Momenti di poesia. Estate di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Estate di Stefania Pellegrini

Parole nomadi fb

Van Gogh – Covoni di fieno (copia)

In quel suo incerto incedere
estate impallidisce
in un eccentrico solfeggio
di note grigie.
Non rassicura il tuono
addormentato dietro
la montagna.
L’insidia latente
minaccia biondi covoni
un cielo terso
voglioso ancora
d’ardente calore.
Estate mina cuori
desiderosi di certezze
lontani come l’orizzonte
inseguito sul mare
e mai raggiunto.

Stefania Pellegrini ©

Momenti di poesia. Profumo d’infinito di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Profumo d’infinito di Stefania Pellegrini

 

Un accento nell’aria
di beatitudine e di grazia,
un’armonia soffusa
e…par ravvivarsi l’anima
quasi che sia giunto
un frullo d’ali
di farfalla
a posare effusioni
tenere, dolci.
È questo profumo
nel vento
a catturare la mente
quest’àura di vertigine.
Dai civettuoli
rossi papaveri
all’allegria contagiosa
del pettegolo torrente,
la luce vivida
nel giorno dorato,
cattura la vita
sulla danza
della sua favola infinita.

Stefania Pellegrini ©

(da Isole END Edizioni)

Momenti di poesia. È l’attimo, di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. È l’attimo di Stefania Pellegrini

Impressione levar del sole – Claude Monet

È un attimo!
Lo sguardo sulla porta
un sorriso accennato
un soffio d’aria
sul bavero della giacca.

È un attimo!
Goccia di rugiada che squaglia
sul petalo d’una rosa
tachicardia improvvisa
che scema
nel monotono quotidiano.

È l’attimo!
Sorride e scappa via
il rimpianto sulla bocca
di ciò che stato non ritorna
brivido di gioia inespressa
che s’acquieta sul lampo
di un flash sfumato.

Stefania Pellegrini©

Momenti di poesia. Sono così oggi, di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Sono così oggi, di Stefania Pellegrini

Parole nomadi

Ogni diritto riservato

Sono così oggi

Al di là dei venti ristagna la vita

sull’argine dello stagno

ove bislacchi affioramenti

galleggiano alghe

di sorrisi fecondi.

Posa e va il passato

farfalla sulla mano.

Appare confuso il vecchio maestro

tra chiari scuri

di alterni scorci,

mentre note stonate

musica al cuore.

Graffiti di rotte mancate

in questo giorno

che è già ieri, tra i minuti, le ore

in cerca d’ un canto

e l’anima del tempo

che logora

e sbrana il presente.

Sono così oggi:

un glicine

che s’aggrappa al suo muro

per fiorire.

Stefania Pellegrini ©

Ogni diritto riservato all’autrice.