ANGOLO DI POESIA: TANIA DI MALTA – intrecci amorosi oppure terminali?

(by I.T.Kostka)

Oggi, in occasione della Festa degli Innamorati, sarebbe assai scontato parlare d’amore nel modo tradizionale. Cuoricini, palloncini ma… dov’è la vera essenza del sentimento? Frizzante o squarciante, piccante o melenso, infantile o maturo, vero o fasullo: l’amore è come gli scatti di un cortometraggio e riesce a sorprenderci sempre, come la talentuosa e scintillante poetessa Tania Di Malta, un’ autrice appartenente da poco alla corrente del Realismo Terminale, poliedrica e coinvolgente, intensa e scherzosa. Tania è capace di usare la sua penna come un pennello, dipingendo sui nostri volti sia sorrisi che stupore. Semplicemente perfetta! Buona lettura.

ARTURO

Arturo mio ti amo ancora,
il ricordo di te è una ferita,
una soluzione di continuo
che continua, continua…
Una vite spanata
su un bullone arrugginito.
Scaglie di mandorle e torrone
frantumate dal martello della vita.
Eri camino e canna fumaria
treno e locomotiva
pane e tostapane
bistecca e graticola,
pisello e baccello.
Eri il mio Colombo,
mentre tu… la Nina, la Pinta e la Santa Maria…
Arturo eri tutto per me:
Eppure mi hai lasciata!!!

IL CAPPELLO

Scusa caro pigolai
ti ho comprato un bel cappello
caruccio a dire il vero,
ma per te ogni cosa, amore.
Mi guardasti un po’ freddino
tu che non amavi le burlone,
a te la donna piaceva asciutta
con scudiscio nello sguardo.
E gli anni son passati
oggi di me saresti fiero:
vedessi che marescialla,
che piglio battagliero.
Ogni tanto metto il cappello,
che alla fine non ti ho dato
e in ricordo di come ero
scuoto le orecchie… e ti penso.

L’ADDIO

Se non avessi smagliato le calze
forse tu mi ameresti ancora,
e invece rimasi li con i miei alluci
a fare ciao ciao dalle pantofole.

Tania Di Malta

Tutti i diritti riservati all’autrice

RITRATTI: ELISA LONGO – poetessa e performer tutta da scoprire

(by I.T.Kostka)

Una rivelazione della Maratona Poetica del Piccolo (ma Grande) Museo della Poesia a Piacenza: Elisa Longo. Una poetessa di grande originalità e carisma, apprezzata durante numerosi Poetry Slam e performance sul territorio nazionale. I suoi libri d’esordio in formato ebook si trovano in cima alle classifiche della piattaforma digitale Amazon. Una donna sensibile e intelligente, creativa e sorprendente come anche i suoi novativi versi. Oggi tra gli ospiti della testata giornalistica online “Alessandria Today”!

• BIOGRAFIA

Elisa Longo nasce a Tradate (Va) il 14 maggio 1974 da genitori pugliesi. Cresce e respira l’aria di Panni, un paesino a 801 m.s.l.m del Subappennino Dauno. Si laurea in lingue e letterature straniere all’ Università Cattolica di Milano. Lavora come correttrice di bozze ed editor per case editrici medio piccole e collabora con una grande casa editrice nella redazione di schede libro. Si occupa di campagne di ufficio stampa ed è una giornalista free lance. Partecipa al Premio Italo Calvino nel 2017. Scrittrice di racconti, poesie e sceneggiature teatrali, decide di partecipare alla sua prima lettura pubblica solo nel novembre 2017. Il pubblico si incuriosisce e comincia a interessarsi alla sua poetica che sembra emergere dal nulla. Nel maggio 2018 vince il “No Lunch Poetry Slam” dell’edizione del Festival Internazionale di Poesia di Milano e comincia la sua collaborazione con alcuni poeti della scena milanese. Partecipa a uno spettacolo poetico reinterpretando la poetica di Cristina Campo a cui dedica la poesia Cristina.
Impegnata per i diritti civili, contro la violenza di genere e il razzismo, partecipa attivamente a campagne di sensibilizzazione.
Il 3 agosto 2018 pubblica la sua prima silloge poetica “Buttate la Poesia tra le gambe di una donna” che passeggia curata da Stefano Donno de I Quaderni del Bardo edizioni in versione Ebook.
Il 25 ottobre pubblica “Come se qualcuno vi vedesse nudi”, sempre con Stefano Donno de I Quaderni del Bardo edizioni, in versione Ebook, una raccolta di racconti che possono essere riassunti con una delle frasi contenute nel libro: “Forse siamo solo ombre su un muro, la proiezione di una concretezza sfumata”.
Nel 2019 è in arrivo il suo terzo libro, in versione cartacea per I Quaderni del Bardo di Stefano Donno.
“La poesia risuona per le strade, quando è viva dialoga con il panorama circostante. Vedere una donna passeggiare è poesia. Io scrivo una poesia del quotidiano e la metto a disposizione di chiunque voglia leggerla: nei salotti, sulle riviste poetiche, negli slam o per strada.”

