UPO. “RESTORE” E “PREMUROSA”: SONO PARTITI ALL’UPO I PROGETTI INTERNAZIONALI SULLA RIGENERAZIONE DEI TESSUTI MUSCOLO SCHELETRICI

“RESTORE” E “PREMUROSA”: SONO PARTITI ALL’UPO I PROGETTI INTERNAZIONALI SULLA RIGENERAZIONE DEI TESSUTI MUSCOLO SCHELETRICI

Entrambi finanziati dalla Commissione Europea e coordinati da Lia Rimondini puntano a rivoluzionare la terapia delle malattie osteoarticolari che, solo in Europa, colpiscono più di 15 milioni di persone

UPO.png

Due importanti progetti di ricerca per lo sviluppo di tecnologie per la rigenerazione dei tessuti muscolo scheletrici, e in particolare dei tessuti articolari, hanno preso il via presso il Dipartimento di Scienze della Salute (DSS) dell’Università del Piemonte Orientale. Si chiamano RESTORE e PREMUROSA e sono entrambi coordinati per l’UPO dalla professoressa Lia Rimondini, ordinario di Malattie odontostomatologiche presso il DSS a Novara.

Il progetto RESTORE mira a creare matrici 3D che incorporano nanomateriali intelligenti per riparare le lesioni della cartilagine del ginocchio, riducendo o ritardando l’insorgenza dell’osteoartrite, che attualmente colpisce 242 milioni di persone in tutto il mondo. Queste matrici sono progettate e realizzate per essere impiantate e riempire il sito del danno rispondendo alle forze meccaniche congiunte del ginocchio. Inoltre, contengono nanoparticelle intelligenti con proprietà rigenerative, antinfiammatorie e antimicrobiche. Le nanoparticelle con proprietà rigenerative possono, se necessario, essere attivate a distanza con metodi non invasivi. Per questo il team del progetto – che per l’UPO verrà sviluppato presso il Centro Interdipartimentale di Ricerca Traslazionale sulle Malattie Autoimmuni e Allergiche (CAAD) – svilupperà una ginocchiera dotata di sensori in grado di attivare le nanoparticelle presenti nella matrice impiantata. Continua a leggere “UPO. “RESTORE” E “PREMUROSA”: SONO PARTITI ALL’UPO I PROGETTI INTERNAZIONALI SULLA RIGENERAZIONE DEI TESSUTI MUSCOLO SCHELETRICI”

Il terzo World Congress on Cancer si terrà a Praga dal 23 al 25 settembre

Il terzo World Congress on Cancer si terrà a Praga dal 23 al 25 settembre

UPO: Il professor Ciro Isidoro coordinerà il Comitato scientifico organizzatore del simposio internazionale

cancer_congress.jpg

Si svolgerà a Praga dal 23 al 25 settembre 2019 il terzo Congresso internazionale sul Cancro, che segue l’edizione svoltasi nel 2018 a Bologna. Il tema del congresso 2019 sarà “New strategies to prevent, diagnose and treat Cancer based on Precision Medicine” e Il professor Ciro Isidoro, docente di Patologia generale presso il Dipartimento di Scienze della salute dell’UPO, coordinerà il Comitato scientifico organizzatore del simposio internazionale.

Tra i relatori di fama internazionale che vi saranno impegnati è opportuno sottolineare la presenza del dottor Thomas Seyfried(autore del libro “Cancer as a Metabolic Disease”) che terrà la Honorary Lecture.

La conferenza si concentrerà sui meccanismi biomolecolari dello sviluppo del cancro, sulle alterazioni metaboliche del paziente oncologico e sugli approcci diagnostici e terapeutici. Gli argomenti principali includono: Meccanismi patogenetici (oncogeni, oncogeni, oncosoppressori, riparazione del DNA, cellule staminali tumorali, epigenetica, infiammazione, risposte immunitarie); metabolismo (nutrizione, digiuno, obesità) e cancro; nuove strategie di prevenzione, diagnosi e terapia (imaging, fitochimici, nanoterapici, nanotanostici). Continua a leggere “Il terzo World Congress on Cancer si terrà a Praga dal 23 al 25 settembre”

A Verbania la Scuola estiva in “Project management nella valorizzazione delle risorse culturali ed enogastronomiche locali”

A Verbania la Scuola estiva in “Project management nella valorizzazione delle risorse culturali ed enogastronomiche locali”

UPO: Dal 2 al 6 settembre nella prestigiosa cornice di Villa San Remigio

manifesto_definitivo_se_2019web.jpg

Nel mese di settembre il Comune di Verbania ospiterà il progetto formativo che, avviato nel 2011 dall’Università del Piemonte Orientale, si concentrerà per l’edizione 2019 su “Turismo e territorio: esperienze a confronto”.

