Caro Assessore Barosini, la Giunta Fabbio ascoltava i cittadini

Caro Assessore Barosini, la Giunta Fabbio ascoltava i cittadini

Se non si provvede nemmeno a chiudere una buca in Centro città, ci domandiamo quali speranze possiamo nutrire che vengano risolti i problemi, piccoli e grandi che siano in una zona periferica come il villaggio Borsalino.

Pier Carlo Lava ok copia 2

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Abbiamo più volte segnalato i numerosi problemi esistenti al villaggio Borsalino e recentemente anche Alberto Marello Direttore del giornale “Il Piccolo” ha pubblicato la lettera riportante gli stessi ma sinora senza esito nemmeno per i problemi minori come la mancanza di scivoli dai marciapiede per i disabili e le persone anziane con problemi di deambulazione (nella zona c’è anche una casa di riposo), le panchine rotte e gli alberi morti da sostituire.

Ovviamente tutti noi residenti e non solo, restiamo in attesa per capire se ci saranno eventuali sviluppi.

Relativamente ai problemi della città venerdì scorso abbiamo letto sul giornale Il Piccolo il testo di un breve articolo che riportava quanto aveva segnalato una signora in merito ad una buca all’inizio di via Pontida, praticamene nel centro della città, ecco il testo integrale:

Il Piccolo logo copiaBuca Il Piccolo copia

Alessandria. E la buca diventa più profonda…

Qualche mese fa, avevamo pubblicato la foto di una buca all’inizio di via Pontida: la lettrice per evidenziarne la pericolosità, aveva pure misurato la sua profondità con un metro in legno. Le cose, oggi, saranno migliorate? “Il cartello che era stato messo per evitare che le auto vi parcheggiassero è stato rimosso  – scrive lei stessa – E questa (guardare lo scatto, ndr) è la situazione…”. Continua a leggere “Caro Assessore Barosini, la Giunta Fabbio ascoltava i cittadini”

Bianchini, SiAmo Alessandria: Interpellanza diserbaggio marciapiedi, strade e giardini

Bianchini, SiAmo Alessandria: Interpellanza diserbaggio marciapiedi, strade e giardini

Alessandria, il Consigliere comunale Giuseppe Bianchini interpella il Sindaco in merito all’opportunità di adottare il “Diserbaggio Termico Ghibli”, per marciapiedi, strade e giardini della città. Questo che segue è il testo integrale dell’Interpellanza.

giuseppe-bianchini

INTERPELLANZA Alessandria, 02 novembre 2018

OGGETTO: erbe infestanti sui marciapiedi, strade e giardini di Alessandria.

Diserbaggio.

PREMESSO CHE

fatte salve alcune limitate aree urbane, in Alessandria si constatano ricrescite spontanee di erbe infestanti, che ne deturpano l’immagine di città ordinata e strutturalmente accogliente;

RILEVATO CHE

normative restrittive ecologiche vigenti ed inadeguatezza organica e strumentale dell’Ente preposto alla salvaguardia dell’igiene e del decoro urbano rendono difficoltoso il soddisfacimento delle legittime attese dei cittadini in merito,  Continua a leggere “Bianchini, SiAmo Alessandria: Interpellanza diserbaggio marciapiedi, strade e giardini”

Lorenzo Bianchi: Un’Amministrazione impegnata a salvaguardare sicurezza e manutenzione delle strade

Lorenzo Bianchi: Un’Amministrazione impegnata a salvaguardare sicurezza e manutenzione delle strade

Tortona: La condizione generale della rete viaria comunale richiederebbe un maggiore investimento finanziario, che al momento non è prevedibile per l’elevato livello di indebitamento derivante dai mutui contratti dalle precedenti Amministrazioni.

Nel contempo le risorse derivanti dagli oneri di urbanizzazione e dalle alienazioni di beni non rappresentano una fonte sufficiente a consentire tutti gli interventi di manutenzione necessari.