• Alcune poesie scelte:

LA MULA PEPPINA

Orizzonte di campo:
sole e schiene chinate
a strappare bozzoli avorio.
Cresce l’aglio
e cresco anche io.
Io in groppa a Peppina
mula secca, sudata e lucida.
Io a sciabolare parole all’aria
e giocare tra inchiostro e carta.
Mula sferza la coda ispida.
Mula mangiata dalle mosche,
si mangiano anche me,
si mangiano anche i sogni.
Mangiasogni che volano,
ronzano, pungono,
iniettano tracoma,
cecità e buio nell’anima.
Mosche che portano pensieri stagnanti,
Medioevo e forconi.
Io scaccio mosche,
mi faccio aria nuova
in groppa a Peppina,
io sento vertigine di altezze grandi.
Io seminata nella terra,
guardo il cielo,
gioco,
mi batto il petto nudo.
Io cresco con l’aglio,
sogno,
in groppa a una mula
che sogna anche lei.

PUÒ BASTARE COSÌ

Può bastare così
la vita,
se la vuoi depilata,
smussata,
senza buchi in cui inciampare.
Invece
se osi avventurarti
oltre il ruvido dei bordi,
da quei pertugi scuri,
si aprono vuoti d’aria
fatti per rovesciarti lo stomaco,
appenderti per i piedi
o prenderti alla gola.
Sentirsi vivi
è spesso
soffocare

Elisa Longo

Tutti i diritti riservati all’autrice

Elisa Longo durante “Yin e Yang” – Verseggiando – Bookcity di Milano, 2018. Foto: Umberto Barbera

FLASH QUIZ: GUIDO OLDANI – poeta, fondatore del Realismo Terminale

FLASH QUIZ (by I.T.K.)

1-Nome e Cognome: Guido Oldani

2- Professione: Poeta

3- Passioni/hobby:

il terzo millennio e la sua felice frattura totale.

4- Quale significato hanno per te l’arte e la cultura?

L’Arte è la forma che prende la vita in tutti i modi ed in questo tempo. La Cultura è lo strumento: traliccio di pensiero ed opere per rendere possibile la coesistenza di bellezza e bruttezza in tutti noi.

5- Artisti preferiti:

Tutti quelli che in qualche modo abbiano a che fare con la fruttificazione del Realismo Terminale.

6- Progetti attuali:

Diffondere ed articolare il più possibile il libriccino “Il realismo terminale” e le sue traduzioni, l’antologia “Luci di posizione” di Giuseppe Langella e “900 non più” di Battagia e Contessini.

7- Sogni nel cassetto:

Non ho nulla che non siano i sogni.

8- Essere intelligente vuol dire per te:

Non amare i cuochi, detti chef, i sarti, detti stilisti e i giornalisti, detti servi.

9- Dove va l’umanità di oggi?

Nelle tasche dei dieci finanzieri che, senza muovere un dito, ci stanno disossando.

10- Dove conduce l’arte contemporanea?

Forse è l’unico strumento non religioso che ci possa portare alla salvezza.

11- Ti piace sperimentare?

Sì, credo che vada fatto costantemente.