Considerato il successo degli scorsi anni e la convenzione avviata dall’Università stessa con quella di Milano e della Tuscia per l’ambizioso progetto Italian Mountain Lab – Ricerca e Innovazione per l’ambiente e i territori di Montagna – la Scuola estiva in “Project management nella valorizzazione delle risorse culturali ed enogastronomiche locali” si svolgerà dal 2 al 6 settembre 2019 nel Verbano Cusio Ossola e più precisamente a Verbania, nella prestigiosa cornice di Villa San Remigio.

programma_scuola_estiva_2019.jpg

Il progetto, finanziato dalla Fondazione CRT, affronterà il tema della valorizzazione delle risorse culturali, materiali e immateriali, e di quelle eno-gastronomiche, ritenute sempre di più una risorsa indispensabile per lo sviluppo degli orizzonti culturali, turistici e gastronomici della post-modernità. Nello specifico, grazie alla collaborazione con l’Associazione Ars.Uni.VCO, l’edizione 2019 della Scuola estiva sarà l’occasione per condividere riflessioni ed esperienze sul rapporto tra turismo e territorio in un approccio multidisciplinare, arricchito da visite didattiche guidate sul territorio del VCO. Continua a leggere “A Verbania la Scuola estiva in “Project management nella valorizzazione delle risorse culturali ed enogastronomiche locali””

Il progetto “Comuniterrae” si è aggiudicato il Premio Europa Nostra 2019

Il progetto “Comuniterrae” si è aggiudicato il Premio Europa Nostra 2019

UPO: Il progetto, coordinato da Stefania Cerutti, sarà premiato a Parigi il prossimo 29 ottobre

Comuniterrae” – progetto culturale di Ars.Uni.Vco e del Parco Nazionale Val Grande – è tra i vincitori del Premio Europa Nostra 2019.

logo

Si tratta del più prestigioso riconoscimento a livello europeo, annunciato dalla Commissione Europea e da “Europa Nostra”, la principale rete europea per il patrimonio culturale. I 25 vincitori, provenienti da 16 paesi, sono stati selezionati per gli eccellenti risultati che hanno ottenuto nel campo della conservazione, della ricerca, della dedizione (contributi esemplari), dell’educazione, formazione e sensibilizzazione.

Tra i vincitori dell’anno 2019 nella categoria Educazione, Formazione e Sensibilizzazione figura appunto “Comuniterrae” con le sue Mappe di Comunità dei 10 paesi delle “Terre di Mezzo” (nella provincia del Verbano Cusio Ossola). Responsabile scientifico del progetto è Stefania Cerutti, docente di Geografia economico-politica presso il DISEI e presidente di Ars.Uni.Vco, che parteciperà alla cerimonia di ritiro del premio tenendo un discorso di presentazione dell’iniziativa e di ringraziamento, a nome dell’intero territorio coinvolto, dei suoi abitanti, di tutti gli enti e le persone che si sono spesi affinché fosse possibile raggiungere questo importante traguardo. Continua a leggere “Il progetto “Comuniterrae” si è aggiudicato il Premio Europa Nostra 2019″

In Piemonte quasi 1 milione di Euro da Fondazione Telethon alla ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare

In Piemonte quasi 1 milione di Euro da Fondazione Telethon alla ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare

UPO: La Commissione medico-scientifica di Fondazione Telethon ha selezionato i vincitori del bando progetti 2019: finanziati complessivamente 35 progetti di ricerca su 34 malattie genetiche.

logo

Milano, 15 luglio 2019 – Sono stati selezionati i vincitori del bando di concorso 2019 promosso dalla Fondazione Telethon per la ricerca sulle malattie genetiche rare. In Piemonte sono stati finanziati cinque progetti di ricerca che hanno ottenuto fondi per un totale di oltre 960mila euro.

