Donne, industria e responsabilità sociale: ecco come si può fare. Incontro in Confindustria Alessandria promosso dallo Zonta Club, di fronte a decine di studenti

Donne, industria e responsabilità sociale: ecco come si può fare. Incontro in Confindustria Alessandria promosso dallo Zonta Club, di fronte a decine di studenti

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com/

donne zonta-donne-impresa-e1555086159120

Alessandria: «Le aziende devono farsi carico del problema, devono avere responsabilità sociale e impegnarsi per favorire e agevolare le donne in maternità». Parole di amministratore delegato. Che sicuramente stridono e provocano scintille se confrontate con quelle che a volte le donne si sentono dire durante un colloquio di lavoro con il manager di turno: «Alla sua età dovrebbe fare figli invece di cercare il posto fisso, mi dia retta». Succede in Italia e accade troppo spesso.

Però la condizione lavorativa femminile, lontana dai modelli di altre nazioni europee, sta mediamente migliorando, almeno a scorrere alcune statistiche nazionali relative sia all’occupazione (ma il trend è ancora negativo in termini di parità salariale e condizione generale sui luoghi di lavoro), sia alle imprese in rosa.

Rispetto a queste ultime, una conferma arriva dalla Camera di Commercio che in un recente rapporto ha quantificato, al 31 dicembre 2018, le imprese femminili in provincia di Alessandria in 9.984 sulle 42.804 totali, pari al 23,3 per cento delle imprese provinciali (dato leggermente superiore alla media regionale che è del 22,5 per cento).

L’alessandrino si qualifica così come la prima provincia in Piemonte. «Sono soprattutto imprese individuali e i settori dove si concentrano le imprese femminili sono il commercio e l’agricoltura» ricorda il report dell’ente camerale. Continua a leggere “Donne, industria e responsabilità sociale: ecco come si può fare. Incontro in Confindustria Alessandria promosso dallo Zonta Club, di fronte a decine di studenti”

Iniziative per il centenario di Zonta Club Alessandria, di Lia Tommi

Alessandria: Informiamo sulle iniziative del Centenario Zonta che prenderanno avvio il prossimo 4 aprile con la consegna al Reparto di Ostetricia della culla MaBim, donata da Zonta Club per un aiuto alle neomamme con disabilità anche momentanea.

Il 6 aprile il giorno clou:
– ospiteremo il Corso di Comunicazione per i Club dell’Area 03 del Distretto 30, giunto alla sua terza edizione, tenuto da Nadia Biancato
– alle ore 17,00 inaugureremo in Ospedale la mostra “100 Donne per la Storia” che chiude il Marzo Donna.
All’interno dell’inaugurazione saranno proposti alcuni quadri viventi interattivi: i nostri giovani dello Z Club Alexandria rappresenteranno alcune delle Donne della mostra e altre Donne che avrebbero meritato di essere inserite. Cento Donne in cento anni sono troppo poche per esprimere il valore e il contributo femminile in ogni campo.
La mostra resterà visitabile fino al 16 aprile.

– martedì 9 aprile alle ore 9,30 celebreremo una delle 100 Donne: Jole Volante, già presidente della Sezione CRI di Alessandria nei drammatici giorni dell’alluvione del ’94 e tra le prime dirigenti di azienda in Italia. Nel corso della conferenza che teniamo in Interclub con il Rotary Club, consegneremo la borsa di studio YWPA 2019 ad una liceale alessandrina che ora concorre alla selezione di Area, e presenteremo il bando della nuova Borsa STEM aperta alle studentesse che si iscriveranno al primo anno di Università a Chimica o Ingegneria Chimica.

– martedì 9 aprile alle ore 15,00 Zonta Club Alessandria è invitato in audizione dalla Commissione Cultura della Città di Alessandria nella Sala del Consiglio Comunale. La seduta è pubblica.

AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DEL CORSO DI PERFERZIONAMENTO IN “DISABILITY MANAGER”

AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DEL CORSO DI PERFERZIONAMENTO IN “DISABILITY MANAGER”

Alessandria: Le iscrizioni apriranno venerdì 1° febbraio e chiuderanno il giorno 8 febbraio 2019

Apriranno venerdì 1° febbraio 2019 le pre-iscrizioni relative alla seconda edizione del corso di perfezionamento in “Disability Management”, organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze politiche, economiche e sociali dell’Università del Piemonte Orientale, in collaborazione con l’Azienda Ospedaliera di Alessandria e la SIDiMaSocietà Italiana Disability Manager, e con il patrocinio della Regione Piemonte, della Provincia e del Comune di Alessandria.

1a com brochure ii ediz corso disability management_upo_alessandria1aa com brochure ii ediz corso disability management_upo_alessandria

Diretto dalla professoressa Roberta Lombardi, ordinario di Diritto amministrativo e delegata del Rettore per l’inclusione sociale degli studenti e la disabilità, il Corso è nato per formare la figura professionale del Disability Manager, che, attraverso l’acquisizione di competenze tecniche e scientifiche, potrà essere in grado di entrare in relazione con le persone disabili all’interno di imprese, famiglia, istituzioni e scuole, promuovendo l’accessibilità ed evitando ogni forma di discriminazione.

Obiettivo del Disability Management è sviluppare progetti di rete e organizzazione di piani di lavoro all’interno delle Regioni, dei Comuni, delle strutture socio-sanitarie, delle istituzioni scolastiche e delle aziende, favorendo la qualità e l’efficacia delle politiche necessarie a migliorare la qualità della vita di persone con disabilità, accrescendo la sensibilità sui temi relativi al terzo settore e all’inclusione sociale.

Il corso — che ha anche il patrocinio dell’INAIL-Direzione Regionale Piemonte — vede, quale sponsor, lo Zonta Club di Alessandria.

«Visto l’interesse che il corso riveste per la città di Alessandria, da sempre sensibile ai temi della disabilità e dell’inclusione sociale – sottolinea la prof.ssa Roberta Lombardidesidero ringraziare fin da ora l’Azienda Ospedaliera nella persona del suo Direttore Generale dott. Centini e la SiDIMA che hanno collaborato attivamente nella predisposizione dell’organizzazione scientifica del Corso. Continua a leggere “AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DEL CORSO DI PERFERZIONAMENTO IN “DISABILITY MANAGER””

” Volare si può “, di Lia Tommi

Sabato 19 gennaio 2019 alle ore 18:00 , evento di Zonta Club Alessandria all’Hotel “Alli Due Buoi Rossi ” , in via Cavour, 32, Alessandria

Si può volare pur non vedendo e anche bene. Zonta Club Alessandria festeggia l’Amelia Earhart Day con Sabrina Papa, prima pilota italiana non vedente. Ci racconterà la sua esperienza insieme agli istruttori di volo Cristina Specia e Erich Kustatscher della pattuglia acrobatica WeFly! Con loro la straordinaria Donatella Ricci, detentrice del record mondiale di volo con autogiro.
Conferenza aperta al pubblico.

Nell’occasione ingresso di nuove socie Zonta e Le Rose Gialle di Alessandria.
Segue cena su prenotazione ( euro 40,00 al ristorante stellato i due Buoi – chiamare entro il 15 gennaio 3398512631 opp 3394297396)

