Gian Luigi Sfondrini Commissario Straordinario dell’IPAB Lercaro

Gian Luigi Sfondrini Commissario Straordinario dell’IPAB Lercaro

Ovada-lercaro-casa-riposo

La Regione Piemonte ci ha comunicato con nota ufficiale che la Giunta Regionale ha deliberato di affidare al Dott. Gian Luigi Sfondrini l’incarico di Commissario Straordinario dell’IPAB Lercaro.  La stessa Giunta indica come mandato al Commissario di “provvedere alla gestione ordinaria e straordinaria dell’IPAB, di completare e definire gli appositi interventi organizzativi al fine di riequilibrare, sia da un punto di vista tecnico che finanziario la situazione complessiva del presidio, di provvedere al riordino del IPAB” secondo le indicazioni della legge regionale.

Tutti i punti indicati dalla Regione combaciano con esattezza con gli indirizzi e le attese dei Sindaci Ovadesi.

Non possiamo che augurare buon lavoro al nuovo Commissario garantendo il nostro sostegno.

Per i Sindaci dell’Ovadese 

Paolo Giuseppe Lantero                                                                                                                 

Ravetti: “Martedì prossimo in Consiglio Regionale si discuta della crisi Pernigotti.

Ravetti: “Martedì prossimo in Consiglio Regionale si discuta della crisi Pernigotti.

Facciamo di tutto per salvare stabilimento e lavoratori.

04/07/2017 - X LEGISLATURA - Ravetti

In questo contesto di crisi economica e occupazionale la notizia della possibile chiusura della Pernigotti di Novi Ligure è un dramma per i lavoratori e per le loro famiglie e una pesante perdita di un altro marchio rilevante, una delle più importanti e storiche realtà nel settore dolciario del nostro Paese.  

Per questo ho presentato un documento che sarà discusso e votato in Consiglio Regionale martedì 13 p.v.; questo atto formale è finalizzato a dare ancora più forza alla Giunta Regionale nel confronto attivato attorno al Tavolo di crisi già convocato presso il competente Ministero.

Occorre intervenire per scongiurare la chiusura dello stabilimento e per salvaguardare il più possibile i livelli occupazionali.

Domenico Ravetti

Consigliere Regionale – Capogruppo PD

Misure di risanamento della qualità dell’aria nel bacino padano – stagione invernale 2018/2019.

Misure di risanamento della qualità dell’aria nel bacino padano – stagione invernale 2018/2019.

tortona-ex-caserma-passalacqua-municipio-copia

Tortona: Nell’ambito dell’Accordo di programma per l’adozione, coordinata e congiunta, di misure finalizzate al miglioramento della qualità dell’aria nell’area del bacino padano, la Regione Piemonte ha introdotto, a partire dalla stagione invernale 2018/2019,  ulteriori limitazioni strutturali, finalizzate alla riduzione dell’immissione di inquinanti in atmosfera.

L’Amministrazione Comunale di Tortona ha pertanto provveduto ad integrare e modificare le precedenti ordinanze n. 15 del 29/01/2018, n. 16 del 30/01/2018 e n. 2018 del 26/09/2018, con le nuove disposizioni regionali.

In particolare, con ordinanza Sindacale n. 245 del 05/11/2018 si è provveduto ad introdurre quali limitazioni strutturali: Continua a leggere “Misure di risanamento della qualità dell’aria nel bacino padano – stagione invernale 2018/2019.”

CERENDERO  E  LA  CHIESA  DI  SAN  RUFINO, di Lorella Torti e Elvio Bombonato

CERENDERO  E  LA  CHIESA  DI  SAN  RUFINO

Schermata 2018-10-26 a 13.46.50

Raccontiamo la storia, affascinante e assurda, emozionante e irragionevole, di una chiesa antica, crollata agli inizi dell’ ‘800;  ricostruita, solenne e maestosa, alla fine del secolo, e di nuovo crollata.

Cerendero è un paese della Val Borbera, situato nella valle di Gordanella  sopra il torrente omonimo, noto per  le cascate di Gordena.  Fu abbandonato negli anni ‘60, ma ora viene ripopolato d’estate da una ventina di famiglie, che si sono organizzate per farlo rinascere. 

A poca distanza, nel bosco sotto il cimitero, esiste una chiesa monumentale, quasi una cattedrale, dedicata a San Rufino,  un eremita del VI secolo.  