I gruppi di ricerca che hanno ottenuto fondi, dopo un’attenta selezione della Commissione medico-scientifica composta da 30 scienziati di statura internazionale provenienti da diversi Paesi del mondo per garantire l’oggettività della scelta, sono quelli diAntonia Follenzi ed Armando Genazzani dell’Università del Piemonte Orientale “A. Avogadro” di Novara, oltre a quelli diMaurizio Giustetto, Salvatore Oliviero e Marina Boido dell’Università di Torino.

Antonia Follenzi del Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università del Piemonte Orientale coordinerà un progetto, a cui prenderà parte anche il gruppo di Salvatore Oliviero del Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia del Sistema dell’Università di Torino, dedicato all’emofilia A, malattia genetica dovuta a un difetto in uno dei fattori coinvolti nel processo della coagulazione del sangue e che si traduce nella tendenza a sviluppare emorragie, sia esterne che interne. Il progetto ha due scopi principali: da una parte capire il ruolo delle mutazioni del fattore VIII nella fragilità dei vasi sanguigni riscontrata negli emofiliaci, dall’altra mettere a punto in modelli animali un approccio di terapia genica con vettori lentivirali. Continua a leggere “In Piemonte quasi 1 milione di Euro da Fondazione Telethon alla ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare”

Food, Health and Longevity: bando UPO, di Lia Tommi

AL VIA IL DOTTORATO DI RICERCA IN “FOOD, HEALTH AND LONGEVITY”
Il corso è stato accreditato dal MIUR come Dottorato Internazionale e Interdisciplinare.

È stato pubblicato il 4 luglio 2019 il bando per il nuovo Dottorato di Ricerca in “Food, Health and Longevity” dell’Università del Piemonte Orientale, accreditato dal MIUR come Dottorato Internazionale e Interdisciplinare.
Il corso, che rientra nel XXXV ciclo di dottorati di ricerca, afferisce ai due Dipartimenti di eccellenza dell’Università del Piemonte Orientale, quelli di Medicina traslazionale e di Scienze della salute. Quello appena varato, infatti, sarà un corso interdisciplinare per formare competenze nelle tematiche “Food” e “Longevity” e colloquiare con più discipline in modo strategico.
Il Dottorato sarà caratterizzato da due curricula, “Food, microbiota, and disease” e “Physiopathology of aging”, integrando così il ruolo del cibo e del microbiota nella prevenzione delle patologie per il miglioramento della qualità di vita e la promozione della longevità. Continua a leggere “Food, Health and Longevity: bando UPO, di Lia Tommi”

Alluvione 1994: il punto sulla situazione in Piemonte a 25 anni dalla tragedia

Alluvione 1994: il punto sulla situazione in Piemonte a 25 anni dalla tragedia

Il 6 novembre il DISIT di Alessandria ospita il convegno che ripercorre quanto fatto e quanto ancora bisogna migliorare per evitare nuove catastrofi di carattere alluvionale

alluvione.jpg

Tra il 5 e il 6 novembre 1994 il Piemonte fu colpito da eventi alluvionali che causarono l’esondazione del Po, del Tanaro e di svariati loro affluenti, causando 70 vittime e lo sfollamento di oltre 2.000 persone. A 25 anni da quell’evento il Dipartimento di Scienze e innovazione tecnologica dell’Università del Piemonte Orientale, in collaborazione con AISAM (Associazione Italiana di Scienze dell’Atmosfera e della Meteorologia), organizza un convegno per definire i progressi fatti nel corso degli anni nella previsione degli eventi estremi e quanto ancora si debba fare per riuscire a prevenire e scongiurare eventi catastrofici come quello del 1994.

