Momenti di poesia, Enigmatico errare di Grazia Denaro

20914317_1386575571420421_2255825698236748605_n

Migro lontano da me stessa

con gli occhi velati

attraverso aridi deserti.

 

Vento di scirocco

m’avviluppa come cappa.

 

Attorno a me tutto scorre

e tutto s’adagia

in una silente solitudine.

 

Solo la voce del vento sibilante

nell’accompagnarmi

in questo squallido cammino

pare voglia parlarmi

frustando le mie brucianti ferite

nel mio stanco arrancare

in questo enigmatico errare…

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia, L’armonia del nostro divenire di Grazia Denaro

0a2d9922cd3a94780b5884b689ee1834

Amo levarmi presto

nelle mattine estive,

al canto degli uccelli

e l’allodola canta insieme a me.

 

Ho il calore del tuo abbraccio

che m’infonde amore e coraggio

nel prosieguo della giornata,

è un cerchio di affetti consolidato il nostro

che raggiunge con semplicità

le fibre del cuore.

 

Amiamo la nostra terra,

dov’è piantata la nostra radice.

 

Osservo le tue mani lavorare:

rastrellare, scavare solchi,

piantare semi, tagliare arbusti,

strappare erbacce

perché il prato del nostro giardino

sia eden prezioso.

 

Un sogno vissuto ad occhi aperti

in un vivere semplice ed agreste il nostro

che ci tiene legati agli stessi intenti

involandoci nella gioia del nostro divenire

colmo di musica, d’aromi e d’armonia.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia, Notti asfittiche ed illuni di Grazia Denaro

32646835_2083449508338856_2496777240646254592_n

Notti asfittiche ed illuni

mi tengono per mano

alitando pensieri

che inquietano il mio io.

 

Tra le pieghe dei giorni

non so se ci saranno ombre

che intesseranno segreti

per ora sopiti.

 

Duro sarà il risveglio nel camminare

tra strade lastricate

di sassi appuntiti.

Non sarà più lo stesso

se incomberà luce obliqua

che potrebbe dare l’avvio ad un tramonto

fosco e tempestoso

attirandomi nel suo vortice oscuro.

 

Vorrei potermi risvegliare ancora

in quei mattini rosati e colmi di letizia

in cui il mio tempo

apriva le porte all’oro dei giorni.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia, Il suo supremo incanto di Grazia Denaro

35895382_2021843381224019_208638906965426176_n

Splende l’aurora boreale

in uno sfolgorio di luci e colori

scorgo i tuoi occhi in lontananza

mio desiderato fiore che al sole brilli

con i tuoi capelli d’oro

ad esaltare la tua prestanza

che si rispecchia in mezzo alla natura.

 

Tenerezza mi tocca il tuo viso

illuminandomi della tua essenza

che si spande

nell’aria fluttuante di questa valle

con una voce che mi dona

così tanto entusiasmo

da abbracciare il mio onirico sogno

che dal vivo ora

mi professa il suo supremo incanto.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia, Questo mare giallo di Grazia Denaro

44739

In questa splendente giornata di sole

è germogliato il grano all’improvviso.

 

Osservo un mare giallo oro

che fluttua dolcemente all’alito di vento

e in cui risaltano qua e là papaveri

a disegnare proficue macchie  di rosso colore

che si offrono al cielo, omaggio della natura

risvegliata a nuova vita.

 

Mi sorge un sogno

portato da bagliori gioiosi di pensieri

mentre lo sguardo si perde

in questo mare ondeggiante

che domani donerà

il suo seme abbondante.

 

Il rosso tramonto pare voler abbracciare

quest’onda fluttuante

con un colore acceso d’amante.

 

Profumo di terra smossa appena bagnata

il vento muove in soave folata

come dono da inalare a me

che ammirata da tanta beltà rimiro emozionata.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia, In quella grotta di Grazia Denaro

c195f78a3f31e94eed9b5f49e8f98d26

Entriamo in quella grotta

esponiamoci ai riflessi della luce

che giocano col sole

carezzando l’acqua in spicchi d’oro.

