Un successo per il convegno sull’inserimento lavorativo per i disabili visivi, di Valter Scarfia

Press-IN anno XI / n. 305

Il Nazionale.it del 30-01-2019

Unsuccesso per il convegno sull’inserimento lavorativo dei disabili visivi

TORINO. Circa 3.000 posti di lavoro per disabili vacanti nella sola provincia di Torino, dove gli iscritti al collocamento sono 36.000. Con le debite proporzioni, la situazione è la stessa in tutto il Piemonte, ma le aziende faticano ad assumere, spesso a causa di stereotipi o pregiudizi, e il lavoro da compiere in termini culturali e di sensibilizzazione è enorme. È quanto emerso in occasione del convegno dedicato all’inserimento lavorativo dei disabili visivi, organizzato dall’UICI (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) delPiemonte nella prestigiosa cornice di Palazzo Lascaris, sede del Consiglio regionale.

La mattinata ha avuto il merito di riunire personalità provenienti da ambiti diversi: al dibattito hanno preso parte i rappresentanti di istituzioni, università, agenzie, imprese e associazioni. “Tutti i relatori,ciascuno dal suo punto di vista – dice il presidente di UICI Piemonte, Adriano Gilberti, che ha aperto i lavori del convegno – hanno lanciato un messaggio chiaro: non è più il tempo delle logiche assistenzialiste. Le persone disabili non sono costi aziendali “a perdere”.

Al contrario, se messi nelle giuste condizioni, possono diventare risorse preziose, come tanti inserimenti di successo dimostrano, sia in ambito pubblico che privato. Le tecnologie per l’inclusione ci sono, ma servono fiducia e impegno da parte di tutti. Le professioni “storiche” (quella del centralinista e del fisioterapista) hanno ancora valore, ma oggi più che mai bisogna esplorare strade alternative epuntare su una formazione di qualità. Ai disabili visivi le potenzialità e le possibilità non mancano”.

Dopo i saluti del presidente Gilberti, a fare gli “onori di casa” è stato il presidente del Consiglio regionale Nino Boeti, che ha portato i saluti dell’intera assemblea. Durante la mattinata è intervenuta anche l’assessore regionale al Lavoro, Gianna Pentenero, la quale ha sottolineato l’impegno dellaRegione per trovare alternative alle professioni di una volta, ampiamente soppiantate dalla tecnologia, sottolineando “l’importanza di riorganizzare servizi di inserimento delle persone disabili, partendo dalle potenzialità dei singoli da un’attenta analisi dei fabbisogni delle aziende per dare risposta alle migliaia di persone iscritte nelle liste speciali. Continua a leggere “Un successo per il convegno sull’inserimento lavorativo per i disabili visivi, di Valter Scarfia”

Anche Alessandria protagonista in Puglia del progetto Albatros per non vedenti

Anche Alessandria protagonista in Puglia del progetto Albatros per non vedenti

Anche un’alessandrina sarà tra i protagonisti del Progetto Albatros, promosso dall’associazione barese Paolo Pinto, che porterà cinque persone non vedenti a prendere il brevetto di sub (fino a 18 metri) nell’incantevole scenario delle isole Tremiti. Si tratta di Ornella Punzo, presidente dell’associazione sportiva per disabili della vista “ASD Sportella”, molto attiva sull’intero territorio nazionale, in particolare per la diffusione della disciplina “Showdown”, uno sport simile al ping pong.

Albatros--300x142

“Lo sport per un non vedente acquista un’importanza particolare – afferma Ornella Punzo – rappresenta infatti una grande occasione di socializzazione, ma anche un vero e proprio strumento riabilitativo. Sportella opera proprio per sensibilizzare sull’importanza della pratica sportiva per i non vedenti, al fine di migliorare la loro autonomia e la fiducia in se stessi. Abbiamo fatto tanta strada da quando siamo nati e siamo particolarmente fieri degli ottimi risultati ottenuti nell’ultimo campionato italiano di “Showdown”. Ci siamo infatti aggiudicati, grazie al talento dei nostri atleti, la medaglia d’oro nelle categorie: maschile, femminile e a squadre”. Continua a leggere “Anche Alessandria protagonista in Puglia del progetto Albatros per non vedenti”