Prigionieri, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

Prigionieri, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

Prigionieri.jpg

PRIGIONIERI

Prigionieri
in scatole di latta a deglutire l’amaro
in scatole di muro a lavorare ad oltranza
tra deserti reciproci di solitudine…

Relitti dei nostri sogni dispersi
ad inseguire la rotta di un’ipotesi,
a masticare veleno fingendolo sereno,
a mugugnare nell’ombra della propria ombra
di un destino sottratto, di una pace ridotta…

Sofferenti per i nostri corpi stanchi
di nebbia, di rabbia, di pioggia che lava via
ogni più piccola speranza…

Ma eccoci,
nonostante tutto,
eccoci.

#taniascavolini 14gennaioduemila17

Il desiderio di CuordiCrema-, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

Il desiderio di CuordiCrema-, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

Il desiderio di CuordiCrema

In un mercatino di oggetti usati attirò un giorno l’attenzione di CuordiCrema uno strano oggetto di ottone, invecchiato e sporco. Sembrava provenisse da tempi e luoghi lontani, di aspetto orientaleggiante. Guardandolo bene, assomigliava a una lampada a olio, che fosse la mitica lampada di Aladino???!!! La sua fantasia galoppava come sempre e doveva ogni tanto frenarla per non stare piantata come al solito sulle nuvole..e quella era un’altra delle sue fantasie! In ogni caso decise di acquistarla,ma l’ambulante le disse che gliela avrebbe addirittura regalata, perché era davvero mal ridotta e gli faceva un favore a portarsela via.. Contenta se la mise in borsa e continuò a sbrigare compere e incombenze della giornata..tanto che se ne dimenticò.
Solo il giorno dopo l’oggetto riassorbì l’attenzione di CuordiCrema..la borsa cadde bruscamente dalla sedia sulla quale l’aveva lasciata e fece un gran rumore..caspita! è vero, esclamò: “la lampada!” Ammaccata ancora di più di quello che già non fosse, decise di prendersene cura sfregando ben bene la superficie con un prodotto per quel tipo di metalli. La lampada ridiventò lucida e sfavillante in poco tempo. Era proprio bella, lo sporco aveva coperto ghirigori di lettere strane che formavano una bordura e le sembrò di leggere, anche se quelle lettere non le capiva affatto, che chi fosse in possesso di quella lampada potesse esprimere un desiderio, soltanto uno ma che sicuramente si sarebbe avverato. Era certa di non sognare ma per non sbagliare si diede un pizzicotto..ahi!! si, non stava sognando! Continua a leggere “Il desiderio di CuordiCrema-, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini”

BARBONI SENZA ETA’, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

BARBONI SENZA ETA’, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

barboni senza età

BARBONI SENZA ETA’

Profili in bianco-nero
ritagliati dalla strada,
sagomati nei cartoni,
rifiutati dalla società.

Forse bidelli o maestri,
geometri o ragionieri,
forse solo analfabeti
imbrattati dalla pietà…

Bevono da una bottiglia
per scaldarsi dal gelo
per sfamarsi senza cibo,
sono i barboni senza età.

E muoiono in un angolo
soli senza un nome,
tra una buca nell’asfalto
e un sampietrino di città.

8 febbraio 2016
©Tania Scavolini

IL VUOTO DELL’ANIMA, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

IL VUOTO DELL’ANIMA, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

IL VUOTO DELL'ANIMA

di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

IL VUOTO DELL’ANIMA

Passa attraverso la pelle,
trafigge il verso dello sguardo
permea il senso del dolore
-il vuoto dell’anima –
cresce fino a bucare il torace
fino a distaccare la mente
assente a ogni richiamo dell’io.
Sconfinata angoscia che sale
nel corpo piegato,
nel corpo piagato,
di chi è l’anima stanca
che manca alla coscienza,
di chi è questo vuoto
e quale il dolore?
Un uomo è solo in questa valle
dalle lacrime invasa ,
un uomo è morto senz’anima
in un giorno senza colore.
Pietrificato dalla paura
di non poter viverne senza.

 #taniascavolini

in foto: scultura in bronzo “Il vuoto dell’anima” di Jean Louis Corby – Ginevra

I MIEI COLORI, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

I MIEI COLORI, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

i miei colori

I MIEI COLORI

Scatenerò il colore da questa folle tavolozza,
i mesi e gli anni che ho visto passare sono qui,
vivi di rosso amore e di blu intelletto,
madidi di verdi sfrenate corse e di giallo tepore
di una mamma che coccola le sue figlie
e grigi e neri di cupo dolore per chi ho perduto.

Li vedo a chiazze esplodere dal mio cuore,
schiantarsi sulla tela della mia memoria,
è di azzurra calma, di rosa malinconia,
e ancora di giallo sole l’entusiasmo per la vita.

Anche se si seccano presto ora i colori,
invecchiano ogni giorno di più
ma coloreranno ancora ciò che resta
del bianco sporco di questa pazza tela.

