Ravetti. PD: Politiche per la Salute in provincia di Alessandria 

Politiche per la Salute in provincia di Alessandria 

Domenico Ravetti (Capogruppo PD Consiglio regionale): “Esprimo soddisfazione per Alessandria nel giorno del test d’ammissione a Medicina ma fortissime preoccupazioni per il perdurare dell’assenza del Direttore Generale dell’Asl Al e per il ritardo nella ricomposizione della Conferenza e della Rappresentanza provinciale dei sindaci dell’Asl Al.”

CS 03092019.jpg

Esprimo grande soddisfazione nel giorno in cui in Italia gli studenti affrontano il test d’ammissione al corso universitario di Medicina. La soddisfazione è anche personale per 60 posti dedicati all’Ateneo alessandrino che rappresentano il risultato di un lungo lavoro istituzionale e di positiva “lobby territoriale”.

Al contempo non voglio sottacere le mie preoccupazioni che nascono invece dalla mancanza di programmazione per il futuro. Voglio evitare la polemica politica di giornata, non la trovo interessante, ma intendo manifestare con determinazione i miei dubbi circa il fatto che da novanta giorni la più importante azienda della provincia di Alessandria, l’ASL AL, è priva del Direttore Generale. Non giudico l’operato della “facente funzioni” ma esprimo la certezza che ogni possibile scelta per il futuro deve essere programmata dall’assessorato regionale alla Sanità e applicata nel concreto dalla direzione generale. Io non sono a conoscenza del pensiero di Cirio e del suo Assessore sul destino dell’ospedale di Alessandria e sulle politiche per la salute nella nostra provincia; di questo e di altro chiederò conto prossimamente. Ma non sono nemmeno a conoscenza della ragione per cui la nomina del dirigente più importante per la sanità alessandrina non sia ancora avvenuta. Continua a leggere “Ravetti. PD: Politiche per la Salute in provincia di Alessandria “

L’Agenzia del farmaco approva la terapia CAR-T per i tumori del sangue

L’Agenzia del farmaco approva la terapia CAR-T per i tumori del sangue

La cura si basa su globuli bianchi «ingegnerizzati» per riattivare il sistema immunitario del paziente. Debutta anche un nuovo modello di rimborsabilità: pagamento al risultato

Tera.jpg

Arriva l’ok dell’Aifa alla terapia CAR-T contro i tumori del sangue

7 agosto 2019

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha datoil via libera alla rimborsabilità e quindi alla disponibilità in Italia della prima terapia con cellule CAR-T. La nuova terapia (Kymriah) con cellule immunitarie modificate contro i tumori potrà essere utilizzata presso i centri specialistici selezionati dalle Regioni, per pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL), resistenti alle altre terapie o nei quali la malattia sia ricomparsa dopo una risposta ai trattamenti standard e per pazienti fino a 25 anni di età con leucemia linfoblastica acuta (LLA) a cellule B.

Le terapie CAR-T (Chimeric Antigen Receptor T-cell), sottolinea l’Aifa, rappresentano una strategia immunoterapica di ultimissima generazione nella lotta ai tumori ematologici. Utilizzano i globuli bianchi (linfociti T) prelevati dal paziente e appositamente ingegnerizzati per attivare il sistema immunitario: una volta reinfusi nel paziente, entrano nel circolo sanguigno e sono in grado di riconoscere le cellule tumorali e di eliminarle. Con l’approvazione da parte del Consiglio di amministrazione di Aifa, si è concluso l’iter procedurale per garantire l’accesso a queste nuove terapie salvavita, dopo «una negoziazione – rileva l’Agenzia italiana del farmaco – contrassegnata da uno spirito di responsabile collaborazione con l’azienda»… continua su: https://www.ilsole24ore.com/art/l-agenzia-farmaco-approva-terapia-car-t-i-tumori-sangue-ACPcghd?refresh_ce=1

Che cos’è la Sindrome di Muckle-Wells

Che cos’è la Sindrome di Muckle-Wells

Stiamo parlando di una fra le tante malattie rare esistenti, questo il riassunto sul sito di orpha.net

Schermata 2019-07-31 a 08.20.01

La sindrome di Muckle-Wells (MWS) è una malattia rara caratterizzata da orticaria cronica ricorrente, artrite periodica, sordità neurosensoriale, segni generali di infiammazione e amiloidosi secondaria (tipo AA).

I primi sintomi della MWS sono la febbre non elevata e l’orticaria non-pruriginosa, che possono diventare invalidanti in quanto sono quasi sempre persistenti e esordiscono nell’infanzia. Altri segni infiammatori importanti si localizzano alle articolazioni (artralgia o artrite) e agli occhi (congiuntiviti).

La sordità neurosensoriale compare durante l’adolescenza. La malattia può essere grave se si associa a amiloidosi generalizzata tipo AA. La diagnosi si basa sui segni clinici, anche se è diventata disponibile la diagnosi genetica.

La protesi acustica può migliorare le capacità uditive nei pazienti non udenti; recentemente, il trattamento con un inibitore ricombinante umano del recettore dell’IL-1, anakinra, ha mostrato un effetto importante sui segni infiammatori della MWS. Continua a leggere “Che cos’è la Sindrome di Muckle-Wells”

Attenzione ai rischi (anche mortali) della pressione arteriosa troppo alta, di Pier Carlo Lava

Attenzione ai rischi (anche mortali) della pressione arteriosa troppo alta

Secondo alcuni studi 2 adulti su 10 sono ipertesi, cioè hanno la pressione arteriosa troppo alta ma metà di loro lo ignora perché questa condizione di solito non dà disturbi, ma, al massimo, piccoli segnali non sempre facili da cogliere. L’ipertensione si sviluppa quando le pareti delle arterie perdono la loro elasticità naturale, diventano rigide e i vasi più piccoli si restringono. Ideali per la salute sono valori inferiori a 130 massima e 85minima, mmHg.

pressione-alta-occhio-al-caldo-500

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Tenere sotto controllo la pressione arteriosa quindi è importante per salvaguardare il nostro fisico da vari rischi fra i quali, infarti, ictus, collassi, ecc. che a volte possono anche rivelarsi fatali e questo indipendentemente dall’età e dal sesso di ogni individuo.

Pressione arteriosa alta e sbalzi non controllati nel tempo determinano effetti negativi sul nostro motore il cuore, che sottoposto a continui sforzi rischia di avere dei problemi di funzionamento che a volte non sono risolvibili solo con i farmaci ma  è necessario ricorrere ad interventi chirurgici.

leggi anche La mia esperienza al pronto soccorso di Alessandria: https://alessandria.today/2019/07/08/la-mia-esperienza-al-pronto-soccorso-di-pier-carlo-lava/

Le cause che possono alterare la nostra pressione arteriosa sono molteplici, fra le quali il sovrappeso, obesità e quindi l’alimentazione ricca di grassi e con troppo sale, la mancanza di esercizio fisico e il ruolo dello stress giornaliero a cui siamo sottoposti nell’attuale società, responsabile della secrezione di adrenalina e altre sostanze che causano modificazioni a livello dei vasi sanguigni.

A questo proposito se non si vuole andare in palestra sarebbe buona norma, ma una cosa non esclude l’altra, muoversi camminando tutti i giorni almeno per 30 minuti e ovviamente per le persone anziane in orari consentiti, ed inoltre alimentarsi con una dieta sana ed equilibrata che tenga conto dell’energia consumata dal nostro fisico in base all’età e al lavoro svolto. Continua a leggere “Attenzione ai rischi (anche mortali) della pressione arteriosa troppo alta, di Pier Carlo Lava”

Antibiotici entro i due anni le allergie da grandi

Antibiotici entro i due anni le allergie da grandi

Scritto da Dr. Filippo Fassio https://www.allergologo.net

Quando l’eczema e la rinite allergica compaiono in tarda età, l’origine potrebbe essere ricercata nell’assunzione di antibiotici nei primissimi anni di vita.

antibiotico-810x478.jpg

Un gruppo di ricercatori dell’università olandese di Utrecht ha considerato dozzine di studi condotti tra il 1996 e il 2015, che a loro volta avevano preso in esame alcune centinaia di migliaia di soggetti.

È emerso che, nei soggetti che nei primi due anni di vita sono stati curati con antibiotici, la probabilità di sviluppare reazioni allergiche rispetto a chi non ha assunto gli stessi farmaci, incrementa: dal 15 al 41% nel caso di eczemi e dal 15% al 56% in più nel caso di rinite allergica.

Questi dati assumono una valenza maggiore al crescere del numero di antibiotici presi: chi si è curato in due occasioni con l’aiuto degli antibiotici, rispetto a chi li ha assunti una sola volta, vede aumentare il rischio di sensibilizzazione a fattori allergici negli anni successivi. Continua a leggere “Antibiotici entro i due anni le allergie da grandi”

Allergia alla banana: ne esistono di 3 tipi!

