Il trend della libreria arcobaleno|| I miei consigli

Il Lettore Curioso

Buongiorno lettori e buon inizio settimana! Oggi voglio parlarvi di quel trend che va tanto di moda su Instagram e che garantisce un bellissimo effetto wow alla vostra libreria. Sto ovviamente parlando della libreria arcobaleno!

In passato vi ho parlato dei modi in cui organizzare i nostri amati libri e oggi mi focalizzerò sul metodo più scenografico: dividere i volumi in base al colore della copertina.

Più le copertine dei libri sono curate esteticamente e più la vostra libreria spiccherà. Se siete soliti leggere il lingua, Barnes and Noble ha realizzato una bellissima edizione da collezione, che ripropone diversi classici con una copertina colorata e accattivante.

[Foto @bluestockingbookshelf]

I prezzi sono però abbastanza alti, con una media di 25$ a volume. Potete comunque pensare di acquistarne qualcuno da mettere in mostra sullo scaffale.
Se invece non badate a spese, il sito americano Juniper Books ricrea le copertine dei vostri…

View original post 229 altre parole

dal blog della Rete Al Femminile di Biella:” Chiara e Giulia: ci vuole anima e umiltà”

squarcidisilenzio

Oggi, sul blog della Rete al Femminile di Biella, la leader Marie Louise Denti, racconta di una bella e serena mattina passata insieme a raccontarci progetti, idee, sogni, scorci di passato e realizzazioni
Giulia Chiaberge è ceramista, Gioia di Biagio artista, scrittrice, io restauratrice di ceramica e arte Kintsugi.
Quella raccontata nel blog è la storia di un ciondolo che parla di noi tre, delle nostre fragilità e di quello che stiamo imparando dalla vita. A non arrenderci, a non mollare mai, a resistere insieme, unite.

Se volete leggerla tutta, qui il link al post:Chiara e Giulia: ci vuole anima e umiltà” di Marie Louise Denti 

View original post

I miserabili – #regia di Franco Però #teatro [#recensione]

Bricolage

Questo articolo esce con molto ritardo rispetto alla visione dello spettacolo. Mi sono resa conto di quanto nel mio 2018 fosse mancante la componente di spettacolo dal vivo rispetto alla fruizione di prodotti culturali audiovisivi.

I Miserabili arriva in città a gennaio, proprio agli inizi del 2019, mentre iniziano a manifestarsi i comitati per le elezioni politiche attesissime in tutta Italia. L’Abruzzo – con i suoi atteggiamenti discordanti – è un terreno di battaglia importante e vigoroso, sul quale si è venuto a sondare il valore dello scenario nazionale. Si può dire che questo momento equivale alla tappa numero zero di un concerto, quello di una prova generale che decreterà il successo di una performance sulla quale impiantare nuove dinamiche per assettare il tiro in vista degli accadimenti nazionali dei prossimi mesi.

L’opera di Victor Hugo arriva in questa condizione in modo profetico. La regia di Franco Però si…

View original post 653 altre parole

Baby di Andrea De Sica #netflix #serietv [#recensioni]

Bricolage

Mi trovo ad aver visto una serie tv italiana che racconta i suoi tempi, capace di mostrare il senso di dispersione che provano gli adolescenti.

Baby di Andrea De Sica e Anna Negri narra la storia di un gruppo di ragazzi benestanti. Modelli che sembrano essere ispirati ai protagonisti dei film di Sofia Coppola. Un mondo americano ambientato a Roma nord – tra gli upper class – in famiglie dove figli e genitori esistono come comunità, ma appaiono come individui slegati e sgretolati l’un l’altro nella realtà.

Il racconto è una fuga, rappresenta una rottura da uno schema differente rispetto al mondo anni Novanta, quando era ancora possibile scappare da parenti opprimenti, per un’ideale, un amore, il bisogno di indipendenza; mostra una esasperazione che arriva dall’assenza, un vuoto insopportabile tra le pareti domestiche riempito dalla spettacolarizzazione del proprio vissuto.

Quello che si vede in questa serie è uno spaccato…

View original post 444 altre parole

The Rain #serietv [#netflix]

Bricolage

In mezza domenica pomeriggio, quando fuori piove e si ha poca voglia di uscire, ho deciso di seguire e finire, come una ameba incatenata alla poltrona, una serie uscita lo scorso anno e distribuita da Netflix.

The Rain è racconto ambientato in una Danimarca post-apocalittica, ha come protagonisti due ragazzi a cui viene dato l’ordine di trasferirsi in un bunker a seguito di una epidemia che si dirama attraverso la pioggia. Sei anni nascosti sottoterra per vivere come topi, senza sapere cosa accade fuori, all’aria aperta, in un territorio che ha di suo un clima sfortunato che accentua il rischio di spostamento da un punto all’altro tra città, per trovare forme di vita incontaminate e rispondere a quel comando che coincide all’essere fedeli alla regola del padre.