Uno spettacolo per ADISCO, di Lia Tommi

Uno spettacolo per ADISCO
Una serata magica, prima di Natale.
Alessandria: Il Teatro Parvum ha ospitato lo spettacolo “I sogni vincono sempre” a favore di ADISCO, Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale”. Un’iniziativa in prima nazionale che la compagnia “Notte Magica” vorrebbe portare in tutta Italia per diffondere la cultura della donazione del sangue cordonale.
Ancora una volta, la compagnia teatrale si esibisce per sostenere ADISCO, credendo fortemente nella finalità dell’associazione costituitasi nel 2005 per volontà di Zonta Club Alessandria.
Il presidente di ADISCO, Roberto Chiapponi, e i volontari hanno portato a teatro tante persone per comunicare loro un’esigenza fondamentale per la buona riuscita degli scopi di ADISCO: il mantenimento delle borse lavoro per due ostetriche, impegnate nei punti nascita di Alessandria e Casale Monferrato. Sono loro ad informare le coppie di genitori sull’opportunità di donare il cordone ombelicale dopo la nascita del loro bebé. Sono loro a illustrare i protocolli che regolano la donazione e i follow up, a partire dalla compilazione di questionari utili ad individuare eventuali ostacoli alla donazione.
Lo spettacolo proposto dalla compagnia “Notte Magica” ha messo in scena con una buona dose di equivoci e ironia – come è nelle corde del regista Gianluca Pivetti – la donazione del cordone ombelicale e la raccolta dei questionari pre-parto.
Roberto Guaschino, direttore della Struttura Complessa di Medicina Trasfusionale dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria ha ben spiegato l’importanza della donazione del sangue cordonale. Piccoli centimetri di vita un tempo eliminati, oggi donati e conservati grazie ad ADISCO, in grado di salvare la vita di un bambino, di un giovane affetto da grave malattia del sangue. Le cellule staminali emopoietiche contenute nel cordone ombelicale hanno grandi potenzialità. Anche quando non sono sufficienti per essere conservate per il trapianto, per curare gravi forme di leucemia, possono essere impiegate in tanti altri modi utili. Il centro trasfusionale di Alessandria diretto da Guaschino è un polo di eccellenza per la medicina rigenerativa. Dalle cellule staminali del cordone ombelicale qui si produce uno speciale collirio biologico.
Una serata di divertimento e informazione, di solidarietà grazie alle offerte raccolte per le borse lavoro, ma anche una serata per ricordare una grande donna, la dott.ssa Cesarina Berta, recentemente scomparsa. E’ stata tra le prime donne chirurgo in Italia. Grande carattere e temperamento, ha saputo distinguersi nella professione, presso l’Ospedale S.Spirito di Casale Monferrato, come nel sociale. Per due anni, prima che la malattia le impedisse di proseguire, è stata presidente della Sezione Provinciale ADISCO di Alessandria. A poco più di un mese dalla sua scomparsa, l’associazione le ha dedicato l’evento alessandrino perché i sogni vincono sempre, anche quello di Cesarina Berta di continuare ad offrire un’opportunità alle mamme di donare per aiutare tante altre mamme a curare i loro figli affetti da leucemia.

La prima MaBim in un ospedale piemontese grazie a Zonta, di Lia Tommi

Un altro primato per Zonta.

Non ne esiste una uguale in nessun ospedale piemontese. Nel nuovo anno, verrà consegnata la prima MaBim!
Ci sono tanti modi diversi per celebrare la Giornata dei Diritti Umani.
Zonta lo ha fatto con qualche giorno di anticipo, legando i diritti di chi giunge nel nostro paese, di chi è additato come diverso, di chi un lavoro non riesce a trovarlo, di chi è malato ed emarginato, di chi ogni giorno subisce violenze inaudite all’interno delle mura domestiche, con una grande finalità per esaudire il diritto di chi è disabile a poter avere accanto a se il proprio bimbo a poche ore dalla nascita, come tutte le altre mamme.
Sarà la prima culla del genere a fare il suo ingresso in un Ospedale del Piemonte.

Lo spettacolo “La valigia prima di Natale” è stato tutto questo. E dopo le feste verrà consegnata MaBim , la culla per il co-sleeping.

