“Da ora chi tace è complice”, il primo manifesto anti-Salvini è firmato dalla cultura pop

“Da ora chi tace è complice”, il primo manifesto anti-Salvini è firmato dalla cultura pop

11390854-801c-11e8-9901-6729de8f12eb_rolling-31098-kQ0F-UKqVXeO3PU3MF2N-1024x900@LaStampa.it

Mobilitazione di cantanti e attori su Rolling Stone: «Costretti a battaglie di retroguardia, questi politici sono pericolosi»

PIERO NEGRI  MILANO

«Noi non stiamo con Salvini. Da adesso chi tace è complice», avvisa la copertina dell’edizione italiana di «Rolling Stone», da oggi in edicola. E nell’editoriale, non firmato ma attribuibile al direttore editoriale Massimo Coppola, si scrive: «Ci troviamo costretti a battaglie di retroguardia, su temi che consideravamo ormai patrimonio condiviso e indiscutibile. I sedicenti “nuovi” sono in realtà antichi e pericolosi, cinicamente pronti a sfruttare paure ancestrali e spinte irrazionali».  

INTERVISTA Di Maio: “Con noi l’Ue deve cambiare, voglio fisco e welfare uguali per tutti”    Continua a leggere ““Da ora chi tace è complice”, il primo manifesto anti-Salvini è firmato dalla cultura pop”