12- Preferisci l’arte viva (teatro, performance live etc.) oppure scegli la registrazione (cinema, CD, Youtube etc.)?

Sceglierei il loro mescolamento, che, se ben gestito, ci regala un mondo nuovo.

13- Libri preferiti:

I classici russi, Il rosso e il nero di Stendhal, Sotto il sole di satana di Bernanos, Lavorare stanca di Pavese e Don Chisciotte, più qualche altro.

14- Secondo te i social network sono importanti?

Sono l’unica possibilità, pericolosissima, che i poveri hanno oggi per salvarsi dai veleni quotidiani e dai pellegrinaggi sbagliati. I non poveri sono già perduti.

15- Che cosa vorresti augurare ai nostri lettori?

Di dedicare mezz’ora a questa intervista. Grazie.

Ti ringrazio per aver risposto a questo flash quiz.

Izabella Teresa Kostka

Foto: Umberto Barbera, “Yin e Yang” Verseggiando – Bookcity Milano, 2018. Chiesetta dell’Assunta di Cascina Linterno

Perchè critichi la poesia? – di Marina Vicario

Perchè critichi la Poesia?
Le parole del Poeta sono universali.
Egli si esprime
con l’armonia delle messi
che ondeggiano d’estate.
Cade estasiato al
frinir delle cicale
per scrivere d’impeto
ciò che l’anima
rivela.
Si affretta a contemplare
la luna piena
per intonare tacite odi
alla musa senza euguali.

Il Poeta è il Maestro della sua vita
non impone
ma esprime
Egli desidera null’altro che
ottenere il balzo del vostro cuore

È un errante
è un irredente,
è senza patria
e senza scorta
Egli è libero
di amare e di odiare

Mai potrete criticare un Poeta,
sarebbe come carcerare un innocente.
Il Poeta regala la purezza
della sua intimità
Egli è sempre come una vergine
in cerca dell’amore vero…
Le sue parole sono universali
sono sempre puntate
al bersaglio più vulnerabile:
il cuore…

ANGOLO DI POESIA: “Tenete lontano” di Izabella Teresa Kostka

(by I.T.Kostka)

Oggi vorrei proporre alla Vs attenzione un mio testo contro la violenza sui minori. Spero che possa risultare di vs gradimento.

TENETE LONTANO

Tenete lontano
gli orchi dai bambini,
non fateli entrare nei loro letti,
tagliate gli artigli ai sanguinari
che come spade scarnano i loro corpi.

Salvate vergini
i sogni dei bambini,
nascondeteli di notte dai mercenari,
lasciate passare i freschi giorni
sui prati fioriti distanti dalla melma.

Maledite sempre
le vipere velenose
che succhiano il sangue delle piccole spose
sfruttate dal mondo come manichini
comprati e distrutti dal nefasto commercio.

Confessate gli occulti peccati…

E quando,
all’albore,
il giorno nascerà,
unite insieme tutti i bambini
fate volare le loro risate
come aquiloni che guidano verso la Pace!

Izabella Teresa Kostka
per l’antologia “Le mani dei bambini ” a cura di Maria Teresa Infante e Massimo Massa, Oceano Ed. 2018.
Tutti i diritti riservati all’autrice

Foto Pixabay

RITRATTI: “I POETICANTI” – quando la musica incontra la parola

(by I.T.Kostka)

Tra gli artisti Ospiti Speciali del programma “Verseggiando sotto gli astri…”, fin dalle prime puntate del 2015 tenutesi ancora presso il Centro della Ricerca e Formazione scientifica Cerifos di Milano, troviamo il duo musicale – teatrale ” I POETICANTI”: Roberta Turconi (attrice teatrale, canto) e Paolo Provasi (canto, ukulele, chitarra).

Questi due Artisti, molto amati e apprezzati dal pubblico, riescono a unire perfettamente l’arte letteraria alla sublime interpretazione teatrale e vocale di Roberta e alle originali note musicali di Paolo. Merita la nostra stima la loro grande professionalità e la carisma scenica dotata di una sensibilità veramente straordinaria. Il duo “I POETICANTI” partecipa con successo a numerosi prestigiosi eventi poetici e teatrali, alle rassegne internazionali come Bookcity di Milano, ai festival letterari e, spesso, alle performance collegate agli incontri dei Realisti Terminali.

