“Mercato del tabacco, salute, business e mozziconi per strada”, di Pier Carlo Lava

“Mercato del tabacco, salute, business e mozziconi per strada”, di Pier Carlo Lava

http://feeds.feedburner.com/AlessandriaToday

image2

Alessandria: Nel mondo si contano oltre 1 miliardo di fumatori, dal 1970 il consumo di tabacco è cresciuto del 67%, un fumatore su quattro è cinese e il numero dei tabagisti in Cina continua ad aumentare. In Italia su una popolazione sopra i 15 anni (che è 51,3 milioni) i fumatori sono il 22% oltre 11 milioni.
Da un indagine della DOXA emerge che l’età media della prima sigaretta è intorno ai 16 anni (ma il 13% inizia prima dei 15 anni) il 25,4% sono uomini e il 18,9% donne, dati in calo in particolare per gli uomini rispetto al 1993, dal 2005 è diminuito anche il consumo medio di sigarette al giorno, da 25,6 a 22.0.
Da un Rapporto sul fumo dell’Istituto superiore si sanità, si evince che il 12,2% di chi ha il vizio di fumare vorrebbe smettere nei prossimi sei mesi, e che in media chi decide di abbandonare ha superato i 40 anni.
Secondo l’OMS il fumo di tabacco rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e la principale causa di morte evitabile. E’ stato stimato che nel mondo quasi 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno per i danni da tabagismo e fra le vittime oltre 600.000 sono non fumatori esposti al fumo passivo.
Tempo fa la BAT (British American Tobacco) una multinazionale del settore ha annunciato che investirà in Italia oltre un miliardo di euro che porteranno alla creazione di 300 posti di lavoro diretti, più altri nell’indotto.
Continua a leggere ““Mercato del tabacco, salute, business e mozziconi per strada”, di Pier Carlo Lava”

UPO: “VACCINI. TRA POLITICA E SCIENZA”

UPO: “VACCINI. TRA POLITICA E SCIENZA”

Logo_Università_del_Piemonte_Orientale

Al via la rassegna “La ricerca per la salute”, organizzata da Università del Piemonte Orientale e Fondazione Novara Sviluppo.
Può una legge obbligare una cura e favorire la copertura vaccinale? Siamo veramente informati in materia? Quali sono gli obblighi e perché non esiste un’adesione volontaria ai vaccini? Fuorvianti indicazioni possono portare a una ripresa dell’incidenza di malattie gravi o potenzialmente mortali, facilmente evitabili tramite vaccinazioni? Quali sono i dati e tassi di copertura in Piemonte e a Novara?
La Fondazione Novara Sviluppo cercherà di rispondere a questi e molti altri interrogativi nell’incontro organizzato con l’Asl di Novara che si terrà giovedì 10 maggio alle ore 18, presso la sede di via Bovio 6. Continua a leggere “UPO: “VACCINI. TRA POLITICA E SCIENZA””

Belle sempre, di Cristina Saracano

Cristina Saracano Alessandria

Domani, 15 aprile 2018, alle ore 11, presso la Galleria Guerci di Alessandria si svolgerà l’iniziativa “Belle sempre” ideata da Francesca Lombardi e Milly Tasca.

Modelle per il servizio fotografico saranno alcune donne che si stanno curando con la chemioterapia.

L’idea nasce dal far sentire belle, femminili e piacenti anche coloro che stanno attraversando un momento della vita difficile sotto ogni aspetto: quello psicologico, ma anche quello fisico.

La macchina fotografica catturera’ il loro splendore che non è perduto.

Un appuntamento accattivante, che, mi auguro, abbia un seguito.

