Racconti brevi: I GRAFFITI, di Tiziana Valori

Racconti: I GRAFFITI, di Tiziana Valori

tumblr_39129fe4e36cf5ac3575b38455ca3f3c_9fdeaee6_640

I GRAFFITI (racconto breve)

“Interpreto, dal sànscrito, che bisogna ancora lavorarci molto su questi segni” pontificava la dottoressa Albani con quanti stavano lì a pendere dalla sua scienza. “I caratteri mi sembrano indoeuropei senz’altro.

In queste regioni degli Zagros settentrionali gli Arii, o Ariani, come son detti volgarmente, erano giunti sicuramente dalle steppe asiatiche. Quelle, come sappiamo tutti, erano un serbatorio che tracimava continuamente popolazioni per ogni dove.

La datazione di queste incisioni rupestri? Di certo anteriori al 2mila avanti Cristo.”

La dottoressa si interruppe per fermare un ragazzo che si era avvicinato ai graffiti con una pietra.

“Che fai qui, giovane uomo” si rivolse vivacemente al disturbatore in uno stentato curdo. Quello si allontanò brontolando.

“Dicevo” riprese la Albani in fiorito inglese e sorridendo soprattutto verso la telecamera in funzione, “quest’iscrizione, che risalta ancora sulla viva roccia come fosse stata scritta di recente, l’ abbiamo scoperta da poche ore.

Sì, come ho affermato, non si può datare a dopo il terzo millennio prima della nascita di Cristo perché gli Arii non possono essere giunti…”

L’archeologa si interruppe di nuovo per precipitarsi su quel ragazzo che con una pietra sembrava volesse scalpellare quei segni. Gli disse, sia in inglese che nel suo curdo, che quelli erano preziosi reperti dell’antichità e finchè non fossero stati vigilati a dovere nessuno doveva avvicinarsi.

“No, signora” rispose il ragazzo in passabile inglese. “Questo per noi significa vaffan… Mio padre lo lascia scritto spesso per farlo leggere a mia madre.

Stamattina mi ha preso a botte e sono stato io, di nascosto, a scriverlo qui, ed è rivolto a lui.

Noi abitiamo qui dietro e se questa parolaccia non la cancello lui capisce che sono stato io e mi dà il resto.”

Tiziana Valori

foto tumbir

Racconti: TUTTO CONSIDERATO, di Tiziana Valori

Racconti: TUTTO CONSIDERATO, di Tiziana Valori

tumblr_pt75arFfW61tsmw6y_1280

TUTTO CONSIDERATO (racconto breve)

“Senti, mammà, che mi scrive questo vecchio bavoso. ‘Signora Maria Clara. Consegno al mio fiduciario questa missiva per invitarla a dividere la vostra vita con la mia. Siete bella, giovane, fine e vedova da poco. Sareste un’ amica preziosa per me e allietereste gli ultimi anni della mia vita. Non potrei sposarvi, essendo ancora in vita la mia consorte dalla quale sono separato, ma sareste a ogni altro effetto una moglie a cui dedicherei ogni mio pensiero e attenzione. Ripongo nel vostro discernimento la buona accoglienza di questa mia e il suo felice esito con il vostro assenso. Sono Eleuterio De Fabbris Manconi, piazza Risorgimento, eccetera eccetera.’ Mammà, a me viene da vomitare. Hai capito, io non ancora trentenne e dovrei fare la convivente di questo zombi…”

“Eleuterio … piazza Risorgimen… Figlia mia, questo è più di Paperon De’ Paperoni!!! Tu sola forse non lo sai. I giornali…”

“Eleuterio carissimo, quasi sposo amatissimo della tua Maria Clara. La tua quasi suocera ti consegnerà questa mia e farete conoscenza. Lei ci teneva a conoscerti. Manda quella tua degnissima persona a prendermi. Ho preparato un po’ di cosette in un paio di valige e sono pronta a correre fra le tue braccia…”

Tiziana Valori

foto tumbir

Racconti: L’ ABROGAZIONE, di Tiziana Valori

Racconti: L’ ABROGAZIONE, di Tiziana Valori

L’ ABROGAZIONE (racconto breve)

tumblr_pwj7z8aMF81vcs40ao1_540

Quando le comunicarono, festanti, che c’era l’emancipazione Jezabel non ne volle sapere niente e borbottò fra sè che ogni occasione era buona per far caciara.

