Paola Ferrari (DemoS) in difesa di chi chiede l’elemosina: “Combattiamo la povertà, non i poveri

Paola Ferrari (DemoS) in difesa di chi chiede l’elemosina: “Combattiamo la povertà, non i poveri

Demos

Alessandria: Paola Ferrari, coordinatrice alessandrina di DemoS-Democrazia Solidale ritorna sull’ordinanza municipale e sull’attuazione del nuovo Decreto Sicurezza, che prevede l’allontanamento dalla città e ulteriori sanzioni anche per coloro che chiedono l’elemosina.

“Bisogna combattere la povertà e non i poveri. Purtroppo simili provvedimenti vanno nella direzione opposta. Come cristiani dobbiamo farci toccare il cuore dallo scandalo che delle donne, degli uomini, nostre sorelle e nostri fratelli siano costretti a dormire all’addiaccio e a questuare, non possiamo girare lo sguardo da un’altra parte. Come perone cristiane impegnate in politica dobbiamo farci interrogare da questo fatto. Ce lo chiede la nostra coscienza. La pace e la convivenza si costruiscono anche così” afferma.

DemoS: “Piste più sicure = Più ciclisti e meno rischi”

DemoS: “Piste più sicure = Più ciclisti e meno rischi”

demos

La bicicletta è un mezzo di trasporto ecologico, poco costoso e semplice da gestire. Molte persone sono affascinate dal suo utilizzo negli spostamenti quotidiani in città, ma sono frenate dal problema legato alla sicurezza. Chi è sul sellino di fianco alle automobili è l’elemento più debole della strada e anche per questo, in diverse occasioni, siamo portati a lasciare la bici in garage. Uno studio della   National Association of City Transportation Officials (NACTO), infatti, ha mostrato che più è alto il livello di protezione delle piste ciclabili e più sono numerosi i ciclisti che sfrecciano nelle nostre città e il numero di infortuni si riduce sensibilmente.

“Anche in Piemonte le nostre città devono puntare molto su un miglioramento, qualitativo e anche quantitativo, delle piste ciclabili”: a chiederlo sono le coordinatrici regionale e alessandrina di DemoS-Democrazia Solidale, Elena Apollonio e Paola Ferrari. Continua a leggere “DemoS: “Piste più sicure = Più ciclisti e meno rischi””

“Riportare il pallone in strada non è solo riscoprire l’uso di spazi urbani. È anche il riscoprire il proprio diritto a essere bambino, il piacere di avere uno stile di vita sostenibile e felice”

“Riportare il pallone in strada non è solo riscoprire l’uso di spazi urbani. È anche il riscoprire il proprio diritto a essere bambino, il piacere di avere uno stile di vita sostenibile e felice”

DEMOS: Pensare il calcio. Anzi, pensare a come giocare a calcio. E dove giocare. Parte da questa considerazione la proposta di Paola Ferrari, coordinatrice alessandrina di DemoS-Democrazia Solidale, di creare nella città di Alessandria zone nelle quali poter praticare il calcio di strada e di piazza, come una volta.

Ciccio Marescalco gioca a palla in piazza Duomo ad Alessandria (4).jpg

“È un discorso non necessario, ma forse essenziale. Una città come campo da gioco dove il calcio torna in strada. Dove il Bar Sport diventa il talk televisivo. Dove il campetto da calcio diventa la piazza, microcosmo di una comunità di persone. Dove il contatto fisico, fosse anche un fallo, rende il nostro uso smodato dei social un commento a margine e non il centro della nostra esistenza. Ed è per questo che pensiamo ad una città aperta, per costruire e disegnare una città a misura del diritto al gioco. Soprattutto dei bambini. Da sempre per far felice un bambino basta un pallone!” spiega.

Calcio in strada.jpg

Aggiunge: “In un momento storico in cui la politica, la vita sociale, le persone vivono nell’odio, nel risentimento e nel rancore, in cui il grigio domina i nostri sentimenti, il calcio diventa il nostro spazio libero, il nostro romanzo popolare. Dove tutti possono avere un ruolo da protagonisti. Fuori dallo stadio, fuori dalla classifica o dagli scandali dell’ultima giornata. E se la politica, la cultura, la società sono diventate il luogo dello scontro, il calcio deve essere un modo per tornare a ritrovare il senso dello stare insieme. Per ricostruire le città su basi diverse e condivise”. Continua a leggere ““Riportare il pallone in strada non è solo riscoprire l’uso di spazi urbani. È anche il riscoprire il proprio diritto a essere bambino, il piacere di avere uno stile di vita sostenibile e felice””

DemoS, incoraggianti le parole di Conte

DemoS, incoraggianti le parole di Conte

Alessandria: “I temi toccati dal Presidente incaricato Conte, uscendo dall’incontro con il Presidente Mattarella sono incoraggianti: un Paese più giusto, solidale, inclusivo… Primato della persona, lavoro, uguaglianza… Europa, mezzogiorno, ambiente… nuovo umanesimo.

unnamed.jpg

Pensiamo che da qui si possa partire, nel senso della novità e discontinuità che avevamo auspicato”. Così il coordinatore nazionale di Democrazia Solidale – DemoS, Paolo Ciani.

“Ringrazio il segretario del Pd Zingaretti per il coraggio e la responsabilità con cui ha affrontato questi giorni di crisi: ha rimesso al centro il ruolo delle istituzioni e del bene comune, senza far prevalere differenze e diffidenze profonde”.

“Ora basta diffondere odio sociale e contrapposizione – aggiunge la coordinatrice provinciale di Alessandria Paola Ferrari -,  ripartiamo da ciò che ci unisce (molti dei temi evocati da Conte), per costruire un Paese più giusto e coeso”.

Demos: “La forza di una comunità è quella di non lasciare indietro nessuno”

Demos: “La forza di una comunità è quella di non lasciare indietro nessuno”

“Affrontare il disagio dando la possibilità a tutti di realizzare le proprie aspettative”.

Paola Ferrari, coordinatrice alessandrina di DemoS-Democrazia Solidale, indica come priorità della politica, a tutti i livelli, la necessità di costruire un percorso di crescita condiviso che sia capace di alleviare,  e talvolta superare, le difficoltà.

unnamed.jpg

“Il progresso con cui conviviamo deve essere altrettanto produttivo per offrire a tutti la possibilità di realizzare le proprie aspettative – dice con convinzione -. La forza di una comunità è quella di andare avanti insieme, senza lasciare indietro nessuno, promuovendo politiche d’inclusione reali e non solo mediatiche. Partendo dalla scuola, passando per il mondo dell’associazionismo e del lavoro, dobbiamo essere determinati a raccogliere le esigenze di quelle persone che convivono con varie difficoltà fisiche, mentali, occupazionali e patrimoniali”.

“Nella mia esperienza nell’ambito del volontariato – evidenzia Ferrari -, mi sono trovata a rispondere alle richieste di quelle famiglie che avevano l’impellente bisogno di ricevere assistenza e sostegno. Insieme a queste persone, comprendendo le loro difficoltà, siamo riusciti in molti casi a trovare delle soluzioni percorribili. Altrettanto abbiamo cercato di fare per gli anziani e i minori accolti nei centri di assistenza del territorio con la consapevolezza che dobbiamo ancora lavorare molto”. Continua a leggere “Demos: “La forza di una comunità è quella di non lasciare indietro nessuno””

DemoS sulla crisi di Governo: “È venuto il momento di creare l’alternativa”

DemoS sulla crisi di Governo: “È venuto il momento di creare l’alternativa”

unnamed-1

Alessandria: “Sono due anni, comprendendo la campagna elettorale, che sentiamo parole e promesse roboanti, accompagnate da minacce alle istituzioni nazionali ed internazionali, fughe dai doveri istituzionali, politiche fatte sui social, leggi annunciate è mai realizzate, propaganda d’odio e nessuna misura seria per coesione sociale e sviluppo: insomma improvvisazione ed irresponsabilità al Governo di cui questa crisi è l’epilogo peggiore”, così si esprime la coordinatrice alessandrina di DemoS – Democrazia Solidale Paola Ferrari, riprendendo la posizione del coordinatore nazionale Paolo Ciani.

Lo stesso Ciani puntualizza: “Ora le forze politiche e della società civile che hanno un’altra idea di Paese e di società rispetto ai sovranisti demagoghi, lancino una proposta unitiva e alternativa a chi dopo aver illuso promettendo il cambiamento e ciò che non può realizzare, chiede ‘pieni poteri’ per condurci al baratro. Ne parleremo presto con Zingaretti e quanti vorranno contribuire al riscatto della democrazia e della società italiana”

Demos: “Il piano di riequilibrio al Comune di Alessandria mette a rischio molti servizi erogati alle fasce deboli della città”

Demos: “Il piano di riequilibrio al Comune di Alessandria mette a rischio molti servizi erogati alle fasce deboli della città”

Il piano di riequilibrio dei conti del Comune di Alessandria – redatto e approvato dalla maggioranza di centrodestra a forte trazione leghista –  vuole recuperare, in vent’anni, i 75 milioni di euro di disavanzo.