Allergia alla banana: ne esistono di 3 tipi!

Scritto da Dr. Filippo Fassio  https://www.allergologo.net

Nella rassegna dei frutti maggiormente consumati, ma potenziale causa allo stesso tempo, di allergie nei soggetti sensibili, non può mancare la banana. Anche se non viene coltivata nel nostro Paese, la si trova in tutti i supermercati, in tutte le bancarelle di frutta e verdura.

banana-810x566.jpg

Ma soprattutto è utilizzata per la preparazione di dolci, gelati, budini, sciroppi, macedonie, yogurt, mix di frutta secca, cereali per la colazione, barrette energetiche ed anche alcolici e cocktail con frutta. La banana rientra tra i componenti di alcuni cosmetici e profumi.

Due forme di reattività crociata

Esistono almeno ben tre forme di allergia alla banana. La prima è generalmente associata all’allergia al polline di betulla o di altre piante. Le persone sensibili agli allergeni in questione possono sviluppare i primi sintomi immediatamente dopo l’assunzione della banana (di solito consumata cruda, la cottura/lavorazione di solito riduce questo tipo di sintomi), ma prurito o gonfiori possono manifestarsi anche un’ora dopo. Continua a leggere “Allergia alla banana: ne esistono di 3 tipi!”

Mutamento del clima, diffusione dell’ambrosia e febbre da fieno

Mutamento del clima, diffusione dell’ambrosia e febbre da fieno

Scritto da Dr. Filippo Fassio https://www.allergologo.net

Esiste un legame diretto tra il polline di ambrosia e la febbre da fieno. Ma soprattutto esiste una connessione tra i mutamenti climatici in corso e l’aumento della sensibilità al polline di ambrosia.

febbre-da-fieno-810x536.jpg

Secondo una ricerca pubblicata dalla University of East Anglia in collaborazione con diversi istituti europei, le modificazioni in corso negli ultimi decenni nel clima del nostro pianeta starebbero provocando una maggior diffusione dell’ambrosia. Il polline di questa piccola erbacea però affligge milioni di italiani e di europei, provocando la febbre da fieno, una forma di rinite allergica, che si manifesta con una irritazione della mucosa degli occhi, del naso e delle vie respiratorie.

Alla proliferazione dell’ambrosia consegue un aumento della sensibilizzazione della popolazione europea, con una maggior incidenza laddove si trova (e si troverà) un maggior numero di piante: Ungheria, Balcani, ma soprattutto Germania, Polonia e Francia. In particolare in Francia e nel nord ovest dell’Italia, il periodo di fioritura si sta progressivamente anticipando a metà luglio (nelle aree più ad est e a nord invece i pollini si diffondono principalmente a partire da metà settembre). Continua a leggere “Mutamento del clima, diffusione dell’ambrosia e febbre da fieno”

Pronto soccorso di Alessandria: Efficenza e professionalità nonostante la carenza di personale

Pronto soccorso di Alessandria: Efficenza e professionalità nonostante la carenza di personale

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Il pronto soccorso di un ospedale svolge un ruolo determinante per tutelare la salute delle persone che ogni giorno s presentano allo sportello del triage, ciascuno con i problemi e vari livelli di urgenza.

Relativamente a quello di Alessandria i numeri dicono che ci sono circa 40.000 accessi ogni anno con una conseguente grande mole di lavoro per il personale.

Pronto soccorso Alessandria ok copia

Nel corso di ogni anno gli accessi crescono nel periodo invernale a causa dei malanni di stagione come influenze, problemi polmonari, ipotermia e congelamento, particolarmente colpite sono le persone anziane i bambini, quelle sotto l’effetto dell’alcool e chi per motivi di lavoro o per scelta rimane troppo tempo esposto al freddo; mentre nel periodo estivo i ricoveri aumentano per malori dovuti al caldo, sincopi, esaurimenti e colpi di calore che a volte possono anche essere mortali, le persone particolarmente colpite sono gli anziani, chi ha problemi cardiaci e chi per lavoro o per scelta rimane troppo tempo esposto al sole.

Purtroppo nonostante l’importanza d questo servizio che in diversi casi può salvare delle vite umane, così come succede anche in altri reparti dell’ospedale ci sono non poche carenze di personale. Continua a leggere “Pronto soccorso di Alessandria: Efficenza e professionalità nonostante la carenza di personale”

Normale o alta? La tabella dei valori pressori

Normale o alta? La tabella dei valori pressori

Come interpretare i valori della pressione arteriosa? La classificazione dell’ipertensione secondo l’OMS/IISH

x_5oZYqoWiBUcOW_hdtoN_thumb_720_480.jpg.pagespeed.ic.7UN5zzYZpt.jpg

https://www.fondazioneveronesi.it

Il valore della pressione arteriosa andrebbe sempre interpretato con l’aiuto del proprio medico e alla luce del profilo individuale.

In ogni caso gli esperti suggeriscono anche di imparare a tenerla sotto controllo regolarmente, a casa.

Per sapere come si misura la pressione arteriosa è bene seguire alcunisemplici consigli che possono aiutare a non commettere errori, scegliendo gli strumenti e le tempistiche migliori nell’arco della giornata.

Come leggere i valori? L’esposizione a una delle patologie legate all’ipertensione aumenta con l’aumentare dei valori pressori.

In generale, gli esperti concordano nel definire ipertensione la situazione in cui i valori della pressione sistolica (la “massima”) siano superiori a 140 mm Hg e quelli della pressione diastolica (la “minima”) siano superiori a90 mm Hg.

Ipertensione: conta di più la massima o la minima?

Qui di seguito ecco una classificazione dei valori di pressione arteriosa e della loro portata di rischio.

La classificazione è suggerita dall’OMS/ISH, basata sui livelli della pressione arteriosa nei soggetti adulti di età uguale o superiore a 18 anni (dal sito della SIIA – Società Italia dell’Ipertensione Arteriosa). Continua a leggere “Normale o alta? La tabella dei valori pressori”

Tipi di frutta secca: nomi, quali scegliere, quanta al giorno, calorie e proprietà

tipi di frutta medicina-online-nocciole-noci-prugne-mandorle-castagne-frutta-secca-dieta-quale-scegliere-marche-biologica-calorie-proprieta-fa-bene-fa-ingrassare-dieta-dimagrire-cibo-mer

di Staff. di Medicina OnLine

La frutta secca è oggi molto diffusa, e specialmente nei mesi autunnali ed invernali viene consumata in quantità elevate. Ricca di sali minerali, di vitamine e di grassi “buoni”, la frutta secca è la soluzione perfetta per integrare la colazione e grazie alle sostanze nutritive che essa contiene crea quel mix di salute e benessere essenziale specialmente quando la giornata si prevede molto impegnativa.

Come consumare la frutta secca?

La frutta secca può essere consumata da sola, oppure assieme ad un panino con la marmellata, con una spremuta per integrare la vitamina C, con uno yogurt (ed in quest’ultimo caso è anche perfetta da aggiungere direttamente nello yogurt). I Italia molti tipi di frutta secca vengono comunemente usati per molte gustose ricette culinarie o di pasticceria. Continua a leggere “Tipi di frutta secca: nomi, quali scegliere, quanta al giorno, calorie e proprietà”

CISL, seminario su salute e Fake News

CISL, seminario su salute e Fake News

IL 14 MAGGIO ALLA CISL DI ALESSANDRIA UN SEMINARIO PER PARLARE DI SALUTE E SMASCHERARE FAKE NEWS

La vaccinazione antinfluenzale può provocare l’influenza? I farmaci generici non sono come quelli “di marca”? Usare dolcificanti al posto dello zucchero fa bene alla salute?

Sono solo alcune delle domande che i partecipanti al seminario “DOTTORE, MA E’ VERO CHE…?” che si terrà martedì 14 maggio 2019 alle ore 15, presso la sede CISL di ALESSANDRIA in via Parma 36,potranno rivolgere al  dott.Giancarlo Faragli, medico preventivo e divulgatore scientifico.

Domande a tutto campo sulla prevenzione: da quella cardiovascolare a quella delle malattie metaboliche e a quella oncologica.

Per Cisl, FNP e Anteas, organizzatori dell’incontro, é un contributo per mettere a fuoco alcune situazioni critiche in ambito sanitario e per fare il punto sugli attuali progressi nel campo della medicina preventiva, con parole semplici e con tanti esempi.

Seguirà lo spazio dedicato un “question time”,  con domande-risposte a disposizione dei partecipanti.

Al termine dell’incontro verrà offerto un aperitivo.

