostanza, le pene pecuniarie a favore delle parti civili costituite e la condanna alla bonifica del sito, ex art. 300 D.Lgs. 152/06″, è quanto ha dichiarato Fulvio Aurora, responsabile nazionale delle vertenze giudiziarie di Medicina Democratica. “Siamo convinti- ha aggiunto Fulvio Aurora- che il Procuratore Generale Marina Nuccio ricorrerà per Cassazione:  Medicina Democratica si associerà di conseguenza “.  In gioco, infatti c’è sempre il reato di avvelenamento doloso delle falde acquifere di un vasto territorio, che arriva a lambire anche il comune di Alessandria. Continua a leggere “Moderata soddisfazione di Medicina Democratica per la sentenza in Corte di Assise Di Appello a Torino per il Processo SOLVAY DI SPINETTA MARENGO (ALESSANDRIA) .”

Barbara Tartaglione: Appello Solvay-Montedison in Corte di Assise a Torino. Tragedia e farsa.

Barbara Tartaglione: Appello Solvay-Montedison in Corte di Assise a Torino. Tragedia e farsa.

Barbara Tartaglione

E’ stato trasmesso un comunicato stampa a firma di Fulvio Aurora “responsabile delle vertenze giudiziarie”. Non si comprende a quale titolo egli parli non sapendo neppure dove è ubicato il polo chimico di Spinetta Marengo (Alessandria), non conoscendo nulla del processo Montedison-Solvay, non avendo partecipato alle udienze né del primo grado né di questo Appello in Corte d’Assise di Torino.

L’unico che ha titolo in questo processo di parlare a nome di “Medicina democratica Movimento di lotta per la salute” è la Sezione di Alessandria, cioè Lino Balza che dal primo giugno 1970 è della fabbrica la memoria storica e soprattutto il protagonista nazionale di mezzo secolo di lotte e conseguenti rappresaglie (cassa integrazione, tre trasferimenti, mobbing, anni di dequalificazione professionale, di inattività assoluta, oltre ad uno stillicidio di tentati provvedimenti disciplinari e vertenze minori e, dulcis in fundo, il licenziamento. Balza è ricorso a 7 cause in pretura, 4 in appello, 2 in cassazione, tutte sudate col sangue, tutte concluse a suo favore). Continua a leggere “Barbara Tartaglione: Appello Solvay-Montedison in Corte di Assise a Torino. Tragedia e farsa.”

Presidio di Medicina Democratica in Corte di Assise di Appello a Torino, per il processo contro la SOLVAY di Spinetta Marengo -Alessandria

Presidio di Medicina Democratica in Corte di Assise di Appello a Torino, per il processo contro la SOLVAY di Spinetta Marengo -Alessandria

Solvay Presidio Medicina Democratica 20 giugno Tribunale Torino

Presidio di Medicina Democratica, mercoledì 20 giugno, davanti al Tribunale di Torino per il processo in Corte di Assise di Appello, contro alcuni dirigenti della SOLVAY DI SPINETTA MARENGO-ALESSANDRIA: l’accusa pesante è di “avvelenamento doloso”

Siamo giunti a una fase cruciale del processo contro l’Ausimont-Solvay di Spinetta Marengo-Alessandria, e questa volta l’accusa è di quelle pesanti e inequivocabili, perchè si tratta di “avvelenamento doloso” ai danni delle falde acquifere di un vasto territorio che arriva a lambire la città di Alessandria: “per questo – ha dichiarato Fulvio Aurora, responsabile nazionale delle vertenze giudiziarie di Medicina Democratica – saremo presenti, mercoledì 20 giugno, con un presidio davanti alla Tribunale di Torino, in Corso Vittorio Emanuele II, n° 130, durante l’intera mattinata, in attesa della sentenza della Corte di Assise di Appello nel processo in cui ci siamo costituiti parte civile”. Continua a leggere “Presidio di Medicina Democratica in Corte di Assise di Appello a Torino, per il processo contro la SOLVAY di Spinetta Marengo -Alessandria”

Lino Balza: MEMORIA DI REPLICA IN CORTE DI ASSISE D’APPELLO DI TORINO

Lino Balza: MEMORIA DI REPLICA IN CORTE DI ASSISE D’APPELLO DI TORINO

Lino Balza copia

Se fossi giudice o giurato, la notte prima della sentenza, probabilmente qualche indecisione mi resterebbe sulle esatte entità delle reclusioni. Ma non sul reato di dolo. Sul dolo non può sorgere il minimo dubbio: gli imputati erano pienamente consapevoli di quello che hanno fatto per anni, e l’hanno fatto per lucro. Non meritano attenuanti. Io non sono qui, in Corte di Assise d’Appello, per soldi o per vendetta. Dalla sentenza a me non entrerà in tasca neppure una lira. E neanche per vendetta, perché sono convinto che nessun condannato andrà in galera: o per età o per prescrizione o perché è nei Caraibi. Sono qui per chiedere un po’ di giustizia per le vittime. 

