Roberto Speranza: Ricostruzione: Assemblea 16 dicembre relazioni e interventi

Roberto Speranza: Ricostruzione: Assemblea 16 dicembre relazioni e interventi

Care e cari, innanzitutto grazie a tutti per il lavoro che ha reso bellissima la giornata di “Ricostruzione”. Grazie a quanti sono venuti a Roma, riempiendo la sala dell’Auditorium. Grazie anche ai tanti che ci hanno seguito da casa grazie allo streaming, qui il video della giornata, e ai social network, a chi ha lavorato alle assemblee che hanno preparato questo appuntamento nei territori e ai tanti che continueranno a informarsi e a partecipare condividendo e arricchendo i documenti e i video che vi inviamo con questa newsletter e che continueremo a condividere nei prossimi mesi. Di seguito il testo della relazione di Roberto Speranza che illustra anche il percorso verso il prossimo appuntamento nazionale il 16 e il 17 febbraio. Qui il video della relazione.

roberto Speranza

Articolo 1 MDP

Relazione del Coordinatore nazionale di Articolo1MDP, Roberto Speranza  

Grazie a tutti per essere qui. La vostra presenza straordinaria è la prima fondamentale mattonella per quella ricostruzione di cui c’è molto bisogno. Abbiamo scelto la parola giusta, ne sono convinto. Bisogna ricostruire tutto perché tutto è cambiato in pochi mesi. Nel mondo, in Europa, in Italia. Nell’economia, nella società, nella politica. Serve un discorso nuovo e soprattutto un pensiero nuovo per riattrezzare la Sinistra in questo tempo e organizzare un’alternativa alle destre nel nostro Paese.
Il primo messaggio di fondo di questa giornata è che non ci arrendiamo. Non ci rassegniamo. Vogliamo batterci per rialzare le nostre bandiere e costruire l’alternativa. Abbiamo scelto di aprire con tre relazioni esterne di importanti personalità che voglio sinceramente ringraziare proprio per questa ragione. Oggi nessuno basta a se stesso. E serve, nel profondo, rimettere tutto in discussione. Servono idee, esperienze ed energie nuove. Serve aprire porte e finestre. Qui e ora.
Continua a leggere “Roberto Speranza: Ricostruzione: Assemblea 16 dicembre relazioni e interventi”

Roberto Speranza: Siamo ancora in tempo, ma adesso solo un vero congresso può salvare LeU 

Roberto Speranza: Siamo ancora in tempo, ma adesso solo un vero congresso può salvare LeU 

La settimana scorsa il coordinamento nazionale di Articolo Uno Mdp ha ribadito la volontà di procedere nella trasformazione di LeU in un soggetto autonomo della sinistra e del lavoro e mi ha dato mandato a verificare definitivamente la fattibilità di tale obiettivo.

roberto-speranza

Abbiamo riaffermato la volontà di investire tutte le nostre energie in questo percorso, ribadendo la disponibilità di Mdp ad avviare un nuovo processo compiutamente democratico che porti al superamento delle attuali esperienze organizzative per dare vita a una nuova forza autonoma della sinistra. Io non ho rinnovato il nostro esecutivo proprio in vista di tale scenario.

Oggi, dinanzi a un quadro politico sempre più allarmante e all’approssimarsi di appuntamenti elettorali di primaria importanza, non si può più indugiare. È il momento di passare dalle parole ai fatti.

Per questo ho incontrato Pietro Grasso e Nicola Fratoianni chiedendo di accelerare nella fase costituente di Liberi e Uguali. È oggettivo che tra le forze politiche in campo ci siano differenze significative nella prospettiva politica più generale che si vuol perseguire e, conseguentemente, sul come affrontare le prossime elezioni amministrative ed europee. Nascondere queste differenze non sarebbe onesto con la nostra gente. Continua a leggere “Roberto Speranza: Siamo ancora in tempo, ma adesso solo un vero congresso può salvare LeU “

Col coraggio delle nostre idee: IUS SOLI la battaglia riparte

Col coraggio delle nostre idee: IUS SOLI la battaglia riparte

Intervento su Huffington Post di Roberto Speranza

Domani la proposta di legge sullo “Ius Soli” torna in parlamento. Alle 15 infatti nella commissione affari Costituzionali della Camera dei Deputati si svolgerà la prima seduta dedicata alla proposta di legge firmata dai 14 deputati di LeU (primo firmatario Laura Boldrini) che prevede nuove norme sulla cittadinanza. Il testo presentato riprende il lavoro compiuto da importanti associazioni laiche e cattoliche che, per prime nel nostro Paese, hanno visto il problema discriminatorio che le attuali norme sulla cittadinanza provocano.