Nel giro di qualche giorno, quando si cominciò a capire che nessuno sarebbe stato inseguito con i cani per essere frustato, se non peggio, se ne andarono quasi tutti. Jezabel restò tenacemente nella sua capanna e fu solo la fame che la spinse a chiedere, fra la decina di negri rimasti, se non fosse arrivata la fine del mondo.

“No” le rispose il vecchio Cam, mogio, “è la libertà ch’è arrivata. È finita la schiavitù; l’hanno abrogata. Non siamo più schiavi, non l’hai capito?”

“Sì, questo l’ho capito” sbuffò lei. “Ma non si mangia più? Pure lo stomaco è stato abrogato?”

“Noi teniamo mais, fagioli, stoccafisso, farina. Tu non hai niente? Vieni a mangiare da noi più tardi.”

Jezabel corse da padron Thomas e lo interpellò, spaventata:

“Massa Thomas, io per mangiare devo andare da Cam ora?”

“Cosa vuoi da me, Jezzy? Non lo vedi che la tenuta va in rovina? Che il tabacco non lo cura più nessuno?

Avevo sessantadue schiavi. Ora, con la mia famiglia siamo in sedici. Dobbiamo cucinare noi per te?”

“Massa, se Miriam e Constanza non ci sono più posso sbrigare io le faccende della casa padronale.” Continua a leggere “Racconti: L’ ABROGAZIONE, di Tiziana Valori”

Racconti. L’ ABROGAZIONE (racconto breve) di Tiziana Valori

Racconti. L’ ABROGAZIONE (racconto breve) di Tiziana Valori

Quando le comunicarono, festanti, che c’era l’emancipazione Jezabel non ne volle sapere niente e borbottò fra sè che ogni occasione era buona per far caciara.

tumblr_pq7sdgdfZr1r4i0qwo1_540.jpg

Nel giro di qualche giorno, quando si cominciò a capire che nessuno sarebbe stato inseguito con i cani per essere frustato, se non peggio, se ne andarono quasi tutti. Jezabel restò tenacemente nella sua capanna e fu solo la fame che la spinse a chiedere, fra la decina di negri rimasti, se non fosse arrivata la fine del mondo.

“No” le rispose il vecchio Cam, mogio, “è la libertà ch’è arrivata. È finita la schiavitù; l’hanno abrogata. Non siamo più schiavi, non l’hai capito?”

“Sì, questo l’ho capito” sbuffò lei. “Ma non si mangia più? Pure lo stomaco è stato abrogato?”

“Noi teniamo mais, fagioli, stoccafisso, farina. Tu non hai niente? Vieni a mangiare da noi più tardi.”

Jezabel corse da padron Thomas e lo interpellò, spaventata:

“Massa Thomas, io per mangiare devo andare da Cam ora?”

“Cosa vuoi da me, Jezzy? Non lo vedi che la tenuta va in rovina? Che il tabacco non lo cura più nessuno?

Avevo sessantadue schiavi. Ora, con la mia famiglia siamo in sedici. Dobbiamo cucinare noi per te?”

“Massa, se Miriam e Constanza non ci sono più posso sbrigare io le faccende della casa padronale.” Continua a leggere “Racconti. L’ ABROGAZIONE (racconto breve) di Tiziana Valori”

Racconti: SOPRAVVIVERE, di Tiziana Valori

Racconti: SOPRAVVIVERE, di Tiziana Valori

tumblr_7b4dd3cd710523cc76b1fbf40835e72f_a5aef718_540.jpg

SOPRAVVIVERE (racconto breve)

Dopo la paura c’è lo stordimento e l’incredulità.

