Casual Things

Lluís Bussé

I especially like the flower in the pond. It has been almost a miracle to do it. The rest of the series has no special interest but can be seen without further ado. I like the one of the girl who doesn’t have her feet on the floor and watch a guy who looks in the same direction. Today I did something with the shadows. The projected branches in the sand… Summer, days, casual things.

View original post

Via ad ALEcomics, il Festival del fumetto di Alessandria, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

ALEcomics – Festival del fumetto Alessandria, 13-14-15 settembre 2019

Da venerdì 13 a domenica 15 settembre la Cittadella di Alessandria ospiterà la quinta edizione di ALEcomics, il Festival del Fumetto che, dopo i successi degli anni precedenti, si preannuncia nuovamente come evento dal forte potere attrattivo, in grado di attirare visitatori da tutta Italia e non solo.
Il tema della quinta edizione di ALEcomics sarà “Robot e Super Robot”.
Ricorre infatti l’anniversario dei 40 anni della serie classica di Gundam, una delle pietre miliari che hanno cambiato il genere robotico nel mondo del fumetto e dell’animazione.
Una ricorrenza così importante non poteva passare inosservata e la manifestazione renderà omaggio al “Gigante Bianco” ed a tutti i suoi colleghi.

Il manifesto dell’edizione 2019 dal titolo ‘Join the Robolution!’ rende omaggio a questo tema: realizzato da Andrea Scoppetta (classe ’77), prolifico illustratore e autore di fumetti con all’attivo importanti collaborazioni con marchi quali…

View original post 564 altre parole

Until Death Do Us Apart — It Is What It Is

WilliWash

Originally posted on My Good Time Stories: Photo by Emma Bauso on Pexels.com “Until death do us part.” This sentence is usually included when two people make their vows to each other on their wedding day. It symbolizes a sense of an unconditional kind of commitment, that, regardless of what may happen during the duration…

via Until Death Do Us Apart — It Is What It Is

View original post

Appuntamenti – Esposizione di paramenti sacri nella Chieda di San Michele a Isnello

Antonino Schiera Riflessioni d'Autore

Giuseppina Alberti e Anna Cascio Giuseppina Alberti e Anna Cascio volontarie

Un’interessante esposizione di paramenti sacri in corallo, di miniature in alabastro, di filati in seta oro e argento si svolge in questi giorni all’interno dello splendido scenario della Chiesa di San Michele a Isnello, paese madonita incastonato nei monti e circondato da verde lussureggiante e corsi d’acqua.

Padre Marcello, il Parrocco di Isnello, è il promotore dell’iniziativa che si avvale della preziosa collaborazione di un gruppo di volontari Anna CascioGiuseppina Alberti, Giuseppe Cultrara, Antonella Culotta, Verdiana D’Angelo che premettono la regolare fruizione e visita all’interno del luogo sacro.

L’iniziativa si sviluppa nei giorni precedenti gli importanti festeggiamenti in onore del Santo Patrono di Isnello, San Nicola di Bari, che si svolgono a partire dal 5 settembre di ogni anno.

Dal 6 luglio all’ 1 settembre 2019
Sabato dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 17.00 alle…

View original post 23 altre parole

Viandando (per vecchi posti dove si è felici)

Non di questo mondo

Omegna, sulle rive del lago d’ Orta, paese natale di Gianni Rodari e paese di pinocchiari.

 

Il lago d’ Orta è l’ unico dei laghi prealpini che ha un emissario che va verso nord, in su, e per uno strano effetto ottico sembra che l’ acqua salga proprio verso i monti.

 

 

 

Dello stesso lago è Ernesto Regazzoni, il poeta dei buchi nella sabbia e delle poesie non scritte (invisibili), nato a Orta.

Ad Orta, in una camera quïeta
che s’apre sopra un verde pergolato,
e dove, a tratti, il vento come un fiato
porta un fruscìo sottil, come di seta,

c’è un pianoforte, cara, che ti aspetta
un pianoforte ove mi suonerai
la musica che ami, e che vorrai:
qualche pagina nostra benedetta.