Per ricordare che nel processo non sono protagonisti articoli del codice agitati e mescolati da toghe, bensì donne e uomini in carne ed ossa. Donne e uomini vittime nel loro ambiente di vita e lavoro: malate/i e morte/i nel passato nel presente nel futuro. Malattie e morti provocate con dolo, dolo cosciente non colpa, provocate da uomini anch’essi in carne e ossa. Da una parte innocenti che pagano, dall’altra rei che non hanno ancora pagato. Continua a leggere “Lino Balza: MEMORIA DI REPLICA IN CORTE DI ASSISE D’APPELLO DI TORINO”

Barbara Tartaglione. Medicina Democratica: Fraschetta, Sezzadio, Valledora, Valle Scrivia. Quattro bombe ecologiche nel cuore del Piemonte, a pochi chilometri di distanza fra di loro.

Barbara Tartaglione. Medicina Democratica: Fraschetta, Sezzadio, Valledora, Valle Scrivia. Quattro bombe ecologiche nel cuore del Piemonte, a pochi chilometri di distanza fra di loro.

Barnara Tartaglione

Una, già esplosa, è arcinota essendo oggetto di denunce quarantennali da parte della Sezione provinciale di Alessandria di Medicina democratica, e di un  processo in corso alla Corte di Assise d’Appello a Torino per avvelenamento doloso della falda acquifera provocato da un cocktail di 21 scarichi cancerogeni della Montedison/Solvay a Spinetta Marengo (Alessandria): chiesti per gli amministratori imputati fino a 17 anni di reclusione.

La seconda è rappresentata dalle cave di scorie amiantifere, provenienti dagli scavi del tunnel Tav Terzo Valico ligure piemontese,  che si vorrebbero disseminare lungo la Valle Scrivia e in tutta la provincia alessandrina. Continua a leggere “Barbara Tartaglione. Medicina Democratica: Fraschetta, Sezzadio, Valledora, Valle Scrivia. Quattro bombe ecologiche nel cuore del Piemonte, a pochi chilometri di distanza fra di loro.”

Barbara Tartaglione: Quattro bombe ecologiche nel cuore del Piemonte

Barbara Tartaglione: Quattro bombe ecologiche nel cuore del Piemonte

Barbara Tartaglione

Alessandria: Fraschetta, Sezzadio, Valledora, Valle Scrivia. Quattro bombe ecologiche nel cuore del Piemonte, a pochi chilometri di distanza fra di loro.

Una, già esplosa, è arcinota essendo oggetto di denunce quarantennali da parte della Sezione provinciale di Alessandria di Medicina democratica, e di un  processo in corso alla Corte di Assise d’Appello a Torino per avvelenamento doloso della falda acquifera provocato da un cocktail di 21 scarichi cancerogeni della Montedison/Solvay a Spinetta Marengo (Alessandria): chiesti per gli amministratori imputati fino a 17 anni di reclusione.

La seconda è rappresentata dalle cave di scorie amiantifere, provenienti dagli scavi del tunnel Tav Terzo Valico ligure piemontese,  che si vorrebbero disseminare lungo la Valle Scrivia e in tutta la provincia alessandrina. Continua a leggere “Barbara Tartaglione: Quattro bombe ecologiche nel cuore del Piemonte”

Balza: Medicina democratica è democratica? E’ Movimento di lotta?

Balza: Medicina democratica è democratica? E’ Movimento di lotta?

MedicinaCONGRESSO-MEDICINA-DEMOCRATICA-1

https://rete-ambientalista.blogspot.it

L’Associazione, oggi, alla denominazione “Medicina democratica Movimento di lotta per la salute”? Insomma, Medicina democratica democratica? E ‘il Movimento di Lotta? “Democrazia” sostanza, anche forma, ma soprattutto sostanza. La sostanza della democrazia la “partecipazione”.

Sono stati, questi, i principi fondanti dell’Associazione di Giulio Maccacaro. Senza partecipazione non esiste democrazia sostanziale. Dopo 40 anni dalla sua fondazione, l’adesione ridotta a un paio di anni di soci. Scandalizzante.

Vieni partecipa poi questo minuscolo numero di Soci alla vita dell’Associazione? Ebbene, ad aprile 2018, si tenuto il nono Congresso Nazionale a Napoli. Quanta partecipazione era stata nei Congressi di Sezione? Nessuna: ad eccezione di Alessandria e Livorno, che hanno esercitato partecipazione e democrazia, non si è svolto nessun Congresso territoriale !! Continua a leggere “Balza: Medicina democratica è democratica? E’ Movimento di lotta?”

