24 AGOSTO,  di Miriam Maria Santucci

a01 24 agosto (foto di Patrizia Minervini) [orig] - Copia.jpg24 AGOSTO 
di Miriam Maria Santucci

Sono tornati dai campi i contadini
ed il bestiame riposa nelle stalle,
in strada giochi allegri di bambini
e in cielo già miriadi di stelle.
Il sogno aleggia lieve su ogni viso,
intorno tutto tace, è notte fonda.
Un tremore di terra e all’improvviso
in un istante tutto si trasforma!
Montagne spaventose di detriti.
Grida intorno a quel poco che resta.
Sogni stritolati mai vissuti.
Boati orrendi, come demoni in festa!

Poesia tratta dalla raccolta “Oltre l’Orizzonte”
© Copyright 2018 – Miriam Maria Santucci
Amatrice 2016: foto di Patrizia Minervini

Case History: La poesia più letta di sempre su Alessandria today, 6.821visite, della poetessa Tania Scavolini – IL VUOTO DELL’ANIMA, di Squarci di cielo

Case History: La poesia più letta di sempre su Alessandria today, 6.821visite, della poetessa Tania Scavolini – IL VUOTO DELL’ANIMA, di Squarci di cielo

Case History 4.png

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Alla luce della mia ormai decennale esperienza come blogger, Alessandria today è il terzo, posso affermare senza tema di smentite (allego a documentazione uno scatto immagine dei dati statistici interni relativi ad un post che a mio avviso rappresenta un Case History ) che sovente ho provato ha ripubblicare dopo tempo lo stesso post e la seconda volta può succedere che fa più visite della prima.

logo-alessandria-today-ok-copia copia.png

A mio avviso i fattori per i quali accade questo fatto possono essere molteplici, questi i principali:

1) Il blog nel tempo cresce come numero di visitatori

2) La seconda volta possono esserci più navigatori collegati

  1. Nel frattempo l’autore del post ha aumentato la sua visibilità
  2. Automatismi di condivisione diffusa del post sui social

In questi 20 mesi da quando è nata Alessandria today ho ripubblicato diversi post, ma vorrei evidenziare un caso particolare che rappresenta un risultato stupefacente in termini di visite (recentemente se ne sta creando un altro sempre riguardante la poesia in questo caso di Patrizia Caffiero del quale parleremo preso con un altro post) sto parlando di un post della poetessa Tania Scavolini, il titolo è il seguente:

IL VUOTO DELL’ANIMA, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini, questi sono è il link per leggerla (ps. i post portano la stessa data della prima pubblicazione 24 agosto 2018) ma è stata pubblica due volte. Continua a leggere “Case History: La poesia più letta di sempre su Alessandria today, 6.821visite, della poetessa Tania Scavolini – IL VUOTO DELL’ANIMA, di Squarci di cielo”

“Echi Del Mare” il nuovo libro di poesie della scrittrice cosentina Antonia Flavio

“Echi Del Mare” il nuovo libro di poesie della scrittrice cosentina Antonia Flavio

Echi del mare copia

Per gli amanti della poesia dal sapore dolce, malinconico e anche un po’ struggente, dal primo di giugno è disponibile su Amazon e sul sito Edizioni Virgilio il nuovo libro della poetessa cosentina Antonia Flavio “Echi Del Mare”. È una raccolta di 58 poesie dove il protagonista assoluto è il mare. I temi toccati sono l’amicizia, l’amore e la natura, tutte collegate da un unico filo conduttore il mare, un’entità che affascina e nello stesso tempo inquieta. Poesie dalle sensazioni fresche che  fanno sognare e spingono a profonde riflessioni.

Antonia Flavio è nata e vive a Cosenza, conosciuta già per  “La Mia Vita I Miei Amori Racchiusi In Una Poesia”, una raccolta di oltre 44 poesie d’amore in vendita da febbraio 2019.

Entrambi i libri sono editi dalla casa editrice Edizioni Virgilio di Milano. “Echi Del Mare”, per la poetessa cosentina è stata un importante sfida con se stessa poiché uscito solo quattro mesi dopo il suo primo libro.

Ringraziamenti speciali sono presenti nel libro.