Zonta Club e Rugby uniti contro la violenza sulle donne, di Lia Tommi

Zonta Club e Rugby uniti contro la violenza sulle donne
Domenica 9 il minuto di silenzio

rubgsti per il no alla violenza con zonta-381372334..jpg

Anche quest’anno la Federazione Italiana Rugby sostiene la campagna ZONTA SAYS NO to VIOLENCE AGAINST WOMEN con “Un minuto di silenzio” in occasione di tutte le partite che si disputeranno l’8 e il 9 dicembre sui campi italiani.
Da anni la Federazione risponde ad una richiesta promossa dall’InterClub Italia di Zonta International. Dapprima fu l’autorizzazione ad intervenire con lo striscione “GIU’ LE MANI DALLE DONNE” nel corso della partita dietro le sbarre del carcere di Torino con il coinvolgimento della squadra La Drola, nel 2012 unica squadra di rugby costituitasi all’interno di un carcere. Poi la conferma di quell’appuntamento, anche quest’anno, sempre domenica 9, e tante altre iniziative insieme.
A livello locale Zonta Club Alessandria collabora con le diverse società sportive che giocano nei vari campionati e così domenica 9 dicembre al CUSPO RUGBY PARK di Giarole sarà osservato il minuto di silenzio prima della partita tra CUSPO Rugby e LIONS Tortona. Continua a leggere “Zonta Club e Rugby uniti contro la violenza sulle donne, di Lia Tommi”

“Sport in Rosa” Zonta e Alessandria Volley, di Lia Tommi

Si chiama “Sport in Rosa”, ma è aperto anche ai ragazzi.
Sport accessibile a tutti con Zonta Club e Alessandria Volley

Da sabato 27 ottobre al Centogrigio ha preso avvio un corso offerto da Zonta Club Alessandria e realizzato da Alessandria Volley: fino a giugno 2019 un’ora di pratica sportiva con il supporto psicologico per rendere fruibile lo sport alle persone con disabilità intellettiva. Pensato per le donne disabili, il progetto non esclude i ragazzi con le stesse difficoltà. Nel mese si alternano lezioni di psicomotricità, con lezioni di pallavolo e altre di yoga. All’ultima lezione, di yoga, hanno partecipato anche alcune socie di Zonta Club Alessandria e il presidente di Alessandria Volley Mauro Bernagozzi.
“Lo sport rappresenta un’esperienza bella e gratificante, favorisce la crescita, migliora l’immagine di se e la propria autostima, e quindi la sicurezza in se stessi. Con Sport in Rosa offriamo un’opportunità appropriata alle capacità dei disabili, stimolandone di nuove” afferma Elisa Lombardi, presidente di Zonta Club Alessandria, che per il biennio 2018-2020 è impegnato a supportare diversi progetti per abbattere le barriere che limitano l’inclusione delle persone disabili, in particolare delle donne. Continua a leggere ““Sport in Rosa” Zonta e Alessandria Volley, di Lia Tommi”

Zonta parla con i giovani DELL’ARCOBALENO FEMMINILE, di Lia Tommi

Colori e Sfumature dell’Arcobaleno Femminile

Alessandria: I giovani quanto sanno di parità di genere, di violenza di genere e altre “sfumature” del mondo femminile?
Il club giovanile dello Zonta Club Alessandria invita ragazzi e ragazze di età compresa tra 15 e 19 anni a ritrovarsi per parlarne. Venerdì 16 Novembre alle ore 15 l’appuntamento è all’istituto Superiore Saluzzo di via Faa di Bruno in Alessandria.
Dalla sua fondazione nel 2016 Z Club Alexandria, presieduto da Riccardo Maggi, calamita un gruppo di giovani, ragazzi e ragazze, intorno ai temi per cui Zonta Club è conosciuto, rafforzandoli in una chiave smart, facile da comprendere per giovani che hanno il mondo con cui confrontarsi e nel quale vogliono vivere secondo le regole del rispetto reciproco, piena parità di diritti, no alla violenza di ogni genere.
I soci di Z Club Alexandria sono stati protagonisti del Forum Giovani di Area tenutosi a Imperia, perché in Alessandria sta crescendo una generazione di ragazzi responsabili, che fa ben sperare in un futuro libero da violenza e da gap di qualsiasi genere, a partire dal mondo del lavoro. Questo gruppo di giovani cerca altri ragazzi come loro con cui condividere esperienze e proporne di nuove.
Dall’incontro scaturiranno le prossime iniziative per dare sostanza e principi di vita.