Demos.jpg

Paola Ferrari, coordinatrice alessandrina di DemoS-Democrazia Solidale, si dice “fortemente preoccupata per i tagli a molti servizi erogati alle fasce deboli”.

“Per vent’anni Alessandria rimarrà sotto una pericolosa spada di Damocle, senza prospettive, dove ancora una volta la burocrazia e la ragioneria si sostituiranno alla politica – sottolinea Ferrari -. Ma d’altronde questa maggioranza, al di là di roboanti slogan, sinora non è stata capace di dimostrare di saper governare Alessandria con scelte proprie. Che potrebbero essere condivisibili o criticabili, ma comunque sarebbero scelte. Invece siamo davanti al nulla e la mancanza di progettualità e di capacità di gestire anche l’ordinaria manutenzione è sin troppo evidente, pensiamo solo allo scarso rispetto per i morti visto il degrado che si è impossessato dei cimiteri! I vincoli del piano di riequilibrio saranno pertanto un ghiotto alibi per l’immobilismo e l’incapacità di chi tenta solo di campare alla giornata sino al termine del mandato”. Continua a leggere “Demos: “Il piano di riequilibrio al Comune di Alessandria mette a rischio molti servizi erogati alle fasce deboli della città””

DEMOS: “Con il decreto sicurezza bis l’Italia ha intrapreso una strada agli antipodi della civiltà e del buon senso”

DEMOS: “Con il decreto sicurezza bis l’Italia ha intrapreso una strada agli antipodi della civiltà e del buon senso”

imgres.png

Demos Alessandria: “Il decreto sicurezza bis è nato per annichilire i diritti umani e la libertà di espressione, che sono alla base di una società democratica e della stessa civiltà. Esso è stato scritto da persone che predicano la discriminazione di chi è diverso e la repressione di chi è povero e perseguitato, da persone che considerano un nemico dello Stato chi si dedica a proteggere e salvare vite umane in pericolo”: è quanto afferma Paola Ferrari, coordinatrice alessandrina di DemoS Democrazia Solidale.

“Sono proprio i difensori dei diritti umani, come l’encomiabile mondo del volontariato, e l’intera società civile che ricordano ai fautori di intolleranza e divisione che la forza della democrazia non è la voce del potere che ha perduto la via del bene né di quella parte del popolo che segue ciecamente i cattivi maestri – aggiunge -,  ma è quella, nonviolenta ma ferma e coraggiosa, del popolo che ogni giorno difende i valori dell’uguaglianza, della tolleranza, della libertà. Finché almeno una sola persona nel nostro Paese si farà carico di tale difesa, la democrazia e la civiltà non saranno né inquinate né, tantomeno, annientate da leggi ingiuste.

Come difensori dei diritti umani continueremo a lavorare per salvare vite umane, per difendere chi fugge da una realtà insopportabile cercando la speranza di una vita dignitosa e libera. Continueremo a manifestare il nostro pensiero nonostante provvedimenti iniqui, ideali ispirati all’odio e a quell’insopportabile violenza che è la repressione politica e giudiziaria della libertà”. Continua a leggere “DEMOS: “Con il decreto sicurezza bis l’Italia ha intrapreso una strada agli antipodi della civiltà e del buon senso””

Il diritto alla casa come primo passo per combattere le diseguaglianze, di Lia Tommi

Alessandria: “Tra gli indicatori del benessere elaborati dalle grandi organizzazioni internazionali, a cominciare dalle Nazioni Unite, l’abitazione figura subito dopo le dimensioni più rilevanti per l’individuo: reddito, salute, educazione. L’importanza della casa per le condizioni di vita delle persone è immediatamente evidente”: Paola Ferrari, coordinatrice alessandrina, spiega il perché tra i principali punti dell’azione di DemoS – Democrazia Solidale ci sia proprio il diritto ad avere una casa.

“È il primo passo per combattere le diseguaglianze e l’esclusione sociale – afferma -. Tanto più sperequata è la distribuzione del reddito tanto più pervasivi sono gli spillover di disagio sociale che coinvolgono in modo non secondario anche la condizione abitativa. I soggetti a basso reddito, o privi di reddito, oltre ad essere esposti al rischio di un stato di salute inferiore alla media, e – soprattutto se giovani – ad una ridotta capacità di dedicare risorse economiche e psichiche all’innalzamento della propria educazione e formazione professionale, finiscono anche per conoscere una bassa qualità dell’abitazione. Continua a leggere “Il diritto alla casa come primo passo per combattere le diseguaglianze, di Lia Tommi”

DemoS e la vicenda di Bibbiano

logo-demos-4-1511775836.jpg

“La vicenda di Bibbiano, al vaglio della Magistratura, un giorno, verrà studiata sui libri di scuola. Perché forse si tratta della più meschina, grottesca, assurda operazione di propaganda politica a cui abbiamo assistito negli ultimi anni. E ne abbiamo la conferma anche con la recente manifestazione di Alessandria”. È quanto sostiene Paola Ferrari, coordinatrice alessandrina di DemoS – Democrazia Solidale.
“Con i fatti di Bibbiano, la politica non c’entra nulla. Nulla, in nessun modo. C’è solo un sindaco del Pd, accusato di tutt’altro rispetto alle vicende che coinvolgerebbero i bambini. Ma migliaia di persone, uomini e donne adulti, ormai credono che si tratti di una faccenda politica. Perché? – spiega Ferrari -. Perché Salvini aveva bisogno di distogliere l’attenzione pubblica dallo scandalo dei fondi russi, sul quale non sa come rispondere. Mentre Di Maio aveva bisogno di dare un senso al nulla politico in cui è sprofondato un M5S ormai sempre più confuso e privo di identità. E cosa aveva dato, in precedenza, un’identità al M5S? L’essere contrapposto al Pd. Quindi, nel momento in cui Salvini non aveva sotto mano altri barconi pieni di poveracci da far aspettare in mare aperto (si è dovuto accontentare di far ascoltare il suo famoso ‘ruggito del coniglio’ a Macron), si è deciso di far passare uno scandalo di cronaca per un fatto politico. E a livello locale, a Piero Castellano di Fratelli d’Italia che si è esibito in roboanti dichiarazioni mediatiche, mi sento di far presente che sarebbe più opportuno riflettere su come sta venendo amministrata Alessandria, che agonizza giorno dopo giorno”.
E il bello è che è bastato puntare il dito per ottenere il risultato.
“È bastato fare un’associazione del tutto arbitraria tra politica e cronaca, condendola con una serie di bufale senza né capo né coda, per convincere migliaia di persone che il Pd a Bibbiano rubasse i bambini – aggiunge -. Dall’altra parte, invece, lo scandalo dei fondi russi (che, se confermato, proverebbe che la Lega e Salvini orientavano la politica internazionale italiana sulla base di finanziamenti illeciti da parte del governo russo), viene derubricato a ‘chiacchiere da bar’, anche se esiste un’intercettazione che dice tutt’altro e Salvini si rifiuta ancora di rispondere nel merito”.
Conclude Ferrari: “Ormai, in pratica, la politica è diventata un fatto puramente emozionale. Non c’entra più cosa è vero e cosa no, cosa un politico fa e con quali conseguenze, è solamente una questione di tifo: se la propria squadra perde, basta gridare contro l’arbitro e sono tutti contenti. Siamo ufficialmente entrati in una nuova fase della deriva nazional-populista del nostro paese. Quella in cui i fatti non contano più nulla, l’unica cosa che si ascolta è la pancia. C’è il tentativo di delegittimare il ruolo del volontariato, dove ci sono persone che hanno operato e continuano ad operare con amore e correttezza. Aver a che fare con il disagio non è facile e chi si impegna, rispettando le regole, merita solo ammirazione. Ci sono argomenti, come quelli dei minori, che devono unirci e non sono accettabili strumentalizzazioni politiche”.

La posizione di DemoS sugli sgomberi senza alternativa

Sulle politiche abitative c’è molto lavoro da fare, ma sicuramente c’è un tema urgente che è quello degli sgomberi.

“Bisogna valutare attentamente l’opportunità degli sgomberi senza alternativa abitativa. È un segnale politico chiaro di vicinanza alle persone e alle famiglie in stato di bisogno – afferma Paola Ferrari, coordinatrice provinciale di DemoS-Democrazia Solidale – Noi siamo e rimarremo dalla parte degli ultimi, e tali sono coloro che vivono il dramma degli sgomberi senza il tempo per decidere un’alternativa (che forse non c’è). Troppe persone, tanti bambini senza casa, tanti luoghi, anche pubblici, vuoti. La sicurezza e la giustizia non sono mettere per strada chi un tetto sulla testa ce l’ha”.

