LA PIOGGIA ONIRICA DI FAUSTO NAZER

LA PIOGGIA ONIRICA DI FAUSTO NAZER

Nazer ha attraversato stagioni pittoriche significative senza mai abbandonare il figurativo, infine approdando a un linguaggio di intensa e riconoscibilissima poetica artistica e cifra stilistica. La dicotomia esistente tra Fausto Nazer uomo e Fausto Nazer pittore è solo apparente: chi conosce Fausto resta spiazzato dall’energia calda che trasmette, e dalla apparente malinconia delle sue opere urbane, con fondali e persone “lavate” da una pioggia insistente. Nazer attraverso questo ciclo importante, sviluppato con dedizione negli anni, ci mette di fronte al suo mistero, che diviene stimolo della nostra ricerca e motivo dominante che ci fa avvicinare con l’attenzione e il rispetto che le sue opere richiedono.

fau Ritrovo in Piazzetta olio su tela a spatola 80x100 anno 2019Fausto foto x bio

ASPETTO TECNICO – Nazer paesaggista traspone su tela visioni paesaggistiche viste in ogni condizione di luce e in ogni stagione: la sua voglia di esplorare la natura è supportata da notevole controllo delle pennellate, coscienza tecnica del tratto, visione attenta agli equilibri compositivi, consapevolezza coloristica, forte interpretazione delle cromie. Tutto l’impianto tecnico nazeriano rende palpitanti di luci ed emozioni partecipate i suoi dipinti perché la sua tecnica non sostituisce MAI il suo sentimento ma ne diventa strumento per cantare la bellezza che vede e interpreta con meraviglia autentica e consapevole. Esterna la sua visione con oli, acrilici, pastelli, matite, smalti, piegando alle esigenze figurative e di genere le varie tecniche, usate con evidenza di chiaroscuri e contrasti, o con pregevole morbidezza pittorica.

La sua bravura si evidenzia nel trattamento delle zone di passaggio tra luce e ombra, confine delicato per ogni pittore, luogo della tela spartiacque per molti pittori, e nei controluce di albe e tramonti, soggetti da cui emerge la lezione di grandi paesaggisti del passato, Delleani uno per tutti. In origine c’è, da parte di Nazer, la forte passione e lo studio approfondito  degli stilemi dei pittori macchiaioli, impronta radicata che negli anni si è compenetrata con un certo impressionismo mentre la risoluzione pittorica di strade, riflessi, gestualità espressiva ci regala momenti di pura pittura informale quando non astratta, rilevabile in precise aree dei suoi dipinti.   Continua a leggere “LA PIOGGIA ONIRICA DI FAUSTO NAZER”

Il pittore Fausto Nazer si presenta i lettori di Alessandria today

Il pittore Fausto Nazer si presenta i lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e le mostre del pittore Fausto Nazer.

Fausto foto x bio.jpg

Artista Fausto Nazer

Fausto Nazer nasce a Venasca, paese di 1500 abitanti in provincia di Cuneo dove tutt’ora risiede. La sua passione per il disegno si manifesta già alle scuole medie, passione che poco dopo si estende anche alla pittura; in seguito inizia un percorso di formazione come autodidatta, studiando in particolar modo la tecnica figurativa.

Dopo anni di ricerca e di perfezionamento sul colore, nel 1992 realizza il suo sogno partecipando alle prime esposizioni pittoriche in mostre collettive e personali.

fau L'Attesa olio su tela 80x100 anno 2018.jpg

I suoi colori prediletti sono tenui, usa una gamma di tonalità e di accostamenti sfumati, mai netti, proprio per sottolineare l’essenza intimistica delle sue opere che portano il pubblico a coinvolgersi nei suoi lavori come se li stesse vivendo in prima persona.

fau Disperse Emozioni olio su tela 80x120 anno 2019

La sua pittura rivela una particolare sensibilità nel descrivere il paesaggio contemporaneo, di cui ama riprodurre fedelmente le atmosfere metropolitane e descrivendone il sentire dei protagonisti che in quella realtà si calano quotidianamente.

Il percorso artistico lo ha portato a essere conosciuto e apprezzato in Italia e all’estero proprio grazie alla sua capacità di toccare le corde interiori di chi osserva i suoi lavori.

fau Modella olio su tela 80x60 anno 2019fau Ritrovo in Piazzetta olio su tela a spatola 80x100 anno 2019

ESPOSIZIONI

1994 e 1995 Partecipante al premio Matteo Olivero a Saluzzo (CN)

1995 e 1996 Festival internazionale della pittura contemporanea di Sanremo dove nel 1996 si classifica al 9°

Dal 1997 al 2010 partecipa a numerose collettive a Roma, Sanremo, Sassari, Alba, Cherasco, Cuneo e provincia.

