2 La nascita di Alessandria (b) di Giancarlo Patrucco

2 La nascita di Alessandria (b), di Giancarlo Patrucco

http://www.cittafutura.al.it/

E rieccoci con le risposte alle domande rimaste. Dopo il chi e il come, passiamo al dove:

Dove è stata fondata Alessandria? In quale contesto di traffici commerciali e militari?

Sentiamo di nuovo Geo Pistarino: “La fondazione di Alessandria, fra la convergenza dell’Orba con la Bormida e quella di quest’ultima col Tanaro, venne acolmare la mancanza d’un grosso centro abitato nella pianura fra Tortona ed Acqui.

La scelta del luogo fu una scelta perfetta non soltanto per l’aspettomilitare nel quadro di allora, ma altresì e soprattutto per il rapporto con la viabilità di quel tempo e dei tempi futuri sino ad oggi. Alessandria, a al centro dello sbocco della via della valle Stura – Orba, da Genova, nella pianura, poco lungi dall’analogo sbocco della via della Bocchetta da Genova, della via della valle Scrivia da Genova e della Bormida da Savona e dal Finale, nonché proprio sulla via meridionale padana, nel tratto da Asti a Tortona, e sulle vie verso il Po e l’Oltrepò Padano…” Continua a leggere “2 La nascita di Alessandria (b) di Giancarlo Patrucco”

La luna nel laghetto, di Silvana Fulcini

La luna nel laghetto, di Silvana Fulcini

La luna

La luna nel laghetto

Vola l’anima mia
Verso l’infinito,
Danzando sulle note
Di musica celestiale,
Proveniente
Dai meandri dei ricordi.
Ti vengo a cercare,
Tu mi allunghi una mano,
Insieme corriamo incontro
Al nostro destino.
Ed è così che
Nel tepore
Di una notte stellata,
Ci culliamo,
Seduti sull’erba,
Ammirando la luna
Che si rispecchia tremula
Nel laghetto
Vicino al roseto.
Il profumo dei fiori
Inebria i nostri sensi.
Ogni momento
Con te è magico,
Ogni luogo
Con te è meraviglioso.
Mi appoggio con la testa
Sul tuo petto,
Il tuo braccio
Stringe le mie spalle.
Rimaniamo così
A parlare,
A guardare
Le affascinanti stelle,
La luna nel laghetto,
Le rose profumatissime.
Poi ci guardiamo
Negli occhi…
È come se il tempo
Si fosse fermato
Tanti anni fa…
Ora come allora,
Sento il tuo cuore
Battere per me.
Il nostro amore,
Incontenibile,
Straordinario ed unico,
Esplode
In un crescendo
Di sublimi sensazioni.
Liberati i nostri sensi,
Le nostre anime
Si sfiorano,
Si avvinghiano,
Si amano…
La luna
per non arrossire
S’è nascosta
Dietro ad una nuvola.

SIL. F. 23/05/2016
Diritti riservati
Immagine dal Web

Riflessi, di Tina Costabile

Riflessi, di Tina Costabile

riflessi

Riflessi.

Mi osservo nello specchio,
vedo il mio riflesso,
e
quel dolce volto
mi parla.
Mi emoziono per ciò
che vedo,
istanti felici
nell’impalpabile
e
innafferabile sogno.
Mi illudo inebriandomi tutta
ma
mai si avvererà.
Aspetto la sera,
cerco quel tramonto
di una vita
e
mi perdo.
L’ho cercato
e
mi riporta in vita.

Tina Costabile.
( T. D.R.)
24/5 /2018

Tempo che restringi le idee, di Francesco Luca Santo

Tempo che restringi le idee, di Francesco Luca Santo

Tempo che restringi le idee
che le maschere fai cadere
in ogni passo tutto
può diventare azzurro
persino il mio futuro
ed empio gioisco
di questo profumo di pane
di questo vino
Anche lì
dove s’è perduto l’ amore
Dio
ha lasciato crescere un fiore
un respiro finissimo
e dai fiori lo sai
germoglia sempre un cuore
più del mondo grande
una vivida pace
che è custode di sogni
di bambini mai cresciuti
di madri sempre madri
e padri
che non smettono mai di lavorare Continua a leggere “Tempo che restringi le idee, di Francesco Luca Santo”

Siamo polvere di stelle, di Silvana Fulcini

Siamo polvere di stelle, di Silvana Fulcini

siamo

Siamo polvere di stelle

Il nostro corpo,
Si intreccia con la storia
Dell’universo.
Polveri di stelle
Esplose miliardi
Di anni fa,
Si mescolano con atomi,
Che solo relativamente
Di recente,
Le hanno portate
Nell’atmosfera terrestre…
Inseparabile
Dalla natura
Che ci circonda
E mescolandosi con essa,
Il nostro corpo
È sempre in evoluzione,
Si ricostruisce continuamente.
Io, in tutto questo
Vedo due innamorati
Che fanno l’amore.
Che hanno bisogno
L’uno dell’altra
E giorno dopo giorno
Rinnovano il loro amore…
Sì, l’amore….
Così meraviglioso,
Così immenso…
Solo quando le anime
Si sono già amate,
I corpi si attraggono,
Si uniscono,
Raggiungendo un infinito piacere,
Che come una supernova
Esplode…
E tutto diventa musica…
…. Ed io , mi sento volare
Insieme a te
Nel l’immenso, infinito
Universo…
Raggiungendo
La felicità suprema…
Amatevi!
Fate l’amore!
Non perdete tempo
In inutili discussioni…
… Il nostro destino
È ritornare polvere…
Continua a leggere “Siamo polvere di stelle, di Silvana Fulcini”

DECISIONES, di Manuel Echegaray

DECISIONES, di Manuel Echegaray

Decisiones

Decidió no ir más al colegio. Decidió no volver a su casa. 

Decidió tomar un bus que lo llevara lejos, hacia el calor. 

Decidió que si era necesario, cuando llegara,  dormiría en la calle. Decidió que así sería su vida. 

Decidió vivir, porque en la casa no lo habían dejado, gritándolo y pegándole. 

No sabía que estaba decidiendo decidir.

Imagen: blipoint.es

MANUEL ECHEGARAY. Continua a leggere “DECISIONES, di Manuel Echegaray”

” Vestiro’di fiori bianchi ” di Grazia Torriglia

” Vestiro’di fiori bianchi ” di Grazia Torriglia

13282028_278777132468571_107125650_n

” Vestiro’di fiori bianchi “

Vestiro’ di fiori bianchi
La mia anima
Saranno fiori delicati e profumati
Andremo in una Chiesa abbandonata
Senza cortei di curiosi
Lì le nostre anime
Si uniranno per sempre
Al di là della vita
E della morte
Tu sei l amore giovane
Che ho incontrato da bambina
Che ho sognato da ragazza
Che ho conservato solo per te

Mi porterai alla nostra capanna
Ed in un giaciglio di Narcisi
Confonderemo le nostre essenze
In un unico elisir d amore

Grazia Torriglia@diritti riservati

DONNA, di Antonella Ariosto

DONNA, di Antonella Ariosto

33178176_10210115751604924_5658432942179876864_n

DONNA

Donna
ad uno specchio
ti guardi
mentre l’anima sogna.

Era ieri
sarà domani
imbrigliata rimani.

Donna
nel tuo sguardo
vagante nell’infinito
una passione mai paga.

Un amore che si rivela.
Un fuoco
perennemente acceso.

Donna
le tue braccia
oggi stringono promesse
e il cuore
di sognare non smette.

Sa ancora librarsi
in liberi voli .

Donna
amore vuole.
Amore dona

Antonella A.

Scultura Y P.

AMO, di Ester Mastroianni

AMO, di Ester Mastroianni

33510664_944551349037833_5003397644391809024_n

AMO

Amo
l’alba radiosa
e tutto ciò che mi circonda
anche il dolore
che m’accompagna
oltre la marea

Amo
la mia vita
sebbene erronea
a volte mi lascia sola

Amo
l’allegria
che ancora è in me
e non ostenta vanagloria

Amo
le mie lacrime
perché
mi fanno sentire viva dentro.

Traduzione in inglese

I LOVE

I love
the radiant dawn
and everything around me,
even pain
that accompanies me
besides the tide

I love
my life,
although erroneous
sometimes it leaves me alone

I love
the gaiety
that still is in me
and don’t flaunt vainglory

I love
my tears
because
make me feel alive inside.

Ester Mirella@P.M

Poesia … di Grazia Torriglia

Poesia … di Grazia Torriglia

33489604_649539348725679_7048750135483826176_n

Poesia …

Scritta su fogli su tastiere su pezzi di carta
poi riportata al pubblico parere
ma per chi o perché ho scritto tanto
amore disperazione noia malinconia ?

Tutto si dissolve nel tempo
e si riscrive cambiando forma ma non soggetto
e si ripete …ieri per lui oggi per te.