Ferrari ha inviato al Prefetto di Alessandria la richiesta di blocco di tutti gli sgomberi senza alternativa. “Un atto di umanità”.

Estate e anziani soli e ammalati, di Lia Tommi

Alessandria: Estate, tempo di mare e di vacanza. Non per tutti, però. Per gli anziani soli e ammalati l’estate è sinonimo di tanta solitudine. Talvolta drammatica.

Paola Ferrari, coordinatrice di DemoS – Democrazia Solidale lancia un appello per intensificare il contrasto all’isolamento sociale, attraverso la creazione di reti che si collocano accanto alle risposte tradizionali (assistenza domiciliare, servizi residenziali, sociali etc.) e raggiungono ampie fasce di popolazione fragile esposte a rischi.

“Ricordando che secondo l’Istat, al 1° gennaio 2019, nel nostro paese ci sono circa 13 milioni di anziani, e di questi 4 milioni vivono da soli – spiega Ferrari – Siamo uno dei paesi più longevi al mondo e per far fronte all’invecchiamento della popolazione, c’è bisogno di unire le forze. Bisogna lavorare al contrasto dell’isolamento degli anziani, cercando di creare quelle reti che mancano o che si sono assottigliate, nella famiglia e nella società”.

La rete auspicata da DemoS è quella che deve vedere coinvolti i Comuni, con iniziative specifiche, e le associazioni di volontariato, per monitorare tutti gli anziani, partendo dai più anziani e più soli, per verificarne le condizioni di salute ed intervenire al di là delle emergenze.

“Sono i piccoli gesti, che diventano subito grandi quando li compi, a rendere felice un anziano solo: qualche ora di compagnia, essere accompagnato dal medico o a fare la spesa, o ancora venire aiutato nelle piccole riparazioni oppure a sincerarsi se abbia mangiato e bevuto a sufficienza oppure se abbia assunto le medicine prescritte dal medico” conclude Ferrari.

Demos: “L’autonomia che si deve perseguire con spirito moderno non è quella del più forte che trattiene per sé tutto quello che può”

Demos: “L’autonomia che si deve perseguire con spirito moderno non è quella del più forte che trattiene per sé tutto quello che può”

Facciamo un passo indietro, alle ultime elezioni regionali, dove DemoS ha concorso con la lista civica Sì Chiamparino.

unnamed.jpg

“La parola ‘Autonomia’, tra tutte le liste in campo, era scritta solo nel nostro simbolo. Una chiara e precisa volontà, dunque, di ribadire un concetto di cui molti si riempiono la bocca ma che poi nascondono quando si presentano e si impegnano con i cittadini nel momento elettorale” sottolinea Paola Ferrari, coordinatrice alessandrina di Democrazia Solidale e allora candidata nella circoscrizione elettorale di Alessandria.

“Autonomia in politica è la facoltà concessa da un organo superiore ad uno inferiore di avere funzioni proprie per specifiche esigenze inevitabilmente esercitabili attraverso l’erogazione di congrue risorse – spiega Michelino Davico, ex sottosegretario agli interni, uno dei registi dell’attività di DemoS – Per noi, quindi, autonomia è la giusta rivendicazione della nostra Regione nei confronti dello Stato centrale (e troppe volte ‘centralista’!), ma nel contempo vogliamo anche interpretare con questo concetto la possibilità di riscatto dei territori decentrati all’interno della Regione stessa, anche attraverso il trasferimento concreto di risorse ai piccoli Comuni virtuosi (da sempre penalizzati rispetto ai grandi centri urbani…) e la realizzazione di specifici e qualificanti piani di sviluppo locale che vadano a coniugarsi con quello snellimento burocratico che troppe volte impedisce e blocca invece di favorire le iniziative”. Continua a leggere “Demos: “L’autonomia che si deve perseguire con spirito moderno non è quella del più forte che trattiene per sé tutto quello che può””

Paola Ferrari. Demos: Facciamo rete per chi soffre il caldo

“Salvini ha una doppia morale”. Una riflessione di Paola Ferrari (Demos) dopo il comizio di ieri sera a Fubine

“Salvini ha una doppia morale”. Una riflessione di Paola Ferrari (Demos) dopo il comizio di ieri sera a Fubine

unnamed

“Ieri sera Matteo Salvini è intervenuto alla festa della Lega di Fubine (Al), il Comune nel quale vivo, per cui mi sento legittimata ad una riflessione. Ancora una volta ha alzato il tiro contro le ong e i magistrati. E dopo la sentenza di Agrigento che ha liberato Carola Rackete, ha invocato una nuova riforma della Giustizia”. È questo l’incipit di Paola Ferrari, rappresentante di Demos – Democrazia Solidale in provincia di Alessandria.

“Quella che vuole Salvini non è una riforma, ma uno stravolgimento dei principi fondamentali dell’ordinamento costituzionale. E una riforma così come lui auspica non può esistere – spiega Ferrari -. Salvini ha tutti i titoli per poter criticare una decisione della magistratura, ma deve spiegare perché è sbagliata e ancora non abbiamo sentito una sola valutazione sul perché quella decisione sarebbe errata. Trovo strano che sino a qualche giorno fa il magistrato politicizzato era il procuratore di Agrigento e ora il nemico sia diventato il giudice. Se il ministro ha in mente un sistema in cui il giudice decide secondo le aspettative della maggioranza, questo è impensabile in una Repubblica democratica come la nostra, dove fortunatamente è ben sancita la separazione dei poteri”. Continua a leggere ““Salvini ha una doppia morale”. Una riflessione di Paola Ferrari (Demos) dopo il comizio di ieri sera a Fubine”

DEMOS: Anche ad Alessandria nasce Democrazia Solidale

DEMOS: Anche ad Alessandria nasce Democrazia Solidale

Dalla recentissima esperienza della lista civica “Chimaparino Sì-Demos” alle elezioni regionali (oltre 24 mila voti in tutto il Piemonte, percentuale dell’1,26 con il seggio sfumato per poco) a Democrazia Solidale “Demos” anche nella nostra regione e ad Alessandria.

logo-demos.jpg

“Siamo in un momento politico molto particolare per il nostro Paese, ma anche per il contesto internazionale, con nuovi soggetti che vanno affermandosi, su cui si addensano nubi inquietanti, dove con troppa superficialità si parla e si compiono azioni di guerra e dove ancora troppa violenza quotidiana strappa la vita a migliaia di persone” sottolinea Mario Giro, già viceministro degli Affari esteri, che coordina “Demos” a livello nazionale insieme al consigliere regionale del Lazio Paolo Ciani.

Pietro Bartòlo, il medico dei migranti di Lampedusa, che ha ispirato anche un film. “Fuocammare”, forte di oltre 135 mila preferenze nella circoscrizione Isole e quasi 123 mila in quella Centrale, l’altra circoscrizione in cui era candidato, è stato eletto al Parlamento europeo

“In questo quadro preoccupante la nostra Italia, da troppi anni ormai sballottata e scossa da un mix di politica gridata e comunicazione totalizzante, dove l’avvento della globalizzazione ha cambiato nel profondo i tratti, i modelli culturali e sociali del paese ma anche le relazioni interpersonali, quelle della vita quotidiana delle persone. Si è svilito il ruolo della politica, insultata, ridicolizzata, banalizzata. Con indubbie responsabilità gravi degli attori in gioco, ma anche con l’incoscienza di credere che della politica si potesse fare a meno” aggiunge il senatore Michelino Davico, già sottosegretario agli Interni, che ha coordinato la lista “Chiamparino Sì-Demos”. Continua a leggere “DEMOS: Anche ad Alessandria nasce Democrazia Solidale”

La nuova moschea in Alessandria? Le istituzioni devono sempre essere garanti delle libertà

La nuova moschea in Alessandria? Le istituzioni devono sempre essere garanti delle libertà

“Bisogna andare oltre i muri, ridimensionando la paura” ad affermarlo è Paola Ferrari di “Demos”, commentando le polemiche che stanno sorgendo per l’annunciata moschea nel quartiere Europa di Alessandria.

unnamed

“Ritengo che un luogo di preghiera debba sempre essere riconosciuto e autorizzato per non restare solo sul piano teorico, ma per favorire concretamente il dialogo interreligioso, in particolare con i credenti dell’Islam. Negarlo significa privare le persone del diritto di preghiera – aggiunge Ferrari-. La libertà religiosa (e i diritti che ne conseguono) costituisce, in particolare, un elemento costitutivo di un paese che vuole essere una democrazia liberale. Ce lo ricordano la nostra Costituzione repubblicana e ce lo ricordano gli atti fondativi delle grandi nazioni occidentali, basti pensare al primo emendamento della Costituzione federale degli Stati Uniti d’America”.

