Rossana Boldi (Lega): “Orgogliosa di celebrare alla Camera la figura di Ernesto Cabruna, orgoglio di Tortona e dell’Arma dei Carabinieri”

Boldi (Lega): “Orgogliosa di celebrare alla Camera la figura di Ernesto Cabruna, orgoglio di Tortona e dell’Arma dei Carabinieri”

Roma – “Sono orgogliosa di avere presentato, nella storica cornice della Sala della Lupa, presso la Camera dei Deputati, tre libri per celebrare la figura di Ernesto Cabruna: Gloria e solitudine, di Vito Marcuzzo, Un Italiano in Russia, scritto dallo stesso Cabruna, e il numero monografico che la Pro Iulia Derthona ha dedicato alla medaglia d’oro Tortonese”.

bol cabruna camera 1bol cabruna camera 2

Rossana Boldi, vice presidente della XII Commissione (Affari Sociali) della Camera dei Deputati, da tortonese non nasconde la soddisfazione per il riuscito incontro di martedì 15 gennaio, che ha fortemente valorizzato la figura di un grande tortonese, vero orgoglio cittadino, oltre che dell’Arma dei Carabinieri.

Asso dell’aviazione durante la prima guerra mondiale con otto vittorie aeree, Ernesto Cabruna è stato decorato con la medaglia d’oro al valor militare.

“Insieme agli oratori – sottolinea Rossana Boldi – il Sottosegretario alla Difesa Raffaele Volpi, la pronipote di Cabruna Matilde Bassi, il presidente della società storica tortonese Ottavio Pilotti ed i cultori di storia della nostra città, Giorgio Gatti e Fausto Miotti, erano presenti numerosi storici, Aeronauti, rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri e un folto gruppo di membri del Rotary di Tortona, con il presidente Pianetta, e del Rotary di Oderzo. I testi saranno ora messi a disposizione della biblioteca della Camera”.

Ufficio Stampa Lega Piemonte

Battisti, senatori Lega incontrano Alberto Torregiani, vicini ai familiari delle vittime, dalla parte della giustizia

Battisti, senatori Lega incontrano Alberto Torregiani, vicini ai familiari delle vittime, dalla parte della giustizia

batt senatori lega torregianibatt senatori lega torregiani 2batt sen bergesio con torregiani

Roma, 16 gen – “È stato un piacere e un onore poter incontrare Alberto Torregiani. Come ha dichiarato il nostro capogruppo Massimiliano Romeo, siamo vicini a lui e a tutti i familiari delle vittime. Da parte nostra, un enorme ringraziamento alle forze dell’ordine e a tutti coloro che, per tutto questo tempo, hanno portato avanti la battaglia per poter riportare il criminale e fuggitivo Cesare Battisti in Italia e consegnarlo alla giustizia”.

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, Senatore della Lega, a margine dell’incontro oggi a Roma tra i senatori Lega e Alberto Torregiani, figlio del gioielliere ucciso nel 1979 dai Pac, lui stesso ferito nella sparatoria.

Ufficio Stampa Lega Senato

M5S. Bassa Valle Scrivia: quale futuro per la nostra agricoltura?

Bassa Valle Scrivia: quale futuro per la nostra agricoltura?

Il Movimento 5 Stelle di Castelnuovo Scrivia, venerdì 18 gennaio alle 20.45, organizza una serata di confronto dal titolo: “Bassa Valle Scrivia: Quale futuro per la nostra agricoltura?” presso la sala Pessini in Piazza Vittorio Veneto. Gli agricoltori presenti potranno interloquire, moderati dal Consigliere Nabila Balduzzi, con il Senatore Fabrizio Trentacoste, la Senatrice Susy Matrisciano, l’Europarlamentare Tiziana Beghin e il Consigliere regionale e agricoltore Paolo Mighetti.

serata agricoltura castelnuovo scrivia.jpeg

L’agricoltura si trova oggi ad affrontare molteplici criticità, la volubilità dei mercati sempre più depressi e con domanda interna in calo, sia dalle politiche di questo modello di Europa che si sono concretizzate in un eccesso di burocrazia e di restrizione creditizia che stanno impedendo di fatto lo sviluppo e la crescita del settore.