Febbraio 2012 mostra collettiva “I Contemporanei” Torino presso la Sala delle Colonne del Palazzo di Architettura. Continua a leggere “Il pittore Fausto Nazer si presenta i lettori di Alessandria today”

La poetessa, scrittrice e pittrice Laura Ficco si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e libri)

La poetessa, scrittrice e pittrice Laura Ficco si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia e le opere della  poetessa, scrittrice e pittrice Laura Ficco.

Laura Ficco.png

Biografia

Laura Ficco poetessa Genovese residente ad Assemini in provincia di Cagliari, nasce artisticamente come pittrice creativa in diversi generi espressivi, partecipando a varie mostre ed estemporanee.
Dall’anno 2003 come poetessa ha ripreso a esternare i pensieri dell’anima, già  coltivati in età  adolescenziale, componendo varie liriche e contraddistinguendosi particolarmente nella tematica della sensibilità  verso il prossimo, al quale tra l’altro ha prestato volontariato come animatrice presso Casa di Riposo per anziani, portando un soffio di conforto e gioia.

Nell’anno 2015 ha iniziato l’attività di Organizzatrice e Direttore Artistico, con la 1° Mostra di POESIPITTURA IN SARDEGNA nell’ambito della MANIFESTAZIONE CULTURALE “POESIPITTURA” tenutasi ad Assemini (CA) al Fly Hotel Cagliari dal 21 febbraio al 1 marzo 2015, ottenendo un ottimo successo di critica e di pubblico.

Insignita della Laurea Honoris Causa in Lettere dalla Constantiniam University, associata alla Johnson & Wales University (U.S.A.).

Dama di Grazia del Sovereign Orden of St. John of Jerusalem, Knights of Malta OSJ, (Cavalieri di Malta). L’investitura gli è stata conferita dal Capo di Nome e d’Arme Ereditario e Gran Maestro O.S.J. Malta S.A.R. il Principe Don Thorbjorn Paternò Castello d’Ayerbe d’Aragona di Carcaci d’Emanuel Principe di Valencia, durante il Solenne Capitolo celebrato presso la Basilica di S. Vitale in Roma in data 25.10.2014.

Ha partecipato a numerosissime manifestazioni culturali di musica e poesia al Palazzo Vice Regio di Cagliari, in vari auditorium, circoli letterali e teatri della Sardegna (spettacoli di musica classica, leggera, teatro e recital di poesie in tante città  della Sardegna ed in manifestazioni di ricorrenza “4 novembre, 25 aprile, 2 giugno, feste di apparati militari etc.”; Continua a leggere “La poetessa, scrittrice e pittrice Laura Ficco si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e libri)”

Momenti di poesia. La felicità di Mika Ciobanu

Momenti di poesia. La felicità di Mika Ciobanu

Non troviamo veramente la felicità in ciò che riceviamo dagli altri . (mika)

Felicità
By Mika Ciobanu

66248434_2508984375831111_7373263068207251456_n.jpg
La felicità? Un strano volatile esposto nel centro della gabbia-museo…

Sembra dipinto in camaleontici colori ,

dalla mano di un cieco ironico pittore …

Accanto al volatile vi giacciono scheletri di fate una volta seducenti;

dai mondani piaceri rimasti sono dei disegni strampalati incisi su muri elevati.

Diversi cocci di speranze, sparsi e dappertutto accalcati ,

in mucchi infiniti stanno i sogni frantumati…

e tutt’intorno sogghignano vetrine di specchi brillanti.

Sarà l’amore la porta della celebre gabbia-museo

in cui il strano camaleontico uccello…

al nostro sguardo è mite prigioniero?

Sarà l’amore l’unica entrata… trovata nella stessa uscita sempre ricercata?