Il suo documento più antico risale al 1248; divenne parrocchia autonoma (dipendeva già allora da Mongiardino) nel 1647; l’edificio subì gravi danni, causati da una frana, a partire dal 1790; dopo il crollo del tetto nel 1820, il declino irreversibile. Continua a leggere “CERENDERO  E  LA  CHIESA  DI  SAN  RUFINO, di Lorella Torti e Elvio Bombonato”

Sozzetti: La sanità, la ricerca e l’obiettivo Irccs per patologie ambientali per Alessandria. Finalmente la Regione riconosce che la candidatura si può presentare

Sozzetti: La sanità, la ricerca e l’obiettivo Irccs per patologie ambientali per Alessandria. Finalmente la Regione riconosce che la candidatura si può presentare

di Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

La sanità

Complici le elezioni che si avvicinano? Chissà. L’Italia è un paese strano e quasi nulla avviene per caso. Ma quello che è certo è che non sempre le parole (sui fatti bisogna ancora attendere) pronunciate sono estremamente chiare.

Questa volta, però, le cose sembrano stare davvero diversamente. “Ci sono le condizioni per preparare il dossier per la candidatura a Irccs (istituto di ricovero e cura a carattere scientifico) di Alessandria”.

Lo annuncia Antonio Saitta, assessore alla Sanità della Regione Piemonte, in chiusura dell’intervento al convegno ‘Sanità, ambiente e ricerca scientifica’ organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria in collaborazione con associazione Cultura e Sviluppo, Lamoro – Agenzia di sviluppo del territorio e Fondazione Solidal (l’incontro, ospitato nella sala conferenze di Palatium Vetus è stato patrocinato dall’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri e dall’Ordine degli infermieri della provincia di Alessandria).

La dichiarazione arriva dopo un discreto giro di parole sul valore della ricerca, sulle competenze in materia di sanità, ricerca e impresa che hanno di fronte a sé “spazi enormi di sviluppo”, sulla sanità “motore di sviluppo economico e di trasferimento e diffusione dell’innovazione”. Continua a leggere “Sozzetti: La sanità, la ricerca e l’obiettivo Irccs per patologie ambientali per Alessandria. Finalmente la Regione riconosce che la candidatura si può presentare”

Domenico Ravetti. La Regione Piemonte sosterrà la candidatura a Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Domenico Ravetti. La Regione Piemonte sosterrà la candidatura a Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Domenico Ravetti (Capogruppo PD-Consigliere Regionale). “Scelta di portata storica per la nostra provincia”

04/07/2017 -  X LEGISLATURA - Ravetti

Al convegno “Ambiente, Sanità, Ricerca Scientifica” organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria ho moderato un dibattito alla presenza degli Assessori all’ambiente Valmaggia, alla ricerca De Santis e alla Sanità Saitta.

Nella discussione è emerso il bisogno di tutelare il territorio in cui viviamo e l’impegno a rafforzare la ricerca scientifica in particolare nell’ambito sanitario.

Per la rete provinciale ospedaliera provinciale, per la sanità territoriale, per la formazione universitaria e per le opportunità economiche, l’annuncio di Antonio Saitta rappresenta un punto di svolta storico: la Regione Piemonte è pronta a sostenere la candidatura a Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico sulle patologie ambientali e in particolare sul mesotelioma. Tale riconoscimento consentirebbe alla Regione Piemonte di ottenere il primo Irccs pubblico e ai cittadini di avere a disposizione le migliori eccellenze sanitarie.

Domenico Ravetti

Presidente

Gruppo consiliare Partito Democratico

Paolo Borasio: Nuove disposizioni anti-Smog in attuazione delle Legge Regionale

Nuove disposizioni anti-Smog in attuazione delle Legge Regionale

Alessandria: La Regione Piemonte con D.G.R. n. 42-5805 del 20 ottobre 2017 ha dato attuazione agli impegni previsti dal “Nuovo accordo di programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell’aria nel bacino padano” approvando, oltre ai criteri di individuazione e gestione delle situazioni di perdurante accumulo degli inquinanti, nuove misure strutturali che prevedono la limitazione della circolazione di alcune tipologie di veicoli diesel a partire dalla stagione invernale 2018/2019.