Ad aggravare il tutto l’incombenza dei cambiamenti climatici i cui effetti potrebbero essere devastanti minando l’esistenza delle aziende in un prossimo futuro. Occorre urgentemente dare delle risposte in ambito politico sia nazionale che regionale in chiave non assistenzialistica ma di attenzione e di rilancio di un settore che ancora può dare molto in termini di Pil e occupazione. Continua a leggere “M5S. Bassa Valle Scrivia: quale futuro per la nostra agricoltura?”

‘Al lavoro…chi ben (ri)comincia’

‘Al lavoro…chi ben (ri)comincia’

Alessandria: “Le persone interessate a presentare la domanda per candidarsi alla partecipazione il progetto “Al lavoro… chi ben (ri)comincia”, lo scorso giovedì, a seguito dei fatti incresciosi che sono accaduti presso gli uffici di palazzo rosso deputati alla raccolta delle candidature, saranno ricevute in altre due giornate che abbiamo già messo in calendario e che sono già state comunicate alle persone presentatesi: non vogliamo mandare via nessuno, ma daremo una risposta a tutti”.

piervittorio-ciccaglioni

Con queste parole l‘assessore alle Politiche Sociali del Comune di Alessandria, Piervittorio Ciccaglioni, ha commentato quanto accaduto giovedì 10 gennaio, ultimo appuntamento per presentare le candidature per il progetto realizzato dal Comune di Alessandria che prevedeva percorsi di formazione lavorativa in diversi ambiti di attività tradizionali e innovativi quali “Ti porto a spasso Fido” e “Con te nell’orto” e finanziava n. 30 tirocini formativi accompagnati da indennità di partecipazione di euro 500,00 mensili per un periodo massimo di 6 mesi. Continua a leggere “‘Al lavoro…chi ben (ri)comincia’”

M5S Alessandria: Nuova discarica, nuova mossa suicida per il territorio

M5S Alessandria: Nuova discarica, nuova mossa suicida per il territorio

Il Movimento 5 Stelle Alessandria esprime forte preoccupazione per il progetto di una nuova discarica tra Frugarolo e Casal Cermelli. “Sarebbe l’ennesima mossa suicida per il nostro territorio, in termini ambientali e di appeal locale.

cropped-nuovo-logo-m5s-2

Stanno trasformando la nostra provincia nella discarica d’Italia, per questo crediamo che il progetto vada stroncato sul nascere”, commentano i portavoce in Comune Michelangelo Serra e Francesco Gentiluomo.

“Il fatto che l’iniziativa venga presentata come un tentativo di riqualificazione della zona ci sembra solo un modo per gettare fumo negli occhi – proseguono i portavoce – l’improbabile ipotesi di trasformare, dopo una decina d’anni, l’area in una sorta di parco giochi a pagamento che sorgerà su un mare di rifiuti ci lascia a dir poco perplessi.

Ciò appare come un goffo tentativo per indorare la pillola ai cittadini, mentre si tenta di riversare ancora rifiuti nelle nostre cave naturali, mettendo a rischio la falda acquifera e minacciando il torrente Orba, a soli 500 metri da dove dovrebbe sorgere la discarica”.

Movimento 5 Stelle Alessandria

Matteo Renzi. PD: Governo è troppo impegnato a litigare per produrre atti su cui discutere e votare

Matteo Renzi. PD: Governo è troppo impegnato a litigare per produrre atti su cui discutere e votare

Matteo Renzi. Enews 561 Lunedì 14 gennaio 2019

Buongiorno a tutti. Vi scrivo dal Portogallo dove sono per conferenze e incontri. Tornerò comunque in Senato già nelle prossime ore, ma anche questa settimana il Senato rinvia i propri lavori: il Governo è troppo impegnato a litigare per produrre atti su cui discutere e votare, infatti. E i decreti sul reddito di cittadinanza sono stati rinviati. Io, nel frattempo, stamattina mi sono svegliato davanti all’Oceano, giusto in tempo per pensare a una bellissima canzone di Francesco Guccini.

matteo renzi

Vorrei ringraziarvi per gli auguri di buon compleanno (si invecchia, siamo già a 44) e per le tantissime email su Firenze Secondo Me che hanno accompagnato l’ultima enews. Non riesco davvero a spiegare fino in fondo quanto questo progetto sia stato importante per me e quanto sia convinto della necessità di una gigantesca, capillare, profonda battaglia educativa. Ma dalle email che leggo vedo che molti di voi l’hanno colta meglio di me.