Domani …chissà domani non ci sarà per chi o per cosa ancora la voglia o l’ispirazione
già si assopiscono i sentimenti
visti e ripetuti nelle opere di altri
si sfaldano si accasciano usati da troppi.

Orme lasciate su infinite battigie
si dissolvono
e si ripetono sempre uguali all’infinito .

gt@

C’è, di Brigida Maione

C’è, di Brigida Maione

33585809_2026487047678288_6092877207816896512_n.jpg

C’è
Ancora quella strana voglia di averti e stringerti a me.
Ancora quella voglia dei tuoi baci e le tue mani sempre più frenetiche.
Sei entrato dentro di me come un inverno.
Dio mio non so più dove mi porterà questa mia strana pazzia.
Non riesco a pensare più al mio domani cerco di tenere frenate con le mani coperte sperando che tu appoggi la tua mano nella mia, e mi conduci verso casa con il tuo amore.
Aiutandomi ad essere quella donna che sono sempre stata.
Non voglio essere quella che sono adesso voglio essere migliore come sono sempre stata,
Dio mio guidami ancora per quella strada che potrà portarmi ancora alla mia felicità e non commettero’ più di questi errori di farmi portare Alla follia.. Brigida Ma

Sentire, di Antonella Ariosto

Sentire, di Antonella Ariosto

33540656_10210131191590914_236880064988315648_n

Sentire

Potrei urlare a squarciagola
Potrei rinchiudermi
in un silenzio tombale.
Essere presente fisicamente
o esserci solo mentalmente.
Potrei essere infinitamente dolce
o prolissamente amara.
Chi mi vuole bene,
chi è interessato alla mia felicità,
alla mia tranquillità,
conosce ogni mio stato d’animo,
anche se distante mille miglia.
E’ il cuore che sente l’anima
e chi prova amore percepisce
ogni infinitesimale vibrazione.
Oggi vorrei essere letta.

Antonella Ariosto

MISTICO FOLLE, di Domenico Turco

MISTICO FOLLE, di Domenico Turco

MISTICO FOLLE

In esilio di vita
trascorri giorni e notti;
Mistico Folle, credi
che il Mondo sia la città degli spettri,
e se ti guardi attorno
vedi un teatro di ombre…

TUTTO è vero, ma tu lo neghi:
Illuso tra gli illusi,
finzione lo ritieni!

Immerso nell’incubo tenebroso
non afferri la Grazia e la Bellezza
che adesso generosamente dona
la stagione della luce – la dolce,
l’affascinante Primavera in fiore.

Di Domenico Turco – Proprietà letteraria riservata©

.

Noemi, di Francesco Mastrolegno Cau

Noemi, di Francesco Mastrolegno Cau

33575095_1674734105979678_1363335199433162752_n

Noemi

Nome biblico
in Sardegna molto usato .
Di origini ebraiche
significa dolcezza
ogni volta una carezza.
Anche Letizia e gioia
sempre udita nella storia .
Ma a me ricorda
canne al vento
che di leggerla fui contento .
Dove la Deledda
raccontava la sua terra
dura e grava .
Spiegando il mondo
la fragilità umana
di quei tempi.
E Noemi me rimasta
impressa come donna
genuflessa.
Dove il padre faceva
da padrone,comandando
con fare facendo anche male.
Condizionando la ragazza
della vita allora tacita
e avvilita.
Amata Sardegna
Elias Portolu
gente antica che Dio
li benedica che di Grazia
fu poi scritta .

Francesco Cau
Poeta dislessico
Diritti riservati

BISTAGNO IN PALCOSCENICO: una stagione di successi

BISTAGNO IN PALCOSCENICO: una stagione di successi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un grande successo per la Rassegna di Teatro e Arti Performative Bistagno in Palcoscenico 2017-2018 presso la S.O.M.S. di Bistagno (AL), conclusasi sabato 19 maggio con il concerto/spettacolo Figurini, interpretato con irriverenza e passione dall’orchestra di fiati e percussioni Bandakadabra, che ha riconfermato l’ultimo “Tutto Esaurito” ad una stagione riuscita e sempre aperta alla novità.

L’Organizzazione e la Direzione Artistica a cura di Quizzy Teatro, con il sostegno della Fondazione “Piemonte dal Vivo”, in collaborazione con la S.O.M.S. e con il patrocinio del Comune, si ritiene molto soddisfatta del riscontro di pubblico ottenuto, infatti è felice di poter dimostrare come lo spazio fisico del teatro, a Bistagno, si stia dimostrando qualcosa di più rispetto a una semplice esperienza di programmazione teatrale ossia un luogo che, man mano, sta diventando una “casa” per gli spettatori, per gli artisti e per tutti coloro che hanno una sincera e impegnata voglia di creare e condividere arte. Continua a leggere “BISTAGNO IN PALCOSCENICO: una stagione di successi”

Orario estivo per la Biblioteca Civica Canna di Casale Monferrato

Orario estivo per la Biblioteca Civica Canna di Casale Monferrato

Casale Monferrato

Casale Monferrato: Una importante e gradita novità, volta alla valorizzazione del servizio offerto, è prevista, in via sperimentale, per l’estate 2018 alla Biblioteca Civica Giovanni Canna.

La modifica, sollecitata dagli stessi utenti che nel corso dell’anno hanno formulato richieste sempre più frequenti circa una maggiore elasticità di orario, prevede l’estensione di apertura al pubblico con orario continuato dal lunedì al venerdì dalle 09,30 alle 18,00. I servizi offerti restano immutati, ossia il prestito al banco, la lettura di riviste e quotidiani, la possibilità di studio nelle sale attrezzate. Continua a leggere “Orario estivo per la Biblioteca Civica Canna di Casale Monferrato”

La presentazione del libro e del progetto “Cose recluse” di Daniele Robotti e Mariangela Ciceri

La presentazione del libro e del progetto “Cose recluse” di Daniele Robotti e Mariangela Ciceri

biblio Locandina evento in Biblioteca Civica_Alessandria_29-05-2018


Alessandria, martedì 29 maggio alla Biblioteca Civica “Francesca Calvo”

Il libro e il progetto “Cose recluse” di Daniele Robotti e Mariangela Ciceri verrà presentato alla Biblioteca Civica “Francesca Calvo” di Alessandria (piazza Vittorio Veneto)  martedì 29 maggio 2018 alle ore 17.00.

L’incontro, alla presenza dei due autori, è organizzato dalla Biblioteca Civica e prevede l’intervento di Daniele Robotti incentrato sulle modalità attraverso le quali è nato il progetto fotografico, su come sono state organizzate le riprese e sul perché siano state scelte determinate immagini. Continua a leggere “La presentazione del libro e del progetto “Cose recluse” di Daniele Robotti e Mariangela Ciceri”

TERCO O PERSISTENTE, di Manule Echegaray

TERCO O PERSISTENTE, di Manule Echegaray

Terco

Siempre ha creído que ser terco es una virtud. 

No conoce la diferencia entre terquedad y persistencia, por eso todos dicen de él que es terco como una mula.  

Imagen: www.definicionabc.com

MANUEL ECHEGARAY.

BLOGS:

manologo.wordpress.com

eltigredepapel.wordpress.com

TESTARDO O PERSISTENTE?, di Manuel Echegaray

Ha sempre creduto che essere testardi sia una virtù.

Non conosce la differenza tra testardaggine e persistenza, ecco perché tutti dicono che è testardo come un mulo.

Intervista a Giusy Ianniello: quando l’arte si fa donna… di Stefano Labbia.

Intervista a Giusy Ianniello: quando l’arte si fa donna… di Stefano Labbia.

Giusy Ianniello

unnamed-1unnamed

Giusy Ianniello è una giovane illustratrice italiana attiva soprattutto nel mondo dei comics. L’abbiamo incontrata e quello che segue è un’intervista sincera, piena di sogni, speranza ed alcune certezze. Giusy è una giovane donna solare e piena di passioni: sa quello che vuole e quello che ama. Profondamente. Pienamente.

Benvenuta sulle nostre pagine, Giusy! Chi sei? Presentati pure ai nostri lettori!

Ciao a tutti, mi chiamo Giusy Ianniello, ho 24 anni e mi occupo di arte e fumetti sin da quando ne avevo 19. Attualmente, mi sto occupando prevalentemente di fumetto e illustrazioni per il web e devo dire che questo canale d’espressione mi garba molto, anche se è poco remunerativo (ride).

Cosa vuoi portare al mondo con la tua arte? E se dovessi scegliere tra il disegno e la sceneggiatura di opere grafiche cosa sceglieresti?

