Pierpaolo Guazzotti. Lega: Attenzione ai problemi della sanità nell’interesse dei cittadini

Pierpaolo Guazzotti. Lega: Attenzione ai problemi della sanità nell’interesse dei cittadini

Alessandria: Nella seduta del 29.1.2019 il Consiglio Comunale di Alessandria ha ancora una volta ribadito la sua attenzione ai problemi della sanità occupandosi di Ospedale nell’interesse sia dei cittadini di  Alessandria che di tutto il territorio.

guazzotti_pierpaolo

Richiamando la normativa nazionale è stato infatti discusso ed approvato un Ordine del Giorno presentato dal Consigliere della Lega Pierpaolo Guazzotti in cui si chiede al Consiglio Regionale di approvare la proposta di legge attualmente in discussione, presentata dal Consigliere Regionale Gianluca Vignale, sostenuta anche da altri Consiglieri della minoranza.

La nuova Legge Regionale adeguando il numero dei posti letto nei presidi ospedalieri piemontesi a quanto previsto dalla normativa nazionale, in Alessandria o meglio nelle strutture ospedaliere di Alessandria e Provincia probabilmente determinerebbe un aumento dei posti letto nei vari Ospedali del territorio provinciale, con un conseguente miglioramento del servizio al cittadino, che per le scelte operate dalla Regione a targa Chiamparino / PD ha negli ultimi 5 anni visto ridimensionare servizi e professionalità presenti sul territorio e negli ospedali di Alessandria e provincia.

L’ordine del giorno ha ottenuto il consenso ed il voto favorevole di tutti i consiglieri di maggioranza (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Siamo Alessandria) ma anche dei rappresentanti della minoranza Cinque Stelle, Quarto Polo, Gruppo Dema, i Moderati, l’unico consigliere PD si è astenuto mentre gli altri esponenti Pd per “precedenti impegni” non risultavano presenti.

Il consigliere Oria Trifoglio medico (Quarto Polo) ha in particolare effettuato un attento intervento a sostegno, con parole di apprezzamento  per l’ iniziativa.

Festa sotto una buona stella per AIDO, di Lia Tommi

Alessandria: Sono ufficialmente iniziati i festeggiamenti per il 40° anniversario di AIDO Alessandria, ieri sera, con la “Cena sotto una buona stella “.

Un’ atmosfera elegante  e raffinata ha accolto i numerosissimi ospiti al ristorante “I Due Buoi “, che hanno particolarmente gradito i bellissimi cuori realizzati all’uncinetto da Antonietta Capra, utilizzati come segnaposto.

Sorrisi, abbracci, scambi di attenzioni tra persone che ben sanno il senso del donare , semplicità e simpatia nelle relazioni e nelle conversazioni si raccoglievano girando tra i tavoli.

Molto gradito il menù proposto dallo chef Jumpei Kuroda, e così pure la musica del “Franco Rangone group“.

Sono state ringraziate tante persone che hanno profuso il loro impegno per la crescita di AIDO, e così pure volontari e amici di AIDO, che nel 2018 ha visto 391 nuovi iscritti e già tanti nel primo mese del 2019.

Un buon risultato, che però ancora non basta, ancora bisogna lavorare per una sempre più diffusa cultura del donare.

Prossimo appuntamento : l’inaugurazione della mostra “Con il cuore ” di Fabio Gagliardi, l’ 8 febbraio, nell’atrio dell’Ospedale Civile di Alessandria.

Celebrazioni per Sant’Antonio, di Cristina Saracano

Alessandria: Oggi, 16 gennaio all’ospedale alessandrino, Santi Antonio e Biagio, verrà ricordato Sant’Antonio, ricorrenza che cade il 17 gennaio, ma, le celebrazioni locali saranno già oggi stesso.

Verranno ringraziate le Associazioni di volontariato, a cominciare dalla fondazione Uspidalet, co-organizzatrice dell’evento, le famiglie e i collaboratori.

Le iniziative cominceranno alle ore 16 con una Santa Messa e alle 17 una cerimonia di ringraziamento per i donatori nel salone di rappresentanza.

