Ad una passante di Charles Baudelaire di Pasquale De Falco

Ad una passante di Charles Baudelaire, di Pasquale De Falco

Ad una passante ( Poesia presente nei Fiori del Male )

Intorno mi assordava la strada col suo chiasso.
Alta, magra, maestosa nel dolore di un lutto,
una donna è passata sollevando elegante
con la mano l’orlo della gonna vaporosa;

agile e armoniosa, le sue gambe da statua.
E io mi dissetavo, tremante come un folle,
nel cielo livido dei suoi occhi, dove nasce l’uragano,
la dolcezza che incanta e il piacere che uccide.

Un lampo … poi la notte! Fuggitiva bellezza,
che mi hai fatto rinascere all’improvviso con uno sguardo,
mai più ti rivedrò che nell’eternità?

Altrove, troppo tardi, certo più lontano, forse mai più!
Ignoro dove fuggi, tu non sai dove vado,
tu che avrei amato, tu che lo sapevi!

Charles Baudelaire

1-4

Il poeta dipinge il ritratto di una figura di donna che per un attimo risalta per poi scomparire tra la folla della città caotica, che fa da sfondo alla lirica. Egli non la conosce, ma è attratto dalla sua fisionomia e dal suo portamento: un semplice sguardo di lei lo sottrae alla noia angosciosa. Quell’incontro fugace diventa un’occasione perduta, una possibilità d’amore portata dal caso e svanita rapidamente nel via vai parigino. Continua a leggere “Ad una passante di Charles Baudelaire di Pasquale De Falco”

Cecità (Ensaio sobre a Cegueira) di Jose’ Saramago

Cecità (Ensaio sobre a Cegueira) di Jose’ Saramago

da PASQUALEDEFALCO

Cecita’ di Jose Saramaago è un libro pubblicato nel 1995 ; libro molto particolare ,pochi paragrafi, solo punti e virgole e niente virgolette a delimitare i dialoghi,un flusso di pensieri, assenza di punteggiatura.

cecità

Secondo me non siamo diventati ciechi, secondo me lo siamo.

Ciechi che vedono, Ciechi che, pur vedendo, non vedono

Cecita’, Jose’ Saramago

La trama

In luogo e tempo imprecisati, un medico viene colpito da una “bianca cecità” che lo avvolge come fitta nebbia. Di giorno in giorno, in questo stato cadono anche altri cittadini del Paese. Per contenere l’epidemia, i ciechi vengono isolati e rinchiusi in un vecchio manicomio sotto la stretta sorveglianza dell’esercito.

L’unica, misteriosamente, scampata al contagio è la moglie del medico che, fingendo con tutti di aver perso la vista, si unisce al gruppo aiutandoli a sopravvivere. All’interno del nosocomio, la vita è resa impossibile dal sovraffollamento e dallo scarso approvvigionamento del cibo.

Miseri che rubano a miseri, violenza, tradimento, lerciume e promiscuità rendono la vita impossibile alla protagonista, “vedente” ma impotente in un mondo di “ciechi”.

Lei, insieme a pochi altri, riuscirà a evadere, ma ciò che troverà di là dal muro è ancor peggiore di ciò che ha lasciato: la cecità ha colpito proprio tutti, animali ed umani, persino le immagini sacre nelle chiese hanno una “benda sugli occhi”. Continua a leggere “Cecità (Ensaio sobre a Cegueira) di Jose’ Saramago”

La strada verso l’amore, di Pasquale De Falco

La strada verso l’amore, di Pasquale De Falco

La strada

Il romanzo  La strada verso l’amore pubblicato nel luglio 2017 vuole spiegare il sentimento dell’amore e come raggiungerlo. Cos’è l’amore? E’ una continua ricerca, una strada da percorrere tutti i giorni.

Paolo, è un sognatore e un grande osservatore della realtà e trascorre i suoi giorni tra riflessioni filosofiche, il suo lavoro e la letteratura ma sempre con la mente rivolta all’amore. Lui single quotidianamente ricerca l’amore, perché è convinto che la sua anima gemella esiste, che deve solo trovarla. E quando incontra Marie Christine capisce che è lei la donna della sua vita.

Una ricerca che lo porterà a girare tra la sua Milano e l’Europa alla continua ricerca di Marie Christine.  Continua a leggere “La strada verso l’amore, di Pasquale De Falco”

Profumo, di Pasquale De Falco Autore

Profumo, di Pasquale De Falco Autore

41prqfd7PJL._SX353_BO1,204,203,200_

“Io sono vestito solo di parole, ai miei piedi una fata mi guarda, mi tortura l’anima. I tuoi occhi sono la Sfinge della mia vita, le emozioni sono assenti, forse il profumo dei pensieri troverà posto tra i tavoli liberi.

Una donna si alza, posa la sua sigaretta, si avvicina con sguardo malinconico, si siede al mio fianco, la guardo”.

Affascinante anche se a tratti criptico, si presenta così il breve ma intenso romanzo di Pasquale De Falco: Profumo, in cui viene narrato il modo di sentire e di percepire la realtà attraverso l’anima e gli occhi di un uomo.