Nella sua prima fase la visione sembra noiosa, ma con l’aumentare degli agenti ansiogeni, sale in modo notevole l’interesse. Di base la…

View original post 517 altre parole

Hadieh Shafie, “Passion”

Blog di Pina Bertoli

Un paio di giorni fa, ho iniziato a leggere il romanzo “Io non sono un albero” di Maryam Madjidi, scrittrice nata in Iran ma vissuta fin da bambina in Francia. Come spesso mi accade, sono rimasta colpita dall’immagine in copertina e sono quindi andata a cercare informazioni in merito all’opera riprodotta e all’artista che l’ha realizzata.

Hadieh Shafie Saayeha10-SideDetail dettaglio

Si tratta di Hadieh Shafie, artista nata a Teheran, Iran, nel 1969 ed emigrata all’età di tredici anni negli Stati Uniti, dove ha compiuto i suoi studi artistici.

Shafie usa accuratamente la carta tinta a mano e arrotolata per formare superfici dense. In alcune opere, ogni gruppo di cerchi concentrici ha una profondità uguale, creando piccoli piani nella topografia del pezzo finito. La sua serie “Spike” presenta coni a spirale affilati che sporgono verso lo spettatore. Oltre al bordo colorato, la calligrafia è incorporata anche sui rotoli di carta…

View original post 368 altre parole

flow. flew. flaw. di Giovanni Paolo Fedele #recensione

Bricolage

E’ così che ci si affeziona ai luoghi, si va per conoscere cose nuove,  incontrare persone lontane dai vernissage, che hanno qualcosa da raccontare, che vada al di fuori del sistema dell’arte.

V.AR.CO - verdiartecontemporanea - official logoMartedì 3 maggio sono stata a L’Aquila, avevo voglia di andare a trovare i ragazzi di V.AR.CO – verdiartecontemporanea (Andrea Panarelli, Paola Marulli, Sara Cavallo). Il loro impegno sta costruendo un microsistema culturale fiorente, intelligente, dinamico, in un contesto impraticabile da ogni punto di vista. Una città terremotata, che combatte per risanarsi, che ha una necessità costante di stimoli e contaminazioni esterne.
V.AR.CO spinge a una apertura che è la sua crepa, e trae da lì la sua forza, in una luce che già alla sua terza mostra permette di delineare un profilo vincente, beneaugurante, a tutela di ogni professionista che abbia una autentica vocazione rivolta a fare di questo mestiere un percorso onesto, chiaro e convinto.


Locandina - Flow. flew. flaw. di Giovanni Paolo Fedele (manifesto)Flow…

View original post 714 altre parole

Appunto interiore

Controvento

i-was-falling-high

Oggi la mia vita non ha alcun peso:
è un vento, meno d’un vento, meno 
d’una riga di luce.
                     Ora nessuno 
può essermi sgradito.
                     Non ci sono terreni
risentimenti nella mia anima.
Il mio sangue è una rossa armonia viva.
Sono in armonia con la brace e la calma, 
con la voce amorosa e quella vendicativa.

Sembra che le mie mani non ci siano, sembra 
che il mio corpo nuoti in un’acqua innocente.
Come un vento nudo il mio cuore si dondola
e dolcemente fa suonare campane.

Jorge Debravo

Costa Rica 31 8 1938 – Costa Rica  4 8 1967

traduzione di Alessio Brandolini

View original post

1983 #serietv [#recensione]

Bricolage

Quando ho iniziato a leggere alcuni saggisti polacchi mi sono accorta che guardavo il mondo da un solo versante, al quale mancava un pezzo, la sua zona speculare, quella a cui avevo affidato inconsciamente la mia gioventù. Ho scoperto questa serie grazie a un commento di Giuseppe Genna, lo scrittore ne parlava in mondo abbastanza impressionato sulla sua pagina Facebook alcuni mesi fa, così ho deciso di proseguire e ho scoperto che si tratta di una prima produzione Netflix che nasce da sceneggiatori polacchi.

1983 parla di Storia, quella con la S maiuscola, in chiave distopica. In quell’anno la Polonia fu segnata da un grande attentato che sconvolse l’intero paese al tempo sottoposto al controllo del metodo Comunista. La narrazione è ambientata venti anni dopo, nel 2003, dopo la Caduta del Muro di Berlino (1989) e prende il via con un ragazzo – un…

View original post 464 altre parole

The Rain #serietv [#netflix]

Bricolage

In mezza domenica pomeriggio, quando fuori piove e si ha poca voglia di uscire, ho deciso di seguire e finire, come una ameba incatenata alla poltrona, una serie uscita lo scorso anno e distribuita da Netflix.

The Rain è racconto ambientato in una Danimarca post-apocalittica, ha come protagonisti due ragazzi a cui viene dato l’ordine di trasferirsi in un bunker a seguito di una epidemia che si dirama attraverso la pioggia. Sei anni nascosti sottoterra per vivere come topi, senza sapere cosa accade fuori, all’aria aperta, in un territorio che ha di suo un clima sfortunato che accentua il rischio di spostamento da un punto all’altro tra città, per trovare forme di vita incontaminate e rispondere a quel comando che coincide all’essere fedeli alla regola del padre.