Ti viene da pensare ‘ma ce l’ho fatta davvero?’

Stavo là sotto. Con precisione non so dove, ma c’era l’armadio sopra di me e mi permetteva di stare quasi in piedi. Tutto sbilenco, appoggiato chissà a cosa.

Il terremoto ha continuato a scuotere spesso quello che restava della mia casa e le macerie chiudevano ulteriormente gli interstizi.

Mi hanno detto che sono stato sotto quattro giorni. E chi li ha contati? Io mi dicevo solo ‘quando morirò?’

Non sono tipo da pregare perché non ci credo, e questo forse mi ha alleviato la paura di morire. Mi dicevo ‘perderò i sensi e non ne saprò più nulla’.

Ma l’aria da qualche parte mi arrivava anche se sono stato all’oscuro tutto il tempo.

Infreddolito, sporco e puzzolente, mi hanno fatto bere, piano piano ma tanto e, circa la fame, mangerei un bue con corna e zoccoli. Come i diavoli che non mi hanno preso. Ma che sciocchezza, io non ci credo!

Quando quel cane è entrato a leccarmi, in mezzo a tutta quella luce, mi è sembrato un angelo.

E dalli! Non ci credooooo.

Ma la paura ti fa credere in tutto, anche negli angeli e nei diavoli. E ti fa pregare. Io l’avrò fatto? Boh.

Tiziana Valori

foto Tumbir

Racconti. IL SOCCORSO, di Tiziana Valori

Racconti. IL SOCCORSO, di Tiziana Valori

IL SOCCORSO (racconto breve) (avverto che questa lettura non è da tutti)

Salpo. Ma per dove?

Mi hanno trasmesso che il Canale di Sicilia è mosso e che delle carrette del mare stanno là in mezzo, oltre ai soliti gommoni.

Come capitano, buono d’animo e pieno di religioso altruismo, dovrei dirigermi là per effettuare salvataggi.

Ma gli ordini non sono perentori. Mi lasciano l’iniziativa tattica d’ingaggio. Insomma una specie di ‘fa’ un po’ quer caxxo che te pare’.

Qui occorre una riunione al vertice e il vertice chiaramente sono io. E io deciderò.

Però devo sentire gli altri, così nel diario posso citare i loro pareri senza essere smentito.

Ora con me c’è il commissario, Francesco …, il mio secondo, Luigi … e il maggiore medico Antonio …

“Luigi” comincio, “sai che dobbiamo perlustrare più davanti a Tripoli che altro, no?”

“Certo, comandante, quest’è la direttiva di base.”

“Tu” continuo interpellando il commissario, “siamo ben attrezzati per accogliere quanti eventuali naufraghi?”

“Non più di trenta, con comodità. Però con l’emergenza potremmo caricarne…”

“Francesco, un po’ di attenzione, per favore! Ho parlato di emergenza, forse? Quindi, commissario, dicevi non più di trenta.

E tu, Antonio, hai la possibilità di prenderti cura di tanta gente bisognosa di immediata assistenza?”

“Non tutti assieme, certamente.”

“Basta così, signori. Ho capito che migliaia di persone da soccorrere non sono per una corvetta. Darò ordine di dirigerci alla costa libica. Col Canale di Sicilia se la sbrigheranno gli altri comandanti.”

Ora sono solo e posso riflettere. Che vadano pure ai pesci quei dannati tagliagole, muslim che non sono altro! Li odio e non ne vorrei nessuno in Italia. Sanno dare solo intralcio, spese e figli inutili a decine.

E noi gli unici a soccorrere quando nessun altro vuol farlo… Ma lo dice la Costituzione che gli Italiani devono essere buoni per forza?

Tiziana Valori

Racconti: L’ ELEZIONE (racconto breve) di Tiziana Valori

Racconti: L’ ELEZIONE (racconto breve) di Tiziana Valori

Ho vinto! Ho vinto!