La nostra grande pagina ove abbiamo
prima sognato tante cose, tante…
E ci risponderanno fuor le piante,
ed un coro d’augelli su ogni…

View original post 30 altre parole

Le Cimetière Marin – Paul Valéry (Première partie)

EPOCHE' (fotoblog di francesco)

Il paesaggio marino … assoluto immobile eterno

Rimini 18-01-2015 Rimini 18-01-2015

Rimini 01-10-2017 Rimini 01-10-2017

Le Cimetière Marin – Paul Valéry

Questo tetto tranquillo, ove vagano colombe,
palpita tra i pini, tra le tombe;
giusto il Meriggio gli compone di fiamma
il mare, il mare sempre a sé rinato!
O premio dopo un pensiero,
posar un lungo sguardo alla divina calma!

Ce toit tranquille, où marchent des colombes,
entre les pins palpite, entre les tombes;
midi le juste y compose de feux
la mer, la mer, toujours recommencée!
Ô récompense après une pensée
qu’un long regard sur le calme des dieux !

Rimini 06-08-2015 Rimini 06-08-2015

Bellaria 25-12-2017 Bellaria 25-12-2017

Che puro lavorio di lampi sottili consuma
ogni diamante d’impalpabile schiuma,
e sembra si possa concepire quella pace!
Quando sopra l’abisso un sole posa,
opere pure d’una causa eterna,
scintilla il Tempo e il Sogno è conoscenza.

Quel pur travail de fins…

View original post 379 altre parole

Tra alti e bassi, bianco e nero: l’Amore da adulta.

THIS IS AN INSIGHT

See I thought love was black and white
That it was wrong or it was right
Where I stood, Missy Higgins

Gli alti e i bassi, tutto bianco o tutto nero.

Se c’è qualcosa di vero sull’amore da adulta – per lo meno quello di lunga durata – è che non è mai tutto giusto o sbagliato. Malgrado ciò uno corre spesso il rischio di sprofondare nei bassi o di attaccarsi con forza agli alti, credendo che andrà sempre peggio o che debba andare sempre in un certo modo.

angel-1384694_640

Ma secondo me, difficilmente potrà essere così. Tutto bianco o nero, voglio dire. Ad esempio, anche quando le cose vanno maluccio mi ritrovo, mio malgrado, a fantasticare con malinconia sul mio Lui. Viceversa, nei periodi buoni si insinua quasi sempre una nuvoletta grigia, foriera di dubbi e insoddisfazioni.

Disinnesco il pilota automatico della fidanzata.

Così, quando le cose mi…

View original post 597 altre parole

L’iperico

I Viaggi di Morgana

Come ho accennato nell’articolo precedente, tra le piante che vengono impiegate per il solstizio d’estate troviamo l’Iperico. Chiamata anche Erba di San Giovanni, viene colta e usata alla mezzanotte del 23 Giugno, notte che precede la festa di San Giovanni Battista.

La sua storia risale all’epoca medioevale, un periodo storico carico di credenze e superstizioni.

Si credeva che avesse la magica capacità di allontanare i demoni più temibili ( per questo è chiamata anche scacciadiavoli) , era consuetudine avere sempre con sé un rametto di iperico, anche per allontanare le streghe.
La vigilia della festa di mezza estate, nei villaggi si preparavano dei grandi falò (per questo era chiamata anche notte dei fuochi); i contadini indossavano coroncine di Iperico, e danzando lanciavano rametti della pianta per propiziare un raccolto abbondante e allontanare dal proprio bestiame malefici e malattie; inoltre c’era l’usanza di mettere sui tetti delle case l’Iperico per proteggere…

View original post 508 altre parole

Cinque libri di carattere: poesie di Fernando Della Posta dal 2011 al 2019, di Sabatina Napolitano

Neobar

DSC_0882-1

L’incontro con Fernando

È sempre più difficile trovare e leggere cinque libri di carattere pubblicati nel breve arco di otto anni, parlo per me; non ne sono poi così tanto abituata. In ogni caso le raccolte qui menzionate sono state pubblicate da Fernando Della Posta nella parentesi di questi anni (dal 2011 al 2019) ma risalgono a tempi addietro: non è per una forma di resistenza quindi che trattando il verso e la letteratura si incontrano gli amici e tra questi ti capita la fortuna di incontrare i veri poeti. Il linguaggio che usiamo in modo colloquiale e diretto non è il linguaggio-termine a cui facciamo riferimento con la poesia e nella poesia: gli amici però sanno comunque essere le presenze significative e importanti che ti sono vicine nei casi in cui devi scegliere una destinazione non solo immaginaria e interiore. Anche se questa destinazione fosse solo per un breve…

