Il poeta e scrittore Andrea Ansevini si presenta ai lettori di Alessandria today

Il poeta e scrittore Andrea Ansevini si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

La redazione di Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia del poeta e scrittore Andrea Ansevini.

Andrea Ansevini

BIOGRAFIA

Mi chiamo Andrea Ansevini e sono nato ad Ancona il 30 aprile 1979.

Ho vissuto fino al 2011 ad Offagna, poi dopo che mi sono sposato con Adele Muscato, compagna di vita e di penna, abito a Polverigi e svolgo molte passioni e hobby, ma non sono nuovo ad esperienze editoriali.

La prima poesia infatti l’ho pubblicata nel febbraio 1997 ai tempi delle scuole superiori sul giornale della scuola, riguardo a un mio compagno di classe che quell’anno ci aveva lasciato per un incidente d’auto.

Nel 2007 con La poesia “A Laura e Matteo”, ricevo un premio per la prima volta e giungo al terzo posto al premio al 5° concorso “Voci nuove nell’ascolano”.

Nell’aprile 2010 ho pubblicato il mio primo libro di poesie, una raccolta poetica intitolata “Poesia nel diario – 50 pensieri nel tempo”, edito da Marcelli Editore. Sempre nello stesso anno La poesia “In questo posto chiamato Offagna” si aggiudica il 1° posto al concorso “8° premio letterario – Città di Olginate” e la poesia viene inserita nell’antologia “Scrittori diVersi”.

Nel 2014 ho pubblicato in self il mio primo romanzo dal titolo “La porta misteriosa”. Negli anni a seguire ho pubblicato nel 2017 la seconda parte dal titolo “Oltre la porta” con la Casa Editrice “Le Mezzelane” e nel 2019 la terza e ultima parte dal titolo “Dentro la porta” che sarà di prossima uscita. Continua a leggere “Il poeta e scrittore Andrea Ansevini si presenta ai lettori di Alessandria today”

“La mia vita – i miei amori racchiusi in una poesia”, di Antonia Flavio

“La mia vita – i miei amori racchiusi in una poesia”, di Antonia Flavio

Alessandria today di Pier Carlo Lava “La cultura non è un optional”.

Siamo lieti di presentare “La mia vita – i miei amori racchiusi in una poesia”, una raccolta di poesie d’amore della scrittrice cosentina Antonia Flavio.

Antonia Flavio

Descrizione del libro:

“La mia vita – i miei amori racchiusi in una poesia” è una raccolta di poesie d’amore scritte da Antonia Flavio, brillante poetessa cosentina, ispirate da un suo vissuto profondamente segnato dal passato e dal presente. Amori finiti bene, altri terminati nel peggiore dei modi: storie che hanno lasciato dolore che si è trasformato, poi, in un canto liberatorio.

Scrivere queste poesie, per Antonia, non è stato facile: l’autrice ha liberato il suo cuore e la sua anima da un peso che Le si stava radicando dentro e che stava facendo sempre più male. L’amore è il più bello e nobile dei sentimenti di cui tutti parlano e nessuno ne può fare a meno, ma spesso, però, le cose non vanno come dovrebbero!

Amori vissuti e poi terminati, altri che sono finiti in partenza lasciando l’amaro in bocca a chi, anche solo per un momento, ci ha sperato, creduto! Amori turbolenti, travagliati, amori che hanno fatto sorridere e piangere… amori folli nati per caso o per destino, amori mai lasciati persi e ritrovati.

Pablo Neruda, il massimo esponente della poesia d’amore, scriveva: “Amare è così breve e dimenticare così lungo”. Aveva ragione: un amore per quanto sia breve o lungo non si dimentica con facilità, si spera e si soffre con esso. Buona lettura!!