Chi ama tanto i dolci ha il gene che fa accumulare meno grassi, da Il Messaggero.it

Chi ama tantoi dolci ha il gene che fa accumulare meno grassi
Chi ama tantoi dolci ha il gene che fa accumulare meno grassi

https://salute.ilmessaggero.it

Gli amanti dei dolci possono prendersi una piccola rivincita: il gene associato con questa passione è anche legato alla tendenza ad accumulare meno grasso, una scoperta che ha sorpreso gli stessi ricercatori che l’hanno fatta. Lo studio, pubblicato sulla rivista Cell Reports e guidato dall’Università di Exeter nel Regno Unito, arriva dallo stesso gruppo che l’anno scorso ha scoperto la variazione del gene FGF21 legata alla passione sfrenata per i dolci.

«Questa scoperta contraddice un po’ il comune intuito», commenta Niels Grarup dell’Università di Copenhagen, che ha preso parte alla ricerca. «Ma è importante ricordare – aggiunge – che questo è solo un piccolo pezzo del puzzle che descrive le connessioni tra la dieta e il rischio di obesità e diabete”. A conferma di ciò lo studio ha mostrato che gli effetti secondari correlati con la variazione del gene FGF21 non sono tutti positivi: la stessa mutazione è anche associata ad una pressione sanguigna leggermente più alta, anche se di pochissimo, e ad una maggiore tendenza a concentrare il grasso nella zona addominale.
Le conclusioni dei ricercatori guidati da Timothy Frayling si basano su una grande quantità di dati, comprendenti campioni di sangue, questionari sulle abitudini alimentari e campioni di Dna di più di 450.000 persone, registrate in un grande database britannico, la Biobank. «Siamo certi che i nostri risultati siano accurati», conclude Grarup. «Circa il 20% della popolazione europea presenta questa predisposizione genetica». Le nuove conoscenze saranno importanti soprattutto in relazione allo sviluppo di nuovi farmaci e trattamenti per diabete e obesità.

 

Svegliarsi presto allunga la vita: chi lo fa si ammala di meno, da ilmessaggero.it/

Svegliarsi presto allunga la vita: chi lo fa si ammala di meno
Svegliarsi presto allunga la vita: chi lo fa vive di più e si ammala di meno

Chi si sveglia presto vive più a lungo e si ammala di meno. Lo rivela uno studio condotto da Kristen Knutson, professore associato di neurologia alla Northwestern University, e pubblicato sulla rivista Chronobiology International: le persone abituate a svegliarsi presto al mattino, dice la ricerca, vivono più a lungo e si ammalano meno degli ‘animali notturni’, che vanno a letto tardi e la mattina presto hanno difficoltà a svegliarsi e sono poco reattivi. Lo studio ha coinvolto 433.268 persone, di 38-73 anni.
LEGGI ANCHE: Asciugamani elettrici pericolosi per la salute: diffondono i batteri

Gli esperti hanno diviso il campione in 4 sottogruppi a seconda di quanto ciascuno fosse tendenzialmente mattiniero o nottambulo, con quattro diversi livelli che si potrebbero definire i ‘supermattinieri’ (si svegliano prestissimo e vanno a letto con le galline), i ‘mezzi-mattinieri’ (amano svegliarsi presto ma con un ‘fuso’ meno estremo dei primi), i ‘mezzi-nottambuli’, che preferiscono tendenzialmente le ore notturne per essere reattivi e produttivi, e i ‘super-nottambuli’ che non conoscono la mattina.

Ebbene, monitorando lo stato di salute dei partecipanti per oltre 6 anni, gli esperti Usa hanno calcolato che i «gufi» hanno mediamente il 10% in più di rischio di morte per qualsivoglia causa rispetto alle ‘allodolè. Inoltre, rispetto alle allodole, i gufi hanno il 30% in più di rischio di soffrire di diabete, circa il doppio di rischio di soffrire di un qualche disturbo psicologico, il 23% di rischio in più di malattie respiratorie, il 22% in più di disturbi gastrointestinali. Sebbene non sia chiara la causa di queste associazioni, lo studio evidenzia un potenziale svantaggio dell’avere un ‘fuso orario’ spostato in avanti e consiglia ai nottambuli di resettare gradualmente il proprio orologio andando notte dopo notte a letto un pochino prima e bandendo le tecnologie (smartphone, pc, tablet etc) nelle ore serali.