Conclude Ferrari: “Per il prossimo futuro c’è da sperare che tutte le forze politiche manifestino la consapevolezza dell’alto ministero a cui sono chiamate e che la pur legittima ricerca del consenso avvenga, al di là del colore politico di ciascuna, nella piena valorizzazione dei diritti sanciti nella carta fondante della nostra Repubblica. Lo Stato non può abdicare al suo ruolo di garante della legalità e insieme della libertà, e non può rischiare di spingere chi lo cerca per professare la propria fede alla luce del sole in un angolo di oscurità dove il diritto è bandito”.

Demos Alessandria

A Fubine Monferrato il sindaco (e parlamentare) leghista non celebra il 2 Giugno. Paola Ferrari (Demos): “Comportamento da censurare!”

A Fubine Monferrato il sindaco (e parlamentare) leghista non celebra il 2 Giugno. Paola Ferrari (Demos): “Comportamento da censurare!”

a fubine Ferrari e Davico.jpg

Non tutto cambia con la svolta nazionale impressa da Matteo Salvini alla Lega. Lui nei suoi discorsi ora scandisce parole e slogan un tempo considerati impronunciabili, come “patria” e “prima gli italiani”, ma in occasione della Festa della Repubblica il sindaco leghista (e parlamentare) di Fubine Monferrato, Lino Pettazzi – che ha giurato sulla Costituzione della Repubblica – sembra essere tornato compatto alle “vecchie” tradizioni: ignorare la cerimonia per la Festa della Repubblica.

unnamed.jpg

Assente non solo lui, ma l’intera Giunta in forma ufficiale, proprio mentre alla parata di Roma lo stesso Salvini cercava a tutti i costi la vetrina e il bagno di folla. Pochi anni prima invitava invece il suo popolo a disertare la ricorrenza: ricordiamo bene – facendo notare la contraddizione tra ieri e oggi – il “celebre” tweet del 2013:”Notte serena amici, non c’è un c… da festeggiare”. Continua a leggere “A Fubine Monferrato il sindaco (e parlamentare) leghista non celebra il 2 Giugno. Paola Ferrari (Demos): “Comportamento da censurare!””

“Il centrodestra sfonda, ma la Giunta di Alessandria viene punita dagli elettori: quattro assessori in corsa alle Regionali e nessuno va a Torino”

“Il centrodestra sfonda, ma la Giunta di Alessandria viene punita dagli elettori: quattro assessori in corsa alle Regionali e nessuno va a Torino”

“Sperando che le elezioni rimangano ancora ‘il momento clou’ del confronto, il risultato elettorale di Alessandria città alle Regionali sembra stonare con l’ondata favorevole al Carroccio e agli altri alleati” sottolinea Paola Ferrari di “Chiamparino Sì-Demos”.

paola-ferrari-2-1chiamparino-si

“Erano infatti in lizza ben quattro assessori, e con che deleghe! Dal vicesindaco al Bilancio passando per i Lavori pubblici. Risultato? Tutti a casa! Mi spiace dal punto di vista personale, ma politicamente parlando si tratta di una palese bocciatura della Giunta al governo, dopo due anni di mandato e sulla strada delle verifica di midterm. È evidente la mancanza di progettualità politica, che invece è stata completamente sostituita dall’ordinaria amministrazione – aggiunge -. Le quattro mancate elezioni a Torino sono la prova di come i continui slogans ‘alla pancia della gente’ siano ben diversi dalle concrete risposte che si devono dare ai cittadini. Un ulteriore segnale contrario a quest’Amministrazione, nel contesto della lunga onda favorevole, lo hanno anche dato i dati delle Europee, dove in città la Lega incamera quasi il 41 per cento, per poi scendere al 38 per cento alle Regionali ”.

Conclude Ferrari: “Parlando di rappresentatività, allo stato attuale Alessandria città, non avrà dunque suoi protagonisti in grado di portare direttamente le istanze nel consesso delle decisioni”.

“Abbiamo iniziato l’opera di tessitura per riportare la politica al centro”

“Abbiamo iniziato l’opera di tessitura per riportare la politica al centro”

“Ringrazio di cuore chi ha avuto fiducia e chi ha creduto nella nostra proposta (che in tutto il Piemonte è stata premiata da oltre 24 mila voti), in me e in questo sogno bello e grande di cambiare il nostro Paese e il futuro, rendendolo più accogliente verso chi è più fragile e più attento al nostro bene comune che è la Terra.

Ferrari e DavicoPaola Ferrari

É stato un percorso nuovo, impegnativo, ma davvero affascinante. Siamo solo all’inizio, ma da un seme si possono generare molti frutti” afferma Paola Ferrari, candidata e responsabile per la lista “Chiamparino Sì-Demos” alle Elezioni regionali nel collegio della provincia di Alessandria.

Insieme al consigliere regionale Alfredo Monaco e al senatore Michelino Davico (già sottosegretario agli Interni), Ferrari ha lavorato per presentare le liste in tutto il Piemonte. Continua a leggere ““Abbiamo iniziato l’opera di tessitura per riportare la politica al centro””

Paola Ferrari (Chiamparino Sì – Demos): solidarietà a Papa Francesco

Paola Ferrari (Chiamparino Sì – Demos): solidarietà a Papa Francesco

Paola Ferrari.JPG

Alessandria: “Da cattolica praticante, esprimo solidarietà e vicinanza a Papa Bergoglio, fischiato a Milano dal pubblico rabbioso e invasato di un personaggio che fa dell’odio la fonte del suo momentaneo consenso elettorale.

Nello stesso tempo, considero quello che ha fatto ieri Salvini a Milano una vera e propria profanazione.

Se giudico il fatto come persona di fede cattolica, mi sento profondamente offesa. Da cittadina di una Repubblica democratica e laica, seriamente preoccupata dal comportamento del Ministro degli Interni, che ha giurato sulla Costituzione”.

Dopo le dichiarazioni del presidente regionale del Coni, Paola Ferrari (ChiamparinoSìDemos): “Giù le mani dallo sport!”

Dopo le dichiarazioni del presidente regionale del Coni, Paola Ferrari (ChiamparinoSìDemos): “Giù le mani dallo sport!”

Paola Ferrari

Alessandria: La decisa ed inequivocabile presa di posizione del presidente regionale del Coni Gianfranco Porqueddu, che ha parlato di sostegno del mondo sportivo piemontese al candidato di Centrodestra Cirio, mi indigna.

Preciso a tutti che il Comitato Olimpico Nazionale Italiano è la massima istituzione sportiva e deve essere apolitica e apartitica. Come mamma di un atleta del Settore giovanile di una Federazione del Coni, trovo gravissima ed arrogante la dichiarazione di Porqueddu, che deve occuparsi di sport e non schierarsi a favore di un candidato a nome di tutto il mondo sportivo, arrogandosi il diritto di rappresentarlo politicamente. Continua a leggere “Dopo le dichiarazioni del presidente regionale del Coni, Paola Ferrari (ChiamparinoSìDemos): “Giù le mani dallo sport!””

Paola Ferrari (ChiamparinoSìDemos): “Rilanciare l’agricoltura familiare”

Paola Ferrari (ChiamparinoSìDemos): “Rilanciare l’agricoltura familiare”

Alessandria: I piccoli agricoltori sono l’avanguardia della pratica dell’agricoltura sostenibile. In un’era di costi crescenti, prezzi volatili dei carburanti, degli input agricoli e del cibo, di imprevedibilità del cambiamento climatico, di degrado dell’ambiente, i piccoli agricoltori agroecologici rappresentano la forma più funzionale di agricoltura, in grado di nutrire il mondo e ridurre le pressioni ecologiche ed economiche.

Paola Ferrari

I piccoli agricoltori e le piccole fattorie sono la chiave della sicurezza alimentare, sono più produttivi e conservano le risorse più delle grandi monocolture, sono modelli di sostenibilità e santuari di biodiversità.

Non ultimo, contribuiscono al raffreddamento del clima. L’ agricoltura familiare ha i volti e le mani delle migliaia di comunità del cibo, perché le comunità delcibo rappresentano il modello di sviluppo che vogliamo, uno sviluppo legato in modo inestricabile al benessere ambientale del pianeta e alla sopravvivenza economica delle comunità locali”.