Formiche di nuovo su paziente ricoverato al San Giovanni Bosco a Napoli, l’ira del ministro Grillo

Formiche di nuovo su paziente ricoverato al San Giovanni Bosco a Napoli, l’ira del ministro Grillo

Giovedì 3 Gennaio 2019 di Melina Chiapparino

4207145_1441_frm

Formiche, ancora una volta, in un ospedale di Napoli. Lo stesso, il San Giovanni Bosco, dove lo scorso 10 novembre una paziente, una 70enne dello Sri Lanka, ne fu ritrovata ricoperta.

Questa volta gli insetti sarebbero stati entrati nel reparto di rianimazione. Secondo quanto denunciato dai parenti di un paziente, una sola formica sarebbe stata notata sul volto di un anziano di 78 anni… continua su: https://www.ilmessaggero.it/italia/formiche_ospedale_san_giovanni_bosco_napoli-4207145.html

La prima MaBim in un ospedale piemontese grazie a Zonta, di Lia Tommi

Un altro primato per Zonta.

Non ne esiste una uguale in nessun ospedale piemontese. Nel nuovo anno, verrà consegnata la prima MaBim!
Ci sono tanti modi diversi per celebrare la Giornata dei Diritti Umani.
Zonta lo ha fatto con qualche giorno di anticipo, legando i diritti di chi giunge nel nostro paese, di chi è additato come diverso, di chi un lavoro non riesce a trovarlo, di chi è malato ed emarginato, di chi ogni giorno subisce violenze inaudite all’interno delle mura domestiche, con una grande finalità per esaudire il diritto di chi è disabile a poter avere accanto a se il proprio bimbo a poche ore dalla nascita, come tutte le altre mamme.
Sarà la prima culla del genere a fare il suo ingresso in un Ospedale del Piemonte.

Lo spettacolo “La valigia prima di Natale” è stato tutto questo. E dopo le feste verrà consegnata MaBim , la culla per il co-sleeping.

Sozzetti: Il ‘monoblocco’ dell’ospedale di Alessandria sarà più efficiente (e con luci a led), se sarà antisismico

Sozzetti: Il ‘monoblocco’ dell’ospedale di Alessandria sarà più efficiente (e con luci a led), se sarà antisismico

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

unnamed

Per migliorare l’efficienza energetica è necessario verificare la sicurezza sismica. Niente di particolarmente strano e la procedura avviata dall’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria segue un percorso ampiamente annunciato e spiegato più volte.

Quella che però stimola,ancora una volta, è una riflessione sugli investimenti in sanità e sui progetti, ogni tanto ricorrenti, di un nuovo ospedale. Se la sanità decide di impegnare risorse su una struttura purtroppo vecchiotta e che per molti versi rappresenta una netta antitesi all’efficienza, allora vuol dire che nel medio periodo ad Alessandria non si vedrà nascere un nuovo nosocomio.

L’azienda ospedaliera, diretta da Giacomo Centini, intende sfruttare le opportunità e i finanziamenti previsti dal bando regionale ‘Interventi di riduzione dei consumi energetici negli edifici e nelle strutture pubbliche del patrimonio ospedaliero-sanitario regionale’ per una serie di lavori che interesseranno il ‘monoblocco’.

È prevista la realizzazione “di un sistema di cappotto termico, la sostituzione dei serramenti interni, l’isolamento termico della copertura, la realizzazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura, l’efficientamento della illuminazione interna degli immobili con corpi illuminanti a led”. Continua a leggere “Sozzetti: Il ‘monoblocco’ dell’ospedale di Alessandria sarà più efficiente (e con luci a led), se sarà antisismico”

Convegno Nazionale di Diritto Sanitario ad Alessandria, di Lia Tommi

XVI Convegno nazionale di Diritto Sanitario – Prologo

29 novembre 2018 – ore 19:00–22:30
Associazione Cultura e Sviluppo
Piazza Fabrizio De Andrè
15121 Alessandria

Roberto Turno intervista l’onorevole Rosy Bindi su Salute, sanità e società italiana: 40 anni di cambiamenti.