Paola Toriggia

Ufficio stampa Cisl Alessandria-Asti

LILT: IL CANCRO NEL MIRINO

LILT: IL CANCRO NEL MIRINO

Con l’intento di informare, educare, assistere, stimolare la responsabilità individuale, affinchè ogni persona diventi protagonista e responsabile della propria salute e delle proprie scelte con un’attenta prevenzione, insieme LCIF  e LILT organizzano il giorno

4 maggio 2019 alle ore 9,30

Presso il Cinema Moderno in via Girardengo 42 – Novi Ligure

Il convegno:

lilt+lcif 4 maggio.jpg

IL CANCRO NEL MIRINO

Presidio ospedaliero di Novi Ligure: la qualità della nostra chirurgia al servizio del territorio

Relatori, soci Lion e non, sono i Dirigenti del Presidio ospedaliero e medici di famiglia. I temi sui quali si soffermeranno saranno la diagnosi e la terapia dei vari tipi di tumori estendendosi alle patologie oncologiche in età pediatrica, alla comunicazione ai giovani, agli aspetti psicologici connessi alla malattia ed all’impegno dei medici di famiglia per la prevenzione.

La locandina evidenzia il nome dei relatori ed il titolo dei loro interventi.

Sarà l’occasione per la cittadinanza di incontrare i massimi dirigenti del Presidio ospedaliero novese e porre loro eventuali domande.

Si ringraziano tutti gli Oratori, l’Amministrazione comunale, l’ASLAL e la Multisala che hanno raccolto con entusiasmo il messaggio della LCIF e della LILT.

Dove e Come Mi Curo, Alessandria. Protesi anca: SS. Antonio e Biagio 4° in Piemonte per n° interventi

Dove e Come Mi Curo, Alessandria. Protesi anca: SS. Antonio e Biagio 4° in Piemonte per n° interventi

www.doveecomemicuro.it, portale di public reporting delle strutture sanitarie italiane, ha realizzato un’indagine sugli ospedali più performanti per volume d’interventi per frattura del collo del femore e per tempestività dell’operazione (fondamentale per il buon esito e per la sopravvivenza del paziente). Nel comunicato stampa riportiamo, oltre ai dati relativi alla frattura del collo del femore, anche le classifiche regionali (e nazionali in un allegato a parte) dei 5 ospedali ai primi posti per numero di interventi per protesi d’ancaprotesi di ginocchio e protesi di spalla. Inoltre, le percentuali dei residenti che scelgono di farsi operare nella propria Regione (fonte dati: PNE 2017).

Schermata 2018-10-29 a 17.17.47

Quanto alle fratture del collo del femore – raddoppiate in Europa in 50 anni – evidenziamo che solamente poco più di un terzo degli ospedali italiani accreditati (37%) rispetta gli standard minimi per volume e per percentuale d’interventi eseguiti entro 48 ore dal ricovero.

C’è, però, un dato positivo: migliora la tempestività dell’operazione sugli over 65. Le strutture che eseguono almeno il 60% delle operazioni entro 48 ore dal ricovero sono passate, infatti, dal 31% nel 2010 al 58% nel 2016.

Francesco Traina, Direttore della Struttura Complessa di Ortopedia e Chirurgia Protesica dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, dice in un’intervista (che alleghiamo) che l’obiettivo è arrivare al 100% e che gli studi invitano a intervenire addirittura entro 24 ore. Spiega, poi, quale prevenzione è possibile contro l’osteoporosi – prima causa delle fratture del collo del femore – fin dall’infanzia e a quali controlli sottoporsi se si rientra nella fascia di rischio di sviluppare la malattia (che, nel nostro Paese, colpisce 1 donna su 3 e 1 uomo su 5).

Segnaliamo che la struttura che effettua un maggior numero di interventi per frattura del collo del femore rispettando al contempo il valore di riferimento istituzionale per cui almeno il 60% delle operazioni sono eseguite entro 48 ore dal ricovero è l’Ospedale Maggiore Carità di Novara. Al 1° posto, per volume di interventi per protesi d’anca, invece, c’è il Centro Traumatologico Ortopedico (CTO) di Torino; per protesi di ginocchio, la Casa di Cura Città di Bra (CN); mentre per protesi di spalla, la Casa di Cura Villa Igea di Acqui Terme (AL). L’Ospedale Civile Santi Antonio e Biagio di Alessandria è al  posto in Piemonte per protesi d’anca mentre la Clinica Salus di Alessandria è al  per protesi di spalla. Continua a leggere “Dove e Come Mi Curo, Alessandria. Protesi anca: SS. Antonio e Biagio 4° in Piemonte per n° interventi”

‘Dove si fa ricerca, si cura meglio’ fra Irccs e università. Alessandria, Centini, l’ospedale e il futuro della sanità

‘Dove si fa ricerca, si cura meglio’ fra Irccs e università. Alessandria, Centini, l’ospedale e il futuro della sanità

di Enrico Sozzetti   https://160caratteri.wordpress.com

«Dove si fa ricerca, si cura meglio». Giacomo Centini, direttore generale dell’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ va diritto al punto, dopo avere tracciato il quadro generale dell’attività aziendale.

unnamed-1.jpg

E lo fa guardando a un obiettivo del 2023 che non vedrà perché l’incarico è triennale e lui è stato nominato dalla giunta regionale nel mese di maggio del 2018. Ma quello che ha voluto fare subito dopo l’insediamento è stato imprimere una svolta manageriale e gestire una riorganizzazione che ha trovato, dopo alcuni mesi, una sintesi nel piano strategico 2018 – 2023.

Un impegno di cinque anni «perché il piano non è della direzione, ma di tutti gli operatori che lavorano all’interno dell’azienda» come aveva detto lo stesso Centini in apertura della presentazione. Un concetto ribadito durante la relazione svolta di fronte ai soci del Lions Club Alessandria Marengo (presidente è Giuliana Cellerino), dove è stato invitato per una serata intitolata ‘Aso 2023, sfide e opportunità in anni di crescita e trasformazione’ Continua a leggere “‘Dove si fa ricerca, si cura meglio’ fra Irccs e università. Alessandria, Centini, l’ospedale e il futuro della sanità”

La medicina di genere per garantire equità e appropriatezza della cura, di Lia Tommi

SALUTE DI GENERE
Definizione di salute dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

La Costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) del 1948 ha definito la salute come uno stato di completo benessere fisico, sociale e mentale e non soltanto l’assenza di malattia o di infermità. (WHO Constitution. World Health Organization, Geneva 1948)
I fattori che influenzano la salute sono molteplici e tra loro collegati. L’OMS definisce i determinanti di salute (“determinants of health”) come l’insieme di fattori personali, sociali, economici ed ambientali che determinano lo stato di salute di individui o popolazioni. (Health Promotion Glossary. World Health Organization, Geneva 1998).

La medicina di genere

La medicina di genere si occupa delle differenze biologiche e socioculturali tra uomini e donne e della loro influenza sullo stato di salute e di malattia e rappresenta un punto d’interesse fondamentale per il Servizio Sanitario Nazionale . Differenze tra uomini e donne, infatti, si osservano sia nella frequenza che nella sintomatologia e gravità di numerose malattie, nella risposta alle terapie e nelle reazioni avverse ai farmaci nonché’ negli stili di vita e nella risposta ai nutrienti. Un approccio di genere nella pratica clinica consente di promuovere l’appropriatezza e la personalizzazione delle cure generando un circolo virtuoso con conseguenti risparmi per il Servizio Sanitario Nazionale. Recentemente, Agenzie ed Istituzioni internazionali, quali FDA (Food and Drug Administration), WHO (World Health Organization) e ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) hanno promosso questo nuovo approccio alla medicina suggerendo l’adozione di politiche atte allo sviluppo di nuove strategie sanitarie preventive, diagnostiche, prognostiche e terapeutiche che tengano conto delle differenze tra uomini e donne non solo in termini biologici e clinici, ma anche culturali e socio- economici.

Che cos’è la Sindrome di Tourette

Che cos’è la Sindrome di Tourette

La sindrome di Tourette (o sindrome di Gilles de la Tourette) è un disturbo neurologico che esordisce nell’infanzia scomparendo spesso durante l’adolescenza, caratterizzata dalla presenza di tic motori e fonatori incostanti, talvolta fugaci e altre volte cronici, la cui gravità può variare da estremamente lievi a invalidanti.

georges_gilles_de_la_tourette

In molti pazienti emergono alcune comorbilità (diagnosi di patologie co-concorrenti diverse dalla sindrome di Tourette), come il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) e il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC). Le altre condizioni sono spesso secondarie a peggioramento nel quadro clinico del paziente e quindi è fondamentale identificarle correttamente e trattarle.

La sindrome prende il nome dal neurologo francese Georges Gilles de la Tourette, che la descrisse nell’Ottocento, anche se era già stata individuata e inquadrata sin dal Seicento; la sindrome in realtà non fu quasi considerata fino a pochi decenni dalla fine del XX secolo.