Sì, mi sento come Maga Magò in ‘La spada nella roccia’, lo avete visto miei cari elettori?

Calma. Sono solo davanti allo specchio come deve fare uno che prepara il discorso alla Camera.

31287736_201437007330341_8937633394569773056_n

Però ho vinto sul serio? Ho fatto i conti con la calcolatrice e sto quasi al 6% di gradimento. 703mila e passa ‘like’ sulla mia pagina facebook. Però in web ci stanno tutti quelli che vogliono essere eletti. Io con tutti i gruppi di appartenenza ho avuto tanti ‘mi piace’, ossia nel mio caso e rispondendo al mio quesito, significa: ‘Sì, ti vogliamo in Parlamento.’

Sarà sufficiente per il signor Cavalletta? È lui che dà l’assenso. E poi sarà lui che mi governerà a bacchetta, lui che in bocca mi metterà tutte le parole e, di dietro…

Ma non pensiamoci. Con più di settecentomila gradimenti penso proprio di aver vinto un seggio parlamentare. Che desiderare di più? Un bel destino da signorone, riverito e rispettato.

Ho vinto! Ho vinto, signori e senza nemmeno un comizio o un euro di manifesti. Mi vedo già deputato.

A far che? Numero e basta. Sai che ammosciamento? Lì, fermo ore e ore a sentire cose che non capirò mai. Io ho interrotto il ginnasio perché leggere troppo non mi andava.

È vero che c’è lo smart e con quello un po’ di tempo passa. Ma mi permetteranno almeno un solitario sul telefonino senza mettermi in cronaca con una bella foto? I giornalisti stanno sul loggione apposta per questo, per contarti anche i peli che hai nel… Ci siamo capiti.

E tutti i soldi che dovrò versare al Movimento? E l’ostilità crescente verso la politica? Stai per fare l’elemosina? Basta uno scatto e si leggerà: ‘Il neoeletto che ruba dal cappello di un mendicante!’ Continua a leggere “Racconti: L’ ELEZIONE (racconto breve) di Tiziana Valori”

Racconti. UNA SBANDATA, Tiziana Valori

Racconti. UNA SBANDATA, Tiziana Valori

UNA SBANDATA (racconto breve)

“Sintonia! Sintonia!” vociò Peppe un po’ fumando e un po’ versandosi la birra in gola e addosso.

“Ahò, e calmete, zietto! Momento, no?”

Tina smaneggia sul cruscotto con le manopole dello stereo.

“Ahò, a te! A n’vedi che mi mette sta zòccola. Musica classica! E che sarei, tu nonno? Zietto l’accetto. A n’vedi, ciò messo a rimma, ahò. Ma nonno ce sarà tu nonno.

Sintonia! Dai, Ti’, sintonia!”

Tina sistema l’apparecchio su di un ritmo assordante e martellante. Proprio quello desiderato da Peppe. Poi con la faccia feroce e vicina a quella di lui per farsi sentire:

“M’hai detto zoccola?”

“E certo. A me se n’so zoccole nun me piaceno.”

“Ah, m’bè.”

La velocità sostenuta, il frastuono e la cacioneria del suo compagno invogliano la ragazza:

“A Pe’. Lo famo strano, come Jessica e Ivano? A n’vedi, a rimma ce l’ho fatta puro me.”

Tina si tira su il vestito per sistemarsi a cavalcioni di Peppe che guida, fuma e ride.

La macchina sbanda e va di sotto.

Quando li recuperano i due stanno assieme in uno strano ultimo abbraccio, come se si fossero voluti bene per davvero.