Dopo la pausa buffet Renato Balduzzi, Rosy Bindi, Antonio Brambilla e Giacomo Centini dialogano sul tema Servizi sanitari e sociosanitari tra ospedale e territorio.

Clown Marameo O.N.L.U.S.: “Tu chiamalo se vuoi…2019”

Clown Marameo O.N.L.U.S.: “Tu chiamalo se vuoi…2019”

Alessandria: Donare un sorriso a chi soffre, o comunque a chi affronta la degenza ospedaliera e una malattia, non è semplice. Ma c’è chi, con grande forza di volontà ed altruismo, riesce a creare qualche momento magico, a distogliere per qualche minuto i pensieri da ciò che si sta vivendo, regalando un po’ di allegria. Ogni piccolo gesto infatti è determinante per rafforzare la speranza di chi sta vivendo un tratto difficile del proprio cammino.

CLOWN MARAMEO Copertina Calendario 2019-001

Sono i Clown Marameo, attivi in Alessandria da ormai più di sedici anni.

I Marameo sono presenti ogni fine settimana all’ospedale infantile “C. Arrigo”, all’ospedale civile “SS. Antonio e Biagio” e al centro di riabilitazione “Borsalino” di Alessandria oltre che in alcune case di riposo della provincia e a sostegno di diverse altre associazioni.

Anche quest’anno è possibile sostenere i Marameo attraverso il loro calendario dell’anno 2019. I fondi raccolti da questa distribuzione saranno devoluti alla Fondazione Uspidalet Onlus e all’Associazione “Un naso rosso per…” Onlus. Continua a leggere “Clown Marameo O.N.L.U.S.: “Tu chiamalo se vuoi…2019””

Torino, bimba in ospedale per denutrizione. Genitori la portano via e spariscono

Torino, bimba in ospedale per denutrizione. Genitori la portano via e spariscono

310x0_1533390474772.rainews_20180804154651777

Una bimba di 10 anni ricoverata per denutrizione all’ospedale Regina Margherita di Torino è stata portata via dai genitori senza l’autorizzazione dei medici.

A quanto racconta  la Stampa, è accaduto mercoledì, quando i genitori, accompagnati da un uomo che si è detto il loro avvocato, forse temendo che i servizi sociali potessero togliere loro la bambina, sono andati al reparto dove si trovava la figlia e se la sono portata via tra le proteste degli infermieri e dei medici, che poi hanno allertato la polizia.

Della famiglia si sono quindi perse le tracce e il caso è finito all’attenzione della procura dei minori, alla quale la Direzione sanitaria dell’ospedale ha fatto avere atti e cartelle sanitarie. 

See more at: http://www.rainews.it/

Domenico Ravetti, PD: ”Il punto nascite di Casale Monferrato va salvato e potenziato. Se necessario la Destra locale non rinunci alla battaglia contro il suo Governo.”

Domenico Ravetti, PD: ”Il punto nascite di Casale Monferrato va salvato e potenziato. Se necessario la Destra locale non rinunci alla battaglia contro il suo Governo.”

04/07/2017 - X LEGISLATURA - Ravetti

Bisogna avere rispetto per un comunicato congiunto di un Deputato della Lega (Tiramani), del Vice Presidente della Provincia di Alessandria di Fratelli d’Italia (Riboldi) e di un Consigliere Comunale mi pare della Lega (Capra) di una città importante come Casale Monferrato. I tre titolano: “Battaglia in ogni sede per salvare il Punto Nascite del Santo Spirito di Casale Monferrato e argomentano con le solite invettive principalmente contro la parte politica avversa alla loro.

Per ottenere chiarezza ho chiesto in apertura di seduta del Consiglio di martedì 24 luglio le comunicazioni in Aula sul merito all’Assessore alla Sanità della Regione Antonio Saitta. Mi è sufficiente leggere la sua nota per la stampa per consigliare ai tre politici di fare eventualmente battaglia sotto le finestre del Governo Nazionale che direttamente o indirettamente sostengono. Continua a leggere “Domenico Ravetti, PD: ”Il punto nascite di Casale Monferrato va salvato e potenziato. Se necessario la Destra locale non rinunci alla battaglia contro il suo Governo.””