Tu dici che il volatile ha solo piume rosse…

alcuni dicono che fosse verde ,altri blu ..

ma io lo vedo tutto in bianco abbagliante ogni fuggente volta;

e scettica lo sguardo nell’occhio
mi raccolgo e poi lo ricompongo:

il volatile è astratto, mi dico, e a te non mi oppongo.
@Mika Ciobanu 15 Aprile 2016

LestoriediA a 3

Il pittore, scultore, cantautore e poeta Bruno Vergani entra a far parte della redazione di Alessandria today

Il pittore, scultore, cantautore e poeta Bruno Vergani entra a far parte della redazione di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di annunciare che il pittore, scultore, cantautore e poeta Bruno Vergani è un nuovo componente della redazione del blog, in attesa di leggere i suoi post e conoscere le sue opere presentiamo una sua breve biografia.

bruno-vergani-copia.jpg

Biografia

Bruno Vergani nato a Milano diplomato in composizione pianistica. Dipingo e ho fatto diverse mostre. Amo scrivere poesie ho vinto diversi premi. Sono cantautore canto in dialetto milanese. Ho pubblicato un libro di mie poesie correlato da miei quadri. Appassionato di Arte.

LA VENEZIA DI MONET, di Stefania Pellegrini

“Il grande artista si riconosce da questo, egli ci svela la natura, ci indica uno spettacolo, un aspetto che ancora non conosciamo, egli ci rivela la via nell’identico modo in cui si è rivelata a lui e appare così nell’arte per la prima volta.” (Claude Monet) 

                                                           

Nel 1908 Monet e la moglie Alice si recano a Venezia ospiti di Curtis, un amico americano del pittore inglese Singer Sargent. Trascorre inizialmente due settimane a palazzo Barbaro, un palazzo rinascimentale situato direttamente sul Canal Grande. Percorre le strette calli e si lascia condurre in barca attraverso i piccoli canali, si appropria dell’atmosfera e riflette. Studia le opere di Tiziano, di Giorgione e del Veronese, nei musei e nelle chiese. La città lo entusiasta per gli effetti di luce sull’acqua dei canali, così si mette con cavalletto e tavolozza sul Canal Grande, davanti al Palazzo dei Dogi, a dipingere. E dipinge, dipinge senza tregua, attenendosi rigidamente a una tabella di marcia che lo costringe ad alzarsi alle sei del mattino e gli concede due ore di tempo davanti a ogni soggetto. Trova pace soltanto la sera, al tramonto. Le vedute di San Giorgio Maggiore o di Palazzo Contarini sembrano uscire da una favola romantica o da una poesia simbolista. I quadri di Venezia sono composizioni di veli blu e madreperla, di foschia e riflessi di luce.

Palazzo Ducale

SAN GIORGIO MAGGIORE

Venezia, è sublime, sorge dall’acqua
in un’atmosfera di rarefatta bellezza.
È visione ispiratrice unica,
perla affascinante racchiusa nei vicoli,
tra i palazzi, i ponti, sull’acqua.
L’isola mi parlava nell’ora
più incisiva, più mutevole del giorno.
Era la mia musa perfetta,
in quel momento, sentivo
di poter arrivare a rappresentare 

qualcosa di unico……
(Pensando a Monet -miei liberi pensieri) Continua a leggere “LA VENEZIA DI MONET, di Stefania Pellegrini”

Momenti di poesia. L’AURORA, di Laura D’Ulivo

Momenti di poesia. L’AURORA, di Laura D’Ulivo

dipinto di Serena Caddeo… acrilico su tela

Pensieri in libertà

66162706_704879816619400_4637675621449728000_n

L’AURORA

Dalle cime dei monti,
smorzano il buio della notte,
lenti riverberi di luce.
Esondano da oriente,
e adagio…… adagio,
invadono l’immensità del cielo.
Muto, il chiarore avanza!
Ecco l’aurora, candida e luminosa….
ci sorride, e un po’ beffarda,
ci ruba i sogni della notte.
I cuori si svegliano
e si riaprono alla vita del nuovo giorno,…..
appena nato !

Laura D’Ulivo ( 09-07-2019 )

Dipinto di Serena Caddeo….acrilico su tela

ANTONIO SAPORITO il pittore del nuovo astrattismo italiano, torna ad Alessandria con una personale a Palazzo Cuttica

ANTONIO SAPORITO il pittore del nuovo astrattismo italiano, torna ad Alessandria con una personale a Palazzo Cuttica

saporito.jpg

Alessandria: Una trentina di opere legate dal filo comune dell’”Astrattismo Geometrico Spaziale” in esposizione dal 4 luglio al 4 agosto 2019 nelle sale di Palazzo Cuttica.

E’ con questa mostra personale che Antonio Saporito torna nuovamente ad Alessandria, questa volta per raccontare, attraverso i suoi lavori, una vita dedicata all’arte e alla ricerca di forme espressive diverse, per far scoprire al pubblico, l’astrattismo spaziale.