col coraggio 1acol coraggio 1aa

Per me è un onore essere relatore di questo provvedimento. Svolgerò tale ruolo con passione e convinzione. Si tratta di una battaglia sacrosanta tanto più in un tempo in cui la destra avanza e costruisce ogni giorno una nuova egemonia nel Paese. A questo vento che tira forte non si risponde nascondendosi o rinunciando alla propria visione, come troppo spesso, purtroppo, ha fatto la sinistra.

Una nuova stagione, alternativa a quella in cui viviamo, si può aprire solo col coraggio delle proprie idee e del proprio punto di vista. E allora avanti con questa battaglia culturale avendo in mente prima di tutto i circa 850.000 minori stranieri che frequentano le nostre scuole, che vivono ogni giorno con i nostri figli, ma che sono ancora cittadini di serie B. È una clamorosa ingiustizia che indebolisce la coesione sociale del nostro Paese e che finirà col pregiudicare il futuro di intere generazioni di nuovo italiani. Continua a leggere “Col coraggio delle nostre idee: IUS SOLI la battaglia riparte”

Né col PD né con la sinistra antagonista. Noi fedeli al vero progetto di LeU. Intervista a Roberto Speranza

Né col PD né con la sinistra antagonista. Noi fedeli al vero progetto di LeU. Intervista a Roberto Speranza


Care e cari, vi inviamo il testo dell’intervista che il nostro coordinatore nazionale Roberto Speranza ha rilasciato oggi ad Alessandro De Angelis, vicedirettore di HuffingtonPost

 

Roberto Speranza

Speranza, che fine avete fatto? Anche voi sembrate afoni, ancora sotto shock, incapaci di indicare una prospettiva. Vi state anche lacerando al vostro interno.

Le parlo con franchezza: sono rammaricato e incazzato, scriva proprio così.

Incazzato?

Parliamoci chiaro: Leu è oggettivamente paralizzata sul piano politico e organizzativo e divisa sulla prospettiva strategica. Questo status quo non è più sostenibile e i nodi che ci sono vanno definitivamente sciolti.

Vanno sciolti i nodi o vi state sciogliendo voi?

Siamo in un ritardo clamoroso rispetto alla costruzione di una prospettiva. È innegabile che ci siano problemi e differenze tra noi. Io dico questo: avevamo accettato il troppo lento percorso a due fasi approvato dall’assemblea del 26 maggio per spirito unitario. Ora però è il momento di una svolta e serve una operazione verità su come stanno le cose. Continua a leggere “Né col PD né con la sinistra antagonista. Noi fedeli al vero progetto di LeU. Intervista a Roberto Speranza”

Decreto Dignità, la posizione di, Di Maio M5S e dei politici di opposizione, pro e contro

Decreto Dignità, la posizione di, Di Maio M5S e dei politici di opposizione, pro e contro

di Pier Carlo Lava

A seguire le posizioni sul Decreto Dignità, di Luigi Di Maio M5S, Matteo Renzi PD, Silvio Berlusconi Forza Italia, Roberto Speranza LeU, Carlo Calenda PD e Teresa Bellanova PD.

Un tema che riveste una fondamentale importanza per quanto concerne: lavoro, occupazione, imprese e futuro del paese, sul quale preferiamo non esprimere la nostra opinione, per lasciare ai lettori farsene una propria, che saremmo lieti di leggere nell’apposito spazio riservato ai commenti sotto il post.

 

Luigi Di Maio M5S

Il pd ha presentato un emendamento per sopprimere l’articolo del decreto dignità che aumenta i risarcimenti per i lavoratori che vengono licenziati ingiustamente.

Nel dettaglio il decreto dignità porta le mensilità minime di risarcimento da 4 a 6 e quelle massime da 24 a 36. Come si può essere contrari a una norma che dà un giusto indennizzo ai lavoratori che subiscono degli abusi? Il loro emendamento non servirà a nulla perché finalmente ormai sono minoranza, ma il segretario del pd potrebbe spiegare a tutti perché un partito di “sinistra” si schiera contro il riconoscimento di maggiori diritti a chi lavora?