Uomo e robot, insieme si può. La chirurgia di eccellenza di Alessandria, voluta da Spinoglio e oggi diretta da Priora, è destinata ‘a crescere’ assicura Centini (in attesa del recupero delle vecchie sale)

Uomo e robot, insieme si può. La chirurgia di eccellenza di Alessandria, voluta da Spinoglio e oggi diretta da Priora, è destinata ‘a crescere’ assicura Centini (in attesa del recupero delle vecchie sale)

Questo slideshow richiede JavaScript.

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Sullo smartphone appare la riproduzione degli organi e permette già di individuare sul piccolo schermo l’area dell’intervento e le vie di accesso. I monitor interni invece rilanciano l’immagine reale: la microtelecamera inquadra i sottili tubi da cui sbucano gli strumenti che stanno per essere utilizzati per un intervento di splenopancreasectomia distale per un tumore della coda pancreatica. L’operazione è poi andata bene, benché sia una di quelle il cui indice di complessità viene classificato come ‘alto’.

Fabio Priora, direttore della Struttura complessa di Chirurgia generale dell’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria, ripone in tasca il cellulare e spiega come l’operazione che si appresta a compiere sia “certamente complessa”, ma rappresenti perfettamente la nuova frontiera dell’innovazione chirurgica cui ha guardato Giuseppe Spinoglio quando ha avuto l’intuizione di puntare sul robot chirurgico. Spinoglio ha guidato per lungo tempo la chirurgia alessandrina e ha creduto nella robotica al punto di trasformare la prima esperienza pionieristica in un centro di riferimento nazionale e internazionale, coinvolgendo anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che ha investito risorse per sostenere il progetto di sviluppo che fra il 2005 e il 2010 ha registrato il salto di qualità. Continua a leggere “Uomo e robot, insieme si può. La chirurgia di eccellenza di Alessandria, voluta da Spinoglio e oggi diretta da Priora, è destinata ‘a crescere’ assicura Centini (in attesa del recupero delle vecchie sale)”

Sozzetti: Corso di medicina ad Alessandria: tutti contenti. Ma senza specializzazione rischierà di essere solo una replica

Sozzetti: Corso di medicina ad Alessandria: tutti contenti. Ma senza specializzazione rischierà di essere solo una replica

unnamed

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Alessandria: Tutti contenti per l’apertura del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia anche nel polo formativo di Alessandria per l’anno accademico 2018-2019. La conferenza stampa organizzata nella sede del Disit (Dipartimento di scienze e innovazione tecnologica) di viale Michel, che ospiterà il triennio di didattica, è stata organizzata non per dare la notizia, bensì per fare parlare un po’ tutti quelli che hanno contribuito al risultato.

Quello dell’assegnazione di cinquanta posti in più all’Università del Piemonte Orientale (Upo), con la Scuola di Medicina presieduta da Marco Krengli che passa da 95 a 145 posti. Ed è grazie a questi cinquanta che verrà attivato ad Alessandria il corso decentrato di medicina.

Il capoluogo avrà creato delle condizioni territoriali che hanno portato a questo risultato, ma quello che ha sbloccato l’accesso programmato ai corsi di laurea di medicina è stato l’aumento dei posti a livello nazionale che sono passati da 9100 a 9779. Una richiesta avanzata da anni, alla luce della progressiva carenza di figure professionali, e che finalmente ha trovato una, seppur minima, risposta. Continua a leggere “Sozzetti: Corso di medicina ad Alessandria: tutti contenti. Ma senza specializzazione rischierà di essere solo una replica”

AMOS: SIGLATO IL CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE SUL WELFARE

AMOS: SIGLATO IL CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE SUL WELFARE

Schermata 2018-06-29 a 18.35.15

Si è conclusa positivamente la trattativa per la stipula dell’accordo integrativo di welfare aziendale con la società AMOS SCRL.