 

 

 

 

ANPI. Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco

Amedeo Bianco - Locandina

ANPI. Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco

Casale Monferrato: Nell’ambito delle manifestazioni organizzate dalla sezione casalese dell’ANPI in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, per celebrare i 70 anni dall’entrata in vigore della nostra Costituzione Repubblicana, ​venerdì 6 aprile alle ore 21​, nella prestigiosa sala delle Lunette (chiostro di Santa Croce), si terrà un incontro sul diritto alla Salute sancito dall’articolo 32: “​la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti​”.

Relatore sarà il Dott. ​Amedeo Bianco​, profondo conoscitore del nostro Sistema Sanitario Nazionale. Laureato in Medicina e Chirurgia, specialista in patologie dell’apparato digerente e in oncologia clinica, Dirigente Medico all’Ospedale Mauriziano di Torino, è stato Presidente dell’Ordine dei Medici di Torino, poi dal 2006 al 2015, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri; dal 2013 al 2018 Senatore eletto nelle file del Partito Democratico. Continua a leggere “ANPI. Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco”

ANPI. Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco

Amedeo Bianco - Locandina

ANPI. Conferenza: “art.32 – Il diritto alla salute”, con Amedeo Bianco

Casale Monferrato: Nell’ambito delle manifestazioni organizzate dalla sezione casalese dell’ANPI in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, per celebrare i 70 anni dall’entrata in vigore della nostra Costituzione Repubblicana, ​venerdì 6 aprile alle ore 21​, nella prestigiosa sala delle Lunette (chiostro di Santa Croce), si terrà un incontro sul diritto alla Salute sancito dall’articolo 32: “​la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti​”.

Relatore sarà il Dott. ​Amedeo Bianco​, profondo conoscitore del nostro Sistema Sanitario Nazionale. Laureato in Medicina e Chirurgia, specialista in patologie dell’apparato digerente e in oncologia clinica, Dirigente Medico all’Ospedale Mauriziano di Torino, è stato Presidente dell’Ordine dei Medici di Torino, poi dal 2006 al 2015, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri; dal 2013 al 2018 Senatore eletto nelle file del Partito Democratico.

Con grande disponibilità il Dr. Bianco ha accettato il nostro invito rendendosi disponibile non solo all’incontro serale per la popolazione, ma anche a ​incontrare in mattinata gli studenti del Liceo Lanza con indirizzo Sociale​. Gli incontri saranno occasione propizia per ragionare sul grande valore dell’articolo 32, che sancisce un principio che ai più appare scontato, ma così non è in molti Paesi del mondo, anche a economia avanzata, e che anche nella nostra Italia deve essere strenuamente difeso dal rischio sempre più incombente di smantellamento del Servizio Sanitario Nazionale.

Un incontro che non mancherà di interessare la cittadinanza, e a cui auspichiamo la massiccia presenza dei medici e dei diversi professionisti che nel SSN prestano la loro opera, al fine di sviluppare un approfondito dibattito. Potremo conoscere e discutere sui pregi, spesso misconosciuti, sulle criticità e sulle prospettive del nostro Sistema Sanitario, anche attraverso il confronto con l’organizzazione dei sistemi di altri Paesi avanzati.

Amedeo Bianco

Nato a Napoli, vive a Torino. Laureato presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Torino nel 1973. Ha conseguito il diploma di Specialista in Malattie dell’Apparato Digerente presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Firenze e il diploma di Specialista in Oncologia Clinica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Torino.

Dal 1976 medico internista presso l’Ospedale Mauriziano Umberto I di Torino. Dal 2000 Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Torino e riconfermato per il triennio 2003/2005 e 2006/2008. Dal marzo 2000 componente del Comitato Centrale della FNOMCeO. Dal marzo 2006 Presidente della FNOMCeO (Federazione Nazionale dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri).

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto al Senato della Repubblica. In Senato è stato membro della XII Commissione Igiene e Sanità.

