La tecnologia ci aiuta e da voce a tutti, ma il problema è chi ci ascolta, di Pier Carlo Lava

La tecnologia ci aiuta e da voce a tutti, ma il problema è chi ci ascolta

di Pier Carlo Lava

La tecnologia2

Alessandria today

Politici: Uscire dalla palude nella quale ci troviamo da molti anni si può, occorre però professionalità, lungimiranza, unione di intenti tra le forze politiche e idee di sviluppo, turismo (cittadella, ex ospedale militare, museo del cappello Borsalino, museo Marengo, valorizzare le opere realizzate dall’Architetto Ignazio Gardella, ecc.), cultura legata all’università, capacità di attrarre sul nostro territorio insediamenti del terziario e perchè no anche piccole industrie, potrebbero essere fra i motori per un rilancio.

Cittadini: La situazione attuale di Alessandria che tutti conosciamo, con impegno e nonostante gli incivili può comunque migliorare, ma non illudiamoci purtroppo non diventerà mai più come i passato… il mondo è cambiato e purtroppo in peggio…, ma non in tutto, ci sono alcune cose come ad esempio la tecnologia, che ci aiutano a comunicare più velocemente ad esprimere con maggiore facilità la nostra opinione, segnalare i problemi agli Enti locali e non solo interessati per competenza e ovviamente sperando di trovare ascolto…

foto arch. Ignazio Gardella: http://www.treccani.it

Le dichiarazioni dei politici sul Gran Premio Bordino di Alessandria

Abello locandina

DICHIARAZIONI

“Motori, cultura, spettacolo e divertimento sono questi gli ingredienti dell’appuntamento oramai consolidato  che la Città di Alessandria ha con il Gran Prix Bordino. Un evento giunto alla XXIX edizione e che guarda alla Città di Alessandria, ideale porta del Monferrato, come punto di partenza ed arrivo della competizione. Una manifestazione che oltre la competizione motoristica, mira a diffondere la cultura del motorismo storico coinvolgendo tutti gli attori del territorio con interessanti eventi come corollario che ne amplificano il valore, rendendo questo  evento un momento di intrattenimento qualificante per il nostro territorio  che, pertanto, siamo lieti di  patrocinare”.

Il Sindaco di Alessandria

“Il Gran Prix Bordino è giunto alla sua XXIX edizione. Si tratta di una manifestazione che è cresciuta nel tempo e che può considerarsi un fiore all’occhiello tra i nostri eventi, per l’interesse non solo sportivo ma di recupero del nostro patrimonio storico culturale. Oltre a creare attrattività e far parlare del nostro territorio, crea e stimola riflessioni sul mondo dei motori a 360 gradi, celebrando il grande passato di Alessandria come capitale dei motori negli anni ’20 e ’30 del secolo scorso.

Grande attenzione alla competizione sportiva, ma anche all’abbigliamento da utilizzare, mostre fotografiche, un concorso per le scuole e non ultimo la novità di un Gran Prix per i più piccoli in collaborazione con Unicef, fanno di questo evento un appuntamento non fine a se stesso, ma profondamente radicato nel nostro tessuto sociale che merita certamente di essere valorizzato e sostenuto”

L’assessore alle Manifestazioni ed Eventi Continua a leggere “Le dichiarazioni dei politici sul Gran Premio Bordino di Alessandria”

Il bene comune prima di tutto, di Pier Carlo Lava

Il bene comune prima di tutto, di Pier Carlo Lava

Ascolto dei cittadini e attenzione ai problemi della città.

La politica va intesa esclusivamente come servizio alla comunità, il bene comune prima di tutto, le buone idee non hanno colore politico e i problemi da risolvere nemmeno.

Alessandria: Polemiche inutili e sterili contrapposizioni non portano da nessuna parte, occorre invece dialogo e condivisione di intenti, per risolvere i problemi occorre fare i fatti e ciascuno deve fare la propria parte. Nella mia concezione di politica è fondamentale l’ascolto dei Cittadini e l’attenzione ai problemi della città.

ascolto

A questo proposito come cittadino metto in pratica le mie esperienze di lavoro come ex Dirigente Industriale: Pragmatismo, onestà. trasparenza, programmazione, metodo e organizzazione, impegno ed efficenza, lavoro per obiettivi e valutazione dei risultati raggiunti.

Sono dell’avviso che chiunque si accinga a fare politica e dichiari che non accetterà mai compromessi non possa essere molto credibile. Ritengo però che i compromessi siano solo l’ultima ratio e vanno accettati a condizione che i risultati che ne scaturiscono, generino un ritorno positivo nell’esclusivo interesse generale e non di una singola casta.