Autore della scultura spazialista “Il Pianeta Marte” messa a disposizione della Città di Alessandria dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, lo scorso novembre, in occasione delle celebrazioni per l’850° anniversario fondativo della Città (1168-2018), opera che ha aggiunto valore alla vista d’insieme del Ponte Meier, Antonio Saporito, classe 1940, non finisce mai di stupire per il suo linguaggio visuale di forme, colori e linee, il cui scopo è creare composizioni che possano esistere con indipendenza dalle comuni referenze visuali. Continua a leggere “ANTONIO SAPORITO il pittore del nuovo astrattismo italiano, torna ad Alessandria con una personale a Palazzo Cuttica”

Torna ad Alessandria il pittore del nuovo astrattismo italiano ANTONIO SAPORITO con una personale a Palazzo Cuttica

Torna ad Alessandria il pittore del nuovo astrattismo italiano ANTONIO SAPORITO con una personale a Palazzo Cuttica

Una trentina di opere legate dal filo comune dell’”Astrattismo Geometrico Spaziale” in esposizione dal 4 luglio al 4 agosto 2019 nelle sale di Palazzo Cuttica.

saporito.jpg

E’ con questa mostra personale che Antonio Saporito torna nuovamente ad Alessandria, questa volta per raccontare, attraverso i suoi lavori, una vita dedicata all’arte e alla ricerca di forme espressive diverse, per far scoprire al pubblico, l’astrattismo spaziale.

Autore della scultura spazialista “Il Pianeta Marte” messa a disposizione della Città di Alessandria dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, lo scorso novembre, in occasione delle celebrazioni per l’850° anniversario fondativo della Città (1168-2018), opera che ha aggiunto valore alla vista d’insieme del Ponte Meier, Antonio Saporito, classe 1940, non finisce mai di stupire per il suo linguaggio visuale di forme, colori e linee, il cui scopo è creare composizioni che possano esistere con indipendenza dalle comuni referenze visuali.

L’iniziativa è stata realizzata da CulturAle ASM Costruire Insieme e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Alessandria, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria ed il patrocinio della Regione Piemonte.

Giovedì 4 luglio, alle ore 18, avrà luogo la cerimonia inaugurale, alla presenza del Vice Sindaco di Alessandria Davide Buzzi Langhi, dell’Assessore comunale alle Manifestazioni ed Eventi Cherima Fteita, del Presidente di CulturAle Cristina Antoni, dello stesso Maestro Saporito  e del critico d’arte Giorgia Cassini.

La mostra resterà aperta fino al 4 agosto, e visitabile dal pubblico ogni sabato e domenica dalle ore 15 alle 19.

Biografia del pittore

Antonio Saporito, artista italiano contemporaneo, nasce a Rocchetta Sant’Antonio in provincia di Foggia, nel 1940.

IL PERIODO FIGURATIVO

La sua prima formazione artistica è influenzata dall’arte figurativa moderna e contemporanea degli anni 60. In modo particolare, le opere del periodo figurativo, traggono spunto dall’arte di alcuni artisti famosi in quegli anni: Ennio Morlotti, importante esponente dell’arte figurativa italiana e del panorama culturale del ‘900, Franco Rognoni artista indipendente del ‘900 italiano, Ennio Calabria importante esponente del figurativismo europeo, Ugo Nespolo e le influenze della pop art americana e i maestri dell’arte povera italiana. Continua a leggere “Torna ad Alessandria il pittore del nuovo astrattismo italiano ANTONIO SAPORITO con una personale a Palazzo Cuttica”

IL GIARDINO TRA GLI ALBERI, acquerello carta stoffa su tela, di Niki Taverna

IL GIARDINO TRA GLI ALBERI, acquerello carta stoffa su tela, di Niki Taverna

Alessandria, alla mostra in corso Roma 140 IL GIARDINO TRA GLI ALBERI acquerello carta stoffa su tela della pittrice Niki Taverna

Giardino Niki Taverna.jpg

NOI, COME LE FOGLIE, acquerello e carta della pittrice alessandrina Niki Taverna

NOI, COME LE FOGLIE, acquerello e carta della pittrice alessandrina Niki Taverna

NOI, COME LE FOGLIE, acquerello e carta di Niki Taverna, opera esposta alla mostra in Corso Roma 140 Alessandria