Il coordinamento scientifico del convegno sarà curato dal professor Enrico Ferrero, docente di Fisica del Sistema Terra e del mezzo circumterrestre presso il DISIT. L’evento è supportato da Progetto RISK-GEST – PITEM RISK, Interreg 2014-2020 Alcotra IT-FR, da Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e da AMAG Spa, mentre hanno concesso il loro patrocinio Comune di Alessandria, Provincia di Alessandria, Regione Piemonte, ARPA Piemonte, Protezione Civile, Autorità di bacino del Po, Aeronautica Militare, Prefettura di Alessandria, Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria, Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (CNR-ISAC) e Fondazione CIMA. Continua a leggere “Alluvione 1994: il punto sulla situazione in Piemonte a 25 anni dalla tragedia”

Fusione di Orizzonti vince il premio “Miglior programma 2018” delle radio universitarie, di Lia Tommi

Fusione di Orizzonti vince il premio “Miglior programma 2018” delle radio universitarie

Lo staff di Radio 6023 ha partecipato alla XIII edizione del Festival delle Radio Universitarie (FRU), dal 6 all’ 8 giugno, ospiti di Roma Tre Radio e dell’Università Roma Tre. Sono stati tre giorni intensi, pieni di incontri, conferenze, workshop, dirette condivise, musica e divertimento.
Tra le numerose attività che RadUni, l’Associazione degli operatori radiofonici universitari, organizza durante il Festival, si è tenuta la premiazione del miglior programma della radiofonia universitaria per la stagione 2017/2018.

“Per il pregio di affrontare ed esplorare tematiche estremamente complesse con ricadute sulla nostra vita quotidiana, ma anche per la cura, la capacità di coinvolgere e l’azzardo, vince Fusione di Orizzonti!”

Radio 6023 si è aggiudicata la vittoria con il format Fusione di Orizzonti, realizzato da Davide “Boris” Farinetti e Amanda Luisa Guida, che, emozionati, hanno ritirato il premio dal Presidente di RadUni, Martina Esposito, durante la serata finale del FRU, sabato 8 giugno.

Tutto lo staff di Radio 6023 ci tiene a ringraziare RadUni, la giuria che ha valutato i programmi e soprattutto tutti i docenti dell’Università del Piemonte Orientale e gli ospiti che hanno partecipato alla realizzazione di Fusione di Orizzonti.

Potete riascoltare tutte le puntate di Fusione di Orizzonti (prima e seconda stagione) sul profilo Mixcloud!

L’UPO ACCANTO ALLE IMPRESE DI FRONTE AL “NUOVO CODICE DELLA CRISI”

L’UPO ACCANTO ALLE IMPRESE DI FRONTE AL “NUOVO CODICE DELLA CRISI”

Il prossimo 21 giugno il DIGSPES ospita il convegno “Prevenire i problemi cogliendo le opportunità”.

url

Prevenire e cogliere l’opportunità di gestire tempestivamente gli indizi della crisi nell’ottica della conservazione dell’imprenditorialità. Questa è forse la finalità principale che il legislatore intende perseguire con la recentissima riforma che introduce nel nostro ordinamento il Nuovo Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza.

Sono questi i temi al centro del convegno che si terrà ad Alessandria, il prossimo venerdì 21 giugno, ore 14.30, presso l’aula 209 di Palazzo Borsalino, sede del Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze politiche, economiche e sociali dell’Università del Piemonte Orientale, organizzato dall’Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Asti, Alessandria e Casale Monferrato, in occasione del decennale dalla sua costituzione, in collaborazione con “Connessione Giovani. Competenze in rete”, il tavolo interassociativo e interprofessionale al quale partecipano gli Ordini Professionali, le Associazioni datoriali della Provincia di Alessandria e il DIGSPES. Continua a leggere “L’UPO ACCANTO ALLE IMPRESE DI FRONTE AL “NUOVO CODICE DELLA CRISI””

RECORD DI ISCRITTI PER IL SESTO GRADUATION DAY UPO

RECORD DI ISCRITTI PER IL SESTO GRADUATION DAY UPO

Sono già oltre 1.200 i laureati che hanno confermato la propria partecipazione all’evento.

Esordio per il rettore Gian Carlo Avanzi. Il discorso ai laureati sarà tenuto da Anna Ida Russo.

UPO

1.204 laureati dell’Università del Piemonte Orientale hanno confermato la propria partecipazione al sesto Graduation Day che si terrà domani, 8 giugno, a Novara. L’organizzazione dell’evento è giunta ai dettagli conclusivi e l’elevato numero di conferme, il 20% in più rispetto alla precedente edizione, farà segnare il record di presenze con un corteo che, sommando i laureati e i loro accompagnatori, i docenti UPO, il coro e l’orchestra e lo staff amministrativo che cura la manifestazione, supererà quota 4.500 persone.

