La Mia Venezia, di Monica Pasero

La mia venezia

di Monica Pasero

Nei suoi occhi iniziarono a vedere danzar demoni e calvari lontani e questo suo sguardo fiero, senza ombra di paura, offese e intimorì, al tempo stesso, le popolane che mandarono i loro uomini a parlare con il giovane marito della donna. Il ragazzo era conosciuto e ben voluto in paese.

La sua famiglia era originaria di quel posto da centinaia di anni per cui lui avrebbe compreso il loro stato d’animo, almeno, questo, credevano.

Ma il giovane, a quelle insinuazioni sulla sua amata, proferì solo un pensiero: – Ines mi ama. Di ciò che fa oltre ad amarmi non è affar mio! Continua a leggere “La Mia Venezia, di Monica Pasero”

La riservatezza della solitudine, di Gaetano Amato

La riservatezza della solitudine

di Gaetano Amato

La riservatezza della solitudine

Ci sono mattine che accadono così, mi metto a guardare dalla finestra per riuscire a scrivere qualcosa ma rimango come bloccato dalla malinconia per la vita, guardo la spiaggia spoglia e guardo il mare che avanza fino a lambire la casa in cui vivo e resto inerme per un tempo infinito, come fossi spinto nell’aria da un soffio di libeccio.

Vengo qua ormai da diversi anni a vivere per qualche mese di fronte al mare d’inverno e il cielo ogni volta mi si affaccia alla vista spinto dall’orizzonte che spazia su ogni lato della vita, perché è così che mi piace, mi piace la riservatezza della solitudine e delle sue regole anche se ci sono sere in cui il mare e il vento sembrano quasi uccidermi.

Eppure dentro questo posto così apparentemente triste e vuoto c’è qualcosa che mi spinge ogni anno a tornare, forse sarà perché la sera arriva presto o forse sarà perchè i bagni chiusi sembrano quasi raccontarsi, immersi come sono in questa onta di algida bellezza. Continua a leggere “La riservatezza della solitudine, di Gaetano Amato”

GLI SCURI DI DEGNA FAVELLA, di Roberta Gelsomino

gli scuri

di Roberta Gelsomino

GLI SCURI DI DEGNA FAVELLA

Or dunque questa è la fiaba di creature animali dette umani, nascono pure ed innocenti senza sapere niente
giravoltando su sé stesse anche per ore vivono di incanto e di stupore,
allorché la loro fiducia dei saggi adulti è grande e grande il loro amore
ed essi, piccoli sprovveduti ed indifesi son plasmati con fare accanito e costante
ti pongono come dovessi essere meglio degli altri, da un lato t’adeguano al mondo ed ecco piccoli feroci e scaltri
col loro esempio ti infondono di curarti solo dei pareri, non più la tua unicità tra tali pretese e modi insinceri
sei un bimbo e per tale non vedi il male e ti infili una rosa gonna
la gente ti viola ti addita e schernisce anche un bimbo che è “gay” e “non è donna”
e questo ribrezza il mio cuore son cose così che più fan gelare

Continua a leggere “GLI SCURI DI DEGNA FAVELLA, di Roberta Gelsomino”

Gli occhi non mentono, di Monica Pasero

Gli occhi

di Monica Pasero

Gli occhi non mentono e quando, allo specchio, li scorgi e vedi la loro luce spegnersi, è tempo di smettere di avere paura e di lasciarti vivere. In ognuno di noi accade, durante la propria esistenza, di imbattersi in un muro di paura, così alto, da impedire di vedere ogni orizzonte futuro.
Ma i muri crollano, si scavalcano, si possono abbattere! Per cui, quando giungerete innanzi al vostro alto muro, guardate ancora più in su. Innanzi al muro, non si vedrà nulla per il futuro, ma in alto vi sarà sempre il vostro cielo a vegliare ed è verso di lui dovrete mirare, perché la paura, anche la più grande, svanirà con il suo aiuto e i muri crolleranno.
Abbattete il muro che vi nega la vita e proseguite il vostro fantastico viaggio.

Il tempo è un grande Maestro, di Monica Pasero

Il tempo

di Monica Pasero

“Il tempo è un grande Maestro e ti insegna a non chiedere più risposte: le risposte sono già dentro di te, le conosci! Ma occorre che lui passi e tu attraversa dolori e delusioni che ti tempri a questa vita, affinché tu sia forgiata sia nel dolore sia nella speranza per liberare la tua forza.”
Il tempo, in questo, è un grande alleato. Inesorabile passa e lascia segni fuori e dentro di noi, ma come ogni buon Maestro ci racconta il cammino e lo fa soffiando sul nostro cuore, sui nostri ricordi e sogni; indicandoci la strada tramite le nostre sensazioni e quando una di esse bussa, senza sosta, alla nostra anima, che sia di gioia o di dolore, ci sta avvisando che è tempo per noi di mutare.
Continua a leggere “Il tempo è un grande Maestro, di Monica Pasero”

Intervista ad Antonio Infuso ed “Il commissario Vega”

Intervista

di Elisabetta Ciavarella

Antonio Infuso ed “Il commissario Vega”

“Il commissario Vega – Indagine di sola andata” è l’avvincente romanzo d’esordio di Antonio Infuso, pubblicato il 31 marzo 2015, con ben oltre 3.000 copie vendute.