• IDENTIKIT

I POETICANTI quando la musica incontra la parola, quando la poesia diventa canzone.

“I Poeticanti” hanno come identità espressiva la poesia in musica, recitazione e canto. Autori anche molto distanti tra loro per temperamento artistico ed epoca sono la fonte primaria di ispirazione del gruppo che ne ripercorre i versi sia in forma di canto con accompagnamento di vari strumenti musicali, sia attraverso la recitazione. La proposta viene arricchita dall’interpretazione di brani tratti da diari, lettere e vari testi in prosa; le liriche diventano quindi canzoni e le autrici e gli autori prendono vita attraverso la parola recitata dei loro scritti. La parte musicale è costituita solo da composizioni originali dei Poeticanti. Insieme ai più noti autori del passato e contemporanei, la “mission” dei Poeticanti è anche quella di far conoscere o riscoprire poetesse rimaste in ombra o mai seriamente valutate, soprattutto in epoche in cui la donna non aveva la possibilità di far sentire la propria voce.
Progetti realizzati, presentati e attualmente in repertorio:

● “Care voci di un tempo” – La poesia e gli scritti di Emilia Villoresi (1892-1979). CD allegato a: “Mi dici parole d’amore” antologia di poesie, edita da “La Vita Felice”, Milano, 2014.

● “Il tesoro nascosto” – favole e filastrocche tratte da Favole d’oggi (1936) di Emilia Villoresi (1892- 1979). CD allegato a: “Il tesoro nascosto”, edizioni “La memoria del mondo”, Magenta, 2015.

● Progetti con altri autori: Saffo, Emily Brontë, Sergio Corazzini, R. Tagore, Antonia Pozzi, Vittorio Sereni, Ada Negri, Sylvia Plath, Maria Luisa Spaziani, W. Wordsworth, J.Prévert, J.L. Borges, Guido Oldani, oltre a brani tradizionali in armonia con l’identità espressiva dei Poeticanti. Il tutto sempre intrecciato con la forma espressiva attorale.
I Poeticanti sono composti da: Roberta Turconi, attrice, voce recitante, canto; Paolo Provasi, canto, ukulele, chitarra; Eleonora Rapone, organetto.

“I POETICANTI” su YouTube:

https://youtu.be/m2ecWLheNdg

https://youtu.be/mNcHrH21EH8

24° Verseggiando… “Salotto della poesia ironica”: Selezione partecipanti

(by I.T.Kostka)

Carissimi!

Presentiamo il bando per partecipare alle selezioni al 24° “Verseggiando sotto gli astri di Milano” dal titolo “Salotto della poesia ironica: Scherzi in versi e musica con… pepsi”, previsto in programma il 9 marzo 2019 alle ore 16.00, presso la suggestiva Chiesetta dell’Assunta di Cascina Linterno, via Fratelli Zoia 194 a Milano.

• COME PARTECIPARE

Spedire due / tre poesie di carattere scherzoso, ironico, divertente etc. a tema libero (max 35 versi cad) oppure un breve testo in prosa, cabaret, testo ironico, mini monologo teatrale scherzoso etc. a tema libero (max una cartella A4) con una breve nota biografica (max 20 righe) alla mail:

verseggiando.eventi@yahoo.it

Scadenza spedizione elaborati:

24 febbraio 2019

• L’elenco degli autori e dei testi selezionati verrà pubblicato entro il 28 febbraio 2019.

Partecipazione libera e gratuita.

• Ospiti Speciali dell’evento:

ROBERTO MARZANO (cantautore, performer, poeta)

PATRIZIA CAMEDDA

(attrice, performer)

• Organizzazione evento:

Izabella Teresa Kostka (per il programma “Verseggiando…” ) in collaborazione con Tito Truglia e l’Associazione Amici Cascina Linterno a Milano

Per ogni info e domanda:

verseggiando.eventi@yahoo.it

Vi aspettiamo numerosi!

Milano, 20.01.2019