Biografia Autore:

Antonia Flavio è nata a Cosenza nel 1977 dove attualmente vive con la famiglia. Per Antonia la poesia è un istante di vita catturata e messa su un foglio bianco, un pensiero uscito dal profondo dell’anima e del cuore, uno stato d’animo nascosto che riaffiora nell’istante in cui prende in mano una penna e un semplicissimo foglio bianco. Le sue poesie sono prevalentemente autobiografiche ispirate da esperienze vissute in prima persona o da persone a lei vicine. Sono sentimenti ed emozioni che vengono espressi nella forma più dolce e delicata che conosce, ma a volte lasciano spazio a rabbia, delusione e nostalgia. Continua a leggere ““La mia vita – i miei amori racchiusi in una poesia”, di Antonia Flavio”

Lisa Lambertini scrittrice di racconti fantastici dedicati al genere Dark fantasy si presenta ai lettori di Alessandria today

Lisa Lambertini scrittrice di racconti fantastici dedicati al genere Dark fantasy si presenta ai lettori di Alessandria today

Alessandria today di Pier Carlo Lava “La cultura non è un optional”

Siamo sempre stati convinti assertori che la cultura, la conoscenza e la bellezza del patrimonio artistico, sono l’unica ancora di salvezza per il mondo. Perciò siamo sempre alla ricerca di poeti, scrittori e artisti che con la loro arte rappresentano tantissimi lampi di luce che ogni giorno e da sempre squarciano le tenebre dell’oscurità intellettuale che tenta di avvolgerci. Oggi siamo lieti di presentarvi Lisa Lambertini scrittrice di racconti fantastici dedicati al genere Dark fantasy, qui di seguito la sua biografia.

1a IMG_20190413_141417_0631aa IMG_20190105_101259_9061aaa IMG_20190506_180439_833

Mi chiamo Lisa Lambertini e scrivo racconti fantastici dedicati al genere  Dark fantasy. Sono nata a Bologna 45 anni fa e vivo a Cento di Ferrara dal 1998. Da sempre la lettura è la mia prima passione e da quando avevo 14 anni mi diletto nella scrittura di racconti vampireschi.

Con la saga “I vampiri di Dexter Hall” narro vicende di immortali che nella loro eternità hanno perduto il “sapore” delle esperienze, i miei vampiri hanno smesso di provare le emozioni dei sentimenti e necessitano di mortali per effettuare “un baratto” tra la loro conoscenza acquisita nei secoli e le emozioni custodite nel sangue. Continua a leggere “Lisa Lambertini scrittrice di racconti fantastici dedicati al genere Dark fantasy si presenta ai lettori di Alessandria today”

Quando non ci sono i gatti i topi ballano

Quando non ci sono i gatti i topi ballano

La schiavitù dell’auto, una dipendenza come la droga.

Viviamo in un contesto di anarchia, menefreghismo e mancato rispetto delle regole del codice della strada e non solo.

Questa situazione è anche in conseguenza del fatto che la Polizia municipale, per motivi vari (dei quali abbiamo sovente parlato) non è più in grado di presidiare il territorio come in passato. 

E come recita un vecchio proverbio, “quando non ci sono i gatti i topi ballano”.

di Pier Carlo Lava. 

quando 1 aaaa parcheggio p.za M. D'Azeglio. copia

Alessandria: L’involuzione, da auto-muniti ad auto-dipendenti, ormai non se ne parla quasi più, forse ci siamo assuefatti, come se fosse una droga della quale non possiamo più farne a meno.

Certo nella società odierna l’auto è un mezzo di locomozione importante, in diverse situazioni anche insostituibile, su questo non si discute.

Per molte persone si è però creata una vera forma di “dipendenza”, escono in auto per andare vicino a casa, all’edicola, in farmacia, dal tabaccaio a prendere le sigarette per andare a prendere il caffè in piazza della Libertà cercando di parcheggiare davanti al bar (ovviamente in divieto di sosta), oppure per andare a fare shopping in centro pretendendo anche di trovare posto davanti al negozio.

Queste persone saranno probabilmente fra i più accaniti sostenitori della cancellazione della ZTL.

quando 1a Corso Monferrato

La schiavitù dell’auto, perchè è di questo che si tratta, è lampante nei casi in cui si vedono parcheggi selvaggi di ogni tipo (doppia, tripla fila, in curva, sulle strisce pedonali, nei posti riservati agli invalidi ecc.), creando problemi al prossimo, circolazione rallentata, automobilisti bloccati, pedoni e mamme con i bambini nel passeggino, costretti a fare lo slalom.

Da una rilevazione ISTAT, emerge che il 43,9 % delle famiglie piemontesi considerano grave il problema del traffico, il 39,4 % la difficoltà di parcheggio, e il 38,8 % il problema dell’inquinamento.