Ma conosciamo meglio l’autore.

Antonio Infuso è un giornalista torinese, laureato al Dams/Cinema, attualmente addetto stampa di un ente locale.

“Antonio, come hai iniziato a scrivere?”.

“A dire il vero esercito la professione giornalistica da oltre trent’anni; ho fatto anche, in passato, lo speaker radiofonico. Spesso ho sentito la voglia di scrivere un romanzo, ogni volta rinviando il tutto. Un giorno però, per scommessa con una mia amica, ho trovato la giusta ispirazione che mi ha spinto a creare una storia avvincente”. Continua a leggere “Intervista ad Antonio Infuso ed “Il commissario Vega””

Gigli a colazione, di Gianfranco Isetta

Gigli a colazione

di Lia Tommi,  Alessandria 

Gianfranco Isetta ha dato questo titolo alla sua ultima raccolta di poesie , perché  questi testi sono stati proposti ad amici lettori al mattino, all’ora di colazione, con la segreta ambizione di offrire versi puri e puliti, come i bianchi gigli  in fiore.

Questa raccolta  verrà  presentata sabato 13 gennaio, alle ore 17,30, nella Libreria Mondadori  di Alessandria , in via Trotti,58.

Ecco il testo della poesia che dà  il titolo al libro.

GIGLI A COLAZIONE

Ti offro gigli  a colazione,

non posso aggiungerti  altro. Continua a leggere “Gigli a colazione, di Gianfranco Isetta”

L’Alchimista di Paulo Coelho, recensione a cura di Monica Pasero

download (1)

Monica Pasero

“Ascolta il tuo cuore esso conosce tutte le cose”, cita Coelho, in questa sua opera che definirla “Grandiosa” sarebbe riduttivo. Amo quest’autore per la forza spirituale che immette in ogni suo verso.In questa narrazione, Coelho, ci porta in un viaggio in cui la Magia dello Spirito è primaria, dimostrandoci, ancora una volta, quanto l’uomo, nell’interezza della sua Anima, possa giungere ovunque, se segue la sua Leggenda personale.Ogni essere umano è nato per portare a termine la “propria”.

Non importa quanto sia ricco, colto o potente: il suo potere vive nel suo animo, nella sua fede e nel suo cuore. Coelho lo racconta, egregiamente, inoltrandoci in un viaggio, un’avventura misteriosa, protagonista un giovane pastore che lascia quel poco che possiede per ricercare il suo tesoro.

La scelta dell’autore ci fa comprendere che sono, molto spesso, gli uomini umili, quelli che affrontano la vita con coraggio, dignità e sacrificio ad essere i più vicini a Dio e meritevoli di giungere al loro sogno. Questo, perché, quando un essere umano sfiora il proprio tesoro, senza esserselo davvero guadagnato, molto spesso perde di gratitudine e dimentica il suo Dio. Divenendo, lui, Dio di se stesso. Continua a leggere “L’Alchimista di Paulo Coelho, recensione a cura di Monica Pasero”

Kill Skorpia di Stephen Gunn

Kill Skorpia

Kill Skorpia  di Stephen Gunn

Non sarà così facile…

L’inganno del Drago d’oro…

Chance Renard e Skorpia.

Due nomi che fanno paura, se siete incaricati di far loro la festa.

Due nomi intriganti, se vi trovate al di là delle pagine che narreranno delle loro gesta.

Il pretesto? Il drago d’oro, centinaia di chili modellati a forma di leggenda con uno sguardo di smeraldo che incenerisce anche l’anima.

Una guerra sanguinosa all’interno della Yakuza, la mafia giapponese.

Una scia di sangue che porterà il Prof e il suo amico Marvin sulle tracce della temibile killer, una donna letale che ha già incrociato la strada del Professionista. E, una volta, la cosa è stata piacevole… Continua a leggere “Kill Skorpia di Stephen Gunn”

Questa Storia, di Alessandro Baricco

Questa Storia

Questa Storia di Alessandro Baricco

Sentimenti in corsa…

Una storia.

Ultimo Parriè un ragazzo pieno d’ideali.

La sua vita è stata una corsa a tappe verso quella maturità che tutti noi aneliamo.

È bambino quando vede la prima automobile, poco più che maggiorenne il giorno della disfatta di Caporetto.

Qualche anno dopo incontra la donna che gli farà battere il cuore per tutta la vita.

Una storia che all’apparenza potrà sembrare banale ma, si sa, quando c’è di mezzo Baricco, le regole saltano e quello che poteva essere normale prima poi diviene ben altro…

Una storia che vorrei spiegarvi a sprazzi ma preferisco sorvolare del tutto, lasciandovi con l’amaro in bocca e la voglia di sorpresa che Baricco sa sempre come soddisfare. Continua a leggere “Questa Storia, di Alessandro Baricco”

Un’Ombra Sulla Luna, di Scilla Bonfiglioli

Un'Ombra Sulla Luna

Un’Ombra Sulla Luna di Scilla Bonfiglioli

Una compagna fidata…

Il lato oscuro.