Sport accessibile a tutti con Zonta Club e Alessandria Volley, di Lia Tommi

Si chiama “Sport in Rosa” e prende avvio sabato 27 ottobre al Centogrigio. Un’ora di pratica sportiva con il supporto psicologico per rendere fruibile la pallavolo alle persone con disabilità intellettiva. Il progetto nasce dalla partnership di Zonta Club Alessandria con Alessandria Volley. Pensato per le donne disabili, non intende escludere i ragazzi con le stesse difficoltà.
“Lo sport può rappresentare un’esperienza bella e gratificante, favorire la maturazione e la crescita, migliorare l’immagine di se e la propria autostima, e quindi la sicurezza in se stessi, offrendo opportunità appropriate alle capacità dei disabili” afferma Elisa Lombardi, presidente di Zonta Club che per il biennio 2018-2020 è impegnato a supportare diversi progetti per abbattere le barriere che limitano l’inclusione delle persone disabili, in particolare delle donne. “Abbiamo trovato un partner che ci permetterà di aiutare giovani donne che hanno difficoltà ad adeguarsi ai ruoli socialmente propri della loro fascia d’età. Con il supporto di un istruttore di volley e di una psicologa, coloro che parteciperanno al corso supereranno remore, a partire dal rifiuto del proprio corpo, paure, e attraverso i passaggi propri della pallavolo saranno aiutate nel migliorare le qualità relazionali. Nei prossimi otto mesi siamo certe che si raggiungeranno piccoli e poi grandi obiettivi. Se a medio termine sarà la coordinazione dei movimenti uno dei risultati, a lungo termine contiamo di poter incrementare le abilità di autonomia, sviluppare le abilità relazionali, facendo si che le partecipanti sappiano prendersi cura di se. Il corso è gratuito per tutti coloro che vorranno frequentarlo” aggiunge Lombardi.
“L’Alessandria Volley è orgogliosa di sostenere un progetto così importante. – sottolinea il Presidente della società Alessandrina Mauro Bernagozzi – Da sempre siamo attenti a quella fascia di persone con disabilità intellettiva che desiderano avvicinarsi alla nostra attività. “Sport in Rosa” va oltre una partita o un allenamento, grazie a Zonta che ci ha reso parte attiva. Come Alessandria Volley abbiamo la possibilità di mettere a disposizione un nostro istruttore di Volley. Sono certo che questa iniziativa diventi un punto di partenza per tante altre che verranno in futuro in particolare rivolte a persone disabili. W lo sport , W la pallavolo Alessandrina che da oggi con SPORT IN ROSA ha la possibilità di realizzare un progetto unico e importante”
Il progetto al suo avvio prevede un’ora di attività settimanale che saliranno a due per un totale di 72 ore di pratica motoria e 20 ore di supervisione a cura di una psicologa. Al gruppo misto di utenti iniziali si uniranno presto alcune ragazze seguite dal Cissaca. Chi fosse interessato a saperne di più, ad iscriversi può contattare la dr.ssa Leo al 3488944538 referente di “Sport in Rosa”. Prima lezione, sabato 27 ottobre alle ore 10.00 in Alessandria, via Bonardi 13.
Zonta Club Alessandria include in ogni suo progetto l’attenzione alla disabilità. Il Club patrocina il corso di difesa personale “Non ti temo e mi difendo”, due giornate ( 24 e 25 novembre) dedicate ad imparare a difendersi in caso di violenza domestica, violenza predatoria, violenza sessuale, a gestire lo stress e la paura, incanalando tali emozioni nella direzione corretta al fine di favorire l’exit strategy necessaria ad avere salva la vita. Zonta ha ottenuto dalla Federazione Italiana Krav Maga organizzatrice del corso con il patrocinio del CONI e delle istituzioni locali e nazionali, di poter avere istruttori preparati ad insegnare tali le tecniche difensive anche a donne portatrici di diverse disabilità ( motorie – donne in carrozzina, e cecità). Le interessate possono contattare Zonta Club al 3398512631. Il corso è completamente gratuito per tutte ( richiesta solo la copertura assicurativa).