Antonia Flavio copia

L’autrice: https://alessandria.today/2019/08/24/la-poetessa-cosentina-antonia-flavio-si-presenta-ai-lettori-di-alessandria-today/

“La Mia Vita I Miei Amori Racchiusi In Una Poesia”, di Antonia Flavio

“La Mia Vita I Miei Amori Racchiusi In Una Poesia”, di Antonia Flavio

La mia vita copia

“LA MIA VITA I MIEI AMORI RACCHIUSI IN UNA POESIA” è una raccolta di 44 poesie d’ amore, ispirate da un vissuto profondamente segnato dal passato e dal presente. Amori finiti bene, atri terminati nel peggiore dei modi : storie che hanno lasciato dolore, delusione,rabbia  e rimpianti trasformati , poi in un canto liberatorio.

L’ autrice nello scrivere queste poesie ha liberato il suo cuore e la sua anima da un peso che le si stava radicando dentro e che stava facendo sempre più male. Scrive di sentimenti ed emozioni che vengono espressi nella forma più dolce e delicata che conosce.

L’amore è il più bello e nobile dei sentimenti di cui tutti parlano e nessuno ne può fare a meno, ma spesso, però, le cose non vanno come dovrebbero. Amori vissuti e poi terminati, altri che sono finiti in partenza lasciando l’ amore in bocca a chi, anche solo per un momento, ci ha sperato e creduto. Amori che hanno fatto sorridere e piangere, nati per caso, persi, lasciati e ritrovati o mai dimenticati.

Antonia Flavio copia

L’autrice: https://alessandria.today/2019/08/24/la-poetessa-cosentina-antonia-flavio-si-presenta-ai-lettori-di-alessandria-today/

La poetessa cosentina Antonia Flavio si presenta ai lettori di Alessandria today

La poetessa cosentina Antonia Flavio si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia della poetessa cosentina Antonia Flavio. Antonia ha scritto:“La Mia Vita I Miei Amori Racchiusi In Una Poesia” e “Echi Del Mare”

Antonia Flavio copia.jpg

Note biografiche  della poetessa cosentina Antonia Flavio

Antonia Flavio nasce a Cosenza il 01/06/1977 dove attualmente risiede. È amante della letteratura e, in particolar modo della poesia fin da quando, da piccola, ha iniziato a studiarla tra i banchi di scuola.

In terza media vince una borsa di studio per il tema “Pace una parola così piccola, ma con un grande significato esprimi nella forma e nel testo il concetto più significativo”. Da questo premio, la sua voglia di scrivere si fa sempre più prepotente, tanto da preferire la letteratura e la storia su tutte le altre materie.

Si diploma nel 1996 all’Istituto Professionale Per Stilista Di Moda e successivamente, si diploma all’Istituto Alberghiero, due scuole a suo dire importanti per una formazione lavorativa.

Anche dopo il secondo diploma non sentendosi soddisfatta si iscrive all’Università Della Calabria alla facoltà di Letteratura, su consiglio della sua ultima insegnante di letteratura.

A breve lascia l’università per anteporre il bisogno di lavorare, non lasciando mai la lettura e la scrittura, tanto che da hobby lo fa diventare un vero e proprio lavoro. Scrive poesie, romanzetti, versi apprezzati da molti fino a quando nel novembre del 2018 un importante casa editrice milanese Edizioni Virgilio le propone un contratto di pubblicazione per una raccolta di poesie. Continua a leggere “La poetessa cosentina Antonia Flavio si presenta ai lettori di Alessandria today”

Ho letto GORA, romanzo autobiografico di Miriam Maria Santucci

Ho letto GORA, romanzo autobiografico di Miriam Maria Santucci

di Pier Carlo Lava

1 Gora ok.jpg

«L’Autrice, che conosco e apprezzo da tempo, con “Gora” ha dimostrato di essere non solo una splendida poetessa, autrice di diversi libri di poesie, ma anche una grande scrittrice. Uno spaccato di vita del secondo dopoguerra, nel quale si racconta la storia di “Gora” sugli Appennini, con un finale a sorpresa…

Leggere “Gora” è piacevole, scorrevole e per quelli della mia generazione fa rivivere i tempi difficili ma pieni di entusiasmo e speranze nel futuro, del primo decennio dopo la fine della seconda guerra mondiale.

La lettura di “Gora” è consigliata anche alle generazioni successive sino a quella attuale, perché dà modo di comprendere, quasi come lo si stesse vivendo, un periodo importante della storia del nostro Paese. “Occorre ricordare chi eravamo per capire dove dobbiamo andare”. La lettura di “Gora” è un’oasi di serenità e relax in un’epoca di grande stress come la nostra.»

