EMERGENZA INDONESIA

EMERGENZA INDONESIA

Prova a guardare il video su www.youtube.com oppure attiva JavaScript se è disabilitato nel browser.

Le immagini arrivate da Sulawesi, in Indonesia, continuano ad essere profondamente preoccupanti. L’isola è stata devastata da un terremoto di magnitudo 7.4 ed immediatamente dopo da uno tsunami, causando la morte di quasi 2.000 persone. Interi paesi sono stati spazzati via, le strade sono distrutte ed 80.000 sono le persone rimaste senza la propria casa. Venerdì 19 ottobre sono arrivate a Balikpapan le prime 435 tende inviate da UNHCR che restituiranno un alloggio a 6.500 persone particolarmente vulnerabili.

emergenza Indonesia

I nostri operatori hanno raggiunto la città di Palu, nella zona più colpita dal terremoto e dallo tsunami, per coordinare con il governo indonesiano e i partner locali lo sviluppo delle attività. I primi commenti arrivati dagli operatori parlano di una situazione di devastazione “oltre ogni immaginazione”, interi villaggi sono stati decimati. In alcune zone la comunità locale ha visto case, scuole, ospedali ridotti in macerie. In altre zone, come quelle di Petobo e Balaroa, li ha visti sprofondare nel fango. La popolazione è profondamente scossa ma continua, nonostante tutto, a dimostrare infinito coraggio e resilienza. Nei prossimi giorni partiranno successive spedizioni con altre tende (in totale 1.305), materassini, zanzariere e lampade solari per continuare ad assistere la popolazione indonesiana. Continua a leggere “EMERGENZA INDONESIA”

UNHCR: Calo degli arrivi e aumento dei tassi di mortalità nel mar Mediterraneo: l’UNHCR chiede un rafforzamento delle operazioni di ricerca e soccorso

UNHCR: Calo degli arrivi e aumento dei tassi di mortalità nel mar Mediterraneo: l’UNHCR chiede un rafforzamento delle operazioni di ricerca e soccorso

RF288137

06 luglio 2018 alle 3:57

Nei primi sei mesi del 2018, sono stati 45.700 i richiedenti asilo e i migranti che hanno raggiunto le coste europee dopo aver attraversato il mar Mediterraneo, un netto calo rispetto agli anni precedenti. Se paragonato al picco degli arrivi nella prima metà del 2016, il numero è cinque volte inferiore e rappresenta un ritorno alle medie prima del 2014.

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) esprime preoccupazione per il fatto che, nonostante il calo registrato, uomini, donne e bambini continuino a perdere la vita durante le traversate in mare, ed in numeri proporzionalmente maggiori. Il numero di persone morte o disperse in mare nel 2018 ha superato le 1.000 persone, un tragico traguardo raggiunto per il quinto anno consecutivo, nonostante il calo nel numero di persone che cerca di arrivare in Europa. Nel solo mese di giugno una persona su sette ha perso la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale, rispetto a una su 19 nella prima metà dell’anno e una su 38 nella prima metà del 2017. Continua a leggere “UNHCR: Calo degli arrivi e aumento dei tassi di mortalità nel mar Mediterraneo: l’UNHCR chiede un rafforzamento delle operazioni di ricerca e soccorso”