Il ritrovo dei laureati triennali e magistrali è previsto tra le 9.15 e le 10.00 presso il Complesso Universitario “Perrone” (Via Ettore Perrone, 18) per sbrigare le formalità burocratiche relative alla pergamena di laurea e per ricevere il “tocco”, il caratteristico cappellino simbolo della conclusione del percorso accademico. Alle 10.15 si formerà il corteo che, dalle 10.30 sfilerà lungo le vie del centro cittadino (dal Campus Perrone lungo via Passalacqua, via Perrone, corso Mazzini, via Fratelli Rosselli fino a “invadere” piazza Martiri) accompagnato dalla Banda dell’Università del Piemonte Orientale. Continua a leggere “RECORD DI ISCRITTI PER IL SESTO GRADUATION DAY UPO”

A BELLINZAGO LA SIMULAZIONE DI MAXI EMERGENZA DEL CRIMEDIM

A BELLINZAGO LA SIMULAZIONE DI MAXI EMERGENZA DEL CRIMEDIM

PRESENTI OSSERVATORI DELLA COMMISSIONE EUROPEA.

In collaborazione con l’Esercito Italiano l’evento simulato coinvolgerà 600 persone. Inaugurazione alle ore 18, inizio delle operazioni di emergenza alle ore 19.30

EMDM_29maggio2019_B.png

Mercoledì 29 maggio entrerà nel vivo uno dei momenti più significativi dell’edizione 2019, la diciassettesima, dell’EMDM, il Master europeo in medicina dei disastri organizzato dal CRIMEDIM dell’Università del Piemonte Orientale in collaborazione con il REGEDIM, centro di ricerca della Libera Università di Bruxelles. Alle ore 19.30, infatti, scatterà la simulazione di maxi-emergenze che, come nel 2018, si terrà a Bellinzago Novarese nell’area adiacente al campo sportivo in Via Cameri. Dalle ore 17.45 sarà possibile accedere all’area mentre alle ore 18.00 è prevista l’inaugurazione ufficiale dell’evento alla presenza delle autorità civili e militari. Continua a leggere “A BELLINZAGO LA SIMULAZIONE DI MAXI EMERGENZA DEL CRIMEDIM”

EMDM 2019 – L’esercitazione di maxi-emergenza in cifre

EMDM 2019 – L’esercitazione di maxi-emergenza in cifre

150 comparse (Studenti di medicina e professioni sanitarie addestrati al ruolo di vittime)

100 militari impiegati a vario titolo nell’allestimento, mantenimento e rimozione della struttura

logo_universitacc80_del_piemonte_orientale.png

20 truccatori

5-10 giornalisti per la gestione dei media

35 studenti provenienti da tutto il mondo dello European Master in Disaster Medicine

4 Istituzioni partecipanti: CRIMEDIM, SIMNOVA, Reggimento Gestione Aree di Transito-RSOM, 3° Reparto di Sanità “Milano”

12 Associazioni di volontariato: CRI Novara, Arona, Oleggio, Trecate, Galliate, Borgomanero, Vercelli, Pavia, Croce di Sant’Andrea, Coordinamento di Protezione Civile di Novara, Croce Bianca di Milano, As.Co.S. Continua a leggere “EMDM 2019 – L’esercitazione di maxi-emergenza in cifre”

UPO“PREMUROSA”: L’UPO COORDINERÀ UN CONSORZIO INTERNAZIONALE NELL’AMBITO DEL PROGRAMMA MARIE SKŁODOWSKA-CURIE

UPO“PREMUROSA”: L’UPO COORDINERÀ UN CONSORZIO INTERNAZIONALE NELL’AMBITO DEL PROGRAMMA MARIE SKŁODOWSKA-CURIE

Undici università con la collaborazione di 7 aziende leader nel settore formeranno una nuova generazione di scienziati specializzati nel campo dell’ingegneria tissutale personalizzata.

