Renzi: “Salvini è in minoranza, si dimetta. Serve un governo di forze responsabili”

Renzi: “Salvini è in minoranza, si dimetta. Serve un governo di forze responsabili”

Franceschini e Martina aprono alla proposta lanciata da Bettini. Il segretario Zingaretti: “È il momento dell’unità e dell’allargamento delle forze per proporre un’alternativa al paese”. La vicesegretaria De Micheli in controtendenza: “La prospettiva più probabile sono le elezioni politiche”

123440544-37fb8b0c-e97f-416a-9529-0a76f5fe89fd.jpg

“Salvini ha fallito e si deve dimettere. Serve un esecutivo istituzionale. Tutte le forze responsabili diano vita a un esecutivo per evitare l’aumento dell’Iva al 25%”.

Mentre il Pd attende i prossimi passaggi parlamentari e discute di come affrontare i nodi delle alleanze e i rapporti di forza interni, Matteo Renzi in conferenza stampa al Senato appoggia ufficialmente il “lodo Bettini”, ossia la proposta di un accordo di legislatura con il M5s.

“Siamo di fronte a un fatto clamoroso – afferma Renzi –  e nella mia veste di ex premier trovo che sia un passaggio che non va sottovalutato: è la prima volta che si apre una crisi in pieno Ferragosto e si ipotizza di votare in piena sessione di bilancio, che la nomina del commissario Ue è fuori dall’ordine del giorno, che c’è un clima d’odio generalizzato.

Avverto il bisogno di lanciare un appello a tutte le forze politiche che oggi ha lo spazio per essere accolto: c’è una occasione che viene testimoniata dal voto sul calendario che forse oggi si terrà. Dico forse perché Salvini scopre di essere in minoranza”. Renzi poi dà ragione al segretario dem: “Zingaretti ha avanzato due richieste, unità e che la segreteria gestisca questo passaggio.

Sono richieste comprensibili, da accogliere, è giusto ci sia l’unità massima da parte delle forze politiche”. E aggiunge: “Non mi pento e sono orgoglioso di aver detto l’anno scorso all’accorso M5S-Pd. Ora ci sono condizioni opposte, è tutt’un’ altra storia rispetto a 18 mesi fa. Non c’è un accordo Pd-M5S suffragato dal voto popolare”.

In merito alla riduzione del numero di parlamentari proposta dal M5s, conclude: “Una riforma insufficiente, ma se ne può parlare”… continua su: https://www.repubblica.it/politica/2019/08/13/news/crisi_di_governo_il_pd_discute_del_governo_di_legislatura_con_il_m5s-233523981/?ref=RHPPLF-BH-I233502364-C8-P3-S1.8-T1

Salvini dice sì al taglio dei parlamentari M5S: «Allora ritiri la mozione di sfiducia» La Lega va sotto, Conte in aula il 20 agosto

Salvini dice sì al taglio dei parlamentari M5S: «Allora ritiri la mozione di sfiducia» La Lega va sotto, Conte in aula il 20 agosto

A Palazzo Madama il ministro dell’Interno apre al taglio dei parlamentari. Poco prima aveva annunciato che non ritirerà i ministri dal governo

di Valentina Iorio e Redazione Online

13572340-kMgH-U31301714463570mVH-656x492@Corriere-Web-Sezioni.jpg

21,24 Uscendo dalla Camera Luigi Di Maio ha dichiarato: «Oggi siamo alla mossa della disperazione. Vedere Salvini dire non possiamo tagliare i parlamentari e poi cambiare idea li porta in un cul de sac: se votano la sfiducia a Conte non possono tagliarli, se vogliono tagliarli non possono votare la sfiducia a Conte». «Staremo a vedere quale genio gli abbia suggerito questa strategia», ha aggiunto il vicepremier e capo politico M5S, per poi invitare a Salvini a non chiamarlo più amico. «Gli amici sono leali sempre. D’ora in poi è bene chiamarci per nome e cognome e basta». E ancora: «Hanno trascinato l’Italia e gli italiani in una crisi di governo a ferragosto, ora stanno creando un pasticcio istituzionale dal quale non credo usciranno facilmente»

20,45 Il ddl sul taglio dei parlamentari è stato calendarizzato in aula alla Camera il 22 agosto nel pomeriggio. La mattina si riunirà la commissione Affari costituzionali per completare i lavori. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio.