Quel contributo in denaro del mondo agricolo alla Lega

Quel contributo in denaro del mondo agricolo alla Lega

Alessandria: Paola Ferrari (candidata alle elezioni regionali del Piemonte per la lista ChiamparinoSì-Demos):”E’ di ieri la notizia (Il Fatto Quotidiano) che Confagricoltura Roma ha elargito un finanziamento alla Lega, partito che esprime il Ministro direttamente competente per il settore. Il fatto, seppur lecito, mi induce a questa riflessione. L’ agricoltura, soprattutto in Italia, non sta certamente da tempo attraversando un periodo di ‘vacche grasse’.

Paola Ferrari

Nei supermercati non è di certo aumentata l’offerta dei prodotti #agroalimentari del così tanto sbandierato made in Italy. Gli agricoltori sono sempre più in stato di sofferenza – colpiti oltretutto da questa “maledetta primavera” – e l’unico vero sostegno deriva dai denari della Pac della tanto ‘vituperata’ Europa.

Era proprio necessario che un’ associazione di categoria contribuisse così smaccatamente ad una campagna elettorale? Avrei apprezzato di più che questo stanziamento fosse finalizzato ad uno scopo educativo, sociale, didattico, culturale rivolto a promuovere la cultura del benessere alimentare attraverso i prodotti agricoli di qualità. Non certo per contribuire a finanziare le ‘piazzate’ di Salvini”.

“Io mi batto perchè le nostre Valli ritornino a vivere!”

“Io mi batto perchè le nostre Valli ritornino a vivere!”

Alessandria: Paola Ferrari (candidata alle elezioni regionali per la lista ChiamparinoSì-Demos): “Credo fermamente che il tempo delle promesse sia esaurito, perchè troppe volte abbiamo pagato sulla nostra pelle lo scorrere veloce del tempo e il volare nel nulla degli impegni assunti.

Paola Ferrari

Uno degli interessi che mi stanno particolarmente a cuore, anche perchè nata e cresciuta in questo tipo di territorio, è il far rivivere le nostre vallate dell’ Alessandrino. Penso alla Val Curone, alla Val Grue, alla Val Borbera e alla Val d’ Erro.

Ma anche a tutte le altre zone che in questi ultimi decenni hanno conosciuto l’abbandono dovuto al repentino mutamento degli scenari. Sarà mio impegno che la legge regionale sul riordino della disciplina in materia di autonomie locali e nuove norme sulla montagna, approvata lo scorso mese di marzo (una delle ultime importanti e significative azioni del Piemonte di Sergio Chiamparino), prenda forza proprio nelle nostre Valli.

Là dove vedi un territorio curato e vivo, è più facile che un turista lo apprezzi e perciò deicida di tornarci, mettendo in moto l’economia locale tramite l’acquisto dei prodotti di quel territorio e offrendo nel contempo possibilità di lavoro. Continua a leggere ““Io mi batto perchè le nostre Valli ritornino a vivere!””

Paola Ferrari si presenta ai lettori di Alessandria today

Paola Ferrari si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Paola Ferrari è candidata nelle elezioni regionali con la lista civica “Chiamparino Sì-Demos”, a sostegno di Sergio Chiamparino, gli abbiamo chiesto si presentarsi ai nostri lettori, ecco la sua biografia:

paola-ferrari-2.png

PAOLA FERRARI

Nata a Tortona, ha frequentato l’Istituto “Dante Alighieri “ di Tortona e ha svolto studi in giurisprudenza. Già imprenditrice agricola, nel 1998 è stata premiata come la più giovane imprenditrice agricola della provincia di Alessandria.

Specializzatasi in turismo rurale con progetti mirati presso la Comunità Europea, ha successivamente concentrato la propria attenzione al mondo femminile, prima con incarichi alla Coldiretti e successivamente presso la Regione Piemonte. Dal 2000 al 2008 è stata componente della Commissione regionale delle Pari Opportunità ricoprendo anche l’incarico di vicepresidente e con delega alla Cooperazione.

Mamma, attualmente è impegnata nel mondo del volontariato e del sociale, con particolare attenzione al volontariato carcerario.

Svolge anche il delicato compito di tutore volontario dei minori stranieri non accompagnati (Msna).

Ama gli animali, “perché mi curano anche l’anima”, ritiene che mai come oggi si debba accompagnare per mano i nostri figli nel rispetto del prossimo e dell’ambiente. Quest’ultimo, un argomento che le sta particolarmente a cuore.

Paola Ferrari: “Fondamentale l’educazione allo sviluppo e ai diritti”

Paola Ferrari: “Fondamentale l’educazione allo sviluppo e ai diritti”

Il dibattito sullo sviluppo, ampio e spesso controverso, coinvolge le società dei paesi avanzati e non solo, fin dalla seconda metà degli anni ’50. Il discorso riguardante l’aspetto pedagogico, che su suggerimento italiano prenderà il nome di “educazione allo sviluppo”, risale invece all’inizio degli anni ’70, quando prendono piede le idee dell’educatore brasiliano Paulo Freire e del sociologo di origine messicana Ivan Illich.

Paola Ferraripaola Educare al rispetto

Si tratta di temi importanti, sui quali pone la sua attenzione Paola Ferrari, candidata alle Elezioni regionali nella lista “Chiamparino Sì-Demos”.

“Il messaggio chiave è che l’educazione troppo spesso serve per il rafforzamento dello status quo, in quanto trasforma gli studenti in passivi bersagli di informazioni selezionate. Finalità dell’educazione dovrebbe essere invece la liberazione dell’individuo – spiega Ferrari -.

L’educazione dovrebbe aiutare i giovani ad affrontare la realtà senza pregiudizi, ad esaminarla con sguardo critico: la scuola ideale dovrebbe aiutare gli studenti a partecipare attivamente alla trasformazione del mondo che li circonda.

Ma serve, oggi più che mai, un’educazione allo sviluppo capace di supporre l’applicazione di metodi nuovi che permettano al bambino di sviluppare la sua personalità, il suo senso critico, la sua volontà e la capacità di agire nell’ambiente e nella società attraverso esperienze ed azioni concrete”. Continua a leggere “Paola Ferrari: “Fondamentale l’educazione allo sviluppo e ai diritti””

Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos,): “Si deve porre una volta per tutte la duplice questione di metodo e di etica, perché nella politica continuano ad esserci troppe persone inopportune”

Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos,): “Si deve porre una volta per tutte la duplice questione di metodo e di etica, perché nella politica continuano ad esserci troppe persone inopportune”

“La questione morale nella politica esiste, eccome se esiste, e chi la nega, nega la realtà”. Non ha paura a puntare il dito, convinta, Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos).

Paola Ferrari.png

“Il tormentone del leghista Siri e i freschissimi arresti in Lombardia per corruzione, che hanno duramente colpito Forza Italia e coinvolto anche Fratelli d’Italia, sono solo gli ultimi esempi purtroppo di una lunga lista.

Ci vollero far credere che la questione ‘mani pulite’ fosse quanto di peggio potesse capitare agli italiani come cattiva e pessima amministrazione: non era vero, il peggio dovevamo ancora vederlo infatti – rimarca Ferrari -.

La candidatura a Governatore del Piemonte di Alberto Cirio, coinvolto nello scandalo della Rimborsopoli regionale e in attesa di sapere se sarà rinviato a giudizio oppure no, è la prova che si persiste nella politica con personaggi macchiati da guai giudiziari contro la Pubblica amministrazione. Continua a leggere “Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos,): “Si deve porre una volta per tutte la duplice questione di metodo e di etica, perché nella politica continuano ad esserci troppe persone inopportune””

Guardiamo sempre ad un’agricoltura garante della sicurezza alimentare, partendo dal rispetto delle norme di produzione. Ne parliamo con Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos)

Guardiamo sempre ad un’agricoltura garante della sicurezza alimentare, partendo dal rispetto delle norme di produzione. Ne parliamo con Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos)

Paola FerrariAgricoltura

Paola Ferrari candidata nel collegio elettorale di Alessandria alle Elezioni regionali del prossimo 26 maggio nella formazione civica “Chiamparino Sì-Demos”, proprio per il suo passato di imprenditrice del settore, non può non parlare di agricoltura. Materia sulla quale la Regione ha competenze dirette.

“Per la prima volta negli ultimi vent’anni, il Piemonte è la quarta Regione più virtuosa del Centro-Nord per quanto riguarda i pagamenti previsti dal Piano di sviluppo rurale. Davanti solo le Province autonome di Bolzano e Trento e il Veneto. Nel 2018 il Psr ha quindi raggiunto e superato gli obiettivi fissati dalla Commissione europea – sottolinea – Il programma ha attivato a circa il 90 per cento delle risorse disponibili, equivalenti a circa 960 milioni di euro a fronte di un budget totale per il periodo 2014-2020 di poco più di un miliardo di euro di finanziamento pubblico” . Continua a leggere “Guardiamo sempre ad un’agricoltura garante della sicurezza alimentare, partendo dal rispetto delle norme di produzione. Ne parliamo con Paola Ferrari (Chiamparino Sì-Demos)”

Paola Ferrari: “Chiamparino Sì-Demos”: “perché questo simbolo?