La battaglia educativa e culturale prosegue anche con i Comitati Civici che moltiplicano le loro attività in tutto il Paese (qui Roma la settimana scorsa). Per fondare un comitato, questo è il link. È bello vedere i comitati che si inventano iniziative, valorizzano nuove persone, che fanno rete. Cresce in tutta Italia l’esigenza di un’alternativa politica e culturale. E anche i comitati vanno in questa direzione. Suggerisco a tutti di leggere uno straordinario pezzo di Mauro Berruto, che trovate qui, e che sintetizza meglio di molti altri la situazione che stiamo vivendo.

Quanto alle notizie della settimana, ho fatto una lunga diretta facebook, con l’ormai tradizionale #TopTen venerdì 11 gennaio dal mio ufficio in Senato. Se vi interessa, la trovate qui. Si spazia su tutto: dal ricordo di De Andrè alla polemica di Salvini contro Claudio Baglioni, dall’interrogazione parlamentare per richiamare l’attenzione sui Curdi dopo l’annuncio del ritiro degli americani dalla Siria fino alla decisione di mettere soldi pubblici a garanzia di una banca, la Carige, facendo copia e incolla del Decreto Gentiloni sul Monte dei Paschi di Siena.

Mi limito allora in questa enews ai tradizionali tre punti. Continua a leggere “Matteo Renzi. PD: Governo è troppo impegnato a litigare per produrre atti su cui discutere e votare”

Boldi (Lega): “Sanità piemontese prima della classe? Chiedetelo ai cittadini/pazienti! Per fortuna da giugno cambieremo musica e spartiti”

Boldi (Lega): “Sanità piemontese prima della classe? Chiedetelo ai cittadini/pazienti! Per fortuna da giugno cambieremo musica e spartiti”

“La sanità del Piemonte prima della classe? Non esageriamo con la propaganda pre elettorale sulla pelle dei cittadini/pazienti piemontesi, per favore”. L’onorevole Rossana Boldi, vice presidente della XII Commissione (Affari Sociali) della Camera dei Deputati, ma anche medico di professione, non ha dubbi, a fronte di comunicati e dichiarazioni dal tono ‘trionfalistico’ fatti circolare nei giorni scorsi da esponenti di spicco del Partito Democratico piemontese.

rossana boldi

“Ho letto di Piemonte modello di eccellenza, sulla base di statistiche elaborate dal Ministero della Salute, e allora forse è il caso di fare un po’ di chiarezza. La classifica a cui immagino si faccia riferimento è quella che misura le performance dei LEA (Livelli essenziali di assistenza), poco significativi rispetto alla soddisfazione percepita dai pazienti per i servizi sanitari erogati. Chiamparino e la sua squadra, nel corso della loro gestione quinquennale della sanità piemontese, hanno tagliato costi. Ma se pretendono che questo significhi che la sanità regionale è migliorata, siamo decisamente al ridicolo”.

L’on. Boldi fornisce alcuni altri strumenti di riflessione: “Basta andare a consultare le classifiche CREA elaborate dall’Università di Tor Vergata, o quelle GIMBE, per rendersi conto che il Piemonte ‘sprofonda’,  a vantaggio di altre realtà come Trentino, Friuli, Veneto o anche Toscana, là dove si cerca di misurare anche il livello di soddisfazione dei cittadini/pazienti, in termini di liste di attesa e di facilità di accesso ai servizi. Altro elemento ‘tragico’, e da non sottovalutare, è la ‘migrazione’, in costante crescita, dei pazienti piemontesi verso altri modelli sanitari: a partire dalla vicina Lombardia e dalla Liguria”. Continua a leggere “Boldi (Lega): “Sanità piemontese prima della classe? Chiedetelo ai cittadini/pazienti! Per fortuna da giugno cambieremo musica e spartiti””

