Lo smartphone diventa pieghevole – di Marina Vicario

Sempre più futuristici gli smartphone del 2019

(Fonti: Ansa, HDblog.it, wikipedia, Xiaomi video you tube)

Quanti di voi vorrebbero uno smartphone con uno schermo che possa diventare più grande o più piccolo a seconda delle necessità, senza portarsi un oggetto troppo voluminoso in tasca o in borsa? Alla fine dell’articolo troverete il link per vedere un prototipo del vostro futuro oggetto del desiderio.

Notizie rilevate da più siti web in questi giorni riportano che, al salone della telefonia a Barcellona (Mobile World Congress – dal 25 al 28 febbraio 2019 ), Huawei presenterà la sua nuova creatura high tech con tutte le carte in regola per piazzarsi al primo posto sul mercato del settore.
Si tratta del nuovo smartphone pieghevole, prodotto dalla casa madre che, eliminando il conto terzi, aumenterà i guadagni in una sola mossa.
L’apparecchio è già adattato alla la nuova rete di comunicazione G5, che si spargerà velocemente su tutto il pianeta.
Kirin 980 è il processore di cui si avvalerà lo smartphone del futuro con la caratteristica dell’intelligenza artificiale, ormai applicata ai futuri cellulari di tutte le marche. Nel link, qui di seguito, troverete tutte le informazioni tecniche https://it.wikipedia.org/wiki/HiSilicon_Kirin_980

Non riuscite ad immaginare come sia? Ebbene, se non l’avete ancora visto, cliccate sul link che ho messo qui di seguito. Il video riguarda quello che per Xiaomi è ancora un progetto ingegneristico, ma che forse sarà molto simile a quello che Huawei mostrerà esattamente tra un mese. Non ci resta che attendere per verificarlo!
Video: https://www.hwupgrade.it/news/telefonia/lo-smartphone-pieghevole-di-xiaomi-esce-allo-scoperto-ecco-il-video_80312.html

Foto di Xiaomi che mostra come sarà un cellulare pieghevole. Potremo piegare il cellulare in tre parti, portandolo ad una misura standard, se lo apriremo raggiungerà una dimensione di 11 pollici.
Le foto sono tratte dal video you tube

Resoconto attività della Polizia Postale e delle Comunicazioni nel 2018

Resoconto attività della Polizia Postale e delle Comunicazioni nel 2018

In uno scenario nel quale la continua evoluzione tecnologica influenza ogni azione del nostro vivere quotidiano, l’impegno della Polizia Postale e delle Comunicazioni nell’anno 2018 è stato costantemente indirizzato alla prevenzione e al contrasto della criminalità informatica in generale, con particolare riferimento ai reati di precipua competenza di questa Specialità.

CNCPO – Centro Nazionale di Contrasto alla Pedopornografia Online 

L’aumento esponenziale del numero degli adolescenti presenti sul web ha determinato un’importante crescita del numero di minorenni vittime di reati contro la persona: sul territorio nazionale, dai 104 casi registrati nel 2016 si è passati a 177 nel 2017 e 202 casi trattati nel 2018; le vittime hanno tutte un’età compresa tra i 14 e i 17 anni. 

cnaipic

Nell’ambito della pedopornografia online, nell’anno in corso, sono stati eseguiti 43 arresti e denunciate 532 persone, anche grazie alla fondamentale cooperazione di polizia a livello internazionale.

Tra le operazioni più significative, coordinate dal Centro Nazionale del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, si segnala l’operazione “Ontario” che ha consentito l’esecuzione di 22 perquisizioni, 4 persone tratte in arresto e 18 persone denunciate in stato di libertà; nell’ambito dell’operazione “Safe Friend” sono state eseguite 15 perquisizioni che hanno consentito di arrestare 2 persone e denunciarne 13.

Le indagini svolte dal Compartimento di Torino nell’Operazione “Good Fellas” hanno consentito di eseguire contestualmente 16 perquisizioni in tutta Italia nel mese di giugno, portando all’arresto di 6 persone, nonché di denunciarne in stato di libertà 10.

Costante in materia anche l’attività di prevenzione e monitoraggio della rete, che ha riguardato 33086 siti internet a livello nazionale, di cui 2182 inseriti in black list. Continua a leggere “Resoconto attività della Polizia Postale e delle Comunicazioni nel 2018”