RAMI DI VITA, di Roberto Busembai

RAMI DI VITA

di Roberto Busembai

RAMI DI VITA

Soli nel vento dei tempi,
sorretti da madre natura
dal fusto del padre solerte,
la forza della natura
che spoglia l’inverno
e tutto rimane speranza.
E si ergono al plumbeo
del cielo scoperto
che piove la nebbia
dell’umida coltre
che posa sulla corteccia
e entra nel fiele
la vita di sempre.
Soli nel vento delle intemperie
dei giorni passati
e del vero presente,
certo il futuro
di primavere sognato.

Roberto Busembai (errebi)

Immagine: Photography by Kilian Schönberger GER

Quando si dice il destino, un ricordo degli anni 70

Quando si dice il destino, un ricordo degli anni 70

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Ci sono situazioni, momenti, oggetti e nel mio caso un auto che fanno tornare alla memoria fatti successi anche molti anni prima.

Ieri mattina mentre rientravo a casa al quartiere Borsalino lo sguardo mi cade su un’auto parcheggiata nei pressi dell’Old Wilde West.

Era una vecchia Alfa Romeo Giulia 1600 degli anni 70, colore grigio perla, forse riverniciata ma in buono stato, almeno così mi era parso passandogli accanto. La mia intenzione era di rientrare a casa parcheggiare l’auto e ritornare a piedi con la mia Nikon per scattare qualche foto, purtroppo quando sono sceso mi sono reso conto che non c’era più.

Giulia 1600 anno 1973

Mi sono detto: questo post non s’ha da fare… ma poi ho cambiato idea e mi sono messo a scrivere, per la foto da allegare avrei visto in seguito come fare. I ricordi mi sono immediatamente ritornati in mente come fosse stato ieri, anche se il fatto in questione era successo nei primi anni 70.

All’epoca operavo come Capo zona per la società Exportex S.p.a. di Milano, l’ufficio di distretto a cui facevo riferimento era a Torino in corso Giulio Cesare. La mia funzione era prevalentemente operativa e consisteva nella gestione di sette venditori dislocati in Piemonte e in parte amministrativa che svolgevo nell’ufficio in questione. A volte pernottavo in Hotel ma solitamente rientravo ad Alessandria, perciò ogni mattina presto, dovendo essere in ufficio alle 8.00, partivo e mi recavo all’ufficio distrettuale di Torino. Continua a leggere “Quando si dice il destino, un ricordo degli anni 70”

La nostra vita, una riflessione di Pier Carlo Lava

La nostra vita, una riflessione di Pier Carlo Lava

1 tumblr_ordyvd6VDV1tlb5xto1_540

Alessandria: Cara Cristina, la nostra quotidianità può essere noiosa, triste o allegra, dipende dal nostro stato d’animo e da come sappiamo affrontare con coraggio, passione e voglia di vivere la vita e i problemi che questa ci pone ogni giorno sul nostro cammino. “Come sappiamo l’importante non è cadere ma sapersi rialzare…”.

Riflessioni, di Cristina Saracano:

https://alessandria.today/2018/09/26/riflessioni-di-cristina-saracano/

(foto: tumbir)

Il tempo non esiste, un ricordo di 50anni fa

Il tempo non esiste, un ricordo di 50anni fa

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Tempo fa la poetessa Miriam Maria Santucci mi ha scritto tramite messenger che “in realtà il tempo non esiste” spiegandomi i motivi di quanto sosteneva.

Un affermazione che mi ha fatto riflettere, in effetti sembra ieri quando 50 anni fa giovane pimpante, fresco di patente, carico di sogni, desideri, speranze, obiettivi e ambizioni mi accingevo ad iniziare la mia attività nel mondo delle vendite.

Ricordo che dopo un iniziale gavetta presso un grossista di Alessandria nel settore merceria, ho risposto ad un inserzione della società Exportex S.p.a. di via Pirelli 19 Milano, con la quale si ricercava un venditore per parte della provincia di Alessandria.

Mi convocarono insieme ad altri venti giovani di belle speranze all’Hotel Viaggiatori di Novi Ligure, superai il colloquio e venni assunto.

