In evidenza

Laura Ficco, poetessa, pittrice e scrittrice si presenta ai lettori di Alessandria today – biografia e opere

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la poetessa, pittrice e scrittrice Laura Ficco – biografia e opere.

Laura Ficco copia

Laura Ficco note biografiche e curriculum

Pittrice, poetessa e scrittrice è questa artisticamente Laura Ficco, Genovese di nascita e residente ad Assemini (CA). Dottoressa in Lettere per aver conseguito la Laurea Honoris Causa dalla Constantinian University – Stato Rhode Island (U.S.A.) nel mese di Ottobre 2012 per meriti ottenuti in campo letterario, insignita del Premio alla carriera il 28.10.2017 per meriti in campo pittorico e letterario nell’ambito della 5° Edizione del Concorso internazionale di poesia, prosa e arti figurative “La Finestra Eterea 2017”. La sua innata sensibilità viene alla luce soprattutto per le tematiche affrontate nei suoi versi, dai quali traspaiono in tutta la loro ampiezza messaggi di speranza e di profonda umanità.

Ha ottenuto il 1° posto Medaglia d’oro al Concorso Nazionale Letterario Orizzonti di Parole 2011 di Verona con il racconto “Il furto dell’innocenza”, il 2° posto al Concorso di Chicago (Illinois – U.S.A. – 2009) con la poesia  scritta in americano “The phantom of the dark” (I fantasmi del buio), il 3° posto al Concorso Nazionale Amarossella 2009 di Roma con il racconto “Inseguendo la vita”, il 1° Premio “La Torre d’Argento” al Concorso Internazionale di Poesia Castelnuovo di Farfa – Rieti) con la poesia “La Speranza Continua a leggere “Laura Ficco, poetessa, pittrice e scrittrice si presenta ai lettori di Alessandria today – biografia e opere”

In evidenza

Francesco Bergamasco poeta si presenta ai lettori di Alessandria today – biografia – poesie e 4 raccolte poetiche

Francesco Bergamasco copia

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori il poeta Francesco Bergamasco – biografia – poesie e 4 raccolte poetiche.

Note biografiche

Francesco Bergamasco è nato a Bitonto (BA) nel 1959. Dal 1981 vive ad Avigliano (PZ). È’ sposato e ha due figli: Alessandra e Bruno. Per circa 10 anni ha lavorato nella Polizia Penitenziaria (Istituto minorile di Avigliano). Attualmente è impiegato presso l’Università degli Studi della Basilicata. 

Ha ottenuto vari riconoscimenti, anche in campo nazionale: è stato finalista ex aequo al Premio Nazionale di Poesia” Valle di Vitalba”(1994); ha ottenuto il 13° posto con la poesia “ Perché” al 1° Concorso Nazionale di Poesia“ Amalia Rosselli” (1998) (in giuria, tra gli altri, Dacia Maraini ed Elio Pecora); le poesie “Un tesoro chiamato Mamma” e “Piove” sono state pubblicate per merito, nelle antologie edite in occasione del Premio di Poesia “Ada Negri” (1999- 2000); è stato finalista con la poesia “Sinfonia” al Premio Letterario “Nicola Mirto”( 2001); nel dicembre 2002, a livello locale, ha pubblicato una raccolta di poesie dal titolo “Infischiandosene del tempo”. Continua a leggere “Francesco Bergamasco poeta si presenta ai lettori di Alessandria today – biografia – poesie e 4 raccolte poetiche”

In evidenza

Vignole Borbera – Biblioteca Civica: Incontro con il poeta Mauro Macario

Vignole Borbera – Biblioteca Civica: Incontro con il poeta Mauro Macario

macario-924x693

Cari amici, abbiamo il piacere di invitarvi all’Incontro con Mauro Macario, figlio del noto comico ma soprattutto poeta di grande livello, a cui in settimana dedicheremo una giornata di studio a Milano. Un’occasione per conoscere da vicino una delle voci più originali del panorama nazionale.

Sabato 26 ottobre ore 21,00

Vignole Borbera (AL), Biblioteca Civica

Incontro con Mauro Macario

Interventi di Mauro Ferrari e Simona Raddavero

foto: http://www.premiomontalefuoridicasa.it/

www.puntoacapo-editrice.com Continua a leggere “Vignole Borbera – Biblioteca Civica: Incontro con il poeta Mauro Macario”

In evidenza

VITE RUBATE, di Miriam Maria Santucci

 

VITE RUBATE
di Miriam Maria Santucci


Ti conobbi che eri una bambina,
la più bella e gioiosa del paese.
Ti osservavo correre sui prati
con palloncini e collanine appese.
Il tempo passò in fretta e tu crescesti,
andasti via ma io non seppi dove.
Poi un giorno anch’io partii e mi scordai
di quella bimba in mezzo al prato in fiore.
Ora vedo la tua foto sul giornale…
Vent’anni avevi, venti solamente…
Han scritto che fu l’uomo che tu amavi
a rubarti la vita atrocemente…
Tu, che correvi lieta in mezzo al prato
e che ora giaci sotto quella croce,
possa tu perdonar chi t’ha ammazzato,
correre in cielo e riposare in pace!



Poesia tratta dalla raccolta “La Luce dei Pensieri”.
© Copyright 2016 – Miriam Maria Santucci

CORRADO GOVONI, LA SIESTA DEL MICIO, di Elvio Bombonato

CORRADO GOVONI, LA SIESTA DEL MICIO, di Elvio Bombonato

https://erprofessor.wordpress.com

CORRADO  GOVONI, LA  SIESTA  DEL  MICIO

è il primo Govoni (1884-1965), quello crepuscolare, il quale descrive una realtà umile e quotidiana di un pomeriggio estivo , con l’afa soffocante.  Piccole cose, che provocano nel poeta delle sensazioni, che traduce in immagini. Come spesso in Govoni, è una poesia visiva, composta sfruttando il meccanismo dell’elenco. Alcune immagini sono delle analogie (metafore forti, con collegamenti insoliti e inattesi),  piene di colori. Le poesie di Govoni sono ricche di colori, espliciti o sottintesi: è il loro fascino.

Corrado Govoni.png

LA  SIESTA  DEL  MICIO

E’ sereno. Ogni cosa

sembra velata di fatica.

Il pomeriggio è in panna

su l’antica Certosa.

Nel marciapiede suonano i miei passi.

Si pensa quasi che l’azzurro crepiti.

Dei pugnali di sole tiepidi

feriscono il cuore dei tassi.

Sopra un tetto s’illuminan dei coppi.

De le finestre sono infiorate.

Il vento pettina le sue chiome arruffate

nei lunghi pettini dei pioppi.

De le campane d’un convento vicino

spennellan l’aria d’una loro festa.

Sul davanzale un bianco micio fa la siesta

a gambe a l’aria come un maialino.               (1903)

La poesia consta di quattro quartine, a rima incrociata: ABBA, CDDC, EFFE, GHHG.  Nella seconda strofa DD sono una quasi rima assonanzata; ma i fonemi t e d sono dentali, sorda e sonora).  I versi sono prevelentemente endecasillabi, con altri più brevi, dal novenario al ternario. Continua a leggere “CORRADO GOVONI, LA SIESTA DEL MICIO, di Elvio Bombonato”

ODE AL PAPÀ, di Miriam Maria Santucci

ODE AL PAPÀ
di Miriam Maria Santucci

La Vita è un canto eterno di bellezza
e il più bel canto sei tu, “papino mio”,
come solevo chiamarti da bambina
al tocco lieve di una tua carezza.
Il tuo amore leniva le mie pene
ed addolciva ogni triste pensiero
e come torcia di luce sempre accesa
illuminavi l’impervio mio sentiero.
– Ama la vita – mi dicevi spesso
perché la vita è una, una soltanto!
Solo il sorriso scaccia l’amarezza
e dà la forza di asciugare il pianto!
Ora non ci sei più…
ma in me tu vivi…
ed io per te, stasera,
prego e canto…

Poesia tratta dalla raccolta “Le Impronte della Vita”.
© Copyright 2015 – Miriam Maria Santucci.

La poetessa e scrittrice Rosanna Gazzaniga su Alessandria today – biografia e tre posesie

La poetessa e scrittrice Rosanna Gazzaniga su Alessandria today – biografia e tre posesie

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e le poesie della poetessa e scrittrice Rosanna Gazzaniga.

Gazzaniga Rosanna

Note biografiche

Qualcuno afferma che la fine della vita lavorativa coincide con l’inizio di una vita noiosa. Non per me! Vivo nell’Oltrepò Pavese e adoro camminare nella magia dei boschi delle mie colline.

Sono nata nel 1949 e quando rifletto sui cambiamenti tecnologici e sociali avvenuti in questi anni, ancora mi stupisco!

Ho cominciato a scrivere dal marzo 2011, pubblicando una vecchia poesia – La pozza- e ritrovando quella sensibilità che credevo perduta.

Mi sono messa alla prova partecipando ad alcuni concorsi e ho vinto tre primi premi, e vari attestati per arte, video poesia e pubblicazioni in antologie, che mi hanno spinto a continuare ad esprimere i miei pensieri.

Nel 2012 ho pubblicato il mio primo libro di poesie IMPRONTE NEL TEMPO , nel 2014 Il secondo libro DISTANZE D’ANIMA come primo premio a un concorso.

Nel 2016 un mio racconto fu pubblicato nel libro SKERRY AA.VV. premio Oceano di Carta.

Sono stata iscritta all’Adov di Pavia (donatori voce) e alla Compagnia d.voci di Torrazza Coste fino al 2017.

Mi piace scrivere, e la poesia come la fotografia, pittura e scrittura, sono per me liberazione della mente.

Sono presente nel web in alcuni siti di poesia e con alcuni blog in cui uso diversi eteronimi. Elisa Falciori è uno di questi, il blog è Attimi imperfetti. Continua a leggere “La poetessa e scrittrice Rosanna Gazzaniga su Alessandria today – biografia e tre posesie”

La poetessa Annalena Cimino si presenta ai lettori di Alessandria today

La poetessa Annalena Cimino si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e le pubblicazioni della poetessa Annalena Cimino, autrice di Rapsodie d’Autunno – L’Amante della Luna e Fragile come un Fiore di Cristallo.