Proprio con questa consapevolezza, l’Amministrazione Comunale di Tortona, da tempo, ha avviato un monitoraggio accurato del territorio, prestando particolare attenzione affinchè tutti i soggetti, cha avendone titolo effettuano escavazioni del manto stradale per la realizzazione di sottoservizi (luce, telefono, fibra, acqua e gas) provvedano altresì al ripristino del manto a regola d’arte; in caso contrario il Comune potrà rivalersi della fideiussione a tal fine richiesta.

Proprio in questi giorni è stato realizzato il ripristino definitivo di ampi tratti di asfalto in Via Ferrari, Via G. Pernigotti e V.le M.Dellepiane, dove nel febbraio scorso erano stati eseguiti i lavori di scavo e posa cavi per conto di Enel. Continua a leggere “Lorenzo Bianchi: Un’Amministrazione impegnata a salvaguardare sicurezza e manutenzione delle strade”

Tortona: PROSEGUONO I LAVORI DEL PIANO STRADE 2017

Tortona: PROSEGUONO I LAVORI DEL PIANO STRADE 2017

tortona foto asfaltature 2tortona foto asfaltature1

E’ stata ripristinata già nel pomeriggio di lunedì 6 agosto la regolare viabilità nel tratto di circonvallazione compreso tra la rotonda Liebig e l’intersezione di Via Balustra, interessato dal mattino da senso unico alternato per consentire alcuni interventi di asfaltatura, previsti nel piano strade 2017.

Sempre nell’ambito del piano strade approvato dall’Amministrazione Comunale nel 2017 è prevista, entro l’avvio dell’anno scolastico, la manutenzione stradale di Viale Einaudi, mentre a settembre si procederà con l’asfaltatura di tratti di Via Morandi e di Via della Prebenda parrocchiale nella Frazione Vho.

Le strade della vita

In medio stat virtus… gli estremi e le esagerazioni non sono mai la soluzione migliore.Ovidio “seguendo la via di mezzo, camminerai sicurissimo”

by, Pier Carlo Lava. Alessandria

Oggi viviamo tempi complessi, dove molti di noi sono chiamati a prendere decisioni a volte difficili, che in seguito possono determinare conseguenze positive o negative.

Le Strade.jpg

In questo contesto un eccessivo dinamismo può portare a calpestare tutti gli ostacoli, persone comprese e a commettere degli errori anche irrimediabili. All’opposto un eccessivo perfezionismo, nella migliore delle ipotesi può determinare ritardi controproducenti e nella peggiore può portare anche all’immobilismo.

Perciò alfine di coniugare la velocità delle nostre azioni da intraprendere (presupposto indispensabile nell’attuale contesto sociale) con la qualità e l’efficienza del risultato finale, occorre prendere delle decisioni ponderate ed equilibrate e che sopratutto tengano conto delle persone che vengono eventualmente coinvolte.

Achille Sclavo, medico, docente e ricercatore italiano

Achille Sclavo, medico, docente e ricercatore italiano

Achille Sclavo_big

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Dopo qualche giorno di pausa riprende il nostro viaggio fra i personaggi i cui nomi, a volte un po sbiaditi per il tempo e l’incuria di chi dovrebbe occuparsene, popolano la nostra città sulle targhe delle strade e delle piazze,

Questa volta percorriamo via Sclavo, una lunga strada che da via Marengo arriva sino a via Bruno Pasino, ma chi era questo personaggio?… Achille Sclavo, nacque il 21 marzo 1861 a Lesegno e morì il 2 giugno 1930 a Siena fu un medico, docente e ricercatore italiano che scoprì il siero contro il carbonchio ematico.

Vediamo la sua storia: Nell’Italia post-unitaria molte aree presentavano condizioni igienico-sanitarie simili a quelle di molti paesi in via di sviluppo di oggi. Achille Sclavo affrontò per primo in maniera scientifica e sistematica le tre cause di questo sottosviluppo: malattie infettive, cattive condizioni igieniche, povertà e malnutrizione.


La volontà di migliorare le condizioni di salute della collettività e debellare le malattie infettive, in particolare nelle fasce di popolazione più disagiate, lo portarono a propugnare le vaccinazioni, l’educazione sanitaria, l’igiene, l’edilizia scolastica ed ospedaliera in tutta Italia, ma soprattutto a Siena, sua città di adozione.


