Momenti di poesia. Veder scorrer via, di Rosetta Amoroso

Momenti di poesia. Veder scorrer via, di Rosetta Amoroso

Veder.jpg

Veder scorrer via
La terra mia
E doloroso
ma so che tornerò
E mai più partirò
Se non per viaggiare
E ritornare
Al mio orizzonte
Al mio sole
Che sorge
e tramonta
Al mio cielo
Alle mie abitudini
Alla brezza marina
Che mi carezza
Mi inonda i sensi
La zaghera e i gelsomini.
Gli occhi i colori che tu
Sicilia mia possiedi .
Amoroso Rosa
🌹 “@

Momenti di poesia. Tra cielo e mare, di Rosetta Amoroso

Momenti di poesia. Tra cielo e mare, di Rosetta Amoroso

Tra cielo

Tra cielo e mare,
Una sottile linea
Avvolte sembra sia
Il cielo burrascoso
Avvolte lo è il mare
agitato , ma quando
entrambi sono così
sereni , già paradiso
Io amo il mare e le sue
Infinite coste , li percorrerei
Anche a piedi nudi per tastare
Le sue morbidì spiagge o le rocce e gli
Scogli, poter rubare conchiglie e sassi da portarmi a casa come preziosi souvenir, il cielo esiste e tutto ciò che sulla terra si
rispecchia , il cielo esiste ed io mi ci rispecchio sempre , leggo molti messaggi
anche da una nuvola.


Amoroso Rosetta

Foto di terrasimi (Sicilia)

Momenti di poesia. Tra cielo e mare, di Rosetta Amoroso

Momenti di poesia. Tra cielo e mare, di Rosetta Amoroso

tra.jpg

Tra cielo e mare,
Una sottile linea
Avvolte sembra sia
Il cielo burrascoso
Avvolte lo è il mare
agitato , ma quando
entrambi sono così
sereni , già paradiso
Io amo il mare e le sue
Infinite coste , li percorrerei
Anche a piedi nudi per tastare
Le sue morbidì spiagge o le rocce e gli
Scogli, poter rubare conchiglie e sassi da portarmi a casa come preziosi souvenir, il cielo esiste e tutto ciò che sulla terra si
rispecchia , il cielo esiste ed io mi ci rispecchio sempre , leggo molti messaggi
anche da una nuvola.
Amoroso Rosetta

Foto di terrasimi (Sicilia)

Racconti: Tristezza che sotterro, di Rosetta Amoroso

Racconti: Tristezza che sotterro, di Rosetta Amoroso

tristezze

Tristezza che sotterro

Ingoio , mi distraggo per no tornare mai su dei ricordi che mi fanno troppo male, ho visto un padre piangere , con lacrime come gocce di rugiada mentre il cuore gli.

Attesa forte al petto , quanto male , disperazione per un figlio che non sei riuscito a riportar nella retta via , tanto da distrugge la vita sia e la tua famiglia , eri marito poi padre e nonno felice , lavoravi troppo e faticosamente sempre al volante del tuo ciclopico mezzo , attraversavi in lungo e in largo lo stivale , ma orgoglioso tornavi a casa per stare con la famiglia che era una di quelle da Mulino Bianco , ma non fu più così quando un figlio tuo distrusse tutto ciò che c’era di bello la tua salute e della amata tua e madre la sua mente rimase catturata da succo di nettare di vite.

Lo distolse lo anniento con i suoi tentacoli e non lo lascio mai più , fu testardo si tuoi aiuti e si fece intrappolare da quelle ventose che non lo lasciarono , il tuo pianto non lo voglio ricordare fa troppo male, lassù ormai do per certo che voi siete in pace

Momenti di poesie: Freschezza, di Rosetta Amoroso

Momenti di poesie: Freschezza, di Rosetta Amoroso

14947545_337439369947364_7061319023640386327_n.jpg  

I.P.I. Sezione Horror House

Freschezza
Bella e fresca come la brezza marina
mattutina , il sole nascente scalda
appena la pelle chiara come la luce della luna .
Bella Carusa godi in riva al mare la sua naturale bellezza , semplicemente favolosa ,
ami svegliarti presto per assistere puntuale l arrivo Del tuo amato pescatore uscito la notte prima a riempire la rete d ‘ argento vivo
Il pesce azzurro abita numeroso il frizzante mare cristallino della costa messinese . Tu in compagnia di tante altre donne più o meno giovani mogli , madri figli e Carusi accorrete festose al ritorno dei pescatori allegri e canterini per l abbondanza grazia in rete , tutti insieme a tirar a riva ,reti gonfie e ricche
Sì ringrazia il cielo è il sole più il buon Dio
Felici si porta il pescato a casa soddisfatti
E dura la vita del pescatore ,ma col sorriso della propria amata sarà presto ricompensata Amoroso Rosetta
10 11 2016