19,25 Intanto, la conferenza dei capigruppo della Camera è stata spostata alle 20… continua su: https://www.corriere.it/politica/19_agosto_13/salvini-renzi-nuovo-governo-grazie-5-stelle-truffa-contro-italiani-a4268aae-bd9e-11e9-88cc-58d8f24ec1cd.shtml

Di Maio M5S: La Lega dopo averla bloccata per un anno oggi ha ceduto sulla proposta del taglio dei Parlamentari

Di Maio M5S: La Lega dopo averla bloccata per un anno oggi ha ceduto sul taglio dei Parlamentari

Così Luigi Di Maio sulla sua pagina facebook commenta l’intervento di Salvini al Senato sulla proposta del M5S di tagliare 345 parlamentari.

11 agosto 2019 a seguito della mozione di sfiducia di Salvini a Conte

Schermata 2019-08-13 a 19.58.45.png

Dopo un anno di fatiche e anche di speranza, non vi meritavate che qualcuno aprisse una crisi di Governo l’8 agosto. Perché una crisi di governo ora è assurda, ma soprattutto è pericolosa. Porta con sé la preoccupazione che a dicembre possa aumentare l’IVA. Che possa saltare Quota 100 per chi voleva andare in pensione o che possa scomparire la tassazione al 15% per chi ha una partita Iva. Perché causare tutto questo? La risposta a voi. Credo che l’abbiate ben compresa.

Qualcuno dice che all’Italia serva un Governo forte. Bene, ce l’avevamo un governo forte e la Lega lo ha fatto cadere. Era quel Governo che aveva fatto tante cose che ora rischiamo di perdere.

Tutti mi chiedono: “E ora che succede?”. Sento parlare di aperture, appelli e altri termini in politichese. Non ci sono giochi di palazzo che ci interessino, per il Movimento 5 Stelle ci sono semplicemente tre punti fondamentali:

1. Approvare subito il taglio di 345 parlamentari. Per la prima volta nella storia italiana c’è stata una forza politica che ha avuto il coraggio e la determinazione di eliminare le proprie poltrone. È un atto concreto, che vi farà risparmiare parecchi soldi e vi restituirà un Parlamento più efficiente. Ma è anche il simbolo di un cambiamento culturale e di mentalità della classe politica. Nessuno l’avrebbe mai fatto se non ci fosse stato il Movimento 5 Stelle. Ci aspettiamo adesso che nessun partito trovi scuse su questo, dopo che questa riforma ha già passato 3 voti di 4 necessari. Ne manca solo uno. Ci vogliono solo due ore ed è fatta. Solo due ore. E il mio appello è rivolto a tutte le forze politiche in Parlamento.

2. Approvato il taglio dei parlamentari, ci rivediamo subito in aula per capire chi abbia davvero intenzione di sfiduciare Giuseppe Conte come Presidente del Consiglio dei Ministri. Il Movimento 5 Stelle sarà al suo fianco fino alla fine.

3. Ci affidiamo alle decisioni del Presidente della Repubblica.

L’unica apertura da fare è al buon senso. Tagliamo 345 poltrone. Nessun inciucio, nessun giochetto. Solo mezzo miliardo in meno di sprechi da investire in scuole, strade e ospedali.

13 agosto 2019, oggi a seguito dell’interventi di Matteo salvini in Parlamento

Voglio darvi una buona notizia, dopo le proteste dei cittadini nelle piazze e sui social la Lega ha ceduto sul taglio dei parlamentari, una riforma del MoVimento 5 Stelle e che il Paese aspetta da anni. Settimana prossima tagliamo 345 parlamentari.

Sono ancora seriamente preoccupato per milioni di famiglie italiane e per il rischio che aumenti l’Iva. Non comprendiamo ancora le ragioni di tutto questo caos improvviso, in pieno agosto, senza senso.  Nessuno capisce i motivi di chi sta tentando di portare l’Italia sull’orlo del precipizio mentre i cittadini, invece, chiedono giustamente risposte.