Achille Sclavo completò la sua opera con la fondazione nel 1904 a Siena dell’Istituto Sieroterapico e Vaccinogeno Toscano “Sclavo”, che ha contributo in maniera decisiva alla lotta contro le malattie infettive a livello globale, e a rendere ancora oggi la città che lo ospita protagonista della vaccinologia mondiale. Meno note, ma altrettanto importanti, sono le sue attività filantropiche e di impegno sociale che lo  videro appassionato sostenitore anche di quello che oggi chiameremmo no-profit.

Continua a leggere “Achille Sclavo, medico, docente e ricercatore italiano”

Damiano Chiesa, Patriota irredentista italiano

Damiano Chiesa, Patriota irredentista italiano

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Ieri mattina per la solita passeggiata quotidiana con Raissa la mia cagnona, siamo partiti dal villaggio Borsalino e camminando siamo  arrivati sino a via Marengo poco prima del distributore di benzina, prima di svoltare a sinistra per ritornare a casa, alzo lo sguardo come ultimamente mi capita sovente di fare e leggo l’insegna della strada, c’è scritto via Damiano Chiesa.

Inizia così un altro viaggio nella storia partendo dai personaggi ai quali è intitolata una via o una piazza della nostra città, infatti oggi parliamo appunto di Damiano Chiesa, Patriota irredentista italiano. Alessandria gli ha dedicato una strada, che da via Marengo arriva sino a viale Don Orione dove all’angolo si trova la sede del Gruppo Amag, ma chi era questo personaggio? Damiano Chiesa Naque a Rovereto nel 1894 morì a Trento nel 1916.

Damiano Chiesa allo scoppio della guerra si trovava a Torino, dove studiava ingegneria. Arruolatosi volontario, presto si guadagnò il grado di sottotenente d’artiglieria e mentre il padre veniva internato a Katzenau Damiano veniva ricercato dall’autorità militare che contro di lui aveva spiccato mandato di cattura per tradimento e diserzione. Continua a leggere “Damiano Chiesa, Patriota irredentista italiano”

ALESSANDRIA: DOVE E’ LA TANTO MILLANTATA SICUREZZA STRADALE??

ALESSANDRIA: DOVE E’ LA TANTO MILLANTATA SICUREZZA STRADALE??

Questo slideshow richiede JavaScript.

Da più giorni e da diverse persone, riceviamo lamentele relativamente allo stato manutentivo delle strade, con particolare riferimento alla SP 494 che da Alessandria conduce a Valenza, all’altezza della nuova rotonda incrocio strada Cerca.

Come si potrà evincere dalle allegate fotografie, da circa 40 giorni, uno spartitraffico è stato abbattuto causa probabile incidente stradale ed altrettanta sorte ha subito un tratto di “guard rail” della rotonda medesima (vedi fotografie allegate). Continua a leggere “ALESSANDRIA: DOVE E’ LA TANTO MILLANTATA SICUREZZA STRADALE??”

Giovedì 24 maggio si inaugurano le targhe dedicate al Risorgimento Casalese

Giovedì 24 maggio si inaugurano le targhe dedicate al Risorgimento Casalese


Casale Monferrato

Il progetto “Inciampare nella Storia. Per una toponomastica del casalese” ha subito un rinvio a causa dell’annunciato maltempo che ha consigliato il rinvio della passeggiata a spasso tra i Monumenti casalesi dedicati al Risorgimento.

Per questo, dopo la conferenza di Luigi Mantovani sulla memoria del Risorgimento attraverso i monumenti cittadini, la vera e propria inaugurazione delle targhe si svolgerà giovedì 24 maggio.

