DEMOS: Anche ad Alessandria nasce Democrazia Solidale

DEMOS: Anche ad Alessandria nasce Democrazia Solidale

Dalla recentissima esperienza della lista civica “Chimaparino Sì-Demos” alle elezioni regionali (oltre 24 mila voti in tutto il Piemonte, percentuale dell’1,26 con il seggio sfumato per poco) a Democrazia Solidale “Demos” anche nella nostra regione e ad Alessandria.

logo-demos.jpg

“Siamo in un momento politico molto particolare per il nostro Paese, ma anche per il contesto internazionale, con nuovi soggetti che vanno affermandosi, su cui si addensano nubi inquietanti, dove con troppa superficialità si parla e si compiono azioni di guerra e dove ancora troppa violenza quotidiana strappa la vita a migliaia di persone” sottolinea Mario Giro, già viceministro degli Affari esteri, che coordina “Demos” a livello nazionale insieme al consigliere regionale del Lazio Paolo Ciani.

Pietro Bartòlo, il medico dei migranti di Lampedusa, che ha ispirato anche un film. “Fuocammare”, forte di oltre 135 mila preferenze nella circoscrizione Isole e quasi 123 mila in quella Centrale, l’altra circoscrizione in cui era candidato, è stato eletto al Parlamento europeo

“In questo quadro preoccupante la nostra Italia, da troppi anni ormai sballottata e scossa da un mix di politica gridata e comunicazione totalizzante, dove l’avvento della globalizzazione ha cambiato nel profondo i tratti, i modelli culturali e sociali del paese ma anche le relazioni interpersonali, quelle della vita quotidiana delle persone. Si è svilito il ruolo della politica, insultata, ridicolizzata, banalizzata. Con indubbie responsabilità gravi degli attori in gioco, ma anche con l’incoscienza di credere che della politica si potesse fare a meno” aggiunge il senatore Michelino Davico, già sottosegretario agli Interni, che ha coordinato la lista “Chiamparino Sì-Demos”. Continua a leggere “DEMOS: Anche ad Alessandria nasce Democrazia Solidale”

La nuova moschea in Alessandria? Le istituzioni devono sempre essere garanti delle libertà

La nuova moschea in Alessandria? Le istituzioni devono sempre essere garanti delle libertà

“Bisogna andare oltre i muri, ridimensionando la paura” ad affermarlo è Paola Ferrari di “Demos”, commentando le polemiche che stanno sorgendo per l’annunciata moschea nel quartiere Europa di Alessandria.

unnamed

“Ritengo che un luogo di preghiera debba sempre essere riconosciuto e autorizzato per non restare solo sul piano teorico, ma per favorire concretamente il dialogo interreligioso, in particolare con i credenti dell’Islam. Negarlo significa privare le persone del diritto di preghiera – aggiunge Ferrari-. La libertà religiosa (e i diritti che ne conseguono) costituisce, in particolare, un elemento costitutivo di un paese che vuole essere una democrazia liberale. Ce lo ricordano la nostra Costituzione repubblicana e ce lo ricordano gli atti fondativi delle grandi nazioni occidentali, basti pensare al primo emendamento della Costituzione federale degli Stati Uniti d’America”.

Conclude Ferrari: “Per il prossimo futuro c’è da sperare che tutte le forze politiche manifestino la consapevolezza dell’alto ministero a cui sono chiamate e che la pur legittima ricerca del consenso avvenga, al di là del colore politico di ciascuna, nella piena valorizzazione dei diritti sanciti nella carta fondante della nostra Repubblica. Lo Stato non può abdicare al suo ruolo di garante della legalità e insieme della libertà, e non può rischiare di spingere chi lo cerca per professare la propria fede alla luce del sole in un angolo di oscurità dove il diritto è bandito”.

Demos Alessandria

A Fubine Monferrato il sindaco (e parlamentare) leghista non celebra il 2 Giugno. Paola Ferrari (Demos): “Comportamento da censurare!”