A partire dal 1° ottobre 2018 sono, dunque, attive le seguenti misure stabili per la limitazione delle emissioni:

ord PLANIMETRIA STOP AUTO 2018-2019

  • divieto di circolazione dalle ore 0 alle 24 di tutti i autoveicoli dotati di motore diesel e di tutti i veicoli adibiti al trasporto merci (categoria N1, N2, N3) con omologazione inferiore all’EURO 1 (Direttiva 91/441/CEE, Direttiva 93/59/CEE, Direttiva 91/542/CEE)
  • divieto di circolazione veicolare dalle ore 8.30 alle 18.30 nei giorni feriali dal lunedì al venerdì dei autoveicoli dotati di motore diesel e adibiti al trasporto merci (categoria N1, N2, N3) con omologazione uguale a EURO 1 e EURO 2 (Direttiva 94/12/CE – Direttiva 96/69/CE, Direttiva 91/542/CEE)
  • divieto di circolazione veicolare dalle ore 8.30 alle 18.30 nei giorni feriali dal lunedì al venerdì e nel solo periodo invernale (1° ottobre – 31 marzo) dei veicoli dotati di motore diesel e adibiti al trasporto merci (categoria N1, N2, N3) con omologazione uguale a EURO 3 (Direttiva 98/69/CE, Direttiva 99/96/CE)
  • divieto di circolazione veicolare dalle ore 0 alle 24 nel solo periodo invernale ( 1° ottobre – 31 marzo) di tutti i ciclomotori o motocicli adibiti al trasporto di persone con omologazione inferiore all’Euro 1.
  • divieto per tutti i veicoli di sostare con il motore acceso;
  • obbligo di utilizzare, a partire dal 1° ottobre 2018, nei generatori di calore a pellets di potenza termica nominale inferiore ai 35 kW, pellets che siano realizzati con materiale vegetale prodotto dalla lavorazione esclusivamente meccanica di legno vergine e comunque materiali non contaminati da inquinanti;
  • il divieto di combustione all’aperto del materiale vegetale di cui all’articolo 182 comma 6-bis del decreto legislativo n. 152/2006 in tutti i casi previsti da tale articolo, nel periodo compreso tra il 1° ottobre di ogni anno e il 31 marzo dell’anno successivo, come disposto dall’Ordinanza Sindacale permanente n. 834 del 21.12.2017.

Continua a leggere “Paolo Borasio: Nuove disposizioni anti-Smog in attuazione delle Legge Regionale”

ALESSANDRIA A TEATRO: Stagione Teatrale della Città di Alessandria

ALESSANDRIA A TEATRO: Stagione Teatrale della Città di Alessandria

2018/2019

La Città di Alessandria presenta la Stagione Teatrale dell’anno 2018-2019 promossa con il supporto di Regione Piemonte, della Fondazione “Piemonte dal Vivo” e con il contributo di soggetti pubblici e privati.

La stagione teatrale viene realizzata con il diretto coinvolgimento di diverse realtà del territorio.

0-10

Si tratta, nello specifico, del Teatro Alessandrino — presente alla conferenza con Massimo Bagliani, direttore artistico Stagione Teatrale 2017-2018, e Paolo Pasquale, organizzatore della stessa —, della Compagnia Teatrale Stregatti — con il proprio direttore artistico Gianluca Ghnò e il direttore organizzativo Giusy Barone, del Teatro Ambra con la stagione ‘Ambra Brama di Teatro’ sotto la direzione artistica di Paolo Scepi e della Compagnia Teatrale Coltelleria Einstein, con i propri direttori artistici Giorgio Boccassi e Donata Boggio Sola.

Una proposta variegata, articolata in diversi spettacoli di diversa tipologia: un’offerta complessiva pensata per un pubblico dai molti interessi, diversificato per gusti e per età, che potrà godere di un carnet di proposte accomunate dalla fama e dalla grande qualità interpretativa di attori e registi, dalla originalità dei testi e degli allestimenti e non da ultimo, dal valore sia dei direttori artistici delle singole Stagioni e Rassegne sia della stessa notorietà e qualità delle Compagnie Teatrali direttamente coinvolte. Di seguito i dettagli delle singole proposte. Continua a leggere “ALESSANDRIA A TEATRO: Stagione Teatrale della Città di Alessandria”

Tortona: Cava Pecorara – accolte le richieste dell’Amministrazione comunale

Tortona: Cava Pecorara – accolte le richieste dell’Amministrazione comunale.

La Giunta regionale, con propria deliberazione del 31 agosto, pubblicata sul BUR il 6 settembre 2018, ha espresso Giudizio di compatibilità ambientale, sul progetto di recupero della cava Pecorara, sito utilizzato da Cociv per il materiale di scavo derivante dalla realizzazione della tratta AV/AC Terzo valico dei Giovi”.

Tortona Ex Caserma Passalacqua Municipio

La Regione Piemonte ha tenuto conto delle argomentazioni sostenute dall’Amministrazione Comunale di Tortona in sede di Conferenza dei Servizi, ammettendo il ritombamento della cava con materiale di scavo che rispetti i limiti più restrittivi, ancorchè il sito si trovi in area industriale.