Tiziana Valori

Racconti. IL COPIA COPIA, di Tiziana Valori

Racconti. IL COPIA COPIA, di Tiziana Valori

tumblr_pvd5ycs7uj1turrjgo1_540

IL COPIA COPIA (racconto breve)

“Le parole rubate sono queste, signor Mandrìpoli:

‘Io prometto a tutti voi, cittadini, che non resterò sordo a nessuna richiesta mi venga rivolta da parte di chi avrà bisogno di me. Pensioni da aumentare? Me ne farò promotore. Contratti da rinnovare? Me ne farò promotore. Precariato? Se sarò rieletto scomparirà.’

È un vero copia e incolla per tutta la pagina del blog. Tutto preciso, anche gli interrogativi.”

“Sì, Vostro Onore, ma non sono stato rieletto.”

“Mi chiami signor giudice, prego; non stiamo a Law and Order!

No, non è stato eletto. Ma il plagio, il furto letterario e propagandistico lo ha commesso e non lo nega.”

“Signor giudice, io non ho usufruito della refurtiva, letteraria o meno che sia. Non ho sottratto quel frutto. È rimasto sulla pianta, ossia sulla pagina informatica dell’onorevole Giuseppe Cavalletta, o no?” Continua a leggere “Racconti. IL COPIA COPIA, di Tiziana Valori”

Racconti. UN RICICLO (racconto breve) di Tiziana Valori

Racconti. UN RICICLO (racconto breve) di Tiziana Valori

31287736_201437007330341_8937633394569773056_n

UN RICICLO (racconto breve)

Il mio regalo è sempre stato lì ad aspettarti, tesoro mio. Ora che è Natale l’ho messo sotto l’albero.

Ma tu, sotto questa lapide così fredda e pesante, non verrai più a prenderlo.

Non posso pensare a quel giorno di ottobre. Arrivammo a casa contemporaneamente, la notizia del tuo tragico incidente ed io col regalo appena comprato per il tuo compleanno.

Tu hai saputo subito cosa fosse perché, nel tuo mondo, le anime conoscono ogni cosa e perdonano. È vero che perdonano?

Lo sai che non mi è mai piaciuto star da solo e che a letto ero capace di non cambiar posizione per tutta la notte pur di tenerti sempre abbracciata.

Ora è così anche con Rosa. È una brava donna e tu lo sai. È arrivata presto nella mia vita, a ottobre stesso. Ma che potevo farci? Sarebbe stata un’occasione, magari, che non si sarebbe presentata più. E, come sai, le proposi la convivenza.

Ma non pensiamoci più. Acqua passata.

Hai visto che bei fiori ho trovato di questi tempi per la tua tomba?

Sì, lo so. Stai pensando anche tu a quel regalo sotto l’albero e al bigliettino con scritto ‘Alla mia adorata Rosa’.

Ma è politica coniugale. Bisogna che la compagna sia contenta, o mi sbaglio? E poi tu sei superiore e fuori da queste cose, ormai.

Ti prego, quindi, di non prendertela troppo se il tuo bel regalo lo faccio a lei.

Eh? D’accordo?

Alla prossima, tesoro, e buon riposo.

Tiziana Valori

IL DIPINTO (racconto breve) di Tiziana Valori

IL DIPINTO (racconto breve) di Tiziana Valori

Un colore al giorno, o sfumatura di quelle tinte in bombolette spay, andava a depositarsi sulla parete nei punti stabiliti. Paco le reperiva al ferramenta di Chicadilla, l’unico in zona che ne avesse un buon assortimento.

31287736_201437007330341_8937633394569773056_n.jpg

Seppure fosse già scuro, lo si vedeva oscillare sul muro originariamente color cemento del grande silo Buena Ventura.

Quasi tutto il villaggio sembrava darsi appuntamento lì a guardare le evoluzioni di Paco appeso a una corda e gli sviluppi dell’opera, colore dopo colore, che sarebbe stata ben più squillante alla luce del giorno.

C’erano l’amministratore locale del Buena Ventura, segreto finanziatore del ragazzo per la benzina e i suoi acquisti a Chicadilla, i due vigili che fungevano da polizia, e agricoltori con famiglia che rinunciavano a un po’ di riposo per seguire lo sviluppo del dipinto.