La definizione di “sindrome di Tourette” non identifica una specifica malattia o un preciso vulnus neurologico, ma piuttosto un quadrocomportamentale caratterizzato da diverse manifestazioni (anche psicologiche) che sono presenti in altre sindromi: diversi fattori neuro-fisiologici possono portare infatti alle stesse manifestazioni…. approfondisci su: https://it.m.wikipedia.org/wiki/Sindrome_di_Tourette

Gara di scienze: Produrre energia pulita per una città sostenibile, ecologica e sicura per la salute degli abitanti

Gara di scienze: Produrre energia pulita per una città sostenibile, ecologica e sicura per la salute degli abitanti

Alessandria: Familiarizzare con il concetto di “energia” e sensibilizzare sui temi del risparmio energetico, dell’uso efficiente delle risorse e della riqualifica dell’ambiente

pro img_0992pro img_0987

3i Group e il Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica (DISIT) dell’Università del Piemonte Orientale hanno organizzato, per l’anno scolastico 2018/2019, la seconda edizione del progetto didattico scientifico ‘Energia in Energia’: Gara di scienze: produrre energia pulita per una città sostenibile, ecologica e sicura per la salute degli abitanti”.

Il progetto le cui finalità rientrano tra le tematiche inserite nell’Agenda Globale per lo Sviluppo Sostenibile del 2030 (obiettivo n° 7 “Energia pulita e accessibile” e n° 11 “Città e comunità sostenibili”) ha ottenuto il pieno appoggio dell’Amministrazione Comunale di Alessandria, dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Alessandria e di AMAG Reti Idriche attraverso un accordo di cooperazione.

Partecipano a questa seconda edizione anche l’istituto Tecnico Industriale Statale “A. Volta” con progetti di Alternanza Scuola – Lavoro per attività di peer education e la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che ha sostenuto economicamente il progetto. La competizione, rivolta agli alunni delle scuole Primarie e Secondarie di primo grado del territorio, e dedicata al tema dell’energia rinnovabile, consente di sviluppare esperienze in cui la familiarizzazione con il concetto di energia si coniuga efficacemente con la sensibilità ai temi del risparmio energetico, dell’uso efficiente delle risorse e della riqualificazione complessiva dell’ambiente. Continua a leggere “Gara di scienze: Produrre energia pulita per una città sostenibile, ecologica e sicura per la salute degli abitanti”

Cuore, dedicarsi regolarmente alla sauna aiuta a mantenerlo in salute. Sky TG24

Uno studio dell’Università della Finlandia, pubblicato sulla rivista scientifica Biomed Central, ha dimostrato che fare la sauna quattro volte alla settimana per mezz’ora riduce il rischio di eventi cardiovascolari sia negli uomini sia nelle donne, portando benefici simili a quelli dell’allenamento fisico.

L’indagine ha monitorato per 15 anni quasi 1.7000 persone con un’età media di 63 anni. Dai risultati ottenuti è emerso che maggiore è la frequenza delle saune e minore è il rischio di mortalità cardiovascolare.

La sauna allarga i vasi sanguigni, riducendo così la pressione arteriosa, sottoponendo il cuore a un ‘esercizio’ che lo allena e lo rafforza.La sauna riduce il rischio di eventi cardiovascolariCiro Indolfi, presidente della Società Italiana di Cardiologia (SIC), spiega che dal numero delle saune settimanali dipendono gli effetti positivi sull’organismo.

“Quattro sono molto più efficaci rispetto a una o due”, chiarisce l’esperto. “Lo studio evidenzia che gli habitué della sauna in 15 anni hanno sviluppato solo 181 eventi cardiovascolari, risultati poi fatali, corrispondenti a circa 2,7 decessi per 1000 individui contro i 10,1 decessi tra coloro che non la facevano mai o solo una volta ogni tanto.

Valori che attestano una diminuzione significativa del rischio di mortalità. Inoltre, incide anche il tempo cui si resta in cabina: la durata ideale è di almeno 30 minuti.

”Gli effetti sulla circolazione sanguignaIndolfi sottolinea che gli effetti della sauna hanno un effetto positivo sulla circolazione sanguigna. “Il calore può migliorarla agendo sulle cellule dell’endotelio che rivestono le arterie, riducendone la rigidità, stimolando nella fase acuta il sistema simpatico e abbassando la pressione arteriosa. Inoltre, la sauna determina un aumento della frequenza cardiaca fino a 120-150 battiti al minuto, paragonabile a quello ottenuto con un esercizio fisico di intensità bassa o moderata”.

La sauna non è però adatta a chiunque. Come spiega Indolfi, i pazienti con scompenso cardiaco, ipertensione, ipotensione, infezioni acute, epilessia, miocarditi o pericarditi dovrebbero evitarla. Prima di sottoporsi a una sauna particolarmente lunga è dunque sempre opportuno sottoporsi a un controllo medico.

Sorgente: Cuore, dedicarsi regolarmente alla sauna aiuta a mantenerlo in salute | Sky TG24

“PFAS (sostanze perfluoroalchiliche) RISCHI PER LA SALUTE NEL TERRITORIO DI ALESSANDRIA”

“PFAS (sostanze perfluoroalchiliche) RISCHI PER LA SALUTE NEL TERRITORIO DI ALESSANDRIA”

Incontro pubblico: venerdì 18 gennaio 2019, ore 21, ex Taglieria del Pelo, via Wagner 38/D, Alessandria

pfas alessandria 18 gennaio191

Le sostanze perfluoroalchiliche (PFAS), fra le quali PFOA e PFOS sono le più comunemente usate, sono state utilizzate in campo industriale anche nel territorio di Alessandria, in particolare nel Polo Chimico di Spinetta Marengo. Si sono propagate nell’ambiente e nelle falde acquifere defluendo attraverso la Bormida e il Tanaro fino ad inquinare le acque del Po. Sono arrivate ai prodotti alimentari e al corpo delle persone: sono presenti nel sangue dei lavoratori del Polo Chimico e presumibilmente dei cittadini.

Le sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) sono indiziate di interferire con il sistema endocrino e di essere cancerogene.

Nel 2016, il National Toxicology Program (NTP) ha concluso che il PFOA e il PFOS sono considerati un rischio per la funzione del sistema immunitario sano negli esseri umani. Ricerche condotte su animali hanno dimostrato come PFOA e PFOS possono causare cancro al fegato, ai testicoli, al pancreas e alla tiroide. Continua a leggere ““PFAS (sostanze perfluoroalchiliche) RISCHI PER LA SALUTE NEL TERRITORIO DI ALESSANDRIA””

Vaccini antinfluenzali esauriti in mezza Italia

Vaccini antinfluenzali esauriti in mezza Italia

Boom di richieste rispetto allo scorso anno. Le regioni finiscono nel mirino: hanno sottostimato la domanda

vaccini

FABIO DI TODARO MILANO

Le scorte, negli studi dei medici di base come negli ambulatori delle Asl, sono agli sgoccioli. Lo stesso è quanto si registra da giorni nelle farmacie di diverse città. Per i dati ufficiali occorrerà attendere la fine di marzo, ma a determinare la penuria di dosi di vaccino antinfluenzale c’è sicuramente una maggiore domanda da parte degli italiani.

A richiederlo sono stati coloro a cui è offerto gratuitamente, ma pure gli adulti in salute che hanno scelto di «ricorrere all’arma più efficace per proteggersi dall’influenza», per dirla con Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale (Simg). «Non è tanto un problema che le dosi scarseggino adesso, quanto che siano mancate in alcune aree del Paese a metà novembre: nel pieno della campagna vaccinale, che ormai possiamo definire conclusa».

Quanto questa diffusione «a singhiozzo» possa avere conseguenze sulla salute degli italiani, sarà più chiaro all’inizio del 2019: nei giorni in cui si toccherà il picco dell’epidemia… https://www.lastampa.it/2018/12/17/italia/vaccini-antinfluenzali-esauriti-in-mezza-italia-3mI8TeufXHrwP4kA7fabIO/pagina.html

Dott. Marco Tallone: LASERTERAPIA PULSATA MD-YAG

Dott. Marco Tallone: LASERTERAPIA PULSATA MD-YAG

Parliamo in questa rubrica di un nuovo tipo di Laser innovativo che ha surclassato i laser esistenti.

Si tratta del Laser pulsato md-yag, per i più attenti ne abbiamo sentito parlare alla premiazione dei Nobel quest’anno infatti è andato il premio per la Fisica a tre ricercatori americani-francesi-canadesi che hanno messo a punto questo nuovo tipo di laser che basa la sua innovazione sul fatto di riuscire a essere pulsato.

fisio tallone

Questo, contrariamente agli altri laser che sono continui o solo intermittenti, gli permette di sviluppare grandi potenze (dai 5000 w a 15000 watt) senza lesionare il tessuto in alcun modo.

Infatti la sua caratteristica unica di essere pulsato gli permette di avere delle brevissime pause e di far raffreddare il tessuto fra un picco di luce e l’altro non causando surriscaldamento, ciò senza perdere in prestazioni anzi migliorandole ai massimi livelli.