Molinari e Belotti. Battisti: mozione Lega per chiedere estradizione di altri 50 terroristi protetti all’estero

Molinari e Belotti. Battisti: mozione Lega per chiedere estradizione di altri 50 terroristi protetti all’estero

Roma, 13 gen.- “Battisti deve essere il primo di una lunga serie. La Lega presenterà una mozione alla Camera per sollecitare con determinazione l’estradizione degli oltre 50 terroristi condannati in via definitiva e latitanti in Francia Nicaragua, Argentina, Cuba, Algeria, Libia, Angola”.

Così il capogruppo alla Camera della Lega Riccardo Molinari e il deputato Daniele Belotti primo firmatario della mozione.

Riccardo Molinari.jpg

“La svolta impressa dal nuovo governo brasiliano – sottolineano i due deputati del Carroccio – può segnare la fine delle vergognose protezioni garantite da alcuni Stati stranieri, in particolare la Francia, a terroristi condannati a pene definitive, molti all’ergastolo.

I familiari delle vittime di questi terroristi stanno attendendo da fin dagli anni 70 e 80 di avere giustizia e lo Stato non può permettersi di vedere le proprie condanne, per lo più definitive, assolutamente disattese per la copertura politica offerta da autorità estere.

Tra i terroristi in latitanza in Francia – concludono Molinari e Belotti -, figurano diversi condannati all’ergastolo come le ex brigatiste Simonetta Giorgieri e Carla Vendetti, entrambe condannate all’ergastolo nel processo Moro ter e chiamate in causa anche per i delitti D’Antona e Biagi, i Br Sergio Tornaghi e Marina Petrella, mentre in Nicaragua risulta latitante Alessio Casimirri, su cui gravano ben 6 ergastoli per il sequestro e l’omicidio di Aldo Moro”.

Ufficio Stampa Lega Piemonte

Battisti: mozione Lega per chiedere estradizione di altri 50 terroristi protetti all’estero 

Battisti: mozione Lega per chiedere estradizione di altri 50 terroristi protetti all’estero 

Roma, 13 gen.- “Battisti deve essere il primo di una lunga serie. La Lega presenterà una mozione alla Camera per sollecitare con determinazione l’estradizione degli oltre 50 terroristi condannati in via definitiva e latitanti in Francia Nicaragua, Argentina, Cuba, Algeria, Libia, Angola”.

salvini

Così il capogruppo alla Camera della Lega Riccardo Molinari e il deputato Daniele Belotti primo firmatario della mozione. 

“La svolta impressa dal nuovo governo brasiliano – sottolineano i due deputati del Carroccio – può segnare la fine delle vergognose protezioni garantite da alcuni Stati stranieri, in particolare la Francia, a terroristi condannati a pene definitive, molti all’ergastolo.

I familiari delle vittime di questi terroristi stanno attendendo da fin dagli anni 70 e 80 di avere giustizia e lo Stato non può permettersi di vedere le proprie condanne, per lo più definitive, assolutamente disattese per la copertura politica offerta da autorità estere.

Tra i terroristi in latitanza in Francia – concludono Molinari e Belotti -, figurano diversi condannati all’ergastolo come le ex brigatiste Simonetta Giorgieri e Carla Vendetti, entrambe condannate all’ergastolo nel processo Moro ter e chiamate in causa anche per i delitti D’Antona e Biagi, i Br Sergio Tornaghi e Marina Petrella, mentre in Nicaragua risulta latitante Alessio Casimirri, su cui gravano ben 6 ergastoli per il sequestro e l’omicidio di Aldo Moro”.

Tav, la Lega in piazza sfida il M5S: “Non possiamo bloccare il Paese”. La Stampa

Oggi a Torino nuova manifestazione per il sì all’opera. I grillini: «Bisogna rispettare il contratto di governo»

FEDERICO CAPURSO ROMA
Matteo Salvini guarda alla Tav e vuole«un’Italia che dica sì». Il pensiero del vice-premier, nel quartier generale leghista, viene esteso anche «alle trivelle lontane dalle coste, alla Tap, alle autostrade». La lista è lunga, perché «la Lega pensa che l’Italia non si possa fermare». E dunque non si può fermare neanche la Torino-Lione, «se permetterà di viaggiare sicuri, veloci e con benefici per il territorio superiori agli eventuali problemi».