A.N.P.I. Sez.di Casale Monferrato – Via Mameli, 21 – 15033 Casale Monferrato ( AL )

Un nemico: l’alcol di Cristina Saracano

di Cristina Saracano Alessandria

Il 19 marzo, presso l’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria, è stato proiettato il film in lingua originale tedesca, con sottotitoli italiani “Alki Alki”, che significa, appunto, “Alcolista, Alcolista”.

Esso narra la vicenda di un architetto quasi cinquantenne nella Berlino odierna, della sua lotta per rimanere un affermato professionista e un buon padre di famiglia, cercando di sconfiggere il suo vizio peggiore: l’alcolismo.

La storia è descritta in tono ironico e grottesco, un alter ego accompagna per tutta la proiezione il protagonista, anche durante il ricovero in un centro specializzato per guarire.

Questo film affronta in maniera decisa un problema grave e, a mio giudizio, talvolta sottovalutato, qui in Italia.

L’alcol crea una dipendenza molto forte, uno squilibrio psichico e fisico non indifferente.

Continua a leggere “Un nemico: l’alcol di Cristina Saracano”

La prevenzione in rosa, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

Sabato 17 e domenica 18 marzo, dalle 10 alle 17,30, sarà presente un ambulatorio mobile in piazza della Libertà per visite dermatologiche, diabetologiche e oculistiche (sabato), cardiologiche e senologiche (domenica), completamente gratuite ed effettuate a cura di medici specialisti che afferiscono alle Associazioni di volontariato coinvolte .

Promotori:

– Prevenzione e salute a km 0

– LILT Lega Italiana per la lotta contro i tumori , sez, di Alessandria

– APMC Associazione Prevenzione Malattie del Cuore

– ADAL Associazione Diabetici Alessandria

– Prevenzione è progresso

– BIOS Alessandria

L’evento è inserito nel calendario del Marzo Donna della Consulta Pari Opportunità del Comune di Alessandria.

Paolo Borasio, Assessore all’Ambiente: Un progetto pilota contro il PM10, intervista di Pier Carlo Lava

di Pier Carlo Lava

Alessandria, intervista all’Assessore Paolo Borasio, Forza Italia: Ambiente, Servizio Rifiuti, Salute e Protezione civile. Le domande:

A che punto è la soluzione dei problemi di Amag Ambiente?

Quale soluzione per la questione Aral?

Topi in città, che cosa pensate di fare?

Come intendete affrontare il problema di PM10?

Quali programmi sono previsti per il Servizio di  Protezione civile?

video: https://youtu.be/RW1GsmzBZdk

È tutta salute, di Cristina Saracano

A gennaio ci sono stati in Italia 164 casi di morbillo e due decessi: questa malattia è molto seria e si diffonde rapidamente, quindi, va tenuta sotto controllo

L’unico modo per farlo è vaccinarsi.

In questi ultimi tempi si è discusso molto sulla questione vaccini ed è comprensibile, soprattutto da parte di giovani genitori , la paura per il rischio di ulteriori complicanze, ma il ministro Lorenzin rassicura: “I vaccini sono l’unico modo per debellare malattie che possano  avere conseguenze  serie e rapida diffusione.” Continua a leggere “È tutta salute, di Cristina Saracano”

TURBERCOLOSI, BRUCELLOSI E LEUCOSI BOVINA IN SICILIA: “SOSTENERE GLI ALLEVATORI E TUTELARE LA SALUTE UMANA”

De Luca-Antonio-M5S Ars

Antonio De Luca, eletto presidente “occorre sostenere gli allevatori e tutelare la salute umana

