Intervista a 360° allo scrittore alessandrino Piero Milanese, di Lia Tommi

Alessandria: Ho incontrato Piero Milanese, noto scrittore alessandrino, in un elegante caffè sotto i portici della splendida Piazza Garibaldi. È una persona semplice, immediata e spontanea.

– Gli chiedo innanzitutto di raccontarci qualcosa della sua vita.

Risponde che è nato nel 1947 ad Alessandria. Lavorava come tecnico elettronico in aziende del gruppo FIAT su sistemi di automazione varia e componentistica per auto, dal 2002 è in pensione. Da sempre appassionato di letteratura, nel 1975 pubblica il romanzo «Il posto alla FIAT». Nel 1998 pubblica la raccolta di poesie dialettali «El cór an Piasa» (Il cuore in Piazza) cui seguono i premi letterari «Cesare Pavese» al Grinzane Cavour nel 2000, e due «Guido Gozzano» a Terzo d’Acqui nel 2001 e nel 2016, per altre sue raccolte inedite di versi. Nel 2012 collabora con l’Istituto per la Storia della Resistenza di Alessandria alla stesura dell’antologia «El lén-ni an Tani» (Le lune in Tanaro) del poeta Giovanni Rapetti. Altri suoi saggi sull’opera di questo poeta compaiono ne «Il canto di Orfeo» (Atti del convegno internazionale di Rocca Grimalda, 2012), e nel volume «Fame e abbondanza» (2017) patrocinato dall’IRCrES-CNR e dalla CRT.
Nel 2013 torna al romanzo con «Parola sospesa» cui seguono nel 2014 «Amamialfredo», nel 2015 «La scappatella», e nel 2016 «La violinista – Amore e guerra nella Repubblica Partigiana dell’Ossola», tutti pubblicati dalle edizioni «Araba Fenice» di Cuneo. Vive con la moglie a Fubine, nel Monferrato alessandrino.

– Veniamo all’attività di scrittore: domando quali sono i quattro romanzi che ha scritto e se hanno un filo conduttore.

Denominatore comune ai quattro romanzi è il rapporto tra l’individuo e la Storia, lo svolgersi delle vicende particolari dei personaggi intrecciate ad avvenimenti politici e sociali del periodo preso in esame.
Nei primi tre, Parola sospesa, Amamialfredo, La scappatella (la cosiddetta “trilogia degli anni ’60) sono appunto gli anni del boom economico, della contestazione, del terrorismo e dell’emancipazione femminile a fornire gli spunti per lo sviluppo delle trame.Il quarto, La violinista, rappresenta invece una riflessione sugli anni precedenti, non vissuti dall’autore, ma diretti ispiratori di quell’idealità, la Resistenza, cui direttamente o indirettamente fanno riferimento tutti i suoi lavori (in Parola sospesa emerge ad esempio, anche se in maniera acerba e indefinita, un’ipotesi di Unione Europea proprio nella love story di due giovani di nazionalità diversa).

Continua a leggere “Intervista a 360° allo scrittore alessandrino Piero Milanese, di Lia Tommi”

La vita Silente, di Sisti Luisa

La vita Silente, di Sisti Luisa

È in via di pubblicazione la seconda e ultima parte della storia appassionata di Guido e Laura! Chi avesse perso la ‘prima puntata’ può richiedere a luisa.sisti@hotmail.it o via w.app una copia autografata de “La vita silente” scontata del 40% (9€) da portare sotto l’ombrellone…

41IVXRU+zrL._SX313_BO1,204,203,200_.jpg

Roma, 1963. Laura Savini è una giovane giornalista ambiziosa e sognatrice che scrive per l’inserto culturale del settimanale “Roma Oggi”. Guido Vivanti è un maturo e all’apparenza gelido professore di filologia romanza dell’Università di Roma incatenato da anni in un matrimonio senza amore.

Durante un’intervista, tra i due nasce un’istintiva attrazione mascherata da amicizia, che si muove tra frustrazioni e desideri irrisolti. Anche perché dietro la fredda apparenza di Guido si nasconde il poeta Jaufre d’Aquitaine.

