Questa mattina ho voluto raccogliere le conchiglie più belle che trovavo camminando sul bagnasciuga, esattamente come fanno i bambini. Secondo i miei canoni correnti, le conchiglie più belle sono quelle piatte, in genere scure quasi nere, piatte ma con delle venature sul dorso molto evidenti e poi, ovviamente, quelle con l’interno brillante madreperla.

Ce n’era una grande e piatta, dalla tonalità del rosso-arancio, bella ma rotta. È spezzata.

L’ho raccolta e tenuta in mano mentre pensavo ad una donna molto bella ma con un arto mancante o uno sfregio sul volto.

Non ho avuto dubbi: l’ho scelta e tenuta tra quelle da conservare perchè la Bellezza non è perfezione.

Sorgente: Perchè Bellezza non è perfezione – Rebecca’s Light Scrive