#taniascavolini 9gennaioduemila19

ALLE VITTIME DELLE GUERRE, di Tania Scavolini

ALLE VITTIME DELLE GUERRE, di Tania Scavolini

Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

ALLE VITTIME DELLE GUERRE

Si prendono per mano
lungo i cortili del cielo,
dimenticando la morte
con gioia si abbracciano
nel girotondo della sorte.

Sono bambini, padri e madri
di terre desolate e sventrate,
dei ruderi-fantasmi delle città
senza più il rumore della vita.
senza il tempo a ritmo scandito.

Si ritrovano ora per l’eternità,
senza più sonno, né fame, né sete,
senza il suono di parole dolci.

Girano con calma portando le croci
della loro sventurata realtà.

15 dicembre 2016
Tania Scavolini

Forse una speranza, di Tania Scavolini

Forse

Forse una speranza, di Tania Scavolini

Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

Forse una speranza
12 aprile 2009-scritta per i terremotati d’Abruzzo

Le parole non servono,
le lacrime non servono,
le preghiere non servono.
Siamo senza parole,
senza lacrime,
senza Dio..

Solo un dolore asciutto avanza
che spacca il cuore,
prende alla gola,
ferma le immagini..

Di fronte a voi un futuro incerto,
un vuoto che non si colmerà più,
ma forse una speranza
con la tenacia e la vostra forza..

Si può continuare a vivere
perché arrivi l’alba
di un giorno nuovo
che scaldi ancora i vostri cuori,
restituisca calore al vostro gelo,

riporti voce nelle vie
e un sorriso alle finestre
di case sicure e non più tombe.

Copyright2009© Tania Scavolini tutti i diritti riservati

Urla dal silenzio, di Tania Scavolini

Urla

Urla dal silenzio, di Tania Scavolini

Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

Ecco l’ultimo nato, interamente a sfondo sociale, temi diversi con poesie e brevi racconti a introdurre ogni tema

URLA DAL SILENZIO edito da CTL EDITORE LIVORNO
prefazione a cura di Marzia Carocci
immagine di copertina a cura dell’autore Tania Scavolini

Ringrazio la CTL, in particolare il direttore editoriale Nino Bozzi che ha seguito personalmente le varie delicate fasi della edizione del libro. Continua a leggere “Urla dal silenzio, di Tania Scavolini”

Intervista a Tania Scavolini a cura di Izabella Teresa Kostka

by izabella teresa kostka, https://versospazioletterarioindipendente.wordpress.com

1.I.T.K.: Carissima Tania, è un piacere ospitarTi sulle pagine del VERSO – SPAZIO LETTERARIO INDIPENDENTE.
Sei un’ artista poliedrica ed eclettica, ti trovi a tuo agio sia generando intensi e scaltri versi poetici, sia dipingendo o disegnando con successo. Qual è il significato dell’arte per Te? Ti senti realizzata oppure sei alla ricerca infinita di un impeccabile e personalizzato linguaggio artistico?

T.S.: Cara Izabella è un grande piacere anche per me essere ospitata sulle pagine del “Verso” e ti ringrazio dell’intervista. Sono effettivamente una persona poliedrica, con tanti interessi in diverse forme artistiche. In qualità di artista, sento di poter offrire il mio contributo con il personale bagaglio di esperienza nella poesia e nella pittura, ma sono anche un’amante, come semplice spettatrice, di altre forme artistiche quali la scultura, la fotografia, il cinema, la musica e il teatro. L’arte secondo me è l’espressione massima dell’Io dell’artista, che può estrinsecare la sua interiorità o anche ciò che la sua personale lente può osservare del mondo circostante portandola, attraverso la sua espressività, ad essere oggetto di fruizione a vantaggio di tutti. L’arte in questo modo diventa universale.
Sono sempre in continua ricerca per soddisfare un’esigenza personale di miglioramento dello stile per quanto riguarda la poesia, e delle tecniche pittoriche per quanto riguarda la pittura. In poesia, l’esigenza di creare un buon livello stilistico mi rende soddisfatta, ma ritengo non sia sufficiente. Dico spesso che la poesia non è un’equazione matematica il cui risultato è il componimento perfetto, dico anzi che deve piacere, toccando determinate corde empatiche. Questo succede solo quando i versi sono veicolo di trasmissione di stati d’animo emozionali che viaggiano fino al cuore del lettore. Quando ciò accade mi sento veramente realizzata.
Continua a leggere “Intervista a Tania Scavolini a cura di Izabella Teresa Kostka”

Raccolta di poesia “Riflessi in volo”, di Tania Scavolini,

 

“Riflessi in volo”, di Tania Scavolini,

by Izabella Teresa Kostka

Raccolta di poesia “Riflessi in volo”, di Tania Scavolini, by Izabella Teresa Kostka 

PRESENTAZIONI: LA RACCOLTA DI POESIE “RIFLESSI IN VOLO” DI TANIA SCAVOLINI, CTL EDITORE, by Izabella Teresa Kostka. 

Leonard Cohen disse:  La poesia è la prova della vita. Se la tua vita arde, la poesia è la cenere.”