Una domandina facile facile.  Diciamo che punto ad esprimere I miei sentimenti, nella loro complessità e ambivalenza. Soprattutto, mi piace interpretare soggetti controversi e carichi di sfaccettature. Per dirla in modo semplice, mi piacciono I “non buoni”, ma non i “cattivi cattivissimi”. Vorrei che le persone si ascoltassero di più e raccogliessero anche quei sentimenti che è doloroso toccare con mano senza condannarli o reprimerli. Trovo che l’arte sia un ottimo modo per guardare dentro se stessi senza darsi a tutti I costi le risposte che la società richiede. Continua a leggere “Intervista a Giusy Ianniello: quando l’arte si fa donna… di Stefano Labbia.”

111 luoghi: c’è anche Casale Monferrato. Appello ai fotografi appassionati del territorio

111 luoghi: c’è anche Casale Monferrato. Appello ai fotografi appassionati del territorio

Casale Monferrato

Il Comune di Casale Monferrato è stato scelto da Alessandro Martini eMaurizio Francesconi (autori del volume 111 luoghi di Torino che devi proprio scoprire), come protagonista da inserire nel volume 111 luoghi di Langhe, Roero e Monferrato che devi proprio scoprire.

Per questo motivo, i due autori hanno richiesto immagini della Gipsoteca Bistolfi, della Cattedrale (Sacrestia Aperta, Nartece e sottotetti), della Sinagoga e Musei Ebraici, del Paraboloide, del Parco Eternot e Vivaio Eternot.

Il Comune ha deciso di cogliere l’occasione per costituire un archivio fotografico che sarà disponibile in licenza Creative Commons al quale potranno partecipare i fotografi, anche dilettanti, che decideranno di inviare scatti dei soggetti sopra elencati e anche altri soggetti a discrezione, tutti riguardanti il patrimonio artistico, storico e naturalistico casalese. Continua a leggere “111 luoghi: c’è anche Casale Monferrato. Appello ai fotografi appassionati del territorio”

Fine settimana dedicato al patrimonio di architettura industriale: il Paraboloide si riaccende

Fine settimana dedicato al patrimonio di architettura industriale: il Paraboloide si riaccende

Casale Monferrato: In occasione della Giornata Nazionale Delle Miniere didomenica 27 maggio si terranno diversi eventi dedicati alla valorizzazione del patrimonio delle architetture legate all’industria del cemento in Monferrato.

Nel fine settimana del 26 e 27 maggio il Paraboloide sarà accessibile al pubblico che lo potrà visitare gratuitamente e in tutta sicurezza. Sabatoalle ore 12, con partenza dalla Ciclofficina di piazza Venezia, i ciclisti di Vento On Tour potranno effettuare in anteprima un visita guidata sui pedali. Alle 16 il Paraboloide verrà quindi aperto a tutti (fino alle 19) e untrenino turistico gratuito accompagnerà gli interessati a percorsi turistici sulle vie del cemento per la città (partenze alle ore 16, 17 e 18). Continua a leggere “Fine settimana dedicato al patrimonio di architettura industriale: il Paraboloide si riaccende”

IL MUSEO DELLA GAMBARINA ALc28° GRAND PRIX BORDINO

IL MUSEO DELLA GAMBARINA ALc28° GRAND PRIX BORDINO

Il museo.png

Alessandria. Il Museo partecipa, con l’ormai caratteristico gruppo delle figuranti piccole e grandi donne, ai due appuntamenti, quello del 25 e quello del 27 maggio 2018, al 28° Grand Prix Bordino. Coordinate la sfilata con gli abiti d’epoca del Museo Luciana Lasagna.

Il 25 partendo alle 9 circa da Piazza della Gambarina, alcune deliziose bambine indossanti gli abiti della Prima Comunione di un tempo, sulle prestigiose automobili del Circuito Bordino, percorreranno via San Lorenzo, arrivando in piazzetta della Lega, dove avverrà la presentazione ufficiale del Veteran Car Club P. Bordino.

In sfilata le bimbe della Prima Comunione di tanti anni fa, con le Madrine elegantissime sulle splendide automobili.

In Piazza Garibaldi il 27 maggio si svolgerà la sfilata ufficiale delle auto d’epoca, questa volta con le indossatrici degli abiti facenti parte della collezione Museale. Il tutto sempre sotto la guida di Luciana Lasagna.

Il Veteran Car Club P.Bordino, la storia

Il Veteran Car Club P.Bordino, la storia

ok dic Bord_Info

Alessandria: Il Veteran Car Club P.Bordino nasce in Alessandria nel 1983, in memoria dell’asso del volante Pietro Bordino che perse la vita durante le prove del Circuito di Alessandria nell’aprile del 1928. Il sodalizio riunisce collezionisti, appassionati e simpatizzanti di autovetture, motoveicoli e veicoli vari che per il loro particolare interesse storico-tecnico sono meritevoli di restauro e conservazione, quale prezioso patrimonio culturale della Nazione.

Il Club, in questa ottica, svolge tutte le attività utili per il raggiungimento dello scopo sociale, patrocinando manifestazioni di veicoli d’epoca, incontri tra i soci, favorendo scambi di informazione e di materiali relativi ai veicoli collezionati. Il Club organizza incontri e collaborazioni con sodalizi analoghi sia in Italia sia all’estero, attenendosi in tali rapporti alle prescrizioni dell’ASI (Automotoclub Storico Italiano) del quale è federato.

Il Sodalizio è gestito operativamente da un Direttivo, eletto con cadenza quadriennale dall’Assemblea dei soci, a capo del quale è insediato il Presidente, eletto dal Direttivo. Il Veteran Bordino fa parte dell’ASI (Automotoclub Storico Italiano), ente che si occupa a livello nazionale della tutela del motorismo storico.

Grand Prix Bordino Ritorna in Alessandria dal 25 al 27 maggio

Grand Prix Bordino Ritorna in Alessandria dal 25 al 27 maggio

dic conferenzadef

L’ultimo fine settimana di maggio, Alessandria e provincia si trasformeranno per tre giorni nella capitale dei motori. Un appuntamento atteso dai cittadini e non solo. Centinaia di persone arriveranno per vedere le splendide autovetture, tutte rigorosamente costruite entro il 1968, che da venerdì pomeriggio popoleranno il cuore della città: piazzetta della Lega.

Un evento da non perdere per tutti gli appassionati e curiosi che, da vicino, potranno ammirare esemplari unici provenienti dalle collezioni private e dai musei, godendo dello spettacolo offerto da vari artisti tra i quali le mitiche alessandrine Sweet Dolls che proporranno, sia il venerdì sia la domenica, un repertorio di alto livello.

Continua a leggere “Grand Prix Bordino Ritorna in Alessandria dal 25 al 27 maggio”

Il Paraboloide, cuore del museo diffuso dedicato al patrimonio archeologico industriale monferrino, torna a pulsare

Fine settimana dedicato al patrimonio di architettura industriale: il Paraboloide si riaccende

Il progetto “Il Paraboloide di Casale Monferrato: da silos a centro culturale della memoria dell’industria del cemento”, che nei mesi scorsi era stato tra quelli selezionati dalla Compagnia di San Paolo per la call “Polo del 900”, oggi diventa una realtà che appartiene alla collettività. Il progetto è stato l’unico nella Provincia di Alessandria a essere finanziato e il contributo ha dato modo di avviare una collaborazione fattiva che, creando una rete fra i soggetti che già si occupavano del tema, valorizza l’archeologia industriale e restituisce oggi un lavoro di produzione culturale che diventa patrimonio permanente del territorio del Monferrato.

Il progetto vede il Comune di Casale Monferrato come capofila in collaborazione con Associazione Culturale Il Cemento, Associazione OperO, Parco Fluviale del Po e dell’Orba. Grazie al finanziamento di Polo del ‘900|Compagnia di San Paolo, è stato ampliato il museo diffuso esistente (dedicato appunto a questa storia industriale italiana ancora prima che monferrina e che racconta l’impatto sullo sviluppo economico industriale e soprattutto sociale degli abitanti del Monferrato Casalese) e valorizzato il Paraboloide di Casale Monferrato, simbolo assoluto della storia del cemento, tassello significativo della storia del lavoro e dell’uomo nel corso del ‘900, soprattutto se contestualizzato al “boom economico” del dopoguerra, che ha visto l’Italia protagonista dello sviluppo europeo. Continua a leggere “Il Paraboloide, cuore del museo diffuso dedicato al patrimonio archeologico industriale monferrino, torna a pulsare”

L’ ARATRO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

L’ ARATRO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

33112956_382715585567819_5336994673464442880_o

L’ ARATRO

Come un aratro affilato
rivolto le zolle
dei miei sterili pensieri.
Apro la mente indurita
e la rendo friabile.
Sradico ciò che non serve
e lo scaglio lontano.
Marcirà lungo gli argini remoti.
Poi finalmente mi affido
al robusto rastrello della ragione.
Riassesto tutto, spianando ogni cosa.
Comprendo adesso
che solo squassando la vita
le si offre un motivo per rinascere.