Annalena Cimino

Note biografiche

Annalena Cimino è nata e vive a Capri.

Appassionata di arte e letteratura, inizia a scrivere e a dedicarsi alla poesia nel 2012.

Partecipa a numerosi concorsi ed ottiene riconoscimenti vari:

Premio Alda Merini 2015 Accademia dei Bronzi di Catanzaro. Premio Poesia nel Borgo di Montignano di Senigallia nel 2015. Premio La Rosa d’Oro 2015 a Torre Alfina. Premio Antologia San Valentino 2015 ad Atripalda (AV) al Concorso San Valentino.

Annalena 2

Partecipa all’ Expo d’arte e poesia di Avalon Arte a Cava de’ Tirreni nel 2015.

Nel maggio 2015 pubblica la sua prima silloge poetica L’amante della luna presente al Salone del libro a Torino e successivamente ad Umbria Libri, edito da Intermedia Edizioni. Premio Cupido Antologia al Concorso San Valentino di Atripalda (AV) 2016. Finalista al Concorso In vita 2016 ed inclusione nell’antologia. Finalista al Concorso Il canto delle Muse a Bellizzi (SA) diploma di merito ed inclusione in antologia nel 2016.

Annalena 3Annalena 4

Partecipa all’Expo d’arte e poesia di Avalon Arte a Cava de’ Tirreni nel 2016.

Finalista inclusa nell’antologia Premio Ungaretti nel 2016.

Inclusa nel Repertorio edizioni Ursini 2016.

Ha partecipato insieme ad altri dieci autori all’Antologia Orme poetiche curata da Pasquale Rea Martino pubblicata nel 2016 e presentata a Paliano.

Ha pubblicato nel giugno 2016 la sua seconda silloge di poesie ed aforismi intitolata Fragile come un fiore di cristallo edita da Intermedia Edizioni e presente ad Umbria Libri 2016. Continua a leggere “La poetessa Annalena Cimino si presenta ai lettori di Alessandria today”

La poetessa Elsa Salpietro su Alessandria today

La poetessa Elsa Salpietro su Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografie e le poesie della poetessa Elsa Salpietro.

Poesie Furbe di Elsa Salpietro.png

SINOSSI di “Poesie Furbe” di Enza Salpietro

La mia avventura poetica è fatta di sogni, emozioni, gioie, sofferenze, delusioni, consapevolezze e voglia di sorridere alla vita così com’è. Ho voluto descrivere in modo semplice e garbato quello che ho provato osservando un paesaggio maestoso, un volto raggiante, un fatto curioso, un animaletto insolito, le mie sensazioni venendo a conoscenza di una notizia triste, di un disastro climatico, cercando sempre di smorzarne le punte estreme.

Non si tratta di uno sfogo personale, nelle mie poesie c’è un pò di tutti voi, io ho avuto la fortuna, non la capacità – perché di questo si tratta – di riuscire  a concretizzare in poche parole degli stati d’animo che sono di tanti, penso che molti di voi si riconosceranno in qualche frase sparsa fra le mie rime, e diranno “è vero, l’ho provato anch’io”, “è vero, è così “.

Se questo accadrà potrò dire che le mie poesie hanno avuto una ragion d’essere e che mi hanno attraversato usandomi come strumento per raggiungere gli animi che di esse hanno bisogno. Per quanto mi riguarda per me è stato un grande onore essere stata sfiorata dalla poesia, la cosa più bella che mi sia capitata in tutta la vita.

Elsa Salpietro foto.png

Note biografiche

Nata in provincia di Catania, una città che ho sempre amato, non ho mai desiderato lasciare la mia bellissima Sicilia.

La Laurea in Lettere Moderne, conseguita presso la Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università degli Studi di Catania, mi ha permesso di approfondire interessi e passioni che già mi appartenevano. Continua a leggere “La poetessa Elsa Salpietro su Alessandria today”

La poetessa Lucia Triolo su Alessandria today – biografia e sei poesie

La poetessa Lucia Triolo su Alessandria today – biografia e sei poesie

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e le poesie della poetessa Lucia Triolo.

lucia triolo.jpg

Note biografiche

Lucia Triolo è nata e vive a Palermo, nella cui Università ha insegnato Filosofia del diritto.

Il suo impegno come scrittrice di poesia è recente, ma intenso: ha pubblicato per la G.A Edizioni: “L’oltre me” (Maggio 2016), per le Edizioni il Fiorino: “Il tempo dell’attesa” (Maggio 2017), per La Ruota Edizioni: “E dietro le spalle gli occhi” (Febbraio 2018), per BIbliotheke Edizioni: “Metafisiche Rallentate” (Ottobre 2018). per DrawUp Edizioni: “Dedica” (Aprile 2019), ancora per La Ruota Edizioni: “Dialoghi di una vagina e delle sue lenzuola” (Maggio 2019). È presente in numerose antologie pubblicate nel triennio 2016/18.

Numerosi i riconoscimenti di prestigio: vincitrice per LietoColle dell’ iPoet Dicembre 2017, prima classificata al Concorso internazionale Il canto delle Muse 2017 (poesia a tema), al Premio Gustavo Pece 2017, al Premio AlberoAndronico  2018 (raccolta inedita di poesia), al Premio Città di Latina 2018 (silloge inedita); premio Amelia Rosselli al Premio Nazionale di Poesia e Narrativa Città di Conza della Campania 2018, terza classificata al XIX Concorso Nazionale di Poesia e Narrativa Guido Gozzano ed. 2018, secondo premio in memoria di Duccia Camiciotti, nel Premio internazionale Giglio blu di Firenze, seconda classificata al Premio AlberoAndronico (silloge inedita) 2019 e al Premio ASAS (silloge inedita) 2019, IV classificata al Premio Nazionale di Poesia e Narrativa Città di Conza della Campania 2019. Alcune sue poesie  -di cui una anche in traduzione spagnola- sono apparsi in Febbraio u.s. sulla Rivista Atelier Web, in Maggio su Limeslitere, ancora in Giugno su “Il pensiero di Alex”, in Luglio su “Le stanze di carta”, in Agosto su “Il sasso nello stagno: La poesia italiana che si incontra oggi” e numerosi altri. Suoi testi sono inoltre stati pubblicati sul quotidiano Repubblica di Roma e Napoli nella rubrica La bottega della poesia”. Altri ancora sono reperibili in diverse riviste di settore com Luogos, Bouquet 3 (Poesie e racconti d’amore per il terzo millennio), Frequenze poetiche etc..

Poesie

NUDA

Si era accorta di essere nuda

aveva lasciato che le cadessero anche i capelli

la donna disegnava abiti

sulle parole

biografie strappate

di ombre in maschera

curvava quelle ombre

in un’ellissi

i suoi sinonimi nidificavano 

come conigli paurosi Continua a leggere “La poetessa Lucia Triolo su Alessandria today – biografia e sei poesie”

FESTA DEL PAPÀ, di Miriam Maria Santucci

FESTA DEL PAPÀ
di Miriam Maria Santucci

Su una panchina del piccolo piazzale
siede un anziano con la testa china.
Rughe profonde ricoprono il suo volto,
come solchi di terra, arata di recente.
Stringe una foto tra le mani giunte.
La guarda e l’accarezza dolcemente.
Rintoccano a festa le campane.
Son tutti a Messa.
È Festa del Papà! Messa Solenne!
Canta per i fedeli la Corale…
Mi siedo silenziosa accanto al vecchio,
sulla fredda panchina di cemento.
Vorrei parlare, ma non ci riesco.
Qualcosa mi si sta spezzando dentro…
– Era mia moglie – dice – Mamma esemplare!
I figli sono in giro per il mondo… Poi tace.
Lentamente, si alza e ripone nel taschino
quella foto sgualcita e sorridente.
Una lacrima gli scorre dentro un solco.
Solco di terra arata di recente.

Poesia tratta dalla raccolta “Le Impronte della Vita”.
© Copyright 2015 – Miriam Maria Santucci

COME UN FIORE, di Miriam Maria Santucci

2.COME UN FIORE

COME UN FIORE
di Miriam Maria Santucci

Volto solare,
bianchi i tuoi capelli,
profondi gli occhi,
come profondo è il mare.
Ormai sei sola
in mezzo al prato verde
e oscilli sotto il cielo,
come un fiore.
Senti il richiamo
di chi se n’è già andato
lasciandoti quaggiù,
col tuo dolore.
Ma ora anche tu
hai già lasciato il prato…
Profumi su nel cielo,
come un fiore…

Poesia tratta dalla raccolta “Il Sentiero del Destino”.
© Copyright 2016 – Miriam Maria Santucci

La poetessa Letizia di Cagno su Alessandria today – Silloge e tre poesie

La poetessa Letizia di Cagno su Alessandria today – Silloge e tre poesie

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia, le poesie e la silloge: Urla la fine che pianta germogli, della poetessa Letizia di Cagno.

letizia copia.jpg

Note biografiche

Letizia di Cagno, nata a Bari nel 1998. Attualmente vive a San Martino Buon Albergo, in provincia di Verona dove ha intrapreso gli studi di Filosofia.

Si interessa di musica, arte, cinema e religioni, particolarmente attratta dalle tradizioni iniziatiche e dalle correnti mistiche. Le piace provocare le persone e la considera una forma d’amore. Canta sottovoce, scrive sottovoce.

Tutta la sua produzione poetica è ad oggi inedita.