L’opinione più diffusa fra i Cittadini e purtroppo devo ammettere con giusta ragione è che ci sono politici, che fanno solo parole e polemiche strumentali nei confronti dei competitor, pensando esclusivamente alla propria poltrona. Continua a leggere “Il bene comune prima di tutto, di Pier Carlo Lava”

Auguri di Buon Anno 2019 a tutti e un messaggio ai politici…

Auguri di Buon Anno 2019 a tutti e un messaggio ai politici…

Oggi è l’alba di un nuovo anno, il 2019

Alessandria: Il 2018 ci ha appena appena lasciati, si è chiuso un anno nel quale sono accaduti molti fatti, alcuni positivi, altri decisamente negativi, ed altri ancora terribili. Alcuni amici ci hanno lasciati, ma non li dimenticheremo mai, rimarranno per sempre nei nostri pensieri, nuovi amici sono arrivati, anche insieme a loro continueremo il nostro cammino.

Schermata 2019-01-01 a 17.33.30

Oggi è l’alba di un nuovo giorno, la prima dell’anno 2019, il libro è ancora bianco, tutto quello che succederà nel mondo e a tutti di noi è ancora da scrivere e sarà compito nostro farlo, facciamo si che il 2019 sia un anno migliore e il mondo ci ringrazierà.

Nel 2019 ci saranno le elezioni europee, ai politici chiediamo una cosa sola, siate lungimiranti, onesti ed efficienti, ridate al nostro paese concrete prospettive per un futuro migliore.

Infine ma non ultimo, un pensiero particolare a chi si trova in condizioni disagiate, affinchè il nuovo anno sia foriero di soluzioni per risolvere tutti i loro problemi.

Auguri di Buon Anno 2019 a tutti.

Pier Carlo Lava

Genova. Abbiamo un sacco di moralisti da strapazzo, di Rossana Massa

Genova. Abbiamo un sacco di moralisti da strapazzo, di Rossana Massa

39568552_1886649151382501_3921131384051073024_n

Abbiamo un sacco di moralisti da strapazzo, viziati da un cattolicesimo incarnito, che volevano la folla genovese in religioso silenzio, ai funerali.
Come si confà al popolo, insomma. Beh, credere che possa tacere in caso di una disgrazia che lo sia per modo di dire ( non si tratta di una calamità naturale né dell’imprevedibile) è veramente pensare a una platea di sottoposti.
In nome di chi e che cosa,poi?
Degli azionisti della Società Autostrade perché spuntano qui e là pensierini della sera a chi abbia investito i suoi soldini in qualcosa che sì, era Benetton, ma non era soltanto Benetton.
Io dico soltanto una cosa : era prevedibile che l’ambiente fosse amareggiato e rumoroso.
Io tuttavia mi sarei guardata bene dal tributare omaggi a un governo che ancora non ha fatto un granché in merito perché si è insediato da poco. Avrei espresso una rabbia che fosse di monito (e di sfogo) a chiunque pensi al popolo come una folla di minchioni.
Anche perché non è stata una disgrazia.
Continua a leggere “Genova. Abbiamo un sacco di moralisti da strapazzo, di Rossana Massa”

Genova. Applausi e selfie con i Ministri lasciano sgomenti, di Marco Sappino

Genova. Applausi e selfie con i Ministri lasciano sgomenti, di Marco Sappino

Marco Sappino

Hanno colpito molti quegli applausi, quei selfie con i ministri ai funerali di Genova. Certamente sono il segnale di uno stato d’animo diffuso che manifesta un rigetto delle regole della democrazia così come le abbiamo conosciute per decenni e di una sovranità popolare che si esprime “nelle forme e nei limiti della Costituzione”.

Rabbia, demagogia, isterismi hanno ormai campo libero e un certo spirito (fintamente) sovversivo è alimentato dallo stesso vertice istituzionale, Mattarella escluso, nel silenzio assordante o nel balbettio di opposizione, sindacati, associazioni.

Sembrano esserci solo le forze della solidarietà ad arginare con atti concreti questa deriva, tra le macerie di un ponte crollato o tra le onde di un mare diventato improvvisamente lontanissimo dalle nostre coste e dai nostri sguardi.

Certo, gli applausi di Genova fanno male a chi cerchi di mantenere una linea di condotta affidata alla ragione, alla condivisione, alla lungimiranza. Continua a leggere “Genova. Applausi e selfie con i Ministri lasciano sgomenti, di Marco Sappino”

Attenzione ai venditori di fumo!, che fine ha fatto il bene comune del paese?, di Pier Carlo Lava

Attenzione ai venditori di fumo!, che fine ha fatto il bene comune del paese?, di Pier Carlo Lava

I Politici sono i migliori venditori di fumo.

1 attenzione

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Nella mia attività nel mondo delle vendite in qualità di Sales Manager in diverse Società nel settore food, ho avuto modo di conoscere le caratteristiche di circa 500 venditori e 100 ispettori.

Durante il percorso ho individuato quelle che all’epoca ebbi modo di definire le tre categorie di venditori, una maggioranza di mediocri raccoglitori di ordini, degli ottimi venditori e i venditori di fumo, questi ultimi rappresentavano un esigua minoranza.

Come purtroppo ben sappiamo da alcune decine di anni una gran parte dei politici, in particolare durante le campagne elettorali che ora durano l’intera legislatura, sono avvezzi ad avanzare promesse mirabolanti che quasi mai mantengono.