Momenti di poesia. E sera, di Rosetta Amoroso

Momenti di poesia. E sera, di Rosetta Amoroso

è sera

Il Mondo Rosa delle Donne

Anche sui campi
Scende lenta la sera
Tuto si riposa , la nebbiolina
Rinfresca e abbevera il verde
domattina sarà rugiada di mille colori
Baciati dal sole come miriadi di diamante
Il misto cantar felice in coro fa rallegrar ar la gente, abbaiano i cani e sode lontano una campana

E sera

Momenti di cultura. La vita, di Rosetta Amoroso

Momenti di cultura. La vita, di Rosetta Amoroso

La vita
Amoroso Rosa

donna-di-verde.jpg60754290_857341804623782_2919297891090563072_n

La vita va , come una giostra , gira scorre nella clessidra con sabbia dorata e fine , ci offre tempi belli , meno belli , sorprese , felicità , amarezze , pericoli , ci ostiniamo a voler andare controcorrente , ma lei ha già scelto per noi , va gira , gira , importante esser se stessi e non farsi corrompere le tentazioni sono dietro l ‘ angolo , i demoni sempre in agguato per farci cambiare , a loro piacimento , ma noi andiamo ad aprire sempre porte positive chiudendo subito se per caso abbiamo intrapreso una via sbagliata
La vita va vissuta ogni giorno , viviamola ogni di e’ un dono , pensiamo sempre a chi sta peggio , il sole e L ‘ arcobaleno spunta sempre dopo una tempesta

Momenti di poesia. Ti ricordi… di Rosetta Amoroso

Momenti di poesia. Ti ricordi… di Rosetta Amoroso

22449815_502371766787456_3792051179122734742_n.jpg

Ricordo, ti ricordi anche tu, dissi a mio marito,
Guardando questa foto ,,,, quel giorno quando
Come una ladra rubai alcuni minuti ai miei genitori ,con la scusa di comprare ,qualcosa in merceria ,per vederci, scoppiò all’ improvviso
Un acquazzone ,violento ,senza precedenti, il cielo era sereno, ma ,, cambio in un battito di ciglia,, tu mi venisti incontro con l ☔ proteggendomi con le tue grandi braccia di
Diciottenne, belli e aitante ,eravamo due ragazzini, che bei tempi, ma dovetti .
Tornare a casa per non far arrabbiare, mio padre. Son passati molti anni. E lì ci passiamo spesso, insieme a figli e nipoti .
Chi lo avrebbe mai detto. Che saremmo diventati nonni … insieme

A quante cose si rinuncia, di Rosetta Amoroso

A quante cose si rinuncia, di Rosetta Amoroso

a quante

A quante cose si rinuncia
Nella vita per ascoltare gli
Altri ,per non far mancare nulla
Ai tuoi cari ,ma col tempo sai quanto hai sbagliato,si deve andare per quei sentieri zollosi,fioriti ,germogliati quei viali campestri liberi ,per dirti va dove ti porta il cuore,non rinunciare mai ai tuoi sogni ,tanto poi nessuno
Se ne accorgerà ,ma se coltivi i tuoi sogni e li fai vivere nel tempo , tutti si accorgeranno ,,o per invidia o per criticare ciò che invece viene apprezzato da chi sa interpretare i tuoi sogni ,
Sogniamo e sviluppiamo i nostri interessi ,passioni curiamoli nel tempo .

Momenti di poesia. Autunno, di Rosetta Amoroso

Momenti di poesia. Autunno, di Rosetta Amoroso

Arrivi a passi felpati, mescoli colori caldi ai colori estivi, miscuglio di profumi di frutti maturi e grappoli tra filari pronti per la vendemmia, grappoli obesi e zuccherini, la festa dei moscerini, api mosche che fan banchetti tra i filari vermigli e affollati di gente con veste e bigonce piene di ricchi chicchi, andranno pigiati e poi in tono a fermentare che come ogni anno per San Martino ogni mosto diventa vino.