Se questo comportamento è già stigmatizzabile in centro, a maggior ragione lo è in altre aree della città semi periferiche o in periferiche, come ad esempio Corso Monferrato, Spalto Marengo, Via Testore e Piazza Massimo D’Azeglio, nelle cui vicinanze c’è Spalto Marengo dove si potrebbe sempre trovare un parcheggio auto regolare. Continua a leggere “Quando non ci sono i gatti i topi ballano”

Le strade della vita, di Pier Carlo Lava

Le strade della vita, di Pier Carlo Lava

In medio stat virtus… gli estremi e le esagerazioni non sono mai la soluzione migliore. Ovidio “seguendo la via di mezzo, camminerai sicurissimo”

le Strade.jpg

Oggi viviamo tempi complessi, dove molti di noi sono chiamati a prendere decisioni a volte difficili, che in seguito possono determinare conseguenze positive o negative.

In questo contesto un eccessivo dinamismo può portare a calpestare tutti gli ostacoli, persone comprese e a commettere degli errori anche irrimediabili. All’opposto un eccessivo perfezionismo, nella migliore delle ipotesi può determinare ritardi controproducenti e nella peggiore può portare anche all’immobilismo.

Perciò alfine di coniugare la velocità delle nostre azioni da intraprendere (presupposto indispensabile nell’attuale contesto sociale) con la qualità e l’efficienza del risultato finale, occorre prendere delle decisioni ponderate ed equilibrate e che sopratutto tengano conto delle persone che vengono eventualmente coinvolte.

I mercati evolvono, chi non si adegua soccombe, di Pier Carlo Lava

I mercati evolvono, chi non si adegua soccombe, di Pier Carlo Lava

I mercati evolvono, chi non si adegua soccombe: Life motive. Innovate, diversify, advertising, and digitalize. In passato c’era un proverbio che recitava: “chi lascia la strada vecchia per quella nuova sa quel che perde ma non quel che trova”, oggi è cambiato, in diverse situazioni recita così: “chi lascia la strada vecchia per quella nuova non ha nulla da perdere ma tutto da guadagnare”.

i-mercati.jpg

di Pier Carlo Lava

Alessandria, imprese: In passato c’era un proverbio che recitava: “chi lascia la strada vecchia per quella nuova sa quel che perde ma non quel che trova”, oggi è cambiato, sovente recita così: “chi lascia la strada vecchia per quella nuova non ha nulla da perdere ma tutto da guadagnare”.

La gestione dell’impresa: La gestione di un impresa e/o di una qualsiasi attività commerciale, oggi più che in passato comporta la necessità inderogabile di conoscere la realtà che ci circonda, che in particolare negli ultimi anni è in continua e rapida evoluzione.Tale presupposto è indispensabile per capire il mutamento dei bisogni dei consumatori, con specifico riferimento a quelli dei clienti- consumatori del proprio settore operativo. Conseguentemente occorre la capacità di innovare, diversificare e utilizzare tutti i mezzi che la tecnologia odierna mette a disposizione, per conseguire i risultati soddisfacenti.

I mercati: In passato ma non solo, in talune imprese più che in altre, chi presentava proposte innovative sovente si sentiva rispondere: “abbiamo sempre fatto così perchè dobbiamo cambiare…”, e conseguentemente le stesse venivano respinte. All’epoca i cambiamenti nei mercati avvenivano con tempi più lunghi perciò anche le imprese refrattarie all’evoluzione continuavano comunque a sopravvivere. Continua a leggere “I mercati evolvono, chi non si adegua soccombe, di Pier Carlo Lava”

Vittorio Moccagatta, Capitano di Fregata e scrittore, di Pier Carlo Lava

Vittorio Moccagatta, Capitano di Fregata e scrittore, di Pier Carlo Lava

vittorio 1a via Moccagatta

Alessandria: Prosegue il nostro viaggio nella storia partendo dai personaggi ai quali è intitolata una via o una piazza della nostra città, oggi parliamo di Vittorio Moccagatta, Alessandria gli ha dedicato una strada che da via Boves arriva a via Don Giovine nel cuore del villaggio Borsalino ai confini sud della città, poco prima del fiume Bormida. 

Una strada a quattro corsie con grandi marciapiedi alberati e le piste ciclabili da ambo i lati, dove tra l’altro c’è Pianeta Sport un complesso con palestra e piscina, il campo scuola di atletica e la nuova clinica Città di Alessandria.