Urla la fine.jpg

Urla la fine che pianta germogli, di Letizia Di Cagno

Si può ancora parlare d’amore – così tanto bistrattato in poesia – senza essere solo amore ma biologica sostanza dell’amato? O meglio, si può essere ciò che si ama, non per amare, ma soltanto per essere? Si può dare risposta, prova tangibile (e quindi arte) d’amore, senza passare dalla gabbia stereotipata del sentimentale spicciolo, dunque senza sbranare ma essendo sbranati? Questo sembra voler provare Letizia di Cagno (Bari, 1998) con la sua opera prima dallo strug-gente titolo Urla la fine che pianta germogli: ossia decifrare l’amore (e ciò che si ama) attraverso la dispersione del proprio sentimento. Il risultato di tale esperienza, ovvero quello che in questo libro resta al lettore, sono forse soltanto i cocci di un vaso in divenire, e la poetessa, da brava vasaia, lo sa bene, dato che ama il suo stesso invaso, ma anche l’incavo dell’amato, la sua lontananza che è proprio, e a ragione, dentro di lei. Poiché amore, per tutti, è stare da soli in due; amore ovvero sedimento, di una radice che alimenta due alberi. Questa è l’inversione dell’amore, la propria ri-conoscenza: un esistere attraverso l’altro e per l’altro, che siamo noi. Condizione nobile ma anche distruttiva, perciò umanissima. E cos’è il poeta, se non il più umano degli amanti, se non il più innamorato dei perdenti? Letizia di Cagno assimila bene questa lezione, offrendoci una poesia intelligente e sana, giustamente emotiva ma misuratissima, proprio come l’amore vero. Continua a leggere “La poetessa Letizia di Cagno su Alessandria today – Silloge e tre poesie”

Miriam Maria Santucci poetessa e scrittrice presenta Gora alla biblioteca di Alessandria

Miriam Maria Santucci poetessa e scrittrice presenta Gora alla biblioteca di Alessandria

Gora 1.png

di Pier Carlo Lava

Alessandria, ieri 19 settembre 2019 ho finalmente avuto il piacere di incontrare e conoscere di persona Miriam Maria Santucci, una cara amica prima ancora che splendida poetessa e brava scrittrice.

Miriam nel contesto di un evento organizzato dall’Associazione Liberamente Laboratorio di Idee di Fabrizio Priano, ha presentato alla biblioteca di Alessandria il suo libro autobiografico “GORA” che avevo avuto il piacere di leggere in anteprima rispetto all’uscita.

La mia recensione su “GORA”:

«L’Autrice, che conosco e apprezzo da tempo, con “Gora” ha dimostrato di essere non solo una splendida poetessa, autrice di diversi libri di poesie, ma anche una grande scrittrice. Uno spaccato di vita del secondo dopoguerra, nel quale si racconta la storia di “Gora” sugli Appennini, con un finale a sorpresa…

Gora 2.png

Leggere “Gora” è piacevole, scorrevole e per quelli della mia generazione fa rivivere i tempi difficili ma pieni di entusiasmo e speranze nel futuro, del primo decennio dopo la fine della seconda guerra mondiale.

La lettura di “Gora” è consigliata anche alle generazioni successive sino a quella attuale, perché dà modo di comprendere, quasi come lo si stesse vivendo, un periodo importante della storia del nostro Paese. “Occorre ricordare chi eravamo per capire dove dobbiamo andare”. La lettura di “Gora” è un’oasi di serenità e relax in un’epoca di grande stress come la nostra.»

leggi anche: https://alessandria.today/2019/09/19/gora-per-il-progetto-letture-in-biblio

leggi anche: https://alessandria.today/2019/09/15/151178/

leggi anche: https://alessandria.today/2019/08/23/ho-letto-gora-romanzo-autobiografico-di-miriam-maria-santucci/

Un poeta per amico, di Dal Santo Fabio (Autore)

Un poeta per amico, di Dal Santo Fabio (Autore)

Un poeta per amico di Dal santo Fabbio.jpg

“La poesia è il mio gesto d’amore alla vita, la mia umile forma di gratitudine, per tutto quello che le mie mani hanno sfiorato. Non solo rose hanno visto i miei occhi, ma anche spine hanno sentito le mie dita, ma ogni volta che il mio cuore avrebbe voluto dichiarare la sua resa, ho trovato in queste righe, un respiro per i miei affanni. I miei passi sono acerbi, ma la passione che mi guida, saprà tracciare la mia strada, in questo mondo di emozioni, che chiamiamo vita.”

Un poeta per amico, di Dal Santo Fabbio

BIOGRAFIA AUTORE

Sono nato a Desenzano del Garda nel 1974, sono diplomato in agraria, e lavoro come addetto vendite nella grande distribuzione. Le mie grandi passioni? Amo la musica in modo smisurato, e mi piace ascoltarla preferibilmente la notte, mentre scrivo. Apprezzo molti generi, ma quello che prediligo in certi momenti, è il jazz. Un posto importante è riservato anche ai cantautori italiani, primo tra tutti, Fabrizio De Andrè. Altri interessi che vorrei citare sono la fotografia e i viaggi.

Credo esista un legame molto forte tra le due cose ed io non perdo occasione per immortalare ogni luogo nuovo che visito. Ricordi che amo sfogliare, come le pagine di un libro…

La passione per la scrittura la coltivo da molti anni, ma ho sempre lasciato che i miei pensieri ed i miei sogni rimanessero chiusi in un cassetto. Finalmente ho deciso di dare loro voce, sperando di riuscire a trasmettere le stesse emozioni che le hanno fatte nascere. Ecco ora sapete qualcosa in più su di me!

Nel tempo libero, collaboro come Amministratore in un importante gruppo culturale sul web e curo una mia pagina autore, intitolata le”Pagine dal Faro”, dove mi racconto attraverso i pensieri e le immagini che posto quotidianamente.

IL DUBBIO, di Vittoriano Borrelli

IL DUBBIO, di Vittoriano Borrelli

https://vittorianoborrelli.blogspot.com

Da qualche giorno sono assalito dal dubbio di avere ammazzato qualcuno. Esattamente da trentasette ore e quarantacinque minuti, il tempo trascorso da quando mi sono recato al supermercato fino adesso che sono a letto a rimuginare su quello che è (o sarebbe) successo.

IL DUBBIO

Ho passato una notte piena di ripetizioni: mi sono alzato e sono andato in cucina, ho aperto il frigo per cercare qualcosa da bere, sono ritornato a letto per poi rialzarmi e rifare le stesse cose. Niente. Non c’è stato modo per acquietarmi e spegnere la mia sete di risposte alle domande che in rapida successione hanno iniziato a pungolarmi come una spilla su tutto il corpo.

Ricordo perfettamente quello che ho fatto al supermercato, le cose che ho comprato, la spesa che ho prelevato dal carrello e che ho riposto con cura nel bagagliaio della mia macchina. Ho bene impressa ognuna delle azioni che ho compiuto prima di imboccare la strada del ritorno, come la chiave d’accensione con la quale ho fatto partire l’auto al primo colpo e la retromarcia che ho inserito per uscire dal parcheggio.

Poi un tonfo, qualcosa contro cui avrò urtato con la macchina e che mi ha fatto pensare ad una persona per le grida che si sono levate subito dopo l’impatto.

Non ricordo altro. Black-out completo, come se tutto si fosse fermato al momento in cui ho creduto di avere investito qualcuno. Un dubbio che mi ha accompagnato nelle ore a seguire e che ora mi sta lacerando come un rimorso acerbo e incalzante, benché inspiegabile e immotivato. Continua a leggere “IL DUBBIO, di Vittoriano Borrelli”

AMORE MIO, di Vittoriano Borrelli

AMORE MIO, di Vittoriano Borrelli

https://vittorianoborrelli.blogspot.com

Si dice che l’infedeltà sia tipica del genere umano a differenza degli animali (e dei cani in particolare) che invece riescono a sviluppare un legame affettivo costante e duraturo. Siamo per costituzione portati più facilmente a distaccarci dagli affetti o a provarne di nuovi quando quelli che abbiamo non ci soddisfano più.

AMORE MIO

Questo accade soprattutto per incapacità di amare o per bisogno di colmare certe carenze affettive che ci trasciniamo fin dall’infanzia. Eterni scontenti o forse tendenzialmente proiettati a idealizzare l’amore che quello reale o a portata di mano ci appare sempre pieno di difetti.

Non so se la crisi della coppia, oggi sempre più crescente a giudicare dal numero dei divorzi o delle separazioni, sia associabile a questa instabilità affettiva in nome della quale molte persone sono inclini a cambiare partner o a decuplicarli con una serie infinita di tradimenti.

E c’è chi pensa di passarla liscia costruendosi una doppia vita o procurandosi degli stratagemmi più fantasiosi per non essere scoperto.

Per l’infedele incallito, ad esempio, vi sono due paroline magiche che potrebbero toglierlo da ogni imbarazzo: Amore mio. Che si chiami Lucrezia, Ermenegilda o Teresa, o che si chiami  Saverio, Arturo o Tarcisio, meglio sostituirli tutti con un caro ed affettuoso Amore mio. Continua a leggere “AMORE MIO, di Vittoriano Borrelli”

QUANDO NASCE UN ROMANZO, di Vittoriano Borrelli

QUANDO NASCE UN ROMANZO, di Vittoriano Borrelli

https://vittorianoborrelli.blogspot.com

Le fonti d’ispirazione per scrivere un romanzo sono tante, molteplici, talvolta persino ingovernabili. Si parte da un’idea, uno spunto, un pensiero fuggente che si sviluppa strada facendo e che diventa molto spesso qualcosa di diverso rispetto a ciò che lo ha originato.

QUANDO NASCE UN ROMANZO.jpg

Umberto Eco, ad esempio, quando scrisse “Il nome della rosa” non aveva in mente di realizzare un romanzo storico: era partito semplicemente dall’idea di scrivere un giallo-poliziesco fondato su “I delitti dell’abbazia”, titolo originario dell’opera. L’impronta storico-filosofica nacque soltanto durante la narrazione, dopo un anno passato a cestinare centinaia di fogli bianchi.

Percorso simile venne compiuto due secoli prima da Alessandro Manzoni con “I Promessi Sposi”, l’opera più famosa della nostra letteratura, nata dal romanzo iniziale “Fermo e Lucia” per poi svilupparsi in una capillare rappresentazione (e sovrapposizione) delle vicende dei due protagonisti sotto la dominazione spagnola del seicento, che in verità erano speculari e riproduttive di quelle vissute dall’autore durante il dominio austriaco dell’ottocento.

Più travagliato è stato l’iter seguito da Alberto Moravia per scrivere “La vita interiore”: ben sette anni e sette stesure (1971-1978), mentre l’Italia precipitava nel baratro del terrorismo sconfinando nell’esaltazione ideologica della rivoluzione studentesca post-sessantottina. Il deterioramento socio-culturale incarnato dalla giovane protagonista, Desideria, fu uno dei primi esempi del personaggio anti-eroe che si frappone come punto di rottura tra la decadente borghesia pariolina e il comunismo rivoluzionario. Continua a leggere “QUANDO NASCE UN ROMANZO, di Vittoriano Borrelli”

MI BASTANO CINQUE MINUTI, di Vittoriano Borrelli

MI BASTANO CINQUE MINUTI, di Vittoriano Borrelli

https://vittorianoborrelli.blogspot.com

Lidia è la donna dei cinque minuti. In così poco tempo riesce a fare una quantità di cose che a confronto io sono una vera e propria lumaca. Quello che mi sorprende di lei è la contemporaneità delle azioni, tutte compiute al punto giusto e senza alcuna sbavatura.