Quando sentiamo parlare di storie d’azione, pensiamo a sparatorie, inseguimenti, tradimenti…

Quindi associamo l’idea a un libro bello corposo, centinaia di pagine colme, appunto, di tutte quelle caratteristiche che ammiriamo (e pretendiamo) da un romanzo del genere action.

E se vi dicessi che questa storia è lunga soltanto una ventina di pagine e contiene comunque tutti gli ingredienti che amiamo? Continua a leggere “Un’Ombra Sulla Luna, di Scilla Bonfiglioli”

La storia d’amore di Anita e Neil, di Storie di vita e amore

26240578_845646218941807_2340898890056198743_o

di Storie di vita e amore

La storia d’amore di Anita e Neil

Incipit

Incuriosita dagli spot pubblicitari che promettevano un viaggio confortevole e piacevole ad un basso costo, mi ero decisa a raggiungere Lione in pullman.

Per tutta la mattina mi ero augurata che ci fossero pochi passeggeri e, soprattutto, speravo che il posto accanto al mio restasse libero, perché non ero dell’umore adatto per sostenere un’occasionale conversazione di circostanza con lo sconosciuto di turno.

Il pullman, invece, si è riempito rapidamente e ad ogni passeggero che saliva, ero sempre più seccata e pentita della mia scelta. Quando ti ho visto incedere con la tua enorme mole nello stretto corridoio tra i sedili, ho pregato che non stessi per sederti accanto a me.

“Quant’è alto questo qui? E quant’è grosso? Gli dovrebbe essere vietato viaggiare in pullman! “pensavo, mentre tu collocavi il tuo bagaglio a mano nello spazio sopra i sedili e ti accomodavi placidamente al mio fianco con un sorriso a trentadue denti stampato sul volto ed esclamavi “Buonasera!”, con un chiaro accento straniero Continua a leggere “La storia d’amore di Anita e Neil, di Storie di vita e amore”

GLI ABBRACCI MANCATI, di Vittoriano Borrelli

GLI ABBRACCI MANCATI

di Vittoriano Borrelli

Sono cresciuto sotto il tuo sguardo vigile e severo che mi ha incupito anche quando fuori c’era una bella giornata di sole. Mi sono portato dietro questo sguardo negli anni a seguire ed è stato come rivedermi tutte le volte allo specchio senza avere la voglia di sorridere, di lasciarmi andare nella spensieratezza della mia gioventù o nella serenità, composta ed essenziale, della mia età più matura.

Cammino per strada con le mani nascoste nel mio fedele cappotto grigio e mi sembra di essere una figura in bianco e nero rispetto a quelle colorate e variegate che mi girano intorno e che fanno da contrasto al paesaggio asettico e malinconico di questo inizio autunno. Continua a leggere “GLI ABBRACCI MANCATI, di Vittoriano Borrelli”

TI SPOSERÒ PER SEMPRE, di Vittoriano Borrelli

TI SPOSERO' PER SEMPRE

di Vittoriano Borrelli

E’ bello sentire il tuo respiro alle mie spalle, soprattutto d’inverno quando fa freddo e si ha bisogno di avvertire quel calore umano che è presenza e ragione di vita. Ci sono amori che sono fatti per durare per sempre, come sarebbe il nostro se solo tutto fosse possibile.

Ti avrò incontrata chissà quante volte nella mia vita disordinata, forse ci siamo persino sfiorati, amati, congiunti in una persona sola come accade quando ci si abbandona in quel piacevolissimo gioco dei sensi in cui l’uno esiste semplicemente perché c’è l’altro.

Ti avrò teso la mano e aiutata a rialzarti come hai fatto tu con me in un tempo indefinito e per questo lontano dai ricordi e dalla nostra stessa immaginazione.  Mi avrai compreso quando c’era da mandarmi via e avrò tollerato le tue disattenzioni archiviandole come piccoli peccati veniali che non lasciano strascichi. Continua a leggere “TI SPOSERÒ PER SEMPRE, di Vittoriano Borrelli”

LA MADRE DI CECILIA, di Vittoriano Borrelli

LA MADRE DI CECILIA.jpg

di Vittoriano Borrelli

Scendeva dalla soglia d’uno di quegli usci, e veniva verso il convoglio, una donna, il cui aspetto annunziava una giovinezza avanzata, ma non trascorsa; e vi traspariva una bellezza velata e offuscata, ma non guasta, da una gran passione, e da un languor mortale: quella bellezza molle a un tempo e maestosa, che brilla nel sangue lombardo.

La sua andatura era affaticata, ma non cascante; gli occhi non davan lacrime, ma portavan segno d’averne sparse tante; c’era in quel dolore un non so che di pacato e di profondo, che attestava un’anima tutta consapevole e presente a sentirlo. Ma non era il solo suo aspetto che, tra tante miserie, la indicasse così particolarmente alla pietà e ravvivasse per lei quel sentimento ormai stracco e ammortito ne’ cuori. Continua a leggere “LA MADRE DI CECILIA, di Vittoriano Borrelli”