Programma:

Giovedì 24 maggio prenderà il via la seconda serata, intitolata Il Risorgimento a Casale 2. Alla scoperta dei monumenti, una passeggiata alla (ri)scoperta dei monumenti che ricordano personaggi e avvenimenti (e artisti) dell’interessante e un po’ dimenticato periodo risorgimentale cittadino. In quest’occasione verranno inaugurate 7 targhe elaborate dalle scuole casalesi, e con il contributo particolare del Lions Club Casale Monferrato Host (con Fondazione CRT e Fondazione San Paolo). Continua a leggere “Giovedì 24 maggio si inaugurano le targhe dedicate al Risorgimento Casalese”

ZONE 30: RIPRENDIAMOCI LA STRADA, di Claudio Pasero

ZONE 30: RIPRENDIAMOCI LA STRADA

zona-30

di claudio pasero

Le ZONE 30 sono aree urbane create per garantire più sicurezza e favorire gli utenti deboli della strada; ad esempio nella zona 30 la nozione di “attraversamento pedonale della strada” viene sostituita da quella di “attraversamento veicolare dei marciapiedi”. Ad ogni intersezione, grazie all’utilizzo di intersezioni e piattaforme rialzate, i veicoli a motore si trovano a dover “salire sul marciapiede”, cioè ad invadere un’area in cui il pedone ha la precedenza.
Nonostante diverse vie di Alessandria siano da anni diventate ZONA 30 con tanto di segnaletica, le automobili continuano a farla da padrone: i limiti di velocità non vengono MAI rispettati; il rallentamento e la fermata in caso di attraversamenti pedonali sono spesso considerati un fastidio o comunque un “piacere” che viene fatto da parte del conducente del mezzo motorizzato;
Continua a leggere “ZONE 30: RIPRENDIAMOCI LA STRADA, di Claudio Pasero”

ZONE 30: RIPRENDIAMOCI LA STRADA, di Claudio Pasero

ZONE 30: RIPRENDIAMOCI LA STRADA, di Claudio Pasero

zona-30

Le ZONE 30 sono aree urbane create per garantire più sicurezza e favorire gli utenti deboli della strada; ad esempio nella zona 30 la nozione di “attraversamento pedonale della strada” viene sostituita da quella di “attraversamento veicolare dei marciapiedi”. Ad ogni intersezione, grazie all’utilizzo di intersezioni e piattaforme rialzate, i veicoli a motore si trovano a dover “salire sul marciapiede”, cioè ad invadere un’area in cui il pedone ha la precedenza.


Nonostante diverse vie di Alessandria siano da anni diventate ZONA 30 con tanto di segnaletica, le automobili continuano a farla da padrone: i limiti di velocità non vengono MAI rispettati; il rallentamento e la fermata in caso di attraversamenti pedonali sono spesso considerati un fastidio o comunque un “piacere” che viene fatto da parte del conducente del mezzo motorizzato; lo spazio della strada non è stato opportunamente modificato come previsto ma la larghezza delle corsie automobilistiche è rimasta immutata, i marciapiedi non sono stati allargati e non sono state create corsie ciclabili; gli attraversamenti pedonali non sono stati rialzati e illuminati.

Continua a leggere “ZONE 30: RIPRENDIAMOCI LA STRADA, di Claudio Pasero”

Prudenza

La Provincia di Alessandria, tramite i canali di comunicazione, chiede di prestare massima prudenza per ghiaccio su strade e marciapiedi negli spostamenti con i veicoli stradali e anche a piedi.

Le temperature diminuiranno ulteriormente nelle prossime ore
Muoversi solo se necessario e comunque con congruo anticipo sulla tabella di marcia

Le strade della vita

le Strade

In medio stat virtus… gli estremi e le esagerazioni non sono mai la soluzione migliore. Ovidio “seguendo la via di mezzo, camminerai sicurissimo”

di Pier Carlo Lava. Alessandria

Oggi viviamo tempi complessi, dove molti di noi sono chiamati a prendere decisioni a volte difficili, che in seguito possono determinare conseguenze positive o negative.

In questo contesto un eccessivo dinamismo può portare a calpestare tutti gli ostacoli, persone comprese e a commettere degli errori anche irrimediabili. All’opposto un eccessivo perfezionismo, nella migliore delle ipotesi può determinare ritardi controproducenti e nella peggiore può portare anche all’immobilismo.

Perciò alfine di coniugare la velocità delle nostre azioni da intraprendere (presupposto indispensabile nell’attuale contesto sociale) con la qualità e l’efficienza del risultato finale, occorre prendere delle decisioni ponderate ed equilibrate e che sopratutto tengano conto delle persone che vengono eventualmente coinvolte.