‘A RIMA, di Silvia De Angelis

a rima1

Mo che ‘sta luna sorniona

sembra ammiccà e famme l’occhietto

me sento ‘nfriccigo drento

che quasi me n’voia a buttà giù

quarche verso

A di la verità mo nun ciò

propio l’umore giusto perché er creato

fa sempre de tutto pe’ levatte er respiro

e corpitte ‘nfino ‘nfonno, così nun t’aripii più

Ma io so’ tosta e sai che te dico?

Vojo ‘nnà avanti a testa arta

e puro ‘nventamme quarche rima malandrina

che me fa soride e me fa riscoprì

er lato bello d ‘a vita

LA RIMA (Traduzione)

Ora che questa luna ambigua

sembra ammiccare e farmi l’occhiolino

mi sento un’emozione dentro

che quasi mi invoglia a scrivere

qualche verso

A dire la verità ora non ho

proprio l’umore giusto perché il creato

fa sempre di tutto per toglierti il respiro

e colpirti fino in fondo così non ti riprendi più

Ma io sono dura e sai cosa ti dico?

Voglio andare avanti a testa alta

ed anche inventare qualche rima  maliziosa

che mi fa sorridere e riscoprire

il lato bello della vita

@Silvia De Angelis

ER ROSPO SFIGATO, di Silvia De Angelis

rospo5

Ce sta ‘n’rospo drento ‘n’acquitrino zozzo e mermoso

che je piace de sguazzacce drento

ner crepuscolo quanno er zole sta pe’ sparì der tutto.

E nun je pare vero d’adocchià ‘n’verme conzistente

che je fa’ solleticà er gargarozzo.

Allora s’apposta quatto quatto

e co’ ‘no scatto d ‘a mandibbola

tira fora ‘a lingua biforcuta

pe’ ‘n’ghiottì ‘sta preda golosa

e ‘nvece de godè da matti

‘sto verme maledetto je se mette

de traverzo e je fa rimpiagne

d’avè fatto queo scatto che nun je servito a gnente

TRADUZIONE

IL ROSPO SFORTUNATO

C’è un rospo dentro un acquitrino opaco e melmoso

a cui piace sguazzarvi dentro

al crepuscolo quando il sole sta per scomparire completamente.

E non gli sembra vero di adocchiare un verme consistente

che gli fa solleticare il gargarozzo.

Allora s’apposta silenzioso

e con uno scatto della mandibola

tira fuori la lingua biforcuta

per inghiottire questa preda golosa

e invece di godere tanto

il verme maledetto  gli si mette

di traverso e gli fa rimpiangere

di aver fatto quello scatto che non è servito a niente

@Silvia De Angelis

LE PAROLACCE, di Silvia De Angelis

parolacce-onestà

Spesso negli elaborati e nelle poesie in vernacolo troviamo delle espressioni scurrili, anzi vere e proprie parolacce, che potrebbero apparire offensive, derivanti dall’avita tradizionalità linguistica della  Roma dei Papi, in cui la popolazione più semplice si esprimeva in un linguaggio italiano assai pesante.

Essi trascuravano di usare  attributi sinonimi e alternative concettuali, manifestando una semplicità espressiva di utilizzo verbale che è tipica del bagaglio culturale della popolazione della strada.

Spontaneità assoluta e totale mancanza di inibizioni affidano all’espressione una particolare ricchezza, marcando la sonorità della parola e, imprimendo alla stessa, un contesto più simbolico.

Pertanto nel dialetto romanesco la parolaccia, generalmente, non si riferisce al suo significato letterale, ma assume un senso di praticità, accettato.