Il cielo ci regala nuvole che firmano paesaggi o belve dalle forme più svariate, mentre i tramonti sono bellissimi, pennellati di colori rubati alle castagne e ai melograni e sprazzi di azzurro si insinuano prepotenti per dirci che ancora sembra estate, le spiagge un po’ tristi gli ombrelloni chiusi e le maree li raggiungono a consolare, però c’è un’atmosfera che sa di magia, un vocio di giovani scolari di bimbi a primo volo come uccelletti impauriti o vogliosi di conoscere il mondo nuovo che li aspetta sode ancora il grillo e la cicala, nelle serate sotto il pergolato alita un venticello che rinfresca la pelle bruna baciata dal caldo sole estivo, ora la luna illumina la notte, prima notte di Autunno.

Amoroso Rosetta@”D R”

Riusciva, di Rosetta Amoroso

Riusciva, di Rosetta Amoroso

Riusciva

Riusciva
A scorgere appena ,quel grappolo ,
Dalla finestra ,della camera dove passa ormai
le sue tristi giornate,tra sedia e lettino ,
grappolo di glicine ,che le profumava le giornate ,le annunciava il tempo ,notava il vento che scuoteva i fiori ,o la pioggia ,che bagnava e. Poi il sole che gentilmente asciugava ,sapeva che lei ci teneva a quel grappolo ,era un dono per lei ,le donava ormai un qualcosa in simbiosi con il mondo esterno ,
Le comunicava ,e annunciava la natura fuori il trasformismo ,ma non poteva fare altro ,forse ha chiesto alla luna nelle tante sere luminose ,
Di alleviare le differenze ,la solitudine ,ma ormai ,in una. Sera di freddi e gelido inverno,
Si spezzò quel ramo fragile ormai ,come si spezzò la vita ormai appesa ad un filo di quella donna ,madre nonna e a sua volta figlia ,bella e giovane .
Ormai insieme al glicine volate via .
Amoroso.
Rosetta. Settembre@D,R,,,#

Momenti di poesia. La Pasqua,”poesia del gruppo

Momenti di poesia. La Pasqua,”poesia del gruppo

La Pasqua,”poesia del gruppo

Rosetta Amoroso, Rosamaria Alagna, Ilaria Romiti, Maria Racilia, Rosetta Amoroso,Marina Rossi,Antonella Ariosto.Anna Coppi,Nora Napolitano,Oriana Sandrin D’Ascensi,Mariella Marinella Brandinali, Brigida Maione,Rosella Lubrano.Rita Lo Monaco

Ti sento nel profumo di un fiore, nel cinguettar degli uccelli, nella semplicità delle cose .Attimi intrisi da gocce di indelebili emozioni, accarezzano il mio cuore.

il tuo suono mi sollevia in alto,parlandomi d’amore ,oh,mio Salvatore.

Cuore , di Gesù aiutami tu , sai quanto sia forte il mio amore è la mia fede , soffro e son triste nel vederti sulla croce , le tue ferite carezzò con gli occhi affinché siano meno dolorosi , attendiamo la resurrezione ,

se pomeriggio non fosse ma la prima alba d ‘amore le nubi son solo petali rosa, le nostre unite labbra in preghiera.

Una croce abbracciata per amore, la tua Santa Madre a protezione ..grazie Signore.

E’ un batuffolo di sorriso quel Dio che in me risorge dandomi forza e coraggio ogni volta che mi perdo nella nebbia.

Nuvole d’amore coprono,

Quel volto di madre rigato di pianto,dolore e disperazione,ai piedi di una Croce di legno insultata da chi l’ha venduto per un ladrone.Ecco ora piange anche il Cielo,lacrime nere come pece mentre il sole si eclissa e tutto si perde.

Lei rosa di maggio, madre coraggio. Fonte d’amore, genuflessa sulla nuda terra ai piedi di una croce Piange quel figlio suo. Muta nel suo dolore..

Non di lacrime il tuo volto deve essere intriso, Ma di dolce speranza che ogni madre ne è piena, questa sarà la tua forza, o madre.

Con amore ardente sia fatta la tua volontà fa che possiamo essere un solo pane e un solo corpo grazie alla forza di questo sacramento dell’unità,attiraci a te principe della pace.