Premurosa

La possibilità di ottimizzare le terapie per pazienti affetti da patologie dell’apparato muscolo-scheletrico passa attraverso la sinergia tra tecnologie innovative e modelli predittivi in grado di “suggerire” la strategia migliore in base alle esigenze del singolo individuo. In una sola parola, medicina personalizzata.

A differenza di quanto accade in alcuni ambiti come l’Oncologia, nei quali la terapia viene costantemente monitorata e modificata in base alla risposta del paziente, in Ortopedia ancora oggi si tende ad applicare i medesimi trattamenti a tutti i pazienti affetti da una medesima patologia. L’efficacia del trattamento è perciò fortemente influenzata dalle caratteristiche del paziente stesso – come età, peso, etc – piuttosto che dall’efficacia della tecnologia stessa. Continua a leggere “UPO“PREMUROSA”: L’UPO COORDINERÀ UN CONSORZIO INTERNAZIONALE NELL’AMBITO DEL PROGRAMMA MARIE SKŁODOWSKA-CURIE”

IL PROGETTO LEUCITI E LE INNOVATIVE TERAPIE ANTI LEUCEMIA

IL PROGETTO LEUCITI E LE INNOVATIVE TERAPIE ANTI LEUCEMIA

Giovedì 30 maggio il professor Luigi Panza interviene alla Fondazione Novara Sviluppo per la rassegna “La ricerca per la salute”.

Progetto leucitiPanza LuigiProgetto leuciti locandina RS 2019-1

UPO: Giovedì 30 maggio 2019, presso la Fondazione Novara Sviluppo, in Sala Pagani, a Novara (Via Bovio, 6 ore 18.00), in collaborazione con l’Università del Piemonte Orientale, il professor Luigi Panza terrà una conferenza dal titolo “Leucemia infantile: una sfida transfrontaliera”. L’incontro è promosso da Fondazione Novara Sviluppo e UPO nell’ambito della rassegna “La ricerca per la salute”, iniziata lo scorso 9 maggio e in programma ogni giovedì fino al 6 giugno prossimo.

La conferenza del professor Panza — professore di Chimica organica presso il Dipartimento di Scienze del farmaco e direttore della Scuola di Alta Formazione UPO — introdurrà al pubblico la patologia, lo stato dell’arte sulla terapia e le attività di ricerca su nuovi approcci terapeutici in corso di svolgimento nell’ambito del progetto LEUCITI, finanziato dal programma di cooperazione Interreg V-A Italia Svizzera. Continua a leggere “IL PROGETTO LEUCITI E LE INNOVATIVE TERAPIE ANTI LEUCEMIA”

UPO: GLI STUDENTI DELL’ISTITUTO “MARCONO” DI TORTONA IN VISITA AL DIGSPES

UPO: GLI STUDENTI DELL’ISTITUTO “MARCONO” DI TORTONA IN VISITA AL DIGSPES

url

Il 28 maggio a Palazzo Borsalino conosceranno il Dipartimento e ascolteranno una lezione del professor Enrico Ercole su conservazione e valorizzazione dei beni culturali.

Martedì 28 maggio un gruppo di studenti dell’Istituto Statale d’Istruzione Superiore” Marconi” di Tortona farà visita a Palazzo Borsalino, sede del Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze politiche, economiche e sociali dell’UPO.

La visita inizierà alle ore 9,00 in Aula 104 con il benvenuto del direttore del DIGSPES, professor Salvatore Rizzello. La mattina continuerà con una lezione del professor Enrico Ercole, docente di Sociologia del territorio, sul tema: “I beni culturali: conservazione, protezione, accesso, valorizzazione”. Successivamente gli studenti saranno informati dell’offerta didattica universitaria in Alessandria e visiteranno la Biblioteca, l’Aula informatica e l’Aula Magna di Palazzo Borsalino.

Il gruppo di una quindicina di studenti sarà accompagnato da due docenti e da Rocco Diana, Presidente dell’Associazione “Società Italiana per la Protezione dei Beni Culturali (SIPBC) Onlus” che collabora con l’Istituto “Marconi” nell’iniziativa di alternanza scuola-lavoro al cui interno è compresa la visita a Palazzo Borsalino. Continua a leggere “UPO: GLI STUDENTI DELL’ISTITUTO “MARCONO” DI TORTONA IN VISITA AL DIGSPES”