Così è normale che una madre che chiami il figlio : ” a fijo de ‘na mignotta”, senza sentirsi minimamente coinvolta in prima persona, affidi all’insulto un semplice rafforzativo del richiamo.

chierichetto

ER CHIERICHETTO

Quanno ariveno ‘e feste commandate er paroco

de ‘sta diocesi fra ‘na parabbola e ‘na predica

fa venì er latte a ‘e ginocchia a tutti li fedeli

che se nun s’addormeneteno, poco ciamanca

Er chierichetto stufo pure lui de sta a sentì

tutti ‘sti sermoni der prete linguacciuto decide

de faje ‘no scherzetto. ‘N ber giorno de niscosto

fa ‘a pipi ner calice santo ar posto der vino

Er sacerdote, ‘gnaro, se fa sta bevuta e dopo

avè ‘nghiottito quer netare d’obbrobbrio nun

je vengheno più ‘e parole. Zagaja a mezza bocca

e ‘ntontito nun riesce a capì che s’è mannato giù

Nun je rimane che dà congedà ‘a gente che

de corsa s’è ammucchiata de fora dar sagrato

Prendeno ‘ngiro quer prete che tartaja felici de

essese resparambiati ‘sta gran rottura de cojoni

IL CHIERICHETTO (Traduzione)

Quando arrivano le feste comandate il parroco

di questa diocesi fra una parabola e una predica

fa annoiare tutti i fedeli

che se non si addormentano, poco vi manca

Il chierichetto stanco anche lui di ascoltare

tutti i sermoni del prete logorroico decide

di fargli uno scherzo. Un bel giorno di nascosto

fa la pipì nel calice santo al posto del vino

Il sacerdote, ignaro, beve e dopo

aver inghiottito quel nettare cattivo non

riesce più a parlare. Tartaglia  malamente

e intontito non riesce a comprendere cosa ha inghiottito

Non gli rimane che congedare i fedeli che

Veloci si sono ammucchiati fuori del sagrato

Prendono in giro quel prete che tartaglia felici

di essersi risparmiati quella noiosa predica

@Silvia De Angelis

NEI FORI DE ROMA, di Silvia De Angelis

foro romano

Quer capitello mozzo

de Roma vecchia

‘ndo s’embizzarì

er cervello d’Augusto

è ‘ncora degno

d’en gran rispetto

fra ‘n portico e ‘na piazza

Tra resti scompenzati de circhi

e templi de  divinità

se tramanneno

avanzi de storia

e gesta ‘ndimenticabbili

de Cesare ne ‘e conquiste

de tere lontane

mete che solo lui

seppe toccà co’mano

e fa d’impero ‘na dittatura

che ‘nfine jè costò cara

pe’ quer complotto

che segnò a ‘ fine sua

@Silvia De Angelis

T R A D U Z I O N E

NEI FORI DI ROMA

Quel capitello monco

della vecchia Roma

in cui lavorò la mente d’Augusto

è ancora degno

di grande rispetto

fra un portico e una piazza

Tra resti rovinati di circhi

si tramandano

tratti di storia

e gesta indimenticabili

di Cesare nelle conquiste

di terre lontane

mete che solo lui

seppe toccare da vicino

e fare d’un impero una dittatura

che infine gli costò cara

per quel complotto

che segnò la sua fine

ROMA OGGI, di Silvia De Angelis

buche

Quanno cammini su li tacchi disinvorto

devi da guardà bbene n’do diriggi er piede

visto ch’oramai er zolo

d ‘a capitale è der tutto disconneso

e nun ciai più possibilità

d’ arivà a casa tua

co ‘  l’ossa sane

E’ inutile guardà per tera

perché er trabocchetto

è niscosto drento ‘na radice

che t’adesca come ‘na piovra

quanno nun te n’avvedi

oppure sur travaso

de ‘na buca  ch’è diventata

 ‘nforo ‘mmenzo

e nun aspetta artro

che ce caschi tutto ‘ntero Continua a leggere “ROMA OGGI, di Silvia De Angelis”