Finisce quasi in secondo piano, nei desideri del Carroccio, l’analisi costi-benefici sulla Tav. Sarà pronta «a fine gennaio», sostiene il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Per il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, invece, «il lavoro istruttorio è stato completato. Adesso lo studieremo ed espliciteremo la decisione del governo». Le versioni ormai si intrecciano fino a contraddirsi. Persino la decisione finale sulla Torino-Lione dipenderà dalla volontà politica di quello stesso governo che oggi, a Torino, nella piazza per il Sì alla Tav, farà sfoggio dello scintillante conflitto in atto tra le sue due anime: sfileranno i leghisti; resteranno a casa i Cinque stelle.
«Fa sorridere – punge la sindaca Chiara Appendino – il fatto che in piazza ci sia un alleato che ha sottoscritto un contratto in cui si dice chiaramente che l’opera va rivista integralmente». Di Maio, da mediatore, prova a smorzare: «Loro sono sempre stati a favore». Ma l’alleato Matteo Salvini fa notare che “rivedere” non vuol dire “cancellare”. E ad Appendino risponde: «Fa bene la sindaca a sorridere. Un sorriso allunga la vita. Nessuno pretende che il progetto non si tocchi, però io voglio un’Italia del sì che vada avanti, non che torni indietro»…. conyinua su: Tav, la Lega in piazza sfida il M5S: “Non possiamo bloccare il Paese” – La Stampa

Renzo Penna. Città Futura: La giunta galleggia e non risolve i problemi importanti

Renzo Penna. Presidente di Città Futura: La giunta galleggia e non risolve i problemi importanti

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Intervista a tutto campo a Renzo Penna Presidente di Città Futura.

Una parziale sintesi delle risposte alle domande:

Il contratto di Governo è in crisi. Oggi manca un alternativa democratica.

Sino a che ci saranno le diseguaglianze e la povertà ci sarà sempre la Destra e la Sinistra.

Il Governo non parla di Scuola e Sanità, ma taglia le risorse.

Per il PD la sconfitta sembra che la colpa sia stata degli elettori.

Il declino di Alessandria a radici antiche e condivise fra Amministratori pubblici e imprenditori.

La Giunta di Alessandria galleggia e non risolve i problemi importanti è in ordinaria amministrazione.

Negli ultimi decenni sono mancati gli insediamenti industriali e terzo settore di qualità, l’ultimo è quello dell’Università.

Contrariamente a Novara gli imprenditori di Alessandria non hanno dato il loro contributo alle varie Amministrazioni per realizzare la città universitaria.

Cosa si aspetta a concedere l’ex caserma dei Carabinieri all’Università.

video: https://youtu.be/laiKdg61N0o

Reddito e quota 100, slitta consiglio ministri. «Ammessi 260.000 invalidi»

Reddito e quota 100, slitta consiglio ministri. «Ammessi 260.000 invalidi»

Giovedì 11 Gennaio 2019

4221918_1207_dimaio

Un tesoretto di 400 milioni per il reddito di cittadinanza. Che «non perde 400 milioni, anzi c’è un tesoretto di 400 milioni perché – ha spiegato Luigi di Maio a Radio Anch’io – alzando la soglia dei soggiornanti a 10 anni, abbiamo ridotto la platea degli stranieri e ci avanzano questi soldi che ridistribuiremo in pensioni di cittadinanza e di invalidità e nei centri di impiego»… continua su: https://www.ilmessaggero.it/economia/news/reddito_cittadinanza_news_oggi_ultime_notizie-4221918.html

Effetto “gilet azzurri”, ora Forza Italia cresce al 12 per cento

Effetto “gilet azzurri”, ora Forza Italia cresce al 12 per cento

Nelle rilevazioni l’alleanza di centrodestra sfiora il 47%. Solo il 40% positivo sul governo

Fabrizio de Feo – Ven, 11/01/2019 – 09:01 http://www.ilgiornale.it

Dai sondaggi arriva una piccola sorpresa di inizio anno. Dopo aver veleggiato negli ultimi mesi quasi sempre al di sotto del 10% Forza Italia registra un segnale decisamente incoraggiante.