Medicina democratica è democratica? E’ Movimento di lotta?

Medicina democratica è democratica? E’ Movimento di lotta?

MedicinaCONGRESSO-MEDICINA-DEMOCRATICA-1

https://rete-ambientalista.blogspot.it

L’Associazione, oggi, alla denominazione “Medicina democratica Movimento di lotta per la salute”? Insomma, Medicina democratica democratica? E ‘il Movimento di Lotta? “Democrazia” sostanza, anche forma, ma soprattutto sostanza. La sostanza della democrazia la “partecipazione”. Sono stati, questi, i principi fondanti dell’Associazione di Giulio Maccacaro. Senza partecipazione non esiste democrazia sostanziale.

Dopo 40 anni dalla sua fondazione, l’adesione ridotta a un paio di anni di soci. Scandalizzante. Vieni partecipa poi questo minuscolo numero di Soci alla vita dell’Associazione? Ebbene, ad aprile 2018, si tenuto il nono Congresso Nazionale a Napoli. Quanta partecipazione era stata nei Congressi di Sezione? Nessuna: ad eccezione di Alessandria e Livorno, che hanno esercitato partecipazione e democrazia, non si è svolto nessun Congresso territoriale !! Continua a leggere “Medicina democratica è democratica? E’ Movimento di lotta?”

Al vicepresidente replica Lino Balza: Medicina democratica c’est moi.

Balza lino

Lino Balza risponde a Marco Caldiroli, vicepresidente di Medicina Democratica.

Replica su Alessandria Today

In Medicina democratica c’era una volta una “Lista Soci” democratica, nella quale potevano interloquire tutti. E’ stata abolita. Oggi abbiamo una newsletter ad uso privato, di Marco Caldiroli, dove può scrivere solo lui o chi decide lui. Caldiroli, che non avrebbe nessun titolo a monopolizzare la newsletter (per Statuto il vice presidente ha l’esclusivo compito di sostituire il presidente in caso di momentanea assenza, e non abitualmente in toto) il plenipotenziario Caldiroli, sfruttando il molto tempo libero che gode durante l’orario di lavoro, sull’ultima sua  newsletter su AlessandriaToday mi ha pubblicamente insultato: di “operare discredito nei confronti di Medicina Democratica”.

Medicina democratica c’est moi.

Da 40 anni Balza è: Medicina democratica, o viceversa se dir si vuole, Balza è sinonimo di Medicina democratica, dentro e fuori Alessandria, quando scrivo non ho bisogno dell’etichetta Medicina democratica, mi firmo Lino Balza: basta e avanza. Dunque, se io sono Medicina democratica, potrei denigrare me stesso? 50 anni di lotte sulla mia pelle? Contraddizione in termini. Continua a leggere “Al vicepresidente replica Lino Balza: Medicina democratica c’est moi.”

Marco Caldiroli, Medicina Democratica: Le code velenose di Lino Balza

Mecdicina Democratica

Le “code velenose” che Lino Balza attribuisce a Medicina Democratica Movimento di Lotta per la Salute Onlus sono destituite di ogni fondamento e rappresentano solo l’astio e l’acredine di quest’ultimo che è arrivata più volte a divenire offesa e insulto personale nei confronti di soci che esprimevano posizioni differenti passando da un legittimo dissenso ad una opera di discredito nei confronti della nostra associazione.

  • Medicina Democratica ha nominato un proprio legale nella persona dell’Avv. Laura Mara e ha sostenuto l’intero andamento del processo in primo grado (e continuerà durante l’appello fino alla sentenza finale) anche con relazioni tecniche prodotte dal compianto Luigi Mara e da altri. Abbiamo offerto a parti civili individuali di avvalersi – pressocchè gratuitamente – della assistenza legale. Così è stato, così è in corso e così sarà fino alla sentenza finale. Nessun abbandono di nessuna parte civile che, infatti, sono tuttora rappresentate dall’Avv. Laura Mara ad eccezione di Lino Balza stesso.
  • E’ falso quanto afferma Lino Balza che Medicina Democratica avrebbe dato assistenza gratuita anche per un altro procedimento ovvero per un nuovo procedimento civile (ove un ente esponenziale come la nostra associazione non avrebbe motivo di entrare). E’ stata una richiesta di Lino Balza successiva alla sentenza di primo grado e respinta dagli organi dirigenti di Medicina Democratica in quanto avrebbe determinato l’uscita dal processo penale da parte della associazione annullando tutto il lavoro finora svolto.

Continua a leggere “Marco Caldiroli, Medicina Democratica: Le code velenose di Lino Balza”