2 gora-ok-48373419_127208394889856_6971970864854073344_n-copia copia

Ho letto Gora … Pier Carlo Lava

Come si viveva nel periodo successivo all’ultima guerra? quelli della mia generazione l’hanno vissuto in prima persona mentre alle generazioni successive è toccato ai nonni e ai genitori ricordare chi eravamo e come si viveva in un epoca di povertà ma con il grande sogno che un giorno il futuro sarebbe stato migliore per tutti. L’Autrice Miriam Maria Santucci, che conosco e apprezzo da tempo, con “Gora” ha dimostrato di essere non solo una splendida poetessa autrice di diversi libri di poesie ma anche una grande scrittrice.

Uno spaccato di vita del secondo dopoguerra, nel quale si racconta la storia di “Gora” e della sua famiglia sugli Appennini, con un finale a sorpresa…

Leggere “Gora” è piacevole, scorrevole e per quelli della mia generazione fa rivivere i tempi difficili ma pieni di entusiasmo e speranze nel futuro del primo decennio dopo la fine della seconda guerra mondiale.

La lettura di “Gora” è consigliata anche alle generazioni successive sino a quella attuale perchè da modo di comprendere a fondo, quasi come lo si stesse vivendo, un periodo importante della storia del nostro paese. “Occorre ricordare chi eravamo per capire dove dobbiamo andare”.

“Gora” non è solo un libro interessante e istruttivo che ci ricorda il nostro passato ma anche un oasi di serenità e relax in un’epoca di grande stress come la nostra.

Continua a leggere “Ho letto GORA, romanzo autobiografico di Miriam Maria Santucci”

Makrònissos, l’isola dell’esilio. Di Stefania Pellegrini

Makrònissos, l’isola dell’esilio. Stefania Pellegrini

Immagine dal web

Makrònissos è una piccola isola arida e rocciosa, vicino alle coste dell’ Attica, di fronte al porto di Lavrio e la sua popolazione ammonta oggi a 5 abitanti. Anticamente si chiamava Eleni, come la bella donna del mito greco che secondo Pausania vi avrebbe trovato rifugio con Paride durante la fuga da Troia, dopo la fine della guerra.

Immagine dal web

Quando sentiamo parlare delle isole greche, le prime immagini che vengono in mente sono quelle di distese azzurre, di mare trasparente, di bianche costruzioni aggrappate alle rocce, case con le finestre blu, e lingue di spiaggia tra frastagliate insenature.
Eppure il nome Makrònissos da diversi decenni non evoca sole e azzurro, ma sdegno e silenzio. Per grandi periodi del ventesimo secolo fu usata, insieme ad alcune altre isole, come luogo di accoglienza per i cosiddetti “nemici dello stato”. Lì venivano esiliate tutte le persone considerate pericolose per l’ordine politico e sociale del tempo, soprattutto: sindacalisti, partigiani di sinistra e i comunisti, perseguitati per le loro idee e valori, colpevoli di sognare, immaginare un mondo migliore. Ciò è avvenuto fino all’abolizione delle leggi repressive, dopo la caduta della dittatura dei colonnelli nel 1974.
I deportati erano incarcerati in campi di esilio o vivevano in gruppi, in tende o case, sotto l’occhio vigile dei militari o gendarmi dell’isola. Le torture ai deportati, avevano lo scopo di arrivare a ritrattazioni o “dichiarazioni di rimorso” necessarie per ottenere un “certificato di coscienza sociale” per i deportati.
L’isola conserva le rovine di un campo di concentramento (e centro di rieducazione) in cui furono reclusi più di 100.000 prigionieri politici, ed è stata dichiarata: sito storico nel 1989.
Come dicevo sopra, Mikrònissos non fu l’unico campo di concentramento greco, ma per le sue rovine, le sue strutture e l’incredibile produzione letteraria dei suoi prigionieri, è considerata la più suggestiva.

Tra i reclusi ci furono alcuni tra i maggiori artisti: nomi di poeti, scrittori come Ghiannis Ritsos, Titos Patrikios, Aris Alexandru, di musicisti, registri greci che durante l’internamento composero versi. A volte affidandoli alla memoria, altre volte scrivendoli su pacchetti di sigarette e pezzetti di cartone. Nascondendoli in bottiglie, in fenditure nella roccia, affinchè la polizia militare non li trovasse.
Opere che hanno segnato la cultura greca contemporanea.