5 MINUTI

Eccola al telefono che parla con un’amica e nel contempo tirare fuori dal frigo le bistecche appena scongelate, deporle sulla piastra già calda e con un piede aprire la credenza per prelevare, tenendo la cornetta ben ferma tra l’orecchio e la spalla, le spezie e il pane. In mezzo a questi gesti in rapida sequenza si permette persino di sorridermi mentre la osservo affascinato e nello stesso tempo interdetto da cotante acrobazie.

Non sta ferma un minuto. Come adesso che la vedo andare avanti e indietro per il soggiorno, guardare l’orologio e fermarsi al centro della sala con aria pensierosa.

Sono le 13 e 55. Alle due devo essere giù che viene Rosetta per accompagnarmi in ufficio.

Che aspetti allora? Comincia a scendere.

C’è ancora tempo. Possiamo fare l’amore.”

In cinque minuti?”

E che ci vuole? Se sei pronto quanto basta possiamo saltare i preliminari. Lo sai che li trovo inutili e dispendiosi.”

A questo punto è accaduto qualcosa di comico. Nella fretta la lampo dei miei pantaloni si è impigliata negli slip. Lidia tuttofare non si è persa d’animo. Con una forbicina che aveva, guarda caso, a portata di mano, è riuscita a sbrogliare la “matassa” e a tirare giù gli indumenti in un sol colpo procurandomi un breve ma intenso piacere. Il tutto nello spazio di tre minuti e quarantacinque secondi. Continua a leggere “MI BASTANO CINQUE MINUTI, di Vittoriano Borrelli”

IL MIO NOME È NESSUNO, di Vittoriano Borrelli

IL MIO NOME È NESSUNO, di Vittoriano Borrelli

https://vittorianoborrelli.blogspot.com

I tablet e gli smartphone dell’ultima generazione fanno ormai parte delle nostre abitudini quotidiane e sonoaccessori irrinunciabili di ciò che indossiamo. Se ci capita di osservare le persone che ci girano intorno, scopriamo che sono sempre di più quelle intente a parlare al cellulare, a messaggiare o a seguire l’ultima moda del selfie, ovvero l’autoscatto fotografico.

IL MIO NOME E' NESSUNO.jpg

Voglia di visibilità, di sentirsi qualcuno in mezzo a tanta anonimia, sembra essere questa la molla che ha fatto scattare una tendenza sociale sicuramente innovativa e intrigante che ha stimolato non  poco l’interesse di sociologi e psicologi, veri o presunti, del nostro tempo.

Ma qual è il prezzo da pagare e, soprattutto, l’effetto di cotanto protagonismo?

Chi mi segue sa che ho trattato questo argomento in diversi articoli con accenti quasi sempre negativi. Le infinite strade comunicative rese possibili dalle tecnologie del momento, se da un lato hanno accorciato, e di molto, certe distanze un tempo impensabili e irraggiungibili, dall’altro hannovirtualizzato le relazioni sociali creando più solitudine che appartenenza al contesto, più esclusione che inclusione, in una parola, più emarginazione. Continua a leggere “IL MIO NOME È NESSUNO, di Vittoriano Borrelli”

24 AGOSTO, di Miriam Maria Santucci

24 AGOSTO
di Miriam Maria Santucci

Sono tornati dai campi i contadini
ed il bestiame riposa nelle stalle,
in strada giochi allegri di bambini
e in cielo già miriadi di stelle.
Il sogno aleggia lieve su ogni viso,
intorno tutto tace, è notte fonda.
Un tremore di terra e all’improvviso
in un istante tutto si trasforma!
Montagne spaventose di detriti.
Grida intorno a quel poco che resta.
Sogni stritolati mai vissuti.
Boati orrendi, come demoni in festa!

Poesia tratta dalla raccolta “Oltre l’Orizzonte”
© Copyright 2018 – Miriam Maria Santucci
Amatrice 2016: foto di Patrizia Minervini

NON TUTTO SI IMPARA, autocitazione, di Miriam Maria Santucci

 

NON TUTTO SI IMPARA

«La vita dà molto, molto toglie e molto fa imparare. Si impara a perdonare, pur non avendo imparato a dimenticare. Si impara a capire che dentro la mente e il cuore di ogni persona ci sono labirinti in cui è difficile entrare ed ancora più difficile è uscirne, perché l’orgoglio ha ermeticamente chiuso la porta, impedendo ogni possibile fuga, a se stessi e agli altri. Si impara ad accettare la morte, per quanto dolorosa possa essere la perdita di una persona cara, ma difficilmente si riesce a imparare ad accettare il ripudio, perché il ripudio è più devastante della morte.»

Autocitazione tratta dalla raccolta “La Luce dei Pensieri”.
© Copyright 2016 – Miriam Maria Santucci

Clara Raffaele poetessa, si presenta ai lettori di Alessandria today – biografia e due poesie

Clara Raffaele poetessa, si presenta ai lettori di Alessandria today – biografia e due poesie

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia e due poesie della poetessa Clara Raffaele.

FOTO CLARA RAFFAELE.jpeg

Breve biografia di CLARA RAFFAELE

Sono Clara Raffaele nata in provincia di Avellino, ho girovagato con la mia famiglia di origine in diverse regioni d’Italia stabilendomi definitivamente in Torre del Greco

Speaker di radio, appassionata di buona lettura . Ho realizzato tre raccolte i cui titoli sono:

  • “ L’essenza dell’amore”,
  • “ Frammenti”,
  • “ Sotto lo stesso ombrello”.

Declamatrice in diversi eventi poetici, pluripremiata in vari concorsi di poesia e più volte invitata quale giurata in concorsi letterari.

Selvaggia.

La mente

in subbuglio

avvinta

ai tuoi pensieri

il corpo

che freme

accendendo

rituali divini

laddove

il mistero

trafigge di luce

soffitti di noia.

Tace la bocca

selvaggia

sorride alla

resa

si stende

la voglia

assaporando

l’istante

che apre

corolle

di spuma

su perle

bagnate

di Luna.

Clara Raffaele.  Diritti riservati. Continua a leggere “Clara Raffaele poetessa, si presenta ai lettori di Alessandria today – biografia e due poesie”

Urla la fine che pianta germogli, di Letizia Di Cagno

Urla la fine che pianta germogli, di Letizia Di Cagno

Copertina_Di-Cagno (1)

Si può ancora parlare d’amore – così tanto bistrattato in poesia – senza essere solo amore ma biologica sostanza dell’amato? O meglio, si può essere ciò che si ama, non per amare, ma soltanto per essere? Si può dare risposta, prova tangibile (e quindi arte) d’amore, senza passare dalla gabbia stereotipata del sentimentale spicciolo, dunque senza sbranare ma essendo sbranati?

Questo sembra voler provare Letizia di Cagno (Bari, 1998) con la sua opera prima dallo struggente titolo Urla la fine che pianta germogli: ossia decifrare l’amore (e ciò che si ama) attraverso la dispersione del proprio sentimento. Il risultato di tale esperienza, ovvero quello che in questo libro resta al lettore, sono forse soltanto i cocci di un vaso in divenire, e la poetessa, da brava vasaia, lo sa bene, dato che ama il suo stesso invaso, ma anche l’incavo dell’amato, la sua lontananza che è proprio, e a ragione, dentro di lei. Poiché amore, per tutti, è stare da soli in due; amore ovvero sedimento, di una radice che alimenta due alberi.

Questa è l’inversione dell’amore, la propria riconoscenza: un esistere attraverso l’altro e per l’altro, che siamo noi. Condizione nobile ma anche distruttiva, perciò umanissima. E cos’è il poeta, se non il più umano degli amanti, se non il più innamorato dei perdenti? Letizia Di Cagno assimila bene questa lezione, offrendoci una poesia intelligente e sana, giustamente emotiva ma misuratissima, proprio come l’amore vero.
Continua a leggere “Urla la fine che pianta germogli, di Letizia Di Cagno”

La poetessa Patrizia Calzetta si presenta ai lettori di Alessandria today

La poetessa Patrizia Calzetta si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e la silloge “Emozioni Sommerse” della poetessa Patrizia Calzetta

Patrizia Calzetta

Note biografiche

Patrizia Calzetta nasce il 26 marzo 1955 a San Giovanni Incarico, piccolo comune in provincia di Frosinone. Si trasferisce pochi anni dopo a Roma dove tuttora vive. Lavora per 30 anni come segretario parlamentare presso il Parlamento Italiano.

Nell’età giovanile studia con passione e con ottimi risultati il pianoforte, poi gli impegni familiari e di lavoro hanno riempito i suoi giorni in maniera totalizzante e soprattutto soddisfacente.

Quasi per gioco, e sicuramente per curiosità, due anni fa ha provato a scrivere la sua prima poetica, e da allora ha piacere di raccontare le emozioni di donna che osserva, ascolta, vive le sensazioni di quel mondo infinito, profondo, magico, delicato, sorprendente che nessuno mai riuscirà ad esplorare nella sua intierezza, l’universo femminile.

Ha partecipato a concorsi ed eventi di poesia, ricevendo consensi ed attestazioni di merito.