Vittoriov1aa Moccagatta copia.jpg

Vittorio Moccagatta, nacque a Bologna l’11 novembre 1903 e cadde in battaglia sul suo MAS nell’azione di Malta il 26 luglio 1941, medaglia d’oro al Valor Militare alla memoria, fu un Comandante di gruppo di forze d’assalto della Regia Marina, ma anche uno scrittore brillante con al suo attivo numerosi studi e pubblicazioni, tra cui una sintesi storica su La Marina italiana dal 1815 alla formazione del Regno d’Italia, che ebbe grande successo. Ma qual’è la sua storia?, a questo proposito ecco che cosa si evince da una ricerca su internet  specificatamente nel sito della marina militare.

Vittorio Moccagatta consacrava con ardente passione e purissima fede la sua instancabile opera nell’approntamento di speciali mezzi di offesa e nella preparazione dei suoi uomini a sempre più ardui cimenti.

Rinnovando con più vasto disegno le gesta eroiche di una sua precedente impresa, organizzava ed eseguiva il forzamento di una munitissima Base Navale nemica, scagliando con impeto irresistibile i suoi mezzi d’assalto contro le unità alla fonda nel porto, espugnato ad onta dell’incombente violentissima reazione di fuoco. Sulla via del ritorno, attaccato da numerosi aerei nemici, cadeva falciato da raffiche di mitragliera, mentre sui mari della Patria vibrava ancora l’eco della vittoria e assurgeva ai fastigi dell’epopea la gloriosa impresa, alla quale aveva donato

in olocausto la vita.

Malta, alba del 26 luglio 1941.

Nacque a Bologna l’11 novembre 1903. Allievo all’Accademia Navale di Livorno non ancora tredicenne, nel 1922 conseguì la nomina a Guardiamarina e nel 1923 la promozione a Sottotenente di Vascello. Imbarcò subito sui MAS e nel 1926, promosso Tenente di Vascello, imbarcò prima sul cacciatorpediniere  Insidioso e poi sul sommergibile Ciro Menotti, assumendone in seguito il comando a partecipando ad alcune missioni speciali durante la guerra di Spagna. Continua a leggere “Vittorio Moccagatta, Capitano di Fregata e scrittore, di Pier Carlo Lava”

Criticare il male è più facile che comprenderlo, di Pier Carlo Lava

Criticare il male è più facile che comprenderlo

di Pier Carlo Lava

criticare.jpg

Ogni giorno la cronaca sui media ci riporta fatti di criminalità più o meno gravi, che ovviamente vengono sbattuti in prima pagina allo scopo non solo di informare ma anche per vendere  più copie.

Alle buone notizie viene ormai riservato sempre meno spazio e ovviamente quasi mai in prima pagina, dato che nella società attuale, dove tutto è estremamente dinamico e viene divorato velocemente senza troppi scrupoli, a quanto pare non fanno più audience.

A seguito di ogni cattiva notizia (più che per quelle buone) sui social si scatenano valanghe di critiche e sovente con commenti decisamente pesanti.

Ne consegue che nell’attuale società industriale dei consumi (dove come in una giungla i più deboli vengono travolti dai più forti) è molto facile criticare il male e più o meno lo sanno fare tutti, mentre è decisamente più difficile comprenderlo e sopratutto proporre le soluzioni per porvi rimedio.

Il fine giustifica i mezzi?, di Pier Carlo Lava

Il fine giustifica i mezzi?, di Pier Carlo Lava

il fine Hitler_fine_mezzi

Quando si vuole giustificare qualsiasi azione, a volte anche le peggiori, per comodità e per lavarsi la coscienza, c’è chi sostiene che il fine giustifica i mezzi, una forma di pensiero dominante della nostra epoca, che abbiamo sentito ripetere ovunque sin da quando siamo nati.

Su questo tema occorre fare chiarezza, noi riteniamo che non sia sempre così, dato che “il fine giustifica i mezzi” solo in casi particolari, “quando non ci sono più alternative e solo se persegue specificatamente il bene nell’interesse comune”. 

foto: coscienzeinrete.net

Il coraggio di saper perdere, di Pier Carlo Lava

Il coraggio di saper perdere, di Pier Carlo Lava

il coraggio ingersoll-sconfitta

Nella vita un po per tutti, anche se chi più e chi meno, ci possono essere alti e bassi, accadimenti e situazione diverse, nelle quali ci si demoralizza, oppure ci si esalta facilmente come del resto è nel carattere degli italiani.

A ben vedere però, “ci vuole più coraggio sapere accettare una sconfitta, che gioire per una vittoria”.