Mariangela Ottonello 21/05/2018 (foto mia)

TU SEI Il MIO DESTINO, di Ester Mastroianni

TU SEI Il MIO DESTINO, di Ester Mastroianni

33305573_944014009091567_762473818798161920_n

TU SEI Il MIO DESTINO

Notte di luna calante
tu sei il mio destino
perché non mi parli d’amore..
ritornerai a brillare?

Forse, semplicemente non ami
la notte solitaria
senza le stelle comete …
e la fantasia che mi appartiene
un po’ triste
di questo mio sentire

Forse domani
ci sarà nell’aurora
un richiamo di cerbiatto
a distrarmi
dalle sciocche paure
Cercherò il suo nascondiglio
in una catarsi di luce
che rinnova i colori

E sarò quel mutare
di farfalla
minuscola meteora d’infinito,
mai l’insulsa Musa
dal dolce frutto
dentro il Lete delle illusioni!

Insieme
risaliremo dal botro
fino ai lembi dorati dell’aurora
e la poesia nuova
del mattino
sboccerà
con le parole delle mie labbra.

foto web

Amarcord, di Antonietta Fragnito

Amarcord, di Antonietta Fragnito

33606483_467059383749631_4750024136187707392_n

Amarcord

Loro erano parte di noi.
Ogni tanto se ne uscivano di soppiatto
nell’ asfissia dei pollini del loro cielo.
Lei era una rondine
in una Terra senza argini.
Masticavano ghiaia.
Scorticavano il cielo.
Uscivano indifesi.
Ognuno dei due
divorava il tempo dell’ altro.
Forse erano amanti
Forse semplici nemici
Lui aveva appuntato sulla bocca la narcosi della seduzione.
Brindavano tutto il tempo pazienza seduttiva . Continua a leggere “Amarcord, di Antonietta Fragnito”

Cespuglio di rose e spine, di Grazia Torriglia

Cespuglio di rose e spine, di Grazia Torriglia

Questo slideshow richiede JavaScript.

Cespuglio di rose e spine
questa vita che mi trascino
al limite della sopportazione
tra ferite di graffi e morsi
cadute e risalite.

C’è troppa stanchezza anche se con anima ribelle
ho lottato e superato ,
ora mancano le forze e la volontà cede.

Troppo avverso fu il seme
che mi portò a vivere
e le stelle non mi furono amiche ,
non è mio questo inutile procedere
nel limbo che mi circonda .

gt@

I SOGNI NON SI AVVERANO, di Antonio Solimand

I SOGNI NON SI AVVERANO, di Antonio Solimand

I SOGNI NON SI AVVERANO
,i sogni vagano nella mente
Le parole fanno parte del pensiero,
I sogni non vengono nel dormire
Se chiudi gli occhi e ti senti sveglio
Non c’è seguito , del.sogno
meglio a volte sognare
ad occhi aperti ,perché son frutti
Di un immaginazione .
Con tanta fantasia ,a volte magari qualche sogno si avverano
E si pensa che tutti diventano realtà
Non pensare che tutti i sogni si avverano.
I SOGNI NON SI AVVERANO.

A.S.

In una dimora di luna, di Sabyr

In una dimora di luna, di Sabyr

In una dimora di luna

La musa folle

In una dimora di luna

Dal baratro risalgo la china
strappando a mani nude
la terra dai freddi crinali.
Ho visto gli inferi
solo negli occhi degli uomini,
soltanto in una scheggia di specchio.
Le guerre più crude
le ho combattute con me
mio primo alleato
mio primo avversario,
ed ho vissuto dovunque
cercando posti
che mi assomigliassero.
Non sopporto più
il respiro grave dei fiumi avvelenati,
la furia cieca delle correnti
dove annaspano i miei sogni,
e questo pianeta stanco di noi
che si scrolla di dosso le pulci.
Forse per me è tempo di migrare
in uno spazio esente
dalle nostre miserie
e addormentarmi dolcemente
in una dimora di luna.

Sabyr

Al Teatro Ambra di Alessandria “Cosa esser tu?”, spettacolo conclusivo del progetto-laboratorio “Teatro nello spazIO 2018”

Al Teatro Ambra di Alessandria “Cosa esser tu?”, spettacolo conclusivo del progetto-laboratorio “Teatro nello spazIO 2018”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Mercoledì 30 maggio, alle ore 17, al Teatro Ambra di Alessandria andrà in scena lo spettacolo conclusivo del progetto-laboratorio “Teatro nello spazIO 2018”, percorso teatrale creato con lo scopo di integrare persone con disabilità e normodotati in un contesto artistico.

Lo spettacolo, dal titolo “Cosa esser tu?” si rifà alla celebre favola scritta da Lewis Carroll “Alice nel paese delle meraviglie”. Attraverso dieci ambientazioni create dai partecipanti al progetto, si cerca di affrontare il tema della diversità e dell’accettazione di quest’ultima, quale risorsa fondamentale per la felicità dell’essere umano.

Protagonisti dello spettacolo saranno i ragazzi partecipanti al laboratorio svoltosi in questi mesi, durante il quale sono stati guidati da insegnanti ed educatori per entrare in una relazione autentica con ciò che comunemente è etichettato come “diverso”. Continua a leggere “Al Teatro Ambra di Alessandria “Cosa esser tu?”, spettacolo conclusivo del progetto-laboratorio “Teatro nello spazIO 2018””

Balduzzi: Csm e media. In difesa di moderazione ed equilibrio (non dell’equilibrismo)

Balduzzi: Csm e media. In difesa di moderazione ed equilibrio (non dell’equilibrismo)

balduzzi Pane-e-giustizia-24-maggio-2018

“In un’epoca in cui sembra prevalere la tendenza a una comunicazione forzata e gridata, o comunque semplificata o semplicistica, la decisione del Csm di elaborare linee guida per l’organizzazione degli uffici giudiziari ai fini di un’informazione pubblica corretta ed efficace non può passare sotto silenzio”. Ce ne parla Renato Balduzzi nella rubrica Pane e giustizia in edicola oggi su Avvenire.

Per leggere il testo dell’articolo, clicca sul seguente link: Pane e giustizia – 24 maggio 2018.

Ufficio stampa del prof. Renato Balduzzi

www.renatobalduzzi.com

PUR SEMPRE UN FIORE, di Antonio Solimand

PUR SEMPRE UN FIORE, di Antonio Solimand

PUR SEMPRE UN FIORE

PUR SEMPRE UN FIORE
Sono nato come tanti
Anche se rosa non sono
Sono solo un giglio
Non ho spine ne appiglio
Ma come una rosa
Faccio parte di una sposa.
Mentre una farfalla
su di me si posa,
Senza una scusa
Anche se non sono una rosa
Mi prendo il profumo
Lasciando una scia immensa
nell’aria con il suo odore
E un regalo che dono di cuore
Con passione e con ardore
Con la purezza e con calore
Di un’ amore.
Anche se non sono una rosa
Ma son sempre un fiore
Con simbolo d’amore.

A.S.

Figata di Figaro, di Pietro Saglimbeni

Figata di Figaro, di Pietro Saglimbeni

figata

Figata di Figaro

Spiraglio di vento sconvolge
ogni indizio,
capelli sparpagliati
rimescolio di DNA
senza contatto di sesso;
Giuseppe, il barbiere
è un complice
ritocca basette, sfoltisce sopracciglia;
sulle tracce evidenti di balsami
e creme profumate;
via la tovaglia con mossa torera,
et voilà!
Vola un complimento spietato
dieci anni di credito…
ma così torno subito…!

P.S.

VOLO D’OMBRA, di Domenico Turco

VOLO D’OMBRA, di Domenico Turco

VOLO D’OMBRA

La parola imprigionata nel petto
è farfalla in mezzo a sbarre di ferro:
nessun fuoco di voce né l’ardore
di un nuovo canto da cantare al vento.

Silenzio e freddo, vuoto
immane tra le pieghe della mente
– orizzonti sorgono dalla notte
buia ribelle all’arco dei colori.

Folle l’Ossessione per la Bellezza
percuote come sferza
maligna tortuosi sensi e pensieri,
avvampa il fuoco dov’era la brina
cristallina, nel tempo
senza misura di un’attesa cupa,
volo d’ombra che accende la paura…

Di Domenico Turco – Proprietà letteraria riservata©

Inaugurazione opera “IL DONO” dell’artista Giuliano Saba

Inaugurazione opera “IL DONO” dell’artista Giuliano Saba

Invito cerimonia_Inaugurazione scultura AIDO_25 maggio 2018 ore 10.jpg

Alessandria, venerdì 25 maggio 2018, ore 10.00 all’ex-Taglieria del Pelo via Wagner 38/d – Alessandria

INAUGURAZIONE DELL’OPERA “IL DONO” dell’artista Giuliano Saba

L’opera — donata dalla Sezione Provinciale A.I.D.O. di Alessandria all’Amministrazione Comunale — viene inaugurata in prossimità della “Giornata Nazionale della Donazione degli Organi” (che si celebra il 27 maggio, così come stabilito dal Decreto del Ministero della Salute del 18.01.2018) per sottolineare la cultura della donazione che va alimentata proprio come un “dono” ed è simbolicamente collocata in un luogo dal profondo significato storico-urbanistico e sociale della Città quale l’ex-Taglieria del Pelo della Borsalino: ora luogo di incontri, di riflessioni culturali e, da parte dei fruitori, di reciproca “donazione” di tempo, pensieri, idee… per crescere sempre di più come Comunità cittadina.