“La vita silente” è il racconto intenso di una grande passione attraverso gli occhi di una donna desiderosa di sentimenti travolgenti e la scoperta delle emozioni in un uomo complesso, da sempre alla ricerca di un senso poetico della vita.

https://www.amazon.it

Maura Mantellino, ‘Il dono più bello’ di Fiorella Fiorenzoni

Maura Mantellino, ‘Il dono più bello’ di Fiorella Fiorenzoni

E’ in uscita tempo fa il racconto ‘Il  dono più bello’ dell’autrice Fiorella Fiorenzoni edito da La collina dei ciliegi. 

Il dono più bello di Fiorella Fiorenzoni.jpg

Recensione di Maura Mantellino

Una tenerissima, dolcissima e poetica storia che ci porta a vivere le atmosfere gioiose del Natale con i colori, le musiche, i profumi  e i sapori di un tempo. 

E’ un racconto delicato, a tratti divertente, che narra il desiderio e il sogno di Giacomo, il fratello più grande.  

È la vigilia di Natale: Giacomo e i suoi tre fratellini si preparano a vivere in letizia questo giorno insieme con i genitori. Quest’anno però non potranno andare a trascorrere la festa dalla nonna in quanto la lontananza e il fatto che in famiglia è da poco arrivato un bebè impediscono loro di partire. 

Un velo di malinconia si posa sul cuore della mamma mentre Giacomo si augura proprio che questa volta Babbo Natale esaudisca il suo più grande desiderio: rivedere la nonna. 

Improvvisamente giunge una misteriosa telefonata, solo il papà sa chi sta per arrivare e al sopraggiungere della sera qualcuno suona alla porta. Sarà Babbo Natale? Chissà se in questa notte di magia il desiderio del bambino sarà esaudito e se ognuno riceverà il suo dono più bello. 

Fiorella Fiorenzoni è nata Cortona (Ar) nel 1967, è docente di lingua e cultura italiana in Germania, dove vive con la sua famiglia. 

A voi l’incipit:

Era la mattina della vigilia di Natale. 

In città, durante la notte, era caduta la neve: case, tetti, palazzi e grattacieli, ponti, strade, parchi e giardini, tutto era ricoperto di un candido manto bianco.  Continua a leggere “Maura Mantellino, ‘Il dono più bello’ di Fiorella Fiorenzoni”

PICCOLE VITE INFELICI, di Stefano Labbia

PICCOLE VITE INFELICI, di Stefano Labbia

Stefano Labbia Elison Publishing Euro 3,99

http://www.elisonpublishing.com/index.php/Narrativa

Piccole vite infelici.jpg

Aveva appena compiuto quarant’anni, e da tutti era soprannominato Caio Sano. Caio perché ricordava, seppur di origini toscane, un romano verace, sguaiato, contraddittorio e pigro. Sano perché si professava un ateo – che ce l’aveva col mondo intero – e dunque, secondo la sua coscienza, era uno dei pochi sani in un pianeta di pazzi. Caio aveva problemi di fiducia in se stesso, un po’ come tutti, direte voi. Ecco…

Giorni nostri. Quattro personaggi in cerca di pace nella quotidianità caotica del mondo (a)sociale del nuovo millennio. Quattro persone si incontrano, si sfiorano, collaborano, vivono, si amano. Poi si perdono di vista, perdono opportunità, occasioni,

fanno scelte (talvolta opinabili), si maledicono. Come se niente fosse. Come se tutto ciò che hanno condiviso nel passato recente non avesse alcun valore. Ne emotivamente, nè lavorativamente. Piccole vite infelici parla delle esistenze di Melina, Marco Marcello, Caio Sano e Maya in una Capitale d’Italia glaciale, non per il freddo ma per la nuda e gelida umanità che la anima. Una Roma multiculturale nel 2015 che fa da sfondo alle vicende dei protagonisti bramosi di essere finalmente valorizzati dall’altro e maledettamente insicuri e complessati nei loro confronti al contempo. Una città, Roma, che sa amarli per poi nascondersi tra le pieghe della sua imponente fragilità, raggomitolandosi su sé stessa per giocare al gatto con il topo con i suoi cittadini tutti. Che l’abitano, la visitano, la colorano. E poi la violentano brutalmente senza alcuna pietà.