“Profumo” si presenta come uno scritto carico di contenuti forti e passionali.
All’interno del racconto non troveremo una trama lineare o ben precisa, o meglio, la trama è presente ma viene, a tratti, a mancare, lasciando spazio alla narrazione delle angosce, dei pensieri, degli stati d’animo e della ricerca di una verità e di una libertà interiore.

L’autore riesce ad incantare il lettore con raffinate parole, usando un lessico forbito ed evocativo, intersecando alti momenti di poesia.
Possiamo, quindi, definire “Profumo” come un libro poco ordinario, che non segue nessuna regola specifica se non quella di voler a tutti i costi dimostrare quanto sia difficile, ostica ed appassionante la ricerca della libertà interiore.
Pasquale De Falco dà vita ad un romanzo introspettivo, in cui il protagonista ricerca un “Profumo” in cui possa identificare la propria esistenza e che chissà, se riuscirà poi a trovare

foto e link per acquistare il libro:

https://www.amazon.it/dp/8899259887?m=ALF1E8ZU1BSJL&ref_=v_sp_widget_detail_page

Pasquale De Falco, scrittore e poeta si presenta ai lettori di Alessandria today

Pasquale De Falco, scrittore e poeta si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai propri lettori la biografia dello scrittore e poeta Pasquale De Falco, del quale in seguito pubblicheremo anche un intervista in esclusiva per il blog.

Pasquale De Falco copia

Sono nato a Napoli nel 1978 ma vivo in Lombardia da circa 15 anni.

Sono laureato alla Facoltà di Farmacia, ma ben presto ho abbandonato questo campo per dedicarmi alla ristorazione e al turismo.

Ho una grandissima passione per la letteratura, adoro leggere fin da bambino e da quando avevo 13 anni mi diletto a studiare l’opera del poeta Rimbaud (mio poeta preferito)

Ho iniziato a scrivere verso i quindici anni dedicandomi al componimento di poesie, le prime prose invece risalgono a quando avevo circa 20 anni.

Sono istintivo al massimo, ho foglietti, appunti sparsi ovunque. Abbondanti file sul pc di testi di poche righe o tante righe che comunque rimangono in attesa di essere rivisti e resi idonei per la scrittura. Odio le regole, odio i metodi predefiniti, l’ispirazione è un attimo improvviso. Continua a leggere “Pasquale De Falco, scrittore e poeta si presenta ai lettori di Alessandria today”

Il poeta e la metafora (da il Postino di Massimo Troisi) di Pasquale De Falco

Il poeta e al

Troisi: “La poesia non è di chi la scrive, è di chi gli serve.”

di: http://pensieripasqualedefalco.altervista.org/ 

Il postino è un film del 1994 diretto da Michael Radford e Massimo Troisi.

Ultima interpretazione dell’attore, scomparso solo 12 ore dopo la fine delle riprese; il film è ispirato a Il postino di Neruda (Ardiente paciencia), romanzo scritto dal cileno Antonio Skármeta.

Il Postino di Massimo Troisi

L’esilio ha portato Pablo Neruda (Philippe Noiret), noto poeta cileno, in Italia, nel ’52, in una piccola isola del Mediterraneo. Qui incontra Mario(Massimo Troisi), figlio di pescatori, che rifiuta ostinatamente anche solo di salire su una barca per sposare l’unica carriera possibile: il pescatore a vita. L’arrivo di Neruda cambierà la sua esistenza: assunto come suo postino, Mario da quel momento tesse intorno al poeta una tela di curiosità, attenzione e devozione che porterà i due a stabilire un affiatato e amichevole legame. Il poeta gli fa conoscere la poesia, che Mario imparerà ad usare anche per conquistare Beatrice (Maria Grazia Cucinotta), la ragazza di cui si è innamorato.  Continua a leggere “Il poeta e la metafora (da il Postino di Massimo Troisi) di Pasquale De Falco”

James Joyce e le sue opere più importanti, di Pasquale De Falco

di pensieripasqualedefalco

James Joyce fu un poeta e romanziere irlandese nato a Dublino nel 1882 e morto a Zurigo nel 1941

Joyce ha dovuto lasciare l’Irlanda perché il suo genio potesse esprimersi  compiutamente  in  un’opera che sembra trattare esclusivamente, almeno a prima vista, della sua patria e della sua città natale, Dublino, ed attraverso la quale quest’esiliato, che conosceva molte lingue straniere, ha tracciato la via della modernità  in letteratura con vertiginosi giochi linguistici. 

Distante  dalla politica e dagli eventi della sua epoca, Joyce è tuttavia nel cuore del suo tempo grazie alla rappresentazione completamente nuova che ha saputo dare dell’uomo moderno,rompendo gli schemi  dei metodi narrativi convenzionali, ha liberato la lingua: in questo, James Joyce è uno degli autori più originali e più significativi del XX° secolo.  Continua a leggere “James Joyce e le sue opere più importanti, di Pasquale De Falco”