ER ROSPO SFIGATO, di Silvia De Angelis

rospo5

Ce sta ‘n’rospo drento ‘n’acquitrino zozzo e mermoso

che je piace de sguazzacce drento

ner crepuscolo quanno er zole sta pe’ sparì der tutto.

E nun je pare vero d’adocchià ‘n’verme conzistente

che je fa’ solleticà er gargarozzo.

Allora s’apposta quatto quatto

e co’ ‘no scatto d ‘a mandibbola

tira fora ‘a lingua biforcuta

pe’ ‘n’ghiottì ‘sta preda golosa

e ‘nvece de godè da matti

‘sto verme maledetto je se mette

de traverzo e je fa rimpiagne

d’avè fatto queo scatto che nun je servito a gnente

TRADUZIONE

IL ROSPO SFORTUNATO

C’è un rospo dentro un acquitrino opaco e melmoso

a cui piace sguazzarvi dentro

al crepuscolo quando il sole sta per scomparire completamente.

E non gli sembra vero di adocchiare un verme consistente

che gli fa solleticare il gargarozzo.

Allora s’apposta silenzioso

e con uno scatto della mandibola

tira fuori la lingua biforcuta

per inghiottire questa preda golosa

e invece di godere tanto

il verme maledetto  gli si mette

di traverso e gli fa rimpiangere

di aver fatto quello scatto che non è servito a niente

@Silvia De Angelis