3° classificata Reading poetico Ritorno alle Origini (tra vino, poesia, l’anima è canto) organizzato dall’Associazione I Rumori dell’Anima (febbraio 2017)

Menzione di Merito con lode alla creatività Concorso Nazionale di Poesia e Narrativa dell’Associazione culturale I Rumori dell’Anima ( marzo 2018)

1° classificata Evento  “Parlami d’Amore” del Gruppo Inchiostro e Passione  (febbraio 2019)

1° classificata Evento San Valentino (Lettere d’Amore) del Gruppo SCRIVIAMO (febbraio 2019)

Premio Falanthra, quarto concorso letterario 2019 “Un sogno nel cassetto” (luglio 2019)

Nell’aprile 2019 pubblicata la Silloge “Emozioni Sommerse” Continua a leggere “La poetessa Patrizia Calzetta si presenta ai lettori di Alessandria today”

EMOZIONI SOMMERSE, di Patrizia Calzetta

Emozioni Sommerse silloge

EMOZIONI SOMMERSE, di Patrizia Calzetta

  Aveva voglia d’amore

  la voluttà colava da ogni rima

  l’erotismo dilagava sui fogli bianchi

  arrossiva eccitata mentre scriveva

  aveva bisogno di sentire mani,

  labbra, brividi,

  annusare odori,

  scoprire e condurre giochi nuovi

  tutto era lì nella sua mente

  non poteva chiedere

  così regalava il suo sentire

  sotto mentite spoglie

  solleticava l’immaginazione altrui

  svegliava l’attrazione morbosa

  nascosta nei meandri di ogni mente

  avrebbe voluto farlo così l’amore

  come lei magistralmente lo raccontava

  ma non poteva,

  lei, donna che arrivava da lontano,

  quando spesso il sesso si subiva

  e non si sceglieva

  poteva avere solo emozioni sommerse

©Patrizia Calzetta Continua a leggere “EMOZIONI SOMMERSE, di Patrizia Calzetta”

PAROLE NUOVE di Fiorella Rega – Prefazione di Anna Maria Merola

PAROLE NUOVE di Fiorella Rega – Prefazione di Anna Maria Merola

Se per gioco, al posto di una presentazione, volessi racchiudere in un termine, in un aggettivo che, da solo, con sintesi ardi- ta, definisse per me la poesia di Fiorella, sceglierei: “penetrante”.

Le parole non si limitano mai ad accarezzare l’ascolto, ma ti catturano, ti rapiscono, ti sorprendono. Fluiscono, si muovo- no, e, per dirlo alla maniera dell’autrice, danzano.

Parole nuove

I brani si leggono con scioltezza, non ti bloccano in pas- saggi contorti od oscuri, e poi senti — e lo senti prepotentemente — che “qualcosa” ha toccato, e con forza, almeno una corda del tuo essere. Come “un risveglio”. Da Lei: “[…] lei si destò dal sonno e rise. E cominciò a volare”.

Quando il cuore riprende il suo battito dopo il buio delle notti, dopo il tempo delle attese, è allora che nascono “le parole nuove”.

Le parole sono “nuove” quando riaccendono nel lettore emozioni sopite, quando toccano e fanno risuonare i tasti di un pianoforte stanco e in disuso.

Poesia 1.png

Il nuovo è nelle immagini che riescono ad armonizzare, spesso con audacia, (“Ti ho pensato come nuvole sparse” da Pensieri) elementi all’apparenza dissonanti.

Fiorella coglie l’essenzialità del vivere e riesce a trasfon- derla nei versi con la stessa essenzialità, coniugando la leggerezza con la profondità del sentire, la fede con il quotidiano, l’amo- re con la libertà.

A volte i versi sono brevi e brucianti, altre volte hanno una lenta cadenza antica. E tu scopri che quelle poesie sono vive, palpitano, sussurrano o gridano, danno voce all’essere, ti parla- no dell’eccezionalità del quotidiano, raccontano di una donna, moglie, madre, credente… in cammino. Continua a leggere “PAROLE NUOVE di Fiorella Rega – Prefazione di Anna Maria Merola”

NON TUTTO SI IMPARA, autocitazione, di Miriam Maria Santucci

C. 1 - Non tutto si imparaNON TUTTO SI IMPARA
«La vita dà molto, molto toglie e molto fa imparare. Si impara a perdonare, pur non avendo imparato a dimenticare. Si impara a capire che dentro la mente e il cuore di ogni persona ci sono labirinti in cui è difficile entrare ed ancora più difficile è uscirne, perché l’orgoglio ha ermeticamente chiuso la porta, impedendo ogni possibile fuga, a se stessi e agli altri. Si impara ad accettare la morte, per quanto dolorosa possa essere la perdita di una persona cara, ma difficilmente si riesce a imparare ad accettare il ripudio, perché il ripudio è più devastante della morte.»
(Miriam Maria Santucci)

Autocitazione tratta dalla raccolta “La Luce dei Pensieri”.
© Copyright 2016 – Miriam Maria Santucci

La poetessa Alessandra Solina entra nella redazione di Alessandria today (biografia, pubblicazioni e poesie)

La poetessa Alessandra Solina entra nella redazione di Alessandria today (biografia, pubblicazioni e poesie)

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di annunciare che la poetessa Alessandra Solina è una nuova componente della redazione, pubblichiamo la relativa biografia, le sue opere e tre poesie, ad Alessandra diamo il nostro caldo benvenuto e restiamo in attesa di leggere i suoi futuri post.

alessandra solina foto copia.jpg

Note biografiche

Alessandra Solina è nata e vive a Cecina (LI). Si è laureata in Storia Moderna presso l’Università di Pisa con una tesi sulla Casa delle Malmaritate nella Firenze di epoca moderna. Dal luglio 2017, sotto lo pseudonimo di Mara Consoli, ha iniziato a scrivere poesie. 

Con Aletti Editore ha pubblicato la sua prima silloge poetica “Atomi Sparsi” (2018). Sue poesie sono state selezionate per l’antologia “Elogio alla follia” (Scritti dai finalisti del Concorso “Elogio alla Follia”, Edizioni Divinafollia, 2019).

Suoi componimenti sono stati scelti per l’Antologia “I selezionati, Gli speciali” promossa dagli organizzatori del 24° Concorso di poesia “Ossi di Seppia” (2018).

Un’altra opera compare all’interno dell’antologia “Paesaggi Liberi, contro la violenza sulle donne” (2018), argomento, quello della violenza di genere, che le sta particolarmente a cuore.

Altre fanno parte del volume “La Malattia Invettiva” (I.v.a.n. Project, intro L.Fontanella, 2018).  

Sue poesie sono state scelte per l’antologia “Le Maree della vita” a cura di Izabella Teresa Kostka, Lina Luraschi e Mariateresa Bocca (2017).

Un suo componimento fa parte dell’Antologia “E’ in arrivo Santander a cura dallo scrittore Giuseppe Carta (2018). Alessandra, infine, ha un romanzo nel cassetto che narra storie di rifugiati politici ispirate a fatti di cronaca. Continua a leggere “La poetessa Alessandra Solina entra nella redazione di Alessandria today (biografia, pubblicazioni e poesie)”

La poetessa Santina Gullotto su Alessandria today

La poetessa Santina Gullotto su Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografia della poetessa Santina Gullotto

Santina Gullotto.jpg

Note biografiche dell’autrice
Santina Gullotto
nata 06\12\1953 a Randazzo dove vive ..paese situato nella valle dell’Alcantara, tra i Nebrodi e le pendici verdeggianti etnee. Ho disegnato e realizzato abiti personalizzati soprattutto da cerimonia e da sposa. Amo cucinare, ho rivisitato le vecchie ricette della nonna personalizzandole. Ho l’hobby della pittura, dipingo paesaggi olio su tela e ritratti a matita. Ho scritto poesie, liriche e prose sia in italiano che dialettali, “Vernacolo” un saggio e qualche libro autobiografico. La mia poesia nasce dalla mia vita intensa e piena di non poche sofferenze, che come un fiume in piena mi hanno travolto ma non mi hanno distrutto e la fede in Dio mi ha fatto sempre superare.
Le mie pubblicazioni e premi ….La mia prima pubblicazione è stata con tre poesie, passando la selezione di un concorso “VERSI PER UN TERRITORIO” del la GB editoria Roma
Aderendo a delle iniziative editoriali ho partecipato alla realizzazione di antologie come “ATTIMI” “Poeti contemporanei” della casa editrice “PAGINE” della stessa, sono state pubblicate diverse poesie tra gli otto Poeti scelti dallo scrittore “ELIO PECORA” sulla rivista mensile “POETI E POESIA”
Con ALETTI EDITORE ho pubblicato per selezione delle poesie per diversi volumi autori vari …
Ho partecipato alla realizzazione di una trilogia “CIO CHE CAINO NON SA” con poesie e brani …per la sensibilizzazione della lotta contro la violenza sulla donna ma anche in generale.
La poesia “MI RIFUGIO NEL SILENZIO” premiata con targa d’argento e pubblicata sull’antologia “ALDA NEL CUORE” nell’omonimo concorso con la Casa editrice URSINI EDIZIONI
La poesia “IN OGNI DOVE” Vince il primo premio assoluto nel concorso Premio nazionale “OASI” MOTTA S. ANASTASIA. .. nello stesso concorso per la poesia dialettale il premio speciale poesia “STU NOSRU MARI”
Ho pubblicato sei sillogi di poesie in lingua italiana un libro di dialettali “Vernacolo”e tre libri di narrativa… un libro di favole e aforismi.
2018 Premio Mediterraneo Oasy VI edizione con la poesia “GUARDANNU ATTORNU”
Premio Arte e poesie con la poesia “VA COL PENSIERO” 2018 PREMIO POESIA CASTELLI DI VERSI CON LA POESIA “CHE NE SAI” Omnia Arte Eventi…ultima pubblicazione “NUVOLE DI POESIA”
Il 4 Maggio la poesia” Avanza il vento ” riceve il secondo premio nel concorso Umberto II Dalle guardie d’onore del Panteon
Continua a leggere “La poetessa Santina Gullotto su Alessandria today”

GIUSY CALIGARI – A VELE SPIEGATE

GIUSY CALIGARI – A VELE SPIEGATE

Una silloge poetica …

A VELE SPIEGATE scivola sulle acque di un mare infinito di emozioni il cui orizzonte sembra sempre più irraggiungibile.

51SuplPBr5L._SX331_BO1,204,203,200_.jpg

Nella quarta d copertina si legge:

Il viaggio nei mari delle emozioni e della vita prosegue in questa nuova silloge poetica diGiusy Caligari.

L’autrice è solita portarci con lei, tenendoci per mano, stringendoci al cuore, catturando la nostra attenzione proponendo nella sua poesia i temi che le girano intorno socialmente, storicamente.

Lo fa con penna leggera ma con punta affilata e a volte ci lascia attoniti di fronte ad un verso che racchiude quel non detto di tutta una vita.