I popoli imparano più da una sconfitta, che non i re dal trionfo.

Giuseppe Mazzini.

Essere capaci di sorridere dopo una sconfitta è la migliore vittoria.

Anonimo.

foto: aforismario.net

La storica d’arte che ama scrivere Manuela Moschin entra nella redazione di Alessandria today

La storica d’arte che ama scrivere Manuela Moschin entra nella redazione di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di comunicare che la storica d’arte che ama scrivere Manuela Moschin è una nuova componente della redazione del blog, il suo primo post è già online al seguente link: https://alessandria.today/2019/05/14/la-musica-del-male-di-daniela-piazza-una-travolgente-storia-vinciana/ qui di seguito pubblichiamo la sua biografia:

manuela moschin foto bio IMG_0754

Mi chiamo Manuela Moschin abito in provincia di Venezia. Lavoro in un’Azienda Ospedaliera nell’ambito dell’amministrazione pubblica e prima ancora sono stata per dieci anni educatrice in una scuola per l’infanzia.

Mi sono laureata presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia in Storia dell’Arte – Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali. Dalla passione per l’arte sono nati il Blog e il gruppo Facebook  “L’Arte Raccontata nei Libri”  dove l’arte e la letteratura si fondono in un perfetto connubio. Un binomio, dunque, attinente alla coesistenza della cultura letteraria e di quella artistica. L’idea ha origine dalla lettura di qualsiasi testo (Romanzi storici, Saggi, Cataloghi di mostre, Biografie…) che contenga riferimenti al patrimonio artistico. Ne consegue un approfondimento delle opere d’arte menzionate dagli autori riportando una citazione dal loro libro.

Lo scopo del blog è quello di avvicinare alla cultura artistica anche i meno esperti rendendo l’arte fruibile a tutti. Gli argomenti sono trattati con un linguaggio semplice e scorrevole, affinché, sia comprensibile a chiunque abbia il desiderio di ampliare la propria conoscenza in ambito artistico. Continua a leggere “La storica d’arte che ama scrivere Manuela Moschin entra nella redazione di Alessandria today”

Intervista Nada Nuovo un artista a 360°, a cura di Lia Tommi

Intervista Nada Nuovo un artista a 360°, a cura di Lia Tommi

video di Pier Carlo Lava, intervista effettuata presso il caffè Melchonni d Alessandria.

Alessandria today è lieta di presentare un intervista a Leonarda Nada Nuovo, conosciuta come NadaNuovoHauteCouture, un’artista poliedrica, alla continua ricerca del bello sia attraverso la sua Casa di Moda che per il tramite dei suoi disegni ma anche scrittrice. Lunedì 20 maggio 2019 , alle ore 17.00, presso la Biblioteca Civica “Francesca Calvo”, presenterà il suo ultimo libro: “La belle epoque”, 10 modi per diventare una donna perfetta.

link del post: https://alessandria.today/2019/05/13/presentazione-del-libro-la-belle-epoque-di-leonarda-nada-nuovo-di-lia-tommi/

Video: https://youtu.be/inpdrD0nm8Q

Ultimatum alla terra, di Pier Carlo Lava

Ultimatum alla terra, di Pier Carlo Lava

Forse c’è ancora speranza…

Il tema dell’inquinamento ambientale è un problema molto serio  e  preoccupante per la salute del nostro pianeta e della nostra società, perciò è nostro dovere tutelare il benessere di entrambi, agendo in modo adeguata: praticando la raccolta differenziata e cercando di produrre la minore quantità possibile di rifiuti.

Alessandria today: Nell’universo niente muore mai veramente, la materia di cui si compone si trasforma e rinasce ma il prezzo del nostro agire se continuiamo come oggi sarà troppo alto da pagare, occorre cambiare subito prima che sia troppo tardi.

Forse c’è ancora speranza perchè a un  passo dal baratro cambiamo tutti.

Dobbiamo ricordare che abbiamo una sola casa la terra, ma nonostante questo inquiniamo la terra, l’aria, cementifichiamo selvaggiamente, soffochiamo i mari e gli oceani con tonnellate di plastica.

inquinamento-suolo

Inquinamento del suolo: è definito come la contaminazione del terreno data da prodotti chimici, materiali tossici, agenti patogeni, materiali radioattivi e altri agenti che possono avere effetti negativi sulla salute degli animali e delle piante. In altre parole, dire che un suolo è inquinato equivale a dire che quella regione di terreno non è compatibile con la vita. L’inquinamento del terreno può compromettere anche le falde acquifere, corsi d’acqua, fiumi e causare autentici disastri ambientali. Può avere un impatto negativo sulla salute umana anche contaminando le colture agricole limitrofe.