Serata dedicata a Virginia Marini, di Lia Tommi

Alessandria: Il 16 ottobre si terrà il primo evento per il centenario di Zonta Club Alessandria, grazie agli “Amici del Vinci”, e sarà dedicato alla grande attrice alessandrina Virginia Marini, nel centenario della morte.

Ne parleranno Franco Ferrari, già autore di un libro dedicato alla primadonna, e Roberto Livraghi. Letture a cura di Fulvia Maldini.

Appuntamento nell’aula Magna del “Vinci”, con ingresso in via Piacenza, alle ore 21.

Zonta in aiuto della disabilità femminile, di Lia Tommi

Con il Ballo della Rosa di fine Estate è iniziato ufficialmente il nuovo anno sociale di Zonta Club Alessandria.
L’evento, svoltosi a La Fermata di Spinetta Marengo alla presenza di invitati in arrivo da Piemonte e Liguria, è stato l’occasione per presentare il service principale a livello locale che impegnerà il Club Service per un biennio.
La presidente Elisa Lombardi ha illustrato in cosa consiste l’aiuto alla disabilità femminile che Zonta Club si propone. Tre sono i progetti già approvati a cui si collegano altre attività per un supporto dalle tante sfaccettature perché la disabilità porta con se problematiche molto differenziate tra loro.
Il primo “Adottiamo una culla” è un supporto sanitario, con il sostegno post partum a donne affette da disabilità neuromotoria cronica evolutiva o anche solamente temporanea. Il valore dell’aiuto è stato ben sottolineato dal dr. Nicola Strobelt, neo dirigente della Struttura di Ostetricia e Ginecologia dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria, ospite con il collega Piero Grassano dell’Ospedale Santo Spirito di Casale. Per iniziare, Zonta Club doterà il punto nascita più importante della provincia di una speciale culla che permetterà alle mamme di poter tenere vicino a se, senza alcuna difficoltà, il proprio neonato. La culla neonatale è stata progettata dall’architetto Mitzi Bollani esperta in architettura e sostenibilità sociale, promotrice del Design per tutti a livello europeo.
Il secondo progetto ha una valenza tecnico-culturale, poiché Zonta sosterrà il corso per Disability Manager, master post laurea promosso dall’Università Amedeo Avogadro di Alessandria. Il corso, unico nel suo genere in Italia, è alla sua seconda edizione e prenderà il via il prossimo marzo.
Il terzo progetto riguarda lo sport ed è stato introdotto ufficialmente sabato 29 settembre in occasione della presentazione delle squadre dell’Alessandria Volley al Pala Cima. “Grazie alla disponibilità di Mauro Bernagozzi e del suo staff, “Sport in Rosa” e permetterà a giovani donne affette da disabilità intellettiva di praticare sport nel periodo ottobre 2018-giugno 2019, anche attraverso un supporto psicologico offerto alle stesse e alle loro famiglie” ha detto Elisa Lombardi, rimarcando che “per Zonta Club le barriere alla disabilità devono abbattersi partendo dalle remore interne, stimolando a superare l’autoesclusione che spesso innesca difficoltà invece superabili, anche e soprattutto attraverso lo sport”. Zonta Club si farà carico dei costi del supporto psicologico e del personale specializzato in scienze motorie che seguirà le disabili per due ore a settimana presso il Centogrigio di Alessandria.
Il Ballo della Rosa, grazie alla generosità dei suoi partecipanti, ha già permesso la raccolta fondi di un terzo dei fondi necessari al raggiungimento dell’obiettivo.