Ma l’ho già detto: ognuno è artefice del proprio destino e certe cose si pagano. Il MoVimento si è sempre comportato con correttezza e lealtà, facendo il meglio per gli italiani. Ci basta sapere questo.  Ad ogni modo ho sentito dire ai leghisti, in un momento di euforia, che taglieranno anche gli stipendi dei parlamentari.  È giusto però che i cittadini sappiano che una proposta in tal senso già c’era, è nostra e la Lega l’ha bloccata per un anno. Continua a leggere “Di Maio M5S: La Lega dopo averla bloccata per un anno oggi ha ceduto sulla proposta del taglio dei Parlamentari”

Sfiducia, oggi decide l’aula. Accuse del Pd alla Casellati

Sfiducia, oggi decide l’aula. Accuse del Pd alla Casellati

POLITICA

Martedì 13 Agosto 2019 di Diodato Pirone

4673437_0815_senato_sfiducia.jpg

La crisi di governo agostana si avvia ad entrare nel vivo con una baruffa di tattica parlamentare ma soprattutto con l’aperta minaccia da parte diMatteo Salvini di ritirare i ministri leghisti dal governo. «Siamo pronti a tutto, non siamo attaccati alle poltrone, lo vedrete nelle prossime ore», ha detto ieri il ministro dell’Interno dopo l’assemblea con i suoi parlamentari.
Ma intanto i capigruppo del Senato hanno stabilito a maggioranza – una maggioranza M5S-Pd e gruppi minori – di fissare per il 20 agosto le comunicazioni del premier Giuseppe Conte. Contrari Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, che invece hanno chiesto di votare la sfiducia al premier domani.

Il fatto che la decisione della capigruppo non sia stata presa all’unanimità richiederà un passaggio in Aula, fissato per oggi fra parecchie proteste, nel corso del quale sarà sottoposta al voto il calendario dei lavoro. È un fatto senza precedenti, almeno nella storia recente, che i senatori siano stati chiamati a votare in pieno agosto e con appena una trentina di ore di anticipo, non su un fatto gravissimo ma sul calendario del lavori…. continua su: https://www.ilmessaggero.it/politica/sfiducia_governo_conte_oggi_news-4673437.html

Il parlamento lavorerà la prima di agosto “ove necessario”

Il parlamento lavorerà la prima di agosto “ove necessario”

casellati-e-fico-1-1920x1013

Pausa estiva

Il calendario è fissato fino al 3 agosto. Dal 6 al 10 entrambi i rami rimarranno aperti “ove necessario”. In discussione solo provvedimenti del governo.

https://www.openpolis.it

A fine giugno avevamo lanciato il nostro appello per tenere aperto il parlamento ad agosto. Con una legislatura partita a rilento, a causa della prolungata mancanza di un governo, immaginare entrambi i rami del parlamento chiusi per buona parte di agosto sarebbe stato un problema.

Teniamo il parlamento aperto ad agosto
Leggi il nostro appello
.

In queste settimane gli uffici di presidenza di camera e senato hanno ufficializzato il calendario dei lavori da qui alla pausa estiva. Continua a leggere “Il parlamento lavorerà la prima di agosto “ove necessario””

Davide Casaleggio: “Tra qualche lustro faremo a meno pure del Parlamento”

Davide Casaleggio: “Tra qualche lustro faremo a meno pure del Parlamento”

Italian Daily News

Il figlio del fondatore dei 5 stelle a la Verità spiega la sua idea di cambiamento

https://www.huffingtonpost.it
la Verità

CORBIS VIA GETTY IMAGES

“Il cambiamento travolgerà il mondo dei burocrati e i baroni dell’intellighenzia”. Dallo spauracchio spread alla fine del parlamento. Intervista a tutto campo di Davide Casaleggio a La Verità.

Ecco alcuni passaggi più significativi.

Nel futuro che lei immagina esiste la democrazia diretta? E si esprime tramite Internet?

«La democrazia partecipativa è già una realtà grazie a Rousseau che per il momento è stato adottato dal Movimento 5 Stelle, ma potrebbe essere adottato in molti altri ambiti. I modelli novecenteschi stanno morendo, dobbiamo immaginare nuove strade e senza dubbio la Rete è uno strumento di partecipazione straordinario. Per questo la cittadinanza digitale deve essere garantita a tutti». Continua a leggere “Davide Casaleggio: “Tra qualche lustro faremo a meno pure del Parlamento””

CONFESERCENTI AL PARLAMENTO EUROPEO DI BRUXELLES

CONFESERCENTI AL PARLAMENTO EUROPEO DI BRUXELLES

visita 20180621_Confesercenti Bruxelles

Una delegazione di Confesercenti della provincia di Alessandria il 20 e il 21 Giugno si è recata al Parlamento Europeo di Bruxelles, accolta dall’Europarlamentare Tiziana Beghin.

