Parchi da Gustare – incontro con ristoratori e produttori a Casale Monferrato il 19 dicembre 2018.

Parchi da Gustare – incontro con ristoratori e produttori a Casale Monferrato il 19 dicembre 2018.

L’incontro è promosso dalla Regione Piemonte per presentare e diffondere nel territorio dei Comuni delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino, il progetto “Parchi da Gustare”. Il coinvolgimento diretto degli operatori turistici del settore ristorativo e dei produttori locali è finalizzato a proporre il loro inserimento nel progetto del prossimo anno.

logo-parco-dark

Parchi da Gustare è l’iniziativa ideata dalla Regione Piemonte – Settore Biodiversità e Aree Naturali che coinvolge le Aree protette e i loro enti di gestione; è pensata per valorizzare e preservare il ricco patrimonio di sapori e saperi che rispecchiano la tradizione e l’ambiente da cui provengono.
Parchi da Gustare è stata avviata nel 2015 attraverso una ricognizione e un censimento dei prodotti tipici dei parchi piemontesi, accompagnato dall’indicazione dei produttori presso i quali poterli acquistare e dei ristoratori dove si possono gustare.

L’appuntamento è per mercoledì 19 dicembre 2018 alle ore 9.30 presso la sede operativa dell’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino (viale Lungo Po Gramsci 10 – Casale Monferrato). Continua a leggere “Parchi da Gustare – incontro con ristoratori e produttori a Casale Monferrato il 19 dicembre 2018.”

La Zona di Protezione Speciale (ZPS) “Risaie Vercellesi”, paradiso di uccelli e acque. Livorno Ferraris, 13 dicembre 2018

La Zona di Protezione Speciale (ZPS) “Risaie Vercellesi”, paradiso di uccelli e acque. Livorno Ferraris, 13 dicembre 2018

La ZPS IT1120021 “Risaie vercellesi” gestita dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino, è una porzione della pianura risicola di grande importanza a livello nazionale ed europeo per l’elevata presenza di avifauna.

la zona 13_dicembre_blog

L’area è oggetto di studio nell’ambito del Progetto Life NETproNET, coordinato dalla Lipu (Lega Italiana Protezione Uccelli), pensato per creare una rete di volontari in grado di contribuire, con azioni concrete, alla gestione dei siti della Rete Natura 2000, luoghi di natura tra i più preziosi del nostro Paese.

Si tratta di un nuovo modello di azione condivisa e partecipata, fondata sui Gruppi Locali di Conservazione (GLC) composti da soggetti volontari impegnati nel monitoraggio e nella sorveglianza di un selezionato numero di siti appartenenti alla Rete Natura 2000, in stretta collaborazione con gli Enti di gestione.

I volontari adeguatamente formati (studenti universitari delle facoltà ambientali delle Università prossime ai Siti selezionati, residenti e birdwatchers), sono impegnati anche in attività di sensibilizzazione della cittadinanza: un altro obiettivo del progetto, infatti, è di far conoscere alle comunità locali l’importanza della Rete Natura 2000. Continua a leggere “La Zona di Protezione Speciale (ZPS) “Risaie Vercellesi”, paradiso di uccelli e acque. Livorno Ferraris, 13 dicembre 2018”

I consigli del veterinario per i nostri animali

di Pier Carlo Lava. Alessandria

Ambulatorio Veterinario Associato”Ghido” Dott. Roberto Martinengo – Dott. Antonino Distefano, Via Don Giovine 26, Alessandria – tel. 0131 260115, li abbiano incontrati per un intervista, queste le loro risposte alle nostre domande:

Il vostro studio veterinario, oltre ai piccoli animali, si occupa anche di cavalli, ecc.?

No nel nostro ambulatorio ci occupiamo di cani, gatti ed animali non convenzionali

A chi è indeciso se prendere un cane o un gatto che cosa consigliate? 

Dipende da molti fattori, quali l’ambiente in cui l’animale andrà a vivere, la presenza di bambini e/o persone anziane, il tempo che i proprietari potranno dedicare al nuovo componente della famiglia, ecc. Generalizzando si può affermare che il gatto è un animale più autonomo e richiede meno impegno da parte del proprietario nella gestione quotidiana, soprattutto se vive in appartamento.

Consigliate di adottarlo o comprarlo in allevamento?

Se non si desidera una razza specifica, l’adozione di un cane o di gatto oltre ad avere una valenza etica può riservare  soddisfazioni inaspettate nel successivo rapporto con l’animale,  valutando ovviamente a priori le caratteristiche dell’animale che si va ad adottare e l’habitat in cui lo si andrà ad inserire. Se comunque si acquista o si adotta un cucciolo o un gattino è importante che ciò non avvenga prima dei due mesi di età, poiché prima di tale periodo non sono completamente autonomi e non hanno ancora completato quella fase di socializzazione che portano a termine restando in compagnia della madre e degli eventuali fratelli. Naturalmente questo è possibile quando non si siano verificati eventi quali la morte della madre durante o subito dopo il parto, rifiuto della prole da parte della stessa, abbandono perinatale, etc. Continua a leggere “I consigli del veterinario per i nostri animali”

I canti degli uccelli sul finire della notte, di Pier Carlo Lava

I canti degli uccelli sul finire della notte, di Pier Carlo Lava

Da sempre il canto degli uccelli è stato oggetto di interesse per poeti, letterati e musicisti.

“In realtà gli uccelli non cantano quasi mai per il piacere di cantare, ma per comunicare segnali che hanno precisi riferimenti comportamentali” (E. Neill). Ciò consente una comunicazione diretta tra individui della stessa specie; i suoni emessi da un usignolo, pur essendo percepiti dalle altre specie, hanno significato soltanto per un altro usignolo. Il canto degli uccelli va in realtà considerato come un linguaggio non articolato ma rispondente a situazioni che si verificano nella propria sfera biotica che ne rendono possibile la decodificazione. Tali situazioni riguardano stati di pericolo, disagio, aggressività, richiesta di cibo, corteggiamento ecc. e possono essere paragonate a quelle che provocano il pianto del bambino”. da Escursionista

video:

https://youtu.be/reXWP8-pokc

Uccelli, Canto, Notte, Città, Alessandria,

I canti degli uccelli sul finire della notte, di Pier Carlo Lava

I canti degli uccelli sul finire della notte, di Pier Carlo Lava

video di Pier Carlo Lava
Da sempre il canto degli uccelli è stato oggetto di interesse per poeti, letterati e musicisti.
“In realtà gli uccelli non cantano quasi mai per il piacere di cantare, ma per comunicare segnali che hanno precisi riferimenti comportamentali” (E. Neill). Ciò consente una comunicazione diretta tra individui della stessa specie; i suoni emessi da un usignolo, pur essendo percepiti dalle altre specie, hanno significato soltanto per un altro usignolo. Il canto degli uccelli va in realtà considerato come un linguaggio non articolato ma rispondente a situazioni che si verificano nella propria sfera biotica che ne rendono possibile la decodificazione. Tali situazioni riguardano stati di pericolo, disagio, aggressività, richiesta di cibo, corteggiamento ecc. e possono essere paragonate a quelle che provocano il pianto del bambino”. da Escursionista
video:
https://youtu.be/reXWP8-pokc