Noi come.jpg

Momenti di poesia. Impulsi selvaggi dell’anima ღ Poesie & Dipinti di Rosaria Magnisi

Momenti di poesia. Impulsi selvaggi dell’anima ღ Poesie & Dipinti di Rosaria Magnisi

Buongiorno a tutti gli amici!❤💙

Impulsi

Svegliamoci alla vita
senza indugio
e remore!
I nostri battiti
sono la speranza del domani,
la pietra di una nuova era.
Domani il tempo scapperà
prima del nuovo giorno.
Non dubitiamo mai
delle nostre attese,
saranno i fiori dei nostri campi.
Quel profumo d’amore che
Innalzerá i nostri cuori
sarà luce nei nostri occhi.
-Rosaria Magnisi-
Im
pulsi selvaggi dell’anima ღ Poesie & Dipinti di Rosaria Magnisi
ღღღღღღღღღღღღ
Copyright © 2019 Rosaria Magnisi tutti i diritti riservati
(foto personale)

PIA DE’ TOLOMEI: UNA DONNA SPECCHIO DI UN’EPOCA

PIA DE’ TOLOMEI: UNA DONNA SPECCHIO DI UN’EPOCA

da Valentina Cognini  0  Arte,

da: https://www.frammentirivista.it

Sono poche e discrete le parole che Dante Alighieri  dedica a Pia de’ Tolomei nel Canto V del Purgatorio, dedicato alle vittime di morte violenta che si sono pentite solo in fin di vita. Tra tutte le anime dei dannati che vanno incontro al poeta fiorentino per chiedere una preghiera e per sfuggire al limbo del purgatorio, di Pia de’ Tolomei si legge:

«Deh, quando tu sarai tornato al mondo, 
e riposato de la lunga via», 
seguitò ‘l terzo spirito al secondo, 
«ricorditi di me, che son la Pia: 
Siena mi fé, disfecemi Maremma: 
salsi colui che ‘nnanellata pria 
disposando m’avea con la sua gemma»

Dante Alighieri (1265-1321)

La Divina Commedia – Purgatorio: C. V, v. 130-136

Pompeo Marino Molmenti, Pia dei Tolomei condotta in Maremma (1853), olio su tela, Galleria d’Arte Moderna Achille Forti, Verona

Pia de’ Tolomei: una storia ingiusta e cruenta

Il suo fare è gentile e cortese, chiede al poeta di ricordarla tra i vivi, ma solo dopo che lui si sarà riposato.

A Dante bastano pochi versi (sei) per raccontare una storia ingiusta e cruenta. Una storia sulla violenza di genere che proietta la figura di Pia nel nostro secolo, nel nostro stesso Paese, dove solo nel 2018 si sono contate 120 donne vittime di femminicidio.

La vicenda di Pia de’ Tolomei è ricca di aneddoti e sfumature che la storia e la letteratura non hanno ancora oggi del tutto interpretato. Secondo i principali filoni di critica, Pia sarebbe vissuta a cavallo fra il XIII e il XIV secolo. Apparteneva alla famiglia dei Tolomei di Siena e andò in sposa a Nello dei Pannocchieschi, signore del Castel di Pietra in Maremma, podestà di Volterra e Lucca... continua su: https://www.frammentirivista.it/pia-de-tolomei-donna-specchio-epoca/

THOMAS SALIOT: EROS E VITA QUOTIDIANA

THOMAS SALIOT: EROS E VITA QUOTIDIANA

di Dalila Forni 

da: https://www.frammentirivista.it

saliot89

Thomas Saliot nasce a Parigi nel 1968. Attualmente, l’artista vive tra Parigi e Marrakech, ma ha passato gli ultimi decenni della sua vita in viaggio, elaborando un proprio stile artistico che oggi lo caratterizza e lo rende immediatamente riconoscibile.

Le opere di Thomas Saliot mescolano con abilità tradizione e innovazione per esplorare l’erotismo e il corpo femminile da punti di vista inusuali e al tempo stesso incredibilmente quotidiani. Parti di corpo, mezzi volti, donne irriconoscibili, a tratti vestite e a tratti rappresentate in una nudità sensuale e ammiccante, seppur semplice. Momenti di solitudine e di vita di ogni giorno: un maglione, qualche sigaretta, un computer sul tappeto, persino donne ritratte nel bagno.

I dipinti dell’artista francese ammiccano allo spettatore senza ostentare nulla di fuori dagli schemi, ma puntando proprio su una banalità carica di erotismo e densa di sensualità.