Sergio Pizio si racconta, di Cristina Saracano

Alessandria: Lo scrittore alessandrino Sergio Pizio, autore di ” La piccola Sofia”, “I paesaggi dell’anima” e “Contro il tempo”, si racconta per Alessandria Today.

Sergio si è avvicinato alla scrittura all’età di dodici anni, scrivendo “Margaret”, un racconto drammatico di pura fantasia che narra le vicende di una madre impegnata a difendere un figlio vittima di un sistema giudiziario arrogante e obsoleto.

L’incontro tra Sergio e la scrittura è una sua predisposizione naturale, un bisogno di esprimersi, senza porsi troppi interrogativi.

Nei suoi romanzi, tutti di fantasia, si possono comunque trovare qua e là coriandoli di vita personale, che interagiscono con i personaggi e con la narrazione: tutto ciò fa provare allo stesso autore, intense emozioni.

L’autore è un grande osservatore: costruisce le sue narrazioni e i protagonisti guardando le persone che lo circondano, soprattutto i loro gesti e i movimenti, tutto ciò lo aiuta a creare una storia densa di preziosi particolari.

Sergio non mi sa indicare un metodo per invogliare a leggere, semplicemente, si limita a cercare di catalizzare le persone in un vortice che parte sin dall’inizio del libro ed è in continua crescita.

Questo lo si nota molto nel suo ultimo libro, “Contro il tempo”, un thriller fantascientifico che riesce a tenere col fiato sospeso il lettore fino all’ultima pagina.

E da lì ripartirà Sergio, ha infatti in programma un nuovo romanzo che continuerà questa storia, noi aspettiamo, curiosi!

La forza della vita, di Sergio Pizio

La forza della vita, di Sergio Pizio

Osare, per non perdersi tra le nebbie del nulla, oppure del vuoto opprimente come l’assordante silenzio dell’indifferenza. Quindi osa, senza avere paura di farlo, senza la soggezione di occhi indiscreti e truci che sembrano sviscerare in te quella voglia di librarti in volo.

Osa, cibati del tutto, perché il niente non appaga la mente e le carni, non fa ribollire il sangue assieme all’emozione dell’avventura… allora osa dannazione, e fallo assaporando gli schiaffi della vita, la polvere sollevata da chi corre nel senso opposto al tuo gridandoti nelle orecchie di seguire loro, leccarti le ferite delle parole e offese taglienti come affilate lame…oh si, sorridi e corri, corri, corri, lasciandoti alle spalle il marciume dell’ipocrisia mista ad ignoranza, amalgamata assieme ad un brodo repellente di putrida cattiveria. Sarai solo all’inizio.

Come le timide note di una chitarra davanti ad un maestoso tramonto acceso da mille colori e sfumature incantevoli. Poi le dita insisteranno ancora di più sulle corde della chitarra stessa, assumendo una consistente sicurezza nel catturare l’attenzione di sporadici e disinteressati spettatori. Continua a leggere “La forza della vita, di Sergio Pizio”

La forza dell’amicizia, di Sergio Pizio

La vera amicizia non ha confini. Non conosce squallide ipocrisie per ottenere dei favori, oppure perfidie mascherate da falsi sorrisetti corredate da altrettanti frasi ipocrite.

Non si pone in stupide e infantili competizioni mettendo in cattive luce altre persone. L’amicizia e la poesia di un sentimento limpido, spalmato e miscelato in ogni secondo scandito dal tempo nella sua essenza più pura e cristallina.

L’amicizia e la linfa che nutre e disseta il nostro cuore. Credo che la penna stilografica sia lo strumento più vero leale e complice per valorizzare tali concetti, imprimendo con forza e vigore ogni singola parola sopra a un foglio di carta.

Lo scrittore alessandrino Sergio Pizio è un nuovo autore della redazione di Alessandria today

Lo scrittore alessandrino Sergio Pizio è un nuovo autore della redazione di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di dare il benvenuto allo scrittore alessandrino Sergio Pizio, quale nuovo autore della redazione di Alessandria, today, il suo primo post è già online a questo link: https://alessandria.today/2019/02/09/dedicato-a-mio-padre-di-sergio-pizio/

sergio-pizio

Sergio Pizio, biografia:

Sono nato il 26 Aprile 1962′ segno zodiacale toro. Crescendo capì l’importanza della letteratura, e della facilità cui riuscivo a elaborare mentalmente lunghe frasi, storie e dialoghi di personaggi che fluttuavano dentro la mia testa, scrivendo di getto tutte quelle cascate di parole.

Il mio primo racconto lungo che scrissi all’età di tredici anni dal titolo “Margaret”, una storia che iniziava con un prolungato trillo di telefono nell’ufficio di Giorgio Ughelli, capo redattore del quotidiano La Stampa.