A Fubine Monferrato il sindaco (e parlamentare) leghista non celebra il 2 Giugno. Paola Ferrari (Demos): “Comportamento da censurare!”

a fubine Ferrari e Davico.jpg

Non tutto cambia con la svolta nazionale impressa da Matteo Salvini alla Lega. Lui nei suoi discorsi ora scandisce parole e slogan un tempo considerati impronunciabili, come “patria” e “prima gli italiani”, ma in occasione della Festa della Repubblica il sindaco leghista (e parlamentare) di Fubine Monferrato, Lino Pettazzi – che ha giurato sulla Costituzione della Repubblica – sembra essere tornato compatto alle “vecchie” tradizioni: ignorare la cerimonia per la Festa della Repubblica.

unnamed.jpg

Assente non solo lui, ma l’intera Giunta in forma ufficiale, proprio mentre alla parata di Roma lo stesso Salvini cercava a tutti i costi la vetrina e il bagno di folla. Pochi anni prima invitava invece il suo popolo a disertare la ricorrenza: ricordiamo bene – facendo notare la contraddizione tra ieri e oggi – il “celebre” tweet del 2013:”Notte serena amici, non c’è un c… da festeggiare”. Continua a leggere “A Fubine Monferrato il sindaco (e parlamentare) leghista non celebra il 2 Giugno. Paola Ferrari (Demos): “Comportamento da censurare!””

“Il centrodestra sfonda, ma la Giunta di Alessandria viene punita dagli elettori: quattro assessori in corsa alle Regionali e nessuno va a Torino”

“Il centrodestra sfonda, ma la Giunta di Alessandria viene punita dagli elettori: quattro assessori in corsa alle Regionali e nessuno va a Torino”

“Sperando che le elezioni rimangano ancora ‘il momento clou’ del confronto, il risultato elettorale di Alessandria città alle Regionali sembra stonare con l’ondata favorevole al Carroccio e agli altri alleati” sottolinea Paola Ferrari di “Chiamparino Sì-Demos”.

paola-ferrari-2-1chiamparino-si

“Erano infatti in lizza ben quattro assessori, e con che deleghe! Dal vicesindaco al Bilancio passando per i Lavori pubblici. Risultato? Tutti a casa! Mi spiace dal punto di vista personale, ma politicamente parlando si tratta di una palese bocciatura della Giunta al governo, dopo due anni di mandato e sulla strada delle verifica di midterm. È evidente la mancanza di progettualità politica, che invece è stata completamente sostituita dall’ordinaria amministrazione – aggiunge -. Le quattro mancate elezioni a Torino sono la prova di come i continui slogans ‘alla pancia della gente’ siano ben diversi dalle concrete risposte che si devono dare ai cittadini. Un ulteriore segnale contrario a quest’Amministrazione, nel contesto della lunga onda favorevole, lo hanno anche dato i dati delle Europee, dove in città la Lega incamera quasi il 41 per cento, per poi scendere al 38 per cento alle Regionali ”.

Conclude Ferrari: “Parlando di rappresentatività, allo stato attuale Alessandria città, non avrà dunque suoi protagonisti in grado di portare direttamente le istanze nel consesso delle decisioni”.

“Abbiamo iniziato l’opera di tessitura per riportare la politica al centro”

“Abbiamo iniziato l’opera di tessitura per riportare la politica al centro”

“Ringrazio di cuore chi ha avuto fiducia e chi ha creduto nella nostra proposta (che in tutto il Piemonte è stata premiata da oltre 24 mila voti), in me e in questo sogno bello e grande di cambiare il nostro Paese e il futuro, rendendolo più accogliente verso chi è più fragile e più attento al nostro bene comune che è la Terra.

Ferrari e DavicoPaola Ferrari

É stato un percorso nuovo, impegnativo, ma davvero affascinante. Siamo solo all’inizio, ma da un seme si possono generare molti frutti” afferma Paola Ferrari, candidata e responsabile per la lista “Chiamparino Sì-Demos” alle Elezioni regionali nel collegio della provincia di Alessandria.

Insieme al consigliere regionale Alfredo Monaco e al senatore Michelino Davico (già sottosegretario agli Interni), Ferrari ha lavorato per presentare le liste in tutto il Piemonte. Continua a leggere ““Abbiamo iniziato l’opera di tessitura per riportare la politica al centro””

Paola Ferrari (Chiamparino Sì – Demos): solidarietà a Papa Francesco

Paola Ferrari (Chiamparino Sì – Demos): solidarietà a Papa Francesco

Paola Ferrari.JPG

Alessandria: “Da cattolica praticante, esprimo solidarietà e vicinanza a Papa Bergoglio, fischiato a Milano dal pubblico rabbioso e invasato di un personaggio che fa dell’odio la fonte del suo momentaneo consenso elettorale.

Nello stesso tempo, considero quello che ha fatto ieri Salvini a Milano una vera e propria profanazione.

Se giudico il fatto come persona di fede cattolica, mi sento profondamente offesa. Da cittadina di una Repubblica democratica e laica, seriamente preoccupata dal comportamento del Ministro degli Interni, che ha giurato sulla Costituzione”.

Dopo le dichiarazioni del presidente regionale del Coni, Paola Ferrari (ChiamparinoSìDemos): “Giù le mani dallo sport!”