Gli altri laser continui e intermittenti hanno il loro principale difetto nel poter causare bruciature e surriscaldamenti durante il trattamento fisioterapico, sviluppano basse potenze e hanno minore capacità guaritiva.

Altra differenza sostanziale è la generazione della luce laser, infatti i vecchi fasci laser sono generati da dìodi (da qui il nome laser a dìodò) o addirittura con la combustione di CO2, mentre il laser pulsato è generato da un minerale sporcato col neodimio che rende la sua emissione unica. Continua a leggere “Dott. Marco Tallone: LASERTERAPIA PULSATA MD-YAG”

CGIL e UIL: La legge 194 deve essere applicata e il diritto alla salute delle donne va tutelato

CGIL e UIL: La legge 194 deve essere applicata e il diritto alla salute delle donne va tutelato

Mozione di CGIL Alessandria e UIL Alessandria

Come CGIL e UIL di Alessandria chiediamo che la mozione Locci – Trifoglio, che porta i nomi dei primi firmatari, sia ritirata in quanto riteniamo che parta da presupposti errati, mistifichi i dati relativi al ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza, tentando subdolamente di mettere in discussione la legge 194/78.

Schermata 2018-12-13 a 12.51.03

A distanza di 40 anni dall’approvazione della 194/78, che prevede norme per la tutela sociale della maternità e l’interruzione volontaria della gravidanza, possiamo dire che la legge ha funzionato bene ed è riuscita a diminuire la clandestinità e la mortalità.

I dati più recenti forniti dall’ISTAT sulla salute riproduttiva della donna ci dicono che il ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza sia in costante riduzione dal momento dell’approvazione della legge ad oggi, segno che la prevenzione e l’informazione sull’utilizzo dei contraccettivi hanno prodotto i loro effetti. Continua a leggere “CGIL e UIL: La legge 194 deve essere applicata e il diritto alla salute delle donne va tutelato”

Tumore al seno: anche per questo tipo di cancro si inaugura l’era dell’immunoterapia – La Stampa

NICLA PANCIERA

Già si parla di «una rivoluzione», che apre anche per il tumore al seno l’era dell’immunoterapia. Si tratta del primo risultato positivo per una forma di tumore al seno, quello triplo negativo metastatico o localmente molto avanzato, aggressivo che colpisce donne giovani, anche ventenni e che porta rapidamente alla morte in 12-15 mesi.

In Italia, con 7-8 mila nuovi casi l’anno, il triplo negativo, così chiamato perché le sue cellule non presentano nessuno dei tre classici bersagli contro cui sono dirette le cure più efficaci, costituisce il 15% di tutti i tumori mammari.

Lo studio prospettico randomizzato IMPassion130, presentato a Esmo 2018 e pubblicato in contemporanea sul New England Journal of Medicine, è stato condotto su 902 donne con cancro al senso triplo negativo che non avevano ricevuto alcun trattamento.

Sorgente: Tumore al seno: anche per questo tipo di cancro si inaugura l’era dell’immunoterapia – La Stampa

Il Centro Cuore di Alessandria teatro per un giorno

Il Centro Cuore di Alessandria teatro per un giorno

Alessandria: Il 7 dicembre alle 17 porte aperte ai cittadini per lo spettacolo Favole napoletane 

Non solo cura e ricerca: venerdì 7 dicembre, alle ore 17, il Centro Cuore – Clinica Città di Alessandria ospiterà, nella Sala Congressi del terzo piano, Favole napoletane, spettacolo teatrale della compagnia locale “Gli Illegali” a ingresso libero.

I cittadini potranno così assistere al monologo scritto e recitato da Luigi Di Carluccio sulla sua esperienza di “immigrato” di seconda generazione da Napoli ad Alessandria.

“C’era una volta un bambino – così Luigi Di Carluccio presenta la sua favola napoletana –. Si trasferì in una nuova città e, per trasferirsi, fece un viaggio in treno di 800 chilometri. Quando arrivò a casa ad Alessandria, la prima cosa che fece fu andare sul balcone della cucina e cominciare a urlare. Chiamava quelli che aveva conosciuto nell’altra città, a 800 chilometri di distanza, e li chiamava con un linguaggio che a molti, al Nord, pareva incomprensibile, ma che per loro, per i suoi parenti, sarebbe stato comprensibilissimo. Chiamava il nonno, la nonna, gli zii, ma in napoletano…”.   Continua a leggere “Il Centro Cuore di Alessandria teatro per un giorno”

Convegno Nazionale di Diritto Sanitario ad Alessandria, di Lia Tommi

XVI Convegno nazionale di Diritto Sanitario – Prologo

29 novembre 2018 – ore 19:00–22:30
Associazione Cultura e Sviluppo
Piazza Fabrizio De Andrè
15121 Alessandria

Roberto Turno intervista l’onorevole Rosy Bindi su Salute, sanità e società italiana: 40 anni di cambiamenti.

Dopo la pausa buffet Renato Balduzzi, Rosy Bindi, Antonio Brambilla e Giacomo Centini dialogano sul tema Servizi sanitari e sociosanitari tra ospedale e territorio.

Movimento 5 Stelle Alessandria: portavoce, attivisti e simpatizzanti insieme a Sezzadio per marciare per l’acqua

Movimento 5 Stelle Alessandria: portavoce, attivisti e simpatizzanti insieme a Sezzadio per marciare per l’acqua

M5S

Alessandria: “Il nostro no alla discarica di Sezzadio è sempre stato netto, per questo anche sabato saremo a fianco dei comitati organizzatori per marciare al fine di impedire un ulteriore scempio sul nostro già martoriato territorio: il deposito di rifiuti pericolosi su una delle falde acquifere più importanti del nord Italia – così Michelangelo Serra e Francesco Gentiluomo, portavoce del M5S in Consiglio Comunale – abbiamo invitato tutti i nostri attivisti e simpatizzanti a partecipare e siamo sicuri che, come sempre, non ci deluderanno. Saranno presenti portavoce di tutti i livelli, oltre ai nostri quattro candidati alle prossime elezioni regionali”.

“Con rammarico constatiamo come la tutela dell’ambiente, in fondo, sia sempre catalogata come qualcosa di marginale rispetto ad altre questioni, economiche in primis, nonostante la sempre più alta incidenza di patologie tumorali – aggiungono i Consiglieri – mancano da sempre la volontà politica di andare in questa direzione e di conseguenza la strategia ambientale strutturata che da anni il nostro territorio aspetta. Viviamo in una delle zone più inquinate d’Italia per qualità dell’aria e non solo, ma le scelte degli ultimi anni sembrano ignorarlo. I cittadini ne sono ben consapevoli invece e sabato a Sezzadio, ancora una volta, faranno sentire la loro volontà ”.

TAGLIO DEL NASTRO PER IL CAAD DI NOVARA

TAGLIO DEL NASTRO PER IL CAAD DI NOVARA

Il Centro Interdipartimentale di Ricerca Traslazionale sulle Malattie Autoimmuni e Allergiche è stato ufficialmente inaugurato presso il centro Ipazia.

È stato inaugurato venerdì 9 novembre, il CAAD – Centro Interdipartimentale di Ricerca Traslazionale sulle Malattie Autoimmuni e Allergiche dell’Università del Piemonte Orientale.

Il taglio del nastro presso il Centro di ricerca applicata Ipazia (Corso Trieste 15/A, Novara) è avvenuto alla presenza del Rettore Gian Carlo Avanzi, del sindaco di Novara Alessandro Canelli, del direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Maggiore della Carità” di Novara Mario Minola e dei professori Claudio Santoro e Marisa Gariglio, rispettivamente presidente e membro del Comitato Tecnico Scientifico del CAAD. Continua a leggere “TAGLIO DEL NASTRO PER IL CAAD DI NOVARA”

UPO: ALIMENTAZIONE PER LA SALUTE AL CENTRO DELLA GIORNATA IRCAD 2018

UPO: ALIMENTAZIONE PER LA SALUTE AL CENTRO DELLA GIORNATA IRCAD 2018

DALLE 15 LABORATORI APERTI, ATTIVITÀ PER ADULTI E BAMBINI E DEGUSTAZIONI

L’evento si tiene al nuovo CAAD in Corso Trieste a Novara. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare e a conoscere le nuove strutture.

UPO CAAD IRCAD.jpg

L’inaugurazione ufficiale del CAAD (Centro Interdipartimentale di Ricerca Traslazionale sulle Malattie Autoimmuni e Allergiche dell’Università del Piemonte Orientale) che si terrà venerdì 9 novembre costituirà l’apripista ideale per l’ottava edizione della Giornata IRCAD, evento di divulgazione scientifica che sabato 10 giugno darà vita alle nuovissime strutture di Corso Trieste 15/A a Novara.