LI BUCATINI A ‘AMATRICIANA, di Silvia De Angelis

bucatini amatriciana 1

Er trucco pe’ ‘n’saporì

li bucatini a l’amatriciana

è sapesse gestì co’ sapienza

‘n ber pezzetto de guanciale

accompagnado  co’ li cubetti de pancetta

che s’emmischieno drento ar pommidoro

E si sei riuscido a sceje l’intingoli giusti

te viè’ fora n’piatto gajardo

tipico de Roma verace

che nun cià eguali pe’ quant’è bbono

Sguizzeno ‘n’bocca li bucatini viscidi

ner sapore che nun se po’ imità

e si ciaccosti ‘n’cicchetto de  vino rosso

nun poi fa’ a meno de leccatte li baffi

che so’ diventati ricci pe’ ‘na goduria

difficile da riccontà….

TRADUZIONE

I BUCATINI ALL’AMATRICIANA

Il trucco per insaporire

i bucatini all’amatriciana

è saper gestire sapientemente

un bel pezzetto di guanciale

insieme a vari cubetti di pancetta

che vanno insieme al pomodoro

E se sei riuscito a scegliere i giusti intingoli

viene fuori un piatto buonissimo

tipico della Roma verace

che non ha eguali per la sua squisitezza

Vibrano in bocca i bucatini

particolari nel sapore inimitabile

e si ci avvicini un bicchiere di vino rosso

non puoi fare a meno di leccarti i baffi

che si sono arricciati per una goduria

indescrivibile

@Silvia De Angelis

SU PIER PAOLO PASOLINI, di Silvia DeAngelis

pasolini4

Eminente figura della letteratura italiana del 900 questo eclettico autore si è distinto nello scrivere, nel poetare ed in altre innumerevoli attività creative.

Grande artista e intellettuale, dotato di peculiare versatilità, ha lasciato inverosimili, validi contributi nelle sue variegate opere.

Si è soffermato profondamente sulla trasformazione della società italiana, dal dopoguerra sino alla metà degli anni ’70, suscitando diatribe per l’estremismo delle sue osservazioni fortemente critiche verso la borghesia e il consumismo, ma anche nei confronti del Sessantotto e dei suoi protagonisti.

Per Pasolini il friulano rappresenta la lingua essenziale, più intensamente lingua della madre. Troviamo in lui un duplice aspetto comportamentale, in parte molto coinvolto, dall’altra di distacco sperimentale di fronte all’argomento linguistico, definito da lui stesso come coesistenza di “un eccesso di ingenuità” con “un eccesso di squisitezza”.

Nei suoi componimenti si riflette una tematica composta dal triangolo madre – giovinezza – morte.

La presenza dell’essenza friulana si pregna di un mondo leggendario, quasi onirico, vissuto, in parte, come un senso di colpa, da chi non ne è partecipe fino in fondo.

Tantissime le sue opere in friulano fra cui : Poesie a Casarsa, Suite Furlana, Tetro entusiasmo, Tal cour di un fruit e Poesie Dimenticate. (Silvia De Angelis)

O me donzel   di Pierpaolo Pasolini (dialetto friulano) 

O me donzel ! Jo i nas

ta l’odòur che la ploja

a suspira tai pras

di erba viva… I nas

tal spieli da la roja. 

In chel spieli Ciasarsa

-coma pras di rosada –

di timp antic a trima.

Là sot, jo i vif di dòul,

lontan frut peciadòur, 

ta un ridi scunfuartàt.

O me donze, serena

la sera a tens la ombrena

tai vecius murs : tal sèil

la lus a imbarlumìs. 

T R A D U Z I O N E 

O me giovinetto nasco

nell’odore che la pioggia

sospira dai prati

di erba viva nasco

nello specchio della roggia 

In quello specchio Casarsa

come i prati di rugiada

trema di tempo antico

Là sotto io vivo di pietà

lontano fanciullo peccatore 

In un riso sconsolato

O me giovinetto, serena

la sera tinge l’ombra

sui vecchi muri : in cielo

la luce accesa