Con il supporto di ARPA e ASL, il Comune di Tortona è riuscito ad ottenere questo importante risultato a salvaguardia dell’ambiente e della salute pubblica, scongiurando il rischio di possibili rischi derivanti dall’introduzioni di materiali potenzialmente pericolosi in una zona ricca di falde acquifere. Continua a leggere “Tortona: Cava Pecorara – accolte le richieste dell’Amministrazione comunale”

Ravetti, PD: La disponibilità di Chiamparino

Ravetti, PD: La disponibilità di Chiamparino

Ravetti

Questa mattina ero presente alla riunione di maggioranza dove abbiamo discusso del futuro dei piemontesi, della coalizione e del candidato alla Presidenza alle Regionali 2019. Considero la disponibilità di Sergio a ricandidarsi una buona notizia.

Noi dobbiamo raccogliere le esigenze dei cittadini e offrire loro risposte concrete, consapevoli e responsabili. Avremo come avversari quelli che fanno confusione su tutto e disinteressati a risolvere i problemi perché più attenti a raccogliere il consenso facendo leva sulle paure vere o indotte.

È per queste ragioni, e per tante altre, che sono certo che Chiamparino rappresenti per i prossimi anni una certezza per il Piemonte. Noi ora dobbiamo accettare questa sfida con passione civile ed entusiasmo politico.

Dobbiamo coinvolgere più persone possibili lungo questo cammino che sarà nuovo, forse anche difficile, ma è il cammino che serve per il futuro. Il gruppo dirigente del PD ora può giocare la partita più bella, quella per tornare ad essere utile e nuovamente una speranza per tutti.

Domenico Ravetti

Consigliere Regionale

Capogruppo PD

Progetto, “I percorsi urbani del commercio”, contributo Regione Piemonte

Progetto, “I percorsi urbani del commercio”, contributo Regione Piemonte

Ovada

Ovada: Abbiamo appreso in questi giorni che il progetto presentato dal Comune di Ovada nell’ambito del bando “I percorsi urbani del commercio” è stato ammesso a contributo dalla Regione Piemonte per la cifra di 413.164 Euro, a fronte di un valore complessivo del progetto definitivo presentato di 420.000 Euro. Il contributo regionale a fondo perduto sarà quindi di 123.949 Euro, mentre la restante parte potrà essere oggetto di finanziamento agevolato oppure fronteggiata con le disponibilità finanziarie del Comune.

Nel 2019 la parte di città a corona del centro storico (inizio via Cairoli, piazza XX Settembre, via Torino e inizio di via San Paolo) assumerà un aspetto migliore, grazie a un intervento che ha avuto l’appoggio e la condivisione anche delle Associazioni di categoria del commercio. I tecnici dovranno ora procedere all’ultima fase progettuale, quella esecutiva, che riteniamo possa essere conclusa nell’arco di un mese circa. Continua a leggere “Progetto, “I percorsi urbani del commercio”, contributo Regione Piemonte”

Ilva, chiesto un incontro con il Ministro Di Maio

Ilva, chiesto un incontro con il Ministro Di Maio

Novi Ligure

Novi Ligure: DA REGIONE PIEMONTE E COMUNI DI NOVI E RAGGONIGI

Il Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, in accordo con i Sindaci di Novi Ligure e Racconigi, rispettivamente Rocchino Muliere e Valerio Oderda, ha chiesto un incontro al Ministro del Lavoro Luigi Di Maio per discutere sulla complessa situazione relativa al gruppo Ilva.

Certi di poter portare un contributo alla discussione sul futuro dell’azienda e dei lavoratori – si legge nella missiva – la Regione Piemonte e le Amministrazioni comunali di Novi Ligure e Racconigi chiedono di essere convocate con gli altri enti locali agli incontri del tavolo aperto sulla delicata vicenda.

«Siamo molto preoccupati per l’Ilva – commenta il Sindaco Rocchino Muliere – azienda strategica e vitale per la nostra Nazione e per il territorio piemontese e, naturalmente, novese. Personalmente credo che l’Italia non possa fare a meno della siderurgia e che l’Ilva non vada chiusa. Lo stabilimento di Novi deve avere un futuro per il benessere delle famiglie dei lavoratori e per il tessuto economico della città. Mi auguro – conclude Muliere – che l’incontro possa fare chiarezza sulla vicenda della cessione del gruppo e sui necessari investimenti per il risanamento ambientale ed il rilancio dell’azienda siderurgica». 