Dopo le dichiarazioni del presidente regionale del Coni, Paola Ferrari (ChiamparinoSìDemos): “Giù le mani dallo sport!”

Paola Ferrari

Alessandria: La decisa ed inequivocabile presa di posizione del presidente regionale del Coni Gianfranco Porqueddu, che ha parlato di sostegno del mondo sportivo piemontese al candidato di Centrodestra Cirio, mi indigna.

Preciso a tutti che il Comitato Olimpico Nazionale Italiano è la massima istituzione sportiva e deve essere apolitica e apartitica. Come mamma di un atleta del Settore giovanile di una Federazione del Coni, trovo gravissima ed arrogante la dichiarazione di Porqueddu, che deve occuparsi di sport e non schierarsi a favore di un candidato a nome di tutto il mondo sportivo, arrogandosi il diritto di rappresentarlo politicamente. Continua a leggere “Dopo le dichiarazioni del presidente regionale del Coni, Paola Ferrari (ChiamparinoSìDemos): “Giù le mani dallo sport!””

Paola Ferrari (ChiamparinoSìDemos): “Rilanciare l’agricoltura familiare”

Paola Ferrari (ChiamparinoSìDemos): “Rilanciare l’agricoltura familiare”

Alessandria: I piccoli agricoltori sono l’avanguardia della pratica dell’agricoltura sostenibile. In un’era di costi crescenti, prezzi volatili dei carburanti, degli input agricoli e del cibo, di imprevedibilità del cambiamento climatico, di degrado dell’ambiente, i piccoli agricoltori agroecologici rappresentano la forma più funzionale di agricoltura, in grado di nutrire il mondo e ridurre le pressioni ecologiche ed economiche.

Paola Ferrari

I piccoli agricoltori e le piccole fattorie sono la chiave della sicurezza alimentare, sono più produttivi e conservano le risorse più delle grandi monocolture, sono modelli di sostenibilità e santuari di biodiversità.

Non ultimo, contribuiscono al raffreddamento del clima. L’ agricoltura familiare ha i volti e le mani delle migliaia di comunità del cibo, perché le comunità delcibo rappresentano il modello di sviluppo che vogliamo, uno sviluppo legato in modo inestricabile al benessere ambientale del pianeta e alla sopravvivenza economica delle comunità locali”.

Quel contributo in denaro del mondo agricolo alla Lega

Quel contributo in denaro del mondo agricolo alla Lega

Alessandria: Paola Ferrari (candidata alle elezioni regionali del Piemonte per la lista ChiamparinoSì-Demos):”E’ di ieri la notizia (Il Fatto Quotidiano) che Confagricoltura Roma ha elargito un finanziamento alla Lega, partito che esprime il Ministro direttamente competente per il settore. Il fatto, seppur lecito, mi induce a questa riflessione. L’ agricoltura, soprattutto in Italia, non sta certamente da tempo attraversando un periodo di ‘vacche grasse’.

Paola Ferrari

Nei supermercati non è di certo aumentata l’offerta dei prodotti #agroalimentari del così tanto sbandierato made in Italy. Gli agricoltori sono sempre più in stato di sofferenza – colpiti oltretutto da questa “maledetta primavera” – e l’unico vero sostegno deriva dai denari della Pac della tanto ‘vituperata’ Europa.

Era proprio necessario che un’ associazione di categoria contribuisse così smaccatamente ad una campagna elettorale? Avrei apprezzato di più che questo stanziamento fosse finalizzato ad uno scopo educativo, sociale, didattico, culturale rivolto a promuovere la cultura del benessere alimentare attraverso i prodotti agricoli di qualità. Non certo per contribuire a finanziare le ‘piazzate’ di Salvini”.

“Io mi batto perchè le nostre Valli ritornino a vivere!”

“Io mi batto perchè le nostre Valli ritornino a vivere!”

Alessandria: Paola Ferrari (candidata alle elezioni regionali per la lista ChiamparinoSì-Demos): “Credo fermamente che il tempo delle promesse sia esaurito, perchè troppe volte abbiamo pagato sulla nostra pelle lo scorrere veloce del tempo e il volare nel nulla degli impegni assunti.

Paola Ferrari

Uno degli interessi che mi stanno particolarmente a cuore, anche perchè nata e cresciuta in questo tipo di territorio, è il far rivivere le nostre vallate dell’ Alessandrino. Penso alla Val Curone, alla Val Grue, alla Val Borbera e alla Val d’ Erro.