 

Palpabili muschi nel carezzare curve

arricciano la pelle in fremiti di sensi

ad accendere purpureo desiderio

che inspira e spinge a fondo

in anfratti nascosti d’umido sapore

e fessure arcane di molecole spore.

 

Sassi giocosi

si offrono alla vista ed al tatto

in un gioco di mani esperte

 dischiuse a calde e passionali carezze.

 

In un toccar d’affondo

si sente all’unisono il giubilo di un grido

e il riecheggiare di un gioioso sorriso.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia, Intervallo di pura magia di Grazia Denaro

67409239_2782768761740257_1662593028671406080_n

Cerco risalire

della bassa marea

su torrenti a bordo di giunchi

nella brama di osare

nel raggiungere Il mio scoglio dorato

col sangue che fuma

nel risveglio vivace della coscienza.

 

Di trame oscure:

uno spiraglio si schiude…

 

al di sopra del valico

spunta l’aperto tra il buio e la luce.

 

Esiste ubriachezza più bella

del dormiveglia?

 

Intervallo di pura magia

e di semi coscienza,

quando la mente trilla

come foglia sonante

che sussurra segreti alla

sua vicina di ramo.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia, La tua ultima sinfonia di luce di Grazia Denaro

10415660_804922916218168_4828287261019507209_n

Il tuo niveo respiro

era sospeso con gioia tra quelle parole

che sapevano di cirri, di vento

e di profumate viole.

 

I vostri occhi aprivano le porte

alla primavera nel pieno germoglio

di un tempo sospeso

in cui braccia intrecciate percorrevano

un tenero viaggio.

 

Poi hai incontrato

l’inverno nascosto

che col suo gelo tremendo,

ti ha dirottata su strade accidentate

pregne di sassi irti a ferire

e sotto fulmini e saette

dove non è stato indenne avanzare

e non è bastata la tua preghiera

a renderti immune da storture.

 

Ora sei stella smarrita

adagiata nell’ombra più scura

che guarda quel cielo sospeso

che ha azzerato

la tua ultima sinfonia di luce.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia, In brividi di baci di Grazia Denaro

46867

Tutto il mio pensare

è nel guardarti:

le braccia aperte come zolle

di terra assetata

che attende l’acqua

per donare linfa.

 

Il desiderio cuce gli occhi

nella gioia folle

d’immergersi

in un sogno di brama

tra fessure

che aprono spicchi succosi

scalpitanti d’euforia

in una rinascita ambita

che duri… duri in eterno!

 

Flessuosi aderiscono

il mio corpo e il tuo

fondendosi

in una seduzione ipnotica.

 

Rovescio il collo

ed il tuo respiro

così caldo e presente

leviga il corpo

in brividi di baci.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia, Una sola melodia di Grazia Denaro

52933

Fu il rosa tenue del cielo

ad incantarci in quella mattina

d’inizio primavera,

quel frusciare di spighe

che l’alito di vento sprigionava

tra il rifulgere del sole

che unì nell’abbraccio

le nostre essenze.

 

Fu quel navigare in simbiosi

colmo di parole suadenti

tra il cielo dei nostri sguardi

con le mani nelle mani

come chicchi di frumento

posti sotto un caldo manto

che agì come rintocco

di campane a festa.

 

Nella bellezza della natura

sentimmo come

se ogni cosa per noi

fosse stata creata

apposta in quel momento

i fiori, la primavera, il firmamento:

 

gioia e fine coesi

in una sola melodia.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia. Ventagli di luce, di Grazia Denaro

576013_463480280343808_955182478_n

Spighe rilucenti

fino allo splendore dell’oro

 baciate dal sole e carezzate dal vento

mi accolgono:

 

– purezza di chi può tornare risanato

alle antiche sorgenti –

 

ripercorrendo quelle strade smarrite

e finalmente ritrovate

respirando spire di risveglio

nell’aria nivea del cielo

a riaccendere giorni di serenità e pace.