“Chiamparino Sì-Demos”: “perché questo simbolo?

Paola Ferrari, capolista nel collegio elettorale di Alessandria per le Elezioni regionali del prossimo 26 maggio, ci spiega il significato del simbolo della formazione civica “Chiamparino Sì-Demos”.

Sergio Chiamparino e Paola FerrariChiamparino SI

“Ciò che è più appariscente nel nostro simbolo e quel ‘SÌ’ che sta al centro. Non è casuale e non è banale! È un messaggio, un segnale preciso, un atteggiamento niente affatto scontato nel momento storico che stiamo vivendo – sottolinea – Intanto quel ‘SÌ’ è un messaggio positivo, una predisposizione all’ottimismo e alla serenità. È il contrario del ‘NO’ che vieta, impedisce, scoraggia e chiude a ogni forma di confronto e di dialogo. Poi è ovvio che quel ‘S’” è il nostro ‘SÌ’ alla presidenza Chiamparino, al suo programma e alla maggioranza che lo sostiene”.

“Quel ‘SÌ’ è anche il ‘SÌ’ al Piemonte e ai suoi territori (alcuni un po’ dimenticati in questi anni!…), alla crescita, al lavoro e ai servizi, alle infrastrutture che aiutano una Regione come la nostra a migliorare ancora, con lo sguardo al futuro ma con i piedi ben piantati nella tradizione e nella nostra storia millenaria – aggiunge FerrariMa quel ‘SÌ’ è soprattutto un atteggiamento dell’animo, una predisposizione e un’attenzione all’altro, sia esso un cittadino, un operatore socio-economico, una persona benestante o in difficoltà. Quante volte nell’approccio con l’amministrazione pubblica ci siamo sentiti dire ‘NO’, non si può!”

“Ecco, noi siamo quelli del ‘SÌ’, quelli che con serietà e convinzione dicono: ‘SÌ, facciamo! SÌ, verifichiamo se si può fare e impegniamoci insieme perché lo si possa fare! ‘ – conclude – Ecco, questo è il nostro ‘SÌ‘. Troverete altri ‘sì’ sulla scheda elettorale ma il nostro è unico, il nostro è ’speciale ’. Il nostro ’SÌ ’ è anche più grande (il più grande!…) perché è più importante!”.

Sì Chiamparino-Demos: Le nostre proposte per la salvaguardia dei piccoli paesi: in cima alla lista c’è la fiscalità agevolata”

Sì Chiamparino-Demos: Le nostre proposte per la salvaguardia dei piccoli paesi: in cima alla lista c’è la fiscalità agevolata”

Piccoli Comuni.jpg

L’Italia dei borghi isolati, dove non ci sono bar, negozi o farmacie. La desertificazione commerciale avanza. Impegno di “Sì Chiamparino-Demos”: fiscalità agevolata per non sparire.

Paola Ferrari 1

Paola Ferrari è la capolista, nel collegio elettorale di Alessandria per le Elezioni regionali del prossimo 26 maggio, proprio della formazione civica “Sì Chiamparino-Demos”.

La lista è nata dall’unione tra Scelta di Rete Civica (già presente in Consiglio regionale) e Democrazia Solidale, e si presenterà in tutte le circoscrizioni elettorali del Piemonte.

Sono piccoli paesi, a volte manciate di case, sparsi anche in Piemonte e nella Provincia di Alessandria.

“Da quattro anni la desertificazione commerciale è schizzata del 30%. Ed entro dieci potrebbe raddoppiare – ragiona Ferrari -.   Il Piemonte guida la classifica dei paesi orfani di negozi, circa il 40% del totale, seguito da Lombardia (15%), Liguria (6%) e Abruzzo (5%). Continua a leggere “Sì Chiamparino-Demos: Le nostre proposte per la salvaguardia dei piccoli paesi: in cima alla lista c’è la fiscalità agevolata””

Paola Ferrari (Sì Chiamparino-Demos”): “Bisogna impegnarsi sempre più per la sostenibilità ambientale e un aiuto concreto viene dalla nostra legge sulle comunità energetiche”

Paola Ferrari (Sì Chiamparino-Demos”): “Bisogna impegnarsi sempre più per la sostenibilità ambientale e un aiuto concreto viene dalla nostra legge sulle comunità energetiche”

Paola Ferrari è la capolista, nel collegio elettorale di Alessandria per le Elezioni regionali del prossimo 26 maggio, della formazione civica “Sì Chiamparino-Demos”.

Paola Ferrari e Alfredo Monaco

La lista è nata dall’unione tra Scelta di Rete Civica (già presente in Consiglio regionale) e Democrazia Solidale, e si presenterà in tutte le circoscrizioni elettorali del Piemonte.

Tra i principali ambiti d’interesse e di azione c’è l’ambiente. Come possono le Regioni creare le condizioni di sostenibilità ambientale? Come possono i cittadini e le pubbliche amministrazioni creare territori sostenibili?

“Un esempio concreto, e non solo a livello di promessa elettorale, ci giunge proprio da quanto siamo stati in grado di fare in Regione Piemonte, grazie al nostro rappresentante Alfredo Monaco, che ha presentato e fatto approvare la legge che istituisce le comunità energetiche” spiega Ferrari.

Singoli cittadini, in modo sempre più importante, manifestano l’istanza di partecipazione alle dinamiche del settore energetico, sia nella generazione che nel consumo di energia. Si organizzano in gruppi di energy citizens (secondo una definizione data nel 2016 da Greenpeace), facendosi partecipi dei processi per la transizione energetica verso un modello di consumo di energia sostenibile. Continua a leggere “Paola Ferrari (Sì Chiamparino-Demos”): “Bisogna impegnarsi sempre più per la sostenibilità ambientale e un aiuto concreto viene dalla nostra legge sulle comunità energetiche””

“L’unica castrazione veramente in ballo è quella dell’intelligenza collettiva”

“L’unica castrazione veramente in ballo è quella dell’intelligenza collettiva”

“Decisamente utopico e ideologico è pensare che la sfera sessuale possa essere disciplinata dalla somministrazione di un farmaco o da pratiche costrittive o punitive in stile medioevale. Soluzioni ignoranti per ignoranti”: è quanto dichiara Paola Ferrari, capolista, nel collegio elettorale di Alessandria per le Elezioni regionali del prossimo 26 maggio, della formazione civica “Sì Chiamparino-Demos”.

Paola Ferrari 1

“Cosa si fa in concreto per educare, sin da piccoli, al rispetto delle donne? Quella della castrazione chimica, così tanto invocata dalla Lega,è evidentemente che è una proposta demagogica della quale molti parlano senza nemmeno sapere di cosa si tratti e delle pesanti implicazioni che può avere sul piano dei diritti umani e civili. Ma questo non sembra interessare a nessuno. Banalmente inefficace è invece sul piano pratico, il classico provvedimento che ‘suona bene’ ma che poi si rivela vuoto di effetti, quando non controproducente. L’ennesima truffa ai danni dei cittadini da parte di politici e media che ormai identificano gli stessi cittadini con il pubblico televisivo e lo trattano di conseguenza” aggiunge Ferrari.

“L’unica castrazione veramente in ballo è quella dell’intelligenza collettiva, l’evasione nella fantasia sulle ali della paura, a nascondere la realtà e la tragica inadeguatezza del nostro personale politico e l’imbarazzante livello del ‘pubblico’ italiano” conclude Paola Ferrari.

Scelta di rete Civica

Elezioni regionali, c’è anche la lista di “Sì Chiamparino-Demos”

Elezioni regionali, c’è anche la lista di “Sì Chiamparino-Demos”

La formazione, che ci colloca nell’alveo del centrosinistra e sosterrà Sergio Chiamparino, manda in campo nell’Alessandrino: Paola Ferrari, Mauro Vaccamorta, Andrea Bes e Alfredo Monaco.

Simbolo lista copia

Da qualche settimana si aveva sentore di movimenti, ma soltanto questa mattina, con la presentazione della documentazione in Tribunale, si è avuta la certezza. Ci sarà anche la lista “Sì Chiamparino-Demos”, la formazione civica che si colloca nell’ambito del centrosinistra e che sosterrà dunque Sergio Chiamparino nella sua corsa per la riconferma alla guida della Regione Piemonte.

La lista alessandrina sarà così composta: Paola Ferrari, impegnata nel volontariato e nell’associazionismo, già nella Commissione Pari Opportunità della Regione Piemonte; Mauro Vaccamorta, già dirigente nazionale e presidente regionale di Arci Caccia e sindacalista all’Ansaldo; Andrea Bes, disabile attivo con competenze specifiche nel mondo della stessa disabilità; e Alfredo Monaco, medico chirurgo e consigliere regionale uscente.