Si capiva ormai che si trattava di loro stessi che portavano il grano al silo, a faticare sotto i sacchi coi volti cotti dal sole, rugosi e grondanti.

“Sarà uno spasso obbligarlo a cancellare tutto quando avrà finito” buttò fuori Vicente, nuovo arrivato nella piccola comunità.

“Chi si azzarderà a farlo avrà a che fare con me!” affermò feroce il suo superiore, sergente vigile Majedo, guardandolo con riprovazione.

“Vicente, vuoi tornare a Mexico a dirigere il traffico?”intervenne l’amministratore del silo. “Non vedi quant’è bello?”

“Certo” aggiunse una campesina col piccolo addormentato in braccio. “Paco è un artista e nessuno lo paga per darci questo spettacolo. Lo vorresti in cella?”

“Chi si permette di fare denuncia a Chicadilla qui non avrà vita facile!” decretò un altro peone.

E mentre Vicente si faceva un pizzichino, tutti pensavano che chiunque delle autorità fosse transitata davanti a quell’enorme murale avrebbe fatto finta di non vederlo dopo essersene riempito gli occhi di ammirazione.

Tiziana Valori

(Grazie a chi ha voglia e tempo di leggere. Se clicchi sulla foto a fianco al nome potrai visionare quanto ho postato finora sul gruppo)

Racconti. L’ ULTIMO DESIDERIO, di Tiziana Valori

Racconti. L’ ULTIMO DESIDERIO, di Tiziana Valori

31287736_201437007330341_8937633394569773056_n.jpg

L’ ULTIMO DESIDERIO (racconto breve)

L’ultima sigaretta e anche la prima.

Non ho mai fumato ma il capitano kartofen che sta per comandare la mia kartofen esecuzione è ben fermo nel ripetere:

“Fuole fumare l’ultima sikaretta?”

“Non c’è qualcos’altro?” ho chiesto. “Un caffè, magari. Una limonata.”

No. Ha ripetuto l’offerta dell’ultima sigaretta prima di fucilarmi.

Guardo quella faccia baffuta e austriaca sotto quell’elmetto austriaco cui avrò mirato chissà quante volte dalla mia postazione mancandolo sempre.

Mi hanno catturato e, solo perché stavo nella zona di nessuno fra le due trincee, sono considerato una spia. Niente prigionia di guerra. Immediato passaggio per le armi.

“Ma no” ho cercato di farmi capire. “Che spia? Io obbedisco agli ordini. È il tenente che mi ha detto ‘mettiti lì e spara tu che hai una buona mira’.

Tutto inutile. Se mi capiscono fanno finta di non capire.

Il mangiacrauti mi porge la sigaretta senza neanche chiedermelo più. Che ho da perdere? Guadagno qualche minuto di vita. Me l’accende quel kartofen tanto gentile che vuole far presto a fucilarmi.

Tiro e quel fumaccio maligno mi entra nei polmoni, nei muscoli, nelle ossa. Non respiro più. Gli occhi mi escono lacrimando e l’aria dov’è mentre tossendo e sputando mi sembra di cacciare l’anima?

Quando riesco a dir qualcosa ansimo:

“Che aspettiamo? Vi prego, fucilatemi…”

Tiziana Valori

Racconti. UN DONO, di Tiziana Valori

Racconti. UN DONO, di Tiziana Valori

iziana Valori.jpg

UN DONO (racconto breve)

“Uno, passo; due, carta, diciotto, passo; tre, carta, ventidue, sballo. Banco, carta, ventitre. Paga uno, paga due.” Il croupier si alza e viene subito sostituito. Il gioco prosegue.

Marco Marchi, avvisato da una lucetta sul suo posto di lavoro è stato convocato in direzione. Salendo una scalinata dà un’occhiata al suo mondo, la sala coi suoi tavoli da gioco, col bar al centro, le casse e le slot-machine, alcune delle quali anche a distanza trasmettono un continuo ‘tran tran’.