Inquinamento aria.jpg

Inquinamento dell’aria: gas provenienti dagli scarichi delle auto, fumi tossici che fuoriescono dalle fabbriche, impianti di incenerimento che rilasciano nell’aria monossido di carbonio (CO), azoto (Nox), zolfo (So2), benzene e ancora idrocarburi e tutte quelle sostanze che sono dannose e modificano la nostra aria.

Il problema dell’inquinamento dell’aria è nato dal momento in cui l’uomo ha deciso di sfruttare le risorse non rinnovabili che il nostro pianeta ci ha offerto (come le risorse fossili). Continua a leggere “Ultimatum alla terra, di Pier Carlo Lava”

Giuliano Saba scultore e poeta alessandrino, si presenta ai lettori di Alessandria today

Giuliano Saba scultore e poeta alessandrino, si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografia dello scultore e poeta alessandrino Giuliano Saba, del quale in seguito verrà pubblicata anche un intervista in esclusiva per il blog.

1a giuliano saba copia

1aa giardino botanico, giuliano saba dono a zonta club copia

 

 

Biografia:

Giuliano Saba nasce a Gonnosfanadiga (CA) nel marzo del 1949. 

Per esigenze di lavoro, all’età di venti anni, lascia definitivamente la sua terra natia e si trasferisce in Piemonte. Ora risiede in San Giuliano Nuovo (AL). Da sette anni, nelle vesti dell’artista per hobby, ha incominciato a dare forma e vita ai metalli. La maggior parte delle sue sculture in acciaio e in ottone, simboleggiano l’amore, la distanza, la nostalgia … il legame indissolubile con la sua Isola, con tutti quegli elementi ancestrali e quei sentimenti che il distacco non è mai riuscito a fugare dal suo essere.

Da circa un anno ah iniziato a esprimersi anche con i colori acrilici, per la maggior parte colori primari che riversa sui pannelli o sulle tele, quelli che, mescolandosi tra loro, fanno emergere una caleidoscopica ricchezza di stimoli percettivi, visivi e sensoriali dai quali prendono vita sensazioni e suggestioni.

Nel 2014 vanta un’esposizione personale nel suo paese natio e la partecipazione alla Floreale di Alessandria.

Sempre nel 2014 organizzò una mostra nella Chiesa Templare Francescana in Alessandria, con la compartecipazione di altri sei artisti.

Continua a leggere “Giuliano Saba scultore e poeta alessandrino, si presenta ai lettori di Alessandria today”

Quando la coperta è corta… di Pier Carlo Lava

Modi di dire: Quando la coperta è corta…

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Quando la coperta è corta è un termine solitamente usato in economia, nei casi in cui sia il Governo Nazionale che gli enti locali abbiano difficoltà di bilancio, anche se ovviamente si adatta perfettamente anche nel contesto molte altre situazioni esistenti da tempo nella nostra società.

1a debito-pubblico-lira-640x342 copia

In tema di enti locali calza a pennello nell’attuale situazione del Comune di Alessandria che presenta un debito di 79 milioni di euro, quale la conseguenza di un accumulo derivante dalla malagestio delle varie amministrazioni che si sono succedute negli ultimi decenni, anche se va detto con diversi livelli di responsabilità.

Quando la coperta è corta… è un modo dire che è insufficiente, perciò chiunque si trovi in questa condizione deve scegliere se coprire i piedi, lasciando scoperta una parte del corpo, oppure se coprire il corpo lasciando scoperti i piedi.

Nella società in tema di economia domestica si può definire come segue: o si usano i soldi per i bisogni quotidiani e per ripianare in debiti contratti, oppure, come fanno in molti in questi ultimi decenni, si continua a vivere al di sopra delle proprie possibilità facendo altri debiti e scaricando le proprie difficoltà sul futuro e sugli altri.

Questi persone fanno proprio quello che recita il motto dell’art. quinto, “chi ha il grano in mano ha vinto”… Continua a leggere “Quando la coperta è corta… di Pier Carlo Lava”