Nella sua prima fase la visione sembra noiosa, ma con l’aumentare degli agenti ansiogeni, sale in modo notevole l’interesse. Di base la…

View original post 517 altre parole

La favorita di Yorgos Lanthimos #film [#recensione]

Bricolage

La favorita è un film di ambientazione storica che sfrutta un triangolo amoroso e pone al centro un’idea di potere concentrato sulla bramosia, il controllo, il desiderio e la vendetta.
Siamo alla corte inglese nel Settecento mentre fuori imperversa la guerra con la Francia. La regina Anna siede al trono supportata dalla sua amica Lady Sarah quandoarriva a sconvolgere le acque una tipa strana – Lady Abidail – che darà vita a una situazione di conflitto per occupare il posto di dama prediletta e affiancare la regnante malata.
Questo ultimo film di Yorgos Lanthimos mostra la scarsa personalità di una donna impossibilitata a uscire dalle proprie stanze e richiusa nelle sue ossessioni (regina). Una figura che si appoggia alla sua cortigiana-amante per l’esecuzione dell’esercizio delle sue funzioni (Lady Sarah); subordinata alle loro attività giunge una prodiga ragazza che si rivela essere una narcisista dalla personalità poliedrica che si pianta…

View original post 448 altre parole

Tempo

Un pugno di terra

La vita  qui scorre, anche troppo in fretta per tutte le cose che ci sono da fare.

Monica  e’ una padrona di casa  discreta, senza troppe moine  ti offre quello che c’e’, olive  della casa, formaggio del pastore, frutta e verdura dell’orto, una bottiglia di acqua o birra fresca.

Puoi ascoltarla parlare di oli essenziali, di erbe curative, di preparati per tisane, di unguenti per la pelle e puoi acquistare prodotti prima di tornare a casa per portarti via i profumi e il ricordo dei giorni passati qui.

Non fermarti se ti aspetti un hotel a 5 stelle, o un villaggio turistico.

Ospitalita’ rurale significa un altra cosa.

View original post

Rino e Macco

Un pugno di terra

Sono i nostri  asinelli, hanno 3 anni e sono considerati ancora bambini.

La razza sarda  si distingue dalla linea a croce  di colore piu’ scuro che hanno al centro della schiena.

Rino (Cenerino) ha il manto grigio, Macco (Telemaco) e’ un po’ piu’ grande ed il suo manto è piu’ marrone.

Sono entrambi buoni, stanno imparando ad ascoltare i comandi ma sono ancora alquanto disobbedienti, sono golosi di frutta e verdura e vanno matti per le carrube.

Da qualche tempo abbiamo cominciato a portarli a spasso con le cavezze.

Facciamo brevi passeggiate, passo lento tra sentieri e macchia mediterranea

Capita di avere ospiti e di condividere questi momenti, Monica potra’ farvi conoscere le piante di questa meravigliosa terra e darvi qualche suggerimento per l’uso in cucina o suggerirvi possibili tisane.

Grazie a chi e’ stato con noi e vorra’ commentare e lasciarci le loro impressioni scrivendoci qui.

View original post

Abbinamento con formaggi e frutta

Creando Idee

Servire un tagliere di formaggi appena prima del dessert è una buona idea per completare al meglio un pranzo o una cena in compagnia di amici o parenti. Accompagnare il formaggio con frutta di stagione, frutta secca o marmellata è ancora meglio. I grandi intenditori di formaggio lo sanno: il sapore acido e latteo del formaggio si sposa particolarmente bene con il gusto dolce della frutta, sia che si tratti di frutta fresca, secca o candita. Vediamone alcuni abbinamenti Formaggi di capra, deliziosi con la frutta fresca estiva formaggio di capra con melone o cocomero, caprino fresco pesche o nettarine, questi formaggi, affettati fini, amano anche il sapore della frutta fresca o del miele sia millefiori che più ricercato come quello di castagno. In autunno, si sposano bene con mele, pere, fichi, del miele e della menta tagliuzzata o uva fresca. Non esitate inoltre ad abbinarli con delle scorze d’arancia…

View original post 166 altre parole

La cittadina dei libri scozzese: Wigtown

Il Lettore Curioso

Buongiorno lettori! Oggi vi porto in uno delle mie mete preferite in assoluto, la meravigliosa Scozia!

Wigtown si trova nella regione di Dumfries & Galloway ed è una cittadina diventata famosa per le sue numerose librerie e una popolazione di appena mille abitanti. Spesso viene paragonata alla più famosa Hay-on-Wye, in Galles. A differenza di quest’ultima, Wigtown è però diventata città dei libri per risollevare la cadente cittadina, dopo la chiusura di due importanti stabilimenti che offrivano lavoro.

[foto wigtownbookfestival.com]

Oggi ospita il secondo più importante festival letterario della Scozia, che si tiene ogni autunno dal 1999. Il festival ha una durata di dieci giorni e ospita più di 200 eventi per adulti e bambini nel campo della letteratura, musica, cinema e arte.

A Wigtown si trovano dodici librerie, alcune delle quali vendono anche prodotti locali o hanno al loro interno una caffetteria. I visitatori hanno anche la possibilità di…

View original post 57 altre parole