Alcune poesie di Titos Patrikios e Ghiannis Ritsos ispirate dall’esperienza vissuta.

Titos Patrikios (21/5/1928)

Gli amici

Non il ricordo degli amici uccisi
a straziarmi le viscere.
È il pianto per le migliaia di sconosciuti
che lasciarono gli occhi spenti
nei becchi degli uccelli,
che stringono nelle mani gelate
una manciata di bossoli e di spini.
I passanti sconosciuti
con cui non parlammo mai
con cui solo per poco ci guardammo
quando ci fecero accendere la sigaretta
nella strada serale.
Le migliaia di amici sconosciuti
che diedero la vita
per me.

(La resistenza dei fatti, trad. Nicola Crocetti)

I versi

I versi sono come i figli.
Crescono nelle viscere con rumori segreti,
soffrono dentro di te, si ammalano,
poi inaspettatamente crescono,
un giorno ti si rivoltano contro,
contro di te che hai dato loro vita,
finché poi se ne vanno per sempre
e non sono più soltanto tuoi.
(Atene, 1928)

(La resistenza dei fatti, trad. Nicola Crocetti) Continua a leggere “Makrònissos, l’isola dell’esilio. Di Stefania Pellegrini”

Lo scrittore e poeta Giacomo Brugnano si presenta ai lettori di Alessandria today

Lo scrittore e poeta Giacomo Brugnano si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografia dello scrittore e poeta Giacomo Brugnano. 

Giacomo Brugnano.jpg

Biografia

Giacomo Brugnano nasce a Cutro, (KR), il 6 novembre 1956.

Dopo una pluriennale emigrazione in Germania è rientrato nella primavera 2003 nella sua città, Cirò Marina, dove attualmente risiede.

Autore di diverse opere letterarie. Ha pubblicato i romanzi: “Il vento impetuoso di quella notte” (dicembre 2000) e “Caraconza” (maggio 2003). Centinaia di pensieri, poesie e racconti.

Giacomo Brugnano, raccoglie innumerevoli consensi in Italia, dal Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, dal Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, dal Ministro per gli italiani nel mondo, Mirko Tremaglia, dall’ex sindaco di Cirò Marina, Dott. A.D. Facente, dal Prof. G. Ferrari, da Mons. A. Terminelli.

Il 9 agosto del 2001 ottiene un’apprezzabile riconoscimento dall’amministrazione comunale di Cirò Marina, presieduta dal sindaco, sen. Nicodemo Filippelli. Il 18 agosto del 2005 dalla citata amministrazione ottiene il prestigioso riconoscimento “Calliope sotto le stelle”.

Il 26 Febbraio 2008 l’amministrazione del comune medesimo, presieduta dal sindaco, dott. Nicodemo Parrilla, è orgogliosa di annoverare tra i propri concittadini, lo scrittore e poeta Giacomo Brugnano interprete dei sentimenti dell’animo popolare cirotano, ed aperto ad ampi orizzonti culturali e rilascia un pregevole attestato di merito.

Inoltre ha ottenuto i seguenti consensi anche all’estero: dall’Ambasciata Italiana di Berlino, dai Consoli di Amburgo, Dott. Antonio Cardelli, Francoforte, Dott. Sandro Siggia, Stoccarda, Dott. Mario Musella, Colonia, Dott. Gianfranco Colognato, Monaco di Baviera, Min. Plen. Vittorio Tedeschi, Hannover, Dott. Renzo Pennacchioni, Dortmund, Dott. Enrico De Agostini, dal Corriere d’Italia, Dir. Mauro Montanari, Francoforte, dal Consulente della Regione Calabria, Giovanni Frijio, Weinstadt.

La poetessa, scrittrice e pittrice Laura Ficco si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e libri)

La poetessa, scrittrice e pittrice Laura Ficco si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia e le opere della  poetessa, scrittrice e pittrice Laura Ficco.