1544637981-lapresse-20181212191334-27983019

Il sondaggio Tecnè del 10 gennaio sulle intenzioni di voto ai partiti regala al partito azzurro un buon 11,7% in aumento dello 0,8% rispetto all’ultima rilevazione. Una percentuale che potrebbe essere rassicurante anche in vista della volata verso le Europee.

I numeri sono naturalmente fragili e le oscillazioni sono all’ordine del giorno, ma il dato potrebbe essere una base importante per costruire una ripartenza invernale. Il sondaggio Tecnè non è invece particolarmente positivo per la Lega che rispetto al 18 dicembre 2018 perde 2 punti e dal 32,8 passa al 30,8%. Restando nel centrodestra un piccolo passo indietro si registra anche per Fratelli d’Italia che dal 4,1 si attesta al 3,9. Complessivamente, comunque, il centrodestra come coalizione è ancora ampiamente in testa e con percentuali tali da consentirgli di strappare la maggioranza assoluta dei seggi in entrambi i rami del Parlamento. Rispetto a dicembre, però, la coalizione che si era presentata alle urne il 4 marzo dello scorso anno arretra dal 48,1 al 46,8. Continua a leggere “Effetto “gilet azzurri”, ora Forza Italia cresce al 12 per cento”

Cannabis legale, nuovo terreno di scontro tra Lega e M5S. ANSA.it

Salvini, proposta legalizzazione non passerà mai. Ministro, non è nel contratto di governo(ANSA)

La cannabis è il nuovo fronte di scontro tra Lega e Movimento 5 Stelle. La proposta di legalizzazione “non passerà mai e non è nel contratto di governo”. Lo ha detto il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini sulla proposta di legge del Movimento 5 Stelle sulla cannabis, a margine dell’inaugurazione della sede dell’Ugl a Milano. “C’è qualche parlamentare che si preoccupa di legalizzare le canne – ha ribadito Salvini successivamente in una diretta su Facebook – Non è una priorità del paese non c’è nel contratto di governo”.

Sulla stessa linea Forza Italia.  “La tutela dei giovani dalle dipendenze è un impegno che tutto il quadro politico dovrebbe condividere. Ecco perché siamo fermamente contrari ala legalizzazione della cannabis proposta dal Movimento 5 Stelle e tanto superficialmente caldeggiato dallo sesso Beppe Grillo”. Lo dichiara la deputata di Forza Italia Annagrazia Calabria.

“Quello che viene definito ‘uso ricreativo’ della cannabis – prosegue – è, in realtà, un grave pericolo per le nuove generazioni, che devono essere avviate a maturare la cultura della salute e del rispetto di sé, non dello sballo. Peraltro, quella che imprudentemente viene definita ‘droga leggera’, come dimostrano molti studi apre le porte al consumo di stupefacenti pesanti e può causare l’insorgere di patologie psichiche latenti. Il senso di responsabilità deve prevalere sulla demagogia”, conclude

Sorgente: Cannabis legale, nuovo terreno di scontro tra Lega e M5S – Politica – ANSA.it

Presentazione Comitato #FIANCOAFIANCO Alessandria per Maurizio Martina Segretario

Presentazione Comitato #FIANCOAFIANCO Alessandria per Maurizio Martina Segretario

maurizio martina

Alessandria: Lunedì 14 Gennaio alle ore 15.00 presso la sede della federazione provinciale del Partito Democratico (in Via Inviziati, 14) è convocata la conferenza stampa di presentazione del comitato #fiancoafianco Alessandria, a sostegno della candidatura di Maurizio Martina segretario nazionale del Partito Democratico.

Saranno presenti: Daniele Viotti, eurodeputato PD e altri amministratori ed esponenti del partito di tutta la Provincia.