Per me è incomprensibile. Da parte nostra continueremo a difendere ed estendere i diritti sociali dei lavoratori e delle lavoratrici, esattamente quello che il pd non ha fatto in tutti questi anni.
Andremo avanti col massimo delle energie perché so che siete con noi, con un governo che finalmente pensa ai cittadini e non alle lobby. Insieme stiamo cambiando l’Italia!

Roberto Speranza Liberi e Uguali

“Sono un uomo di sinistra, eletto nelle liste di Liberi e Uguali. Qualche giorno fa ho depositato formale denuncia contro il ministro Matteo Salvini per istigazione all’odio razziale ai sensi della ex legge Mancino. So di aver assunto una posizione controvento, ma dinanzi a questioni di carattere costituzionale è giusto essere intransigenti”, dice Speranza, che poi sottolinea: “Con la stessa chiarezza voglio dire che non avrò in Parlamento un atteggiamento pregiudiziale nei confronti del Decreto Dignità. Le aspettative, dopo le prime dichiarazioni attorno ai diritti dei riders, erano molto più alte di un testo che pare piuttosto rinunciatario sulle questioni del lavoro e mal orientato su quelle fiscali. Eppure ci sono almeno tre punti su cui ho una opinione favorevole e attorno a cui spero il lavoro parlamentare possa portare un ulterioreavanzamento”. Continua a leggere “Decreto Dignità, la posizione di, Di Maio M5S e dei politici di opposizione, pro e contro”

Liberi e Uguali: “Non si può più aspettare”. #Restart, il testo della relazione di Speranza

Liberi e Uguali: “Non si può più aspettare”. #Restart, il testo della relazione di Speranza

unnamed

Sabato 12 maggio a #Restart dopo un lungo dibattito  è stata approvata all’unanimità la relazione di Roberto Speranza. Ecco il testo integrale.
Sul sito di radio radicale la registrazione video di tutti gli interventi della giornata).

Relazione Roberto Speranza

La nostra assemblea nazionale arriva proprio nei giorni in cui il voto del 4 marzo produce il suo sbocco politico, con la probabile nascita di un governo Salvini-Di Maio con il beneplacito di Berlusconi. Sono ancora prudente, ma se le cose andassero avanti e si uscisse dal cortocircuito istituzionale in cui siamo, si tratterebbe di un governo inedito nella storia repubblicana, con l’intesa tra due forze politiche che hanno ottenuto un’ampia legittimazione popolare sulla base di una domanda di capovolgimento dello status quo. Sono forze che nulla hanno a che fare con le categorie classiche con cui abbiamo interpretato la politica negli ultimi due secoli.

Probabilmente nascerà un governo con lo sguardo rivolto a destra come mai si era visto prima. Lo scenario preoccupante che si apre non era inevitabile. Ci sono responsabilità chiare e precise di chi poteva costruire un equilibrio più avanzato evitando la saldatura tra la Lega e i 5 Stelle e non ha avuto il coraggio di assumersi le proprie responsabilità. Invece si è tifato per questo sbocco, giocando sulla pelle del Paese, pensando di poter lucrare qualche vantaggio. Continua a leggere “Liberi e Uguali: “Non si può più aspettare”. #Restart, il testo della relazione di Speranza”

Assemblee territoriali di Liberi e Uguali 

Liberi e Uguali

Delegate e Delegati delle Assemblee territoriali di Liberi e Uguali, candidati e candidate, volontarie e volontari, elettrici ed elettori,  

E’ con profonda gratitudine che vi scrivo questa lettera.

Senza il vostro impegno e la vostra passione non saremmo riusciti a portare Liberi e Uguali in Parlamento. Grazie, dunque, per lo straordinario lavoro che avete svolto in queste settimane intense e difficili. Settimane nelle quali, città per città, strada per strada, avete raccontato, in centinaia di iniziative, le ragioni del nostro impegno politico e le nostre proposte programmatiche. Più di un milione di persone ci ha votato: sentiamo la responsabilità di non deludere la fiducia che ciascun elettore ci ha accordato. I deputati e senatori di Liberi e Uguali che ci rappresenteranno nella XVIII Legislatura apriranno con le altre forze politiche un confronto trasparente e serio sulle possibili convergenze per poter realizzare la nostra agenda politica. Lo faremo in Parlamento, il luogo deputato al confronto e alla discussione democratica. Allo stesso tempo ribadiamo che non saremo disponibili a partecipare ad operazioni innaturali con la destra.  Continua a leggere “Assemblee territoriali di Liberi e Uguali “