PALERMO, 14 FEBBRAIO 2018 – È stata istituita in seno alla commissione Sanità dell’Ars una sottocommissione parlamentare per studiare il fenomeno dell’aumento dei casi di turbercolosi, brucellosi e leucosi bovina in Sicilia. “In Sicilia nel 2016 si è registrato un aumento esponenziale dei casi di brucellosi e tubercolosi bovina. Si tratta – dice il deputato regionale del M5S e presidente della sottocommissione Antonio De Luca – di patologie che colpiscono gli animali ma che si trasmettono anche all’uomo attraverso il consumo di carni infette. La necessità di indagare questo fenomeno è strettamente connessa a un’anomala concentrazione di casi tubercolosi umana riscontrati nella provincia di Messina, dove nel 2016 sono stati accertati 130 casi su 200 registrati in tutta Italia”. “Si tratta di casi preoccupanti che ho denunciato in commissione Sanità – aggiunge il parlamentare – e per questo è stato deciso di istituire la sottocommissione. Il nostro obiettivo è indagare il fenomeno ma anche elaborare proposte di legge da sottoporre al Parlamento per contrastare il rischio epidemiologico”. Continua a leggere “TURBERCOLOSI, BRUCELLOSI E LEUCOSI BOVINA IN SICILIA: “SOSTENERE GLI ALLEVATORI E TUTELARE LA SALUTE UMANA””

Sempre meno medici, di Cristina Saracano

Risultati immagini per dottori

Secondo un articolo uscito in questi giorni su “Il Sole 24 Ore”, nei prossimi cinque anni circa 14 milioni di italiani rischieranno di non avere più il medico di base, fenomeno maggiormente sentito in Campania, Lombardia e Lazio. Inoltre entro il 2028 si prevede che circa il 70% degli attuali medici generici andranno in pensione e non ci sarà il numero sufficiente per rimpiazzarli.

Questo è anche dovuto al fatto che con l’accesso alla facoltà di medicina tramite numero chiuso, molto selettivo, parecchi studenti motivati a intraprendere questa professione, a causa di tale restrizione, non lo potranno mai fare.

In più, per quanto riguarda il tirocinio, un medico praticante in ospedale percepisce un compenso superiore ai 1000 euro mensili contro gli 800 di un aspirante medico di base. Continua a leggere “Sempre meno medici, di Cristina Saracano”

Non si butta via niente, di Cristina Saracano

di Cristina Saracano. Alessandria

Prendendo 400 famiglie campione e controllandole subito dopo pranzo abbiamo scoperto che gli italiani buttano in media 78 chili l’anno di cibo nella spazzatura.

Gli sprechi maggiori vengono dai professionisti e i singles intorno ai 35 anni, questo perché molto spesso consumano la pausa pranzo fuori casa lasciando cibi in frigo per qualche giorno, per poi buttarli.

Durante questa indagine i giovani si sono dimostrati i più sensibili al problema e questa è senz’altro una buona notizia, perché evitando gli sprechi si risparmiano molti soldi e non solo.

Quando le provviste in frigo sono vicino alla scadenza, o ci sono degli avanzi, ci si può ingegnare cucinando polpettoni o frittate che racchiudono un po’ tutti gli ingredienti, coinvolgendo magari tutta la famiglia: può essere un modo intelligente per stare insieme imparando cose utili. Continua a leggere “Non si butta via niente, di Cristina Saracano”

Claudio Pasero: Occorre programmare una rete ciclabile

I ciclisti non sono cittadini di serie B, chiedono gli stessi diritti di tutti gli utenti della strada.

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Intervista a Claudio Pasero, Presidente dell’Associazione gli amici delle bici, che risponde alle seguenti domande:

Quando è nata, da chi è stata fondata, quanti associati conta e qual’è la mission della vostra Associazione?

Quali sono stati i principali eventi che avete realizzato nel 2017 e quali quelli in programma per il 2018?

Come valutate l’operato delle giunte degli ultimi dieci anni guidate da Piercarlo Fabbio Centro destra e Rita Rossa Centro sinistra?

Cosa chiedete alla nuova Giunta di Centro destra guidata da Gianfranco Cuttica?

Durante la precedente Giunta si era parlato di piano della mobilità, PUMS e PGTU, ma al momento non si sa più nulla, qual’è la vostra posizione in merito?

Cosa si può fare per motivare i giovani all’uso della bici come mezzo ecosostenbile?

link video: https://youtu.be/XaMZJeMAdWw