Stefano Labbia è un giovane autore italo brasiliano classe 1984, nato nella Capitale d’Italia. Ha scritto e pubblicato, nel 2016, “Gli orari del Cuore” per Leonida Edizioni, raccolta poetica che racchiude alcune liriche composte tra l’adolescenza e la maturità. Nel 2017 è tornato in libreria con “I Giardini Incantati” (Talos Edizioni). Continua a leggere “PICCOLE VITE INFELICI, di Stefano Labbia”

Lontano dagli occhi, di Patrizia Benetti Mezzelane Casa Editrice

Lontano dagli occhi, di Patrizia Benetti Mezzelane Casa Editrice

Lontano dagli occhi.jpg

Trama del libro

Elisabetta, giornalista di una famosa rivista femminile, è fidanzata con Emiliano fin da quando erano bambini. Diventato ingegnere, lui viene trasferito in Canada.

Nel corso della prolungata lontananza Elisabetta cresce emotivamente, fa nuove amicizie e riflette sul loro rapporto, anche perché Emiliano è cambiato, le telefona sempre più raramente, sembra essersi scordato di lei.

Col passare del tempo Elisabetta riesce a vedere il fidanzato per ciò che è: un seduttore, viziato ed egoista. Un giorno, per ragioni di lavoro, la ragazza intervista Lorenzo Strambelli, avvocato divorzista.

All’apparenza snob, l’uomo rivela una grande umanità e tra i due nasce una profonda attrazione. Elisabetta si trova così costretta a fare una scelta sofferta. Ama ancora Emiliano? E Lorenzo è solo una fugace apparizione oppure l’uomo della sua vita?

foto: https://www.libreriauniversitaria.it

 

La scrittrice e poetessa Serena Trentin su Alessandria atoday

La scrittrice e poetessa Serena Trentin su Alessandria atoday

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia della scrittrice e poetessa Serena Trentin.

Serena Trantin foto

Biografia dell’Autrice Serena Trentin

Serena Trentin nasce nel settembre del 1975 in un piccolo Paese alle porte di Alessandria.

Ama dipingere fiori su seta e scrivere racconti per bambini e romanzi.

E’ innamorata della Natura, sua ispiratrice.

All’età di otto anni scrive le sue prime Poesie, e nel 2001 viene premiata con la pubblicazione della poesia “Al di là delle mie montagne” nell’Antologia “Ottavio Nipoti” di Ferrera Erbognone.

Nel 2013 la Rivista “Poeti e Poesie” pubblica sette poesie inedite nella Collana “Sentire”, interpretate da un attore professionista sul canale You Tube. Continua a leggere “La scrittrice e poetessa Serena Trentin su Alessandria atoday”

Anna e l’Angelo. Una favola per il bambino che è dentro di noi, di Serena Trentin

Anna e l’Angelo. Una favola per il bambino che è dentro di noi, di Serena Trentin

Serena copertina

Prefazione del libro Anna e l’Angelo

Anna e l’Angelo è una favola per bambini, ma anche per il bambino che vive in ogni adulto. Anna siamo tutti noi, e l’Angelo è quella voce che talvolta ci dimentichiamo di sentire. I bambini nella loro purezza ed innocenza sono sempre in ascolto. Questo libro ci insegna ad imparare da loro.

Serena Trantin foto

Extinction – Il nuovo giorno, l’ultimo romanzo dello scrittore alessandrino Gianluca D’Aquino

Extinction – Il nuovo giorno, l’ultimo romanzo dello scrittore alessandrino Gianluca D’Aquino

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare la presentazione di Extinction – Il nuovo giorno, l’ultimo romanzo di Gianluca D’Aquino.

Extinction+D'Aquino

L’ultimo capitolo della saga di Extinction è finalmente arrivato. Il nuovo romanzo distopico dello scrittore alessandrino Gianluca D’Aquino: Extinction – Il nuovo giorno, edito da Delos Books, quarto atto dell’omonima saga, chiude il cerchio aperto dai primi tre volumi Extinction – L’alba, Extinction – Il crepuscolo e Extinction – La notte.