Ma anche a tutte le altre zone che in questi ultimi decenni hanno conosciuto l’abbandono dovuto al repentino mutamento degli scenari. Sarà mio impegno che la legge regionale sul riordino della disciplina in materia di autonomie locali e nuove norme sulla montagna, approvata lo scorso mese di marzo (una delle ultime importanti e significative azioni del Piemonte di Sergio Chiamparino), prenda forza proprio nelle nostre Valli.

Là dove vedi un territorio curato e vivo, è più facile che un turista lo apprezzi e perciò deicida di tornarci, mettendo in moto l’economia locale tramite l’acquisto dei prodotti di quel territorio e offrendo nel contempo possibilità di lavoro. Continua a leggere ““Io mi batto perchè le nostre Valli ritornino a vivere!””

Paola Ferrari si presenta ai lettori di Alessandria today

Paola Ferrari si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Paola Ferrari è candidata nelle elezioni regionali con la lista civica “Chiamparino Sì-Demos”, a sostegno di Sergio Chiamparino, gli abbiamo chiesto si presentarsi ai nostri lettori, ecco la sua biografia:

paola-ferrari-2.png

PAOLA FERRARI

Nata a Tortona, ha frequentato l’Istituto “Dante Alighieri “ di Tortona e ha svolto studi in giurisprudenza. Già imprenditrice agricola, nel 1998 è stata premiata come la più giovane imprenditrice agricola della provincia di Alessandria.

Specializzatasi in turismo rurale con progetti mirati presso la Comunità Europea, ha successivamente concentrato la propria attenzione al mondo femminile, prima con incarichi alla Coldiretti e successivamente presso la Regione Piemonte. Dal 2000 al 2008 è stata componente della Commissione regionale delle Pari Opportunità ricoprendo anche l’incarico di vicepresidente e con delega alla Cooperazione.

Mamma, attualmente è impegnata nel mondo del volontariato e del sociale, con particolare attenzione al volontariato carcerario.

Svolge anche il delicato compito di tutore volontario dei minori stranieri non accompagnati (Msna).

Ama gli animali, “perché mi curano anche l’anima”, ritiene che mai come oggi si debba accompagnare per mano i nostri figli nel rispetto del prossimo e dell’ambiente. Quest’ultimo, un argomento che le sta particolarmente a cuore.

Paola Ferrari: “Fondamentale l’educazione allo sviluppo e ai diritti”

Paola Ferrari: “Fondamentale l’educazione allo sviluppo e ai diritti”

Il dibattito sullo sviluppo, ampio e spesso controverso, coinvolge le società dei paesi avanzati e non solo, fin dalla seconda metà degli anni ’50. Il discorso riguardante l’aspetto pedagogico, che su suggerimento italiano prenderà il nome di “educazione allo sviluppo”, risale invece all’inizio degli anni ’70, quando prendono piede le idee dell’educatore brasiliano Paulo Freire e del sociologo di origine messicana Ivan Illich.

Paola Ferraripaola Educare al rispetto

Si tratta di temi importanti, sui quali pone la sua attenzione Paola Ferrari, candidata alle Elezioni regionali nella lista “Chiamparino Sì-Demos”.

“Il messaggio chiave è che l’educazione troppo spesso serve per il rafforzamento dello status quo, in quanto trasforma gli studenti in passivi bersagli di informazioni selezionate. Finalità dell’educazione dovrebbe essere invece la liberazione dell’individuo – spiega Ferrari -.

L’educazione dovrebbe aiutare i giovani ad affrontare la realtà senza pregiudizi, ad esaminarla con sguardo critico: la scuola ideale dovrebbe aiutare gli studenti a partecipare attivamente alla trasformazione del mondo che li circonda.

Ma serve, oggi più che mai, un’educazione allo sviluppo capace di supporre l’applicazione di metodi nuovi che permettano al bambino di sviluppare la sua personalità, il suo senso critico, la sua volontà e la capacità di agire nell’ambiente e nella società attraverso esperienze ed azioni concrete”. Continua a leggere “Paola Ferrari: “Fondamentale l’educazione allo sviluppo e ai diritti””

Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos,): “Si deve porre una volta per tutte la duplice questione di metodo e di etica, perché nella politica continuano ad esserci troppe persone inopportune”

Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos,): “Si deve porre una volta per tutte la duplice questione di metodo e di etica, perché nella politica continuano ad esserci troppe persone inopportune”

“La questione morale nella politica esiste, eccome se esiste, e chi la nega, nega la realtà”. Non ha paura a puntare il dito, convinta, Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos).

Paola Ferrari.png

“Il tormentone del leghista Siri e i freschissimi arresti in Lombardia per corruzione, che hanno duramente colpito Forza Italia e coinvolto anche Fratelli d’Italia, sono solo gli ultimi esempi purtroppo di una lunga lista.