Il motivo della visita sono stati la conferenza- dibattito sul ruolo e le attività del Parlamento europeo e poi il workshop sui fondi europei.

L’invito inoltrato dall’europarlamentare Beghin rientra tra le iniziative  di avvicinamento delle Istituzioni europee ai cittadini e, in questo caso alle imprese del nostro territorio. Continua a leggere “CONFESERCENTI AL PARLAMENTO EUROPEO DI BRUXELLES”

I candidati del M5S (Piemonte) alle prossime elezioni politiche

m5snuovo

Il M5S di Alessandria ha ufficializzato i nomi dei candidati che parteciperanno alle prossima competizione per le elezioni politiche del paese, ecco i nome e una sintetica presentazione:

Paolo Nicolò Romano

Paolo Nicolò Romano

Nato a Asti il 02/07/1984

Titolo di studio e professione

Diploma superiore Dal 2013 alla Camera dei Deputati e membro della IX commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni. Precedentemente lavoravo presso il laboratorio tecnico di una azienda leader in tecnologia per l’energia e l’automazione. Sono stato inoltre candidato alle elezioni regionali piemontesi del 2010 e alle comunali di Asti del 2012.

Attività politica nel M5S

Son passati 10 anni dalla mia iscrizione al Meetup “Amici di Beppe Grillo di Asti”. Da allora il mio pieno e convinto supporto non è mai venuto meno. Dalle prime battaglie fatte come attivista del meetup nel consiglio comunale di Asti, fino alle ultime, portate avanti come portavoce alla Camera. Continua a leggere “I candidati del M5S (Piemonte) alle prossime elezioni politiche”

M5S Alessandria: Ecco chi rappresenterà il territorio alessandrino

logom5snuovo

Nota di presentazione candidati

Ieri sera, domenica 21 gennaio, al termine della tre giorni organizzata dal MoVimento 5 Stelle a Pescara per presentare il Programma di Governo, sono stati pubblicati i risultati delle Parlamentarie.

Con grande emozione abbiamo appreso di essere la donna più votata nel collegio plurinominale Piemonte 2 per il Senato e il secondo uomo più votato nel collegio plurinominale Piemonte 2-5 per la Camera.

Vogliamo quindi ringraziare tutti gli iscritti che con la loro preferenza ci permetteranno di correre per le elezioni politiche con l’obiettivo di dare anche al territorio alessandrino una rappresentanza a Roma. Ovviamente l’ufficialità della nostra candidatura nei listini plurinominali ci sarà soltanto il 29 gennaio, giorno in cui verranno depositate le liste. Continua a leggere “M5S Alessandria: Ecco chi rappresenterà il territorio alessandrino”

M5S. Luigi Di Maio: Il Parlamento approvi il disegno di legge sull’agricoltura biologica

Il Parlamento

di Luigi Di Maio

Oggi ho visitato il centro logistico di Natura Sì in Veneto, dove 30 anni fa nacque questa realtà che oggi produce e distribuisce prodotti bio in tutta Italia, anche attraverso la selezione delle tante aziende italiane che producono prodotti biologici. È una realtà che ha a cuore la salute delle persone, ma anche quello della terra, della natura e dell’ambiente. Sono le stesse cose che stanno a cuore anche a noi.

Il biologico è un settore in espansione, ma che va protetto e messo al riparo da chi spaccia per bio ciò che non lo è. Per questo associazioni come Federbio e AssoBio chiedono che prima della fine della legislatura il Parlamento approvi il disegno di legge sull’agricoltura biologica, fermo in Senato dopo l’approvazione alla Camera. Questo Ddl è per loro uno strumento per sviluppare la sostenibilità di cui il sistema agroalimentare del Paese ha bisogno. Per approvarlo ci vuole pochissimo, facciamolo!

M5S. Fedina penale pulita per chi si candida

reato_fedina_penale_uomo-id25922 (1)

di Davide Casaleggio

In questi giorni brasiliani abbiamo incontrato diverse persone. Una di queste ci ha colpito molto: si chiama Márlon Reis ed è un ex magistrato. Negli scorsi anni è stato protagonista di una campagna nata dal basso molto simile a quelle che abbiamo conosciuto in Italia.

Reis è stato infatti il principale promotore della proposta di legge di iniziativa popolare ‘ficha limpa’, ovvero fedina penale pulita per chi si candida e che poi è stata approvata da Parlamento. Continua a leggere “M5S. Fedina penale pulita per chi si candida”