“Attenti a non esporvi al morbo…”

Ancora loro: Ksenija, Oksana e Serhij, i nomads ai quali il tempo e il caso hanno imposto una missione senza scelta e senza certezze. Il morbo è dilagato, serve una soluzione e serve subito. Ma nello scenario di una pianeta colpito dall’R16V99 – malattia virale estremamente contagiosa – i problemi sembrano moltiplicarsi. Il crollo delle superpotenze ha allentato la pressione sugli equilibri geopolitici del pianeta. Senza i super-controllori, una nuova ondata di attacchi terroristici ha investito il mondo occidentale, con l’Europa divenuta campo di battaglia dei mujaheddin. Instabilità politica ed economica, perdita del controllo lungo molti confini difficili. Africa, Medio e Vicino Oriente sono polveriere pronte a esplodere. E un nuovo tiranno incombe su quel che resta della Russia martoriata dal morbo. Continua a leggere “Extinction – Il nuovo giorno, l’ultimo romanzo dello scrittore alessandrino Gianluca D’Aquino”

Ecco a voi lettori di Alessandria today l’intervista allo scrittore Nadir Malizia.

64699384_1261078364064799_7746310153577693184_n

Nadir ciao e benvenuto su Alessandria today è veramente un piacere ospitarti, ci vuoi raccontare dove sei nato, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Prima di tutto volevo ringraziare la redazione di Alessandria today per avermi invitato per rilasciare una intervista sul vostro blog da quanto ho capito è molto seguito.

Sono nato a Cremona nella bellissima città famosa per i violini e dove nato il noto compositore Antonio Stradivari e molti altri. Mi chiamo Nadir sono disabile dalla nascita a causa di una sofferenza fetale, ma questo non mi ha mai fermato negli obbiettivi che mi sono posto e tutt’ora mi pongo nel corso della vita.

Nel 2010 ho preso la laurea in giurisprudenza presso la Facoltà di Udine. Mi sono specializzato in Diritto Comunitario e diritto Internazionale dell’UE. Collaboro presso uno studio legale di Modena come Giurista in materia di minori e categorie protette e sostengo il progetto Anthea ideato dall’avvocato Gianni Casale. Inoltre scrivo per una casa editrice di Roma la Gruppo C1V edizioni.

Da quasi 9 anni abito nelle Marche e più precisamente a Marotta una località di mare si trova tra Fano e Pesaro. Vivo con due amici. Continua a leggere “Ecco a voi lettori di Alessandria today l’intervista allo scrittore Nadir Malizia.”

La scrittrice Iris Vignola su Alessandria today

La scrittrice Iris Vignola su Alessandria today

di Pier Carlo lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e le opere della scrittrice Iris Vignola.

Irisa vignola

BIO-BIBLIOGRAFIA, PREMI E RICONOSCIMENTI AI VARI CONCORSI LETTERARI

L’autrice Iris Vignola è nata a La Spezia, dove vive attualmente.

Nel fantastico mondo delle fiabe è la sua raccolta di dodici racconti per bambini e per chi ama ancora sognare, pubblicata in due differenti edizioni, con diverse illustrazioni. La prima fiaba, la Principessa velata, è stata il tema della prima rappresentazione teatrale dell’Accademia di Danza “La Maison de la Danse” di La Spezia, fondata e diretta da sua figlia Emmanuelle Ricco.

La terza e ultima edizione, “Into the fantastic world of the fairy tales – Nel fantastico mondo delle fiabe, arricchita di nuove illustrazioni create dall’autrice in collaborazione con le sue nipotine Irene e Veronica e in doppia versione italiana e inglese – by Boulevard Books, Staten Island, N. Y.,  si trova sui maggiori canali Web.

La sua prima poesia “A mia madre” è inserita nell’antologia di vari poeti Poesie per una mamma, edito dalla casa editrice Il Tigullio.

I suoi libri di poesia, editi da Irda Edizioni, sono pubblicati su vari canali Web: “Unico Amore” (il primo, scritto a quattro mani con il poeta Horion Enky),  “Non sogno e non realtà” – “Dinanzi a me, c’è solo il mondo” – “Mi voltai… e vidi quel fiore”. Continua a leggere “La scrittrice Iris Vignola su Alessandria today”

L’ACQUAIOLA, di Carla Maria Russo

L’ACQUAIOLA, di Carla Maria Russo

Carla Acquaiola

Prefazione:

Maria ha quindici anni, vive in un paesino dell’Appenino centro meridionale d’Italia e mantiene se stessa e l’anziano padre malato facendo la bracciante nei campi dei signori, un lavoro incerto e molto gravoso, fino a quando non viene assunta come acquaiola nella casa di don Francesco, il signorotto del paese, con il compito di recarsi più volte al giorno e con qualunque tempo alla fonte, che dista tre chilometri dal paese, per rifornire la famiglia di acqua. A don Francesco, infatti, è nato il quinto figlio, Luigi, il quale rivela fin dall’infanzia una natura ribelle, precoce e assetata di libertà.