View original post 1.739 altre parole

Deep throats

Twiki World

La mattina presto il sorgere del sole in questa rigogliosa e fredda vallata è magico a tal punto che non sembra di essere in Marocco. Ad eccezione dei tetti spioventi somiglia ad un paesino di montagna italiano. Ci troviamo nelle Gole del Dades dove l’acqua porta con sé le pietre e leviga quelle inamovibili ed attorno nascono floride oasi. “Dita di scimmia” è il nome con cui ci presentano una spettacolare formazione rocciosa ondulata e a cuscinetti sotto la quale scorre proprio il fiume Dades. Passeggiamo tra le culture caratteristiche del posto; uliveti, palmeti, qualche rosa. Questi luoghi nessuno aveva mai immaginato potessero esistere anche qui. Più avanti incontriamo uno strapiombo che mette i brividi e adrenalina, viene voglia di fare la strada in moto, intricata e piena di tornanti con un dislivello di centinaia di metri in forse un kilometro. Queste sono le spettacolari Gole del Todra. Giochiamo a…

View original post 235 altre parole

Il granaio del Marocco

Twiki World

Questa mattinata è dedicata alla visita di Fes e anche stavolta abbiamo trovato, tramite il nostro Riad, una guida. Quest’ultima al contrario di quella di Marrakech è estremamente cordiale, disinteressata ed appassionata. Passando per le vie di questa città ci accorgiamo che ancora una volta qui tutto cambia, niente a che fare con Marrakech, nulla mai visto prima. Innanzitutto notiamo che molto è restaurato, pulito, ordinato e ben tenuto. Le stradine sono strettissime e difficili da ricordare, per questo consiglio caldamente la visita con una guida del posto. Il Souk è anch’esso diviso in corporazioni ma meno caotico e ci dà la parvenza di una contaminazione europea dovuta alla vicinanza con la Spagna. Le concerie sono una tappa fondamentale per chi visita questa città. Maestri in quest’arte gli artigiani di cui l’olfatto rimane solo un vago ricordo. Non mi aspettavo tanta puzza nonostante come mio solito mi fossi informato…

View original post 317 altre parole

Una vita

laulilla film blog

recensione del film:
UNA VITA

Titolo originale :
Une vie

Regia:
Stéphane Brizé

Principali interpreti:
Judith Chemla, Jean-Pierre Darroussin, Yolande Moreau, Swann Arlaud, Nina Meurisse, Olivier Perrier, Clotilde Hesme, Alain Beigel, Finnegan Oldfield, Lucette Beudin, Jérôme Lanne – 119 min. – Francia, Belgio 2016

“Pour être fidèle, il faut trahir”… “L’adaptation est une bataille contre la littérature” (Stéphan Brizé)

Non era stato sicuramente facile* per il regista Stéphan Brizé ricavare dal lungo e articolato romanzo di Guy de Maupassant, che portava nel cuore fin dalla prima lettura di venti anni prima, questo bellissimo film, ovvero la storia di Jeanne Le Perthuis des Vauds, che, uscita dal collegio a soli 17 anni nel 1819, era rientrata nella dimora di famiglia in Normandia in attesa di prendere marito.
La vicenda, in breve
I genitori di Jeanne erano nobili e vivevano con semplicità delle rendite agricole delle loro proprietà. Essi, pur cercando di coinvolgerla nella…

View original post 886 altre parole

A star is born – Bradley Cooper #film [#recensione]

Bricolage

A distanza di alcuni mesi, dopo la notte degli Oscar e la loro vittoria per la migliore colonna sonora, Tim vision ha offerto al pubblico la possibilità di visionare la regia di Bradley Cooper in anteprima per circa un mese.

A star is born è la storia maledetta di due musicisti che si amano. E’ il classico racconto dove lui ha un’infanzia triste mentre lei – Lady Gaga nelle vesti di Ally – paga la vita con lavori saltuari ed esibizioni in club gestiti da dragqueen.

Tutto evolve con una grande passione che toglie all’uno e mette all’altro, come se nella vita non si potesse arrivare a dei compromessi per la propria professione, come se il pubblico da casa dovesse nutrirsi ancora di storie colossali per non annoiarsi e poter illudersi di farcela come nei grandi sogni degli anni ’80.

Quello che ho visto per due ore è stato un…

View original post 290 altre parole