La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello Roma

La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello Roma

ABITARE LA BATTAGLIA (CONSEGUENZE DEL MACBETH) 19 | 24 marzo

Ntfi_08062018_Abitare_La_Battaglia_ph_Salvatore_PastoreNtfi_08062018_Abitare_La_Battaglia_ph_Salvatore_PastoreNtfi_08062018_Abitare_La_Battaglia_ph_Salvatore_Pastore


Regia Pierpaolo Sepe
con Federico Antonello, Marco Celli, Paolo Faroni, Noemi Francesca, Biagio Musella Vincenzo Paolicelli, Alessandro Ienzi
drammaturga Elettra Capuano
movimenti di scena Valia La Rocca,

costumi Clelia Catalano
luci Marco Ghidelli

elementi di scena Cristina Gasparrini

assistente scene Clelia Catalano

La nascita del male, il suo insinuarsi nell’animo umano ed il conseguente controllo della volontà, determina il più feroce e inammissibile conflitto che la coscienza debba sopportare.

È questo l’avvio del Macbeth, è questo il campo di battaglia. Quello che avviene una volta che le forze si schierano sul campo tuttavia, stupisce. Quasi che lo stesso Shakespeare ci stesse incitando non a patteggiare per l’uno o l’altro schieramento, ma a gioire del massacro in sé, dello smembramento dei corpi, a trovare piacere nello sgorgare a fiotti del sangue. Non una sconfessione del peccato, ma un godimento di esso.

Il luogo in cui si svolge questa battaglia è uno spazio vuoto, una brughiera troppo lontana da Dio perché i suoi echi possano raggiungerci. Il riparo da questo sguardo divino ci offre un’orribile scoperta: il punto cieco di Dio coincide con la nascita di un altro tipo di sguardo, quello osceno del voyeur. Continua a leggere “La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello Roma”