Il direttore del ‘Major Fortune’ si alza, lo mette a proprio agio con una cordiale stretta sulla spalla, lo fa sedere e chiama con un pulsante il suo braccio destro.

“Vitali” gli si rivolge subito, “non perdiamo tempo perché il tempo è…”

“Denaro” rispondono assieme Marchi e Vitali.

Questi mostra al dipendente un mazzo di 108 carte francesi e lentamente gliele sfoglia davanti. A un cenno del boss si interrompe e chiede:

“Marchi, se quattro suoi avversari hanno quindici con 40 €, diciannove con 60 €, quattordici con 10 € e venti con 30 €, lei che ha quindici che fa?”

Marchi pensa nell’attimo concessogli ‘ prendo 50 e perdo 90; se faccio non più di sei posso arrivare a guadagnare…’ :

“Carta!”

“Sballato!” fa Vitali scoprendo un sette. “Marchi, non ha notato che sono uscite molte carte piccole? Così il Casinò ha perso 100 € in più. E così non va.”

“Marchi” si intromette il boss, “sarà l’età avanzata ma lei ha perso il dono di saper tenere a mente le carte uscite.

E allora…”

“Licenziato?” e al cenno di assenso: “E che farò ora a 48 anni? Chi mi assumerà?”

I due superiori alzano entrambi le spalle e non dicono chiaramente:

“E a noi che ci frega? Problema suo.”

Marchi sa che è inutile insistere. Si alza senza salutare e si avvia con la testa vuota e triste verso la vita esterna dove saper ricordare le carte non è un gran dono.

Tiziana Valori

Racconti: AL MASSIMO, di Tiziana Valori

Racconti: AL MASSIMO, di Tiziana Valori

31287736_201437007330341_8937633394569773056_n.jpg

AL MASSIMO (racconto breve)

“Sensazioni fantastiche, signori!” enfatizzava il pilota. “E supersensazioni con una piccola maggiorazione.”

Veramente io sono un giovanottone che non ha paura di niente. Dovrei essere da meno di quelli che vedo avventurarsi su quel trabiccolo che però vola da eccezione? Si impenna, cabra, sculetta e tutte quelle cose che piacciono a quelli che vengono qui sul campo di volo a guardare i coraggiosi.

Io non sono venuto con la ragazza, però con una ragazza posso tornarmene. Chi lo sa? Magari carina e spinta, hai visto mai?

Però non ho mai visto ancora chi ha pagato quel famoso supplemento. Continua a leggere “Racconti: AL MASSIMO, di Tiziana Valori”

Racconti: IL RATTO, di Tiziana Valori

Racconti: IL RATTO, di Tiziana Valori

31287736_201437007330341_8937633394569773056_n.jpg

IL RATTO (racconto breve)

Quel matrimonio non era proprio il massimo delle feste ma, comunque fosse, era stato necessario: Ginetto e Lucia erano scappati, avevano fatto la ‘fuitina’ due anni prima e ora, compiuti entrambi i diciotto anni, avevano dovuto rimediare. Questo sposalizio forzato, riparazione al ratto, era quanto la società richiedeva e ‘la società’, nella fattispecie, era rappresentata fieramente dai parenti della sposa.

No, la festa non si poteva dire proprio riuscita: lo sposo era moscio che più moscio non si può e di conseguenza tutti i suoi erano terribilmente imbarazzati e gli altri offesi. Nello sguardo della sposina c’era anche l’espressione alla ‘ormai dove scappi?’ del pescatore che tira il pesce in barca.

Che quel giorno fosse proprio infausto ci si accorse quando il mortorio volse al termine notando l’assenza di Mene e Paoletta dal gruppo dei piccoli. Non si riusciva a rintracciarli e la parola ‘rapimento’, non pronunciata da alcuno, frullava nella mente di tutti. Continua a leggere “Racconti: IL RATTO, di Tiziana Valori”