Laura Ficco.png

Biografia

Laura Ficco poetessa Genovese residente ad Assemini in provincia di Cagliari, nasce artisticamente come pittrice creativa in diversi generi espressivi, partecipando a varie mostre ed estemporanee.
Dall’anno 2003 come poetessa ha ripreso a esternare i pensieri dell’anima, già  coltivati in età  adolescenziale, componendo varie liriche e contraddistinguendosi particolarmente nella tematica della sensibilità  verso il prossimo, al quale tra l’altro ha prestato volontariato come animatrice presso Casa di Riposo per anziani, portando un soffio di conforto e gioia.

Nell’anno 2015 ha iniziato l’attività di Organizzatrice e Direttore Artistico, con la 1° Mostra di POESIPITTURA IN SARDEGNA nell’ambito della MANIFESTAZIONE CULTURALE “POESIPITTURA” tenutasi ad Assemini (CA) al Fly Hotel Cagliari dal 21 febbraio al 1 marzo 2015, ottenendo un ottimo successo di critica e di pubblico.

Insignita della Laurea Honoris Causa in Lettere dalla Constantiniam University, associata alla Johnson & Wales University (U.S.A.).

Dama di Grazia del Sovereign Orden of St. John of Jerusalem, Knights of Malta OSJ, (Cavalieri di Malta). L’investitura gli è stata conferita dal Capo di Nome e d’Arme Ereditario e Gran Maestro O.S.J. Malta S.A.R. il Principe Don Thorbjorn Paternò Castello d’Ayerbe d’Aragona di Carcaci d’Emanuel Principe di Valencia, durante il Solenne Capitolo celebrato presso la Basilica di S. Vitale in Roma in data 25.10.2014.

Ha partecipato a numerosissime manifestazioni culturali di musica e poesia al Palazzo Vice Regio di Cagliari, in vari auditorium, circoli letterali e teatri della Sardegna (spettacoli di musica classica, leggera, teatro e recital di poesie in tante città  della Sardegna ed in manifestazioni di ricorrenza “4 novembre, 25 aprile, 2 giugno, feste di apparati militari etc.”; Continua a leggere “La poetessa, scrittrice e pittrice Laura Ficco si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e libri)”

TRAGEDIE ANNUNCIATE, autocitazione, di Miriam Maria Santucci

C. 4 - Tragedie annunciate

TRAGEDIE ANNUNCIATE

«Quando succedono tragedie immani, non è possibile affermare che sia stata una fatalità, perché le disgrazie sono sempre frutto della mancanza di senno, della cieca avidità, dell’esasperata corsa al potere, della disumana e criminale indifferenza di tutti coloro che dovrebbero fare e non fanno e che pur di lucrare stravolgono la Natura, che alla fine si ribella, sterminando popoli inermi e innocenti generazioni.»

#Autocitazione tratta dalla raccolta “La Luce dei Pensieri”.
© Copyright 2016 – Miriam Maria Santucci
(foto diga del Vajont)

Racconti: LE INDAGINI DELL’ISPETTORE NONLOSO’ FERRAGOSTO AL LAGO (Seconda parte) di Roberto Busembai (errebi)

Racconti: LE INDAGINI DELL’ISPETTORE NONLOSO’ FERRAGOSTO AL LAGO (Seconda parte) Roberto Busembai (errebi)

Ispettore Nonloso’

LE INDAGINI DELL’ISPETTORE NONLOSO’ FERRAGOSTO AL LAGO (Seconda parte)

Si chiamava Marta, Marta Antoni, aveva circa vent’anni, era bella come tutte le ragazze in quella giovane età, bruna di capelli e occhi neri come il carbone ma grandi e di un immane splendore, era stata la ex ragazza di Nicola, ma la cosa era durata poco e forse Paolo ci aveva provato, ma qualcosa non doveva aver funzionato perchè sul fondale di quel dolce lago, qualcuno della finale di pesca, era rimasto agganciato con l’amo a qualcosa di grosso e di impossibile da trascinare a riva.

68531079_2229652930494257_4428195527959511040_n.jpg

Si era allertata la protezione civile, la polizia, la scuola subacquea dei carabinieri e si era trovato quel sacco nero con avvolto dentro il corpo esanime di Marta. Era stata certamente presa per la gola e soffocata, visti gli arrossamenti e abrasioni sul collo, non c’erano segni di arma da taglio o di fuoco, il resto si sarebbe scoperto, il prima possibile, dal servizio di investigazione medica e criminologia, con l’autopsia.
E Paolo era definitivamente scomparso..