Purtroppo gli stessi continuano continuano imperterriti su questa linea, ben sapendo che la massa degli elettori italiani continueranno a crederci, come se il passato non esistesse, segno evidente che hanno la memoria decisamente corta.

Venendo alla politica italiana di questi ultimi tempi, va osservato che dopo due mesi di relativa tregua, con atteggiamenti incredibilmente moderati e disponibilità al dialogo (cosa sempre rara) ora alla luce dell’impossibilità di trovare accordi per definire un Governo, anche a seguito dei vari veti incrociati, la Lega no al PD, il M5S si alla Lega ma senza Berlusconi e quindi Forza Italia, no ad accordi del PD con il Centro destra e il M5S, ecc. Continua a leggere “Attenzione ai venditori di fumo!, che fine ha fatto il bene comune del paese?, di Pier Carlo Lava”

Ma quali garantisti!, di Elvio Bombonato

Ma quali garantisti!, di Elvio Bombonato

giustizia1

“Tutti quelli che in questo paese dicono di essere garantisti pensano soltanto a garantire i diritti dei delinquenti. Ne sentissi uno che pensa di garantire i diritti delle persone perbene!” Ieri sera nell’intervista su LA 7, Piercamillo Davigo, Presidente di Cassazione , ha “ripetuto” le mie considerazioni su FB. La cosiddetta microcriminalità non è un fatto statistico, che genera conforto quando cala, o quando si fa la gara insensata per stabilire se i delinquenti siano in maggioranza italiani o stranieri.

Essa non è affatto micro per chi subisce un furto, uno scippo, una truffa. Davigo ha sottolineato la gravità di questi reati, che violano le persone, soprattutto se anziane: non si riprenderanno più dallo shock e dall’umiliazione subiti, accelerando la propria senescenza. Per es., dice Davigo, i reati di truffa finiscono sempre in prescrizione (la quale cancella il reato, lasciando immacolato l’autore), mentre all’estero sono puniti con rigore. Se non è possibile prevenirli, il cittadino vorrebbe che i colpevoli fossero almeno puniti. Non accade, la scampano quasi sempre. Continua a leggere “Ma quali garantisti!, di Elvio Bombonato”

Che cosa vuol dire il termine eristica?

Schermata 2018-02-03 a 12.29.00

 

Redazione: Il termine eristica, sebbene risalga alla notte dei tempi, oggi è più che mai attuale in politica, in particolare durante la campagna elettorale, dove i politici con varie argomentazioni e una fluente dialettica, cercano di convincere i cittadini ad accettare le proprie tesi; negli ultimi tempi viene portato all’eccesso e in modo falsato, con tutte le conseguenze del caso, con l’avvento delle fake news sui social e non solo.

Il termine Eristica è l’arte di far prevalere la propria tesi, vera o falsa che sia, ricorrendo ai più sottili strumenti dialettici; nell’antichità fu coltivata particolarmente dalla tarda sofistica

All’eristica, non interessa se un discorso possa essere vero o falso né le definizioni delle parole che vengono impiegate; il suo unico fine è quello di confutare il proprio avversario e di persuaderlo di avere ragione mediante la retorica. Continua a leggere “Che cosa vuol dire il termine eristica?”

Voterò solo il “nome” che mi darà più garanzie

voto_675-675x275

da INFOSANNIO

(pressreader.com) di Antonio Padellaro – il Fatto Quotidiano – Il prossimo 4 marzo ( o quando sarà) intendo recarmi a votare (o a non votare) con le idee molto chiare. Esaminerò con attenzione ogni candidatura della mia circoscrizione nella quota maggioritaria.

Il prossimo 4 marzo ( o quando sarà) intendo recarmi a votare (o a non votare) con le idee molto chiare. Esaminerò con attenzione, una per una, ogni candidatura della mia circoscrizione nella quota maggioritaria. Si chiama sistema uninominale e dunque sceglierò tra i tanti il “nome” che mi darà più garanzie, come si fa quando si sceglie qualcuno di cui potersi fidare. Il medico che avrà cura della nostra salute (senza ingannarci). Il consulente finanziario che avrà cura dei nostri risparmi (senza truffarci). Il meccanico che avrà cura della nostra auto (senza rapinarci). Continua a leggere “Voterò solo il “nome” che mi darà più garanzie”

A cosa servono i politici mediocri?

politica-smemorata copia

di Pier Carlo Lava. Alessandria

I politici mediocri e incapaci si salvano perchè gli elettori hanno la memoria corta.

Innanzi tutto desideriamo sottolineare che abbiamo sempre segnalato i problemi della città, senza polemiche strumentali, con l’unico obiettivo di sollecitarne la risoluzione e lo abbiamo fatto nel corso di questi ultimi sette anni con tre diverse amministrazioni. 

Continueremo a farlo oggi e in futuro e indipendentemente da chi governerà, dato che a nostro avviso i problemi e le difficoltà relative alla città, che ogni giorno incontrano i cittadini non hanno un colore politico. La qualità di una classe politica si vede anche da come affronta e risolve quelli che da taluni vengono erroneamente definite questioni minori. Continua a leggere “A cosa servono i politici mediocri?”