 

Ho cancellato quel mistero che fu pioggia

lontano dall’azzurro firmamento

che mi tenne rannicchiata ed impaurita

in sottoscala umidi e scuri

donando false fioriture

gelando lo sguardo

perché colmavano d’ombra

le cose future.

 

Oggi ho imparato ad apprezzare

quei ventagli luce

che ravvivano la vita

nelle loro cangianti sfumature.

 

@Grazia Denaro@

Alda Merini il diario di una diversa, di Grazia Denaro

alda-merini

 

Il diario di una diversa di Alda Merini è una ricognizione, per epifanie, speranze, deliri, disvelamenti di uno spazio – non un luogo in cui mancava ogni consuetudine ed accortezza quotidiana, si viveva in un inferno naturale applicato all’essere umano.Dentro il manicomio tutto era sacro, ed ogni oggetto poteva essere amoroso o tormentoso.Quello spazio dove si era costretti a stare poteva essere chiuso e spalancato a seconda delle sensazioni che assimilava la mente.

 In quello spazio il tempo veniva meno: le notti si dilatavano, i giorni non avevano limite né declinazione. Grazie alla parola colei che ha scritto parole sublimi di poesia non è mai stata sopraffatta dal nulla, anzi non si è mai esclusa dal colloquio con se stessa e con gli altri e, questa, alla fine. è stata la sua salvezza.

I dieci anni chiusa in manicomio  furono un alternarsi di orrore e solitudine tra elettroshock e autentiche torture in cui emerge lo sperdimento di se stessa e la conservazione delle sue emozioni senza mai disconoscere la malattia, ma allo stesso tempo nel voler ritornare al mondo che vigeva fuori, lacerando il torpore dell’anima attraverso i versi e le rime delle sue liriche. 

Alda Merini –  Milano 1931- 2009, ha rivelato giovanissima il proprio talento poetico ricevendo vari premi importanti nel tempo della sua rinascita.

Una delle poetesse italiane più amate ed apprezzate.

Momenti di poesia, Ti amo poesia di Grazia Denaro

53528

Come freccia scoccata dal tuo arco

quando ascolto la tua voce

tanta luce solare in me raccolgo

che azzera quelle notti buie,

 travagliate e prive di stelle

tenendomi confinata

in un silenzio tenebroso.

 

Tu mi apri un cammino di parole

che va diretto al cuore delle cose

carezzate dall’eco del tuo canto

respirato al ritmo del mio sangue

con quella gioia di poter dire

senza disinganno

ciò che detta l’alito scaturente

del mio interiore sentimento.

 

Ti amo poesia

per la bellezza che emani

quando in crescendo canti

ciò che la mano scrive

e l’anima modella.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia, Dalle terrazze del cielo di Grazia Denaro

62480803_2187024831375487_8512239376644702208_n

Dalle terrazze del cielo

una farfalla vola

nel suo bianco velo,

poi scende

e di fiore in fiore si posa

a dissetare il cuore.

 

Oggi si respira il sereno

dei mattini chiari e colmi di luce

quando l’azzurro splende

come diamante blu

conducendo all’apertura siderale.

 

Gli slanci degli uccelli

spiccano voli pindarici

  stagliandosi gioiosi verso l’apogeo

accompagnati

dalla melodia dei cinguettii.

 

Il vento accarezza e sussurra

conducendo per contrade misteriose

 intersecanti le vie dell’anima gioiosa,

si poggia sulle piante rigogliose

preparandole così

al rifiorire dell’estate.

 

@Grazia Denaro@

Momenti di poesia, Ore inebetite di Grazia Denaro

60763954_2328234080553321_3328328092207808512_n

Ho di fronte muri ingrigiti

a chiudermi la visuale

e solo nere litanie

di liquido buio da contrastare

a farmi compagnia

tendenti ad aprire

un vuoto d’inedia

alla mia anima

abbandonata alla deriva

di una vita d’incompiutezza

che scorre giorno per giorno

in uno sciamare scalzo

di ore inebetite.

 

@Grazia Denaro@