Iniziai il training lunedì 14 novembre 1964, fu una settimana di full immersion con Antonio Gardino un venditore esperto (che in seguito purtroppo perse tragicamente la vita in un incidente aereo, lasciando moglie e figli) al termine del quale mi consegnarono una borsa, con lo schedario clienti, il sales organizer ed alcuni campioni. Continua a leggere “Il tempo non esiste, un ricordo di 50anni fa”

LA MIA PARENTESI TUMORE: LE RISONANZE

LA MIA PARENTESI TUMORE: LE RISONANZE

Amiche per mano

Questa parentesi tumore è dedicata a Marzia e a al suo progetto “Le Risonanze”. Marzia, dopo la sua personale esperienza di tumore al seno decide di “rispondere” alla malattia attraverso la sua passione, la fotografia. Un mezzo per sensibilizzare le donne e per incentivare alla prevenzione, oltre che sostenere la ricerca e le attività a supporto delle donne e delle famiglie che hanno attraversato la parentesi oncologica.

La mia

La malattia è arrivata un giorno di febbraio. Inaspettata. Inconcepibile per me giovane e nel pieno della vita. È un attimo e la vita si ferma.

I primi mesi sono stati difficili, ansia, incognite e paure dominavano su tutto. Il cancro fa paura, se ne parla ancora poco e male.

Durante la mia parentesi ho cercato il supporto di donne che avevano attraversato la malattia, per trovare qualcuno che fosse simile a me, forse per trovare risposte e dare un senso a quello che mi stava accadendo. Queste donne sono state fondamentali, e molte si sono trasformate in vere amicizie importanti. Ognuna di loro è stata capace di risuonare nella sua unicità e in grado di darmi spunti per iniziare il mio percorso di ricostruzione e rinascita. Continua a leggere “LA MIA PARENTESI TUMORE: LE RISONANZE”

Le strade della vita

In medio stat virtus… gli estremi e le esagerazioni non sono mai la soluzione migliore.Ovidio “seguendo la via di mezzo, camminerai sicurissimo”

by, Pier Carlo Lava. Alessandria

Oggi viviamo tempi complessi, dove molti di noi sono chiamati a prendere decisioni a volte difficili, che in seguito possono determinare conseguenze positive o negative.

Le Strade.jpg

In questo contesto un eccessivo dinamismo può portare a calpestare tutti gli ostacoli, persone comprese e a commettere degli errori anche irrimediabili. All’opposto un eccessivo perfezionismo, nella migliore delle ipotesi può determinare ritardi controproducenti e nella peggiore può portare anche all’immobilismo.

Perciò alfine di coniugare la velocità delle nostre azioni da intraprendere (presupposto indispensabile nell’attuale contesto sociale) con la qualità e l’efficienza del risultato finale, occorre prendere delle decisioni ponderate ed equilibrate e che sopratutto tengano conto delle persone che vengono eventualmente coinvolte.

Riflessione sulla verità, di Fabio Avena

sinonimi-di-verità.png

La verità dell’esistenza terrena per ogni essere vivente che si reputi tale va urlata a gran voce, predicata sempre, portando avanti senza inibizioni o censure la propria testimonianza personale di verità, rettitudine comportamentale nella trasparenza morale di una condotta meritoriamente sincera e coerente.  Continua a leggere “Riflessione sulla verità, di Fabio Avena”

“La vita umana vale sempre meno”, di Pier Carlo Lava

“La vita umana vale sempre meno”, di

Pier Carlo Lava

femminicidio

In Africa ci sono paesi dove la vita umana non ha alcun valore, dato che praticamente ogni giorno con una facilità impressionante, vengono uccisi o mutilati, uomini, donne e bambini solo perche professano una fede diversa, oppure perchè sono di un altra etnia o per guerre finalizzate alla conquista del potere.
Nell’occidente industriale e civilizzato le riteniamo una barbarie da terzo mondo, atrocità che vengono commesse in paesi non ancora evoluti, dove non esiste un minimo di cultura e di progresso.
Questi popoli sono ancora ben distanti dalle conquiste, che invece nel mondo occidentale, abbiamo raggiunto dopo i secoli bui della storia e senza andare tanto indietro nel tempo basti pensare a quello che è successo nel 900, segnato dall’inutile tragedia che ha mietuto milioni di vittime in due guerre mondiali.
Differenze con quello che noi consideriamo terzo mondo e sulle quali però sarebbe il caso di fare un esame di coscienza e una riflessione. Da qualche anno infatti la cronaca del nostro paese ci riporta con una certa frequenza episodi di criminalità più o meno organizzata e in particolare di femminicidio.