Chiamparino e Ferrari

La lista è nata dall’unione tra Scelta di Rete Civica (già presente in Consiglio regionale) e Democrazia Solidale, e si presenterà in tutte le circoscrizioni elettorali del Piemonte: oltre allo stesso Monaco, tra i registi del progetto c’è anche l’ex senatore Michelino Davico, già sottosegretario agli Interni. Continua a leggere “Elezioni regionali, c’è anche la lista di “Sì Chiamparino-Demos””

“La legge sulla legittima difesa? Una vera e propria resa dello Stato”

“La legge sulla legittima difesa? Una vera e propria resa dello Stato”

Simbolo lista copia

Altro che “bellissima notizia”! Scelta di Rete Civica esprime forte contrarietà alla legge sulla legittima difesa.

“Presumere sempre che la difesa sia legittima significa sostanzialmente dire a un cittadino ‘pensaci tu a difenderti perché, io Stato, non posso, non ce la faccio o peggio ancora non ne sono capace’.

Si tratterebbe sostanzialmente di una vera e propria resa. Questa è la cultura leghista” afferma la coordinatrice di Alessandria Paola Ferrari.

Che aggiunge: “Una simile legge inoltre ci preoccupa perchè c’è il forte rischio della possibile ‘liberalizzazione’ della vendita di armi”.

Scelta di rete Civica

Coordinamento provinciale Alessandria

“Necessario fare chiarezza sui fondi europei, autonomia e sanità”

Paola Ferrari: “Necessario fare chiarezza sui fondi europei, autonomia e sanità”

“Non c’è alcun pericolo, come sostiene Alberto Cirio, che l’Unione Europea si riprenda risorse non utilizzate dei fondi europei perché il Piemonte ha superato da tempo il tetto di spesa sotto il quale si rischia di perdere fondi.

unnamed.png

Non solo: sul fondo per l’agricoltura, il Psr, il Piemonte è secondo nel centro-nord Italia per risorse già liquidate, e sul Fse la nostra regione è prima in Italia per spesa certificata, tanto che la Commissaria europea Cretu ne ha parlato come di un modello in Italia per la gestione del fondo. Molto buone sono anche le performance raggiunte con il Fesr.

Questi risultati sono stati costruiti dal governo-Chiamparino nonostante i ritardi nelle definizione dei programmi lasciatici in eredità dalla passata amministrazione” sostiene Paola Ferrari, coordinatrice provinciale di Alessandria di Scelta Civica del Fare.

“Anche sull’autonomia non bisognerebbe confondere le acque. Con il 116 non si recuperano risorse fiscali andate al governo centrale, ma vengono trasferite solamente le risorse collegate al trasferimento delle competenze alle Regioni. Continua a leggere ““Necessario fare chiarezza sui fondi europei, autonomia e sanità””

Disegno di legge Pillon stoppato (e rinviato) in Commissione: ma non basta. “È una riforma sessista e iniqua. Il M5S da che parte sta?”

Disegno di legge Pillon stoppato (e rinviato) in Commissione: ma non basta. “È una riforma sessista e iniqua. Il M5S da che parte sta?”

Manifestazione contro ddl pillon

È chiaro che c’è un problema grande come una casa nella maggioranza. O almeno così vogliono farci credere. Il Movimento 5 stelle, nonostante la presa di posizione dei giorni scorsi, non ha tolto le firme in calce al disegno di legge della Lega. Cosa deciderà di fare veramente il M5S? Da che parte ha deciso di stare!”: è quanto si chiede Paola Ferrari, coordinatrice provinciale di Scelta Civica del Fare.

unnamed

Il Ddl tratta norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità e ha come primo firmatario il senatore Simone Pillon (Lega). Per contrastare una riforma ideologica, iniqua e ingiusta si sono mobilitati in tutta Italia e anche in Piemonte soprattutto associazioni femminili e quelle che si occupano di minori.

“Si tratta di una riforma sessista e schierata a difesa del genitore più forte economicamente e quindi iniqua e ingiusta, che ignora l’interesse dei minori. Questo disegno di legge è destinato ad aumentare la conflittualità tra le coppie che si vogliono separare” puntualizza Ferrari.

Scelta Civica del Fare.

Coordinamento provinciale Alessandria

“Scelta Civica del Fare sulla mancata partecipazione alla manifestazione Sì Tav del candidato di Centrodestra”

“Scelta Civica del Fare sulla mancata partecipazione alla manifestazione Sì Tav del candidato di Centrodestra”

Alberto Cirio, il candidato del Centrodestra, non è andato sabato in piazza a Torino per il Sì alla Tav: è chiaro che è completamente prono a quella Lega che qui in Piemonte fa intendere, solo a parole, di essere favorevole, mentre poi a Roma sta con quelli del No solo per continuare a sedersi sulla poltrona che si chiama Governo”. È quanto afferma Paola Ferrari, coordinattrice provinciale di Alessandria di Scelta Civica del Fare.

unnamed.png

Aggiunge: “La Tav potrebbe fermarsi davvero, e con lo stop si ipoteca il futuro di generazioni, imprese e territori. Alessandrino compreso. La Tav è infatti il collegamento con l’intera Europa”.

Conclude Ferrari: “Ma come può essere credibile questo Centrodestra? Nelle Regioni e nei Comuni la Lega va con il Centrodestra, in alleanza con Forza Italia e Fratelli d’Italia, ma a Roma, conferma che resta ben ferma al Governo con il M5S. Tutto questo è l’emblema della confusione politica dell’Italia, è ingannare i cittadini”.

Coordinamento provinciale Alessandria  

Paola Ferrari: “Non sono di sinistra, la mia è una scelta civica”

Paola Ferrari: “Non sono di sinistra, la mia è una scelta civica”

Alessandria: Ho l’obbligo morale, prima ancora che politico, nella mia qualità di coordinatrice provinciale di Scelta Civica del Fare, di chiarire la mia scelta politica di aderire alla lista civica a sostegno del presidente uscente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino.

Si tratta di una lista civica composta da persone che, pur provenendo da dinamiche ed esperienze varie, certamente possono essere qualificate come “cittadinanza attiva”.

chiamparino-e-ferrari-1

Il fatto che abbia suscitato “scalpore politico” la mia scelta di sostenere un candidato come Chiamparino, pur provenendo io da una storia politica prettamente di centrodestra che non potrò e non vorrò mai rinnegare, unito alla mia strutturale e radicata consonanza ideale con il pensiero liberale, denota una non banale presa di coscienza di quello che, a mio avviso, è il quadro reale del sistema politico e istituzionale italiano.

Sono infatti giunta alla conclusione che la “Crisi politica” che attanaglia tutti i partiti a qualsiasi ideologia a cui dicono di appartenere, abbia ridotto gli stessi in una condizione di assoluta incapacità ad esprimere una seria Classe Dirigente, che sappia rispondere ai bisogni della collettività.

L’esperienza maturata negli ultimi cinque anni dall’amico consigliere regionale Alfredo Monaco, mi ha insegnato che non c’è bisogno di meri “partiti politici”, ma sempre e solo di persone in carne ed ossa in grado di esprimere un vero senso civico e con il senso del fare. Continua a leggere “Paola Ferrari: “Non sono di sinistra, la mia è una scelta civica””

Paola Ferrari. “La Regione Piemonte, su nostra iniziativa, ha abolito il ticket per le donne ad alto rischio di tumore al seno”

“La Regione Piemonte, su nostra iniziativa, ha abolito il ticket per le donne ad alto rischio di tumore al seno”

“Sono orgogliosa di comunicarvi che la Giunta Chiamparino ha approvato la proposta del nostro consigliere Alfredo Monaco (ODG n.1321) per l’esenzione alla compartecipazione della spesa sanitaria per le donne con una mutazione ereditaria dei geni BRCA”: ad annunciarlo è Paola Ferrari, coordinatrice provinciale di alessandria di Scelta Civica del Fare.

chiamparino-e-ferrari-1

Di che si tratta? “Si tratta, per intenderci, della mutazione che ha indotto l’attrice Angelina Jolie a farsi asportare prima il seno e poi le ovaie, proprio perché le donne con questa mutazione ereditaria hanno un rischio altissimo di sviluppare il cancro. Da oggi una categoria fragile come questa non sarà più costretta a pagare oltre 600 euro di ticket all’anno e anche il test genetico proposto alle famiglie a rischio risulterà esente se positivo”spiega Ferrari.

unnamed

Che conclude: “Buona sanità significa fare prevenzione e il Piemonte non è secondo a nessuno in Italia, e lo dimostra avendo sostenuto e realizzato questa iniziativa. Sono più di 1200 le donne (e alcuni uomini) che potranno usufruire di questo beneficio e, mal contata, questa operazione costerà circa un milione di euro”.