A vele spiegate senza timore di nuove tempeste, di nuove emozioni, di nuove cause da abbracciare, sostenere. 

Veleggiare verso orizzonti lontani e sempre da superare, trovare il vento quello che permette di cavalcare i mari in tempesta, o la bonaccia per ritemprare lo spirito.

Ancora tanto mare, ancora movimenti di onde che trasformano i sentimenti in parole, in parole che dipingono paesaggi, in paesaggi mutevoli ma sempre ripetibili nell’avvicendarsi del tempo, dei tempi. Continua a leggere “GIUSY CALIGARI – A VELE SPIEGATE”

La poetessa Luana Minato si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)

La poetessa Luana Minato si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e le poesie della poetessa Luana Minato.

Luana Minato  copia.jpg

Note biografiche

Minato Luana, nata a Sassari, trascorre diversi anni della sua infanzia in Sudamerica, vivendo in diverse città colombiane. Si traferisce in Italia definitivamente negli anni ottanta. Compie studi umanistici, conseguendo la laurea in Lettere Moderne. Nel 2009 consegue il titolo di Dottorato in Letteratura italiana moderna e contemporanea alla Sorbonne Nouvelle, Parigi.

Poesie e pubblicazioni:

Nel 2016 pubblica otto poesie : Il Mare, Cagliari, A mia figlia, Papà, Frammenti, Nel silenzio della notte, Tempore, Il Perdono nella Collana Navigare, edizioni Pagine, n. 50, 2016. Tutte anche in versione audiolibro. A mia figlia e Cagliari sono presenti anche su You tube.

Da allora ha continuato a scrivere, partecipando a diversi concorsi letterari in occasione dei quali alcune poesie sono risultate finaliste e altre vincitrici di premi e pubblicate in antologie.

Nel 2019 pubblica con la casa editrice Terra d’ulivi edizioni di Lecce una breve raccolta di poesie intitolata “Sono io in ogni forma”.

Con la stessa casa editrice ha pubblicato anche due racconti De profundis e La Tarantola, selezionati e inseriti nell’antologia “Schegge e frammenti”, Terra d’ulivi edizioni, 2019.

attrazione tumblr_be93718bbff7d453091b48ac06520580_0d1c1c26_640 copia.jpg

Momenti di poesia. Attrazione lunare, di Luana Minato

Il mare lo sento la notte

complice il vento

Srotola sulla riva e poi

si ritrae

Vorrei seguirlo

in questo suo andare e venire

Non lascia spazio

ai pensieri

Forse la sua voce

è solo un richiamo

Lo ascolto

quando urla impetuoso

Soffre anche lui

come un cuore straziato

Vorrebbe arrivare alla luna

innalzando la cresta dell’onda

Sfiorarla

con una dolce carezza

A volte gli basta soltanto

vedere la luna riflessa

Poi ritira le acque

nel suo immenso giaciglio

Sogna sempre di avvolgerla

in un tenero abbraccio Continua a leggere “La poetessa Luana Minato si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)”

Elisabetta Bagli, scrittrice e poetessa si presenta ai lettori di Alessandria today

Elisabetta Bagli, scrittrice e poetessa si presenta ai lettori di Alessandria today

Alessandria today è lieta di presentare la biografia della scrittrice e poetessaElisabetta Bagli, della quale in seguito pubblicheremo ance un intervista in esclusiva per il blog.

Elisabetta Bagli copia

Sintesi Biografica di Elisabetta Bagli

Elisabetta Bagli è nata a Roma e vive a Madrid dal 2002. È laureata in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Dopo aver lavorato come professoressa di italiano per stranieri nell’Accademia Booklane di Madrid, ora da lezioni private d’italiano, è traduttrice ed editor freelance.

È Socia Onoraria della International University of Peace, sempre con sede a Lugano. È Socia Onoraria dell’Associazione Culturale L’Oceano nell’anima di Bari. Dal 31 ottobre 2016 è Accademica dell’Accademia Internazionale Il Convivio di Castiglione di Sicilia. È membro di EWWA, la European Writing Women Association. È stata Ambasciatrice Culturale dell’Universum Academy Spagnadall’ottobre 2014 al marzo 2018, in rappresentanza in terra iberica della Universum Academy Switzerland, con sede a Lugano. È stata Vicepresidente dell’APS Il Mondo dello scrittore Network da marzo 2016 a marzo 2017. 

Ha collaborato con la casa editrice David and Matthaus come Direttrice delle collane editoriali Castalide e LiberArte, da dicembre 2012 fino ad aprile 2014. Continua a leggere “Elisabetta Bagli, scrittrice e poetessa si presenta ai lettori di Alessandria today”

Intervista a Tania Scavolini a cura di Izabella Teresa Kostka

by izabella teresa kostka, https://versospazioletterarioindipendente.wordpress.com

1.I.T.K.: Carissima Tania, è un piacere ospitarTi sulle pagine del VERSO – SPAZIO LETTERARIO INDIPENDENTE.
Sei un’ artista poliedrica ed eclettica, ti trovi a tuo agio sia generando intensi e scaltri versi poetici, sia dipingendo o disegnando con successo. Qual è il significato dell’arte per Te? Ti senti realizzata oppure sei alla ricerca infinita di un impeccabile e personalizzato linguaggio artistico?

T.S.: Cara Izabella è un grande piacere anche per me essere ospitata sulle pagine del “Verso” e ti ringrazio dell’intervista. Sono effettivamente una persona poliedrica, con tanti interessi in diverse forme artistiche. In qualità di artista, sento di poter offrire il mio contributo con il personale bagaglio di esperienza nella poesia e nella pittura, ma sono anche un’amante, come semplice spettatrice, di altre forme artistiche quali la scultura, la fotografia, il cinema, la musica e il teatro. L’arte secondo me è l’espressione massima dell’Io dell’artista, che può estrinsecare la sua interiorità o anche ciò che la sua personale lente può osservare del mondo circostante portandola, attraverso la sua espressività, ad essere oggetto di fruizione a vantaggio di tutti. L’arte in questo modo diventa universale.
Sono sempre in continua ricerca per soddisfare un’esigenza personale di miglioramento dello stile per quanto riguarda la poesia, e delle tecniche pittoriche per quanto riguarda la pittura. In poesia, l’esigenza di creare un buon livello stilistico mi rende soddisfatta, ma ritengo non sia sufficiente. Dico spesso che la poesia non è un’equazione matematica il cui risultato è il componimento perfetto, dico anzi che deve piacere, toccando determinate corde empatiche. Questo succede solo quando i versi sono veicolo di trasmissione di stati d’animo emozionali che viaggiano fino al cuore del lettore. Quando ciò accade mi sento veramente realizzata.
Continua a leggere “Intervista a Tania Scavolini a cura di Izabella Teresa Kostka”

Cipriano Gentilino poeta e psichiatra, entra nella redazione di Alessandria today (biografie e tre poesie)

Cipriano Gentilino poeta e psichiatra entra nella redazione di Alessandria today (biografie e tre poesie)

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è molto lieta di comunicare ai lettori del blog che il poeta e psichiatra Cipriano Gentilino è entrato a fare parte della nostra redazione, in attesa di leggere i suoi post (alcuni già pubblicati da me in passato) gli porgo anche a nome di tutti i componenti della redazione il benvenuto. A seguire la sua biografia e alcune poesie.

Gentilino Cipriano copia.jpg

Note Biografiche

Cipriano Gentilino, nato a Erice nel 1953, dopo gli studi classici si laurea in Medicina e si specializza in Psichiatria. 

Responsabile di un  Centro di Salute Mentale si occupa a Mondovì e Ceva di riabilitazione psicosociale di persone sofferenti di psicosi, di psicoterapia gruppoanalitica e ipnositerapeutica.

Scrivere poesia è già un interesse giovanile e diventa  una passione e un impegno una volta libero da impegni istituzionali. 

Interessato a tematiche sociali ed introspettive ha pubblicato due e- book ” Pareidolie ” su Amazon e  “Facciamo due passi incauti” a cura del poeta Flavio Almerighi. 

Ha in corso di pubblicazione una silloge di poesie con Oedipus.

Gestisce un blog di poesia su WordPress:

https://ciprianogentilinonuccio.wordpress.com/

 

notre dame

di GENTILINO CIPRIANO

cercano madri

le ceneri delle streghe

rinate dai patiboli accatastati,

le carni troppo benedette

nel retrobottega degli altari,

le ultime bolle prima

dei fondali torbidi,

con le mie anime folli

anche io mi aspetto

tra le acque rotte di mia madre

ora che diluvia

Cipriano Gentilino Ⓒ 2017-2019 Continua a leggere “Cipriano Gentilino poeta e psichiatra, entra nella redazione di Alessandria today (biografie e tre poesie)”

CHISSÀ, di Cipriano Gentilino

Chissà dove andranno i sentieri persi

alle rotonde inverse delle terre incolte

ora che è chiuso per lavori in corso

il nostro frammento di cielo ambiguo,

 

chissà se le api tenteranno messe

votive alle corolle rammaricate e il

ragno rosso nostalgico bucherà la

tela per le ultime lucciole sfuggite

al rancore degli ossimori rancorosi,

 

chissà se i papaveri tremuli di pudore

ameranno campi di lavanda diffidente

e se i gatti ci riconosceranno ancora

quando un briciolo di cielo curioso

ci rivedrà.

 

Ⓒ Cipriano Gentilino copyright 2017-19 Legge 22 Aprile 1941 n.633, Capo IV, Sezione II, e s.m.l.

Foto dall’web : L’attesa di Sandra Migliorini

 

 

La poetessa salernitana Fiorella Rega si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)

La poetessa salernitana Fiorella Rega si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e le poesie della poetessa salernitana Fiorella Rega.

Fiorella Rega copia.png

Note biografiche

Carmen Rega, in arte Fiorella Rega, è nata a Salerno e vive a Mercato S. Severino (SA). Dopo gli studi classici, ha conseguito la laurea con lode in sociologia all’Università degli Studi di Salerno. Nel novembre del 2018, ha pubblicato la sua prima silloge poetica, Parole Nuove (Paguro Edizioni), con la quale ha ottenuto numerosi riconoscimenti, fra cui la menzione speciale della giuria al Premio Internazionale “Giglio Blu di Firenze” 2019 e la menzione di merito e l’inserimento nell’antologia “Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti” 2018.