L’Ufficio Stampa

Medicina, dieci borse di studio in più dalla Regione

1529923351891.jpg--medicina__dieci_borse_di_studio_in_piu_dalla_regione

UNIVERSITÀ

Medicina, dieci borse di studio in più dalla Regione

La Regione Piemonte aumenta anche quest’anno i posti a disposizione per gli specializzandi in Medicina delle università piemontesi: ci saranno perciò dieci borse di studio supplementari, che vanno ad aggiungersi alle dieci già previste per lo scorso anno accademico. “Anche in questa occasione ci siamo concentrati sulle situazioni che presentavano le maggiori criticità, facendoci carico di un problema che non sarebbe competenza della Regione – precisa l’assessore Saitta – Resta il tema dei fabbisogni che, sia in Piemonte che a livello nazionale, sono decisamente più elevati: la Conferenza Stato-Regioni ha dato il via libera al numero complessivo delle borse, che sono 6.200 a fronte di una richiesta delle Regioni di 8.569, quindi 2.369 in meno, ma solo a fronte dell’impegno del governo ad aumentare le risorse dal prossimo anno e a dare precedenza nel riparto immediato alle situazioni con maggiore carenza”. “Ho affrontato il problema nei giorni scorsi in occasione dell’incontro avuto con il ministro Grillo in qualità di coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni – aggiunge Saitta – Il ministro si è dichiarato disponibile ad occuparsi della questione e la incontrerò nei prossimi giorni per definire le modalità operative da mettere in campo. Continua a leggere “Medicina, dieci borse di studio in più dalla Regione”

Ravetti, PD: POLEMICHE INUTILI

Ravetti, PD: POLEMICHE INUTILI

04/07/2017 -  X LEGISLATURA - Ravetti

Ad ottobre 2017 con un emendamento votato all’unanimità in Aula al Piano Obiettivi di Ires avevo chiesto l’elaborazione di uno studio sull’edilizia sanitaria in provincia di Alessandria. Lo studio di Ires è stato consegnato in questi giorni e mette in campo alcune ipotesi su cui lavorare. Ipotesi che prescindono in larghissima misura dalla riforma sanitaria Saitta – Chiamparino. Ires evidenzia che sono nelle disponibilità di Aso e Asl Alessandria edifici con un potenziale per oltre 700 posti letto in eccedenza rispetto al bisogno di salute dei cittadini. Da ciò ne deriva che le Istituzioni locali possono mantenere tutto com’è, oppure riempire gli spazi vuoti con servizi territoriali magari legati al piano cronicità, oppure costruire una struttura da 320 posti letto tra Novi Ligure e Tortona, notizia nemmeno tanto originale visto che il dibattito e il relativo studio su un ospedale tra Novi e Tortona era stato alimentato da più versanti politici negli anni scorsi. Io capisco tutto, anche quello che  volte è bene non capire. Ma i porti da chiudere sarebbero quelli delle polemiche inutili. Per questa ragione ho chiesto al Presidente della Provincia di Alessandria di organizzare un incontro pubblico per la presentazione dello studio di Ires, una presentazione senza i simboli dei Partiti. 

Domenico Ravetti

Presidente Gruppo Consiliare PD

Sozzetti: Sanità, i direttori si parlano e ‘integrazione’ è la parola d’ordine. Ecco come potrebbero cambiare l’ospedale di Alessandria e l’Asl Al, dove la squadra è già completa

Sozzetti: Sanità, i direttori si parlano e ‘integrazione’ è la parola d’ordine. Ecco come potrebbero cambiare l’ospedale di Alessandria e l’Asl Al, dove la squadra è già completa

Sanità

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

La parola è sempre e solo “integrazione”. Seguita da “allineamento di vedute, sinergia, coordinamento, dialogo”. Giacomo Centini e Antonio Brambilla (nella foto da sinistra), rispettivamente direttori dell’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ di Alessandria e dell’Asl Al, sono alla prima settimana di lavoro nel capoluogo, sono ovviamente ancora impegnati nel viaggio all’interno delle aziende, ma hanno scelto di presentarsi pubblicamente subito in una conferenza stampa durante la quale hanno ribadito gli obiettivi di mandato, fissati dalla Regione Piemonte, assicurando la totale sintonia di pensiero nel nome della “integrazione per fornire servizi migliori” (parole di Antonio Saitta, assessore regionale alla Sanità) che non è apparsa solo un mantra istituzionale, bensì come una precisa scelta professionale. Continua a leggere “Sozzetti: Sanità, i direttori si parlano e ‘integrazione’ è la parola d’ordine. Ecco come potrebbero cambiare l’ospedale di Alessandria e l’Asl Al, dove la squadra è già completa”