Alessandria, 23 maggio 2018

Nadia Biancato Presidente A.I.D.O. – Sez. Prov.le di Alessandria

Gianfranco Cuttica di Revigliasco Sindaco della Città di Alessandria

Afflato, di Giuseppe Buro

Afflato, di Giuseppe Buro

afflato

Afflato

Le mie battaglie le combatto da solo
se vinco o se perdo non chiedo
impacchi e cure, con il tempo con
il sole e la brezza vanno via.

Se arriva un pensiero lontano, se
dalle stelle arriva una luce, un debole
suono, allora mi fermo a pensare e
nel vento lancio un appello.

Ogni persona di buon senso comprende
un briciolo d’amore, capisce i sogni e non
parla del tempo, non chiede dove vai, ma
si ferma ad ascoltare.

Era sul far della sera quando udii un
sibilo di vento, un afflato stanco da
debole distanza, chiamava a raccolta
i sogni e non s’avvedeva della ruga
del tempo.

@ Giuseppe Buro

ECCOMI, Antonella Ariosto

ECCOMI, Antonella Ariosto

eccomi

ECCOMI

Eccomi soni qui
nonostante le mie paure
nonostante le insicurezze
che la vita continuamente mi regala

Eccomi con il mio più bel sorriso
a coprire lacrime antiche

Eccomi forte e coraggiosa
a combattere fantasmi mai vinti
Nei meandri più lontani
della mia mente lì nascondo
ma sornioni riemergono
a loro piacimento.
Continua a leggere “ECCOMI, Antonella Ariosto”

VER PARA CREER, di Manuel Echegaray

VER PARA CREER, di Manuel Echegaray

ver

Nunca había creído en los platillos voladores, ni en hombrecitos verdes que venían de las estrellas; nunca, hasta que esa tarde vio atónito como un disco brillante bajaba del cielo para posarse suavemente sobre el pasto: se abrió una escotilla y ante sus ojos asombrados salieron tres seres pequeños que no parecían hombres y eran de color azul profundo. 

No pudo creer lo que estaba viendo, pero no tendría a quién contárselo, porque se lo llevaron. 

Imagen:  galeria.dibujos.net

MANUEL ECHEGARAY.

BLOGS: manologo.wordpress.com

eltigredepapel.wordpress.com

VEDERE per CREDERE, dì Manuel Echegaray

Non avevo mai creduto in dischi volanti o in piccoli uomini verdi venuti dalle stelle; mai, fino a quel pomeriggio, vide sbalordito come un brillante disco scese dal cielo per riposare dolcemente sull’erba: un portello si aprì e davanti ai suoi occhi attoniti scesero tre piccoli esseri che non sembravano uomini e erano di un blu profondo.

Non poteva credere a quello che stava vedendo, ma non avrebbe avuto nessuno con cui parlargli, perché lo portarono via.

Quell’attimo fuggente, di Francesco Mastrolegno Cau

Quell’attimo fuggente, di Francesco Mastrolegno Cau

Quell'attimo fuggente

Quell’attimo fuggente

Tra il sacro e il profano,
ci sono momenti nella vita
che non vuoi dimenticare,
altri che non vorresti lasciar andare,
ma non una vita tanto lunga
la memoria non si prolunga.
Cogliendo l’attimo importante
A dir poco rilevante,
cogliendo un po’ di tutto
anche quando
hai rimosso a muso duro
mandando a fan culo
perché non ti senti sicuro ,
completando con un trucco
per uscire dal quel tunnel
nascosto li nel bosco
dietro un asfodero .
Se poi avanza qualcosa
metti il pensiero che nessuno osa
perché la vita e altra cosa.
Anche se stupido o imbarazzante,
quel momento è importante
sarà di certo rilevante
e un discorso mica serio
dove finisce il bene e il male
ma ti devi anche fermare.

Francesco Cau
Poeta dislessico
Diritti riservati

Presentazione del libro “Il Piccolo Sonno” di Erica Boffi alla Biblioteca Civica “Francesca Calvo”

Presentazione del libro “Il Piccolo Sonno” di Erica Boffi alla Biblioteca Civica “Francesca Calvo”

evento Locandina presentaz libro Erica Boffi_Biblioteca Civica Alessandria_26-05-2018

Alessandria: Sabato 26 maggio 2018 alle ore 10.30 è in programma la presentazione del libro “Il Piccolo Sonno” di Erica Boffi.

L’incontro — che si svolgerà nella Sala Bobbio della Biblioteca Civica “Francesca Calvo” di Alessandria (piazza Vittorio Veneto) alla presenza dell’autrice — è organizzato dalla Biblioteca Civica e intende proporre alla cittadinanza storie e presentazioni di particolare suggestione.

L’evento prevede anche la partecipazione di Fulvia Maldini che leggerà alcune pagine del libro.

Il romanzo immagina un futuro molto vicino in cui si possono facilmente riconoscere meccanismi del nostro presente e del nostro passato. Continua a leggere “Presentazione del libro “Il Piccolo Sonno” di Erica Boffi alla Biblioteca Civica “Francesca Calvo””

Alessandria today presenta ai suoi lettori Giovanni Sepe, poeta partenopeo, e la sua prima silloge “Il peso della luce” edita da “Controluna”

giovanni-sepe

I versi di Giovanni Sepe colpiscono e avvincono perché essenziali e profondi. Sono squarci di vita vissuta, un viaggio che attraverso i meandri dell’anima, conduce verso la luce interiore che sembra assumere peso e spessore perché frutto della sofferenza e, quindi,  conquistata a fatica.

Per farlo meglio conoscere ai lettori di Alessandria today, pubblico la sua biografia e tre delle poesie tratte dalla sua prima silloge edita da Controluna “Il peso della luce” che potrete acquistare on-line tramite LaFeltrinelli al seguente link:

https://www.lafeltrinelli.it/libri/giovanni-sepe/peso-luce/9788885791121?utm_source=Google-shopping&utm_campaign=comparatori&utm_medium=cpc&utm_term=9788885791121&zanpid=2434716574541140992&gclid=CjwKCAjwxZnYBRAVEiwANMTRX5iGwEK5I70b_y0PO4zUDUiUXPUp0gEdwVMJ_VEEDLYvchcMI4LgYhoCP6sQAvD_BwE

Silvia Cozzi

***************

Nato a Napoli nell’aprile del 76′ da padre operaio e madre casalinga. I primi anni li trascorre ai quartieri spagnoli, e in seguito all’evento sismico del’80 alla Riviera di Chiaia, in via Giovanni Bausan dove ebbe i natali il grande Eduardo De Filippo.

Dopo pochi anni segue i vari trasferimenti della famiglia nella più tranquilla provincia.

Studia e si diploma all’ i.t.i.s. Come perito elettrotecnico, per poi imparare il mestiere che tutt’ora svolge: l’elettricista. Continua a leggere “Alessandria today presenta ai suoi lettori Giovanni Sepe, poeta partenopeo, e la sua prima silloge “Il peso della luce” edita da “Controluna””

Intervista a Giusy Ianniello: quando l’arte si fa donna… di Stefano Labbia.

Intervista a Giusy Ianniello: quando l’arte si fa donna… di Stefano Labbia.

Giusy Ianniello

unnamed-1unnamed

Giusy Ianniello è una giovane illustratrice italiana attiva soprattutto nel mondo dei comics. L’abbiamo incontrata e quello che segue è un’intervista sincera, piena di sogni, speranza ed alcune certezze. Giusy è una giovane donna solare e piena di passioni: sa quello che vuole e quello che ama. Profondamente. Pienamente.

Benvenuta sulle nostre pagine, Giusy! Chi sei? Presentati pure ai nostri lettori!

Ciao a tutti, mi chiamo Giusy Ianniello, ho 24 anni e mi occupo di arte e fumetti sin da quando ne avevo 19. Attualmente, mi sto occupando prevalentemente di fumetto e illustrazioni per il web e devo dire che questo canale d’espressione mi garba molto, anche se è poco remunerativo (ride). Continua a leggere “Intervista a Giusy Ianniello: quando l’arte si fa donna… di Stefano Labbia.”