Coordinamento provinciale Alessandria

Paola Ferrari: “Dopo la scelta del candidato del Centrodestra si deve porre una duplice questione: di metodo e di etica”

Paola Ferrari: “Dopo la scelta del candidato del Centrodestra si deve porre una duplice questione: di metodo e di etica”

Queste le dichiarazioni della coordinatrice provinciale di Alessandria di Scelta Civica del Fare Paola Ferrari, dopo l’ufficializzazione della candidatura di Alberto Cirio a presidente della Regione Piemonte per il Centrodestra.

schermata-2019-03-06-a-15.52.20

“Salvini si accorda con Berlusconi e la Meloni per il candidato alle prossime elezioni regionali del Piemonte – afferma Ferrari – Continua la telenovela del fedifrago: nelle Regioni e nei Comuni il leader leghista va con il Centrodestra, in alleanza con Forza Italia e Fratelli d’Italia, ma a Roma, conferma che resta ben fermo al Governo con il M5S. Tutto questo è l’emblema della confusione politica dell’Italia, senza più partiti e senza più culture politiche di riferimento. Serve ripartire dai nostri fondamentali democratici per costruire una seria alternativa di governo a misura degli interessi delle classi popolari e dei ceti medi produttivi”.

chiamparino-e-ferrari-1

Conclude Ferrari: “La candidatura di Cirio, coinvolto nello scandalo della Rimborsopoli regionale e in attesa di sapere se sarà rinviato a giudizio oppure no, implica anche una doverosa questione etico-morale sul persistere in generale nella politica di personaggi macchiati da guai giudiziari contro la Pubblica amministrazione. Al contrario, proprio per ridare credibilità alla stessa politica, si eliminare quel sistema che ripropone ‘i soliti noti’, puntando su persone nuove, credibili, radicate e con un’etica incrollabile. Ci vuole un impegno chiaro sulla carta valoriale, non solo a parole, ma soprattutto nei fatti”.

Coordinamento provinciale Alessandria 

Paola Ferrari. “Cosa sta facendo l’Amministrazione-Cuttica per agevolare le mamme? Però sento vuote esternazioni in favore della famiglia!”

Paola Ferrari. “Cosa sta facendo l’Amministrazione-Cuttica per agevolare le mamme? Però sento vuote esternazioni in favore della famiglia!”

Negli ultimi tempi, al Comune di Alessandria sembrano predominare i temi della donna, legati soprattutto all’aborto, e della famiglia, in prospettiva dell’ormai noto evento di Verona.

Nel dibattito interviene anche Paola Ferrari, coordinatrice provinciale di Alessandria di Scelta Civica del Fare.

Paola Ferrari e Alfredo Monaco

“Andiamo con ordine – afferma Ferrari -. Essere madre è un istinto naturale antico come il mondo, un bisogno e una propensione necessaria di ogni donna. Chi sceglie di abortire è una strega o un mostro? Siamo davanti a drammi che non possono essere giudicati con superficialità, né tanto meno con intenti chiaramente di propaganda politica. Trovo poi piuttosto inopportuno che a giudicare o a puntare il dito siano soprattutto gli uomini, come Emanuele Locci, senza conoscere nulla della condizione della donna e perché giunge all’eventuale scelta dell’interruzione di gravidanza: però la considerano cattiva, sbagliata, eticamente malata. La loro mi sembra una presuntuosa entrata a gamba tesa nella nella psiche e nella personalità intima di una donna”.

unnamed

Ed ancora: “La manifestazione di Verona? Sull’argomento la Maggioranza al Comune di Alessandria ha dimostrato tutta la sua ambiguità. Per me Verona è solo l’esaltazione della sottomissione della donna di cui hanno nostalgia le associazioni catto-integraliste che oggi sono entrate in parlamento con la Lega. Un integralismo che santifica la moglie e madre devota, magari di undici figli proprio come una volta, che mentre la Spagna propone di equiparare i permessi di paternità a quelli di maternità e al 100% dello stipendio (questa sì che è bigenitorialità), in Italia c’è chi parla di alzare la retribuzione degli uomini affinché le donne non debbano più lavorare”. Continua a leggere “Paola Ferrari. “Cosa sta facendo l’Amministrazione-Cuttica per agevolare le mamme? Però sento vuote esternazioni in favore della famiglia!””

Paola Ferrari. Tav: “Ma a fino a quando alla Lega sarà permessa la strategia dei due forni?”

“Ma a fino a quando alla Lega sarà permessa la strategia dei due forni?”

“Riccardo Molinari mente sapendo di mentire!”. È quanto sostiene la coordinatrice provinciale di Alessandria di Scelta Civica del Fare Paola Ferrari, a proposito della Tav.

Il capogruppo della Lega alla Cascina Marchesa, nel quartiere Barriera di Milano di Torino, aveva detto che “i bandi sono partiti e che alla fine il ritardo si limita a un paio di mesi”.

SCelta Civica del fare

“È vero che Telt ha fatto partire i bandi, ma è altresì vero che il Governo di Di Maio e Salvini ha espressamente scritto che dopo le elezioni europee si ridiscuterà tutto. La Tav continua pertanto ad essere a forte rischio.

Questo Molinari lo sa bene e vuole solo tenere tutti calmi in vista delle elezioni regionali per non danneggiare la Lega. Questo è semplicemente prendere in giro gli elettori” aggiunge Ferrari.

chiamparino-e-ferrari

Che conclude: “I toni usati da Molinari nei confronti del Governatore Chiamparino sono in sintonia con quel clima di considerazione sprezzante che i leghisti hanno per le istituzioni. Ma a fino a quando a Matteo Salvini sarà permessa la strategia dei due forni: a Roma con il M5S e alle regionali e comunali con il centrodestra? La vicenda Tav ne è una conferma”.

Coordinamento provinciale Alessandria

Scelta Civica del Fare risponde al Pd alessandrino

Scelta Civica del Fare risponde al Pd alessandrino

Alessandria: “Noi, sia chiaro, non siamo in alcun modo il Pd e rivendichiamo la nostra autonomia e non vogliamo entrare nelle loro evidenti criticità e lacerazioni. Noi non vogliamo assolutamente essere il loro alibi per giustificare il loro malessere interno” risponde così Paola Ferrari, coordinatrice provinciale di Alessandria di Scelta Civica del Fare, al Pd alessandrino dopo la recente presa di posizione riguardante la figura dell’ex consigliere comunale Mario Bocchio nel movimento che alle prossime elezioni regionali appoggerà il Governatore uscente Sergio Chiamparino.

Chiamparino e Ferrari

Aggiunge: “Scelta Civica del Fare è nata dall’esigenza di aggregare, come contenitore in cui possono confrontasi uomini e donne, dialogare con tutte le componenti del tessuto sociale ed economico per cercare di dare risposte al malcontento generato da una classe politica trasversale che sta mancando davanti alle proprie responsabilità. Il risultato della scomparsa dei partiti tradizionali è una politica che non è più credibile, fatta solo di slogan, paure, fuffa, menzogne e non di uomini, donne e programmi”.

Ed ancora: “Se la politica del Piemonte vuole continuare ad essere la politica del fare e dei sì, il programma giusto è quello di Chiamparino, al di là delle ideologie, che in questo caso a nostro avviso non contano, perché a noi preme solo sostenere il pragmatismo di una persona preparata che parla in maniera chiara e concreta. La scelta è sulla persona e sul programma”. Continua a leggere “Scelta Civica del Fare risponde al Pd alessandrino”

Paola Ferrari, Scelta Civica: Il Reddito di cittadinanza è una misura di puro assistenzialismo

Paola Ferrari, Scelta Civica: Il Reddito di cittadinanza è una misura di puro assistenzialismo

Schermata 2019-03-06 a 15.52.20

Alessandria: “Anche se il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio ha più volte sostenuto che il Reddito di cittadinanza non è e non sarà ‘una misura di assistenzialismo’, bensì ‘il più grande investimento in capitale umano della storia d’Italia’, nei fatti finirà per non essere così.

Secondo l’Istat. infatti, solo un terzo dei beneficiari della misura ‘anti povertà’ dovrà sottoscrivere un patto per il lavoro, gli altri due terzi potranno usufruire del sostegno economico senza alcun vincolo lavorativo.

Questo sarà vero e sacrosanto assistenzialismo”, ad affermarlo è Paola Ferrari, coordinatrice provinciale di Scelta Civica.

Che aggiunge: “Ma come farà la Lega a far digerire, soprattutto agli imprenditori del Nord, il Reddito di cittadinanza. Siamo davanti all’ennesima contraddizione”.