Continua a leggere ““La vita umana vale sempre meno”, di Pier Carlo Lava”

L’acqua è un bene pubblico e le fontanelle sono un servizio sociale, di Pier Carlo Lava

L’acqua è un bene pubblico e le fontanelle sono un servizio sociale, di Pier Carlo Lava

font foto-419 copiafont foto-420font oto-422 copia

di Pier Carlo Lava

Alessandria: L’acqua è un elemento essenziale per la vita, se un giorno venisse a mancare, la Terra diventerebbe una landa desolata e rocciosa. Il nostro pianeta visto dallo spazio appare come una “biglia blu” per via della predominanza dell’elemento acqua. Ciò nonostante, l’acqua è una risorsa poco disponibile ed iniquamente distribuita. Soltanto il 3% è acqua dolce e solo 1/3 può essere utilizzato dall’uomo, dato che i restanti 2/3 sono trattenuti nei ghiacciai e nelle nevi permanenti.

L’acqua è una risorsa limitata, fonte di vita e alla base di ogni attività antropica, dal bere al lavarsi, indispensabile per coltivare la terra e per produrre gran parte del cibo necessario al sostentamento dell’umanità. Continua a leggere “L’acqua è un bene pubblico e le fontanelle sono un servizio sociale, di Pier Carlo Lava”

La vita è dolce con miliardi di batteri

La vita è dolce con miliardi di batteri

Dall’umore alle malattie, ci governa il microbiota
 NICLA PANCIERA

Spazza via molti dogmi della medicina. È la «rivoluzione del microbiota», l’insieme dei microrganismi – miliardi di batteri, virus e funghi – che colonizzano la pelle e gli apparati digerente, genitale-urinario e respiratorio. Il microbiota è la nostra centrale biochimica, che svolge funzioni metaboliche e immunitarie, consentendo l’assimilazione dei cibi, regolando l’immunità delle mucose e fungendo da barriera contro i patogeni.

Scoperta di recente, perché costituita per la maggior parte da batteri anaerobi (non hanno bisogno di ossigeno e non crescono in coltura al di fuori dell’organismo), questa «materia oscura» «ha una vita propria, prospera con il cibo che mangiamo e produce molte sostanze, come neurotrasmettitori e antibiotici», ha spiegato Antonio Gasbarrini, direttore dell’Area gastroenterologia e oncologia del Policlinico Gemelli, in un seminario organizzato da Sanofi.

Continua a leggere “La vita è dolce con miliardi di batteri”

Trovato l’Abc della vita

d7a355d52dc51bad5c23ff2d965214ad

Trovato l’Abc della vita
Sono i geni indispensabili per sopravvivere
La rete delle interazioni fra i geni ha permesso di identificare quelli coinvolti in processi biologici fondamentali (fonte: Raamesh Deshpande)
da: http://www.ansa.it
Trovato l’Abc della vita: sono poche centinaia di geni  senza i quali sarebbe impossibile sopravvivere. Li ha identificati la ricerca pubblicata sulla rivista Science e coordinata da Charles Boone e Brenda Andrews, dell’Università canadese di Toronto, e Chad Myers, dell’Università del Minnesota-Twin Cities. I ricercatori li hanno identificati come in un Jenga gigante, il gioco da tavolo nel quale bisogna togliere progressivamente i blocchi di legno che formano una torre: la costruzone resta in piedi finchè nessun blocco essenziale viene eliminato. Continua a leggere “Trovato l’Abc della vita”

“L’alcol accorcia la vita, 4 anni in meno con 18 bicchieri a settimana”, da repubblica.it

175832208-02c16ff1-d986-45b8-8b18-cdc1b8a8eabd.jpg

“L’alcol accorcia la vita, 4 anni in meno con 18 bicchieri a settimana”
Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Lancet, dalle cui conclusioni, gli esperti sottolineano: “In molti paesi i limiti vanno abbassati”
BERE troppo alcol accorcia la vita. Ma di quanto? Un team internazionale di ricercatori, che ha appena pubblicato uno studio sulla rivista Lancet, ha cercato di rispondere a questa domanda: uno-due anni di vita in meno per chi consuma mediamente 200-350 grammi di alcol a settimana, e quattro-cinque anni per chi va oltre i 350 grammi settimanali, circa 18 bicchieri in 7 giorni. Gli effetti negativi per la longevità inizierebbero a farsi sentire quando il consumo settimanale supera i 100 grammi, una quantità che corrisponde grosso modo a cinque o sei bicchieri di vino (di gradazione alcolica media), di gran lunga al di sotto alla soglia raccomandata in molti paesi, come Stati Uniti, Portogallo, Spagna e la stessa Italia. A differenza del Regno Unito, dove la soglia è stata recentemente abbassata a 6 bicchieri a settimana per uomini e donne, in linea con i risultati dello studio…. continua su: http://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2018/04/13/news/alcol_oltre_una_certa_soglia_accorcia_la_vita-193687045/