Zonta abbatte le barriere della disabilità femminile, di Lia Tommi

Zonta abbatte le barriere della disabilità femminile, di Lia Tommi

Al via per Zonta Club Alessandria il biennio dedicato alla disabilità femminile, tema scelto per il 2018- 2019.

Per un biennio importante, quello del Centenario e del ventennale, sono state fatte scelte straordinarie: Elisa Lombardi, avvocato, dirigente amministrativo di un istituto che si occupa di istruzione a livello nazionale, oltre che locale, è la Presidente per il biennio 2018 – 2019.

Sarà affiancata dalla vicepresidente Simonetta Bisio, direttore amministrativo della Bisio Progetti, Gruppo Guala.

Nell’anno seguente si alterneranno nei ruoli, ponendosi come obiettivo di sensibilizzare la popolazione alla disabilità, attraverso l’informazione e interventi concreti e duraturi.

Presentazione del libro “Il tempo di dire”, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

Promossa da Zonta Club Alessandria, in collaborazione con C.I.F.-Centro Italiano Femminile, mercoledì 14 marzo, alle ore 17,30, nella Sala del Consiglio Comunale di Alessandria avrà luogo la presentazione del libro “Il tempo di dire “, di Michaela Benevolo e Donatella Taino.

Il libro narra la storia di di due famiglie piemontesi di diverso ceto sociale: uno spaccato di vita della seconda metà del Novecento, due vicende intricate e dai contorni sfumati. Scopriamo tre figure di donna con emozioni, sentimenti, dolori e sogni: Laura, alla ricerca di una felicità che sembra irraggiungibile, Francesca, che lotta con tutte le sue forze contro un destino avverso, rifiutando di arrendersi, Giulia, giovane avvocato , il cui passato sembra divorare il presente.

Le autrici sono rispettivamente la Presidente e la Vicepresidente dell’Associazione culturale “Lettura e amicizia” di Acqui Terme.

La presentazione, a cura di Nadia Biancato e Rosa Mazzarello, rientra negli eventi previsti dal Marzo Donna, della Consulta Pari Opportunità del Comune di Alessandria.

Al termine Zonta Club consegnerà la borsa di studio YWPA ad una giovane studentessa tortonese.

Merendonna, un the’ per sentirsi sempre belle, di Lia Tommi

Alessandria: Mercoledì 7 marzo, alle ore 16,30, nella sala Belle Epoque dell’Hotel Alli Due Buoi Rossi, in via Cavour, 32, Alessandria, si terrà “Merendonna, un the’ per sentirsi sempre belle”.

L’evento, a sostegno delle donne in chemioterapia, è promosso da Zonta Club Alessandria, FIDAPA-BPW ITALY Federazione italiana Donne Arti Professioni Affari, Associazione BIOS Alessandria ed è  inserito nel calendario di “Marzo donna “.

Si tratta di un pomeriggio da trascorrere insieme, nell’ambito del progetto “Sempre belle ” di Zonta Club Alessandria, le cui beneficiarie sono le pazienti oncologiche dell’Ospedale di Alessandria. Partecipando alla merenda si dimostrerà l’apprezzamento per questa iniziativa che vuole rafforzare l’autostima della donna in un momento tanti difficile della sua vita, durante la quale la caduta dei capelli è il segno esteriore della malattia.

Zonta interviene con un contributo per l’acquisto di una parrucca.

Il service è organizzato attraverso la sua Onlus “Le rose gialle di Alessandria “, e la divulgazione a cura dell’Associazione BIOS, donne operate di tumore al seno.

È gradita la prenotazione. ( 0131 236373 e 347 0014385)