Signore, sarò ramo del Tuo ulivo sulla via di Damasco tra cattedrali di pietra, tra le sabbie del deserto e carovane di sogni, il canto del pettirosso è triste,e ancora oggi porta il rosso del Tuo sangue,regalato da te in cambio di una Tua spina..Risorgerai come il sole ogni mattina nei cuori che in Te credono e sperano

Racconti. La zingarella, di Rosetta Amoroso

Racconti. La zingarella, di Rosetta Amoroso

Un racconto al di.

Breve

56627540_828845314140098_1003136178016223232_n.jpg

La zingarella
La osservavo fa giorni , lì seduto al quel bar , bevevo caffè dopo caffè per poter veder da vicino quel carrozzone che era arrivato da una settimana, in quel gruppo c’era una ragazza bellissima , dai lineamenti delicati occhi verdi e pelle chiara , mi assalì il sospetto dalla sua somiglianza ad una bimba scomparsa tanto tempo fa e che le sue foto giravano sempre , sua madre non trascurava mai le ricerche e dappertutto la foto era conosciuta da tutti noi in tutta Europa, avevano fatto L identikit come forse sarebbe oggi , anche L’ età corrispondeva , più la osservavo più mi convincevo .
Il giorno dopo venne al bar teneva una piccola per mano presero un gelato , gli lo offrii con piacere , i suoi occhi mi ammaliarono , mi fulminarono come un fulmine a ciel sereno, era più bella fa vicino , mi ringrazio e gustando il gelato si allontanarono andando in giro a chiedere L’ elemosina , mi recai in questura per confidare il mio sospetto , mi presero sul serio e cominciarono a far ricerche , anche perché notarono come me i lineamenti che non corrispondevano con gli altri del gruppo
Tutto si svelo veritiero era lei
Furono rintracciati i genitori
Che la ragazza riconobbe ed abbraccio fortemente, Carla si buttò al collo del suo curioso ragazzo che la aveva riconosciuta è seguita a distanza Marco che era già innamorato di lei
Infatti oggi sono genitori dei loro bimbi bellissimi
Tutto può accadere
Amoroso Rosa

Inventata )

Ricordo quel giorno terribile, di Rosetta Amoroso

Ricordo quel giorno terribile, di Rosetta Amoroso

ricordo quel giorno terribile vidi è non avrei voluto vedere in un paesino tranquillo, scatenarsi il caos,la paura della gente che correva mentre la terra tremava, i balconi vibravano tutto si muoveva e la gente correva,mamme ,papa,nonni tutti con il cuore in mano,il terrore invadeva la mente,il corpo è l’anima. tutti correvano verso la scuola di San Giuliano,tanti bimbi da riportare a casa,ma purtroppo in un stante tutto invano,tutto era già crollato, in quel punto è stato la fine del mondo.

Ricordo.jpg

La sua semplicità fa breccia in tutti gli animi angeli,si angeli non si può che chiamarli definirli diversamente,26 bimbi puri è innocenti bianchi , dall’areola d’oro,brillanti preziosi, dagli occhi di smeraldo o ebano, ma tutti belli.la pelle candida come la neve incalpestabile ,dalla chioma bruna o bionda,belli bellissimi angeli.dal volto innocente è nati tutti sotto il segno delle stelle di un solo anno,destinato a finire cosi tragicamente, ma perché mio dio ,mi sono chiesta tante,tantissime volte,avevi propio bisogno di una schiera di angeli lassù in paradiso? forse per rallegrare le tante anime tristi, dai animo è forza ai loro genitori e a chi li ama.per l’immenso dolore.guida mio dio ormaiquesta scolaresca cn a capo la loro maestra,nell’aula più bella del tuo giardino in fiore,tra ardesia edere e ciclamini.è dai loro il compito di essere angeli custodi di chi qua giu a di bisogno. a San Giuliano mancheranno tanto e nn li vedranno crescere. è loro avranno sempre in eterno la loro maestra mamma che nn li lasciare mai! ricordo è ricorderò sempre io della mia Sicilia, questo triste accaduto,vorrei che tanti semplici come me,ricordassero quelle povere vittime è questa brutta vicenda

31 ottobre 2002 ore 11.03 San Giuliano di Puglia (CB)