Il tema portante di questa ottava edizione sarà “Alimentazione e salute: dal campo al letto del paziente passando per il CAAD”. L’evento è patrocinato dal Comune di Novara e organizzato in collaborazione con i centri UPO CAAD e FOODlink, Noberasco, Bio Novara, Riso Buono e gode del contributo incondizionato di Novartis. Continua a leggere “UPO: ALIMENTAZIONE PER LA SALUTE AL CENTRO DELLA GIORNATA IRCAD 2018”

Sozzetti: Umanizzare la terapia intensiva neonatale di Alessandria? Ci pensa il Politecnico di Torino

Umanizzare la terapia intensiva neonatale di Alessandria? Ci pensa il Politecnico di Torino

di Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

Diecimila euro per un progetto di umanizzazione del reparto di Terapia intensiva neonatale dell’ospedale infantile Cesare Arrigo di Alessandria, realizzato dal Politecnico di Torino – Dipartimento di Architettura e design. La decisione è dell’azienda ospedaliera, guidata da Giacomo Centini. L’obiettivo è “potenziare i criteri di umanizzazione, espressi in particolare in relazione alle esigenze di fruibilità, orientamento, privacy, benessere psicosensoriale, visivo, acustico e di sicurezza nell’uso all’interno dell’area della Terapia intensiva neonatale”.

Umanizzare.jpg

Il “partner altamente qualificato” identificato dall’azienda ospedaliera è stato il Politecnico di Torino che organizzerà una serie di incontri con il personale, oltre ovviamente a sopralluoghi e verifiche tecniche, per mettere a punto il progetto che prevede la realizzazione di un piano colore per pavimenti e pareti e la collocazione di segnaletica e arredi. L’intervento di valorizzazione del reparto dovrebbe essere concluso entro il mese di dicembre.

È uno degli esempi di collaborazione fra l’azienda ospedaliera ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ e il mondo universitario. Quello con il Politecnico di Torino si affianca a quella in corso da tempo con l’Università del Piemonte Orientale e con altri atenei, anche non piemontesi. Continua a leggere “Sozzetti: Umanizzare la terapia intensiva neonatale di Alessandria? Ci pensa il Politecnico di Torino”

Balza: Movimento di lotta per la salute Giulio  A. Maccacaro, anche in Alessandria

Movimento di lotta per la salute Giulio  A. Maccacaro. Sezione di Alessandria                                                    

Schermata 2018-10-26 a 13.23.35

Alessandria: Il “Movimento di lotta per la salute Giulio Alfredo Maccacaro” è da oggi presente in numerose realtà territoriali italiane, tra le quali federata anche Alessandria.  Si pone in continuità storica, culturale, scientifica e ideale, con i principi  di Maccacaro: celebre direttore dell’Istituto di biometria e statistica dell’Università di Milano, epidemiologo di fama internazionale, scienziato contestatore della baronia medica. In ciascuna realtà territoriale il Movimento è autonomamente impegnato -a fianco dei Comitati, dei Movimenti, delle Associazioni – a promuovere e partecipare alle azioni di lotta per la salvaguardia della salute e dell’ambiente; battendosi per la medicina e la ricerca scientifica pubbliche, lottando per la prevenzione primaria da grandi e piccole opere di devastazione dell’ecosistema, per  la bonifica e degli impianti e delle aziende inquinanti, compresa la chiusura delle fabbriche della morte; rivendicando energia pulita e rinnovabile  contro inceneritori e discariche; nonché assicurando la solidale difesa dei diritti costituzionali di ogni persona e minoranza contro ogni emarginazione,  discriminazione e razzismo. Continua a leggere “Balza: Movimento di lotta per la salute Giulio  A. Maccacaro, anche in Alessandria”

Marco Ciani: A Casale Monferrato nasce il nuovo “Sportello salute” CISL aperto a tutta la cittadinanza

A CASALE M.TO NASCE IL NUOVO “SPORTELLO SALUTE” CISL APERTO A TUTTA LA CITTADINANZA

Obiettivo: fornire informazioni ed orientamento sul tema della tutela della salute
e problematiche legate all’amianto

Dal prossimo 23 ottobre, presso la Cisl di Casale M.to in Via Rivetta 41, sarà attivo il nuovo Sportello Salute.

Il servizio, presentato questa mattina con una conferenza stampa, nasce dalla sinergia tra Cisl territoriale, FNP CISL Alessandria-Asti (federazione che tutela i pensionati), e dall’associazione di volontariato ANTEAS Cisl in collaborazione con il Dott. Franco MONGIO’ (Cisl Medici), al fine di offrire un servizio gratuito di supporto a tutti i cittadini, guardando sopratutto alle fasce più deboli ed anziane.
Oltre a fornire assistenza su tutto ciò che ruota intorno alla tutela/diritto alla salute lo Sportello dedicherà particolare attenzione alle patologie connesse all’amianto.

“Abbiamo creato questo nuovo servizio con l’intento di essere ancora più vicini al territorio, dal momento che come organizzazione sindacale, oltre alla tutela individuale di lavoratori e pensionati, crediamo nell’importanza di promuovere iniziative a favore di tutta la comunità, a maggior ragione in una città divenuta simbolo della lotta contro la fibra-killer”, spiega Marco Ciani, Segretario generale Cisl Alessandria-Asti. Continua a leggere “Marco Ciani: A Casale Monferrato nasce il nuovo “Sportello salute” CISL aperto a tutta la cittadinanza”

Consulta comunale per la Sanità e la Salute

Consulta comunale per la Sanità e la Salute

Novi Ligure: È stata istituita la Consulta comunale per la Sanità e la Salute, la quale ha, tra i propri scopi prioritari, la conoscenza dello stato, delle problematiche e delle programmazioni relative ai servizi e alle strutture sanitarie, territoriali e ospedaliere di Novi Ligure e del suo territorio, anche attraverso l’acquisizione di ogni documentazione utile.

novi-ligure11.png

La Consulta, inoltre, si propone di rappresentare un punto di riferimento per il cittadino, per quanto concerne i problemi relativi alla Sanità.

Tra i suoi obiettivi infatti l’esercizio di una funzione di collegamento con la cittadinanza, di collaborazione e consultazione dei cittadini, di associazioni di volontariato e sindacali, di enti e gruppi che operano nel campo della sanità e dell’integrazione socio-sanitaria.

Si occupa altresì di esprimere pareri e proposte al Comune nel campo dei servizi socio-sanitari locali; promuovere iniziative di approfondimento dei temi socio-sanitati, con particolare riferimento a quello della prevenzione. Continua a leggere “Consulta comunale per la Sanità e la Salute”

A CASALE M.TO NASCE IL NUOVO “SPORTELLO SALUTE” CISL APERTO A TUTTA LA CITTADINANZA

A CASALE M.TO NASCE IL NUOVO “SPORTELLO SALUTE” CISL APERTO A TUTTA LA CITTADINANZA

Obiettivo: fornire informazioni ed orientamento sul tema della tutela della salute e problematiche legate all’amianto

Dal prossimo 23 ottobre, presso la Cisl di Casale M.to in Via Rivetta 41, sarà attivo il nuovo Sportello Salute.

cisl trasporto amico ANTEAS CISL a CASALEcisl volantino SPORTELLO SALUTE CISL CASALEcisl CONFERENZA STAMPA SPORTELLO SALUTE CISL CASALE-16-10-18cisl 44109335_10215829582404860_1472396024080236544_n

Il servizio, presentato questa mattina con una conferenza stampa, nasce dalla sinergia tra Cisl territoriale, FNP CISL Alessandria-Asti (federazione che tutela i pensionati), e dall’associazione di volontariato ANTEAS Cisl in collaborazione con il Dott. Franco MONGIO’ (Cisl Medici), al fine di offrire un servizio gratuito di supporto a tutti i cittadini, guardando sopratutto alle fasce più deboli ed anziane.
Oltre a fornire assistenza su tutto ciò che ruota intorno alla tutela/diritto alla salute lo Sportello dedicherà particolare attenzione alle patologie connesse all’amianto.

“Abbiamo creato questo nuovo servizio con l’intento di essere ancora più vicini al territorio, dal momento che come organizzazione sindacale, oltre alla tutela individuale di lavoratori e pensionati, crediamo nell’importanza di promuovere iniziative a favore di tutta la comunità, a maggior ragione in una città divenuta simbolo della lotta contro la fibra-killer”, spiega Marco Ciani, Segretario generale Cisl Alessandria-Asti. Continua a leggere “A CASALE M.TO NASCE IL NUOVO “SPORTELLO SALUTE” CISL APERTO A TUTTA LA CITTADINANZA”

La Torre Civica si colora di rosa per la prevenzione oncologica

La Torre Civica si colora di rosa per la prevenzione oncologica

Casale Monferrato Comune

Casale Monferrato: Già da alcuni giorni e fino alla fine del mese di ottobre, la Torre Civica sarà colorata di rosa attraverso apposita illuminazione in occasione della campagna di prevenzione oncologica “Nastro Rosa” promossa sul territorio nazionale da LILT.