L’ispettore Nonlosò, mal volentieri, si sentì purtroppo costretto a seguire quelle indagini con il collega del posto, un certo Martini, primo per l’amicizia nei confronti del Rubini, secondo perchè il giovane Martini, gli fece una richiesta scritta, voleva che mettesse a prova la sua grande esperienza e che lo aiutasse in quanto alle prime armi.
Quella chiacchierata con Nicola, riguardo a chi fosse la ragazza con cui si era fermato a chiacchierare Paolo, non era stata fatta, perchè la notizia del ritrovamento avvenne proprio quando i due, Rubini e l’ispettore si stavano recando alla casa del guardiano. Era stato allora tutto un susseguirsi di notizie e indagini del momento, ma ora che le cose prendevano il normale iter operativo, Nonlosò arrivò da solo alla casa di Giovanni e bussò:
Continua a leggere “Racconti: LE INDAGINI DELL’ISPETTORE NONLOSO’ FERRAGOSTO AL LAGO (Seconda parte) di Roberto Busembai (errebi)”

Intervista alla poetessa Alisa Milani, di Pier Carlo Lava

Intervista alla poetessa Alisa Milani, di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare in esclusiva per il blog, un intervista alla poetessa Alisa Milani. Alisa afferma che Un poeta è colui che riesce ad esternare le proprie emozioni regalando se stesso e arrivando all’animo di chi legge.

Alisa Milani copia

Alisa ciao e benvenuta su Alessandria today è veramente un piacere farti un intervista, ci vuoi raccontare dove sei nata, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Il mio nome è Annalisa e sono nata a Sassari, una città della Sardegna che amo come amo la mia isola. Sono mamma di due ragazze e di un ragazzo; sono anche diventata nonna giovanissima e la mia famiglia è al primo posto nella mia vita.

Ho lavorato per tanti anni in un’ente pubblico ed ho amato il mio lavoro. Ancora oggi collaboro con l’ente da me rappresentato nella vita lavorativa.

Nel tempo che mi rimane faccio volontariato nel carcere di Sassari e il confronto con chi, per qualsiasi motivo, ha perso la libertà, mi arricchisce continuamente.

Quando hai iniziato a scrivere e cosa ti ha spinto a farlo?

Ricordo i miei primi scritti da ragazzina e oltre la lettura era il mio modo di evadere spontaneamente dalla routine giornaliera della mia città.

Amo scrivere in qualsiasi momento mi arrivino dei versi; in macchina, costringendomi a soste impreviste, prima di dormire e in tutti gli spazi liberi, anche nell’attesa di colloqui con i ragazzi della casa circondariale.

Non amo costruire i miei versi che vengono scritti in pochi minuti. Un poeta (io non mi definisco tale!) è colui che riesce ad esternare le proprie emozioni regalando se stesso e arrivando all’animo di chi legge. Continua a leggere “Intervista alla poetessa Alisa Milani, di Pier Carlo Lava”

Intervista alla poetessa Antonietta Fragnito, a cura di Pier Carlo Lava

Intervista alla poetessa Antonietta Fragnito, a cura di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare un intervista ad un autrice del blog, la poetessa Antonietta Fragnito. Antonietta afferma che Il mondo senza l’arte sarebbe  un mendicante e che il poeta è sempre tormentato, l’oneroso tributo che richiede la poesia.

 

Antonietta, ciao e benvenuta su Alessandria today! E’ veramente un piacere farti un’ intervista. Ci vuoi raccontare dove sei nata, chi sei, cosa fai nella vita, oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Sono nata a San Giorgio la Molara, ameno paesino in provincia di Benevento. Ho svolto per lunghi anni, con piacere, il lavoro di maestra elementare. Attualmente sono in pensione e mi dedico con passione immensa alla scrittura  Il mio amato marito è  deceduto poco più due di anni fa,  lasciandomi in eredità  il suo esempio di dignità e di bellezza esistenziale.  Ho due figli e due bellissimi nipoti: Arianna e Alessandro che rappresentano per me il bene assoluto.

Quando hai iniziato a scrivere e cosa ti ha spinto a farlo?

Ho iniziato a scrivere un anno e mezzo fa circa. Non so cosa mi abbia spinto, quello che so è  che la scoperta della scrittura è una  delle cose più belle e motivanti che mi siano accadute.

Chi è per te un poeta?