I destini di Maria e Luigi, così diversi fra loro, si intrecceranno in una serie  di vicende dolorose ma, nello stesso tempo, intense e salvifiche per entrambi. Intorno a loro, una umanità umile, legata alla terra e alle antiche tradizioni, assuefatta a una vita di miseria, sacrifici e secolari soperchierie sopportate con fatalistica rassegnazione e per questo spesso dura e inflessibile, ma anche capace di pietà e umana solidarietà.

Carla Maria Russo ok

La scrittrice Carla Maria Russo su Alessandria today

La scrittrice Carla Maria Russo su Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia della scrittrice Carla Maria Russo.

Carla Maria Russo ok

BIOGRAFIA:

Sono nata a Campobasso, in Molise, dove, stando alle cronache familiari, sono vissuta solo i miei primi quindici giorni di vita. Poi ho abitato in diverse altre città seguendo i trasferimenti di mio padre, agente di pubblica sicurezza, fino a quando, all’età di tredici anni, sono approdata a Milano, da dove non mi sono più mossa e che considero la mia città. Qui ho compiuto gli studi superiori nel liceo classico A. Manzoni  e quelli universitari presso L’Università degli Studi, dove mi sono laureata in Lettere Moderne con una tesi in storia del Risorgimento.

Dopo la laurea, ho insegnato Italiano e Latino nel triennio del liceo, tornando come docente nello stesso liceo classico Manzoni che avevo frequentato come studente.

Agli inizi degli anni ’90 però ho deciso di lasciare l’insegnamento e dedicarmi ad altre attività con le quali mi piaceva misurarmi. Una di queste è stata la ricerca storica, mia antica passione, un’altra la scrittura. All’inizio ho scritto per me stessa, desiderosa di mantenere traccia delle bellissime storie nelle quali mi imbattevo attraverso le mie ricerche, così intense, appassionanti e vive da annullare il tempo e parlare all’uomo di ogni epoca. Perché ogni “vera” storia è sempre contemporanea, sempre moderna. Continua a leggere “La scrittrice Carla Maria Russo su Alessandria today”

Cammina davanti all’ombra, il romanzo di Gian Maria Aliberti Gerbotto e Gianni Lovera

Cammina davanti all’ombra, il romanzo di Gian Maria Aliberti Gerbotto e Gianni Lovera. Prefazione di Romina Power e Alessandro Meluzzi

Recentemente al Salone del libro di Torino, nella Sala Argento è stato presentato il romanzo scritto a quattro mani da Gian Maria Aliberti Gerbotto e Gianni Lovera, di cui si narra la vita travagliata.

“Cammina davanti all’ombra” è infatti la biografia romanzata del 49enne poeta saviglianese.

1a Cammina davanti all'ombra. La vera storia di Gianni Lovera1aa Cammina 1a lovera-gerbotto-cover-con-fascetta-1

“Era da tempo che mi guardavo intorno alla ricerca di una vicenda di vita vera, degna di essere raccontata in un romanzo, il colmo è che ce l’avevo da sempre sotto gli occhi, a pochi chilometri da casa: quella del mio amico Gianni!”. Spiega Aliberti, 46enne giornalista e scrittore saluzzese che ha già all’attivo quattro romanzi gialli e un’altra decina di libri, spesso dedicati al mondo dei vip e pubblicati da case editrici del calibro di Piemme e Mondadori, o distribuiti da Rizzoli e De Agostini.