Dopo il mese di giugno, durante il quale il celebre monumento cittadino si era colorato di azzurro per la campagna “Percorso Azzurro”, il Comune, in accordo con AMC, ha deciso di aderire alla richiesta per sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza della prevenzione e diagnosi precoce dei tumori al seno.

Bici: salutare ed ecologica di Cristina Saracano

In un periodo in cui si devono fermare le auto diesel, i costi del carburante sono sempre i aumento, la poca attività fisica danneggia il nostro corpo, è bene darsi da fare e..iniziare a pedalare!

I vantaggi della bicicletta sono tantissimi:

  • Preserva la salute, migliora la qualità della vita;
  • Combatte malattie cardiovascolari, obesità e tumori,
  • Riduce lo stress,
  • Fino a distanze di 5 Km in città è competitiva all’auto;
  • Non si spende denaro per il parcheggio, o per il carburante;
  • Non ha emissioni di CO2 e PM !0;
  • Riduce lo spazio di occupazione del suolo pubblico e il traffico.img_20180927_1606518859241271156297801.jpg

LA BICI E’ SALUTE!

FISIOTERAPIA PER TUTTI, di Marco Tallone, fisioterapista

FISIOTERAPIA PER TUTTI, di Marco Tallone, fisioterapista

LA SPINA CALCANEALE

Parliamo in questa rubrica della ‘spina calcaneale ‘. La spina è una calcificazione a livello dell’osso del calcagno che forma una specie di sovraosso il quale crea infiammazione ai tessuti del tallone. La spina letteralmente punge il tessuto sottostante infiammandolo e creando a lungo andare un grande dolore e disagio.

fisio foto tallone

La patologia della spina calcaneale si forma lungo tantissimi anni ma da’ sintomi solo dopo un po’di tempo,  le cause sono dovute principalmente alle attivita’ della vita come stare in piedi per molto tempo nella giornata, infatti è frequente in parrucchiere, operai, impiegati, addetti alle vendite e operatori sanitari.

In realtà quello che causa la formazione della spina è una membrana fibrosa che copre tutta la pianta del piede e la protegge nell’appoggio e nel cammino che si chiama fascia plantare.

A lungo andare, a forza di subire questi sovraccarichi, la fascia plantare si irrigidisce e forma nella sua inserzione a livello del tallone-calcagno questa calcificazione detta spina calcaneale.  Si comporta cioè come qualsiasi altro tendine del corpo, che subendo un sovraccarico, dapprima si infiamma poi col passare del tempo, se il vizio continua, forma una calcificazione nel tentativo di bloccare e proteggere il tendine sovrasollecitato. Continua a leggere “FISIOTERAPIA PER TUTTI, di Marco Tallone, fisioterapista”

Polmonite nel Bresciano, oltre 150 casi

Polmonite nel Bresciano, oltre 150 casi

Polmonite

http://www.rainews.it/

Ats raccomanda di sostituire i filtri dei rubinetti o di lavarli con anticalcare, di lasciar scorrere l’acqua calda e poi la fredda prima di utilizzarla, allontanandosi dal punto di emissione dopo l’apertura dei rubinetti ed aprendo le finestre.

Viene anche suggerito di portare la temperatura dell’acqua calda a 70-80°C per tre giorni consecutivi assicurando il suo deflusso da tutti i punti di erogazione per almeno 30 minuti al giorno Tweet 09 settembre 2018

Potrebbe essere un batterio presente nell’acqua la causa dei centocinquanta casi di polmonite registrati nella bassa bresciana. Solo gli accessi al Pronto soccorso degli ospedali della zona sono stati 121, ma i casi di polmonite superano i 150. Continua a leggere “Polmonite nel Bresciano, oltre 150 casi”

LA CITTADELLA DELLO SPORTE E DEL BENESSERE VI ASPETTA A SETTEMBRE

LA CITTADELLA DELLO SPORTE E DEL BENESSERE VI ASPETTA A SETTEMBRE

la sport benessere 2018-3la sport immagine


Alessandria: A settembre si torna in forma con il corpo e con la mente: edizione tutta nuova de LA CITTADELLA DELLO SPORT E DEL BENESSERE, grande manifestazione alla Cittadella di Alessandria targato Italy Events. L’8 e 9 settembre 2018  la fortezza sarà invasa pacificamente da migliaia di persone – sportivi di ogni età ma non solo.

Tante le  discipline sportive dalle moltissime associazioni presenti che daranno vita ad un fine settimana di esibizioni, prove pratiche, attività per tutti. Oltre cinquanta gli sport presenti, dalle discipline classiche alle particolari e meno conosciute. In ogni stand si potranno testare attrezzi, far pratica con gli istruttori, unirsi ai gruppi e tanto altro. Continua a leggere “LA CITTADELLA DELLO SPORTE E DEL BENESSERE VI ASPETTA A SETTEMBRE”

“Mercato del tabacco, salute, business e mozziconi per strada”, di Pier Carlo Lava

“Mercato del tabacco, salute, business e mozziconi per strada”, di Pier Carlo Lava

image2

Nel mondo si contano oltre 1 miliardo di fumatori, dal 1970 il consumo di tabacco è cresciuto del 67%, un fumatore su quattro è cinese e il numero dei tabagisti in Cina continua ad aumentare. In Italia su una popolazione sopra i 15 anni (che è 51,3 milioni) i fumatori sono il 22% oltre 11 milioni.
Da un indagine della DOXA emerge che l’età media della prima sigaretta è intorno ai 16 anni (ma il 13% inizia prima dei 15 anni) il 25,4% sono uomini e il 18,9% donne, dati in calo in particolare per gli uomini rispetto al 1993, dal 2005 è diminuito anche il consumo medio di sigarette al giorno, da 25,6 a 22.0.
Da un Rapporto sul fumo dell’Istituto superiore si sanità, si evince che il 12,2% di chi ha il vizio di fumare vorrebbe smettere nei prossimi sei mesi, e che in media chi decide di abbandonare ha superato i 40 anni.
Secondo l’OMS il fumo di tabacco rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e la principale causa di morte evitabile. E’ stato stimato che nel mondo quasi 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno per i danni da tabagismo e fra le vittime oltre 600.000 sono non fumatori esposti al fumo passivo.
Tempo fa la BAT (British American Tobacco) una multinazionale del settore ha annunciato che investirà in Italia oltre un miliardo di euro che porteranno alla creazione di 300 posti di lavoro diretti, più altri nell’indotto.

Continua a leggere ““Mercato del tabacco, salute, business e mozziconi per strada”, di Pier Carlo Lava”

Vaccini: Slitta l’obbligo, chi pagherà se ci saranno delle vittime?

Vaccini: Slitta l’obbligo, chi pagherà se ci saranno delle vittime?

doctor make vaccinating to patient

di Pier Carlo Lava

Il nuovo Governo M5S – Lega, ha fatto approvare al Senato un emendamento inserito nel decreto Milleproroghe che fa slittare di un anno al 2019-2020 l’obbligo vaccinale per l’iscrizione dei bambini alla scuola d’infanzia.

Si può essere d’accordo oppure no, ma resta il fatto che è una decisione gravissima che mette a rischio la salute dei bambini e potrebbe anche causare delle vittime.

La copertura vaccinale è l’unico metodo per garantire che accadano delle tragedie, ma questo a quanto pare non preoccupa gli estensori dell’emendamento.

Ulteriori dettagli su: https://www.huffingtonpost.it/2018/08/03/slitta-al-2019-lobbligo-vaccinale-per-la-scuola-dinfanzia-ok-allemendamento-nel-milleproroghe_a_23495524/?utm_hp_ref=it-homepage

Ritiro farmaci antipertensivi e cardiovascolari contenenti Valsartan

Ritiro farmaci antipertensivi e cardiovascolari contenenti Valsartan

Ritiro Valsartan Infografica

Farmaci antipertensivi e cardiovascolari contenenti Valsartan sono stati ritirati in tutto il mondo, a causa della contaminazione da parte di una sostanza ritenuta probabilmente cancerogena.

Uno degli aspetti più importanti di questo ritiro è che coloro che assumono Valsartan comprendano che non devono sospendere l’assunzione senza aver prima consultato un operatore sanitario.

Noi di MyTherapy – un app per la gestione del trattamento– vogliamo aiutare i pazienti a prendere le loro medicine in modo responsabile. Continua a leggere “Ritiro farmaci antipertensivi e cardiovascolari contenenti Valsartan”

Dr. Marco Tallone: MANIPOLAZIONI DELLA COLONNA LOMBARE

Dr. Marco Yallone: MANIPOLAZIONI DELLA COLONNA LOMBARE

fisio foto tallone

Parliamo in questa rubrica delle manipolazioni vertebrali cioè quelle che producono nell’immaginario collettivo popolare il cosidetto “schiocco” anche se non è proprio necessario ottenerlo.

Bisogna tenere in considerazione, per una corretta manipolazione, fattori anatomo-patologici, anamnesi, quadro clinico, evoluzione, età, sintomi.