“Il canone della Via e della Virtú”, di Francesco Roat

“Il canone della Via e della Virtú”, di Francesco Roat

“L’ottica dell’opera non è peraltro esclusivamente di tipo teologico-religioso, ma mira ad articolare una strategia retorico-concettuale indirizzata a una prassi che suggerisce come guardare al mondo, prendersi cura del singolo e al contempo gestire un’assennata politica governativa.

L’antico testo intitolato Daodejing ovvero Il canone della Via e della Virtú ‒ attribuito al saggio cinese Laozi, ma quasi certamente compilato da più autori, a partire dal IV-III secolo a.C., e ormai alquanto noto in tutto l’Occidente ‒ costituisce un’opera di altissima levatura spirituale e letteraria, che è stata assurta a scrittura canonica per eccellenza del cosiddetto daoismo o taoismo.

Il registro espressivo che la caratterizza, all’insegna d’un peculiarissimo afflato mistico, è un icastico lirismo giocato tra il filosofico ed il sapienziale e delineato poeticamente tramite una lunga serie di aforismi che ‒ sottolinea Attilio Andreini: il traduttore/curatore della recente e pregevole edizione del Daodejing, pubblicata da Einaudi ‒: “evoca con forza iperbolica radicale, tanto per eccesso che per difetto, i più remoti misteri del cosmo e della dimensione umana, senza tuttavia tradurne le logiche in forma compiuta”.

Continua a leggere ““Il canone della Via e della Virtú”, di Francesco Roat”

DIETRO I VETRI, di Miriam Maria Santucci autrice

DIETRO I VETRI, di Miriam Maria Santucci autrice

33232548_2067317633525212_7150105720082399232_n

DIETRO I VETRI
di Miriam Maria Santucci

Mi soffermo a riflettere sulla vita che scorre,
accanto al davanzale della finestra.
Ero giovane quando ti vidi per l’ultima volta.
In questo interminabile tempo, passato in un soffio,
ho costantemente pensato a te
che non giungesti alla mia età.
Guardo dietro i vetri il riflesso della mia immagine,
così straordinariamente simile alla tua.
Per un attimo m’illudo che sia tu accanto a me.
Sfioro lievemente il vetro con le mani anziane
e vorrei abbracciarti, madre mia!

Poesia tratta dalla raccolta “Oltre l’Orizzonte”

© Copyright 2018 – Miriam Maria Santucci

” AFFIDO ALLA LUNA “, di Rosella Lubrano

” AFFIDO ALLA LUNA “, di Rosella Lubrano

33442876_900812393439700_1733858703754395648_n

” AFFIDO ALLA LUNA “

Affido alla luna

gli echi

di un cuore ribelle,

trascinando i se e i ma

lungo galassie

di un non vivere

di un non credere

più alle favole.

Brandelli di pensieri

come tele di ragno

s’ insinuano

nei ricordi

di una vita sbiadita

dal tempo,

illusioni dipinte negli occhi

schiaffeggiano il mio io

e amaro è il naufragare

tra gli scogli

di nostalgici ricordi. Continua a leggere “” AFFIDO ALLA LUNA “, di Rosella Lubrano”

“Il Pappagallo e il Doge” di Alberto Sinigaglia: presentazione all’Acsal

Di Maria Luisa Pirrone

Domani alle 18 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo verrà presentato l’ultimo libro di Alberto Sinigaglia “Il Pappagallo e il Doge” (Biblioteca dei Leoni, 2017). Dialogheranno con l’Autore Giorgio Barberis, Marco Caramagna e Barbara Rossi. L’evento, a ingresso libero, è organizzato da Associazione La Voce della Luna, Associazione Cultura e Sviluppo e Circolo Provinciale della Stampa.

Continua a leggere ““Il Pappagallo e il Doge” di Alberto Sinigaglia: presentazione all’Acsal”

FAI: Gita a Manta e Staffarda

FAI: Gita a Manta e Staffarda

Alessandria: Cari tutti, vi proponiamo una splendida giornata con visite specialmente dedicate a noi del FAI.

Prenotatevi! Ancora un po di posti.

MARTEDÌ 29 MAGGIO :

I gioielli del Marchesato di Saluzzo,  il Castello della Manta e l’Abbazia di Staffarda

La Delegazione FAI di Alessandria organizza  una visita culturale   al Castello della Manta ed alla Abbazia di Staffarda.

Programma : ritrovo ad Alessandria (in Piazza Garibaldi davanti alla Banca San Paolo ) alle ore 6.50 e partenza alle ore 7.00.

Sistemazione in pullman GT e partenza per il Castello della Manta, situato a poca distanza da Saluzzo (km 100 circa da Alessandria) Continua a leggere “FAI: Gita a Manta e Staffarda”

Iniziativa teatrale Alessandrini, storia da questo mondo – Borgo del teatro

Iniziativa teatrale Alessandrini, storia da questo mondo – Borgo del teatro

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alessandria: Spett.li testate radio giornalistiche sono Luigi Di Carluccio della compagnia Gli Illegali di Alessandria e volevo segnalarvi la nostra iniziativa teatrale Alessandrini, storie da questo mondo per il progetto Borgo del Teatro. L’iniziativa è un’operazione di conoscenza culturale in cui quindici persone con esperienza di migrazione, svolta in tempi e modi diversi, entreranno in contatto intimo con lo spettatore. Borgo del Teatro, finanziato dalla Fondazione SociAL, intende realizzare un polo culturale alternativo permantente presso il Chiostro di Santa Maria di Castello. Di seguito vi invio il comunicato stampa del progetto e in allegato tutte le info e le foto dell’iniziativa. 

Luigi Di Carluccio

Compagnia Teatrale Gli Illegali Via Santa Maria di Castello 25 Alessandria

Sito web: http://www.illegali.it

Email: info@illegali.it

Pec: info@pec.illegali.it

Facebook: https://www.facebook.com/glillegali/

Alessandrini, storie da questo mondo

Progetto Borgo del Teatro
Iniziativa teatrale ideata da Compagnia Gli Illegali e Associazione BlogAL

Domenica 27 maggio 2018.
Tre repliche ore 15.30 – 17.00 – 18.30

Durata della singola replica 45 minuti

Chiostro di Santa Maria di Castello, Piazza Santa Maria di Castello 14, Alessandria. (In caso di maltempo Sala dell’Affresco del Chiostro di Santa Maria di Castello) Continua a leggere “Iniziativa teatrale Alessandrini, storia da questo mondo – Borgo del teatro”

Sabato al Castello Carlot-ta in concerto

Sabato al Castello Carlot-ta in concerto

Carlot-taCarlot-ta2

Trenino gratuito da e per il Paraboloide

Casale Monferrato: Sabato 26 maggio, alle ore 22, nel cortile del Castello del Monferrato, si terrà il concerto gratuito Murmure con la giovane cantautrice Carlot-ta, tra i più promettenti talenti del panorama nazionale. La sua musica, costruita attorno a un pianismo classicheggiante ma energico, può essere descritta come sintesi di un songwriting complesso, formale e un puro spirito pop. Contestualmente, per permettere la fruizione dell’altro grande appuntamento in programma per la serata, la grande installazione ambientale del Paraboloide con cicli di proiezione curati da Ugo Pitozzi, Tommaso Rinaldi, Aurora Mulas, Nicolò Rinaldi e Stefano Bendato (inizio ore 21,30), sarà in funzione, per collegare i due punti della città, un trenino turistico gratuito.

Murmure è il nuovo album della cantautrice e pianista ventisettenne Carlot-ta, al secolo Carlotta Sillano. Il disco, uscito a marzo 2018 per Incipit Records/Egea Music raccoglie 11 canzoni originali per organo a canne, voce, percussioni ed elettronica. Realizzato con il contributo di SIAE e MiBACT, l’album è stato registrato tra Italia, Svezia e Danimarca ed è prodotto da Paul Evans, parte del team del Greenhouse Studio di Reykjavik che annovera tra le sue produzioni album di Bjork, Sigur Ros, Damon Albarn, Cocorosie e molti altri. Continua a leggere “Sabato al Castello Carlot-ta in concerto”

Presentazione del libro “Il Pappagallo e il Doge” di Alberto Sinigaglia

Presentazione del libro “Il Pappagallo e il Doge” di Alberto Sinigaglia

Il Pappagallo e il Doge Alessandria

Alessandria. Venerdì 25 maggio alle ore 18.00, presso l’Associazione Cultura e Sviluppo, Piazza De Andrè 76, Alessandria, verrà presentato l’ultimo libro di Alberto Sinigaglia “Il Pappagallo e il Doge” (Biblioteca dei Leoni, 2017). Dialogheranno con l’Autore Giorgio Barberis, Marco Caramagna, Barbara Rossi. L’evento è organizzato da Associazione La Voce della Luna, Associazione Cultura e Sviluppo e Circolo Provinciale della Stampa. Ingresso libero.