Condita con dialoghi serrati tra il giornalista e una misteriosa interlocutrice di nome Gilda, giovane madre di un ragazzo accusato (ingiustamente) per spaccio di eroina e sbattuto nella prima pagina del suddetto quotidiano. Ad ogni modo abbandonai quel racconto dentro a un cassetto, senza mai più prenderlo tra le mani. Continua a leggere “Lo scrittore alessandrino Sergio Pizio è un nuovo autore della redazione di Alessandria today”

Dedicato a mio padre, di Sergio Pizio

Alessandria: A volte penso che padre sarei stato. Sarei stato un padre apprensivo, geloso, possessivo, divertente, noioso? Oppure un padre superficiale, quelli che pensano solo a se stessi. Non lo so, e credo non lo saprò mai. Quello che so, e che ho avuto un padre fantastico, sempre presente nella mia vita, senza tuttavia saturarla invadendola con sermoni o condizioni inappellabili da padre/padrone.

Sergo Pizio

Lui c’era sempre: con le sue espressioni marcate e stropicciate, con la fronte corrugata e sguardo bieco quando doveva rimproverami di qualcosa, oppure solare e distesa, con gli occhi lucidi per l’orgoglio che provava in determinate situazioni.

Come alla prima presentazione del mio secondo libro, ” I paesaggi dell’anima”, lui, mio padre, (spaparanzato sopra ad una sedia che sembrava piccina a fronte di una notevole stazza), osservava con occhi lucidi la gente radunata all’interno della libreria, ascoltando i loro mormorii e vari commenti, sorridendo nell’incrociare i loro sguardi in maniera complice, gustandosi quel lasso di tempo, attingendo tutta la felicità, emozione e orgoglio di ogni singolo secondo.

Io lo guardavo, contento di renderlo felice, regalandogli qualcosa di speciale: quello di essere padre.
Ho due nipoti stupendi, e come zio (sinceramente) non so darmi un voto…

Sergio Pizio

“Contro il tempo” un thriller fantasy di Sergio Pizio

“Contro il tempo” un thriller fantasy di Sergio Pizio

Alessandria: Ecco il mio terzo libro “Contro il tempo” genere thriller fantasy il quale mi ha tolto molte ore di sonno per poterlo realizzare. Si perché, un libro deve essere credibile anche se il genere strizza l’occhio al fantasy.

SP IMG_20190131_080916SP IMG_20190131_080926

Ogni personaggio ha una sua caratteristica ben precisa un suo carattere.

Solo così si può dare vita a una storia. Senza trascurare il dialogo come se il lettore fosse anch’egli presente, quindi interagire con i vari personaggi situazione e azioni impresse in ogni pagina del libro.

Io ho scritto questo romanzo come fosse un film, la sequenza di ogni pagina e come un fotogramma una pellicola che scorre dinnanzi agli occhi del lettore.

Ho avuto diverse testimonianze di quanto affermo, persone che hanno avuto questa sensazione, cioè quella di essere immersi dentro la storia, avanzando fianco a fianco con i personaggi, soffrendo e ridendo assieme a loro, emozionandosi.

Tutto questo e un’immensa gratificazione per chi scrive.

Lo scrittore alessandrino Sergio Pizio si presenta ai lettori di Alessandria today

Lo scrittore alessandrino Sergio Pizio si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografia della scrittore alessandrino Sergio Pizio, del quale in seguito verrà pubblicata anche un intervista in esclusiva per il blog a cura di Pier Carlo Lava.

sergio pizio

Sergio Pizio, biografia:

Sono nato il 26 Aprile 1962′ segno zodiacale toro. Crescendo capì l’importanza della letteratura, e della facilità cui riuscivo a elaborare mentalmente lunghe frasi, storie e dialoghi di personaggi che fluttuavano dentro la mia testa, scrivendo di getto tutte quelle cascate di parole.

Il mio primo racconto lungo che scrissi all’età di tredici anni dal titolo “Margaret”, una storia che iniziava con un prolungato trillo di telefono nell’ufficio di Giorgio Ughelli, capo redattore del quotidiano La Stampa.

Condita con dialoghi serrati tra il giornalista e una misteriosa interlocutrice di nome Gilda, giovane madre di un ragazzo accusato (ingiustamente) per spaccio di eroina e sbattuto nella prima pagina del suddetto quotidiano. Ad ogni modo abbandonai quel racconto dentro a un cassetto, senza mai più prenderlo tra le mani. Continua a leggere “Lo scrittore alessandrino Sergio Pizio si presenta ai lettori di Alessandria today”