Scrive sulla rivista letteraria internazionale “Fiorisce un Cenacolo”. È stata presidente di giuria alla Prima Edizione del “Premio Artistico Letterario San Vincenzo Ferrer” 2019. Per la narrativa, è autrice del racconto breve L’arte di ascoltare pubblicato nel libro Lettere da

Babbo Natale e regali indimenticabili (Paguro Edizioni, 2019). Conduce seminari sulla poesia nelle scuole di ogni ordine e grado sul suo territorio. Attualmente è impegnata nella stesura di una nuova silloge poetica, la cui pubblicazione è prevista per dicembre 2019.

OBLIO

Nulla è più vicino al cuore

del dolore.

Colate di cielo nero

a radicare i piedi:

ogni passo è fermo.

La strada della notte allarga

le sue scure braccia.

È inutile mordere istanti

dalle ali spezzate.

Andare oltre le scelte

è la scommessa

dopo l’oblio di giorni confinati

Continua a leggere “La poetessa salernitana Fiorella Rega si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)”

IL DUBBIO, di vittoriano borrelli

IL DUBBIO, di vittoriano borrelli

Da qualche giorno sono assalito dal dubbio di avere ammazzato qualcuno. Esattamente da trentasette ore e quarantacinque minuti, il tempo trascorso da quando mi sono recato al supermercato fino adesso che sono a lettoa rimuginare su quello che è (o sarebbe) successo.

IL DUBBIO.jpg

Ho passato una notte piena di ripetizioni: mi sono alzato e sono andato in cucina, ho aperto il frigo per cercare qualcosa da bere, sono ritornato a letto per poi rialzarmi e rifare le stesse cose. Niente. Non c’è stato modo per acquietarmi e spegnere la mia sete di risposte alle domande che in rapida successione hanno iniziato a pungolarmi come una spillasu tutto il corpo.

Ricordo perfettamente quello che ho fatto al supermercato, le cose che ho comprato, la spesa che ho prelevato dal carrello e che ho riposto con cura nel bagagliaiodella mia macchina. Ho bene impressa ognuna delle azioni che ho compiuto prima di imboccare la strada del ritorno, come la chiave d’accensione con la quale ho fatto partire l’auto al primo colpo e la retromarcia che ho inserito per uscire dal parcheggio.

Poi un tonfo, qualcosa contro cui avrò urtato con la macchina e che mi ha fatto pensare ad una persona per le grida che si sono levate subito dopo l’impatto. Continua a leggere “IL DUBBIO, di vittoriano borrelli”

Esordio letterario della poetessa RITA FULVIA FAZIO, di Lia Tommi

NOVITA’ EDITORIALE: Esordio letterario della poetessa RITA FULVIA FAZIO con il volume Metamorfosi e sublimazioni, con prefazione di ENZO CONCARDI edito GUIDO MIANO EDITORE, nella Collana Poesia Elegiaca dei Maestri Italiani dal ‘900 ad oggi.

E’ uscito in questi giorni Metamorfosi e sublimazioni, opera prima di Rita Fulvia Fazio , una scelta dei suoi testi poetici più significativi. Il volume porta la prefazione del noto critico e poeta Enzo Concardi e un giudizio critico di Nazario Pardini.
Alla sua prima prova editoriale, la poetessa Rita Fulvia Fazio si presenta già con significative ‘credenziali’ critiche che ne avvalorano lo spessore poetico, sottolineando la profondità, la complessità e gli specchi d’anima della sua sensibilità lirica: “… Tanta spiritualità in questa silloge, tanta polisemica attrazione, tanta pluralità di voci che chiama alla meditazione sull’essere e l’esistere, tempo, memoria, saudade, nostos, vita. … Tanti interrogativi che l’uomo si pone sulla sua condizione di anima vagante; tanti perché irrisolti e irrisolvibili per noi legati alla terra con lo sguardo rivolto al cielo…” (Nazario Pardini).
Scrive Enzo Concardi nella prefazione: “è indubbio che la poetica della nostra autrice è impostata spesso sulla dinamica significato-significante, ovvero espressioni che rimandano a contenuti da dipanare attraverso l’ermeneutica; su ambivalenze che la rendono, in senso lato, ermetica e criptica, caratteristica che però conferisce fascino ad un verseggiare sovente altalenante tra il piano della realtà e quello onirico; su giochi di parole, rime e ritmi inseriti appositamente per vivacizzare “l’andante con moto” delle scansioni, che è il movimento da lei preferito; ed ancora su un linguaggio che non disdegna d’essere anche esoterico, cifra che induce il lettore ad inseguirla nella cerchia degli iniziati o ad accettare di restare nel mistero.
Nella dichiarazione d’amore alla natura è invece diretta e sorprende questo stacco netto comunicativo del suo sentire interiore: “La natura è / spettacolare ed è / nutrimento alle / nostre emozioni / e l’immaginazione / ci restituisce / il ritmo / per viverle. / Per me è / poesia / e lì c’è tutta la mia vita / e mi commuove pensarlo. / E piango / di gioia e di bellezza / nell’espressione del dolore / che è vita e plauso.” (Ritmo tra sogno e realtà).
Esordio letterario, dunque, di notevole impegno con una poesia ispirata a diversi motivi tra loro intrecciati: da quelli della condizione umana a quelli degli amorosi sensi, fino allo scavo nell’io alla ricerca del senso del tempo.

RITA FULVIA FAZIO, METAMORFOSI E SUBLIMAZIONI, prefazione di ENZO CONCARDI nella collana Poesia elegiaca dei Maestri italiani dal ‘900 ad oggi, Guido Miano Editore – Milano , pag 80, Euro 18,00.
GUIDO MIANO EDITORE – VIA EMANUELE FILIBERTO 12 – 20149 MILANO

La Luce dei Pensieri, di Miriam Maria Santucci

La Luce dei Pensieri, di Miriam Maria Santucci

“Ogni tanto fermiamoci a riflettere: la natura ha le sue leggi!”

La luce 1La luce 2

“Ancora una volta, miei miei pensieri, si è accesa una luce accompagnata da mille ricordi e dal desiderio di raccontare, sia in versi che sotto forma di brevi “citazioni”, ciò che mi circonda e vedo accadere in questo mondo, sempre più controverso e travagliato, cercando di trasmettere sentimenti d’amore e di fratellanza affinchè non venga mai a spegnersi nei cuori la luce e della speranza”

Miriam

CONFIDARE di ANTONIA POZZI, recensione di Elvio Bombonato

CONFIDARE di ANTONIA POZZI, recensione di Elvio Bombonato

Ho tanta fede in te. Mi sembra
che saprei aspettare la tua voce
in silenzio, per secoli
di oscurità.                                                                                                                                                                  

Tu sai tutti i segreti,
come il sole:
potresti far fiorire
i gerani e la zàgara selvaggia
sul fondo delle cave
di pietra, delle prigioni
leggendarie.

Ho tanta fede in te. Son quieta
come l’arabo avvolto
nel barracano bianco,
che ascolta Dio maturargli
l’orzo intorno alla casa.

2 antoniapozzi_25novembre_donne-e1458412762622

8 dicembre 1934

Il Tu della lirica potrebbe essere un fidanzato immaginario, oppure il prof. Cervi, di cui era platonicamente innamorata, il quale proprio l’anno prima l’aveva definitivamente lasciata. La Pozzi ha 22 anni.  La poesia è una dichiarazione d’amore, con il sintagma “Ho tanta fede in te“ in parallelismo/ripresa nella 1a e nella 3a strofa.  “La purezza del suono e la nettezza dell’immagine il suo dono naturale” “Anima di eccezionale purezza e sensibilità, la Pozzi si fa prendere dall’onda sonora delle sensazioni, che riduce al minimo il peso delle parole” (Montale).  Il potere dell’innamorato, nell’immaginazione, appare iperbolico, vedi  l’adynaton dei vv. 7/11.  Memorabile la similitudine finale dell’arabo  avvolto nel suo barracano,  con transitivo straniante del verbo maturare (Laura Barile).  Versi liberi non rimati, con prevalenza di settenari ed endecasillabi.  Allitterazione della T nella 1° strofa, della G nella 2a, e soprattutto l’intensificarsi della luminosa aperta A, nei vv. 13/16.

foto: http://www.barbadillo.it

RICONGIUNGIMENTO di ANTONIA  POZZI, recensione di Elvio Bombonato

RICONGIUNGIMENTO di ANTONIA  POZZI, recensione di Elvio Bombonato

Se io capissi
quel che vuol dire
– non vederti più –
credo che la mia vita
qui – finirebbe.

Ma per me la terra
è soltanto la zolla che calpesto
e l’altra
che calpesti tu:
il resto
è aria
in cui – zattere sciolte – navighiamo
a incontrarci.

Nel cielo limpido infatti
sorgono a volte piccole nubi,
fili di lana
o piume – distanti –
e chi guarda di lì a pochi istanti
vede una nuvola sola
che si allontana.

1 antonia pozzi

17 settembre 1933

La capacità della Pozzi, appena 21enne, di metaforizzare è sublime.  Oggetti umili (sulla scia di Pascoli e dei crepuscolari), si travestono da simboli della sua e nostra condizione umana.  Immagini concrete e visive divengono visionarie, correlativi oggettivi del suo stato d’animo: “la zolla” calpestata insieme; le “zattere sciolte”, suprema; le nuvole  “fili di lana o piume” fino alla “nuvola sola”: loro due insieme.  Tre strofe, con 20 versi piani: dai ternari agli endecasillabi; sintassi sintetica, fino ai versicoli ungarettiani, mentre gli enjembements e i trattini (alla Dickinson) spezzano le frasi.

foto: https://www.libriantichionline.com

CANZONIERE PRIVATO, di Francesco Ferracuti

CANZONIERE PRIVATO, di Francesco Ferracuti

Alle Donne nella mia vita

Canzoniere Privato di Francesco Ferarcuti.png

Prefazione

Quando l’autore di questi testi ci dice che si tratta di canzoni – di testi di canzoni – va preso alla lettera. Non importa che siano già stati musicati o meno: questi brani si “sentono”, sono tracce di album. O attendono di diventarlo. Fate attenzione alle scelte metriche. Occhio alle rime. Riuscite a sentire l’accompagnamento? Prende forma quasi da solo. La loro musicalità viene tutta da lì.