Il libro tratta di storie di una vita, attraversata e determinata dalla lunga professione di giornalista: incontri, amicizie, esperienze straordinarie in giro per l’Italia tra Venezia, la città natale, e Torino, sede della “Stampa”, passando per Roma e Milano e tanti altri luoghi. Alberto Sinigaglia ha un talento innato del raccontare e ciascuna delle sue storie ha la ricchezza e la densità di un romanzo.
Continua a leggere “Presentazione del libro “Il Pappagallo e il Doge” di Alberto Sinigaglia”

IL MUSEO DELLA GAMBARINA ALc28° GRAND PRIX BORDINO

IL MUSEO DELLA GAMBARINA ALc28° GRAND PRIX BORDINO

Il museo.png

Alessandria. Il Museo partecipa, con l’ormai caratteristico gruppo delle figuranti piccole e grandi donne, ai due appuntamenti, quello del 25 e quello del 27 maggio 2018, al 28° Grand Prix Bordino. Coordinate la sfilata con gli abiti d’epoca del Museo Luciana Lasagna.

Il 25 partendo alle 9 circa da Piazza della Gambarina, alcune deliziose bambine indossanti gli abiti della Prima Comunione di un tempo, sulle prestigiose automobili del Circuito Bordino, percorreranno via San Lorenzo, arrivando in piazzetta della Lega, dove avverrà la presentazione ufficiale del Veteran Car Club P. Bordino.

In sfilata le bimbe della Prima Comunione di tanti anni fa, con le Madrine elegantissime sulle splendide automobili.

In Piazza Garibaldi il 27 maggio si svolgerà la sfilata ufficiale delle auto d’epoca, questa volta con le indossatrici degli abiti facenti parte della collezione Museale. Il tutto sempre sotto la guida di Luciana Lasagna.

Lisòndria 2.0. Alessandria ieri e oggi a confronto.

Lisòndria 2.0. Alessandria ieri e oggi a confronto

Questo slideshow richiede JavaScript.

Esposizione fotografica al Gabinetto delle Stampe del museo civico di Palazzo Cuttica dal 26 maggio al 26 luglio 2018

I volontari del Servizio Civile Nazionale che collaborano con l’Ufficio Cultura del Comune di Alessandria, in occasione dell’850° anniversario dalla fondazione della Città di Alessandria, hanno allestito una mostra fotografica all’interno del Gabinetto delle Stampe di palazzo Cuttica  con l’intento di valorizzare il prezioso materiale custodito negli  archivi della Fototeca Civica.

La mostra fotografica che sarà visitabile dal 26 maggio al 26 luglio (sabato e domenica, dalle 15 alle 19) avrà come protagonista la Città di Alessandria per illustrare le trasformazioni che, in quasi nove secoli di vita, ne hanno modificato, talvolta radicalmente, il volto, in particolare nell’area del centro storico e del quartiere Pista, ponendo a confronto due fotografie, una risalente agli anni ‘30 del secolo scorso ed una dei giorni nostri, ripresa dalla stessa angolazione e prospettiva. Continua a leggere “Lisòndria 2.0. Alessandria ieri e oggi a confronto.”

Intervista a Giusy Ianniello: quando l’arte si fa donna… di Stefano Labbia

Intervista a Giusy Ianniello: quando l’arte si fa donna… di Stefano Labbia

Giusy Ianniello è una giovane illustratrice italiana attiva soprattutto nel mondo dei comics. L’abbiamo incontrata e quello che segue è un’intervista sincera, piena di sogni, speranza ed alcune certezze. Giusy è una giovane donna solare e piena di passioni: sa quello che vuole e quello che ama. Profondamente. Pienamente.

Benvenuta sulle nostre pagine, Giusy! Chi sei? Presentati pure ai nostri lettori!

Ciao a tutti, mi chiamo Giusy Ianniello, ho 24 anni e mi occupo di arte e fumetti sin da quando ne avevo 19. Attualmente, mi sto occupando prevalentemente di fumetto e illustrazioni per il web e devo dire che questo canale d’espressione mi garba molto, anche se è poco remunerativo (ride).

Cosa vuoi portare al mondo con la tua arte? E se dovessi scegliere tra il disegno e la sceneggiatura di opere grafiche cosa sceglieresti?

Una domandina facile facile.  Diciamo che punto ad esprimere I miei sentimenti, nella loro complessità e ambivalenza. Soprattutto, mi piace interpretare soggetti controversi e carichi di sfaccettature. Per dirla in modo semplice, mi piacciono I “non buoni”, ma non i “cattivi cattivissimi”.  Vorrei che le persone si ascoltassero di più e raccogliessero anche quei sentimenti che è doloroso toccare con mano senza condannarli o reprimerli. Trovo che l’arte sia un ottimo modo per guardare dentro se stessi senza darsi a tutti I costi le risposte che la società richiede. Continua a leggere “Intervista a Giusy Ianniello: quando l’arte si fa donna… di Stefano Labbia”

Vuoto e silenzio, di Silvana Fulcini

Vuoto e silenzio, di Silvana Fulcini

vuoto.jpg

Vuoto e silenzio

Dentro a quel vuoto
un silenzio impietoso
fa rumore assordante.
I pensieri si librano in un vortice
di visioni, ora angoscianti,
per quel sì che pronunciasti
quel dì di festa,
quando le campane squillavano
allegre….
Festa…voci…brindisi…musica,
e volavano le sottane, danzando…
e tu, capisti improvvisamente
che quel sì…
avrebbe dovuto essere un no!
Piangesti dentro di te,
per ore, giorni, anni…
ti spogliasti del tuo io,
rimase solo il vuoto,
plasmato da sofferenze
e violenze mentali.
Tu ne facesti dei falò…
ma le ceneri ricaddero su di te.
In balia di tempeste e marosi,
cominciasti a remare,
e ancora, ancora…
trovasti un approdo,
ti sentisti al sicuro
e lì, rimanesti.

@Silvana Fulcini
immagine dal web

IL MUSEO DELLA GAMBARINA ALc28° GRAND PRIX BORDINO

IL MUSEO DELLA GAMBARINA ALc28° GRAND PRIX BORDINO

Il museo.png

Alessandria. Il Museo partecipa, con l’ormai caratteristico gruppo delle figuranti piccole e grandi donne, ai due appuntamenti, quello del 25 e quello del 27 maggio 2018, al 28° Grand Prix Bordino. Coordinate la sfilata con gli abiti d’epoca del Museo Luciana Lasagna.

Il 25 partendo alle 9 circa da Piazza della Gambarina, alcune deliziose bambine indossanti gli abiti della Prima Comunione di un tempo, sulle prestigiose automobili del Circuito Bordino, percorreranno via San Lorenzo, arrivando in piazzetta della Lega, dove avverrà la presentazione ufficiale del Veteran Car Club P. Bordino.

In sfilata le bimbe della Prima Comunione di tanti anni fa, con le Madrine elegantissime sulle splendide automobili.

In Piazza Garibaldi il 27 maggio si svolgerà la sfilata ufficiale delle auto d’epoca, questa volta con le indossatrici degli abiti facenti parte della collezione Museale. Il tutto sempre sotto la guida di Luciana Lasagna.

LAGER, di Francesco Luca Santo

LAGER, di Francesco Luca Santo

LAGER

Io porto la notte
stretta in un pugno
poggiato al petto
Ho mille anni
ma un solo giorno
per vivere ancora
Notte amica del riposo
paura del giorno
mi sei amica
mi sei nemica
complice
assassina
Io ti guadagno
palmo palmo
con lo sterno secco
con le mani ruvide
Lo senti questo silenzio
questo silenzio non è pace
è un requiem lento
tanto lento
è un battito di cuore
che si sta spegnendo
è un vetro rotto
il mio pianto
Notte
hai più parole
di ogni altra ora
più freddo
di ogni inverno
e lei dove l’hai nascosta
starà sentendo questo silenzio
oppure ha già scordato
ma come si fa a scordare
e come si fa a vivere
Io ardo
m’inchino alla sconfitta
e le tue malvagie stelle
mia cara notte
saranno spettatrici
dell’ultimo respiro
qui tra i numeri
tatuati sulla pelle
tra le strisce del mio pigiama
e avrò un sorriso
grande che tu
non potrai mai avere
vergognosa notte

Nascono silenzi, di Giuseppe Buro

Nascono silenzi, di Giuseppe Buro

Nascono silenzi

Nascono silenzi

La notte nel silenzio i pensieri si perdono,
e quel sospiro di vento diventa vitale,
la vita trascorsa, lo stare da solo, il pensiero
costante mi inebria la mente.

Quando intensamente avverto i Silenzi
quando tutto tace e pure la vita si ferma,
sento una leggera brezza che mi raggiunge
alle spalle.

Una malinconia sale su per il crinale
s’affretta a raggiungere quel che rimane,
una fiammella accesa non si spegne
la prendo tra mani come a proteggerla.