“Nel nostro libro, edito da Capricorno, si narrano le toccanti vicende di Lovera, cresciuto in una benestante famiglia saviglianese, da cui è stato adottato da piccolo. La sua è una vita in salita, fatta di alti e bassi, fughe e ritorni. Sino al lieto fine quando, grazie ad un noto programma televisivo, ritrova le sue radici.”. Continua Aliberti Gerbotto, ormai anche conosciuto personaggio televisivo perché da due anni impegnato nei programmi di Gigi Marzullo. Continua a leggere “Cammina davanti all’ombra, il romanzo di Gian Maria Aliberti Gerbotto e Gianni Lovera”

In un romanzo la controversa vicenda del delitto di Cà di Monte

In un romanzo la controversa vicenda del delitto di Cà di Monte

“La zappa e la forca – Il delitto che ha sconvolto l’appennino” di Cristiano Zanardi

La Zappa e la Forca

Era il 27 marzo 1863 quando, sulle montagne che separano la val Curone dalla valle Staffora, si consumò uno dei più orrendi crimini mai commessi in quelle valli: una famiglia di contadini, residente in uno sperduto cascinale di cui ancora sono visibili i ruderi, situato in prossimità dell’attuale confine tra Piemonte e Lombardia, venne barbaramente trucidata.

Dopo la tragica scoperta dei corpi, presero avvio le indagini, che furono affidate al magistrato di Tortona poiché, all’epoca, il cascinale ricadeva per poche centinaia di metri nel territorio della Divisione di Alessandria (a differenza di oggi, in cui i ruderi si trovano, seppur di poco, in territorio lombardo): gli inquirenti non ebbero vita facile nella ricerca di un colpevole, vuoi per l’arretratezza culturale di quelle zone, in cui si faticava ad esprimersi in una lingua che non fosse il dialetto, vuoi per la reticenza di molti tra coloro che vennero chiamati a testimoniare.

I sospetti finirono così per concentrarsi su uno dei tanti delinquenti che, nel tentativo di sfuggire alla forca per i crimini commessi in pianura, si rifugiavano tra quei boschi vivendo in clandestinità. Tuttavia, col passare delle settimane, molti dettagli iniziarono ad emergere e portarono alla luce una diversa ricostruzione del crimine, alle cui spalle si celava un’intricata storia di soldi, promesse, minacce e soprusi. Al termine di un processo indiziario, venne così affermata la colpevolezza di un oste di Varzi, la cui condanna a morte, eseguita ad Alessandria l’anno seguente, fu una delle ultime avvenute per impiccagione nel Regno d’Italia. Continua a leggere “In un romanzo la controversa vicenda del delitto di Cà di Monte”

“Rapita dall’amore”, di Marcu Lu Scrittore Salentinu

Cari amici e amiche di questo gruppo, innanzitutto buongiorno e buona domenica a tutti!
Venerdì 31 maggio ho iniziato a scrivere un nuovo testo. Un dark romance contemporaneo dal titolo: “Rapita dall’amore” e oggi sperando di farvi cosa gradita e di non recar torto a niuno vorrei farvi leggere un capitolo, il settimo per la precisione!

Marco Lu

CARMELINA

Un’ammaliante profumo pizzicò le mie narici. Dato che conoscevo benissimo quell’odore non mi fu difficile intuire che si trattava di un bel pasticciotto caldo. Così, spalancai gli occhi ed emisi un sorrisone dolce per la gioia. Poi, sentii sulle mie labbra la pasta friabile di quel dolce e istintivamente detti un morso e iniziai a masticare. Nel mentre, facevo ciò, Camilla, situata sulla mia sinistra mi disse: “Ben svegliata mia bella dormigliona! Purtroppo le brioche all’arancia le avevano finite.

Avevano soltanto pasticciotti e te ne ho portato uno! “Non fa nulla gioia mia! E’ il pensiero quello che conta” aggiunsi io con la bocca piena e con le labbra sporche di crema. Poi, lei inginocchiata verso di me con dei tovaglioli me le pulii, me le baciò ed esclamò: “Questo è per il buongiorno mia bellissima sporcacciona!”

Dopo di ciò, si rialzò e mi strappò con forza il nastro adesivo che teneva fermo il mio braccio. Io per prenderla un po in giro pronunciai: “Mi hai dato quel dolce per distrarmi dal dolore non è vero mia cara?” “no! Che dici, l’ho fatto perché volevo farti una sorpresa e quella è soltanto la prima! Ve n’è un’altra che ti attende!” Continua a leggere ““Rapita dall’amore”, di Marcu Lu Scrittore Salentinu”