Momenti di poesia. Estate di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Estate di Stefania Pellegrini

Parole nomadi fb

Van Gogh – Covoni di fieno (copia)

In quel suo incerto incedere
estate impallidisce
in un eccentrico solfeggio
di note grigie.
Non rassicura il tuono
addormentato dietro
la montagna.
L’insidia latente
minaccia biondi covoni
un cielo terso
voglioso ancora
d’ardente calore.
Estate mina cuori
desiderosi di certezze
lontani come l’orizzonte
inseguito sul mare
e mai raggiunto.

Stefania Pellegrini ©

CONSIDERAZIONE, di Miriam Maria Santucci autrice

CONSIDERAZIONE

Miriam Maria Santucci autrice

CONSIDERAZIONE
di Miriam Maria Santucci

Un tuono
che ruzzola
nella nebbia nera
della notte.
Un uragano
che squarcia
il mare
e scopre le ferite
profonde
degli abissi
è la voce che non t’ama
e s’insinua
con parole di silenzio.

(1965)

Poesia tratta dalla raccolta “Le Impronte della Vita”.

© Copyright 2015 – Miriam Maria Santucci