Non è distante l’amore, quando il cuore
trova ristoro, tutto inizia a sciogliersi,
come i ghiacci che vanno alla deriva,
tu vieni verso me.

@ Giuseppe Buro

CASALECOMICS & GAMES: MAI COSI’ TANTI MAI COSI’ FORTI

CASALECOMICS & GAMES: MAI COSI’ TANTI MAI COSI’ FORTI

Jpeg

Questo slideshow richiede JavaScript.

Casale Monferrato: Super-ospiti: Sio, Giorgia Cosplay, Daniele Dacco, Nicola Bernardi. Centinaia di espositori tra torrioni e sale dell’antico maniero, quattro mostre, una rapina in banca da sventare e un omaggio a Fred Buscaglione e c’è ancora molto molto altro. 

Pensavate di aver visto tutto nelle prime due edizioni di CasaleComics&Games? Eravate molto lontani dalla verità: al grido di “ci stavamo solo scaldando” gli organizzatori di mON portano al Castello di Casale Monferrato il 16 e 17 giugno la terza puntata della rassegna, mettendo decisamente il boost in fatto di autori, mostre ed eventi.

Una caratteristica che distingue CasaleComics da tutte le altre kermesse dedicate al fumetto è la location: dallo scorso anno l’immenso castello costruito dai Paleologi nel 1400 si è rivelato così suggestivo da essere integrato perfettamente nella scenografia di tutti gli eventi.  Il posto migliore per fotografare i Cosplayer sugli spalti merlati, realizzare combattimenti di Soft Air tra le antiche mura e set per supereroi nelle segrete.  Per non parlare dei giochi: riuscite a immaginare di giocare a Dungeon & Dragons in un vero Dungeon?   Continua a leggere “CASALECOMICS & GAMES: MAI COSI’ TANTI MAI COSI’ FORTI”

Aromi Pietrificati, di Giuseppe Buro

Aromi Pietrificati, di Giuseppe Buro

Aromi Pietrificati

Aromi Pietrificati

Volatili aromi tra l’eco dei miei domani,
fragranza della tua essenza pietrificata
in questa mia esistenza, in questo vuoto
presente.

Tra i flutti ti osservo come gazzella in
un cosmo vuoto, pietrificata nei domani
e mi fa male vedere quei solchi scavati
tra l’oblio del tempo presente.

Dove sarò domani ? non so, ma navigherò
in quello stesso mare nello spazio del restare,
perché fuori dal tempo esistono i posteri
che misurano ogni vanità.

C’è sempre un visitatore che verrà a
scrutare l’imperfetto di quel vivere cruento
di una essenza in riverberi di sogni si stagliano
in ricordi che fu e fluttua l’istante.

@ Giuseppe Buro

Non importa quanto tu sia lontano, di Catherine Morena Ramos

Non importa quanto tu sia lontano, di Catherine Morena Ramos

non importa

Poesia e Serenità

Non importa quanto tu sia lontano.
I legami tra le anime esistono perchè creati dal pensiero.
Fili invisibili che legano ricamando sull’anima
tutto ciò che gli occhi non possono vedere,
e lo trasformano in emozione, in gioia, in dolore.
Anche in ricordo.
In sorriso o in lacrima.
Avviene tutto dentro.
Nei meandri del cuore, nei nascondigli della mente.
E vivono come tatuaggio sulla pelle dell’Anima.
E arrivano Ovunque.
E toccano l’Oltre.
Un pensiero mi lega a Te.
Un pensiero che gli altri chiamano Amore.
Io invece lo chiamo con il Tuo Nome.
Catherine Morena Ramos

Ti sento!, di Emilia Esposito

Ti sento!, di Emilia Esposito

Ti sento!

E’ dolce il tuo ricordo,
chiudo gli occhi e ti immagino.

Sento ancora il tuo profumo,
l’odore forte della tua pelle
inebriarmi i sensi
e mi perdo tra le tue mani
ancora calde di desiderio

Io, testarda, chiudo gli occhi
ti immagino corrermi incontro
e le tue braccia mentre mi sollevi
e mi rincuori e mi sussurri
che il nostro amore è ritornato,
non è mai andato via

Allungo le mani
ti cerco e non ci sei
è stato un miraggio senza sole
la mia immaginazione
persa nel buio della notte
o forse ho solo sognato di te ad occhi chiusi ..
Emilia Esposito…

Canto, di Giuseppe Buro

Canto, di Giuseppe Buro

Poesia e Serenità

Canto

A volte canto una melodia di un amore
perduto,affondato nell’abisso del mare
che non ha fine.

Quella musica dei romantici incalliti
dei ridicoli, che si scherniscono e
credono ancora che l’amore ha un senso.

Quell’amore dei poeti perduti e mai
trovati, poi ritrovati che scrivono lacrime
e sospiri, di un amore andato perso, chissà
dove.

Mi stritolava le ossa quel serpente cruento,
desueto inferno succulento nella carne,
nel contempo non era niente.

Aveva un sapore di tempesta e sola s’aggirava
nel cuore e poi fermava ogni sospiro,
come un forte vento che sbatte e poi si calma.

Quel fuoco lento a poco a poco si è
spento, ora tace la brace e non brucia più
la pelle.

© Giuseppe Buro

VARSAVIA, di Francesco Luca Santo

VARSAVIA, di Francesco Luca Santo

VARSAVIA

Eri sempre dietro al bus, quello blu della statale,
con le unghie laccate e i capelli nelle tasche.
Nessuno ti guardava e lui ti voleva,
e la marmitta emetteva radioattività e bigotte
che forse il giorno prima erano lì al tuo posto
con la minigonna e il rossetto fucsia.
Ma poi è passato pure quel tempo
e tu hai tagliato i capelli e abbassato il bavero del chiodo,
e di chiodi io ne ho fissati uno per ogni parola
che annegava nei miei neuroni.

Menomale che c’è la Marlboro,
non quella light, credo che quella faccia più male
ma il cancro non fa distinzione,
lo compri dallo stato e lo mangi a colazione, a pranzo, a cena
e mentre scopi o forse dopo l’orgasmo.

Chi ha perso questo libro, non ha pagine,
solo una copertina di cuoio
ed un volto che ha l’espressione del poeta.
Continua a leggere “VARSAVIA, di Francesco Luca Santo”

Tu riuscirai?, di Cristina Mihailescu

Tu riuscirai?, di Cristina Mihailescu

Tu riuscirai?

Tu riuscirai?

Spero che tu stia bene
questa notte
che i ricordi
non ti disturberano
che la tristezza
non vagherà nella tua anima
che i pensieri
troverano conforto
nelle braccia giuste
nella tua stanza
e cambiato tutto ora
tra me e te
abbiamo falito
lasciato alle spale
il passato con la rabbia
senza rendere conto
che l’amore c’è stato
fin dal inizio tra noi
ci splendeva in faccia
nei sguardi
ma l’abbiamo brucciato
con tanta indiferenza
con prezudizio
con un orgolio ridicolo
eppure voluto
adesso ho solo
un infinità tristezza
stanchezza dell’anima
per tutto ciò che abbiamo perso
avrai voluto che tra noi
tutto funzionase
e non so come riuscirò
a rassegnarmi
che non è mai succeso
tutto ciò che è stato tra noi
non ci riesco perdonarmi
tu riuscirai?

Cristina Mihailescu

Proprietà Intellettuale Riservata
(Legge n 633 del 1941)

BARRANCO, TIEMPO DE AMAR, di Manuel Echegaray

BARRANCO, TIEMPO DE AMAR, di Manuel Echegaray

Barranco.jpg

Hay muchas historias en mi infancia. 

Vivíamos en una casa grande, llena de rincones oscuros y con vidrios de colores; de muchos colores.

A través de los rojos se veía, porque eran transparentes, pero los otros eran “catedral” y solo dejaban pasar la luz.

En la terraza de abajo poníamos una colchoneta y nos echábamos a leer chistes: El Pájaro Loco, El Conejo Oswaldo, El Capitán Marvel. 

También leíamos “El chico de las dunas” que tenía una cita de San Agustín pegada en la parte de atrás; entonces nos sentíamos en la hacienda, durmiendo bajo los árboles y pescando en el río. 

A la hora de almorzar dejábamos abierta la ventana del comedor para que entrara el aire de mar; lindo el comedor, con su mesa de mantel de hule y varios crujidos.

Nosotros escondíamos las espinacas, tratando que no nos vieran, en el borde de debajo de la mesa. 

Quizá tú te acuerdes de esos días largos de vacaciones en los que bajábamos a la playa y nos poníamos las zapatillas  – “Las de básquet  nomás hermano, mi mamá no me compra de la otras” -, para que las piedras no nos aplastaran los pies… Continua a leggere “BARRANCO, TIEMPO DE AMAR, di Manuel Echegaray”