AMOS è la società consortile, di proprietà pubblica, che gestisce nell’ambito piemontese importanti attività affidate dalle ASL territoriali di Cuneo, Alessandria ed Asti relativamente a servizi di ristorazione e sanificazione ospedaliera e servizi logistico-amministrativi di supporto all’attività sanitaria.

Occupa alle proprie dipendenze circa 1750 lavoratrici e lavoratori.

E’ un risultato di grande rilevanza, frutto di un importante impegno sindacale unitario avviato nei mesi scorsi con l’elaborazione di una piattaforma sindacale di innovativi contenuti e approdato oggi ad un accordo che riteniamo di valore. Continua a leggere “AMOS: SIGLATO IL CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE SUL WELFARE”

Sozzetti: ‘Mamma con bambino’, ostetricia, ginecologia e il trasloco delle polemiche all’ospedale di Alessandria

Sozzetti: ‘Mamma con bambino’, ostetricia, ginecologia e il trasloco delle polemiche all’ospedale di Alessandria

unnamed

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Quando le delibere arrivano all’ultimo giorno di mandato, magari avendo avuto mesi per definire i contenuti, fanno sempre discutere. Se poi sono quelle dell’azienda ospedaliera di Alessandria e riguardano la struttura complessa di Ginecologia e Ostetricia, ancora di più. Cosa è successo? Che il 31 maggio, ultimo giorno del mese di proroga del mandato di Giovanna Baraldi, ex direttore generale dell’azienda ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria, vengono approvati alcuni atti con cui ora si trova a che fare il nuovo direttore, Giacomo Centini.

Il progetto si chiama ‘Mamma con bambino e Tin (Terapia intensiva neonatale)’ e prevede di trasferire la terapia intensiva neonatale dal ‘Cesare Arrigo’ al settimo piano del ‘civile’, negli spazi lasciati liberi dalla terapia intensiva polivalente che è entrata in funzione a fianco del nuovo blocco operatorio realizzato sopra il Pronto Soccorso. Lo spostamento dovrebbe avvenire entro settembre. Continua a leggere “Sozzetti: ‘Mamma con bambino’, ostetricia, ginecologia e il trasloco delle polemiche all’ospedale di Alessandria”

Sozzetti. Nuovo ospedale? Sì, ma per l’Asl ‘e vendendo Novi e Tortona’. Alessandria invece ‘deve crescere per specialità e posti letto’. Lo studio Ires e la missione (possibile?) per la nuova sanità

Sozzetti. Nuovo ospedale? Sì, ma per l’Asl ‘e vendendo Novi e Tortona’. Alessandria invece ‘deve crescere per specialità e posti letto’. Lo studio Ires e la missione (possibile?) per la nuova sanità

Nuovo Ospedale

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Un nuovo ospedale per Alessandria? Sì, ma non quello dell’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ che andrà comunque potenziato perché centro di eccellenza, bensì dell’Asl Al. Un nosocomio da 350 posti letto, multispecialistico e a media complessità. Ma per un ospedale che nasce, altri devono chiudere o essere ridimensionati.

Quindi, “adeguamento e adattamento ai nuovi carichi insediativi degli ospedali dell’azienda ospedaliera di Alessandria e degli ospedali ‘Santo Spirito’ di Casale Monferrato e ‘Civile di Ovada’ (Asl Al) e dismissione dei presidi di Acqui Terme, Tortona e Novi Ligure”. Per Novi e di Tortona si ipotizza “l’alienazione, poiché le loro specifiche costruttive, morfologiche e localizzative ne permettono la trasformazione in un patrimonio valorizzabile”.

L’ospedale di Acqui Terme “rimane nelle disponibilità dell’azienda a fronte di una trasformazione per l’esercizio di altre funzioni sanitarie (post acuzie, residenzialità non ospedaliera o altre funzioni territoriali)”. Continua a leggere “Sozzetti. Nuovo ospedale? Sì, ma per l’Asl ‘e vendendo Novi e Tortona’. Alessandria invece ‘deve crescere per specialità e posti letto’. Lo studio Ires e la missione (possibile?) per la nuova sanità”