Il vero poeta è un illuminato, una specie di vate, un veggente. Egli è dotato di uno sguardo speciale, di pensieri divini, forgiati dal proprio incanto. Il poeta conserva una sorta di fanciullesca innocenza perentoria. Continua a leggere “Intervista alla poetessa Antonietta Fragnito, a cura di Pier Carlo Lava”

Intervista al poeta e scrittore Stefano Polo, a cura di Pier Carlo Lava

Intervista al poeta e scrittore Stefano Polo, a cura di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare in esclusiva per il blog, un intervista al poeta e scrittore genovese e amante dei cani, Stefano Polo, che si racconta ai nostri lettori.

 

Stefano ciao e benvenuto su Alessandria Today è veramente un piacere ospitarti, ci vuoi raccontare dove sei nato, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Ciao a tutti i lettori di “Alessandria Today”… Io sono nato a Genova il 24 maggio 1968, abito a Genova da sempre. Vivo in un paese dell’entroterra genovese, convivo con la mia compagna. Sono appassionato di cani e faccio da anni volontariato in un canile di Genova.

Quando hai iniziato a scrivere e cosa ti ha spinto a farlo?

Ho iniziato a scrivere qualche poesia da ragazzo ma la maggior parte delle mie poesie le ho composte dopo che ho conosciuto la mia compagna, ispirato proprio a lei, al sentimento che mi lega a lei da sette anni. E’ un modo per me, per esprimere per iscritto ciò che magari ho difficoltà ad esprimere a parole; stati d’animo, sentimenti di ogni genere… Ha influito tanto la mia compagna in quanto mi ha incoraggiato, spronato tantissimo ad intraprendere questa strada, questo percorso della poesia e da lì ho poi pubblicato 4 libri, 4 raccolte delle mie poesie. Continua a leggere “Intervista al poeta e scrittore Stefano Polo, a cura di Pier Carlo Lava”

Intervista alla poetessa e scrittrice Katiuscia Napolitano, a cura di Pier Carlo Lava

Intervista alla poetessa e scrittrice Katiuscia Napolitano, a cura di Pier Carlo Lava

La poetessa e scrittrice Katiuscia Napolitano, si racconta ai lettori di Alessandria today, in un intervista in esclusiva per il blog, ecco le sue risposte alle nostre domande:

Katiuscia Napolitano

Katiuscia ciao e benvenuta su Alessandria today è veramente un piacere ospitarti, ci vuoi raccontare dove sei nata, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

-Buongiorno a tutti e grazie dell’opportunità! Sono nata a Palermo, ma vivo in provincia di Bergamo da quasi vent’anni. La mia vita si alterna tra la scrittura, la mia passione, e un normalissimo lavoro da impiegata. Vivo in un paese in provincia di Bergamo molto tranquillo, ma la mia vena è decisamente più cittadina, quando posso infatti faccio volentieri una capatina a Milano.

Quando hai iniziato a scrivere e cosa ti ha spinto a farlo?

-Ho iniziato a scrivere piccolissima, ero in terza elementare. Credo che a spingermi a farlo siano state le storie che immaginavo: erano già lì e proprio come adesso premevano per essere scritte.

ImmortalLook Left

Ci vuoi parlare dei libri che hai scritto: “Immortal” e “Look Left”?

-Volentieri. Immortal è il mio romanzo d’esordio. È una fatica giovanile, dato che l’ho iniziato a soli diciassette anni. Tratta infatti dei miei amori dell’epoca, cioè i vampiri e lo stile gotico. Look Left invece è una storia romantica, completamente diversa, ambientata nella Londra moderna. L’ho scritto lo scorso autunno, mentre nella capitale inglese ci vivevo. È un pezzo del mio cuore e del mio vissuto.

Il primo libro è come il primo amore non si scorda mai, ci puoi raccontare quali difficoltà hai incontrato per pubblicarlo e quale è stato il tuo primo pensiero dopo averlo pubblicato?

-Parto dal primo pensiero, che è stato wow, legato a tanta emozione. Però ai tempi non sapevo nulla o quasi del mondo editoriale, del marketing e di quanta fatica e di quanto impegno occorrano per creare un buon pubblico attorno a un’opera. La difficoltà maggiore è che lo scrittore, soprattutto se giovane e inesperto come me all’epoca, viene lasciato completamente da solo e scopre tutto in corso d’opera. Continua a leggere “Intervista alla poetessa e scrittrice Katiuscia Napolitano, a cura di Pier Carlo Lava”