Ogni manovra deve essere fatta a mezza forza la prima volta, bisogna controllare dopo ogni manipolazione e quando una tecnica cessa di produrre benefici o non ne produce si passa a un’altra diversa manipolazione.

Le tecniche vengono divise in gruppi: manipolazioni rotatorie, in estensione e antideviazione.

La scelta delle procedure dovrà inoltre tenere conto di alcuni elementi: non usare leve negli anziani per via dell’osteoporosi,  usare tecniche generalmente rotatorie per il disco della quarta vertebra lombare (L4), usare tecniche in estensione per il disco della quinta vertebra lombare (L5), non usare tecniche in estensione nelle lombalgie acute. Continua a leggere “Dr. Marco Tallone: MANIPOLAZIONI DELLA COLONNA LOMBARE”

Pochi medici di famiglia di Cristina Saracano

Cristina Saracano

Foto: dal web

Entro il 2023 21.000 medici andranno in pensione e soltanto un terzo sarà sostituito.

Il 52% dei camici bianchi ha più di 55 anni: la professione di medico di base è sempre meno ambita: i praticanti ricevono una borsa di studio decisamente inferiore a chi svolge tirocinio in ospedale e questo contribuisce a scoraggiare i giovani a intraprendere questa strada.

Il ruolo del medico di famiglia andrebbe rivalutato: in ambito sociale e sul piano della prevenzione e dell’informazione.

In questo modo si potrebbero evitare spese inutili in visite o esami specialistici e il rapporto umano paziente / medico ritornerebbe a essere in primo piano.

La sanità pubblica dovrebbe riflettere su tutto ciò: non si può arrivare ad avere 2.000 pazienti per ciascun dottore: è un numero ingestibile sotto tutti i punti di vista.

Speriamo che se ne rendano conto.

Sozzetti: L’abbraccio solidale di Alessandria e il ‘fiume di sorrisi’ in Cittadella

Sozzetti: L’abbraccio solidale di Alessandria e il ‘fiume di sorrisi’ in Cittadella

l'abbraccio

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

L’ambulatorio è unico in Italia. Lo è perché è totalmente gratuito, compresi gli apparecchi necessari per le cure, che sono lunghe e durano anni. Ma lo è anche perché è l’espressione, concreta, della solidarietà che coinvolge una comunità intera.

La cena benefica “Un fiume di sorrisi” che anche quest’anno viene organizzata (sabato 16 giugno) all’interno della Cittadella di Alessandria a sostegno delle attività dell’ambulatorio di labiopalatoschisi, all’interno dell’ospedale infantile ‘Cesare Arrigo’, è solo uno degli aspetti di un intreccio solidale che coinvolge aziende anche di altre regioni, senza ormai contare i moltissimi cittadini che, senza clamore, aderiscono, sostengono, aiutano una associazione e una attività nata per aiutare chi è più in difficoltà. Continua a leggere “Sozzetti: L’abbraccio solidale di Alessandria e il ‘fiume di sorrisi’ in Cittadella”

Dolce e fresco di Cristina Saracano

Cristina Saracano Alessandria

Foto: dal web

Gli italiani, con una media di 6kg l’anno pro-capite, sono al primo posto in Europa per comsumo di.gelato, seguiti dalla Germania, dalla Francia, e anche da qualche paese “fresco” come la Polonia.

Il preferito è sempre il gelato artigianale, una tradizione italiana che inizia la sua storia alla corte medicea fiorentina del cinquecento, dove si potevano gustare gelati e sorbetti durante feste e banchetti.

La prima gelateria oltreoceano, a New York, fu aperta nel 1770 da un genovese.

Il gelato è un alimento completo e nutriente, nei giorni caldi può sostituire un pasto perché è ricco di sostanze indispensabili.

Quindi, buona estate ricca di gelati gustosi e freschi!

Vivendo con la Sclerosi Multipla

Vivendo con la Sclerosi Multipla

Vivendo

Alessandria today: Condividiamo sul nostro blog le informazioni che ci sono pervenute alfine di aumentare la consapevolezza e la conoscenza della Sclerosi Multipla e dei bisogni delle persone che ne sono affette.

Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla – Infografica

MyTherapy a proposito della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla che si è celebrata lo scorso 30 maggio, ha realizzato per l’occasione un infografica che mette in evidenza quanto siano alte le percentuali di prevalenza e incidenza della SM in Italia.

Che cos’è la SM:

La SM, Sclerosi Multipla è una malattia autoimmune del sistema nervoso centrale che colpisce il cervello, il tronco encefalico e il midollo spinale.

La mielina, sostanza che riveste il corpo dei neuroni, risulta danneggiata compromettendo la normale trasmissione degli impulsi nervosi verso il cervello.

Alcuni dati:

114.000 persone vivono con la SM

Il 70% ha tra i 20 e i 40 anni

Il 70% di persone affette da SM, soffre di disturbi cognitivi

Ogni anno si diagnosticano circa 3.400 nuovi casi di SM

1 persona su 3 ha lasciato il lavoro a causa della SM

Elena Valeriani
Community Manager Italia
MyTherapy
Landwehrstr. 60/62
80336 Monaco di Baviera

Qualcosa sulla marijuana di Cristina Saracano

È la droga illegale usata più comunemente nel mondo.

Di solito si fuma come una sigaretta, chiamata spinello, si ricava da fiori, semi e foglie di canapa indiana lasciati essiccare.

Il fumo di marijuana produce effetti nel giro di pochi minuti: capogiri, perdita dell’equilibrio e uno stato mentale alterato, come se si stesse sognando.

Lo spinello crea anche maggiori danni ai polmoni rispetto a una normale sigaretta e riduce la memoria e la prontezza di riflessi del fumatore.

Nel 2005 in Italia il 17% dei giovani dai 15 ai 24 anni ha fatto uso di marijuana.

Gli effetti possono essere distruttivi per un uso prolimgato: sterilità, modifica delle strutture cellulari, indebolimento del sistema immunitario.

Tutto ciò per decidere liberamente se usare droghe.

Fonte: noalladroga.it

“Mercato del tabacco, salute, business e mozziconi per strada”, di Pier Carlo Lava

“Mercato del tabacco, salute, business e mozziconi per strada”, di Pier Carlo Lava

http://feeds.feedburner.com/AlessandriaToday

image2

Alessandria: Nel mondo si contano oltre 1 miliardo di fumatori, dal 1970 il consumo di tabacco è cresciuto del 67%, un fumatore su quattro è cinese e il numero dei tabagisti in Cina continua ad aumentare. In Italia su una popolazione sopra i 15 anni (che è 51,3 milioni) i fumatori sono il 22% oltre 11 milioni.
Da un indagine della DOXA emerge che l’età media della prima sigaretta è intorno ai 16 anni (ma il 13% inizia prima dei 15 anni) il 25,4% sono uomini e il 18,9% donne, dati in calo in particolare per gli uomini rispetto al 1993, dal 2005 è diminuito anche il consumo medio di sigarette al giorno, da 25,6 a 22.0.
Da un Rapporto sul fumo dell’Istituto superiore si sanità, si evince che il 12,2% di chi ha il vizio di fumare vorrebbe smettere nei prossimi sei mesi, e che in media chi decide di abbandonare ha superato i 40 anni.
Secondo l’OMS il fumo di tabacco rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e la principale causa di morte evitabile. E’ stato stimato che nel mondo quasi 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno per i danni da tabagismo e fra le vittime oltre 600.000 sono non fumatori esposti al fumo passivo.
Tempo fa la BAT (British American Tobacco) una multinazionale del settore ha annunciato che investirà in Italia oltre un miliardo di euro che porteranno alla creazione di 300 posti di lavoro diretti, più altri nell’indotto.
Continua a leggere ““Mercato del tabacco, salute, business e mozziconi per strada”, di Pier Carlo Lava”

UPO: “VACCINI. TRA POLITICA E SCIENZA”

UPO: “VACCINI. TRA POLITICA E SCIENZA”

Logo_Università_del_Piemonte_Orientale

Al via la rassegna “La ricerca per la salute”, organizzata da Università del Piemonte Orientale e Fondazione Novara Sviluppo.
Può una legge obbligare una cura e favorire la copertura vaccinale? Siamo veramente informati in materia? Quali sono gli obblighi e perché non esiste un’adesione volontaria ai vaccini? Fuorvianti indicazioni possono portare a una ripresa dell’incidenza di malattie gravi o potenzialmente mortali, facilmente evitabili tramite vaccinazioni? Quali sono i dati e tassi di copertura in Piemonte e a Novara?
La Fondazione Novara Sviluppo cercherà di rispondere a questi e molti altri interrogativi nell’incontro organizzato con l’Asl di Novara che si terrà giovedì 10 maggio alle ore 18, presso la sede di via Bovio 6. Continua a leggere “UPO: “VACCINI. TRA POLITICA E SCIENZA””