Ci vollero far credere che la questione ‘mani pulite’ fosse quanto di peggio potesse capitare agli italiani come cattiva e pessima amministrazione: non era vero, il peggio dovevamo ancora vederlo infatti – rimarca Ferrari -.

La candidatura a Governatore del Piemonte di Alberto Cirio, coinvolto nello scandalo della Rimborsopoli regionale e in attesa di sapere se sarà rinviato a giudizio oppure no, è la prova che si persiste nella politica con personaggi macchiati da guai giudiziari contro la Pubblica amministrazione. Continua a leggere “Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos,): “Si deve porre una volta per tutte la duplice questione di metodo e di etica, perché nella politica continuano ad esserci troppe persone inopportune””

Guardiamo sempre ad un’agricoltura garante della sicurezza alimentare, partendo dal rispetto delle norme di produzione. Ne parliamo con Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos)

Guardiamo sempre ad un’agricoltura garante della sicurezza alimentare, partendo dal rispetto delle norme di produzione. Ne parliamo con Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos)

Paola FerrariAgricoltura

Paola Ferrari candidata nel collegio elettorale di Alessandria alle Elezioni regionali del prossimo 26 maggio nella formazione civica “Chiamparino Sì-Demos”, proprio per il suo passato di imprenditrice del settore, non può non parlare di agricoltura. Materia sulla quale la Regione ha competenze dirette.

“Per la prima volta negli ultimi vent’anni, il Piemonte è la quarta Regione più virtuosa del Centro-Nord per quanto riguarda i pagamenti previsti dal Piano di sviluppo rurale. Davanti solo le Province autonome di Bolzano e Trento e il Veneto. Nel 2018 il Psr ha quindi raggiunto e superato gli obiettivi fissati dalla Commissione europea – sottolinea – Il programma ha attivato a circa il 90 per cento delle risorse disponibili, equivalenti a circa 960 milioni di euro a fronte di un budget totale per il periodo 2014-2020 di poco più di un miliardo di euro di finanziamento pubblico” . Continua a leggere “Guardiamo sempre ad un’agricoltura garante della sicurezza alimentare, partendo dal rispetto delle norme di produzione. Ne parliamo con Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos)”

Paola Ferrari: “Chiamparino Sì-Demos”: “perché questo simbolo?

“Chiamparino Sì-Demos”: “perché questo simbolo?

Paola Ferrari, capolista nel collegio elettorale di Alessandria per le Elezioni regionali del prossimo 26 maggio, ci spiega il significato del simbolo della formazione civica “Chiamparino Sì-Demos”.

Sergio Chiamparino e Paola FerrariChiamparino SI

“Ciò che è più appariscente nel nostro simbolo e quel ‘SÌ’ che sta al centro. Non è casuale e non è banale! È un messaggio, un segnale preciso, un atteggiamento niente affatto scontato nel momento storico che stiamo vivendo – sottolinea – Intanto quel ‘SÌ’ è un messaggio positivo, una predisposizione all’ottimismo e alla serenità. È il contrario del ‘NO’ che vieta, impedisce, scoraggia e chiude a ogni forma di confronto e di dialogo. Poi è ovvio che quel ‘S’” è il nostro ‘SÌ’ alla presidenza Chiamparino, al suo programma e alla maggioranza che lo sostiene”.

“Quel ‘SÌ’ è anche il ‘SÌ’ al Piemonte e ai suoi territori (alcuni un po’ dimenticati in questi anni!…), alla crescita, al lavoro e ai servizi, alle infrastrutture che aiutano una Regione come la nostra a migliorare ancora, con lo sguardo al futuro ma con i piedi ben piantati nella tradizione e nella nostra storia millenaria – aggiunge FerrariMa quel ‘SÌ’ è soprattutto un atteggiamento dell’animo, una predisposizione e un’attenzione all’altro, sia esso un cittadino, un operatore socio-economico, una persona benestante o in difficoltà. Quante volte nell’approccio con l’amministrazione pubblica ci siamo sentiti dire ‘NO’, non si può!”

“Ecco, noi siamo quelli del ‘SÌ’, quelli che con serietà e convinzione dicono: ‘SÌ, facciamo! SÌ, verifichiamo se si può fare e impegniamoci insieme perché lo si possa fare! ‘ – conclude – Ecco, questo è il nostro ‘SÌ‘. Troverete altri ‘sì’ sulla scheda elettorale ma il nostro è unico, il nostro è ’speciale ’. Il nostro ’SÌ ’ è anche più grande (il più grande!…) perché è più importante!”.