La poesia dell’artista che desidero presentare oggi nel mio angolo letterario  arde, travolge e non passa mai inosservata, colpisce nel profondo con ogni verso, che viene usato  con grande abilità e determinazione.  La nostra ospite è Tania Scavolini con la sua ultima raccolta di poesie “Riflessi in volo”, pubblicata da Centro Tipografico Livornese Editore: un libro dedicato alla poetessa Liliana Toscano, scomparsa due anni fa, di cui Tania Scavolini era molto amica. Continua a leggere “Raccolta di poesia “Riflessi in volo”, di Tania Scavolini,”

Urla dal Silenzio, di Tania Scavolini

Urla dal silenzio

di Tania Scavolini

Ecco l’ultimo nato, interamente a sfondo sociale, temi diversi con poesie e brevi racconti a introdurre ogni tema

URLA DAL SILENZIO edito da CTL EDITORE LIVORNO
prefazione a cura di Marzia Carocci
immagine di copertina a cura dell’autore Tania Scavolini

Ringrazio la CTL, in particolare il direttore editoriale Nino Bozzi che ha seguito personalmente le varie delicate fasi della edizione del libro.

Ringrazio la bravissima Marzia Carocci che ha realizzato una prefazione attenta e incisiva, sottolineando la forza della poesia quando si trasforma in denuncia.

Chi fosse interessato può contattarmi direttamente in pagina, se volesse dedica personalizzata. altrimenti può ordinarlo anche sule principali librerie on line

Era il sapore dei mandarini, di Tania Scavolini

era.jpg

Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

Era il sapore dei mandarini – 15 dicembre 2013

Era il sapore dei mandarini
che neanche ricordo più,
era il profumo della buccia
mentre si giocava a tombola.
Erano i numeri scanditi
con spiegazioni colorite
e i nostri gridolini
alla conquista della cinquina,
erano le tavolate di parenti
riuniti tutti per il Natale.
Erano i pacchi sotto l’albero,
il papà che chiamava per nome
uno a uno noi bambini
a ricevere gli ambiti regali
in dolce processione.
Erano canzoni e poesie
recitate da noi cugini,
sotto luci intermittenti
e colorati festoni.
Erano le feste di anni felici,
mi sembra quasi di sentirmi
vociare allegra e squillante,
mi pare quasi di vedermi
saltellare con le scarpe di vernice
e il vestitino di velluto blu.
©Tania Scavolini

OLTRE IL PONTE ROSSO, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

OLTRE IL PONTE ROSSO, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

oltre

OLTRE IL PONTE ROSSO

Oltre il ponte rosso,
esiste un orientale giardino
in cui immergere lo spirito,
senza fretta è il cammino
a seguire i rivoli d’acqua,
i letti di muschio e boschi
di alte canne di bambù.

Oltre il confine tra realtà
e sogno, c’è il bisogno
di sentirsi integrante parte
della serenità che si staglia
ad ogni dorato cespuglio,
arrossito di trepida attesa
per la stagione dell’autunno.

Oltre il ponte rosso,
c’è la quieta meditazione,
in cui riprendere vigore
prima del rigore dell’inverno,
in cui lasciarsi permeare
dell’ardore dei colori.

Oltre il ponte rosso,
ci sono i respiri della terra
e filtra la luce del cielo
tra i rami come braccia tese
a coprire di magico velo
i sospiri e i passi.

#taniascavolini 17ottobreduemila18
foto dell’autrice

IL COLORE DI DICEMBRE, di Tania Scavolini

Il colore

benvenuto dicembre!

Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

IL COLORE DI DICEMBRE

Dalla nitidezza del cielo
il colore di dicembre si rivela,
nei merletti delle nuvole
adagiati tra le creste dei monti.
Lo sguardo fugge all’orizzonte
lontano dal clamore della città,
oltre il limitare dei palazzi,
oltre le caotiche vie.
E pure il cuore se lì si sofferma
rallenta il concitato battito,
anche la mente se lì si concentra
l’attimo sereno annota al diario
di un oggi ancora da svolgere,
di gesti e pensieri in divenire.

Continua a leggere “IL COLORE DI DICEMBRE, di Tania Scavolini”

D’ossa e d’anima, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

D’ossa e d’anima, di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

D_ossa e d_anima

di Squarci di cielo – poesie di Tania Scavolini

D’ossa e d’anima – 1-02-2012 (presente nel libro “Diario di un’assenza)
S’attutisce il rumore
ed è silenzio lieve,
nulla scorgo intorno
con questa neve
che ricopre il mondo.
E freddo non si scioglie
nel corpo mio d’ossa
e d’anima scossa.

Vuoi provare tu amore,
a sciogliere questo gelo
che m’attanaglia il cuore?
Vuoi darmi tu il calore
col solo tuo sorriso
che infonda forza
nella mie incerte mosse?

E freddo più non sento,
scioglie il tuo sguardo
la paura,
la mia debole difesa
arresa si rafforza,
al tuo sorriso sorrido
e le lacrime via..
respingo.


Copyright©Tania Scavolini tutti i diritti riservati