Non è solo una questione di scelte tecniche. Dobbiamo prenderlo alla lettera, l’autore, anche perché la forma canzone gli è necessaria. Non poteva dire quello che dice in nessun altro modo. E che dice? Be’, molte cose, ma principalmente tre. Ascolta. Rallenta. Avvicinati. E le dice prima di tutto a se stesso.

La forza di questo invito (la sua sincerità?) è il risultato di un lavoro di sottrazione. Non del tipo che rende secco e tagliente il linguaggio, ma dell’altro tipo: di quello che smussa, arrotonda, abbassa la voce. Toglie di mezzo tutto ciò che di troppo. L’inutilmente complesso, il retorico.

Lo stile è piano, e il linguaggio è semplice: è quello della canzone. Perché solo così poteva essere.

Simone Tosoni (Professore associato in Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

AUTORE: Francesco Ferracuti  TITOLO: Canzoniere privato © 2019 – Controluna ISBN: 9788885791756 PAGINE: 112 p. PREZZO: 11,90

Francesco Ferracuti.jpg

BIOGRAFIA

Francesco Ferracuti, nato a Fermo, nelle Marche, dopo la laurea in Storia dell’arte contemporanea sceglie di dedicarsi alla carriera d’insegnante nella scuola dell’infanzia. Dalla passione per la musica, unita a quella per la cultura giapponese, nasce il gusto di componimenti brevi e la stesura di testi di canzoni, alcuni dei quali eseguiti e incisi.

Percorsi dell’Anima, di Antonino Schiera – Europa Edizioni (2013)

Percorsi dell’Anima  di Antonino Schiera – Europa Edizioni (2013)

Prefazione di Flavia Weisghizzi

Percorsi dell’anima, Aforismi, Dediche d’amore. Questi i titoli delle tre sezioni che compongono la silloge che qui ci presenta per la prima volta Antonino Schiera, una raccolta fortemente centrata sull’introspezione, sullo sguardo interiore. Le tre sezioni sono come pietre miliari di questo percorso, permetteranno, a chi si addentrerà nella lettura di questa raccolta, di stabilire un contatto intimo e profondo con i sentimenti, le emozioni e le esperienze dell’autore, riuscendo, tassello dopo tassello, a comporre un variopinto mosaico ricco di dettagli e di vita.

Percosrdi dell'anima copia

Le tre distinte aree tematiche con le quali l’autore scandisce il suo viaggio sono ben lontane dallo spezzare la lettura e l’omogeneità della silloge, ma anzi rafforzano e caratterizzano l’idea di antologia, offrendo un punto di vista privilegiato, un ulteriore indizio per poter comprendere appieno il messaggio che ci vuole consegnare.

Leggi anche: https://alessandria.today/2019/08/29/il-poeta-e-scrittore-siciliano-antonino-schiera-si-presenta-ai-lettori-di-alessandria-today-biografia-e-opere/

Leggi anche: https://alessandria.today/2019/08/29/frammenti-di-colore-di-antonino-schiera-la-gru-edizioni-2016/

È infatti la sua vita, quella che si sviluppa dentro e fuori di sé, ad essere rappresentata, mostrando e quasi analizzando il misterioso fluire che unisce ambiente e sentimenti in un continuum indissolubile, in cui la quotidianità si riflette nell’interno del sentire e viceversa, confondendo così cause ed effetti, origini e punti d’arrivo. lande sconfinate, praterie e steppe rilucevano nei tuoi magnifici occhi un fiore delicato e forte insieme, decise di spuntare dalla fredda Terra col pensiero immagino di donarlo a te, donna misteriosa venuta da tanto lontano la Luna può specchiarsi sul mare o gettare la sua luce sulla terra 10 ma i sentimenti sono universali sudore, fatica, riposo, serenità occhi intrisi di felicità e di gioia ma anche di nostalgiche sensazioni e di memorie sopite dal tempo percezioni e pensieri addolciti da un incontro, da uno sguardo pieno di tenera tristezza (Lande) Certamente è l’amore al centro di questa silloge, l’amore vissuto e raccontato come una continua ricerca, come uno Streben, una tensione imprescindibile sebbene dolorosa. Continua a leggere “Percorsi dell’Anima, di Antonino Schiera – Europa Edizioni (2013)”

Frammenti di colore, di Antonino Schiera – La Gru Edizioni (2016)

Frammenti di colore di Antonino Schiera – La Gru Edizioni (2016)

Prefazione di Carmine Papa

Sono particolarmente emozionato di essere stato designato a comporre una prefazione a un testo poetico che nasce, quindi appartiene, da una  persona di certa onestà, di parola e di profonda sensibilità umana come il poeta, ma anche narratore, collaboratore giornalistico e quant’altro fa parte dello scrivere, Antonino Schiera.

Frammenti di colore copia.jpg

L’invito di sottoporre a una mia disamina su questo secondo lavoro letterario FRAMMENTI DI COLORE, “guida per gli spinosi sentieri dell’anima”, è frutto di un confronto culturale-poetico, di una conversazione fra due autori di liriche, Antonino Schiera ed il sottoscritto, che ha suscitato una stima culturale reciproca.

A dire del poeta Schiera, tutto è colore, la vita è colore, i sentimenti, sono colore, in tutto c’è il colore con le sue sfumature. Il nostro essere e non essere, oltre di noi che ci accompagna lungo l’asse della vita è tinteggiato di colore.

Leggi anche: https://alessandria.today/2019/08/29/il-poeta-e-scrittore-siciliano-antonino-schiera-si-presenta-ai-lettori-di-alessandria-today-biografia-e-opere/

Leggi anche: https://alessandria.today/2019/08/29/percorsi-dellanima-di-antonino-schiera-europa-edizioni-2013/

Questa antologia di poesie di Antonino Schiera vuole essere una versione multicolore della profonda poetica del suo sensibile animo. Ora, se la sua prima pubblicazione poetica “Percorsi dell’Anima”, metaforicamente rappresenta la vita come fosse un fiume che attraversava il territorio del suo ES, la sua prima istanza mentale, il fiume, ora viene fatto straripare, in questo secondo libro, portando alla luce del reale, il suo IO, la seconda istanza  mentale. Con queste inedite poesie “Frammenti di Colore”, una sorta di diario della sua vita, porta a conoscenza gli eventi della sua vita, in modo da mostrare, a chi legge, un nuovo cambiamento.

Da mortificata crisalide a gioiosa farfalla, ovvero una trasformazione che diventa  un ponte, tra la consapevolezza di quello che ha subito ed il presente nel quale libera la sua  forza interiore che lo ha condotto  all’illuminazione del pensiero. Si avverte negli scritti di Antonino Schiera, il battito del cuore accelerato sulla scacchiera poetica e la bravura che sta nell’agitare le parole quotidiane piuttosto che inserire parole mai sentite. Continua a leggere “Frammenti di colore, di Antonino Schiera – La Gru Edizioni (2016)”

Il poeta e scrittore siciliano Antonino Schiera si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e opere)

Il poeta e scrittore siciliano Antonino Schiera si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e opere)

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia e le opere del poeta e scrittore siciliano Antonino Schiera.

Antonino Schiera copia.png

Biografia dell’autore

Antonino Schiera nasce a Palermo, nel mese di marzo del 1966. Poeta, narratore, aforista. Ha collaborato con il Giornale di Sicilia, L’Ora, ReportOnLine, Il Millionaire, Giornale Cittadino Press. Attualmente Blogger su WordPress (Riflessioni d’Autore antoninoschiera.blog).

Di professione consulente assicurativo. Nel 2013 esordisce con la raccolta di poesie, aforismi e dediche d’amore Percorsi dell’Anima (Europa Edizioni). Nel 2105 pubblica due brevi storie: Moderno emigrante e Natale a Trieste, all’interno della raccolta di autori vari Natale 2015 (Società Editrice Montecovello), con finalità benefiche.

Leggi anche: https://alessandria.today/2019/08/29/percorsi-dellanima-di-antonino-schiera-europa-edizioni-2013/

Leggi anche: https://alessandria.today/2019/08/29/frammenti-di-colore-di-antonino-schiera-la-gru-edizioni-2016/

Le due opere hanno ricevuto a Roma, la menzione d’onore al concorso organizzato dalla stessa casa editrice. Nel 2016 pubblica la sua seconda raccolta di poesie Frammenti di colore (Edizioni La Gru) risultata finalista nella sezione poesie del II Premio Letterario Giornalistico “Piersanti Mattarella”.

Nel 2017 la poesia Nel margine del tuo universo si è classificata seconda al Premio Nazionale di Cultura Isola di Pino Fortini. Nell’anno 2018 è ideatore, promotore e moderatore dell’evento estivo poetico e musicale Calici di poesie a Isnello con il Patrocinio del Comune e della Biblioteca di Isnello.

Esperto di marketing e comunicazione, coniuga l’amore per la poesia e la curiosità per ciò che lo circonda, utilizzando la parola come un ponte che può unire mondi che ancora non si conoscono.

La poetessa Helena Malachová  si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)

La poetessa Helena Malachová  si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la poetessa Helena Malachová e alcune sue poesie, come conseguenza delle sue vicissitudini Helena definisce la sua poesia “autoterapia dell’anima”.

Helena Malachova.jpg

Note biografiche

Sono nata a Brno (Cecoslovacchia) il 10. 6.1974.

Lavoro come traduttrice e interprete. 

Ho iniziato a scrivere alla soglia dei 40 anni, in seguito ad un evento traumatico della mia vita. È per questo che mi piace definire la mia poesia (anche) “autoterapia dell’anima”.

Oggi la scrittura è un’attività quotidiana. La contemplazione del mondo, un’indagine interiore, una passeggiata onirica oppure un grido di battaglia in una guerra magnificamente persa. Helena Malachová 

Poesie:

mi sono

Mi sono esibita in mille danze
Tentato i numeri da contorsionista
Fatto cadere veli su veli
Ho spedito biglietti gratis
sempre allo stesso indirizzo
Sono stanca adesso
Il circo non fa per me
Le lacrime di pagliaccio
sono le più tristi

Helena Malachova Continua a leggere “La poetessa Helena Malachová  si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)”