Parlando di fotografia, di Fioralba Focardi

Oggi vi porto a osservare tre fotografie, vorrei anzi spero che la mia amica Lucia Palmiotto, continuasse a donarci delle sue Fotografie, Lucia in arte Luz, ha un dono sa parlare attraverso le fotografie.

Io scriverò su ogni suo scatto l’emozioni dello sguardo, l’emozione che Luz sa trasmettermi. Spero anche a voi.


In questo scatto, tutta la forza potente del mare nel suo infrangersi sugli scogli, mentre il sole infiamma l’orizzonte, come se l’onda si mettesse in posa. La magnificenza dei colori, rapiti e immortalati in un attimo.
 

In questa fotografia tutto l’oro del tramonto sul placido tremore del mare, brevi brividi di piacere al calar del sole. L’effetto del riverbero come a indicare l’approdo all’imbarcazione, quasi un’ ombra cinese.


La poetica del momento: colori tenui a sfiorare l’orizzonte, mentre gabbiani volano liberi. Il molo nel suo chiaro scuro s’agghinda a incontrare la lanterna che illuminerà la notte.

Le immagini sono di Lucia Palmiotto, LUZ, scorci di Giovinazzo in provincia di Bari.

Fioralba Focardi

Lei non ama il mare, di Grazia Torriglia

lei non

di Grazia Torriglia

Lei non ama il mare

È solo malinconia per lei abitare sul mare
lei lo amava ai tempi delle abbronzature
e delle vacanze in Sardegna dove
l acqua traspare
e la sabbia è morbida accoglienza.

Non ama guardarlo alla finestra
luce di un sole riflesso che invade
la mente
o burrasca rumorosa dai flutti che superano il molo
e s’infrangono brutali alle scogliere
casa dei gabbiani.

E’ solo ricordo di un padre che per mare andava
e non tornava mai per farglielo amare.

Grazia Torriglia @

Mari troppo caldi, di Cristina Saracano

I mari negli ultimi anni si sono scaldati di piu’del previsto.

Dal 1991 a oggi hanno assorbito il 60% in più del calore che era stato calcolato.

Se il mare è più caldo, emette maggiore anidride carbonica, creando danni a persone e aninali.

Da uno studio di ricercatori dell’universita’ di Princeton, che ha coinvolto anche studiosi europei, è emerso tutto cio’.

Bisogna ridurre le emissioni di gas di almeno il 25%, altrimenti saremo destinati ad avere situazioni devastanti per il nostro pianeta.

Gli episodi di maltempo degli ultimi giorni dovrebbero farci riflettere.

Fonte: ansa.it

Camogli. La città dei mille bianchi velieri, della sagra del pesce e della Stella Maris: uno dei borghi di mare più belli e più amati della Liguria

Camogli. La città dei mille bianchi velieri, della sagra del pesce e della Stella Maris: uno dei borghi di mare più belli e più amati della Liguria

Questo slideshow richiede JavaScript.

da: https://www.lamialiguria.i

Un borgo di mare sorto intorno al porticciolo dove oggi attraccano i battelli turistici e i pescherecci. A Camogli il protagonista è il mare, sempre presente in qualsiasi attività ed evento. Si rimane incantati dalla bellezza delle facciate dipinte con colori pastello dei palazzi che chiudono la passeggiata a mare.

Le spiagge sono attrezzate e in ciottoli, quelli che vengono usati anche per i tradizionali risseu in bianco e nero sui sagrati delle chiese: molto bello da vedere quello della Basilica di Santa Maria Assunta a Camogli. Il Castello della Dragonara è un antico castello sul mare, costruito sulle rocce a picco sul mare nel periodo delle invasioni saracene.

A due passi il molo da cui partono i vaporetti per splendide gite sul mare. Tutti gli anni la seconda domenica di maggio si tiene la Sagra del pesce, con frittura nella padella dei guinness.

La prima domenica d’agosto si tiene la Festa della Stella Maris: la sera, migliaia di piccoli ceri vengono accesi e lasciati galleggiare sulle onde del mare per rendere omaggio alla Madonna. Qui si preparano le acciughe sotto sale, delicate e buonissime. Fra Camogli e Punta Chiappa si trova la Tonnarella di Camogli, una delle più antiche in Italia, una delle poche rimaste ancora in attività.

foto mie, Camogli e San Fruttuoso

Coldiretti. Estate: il primo week end di inizio estate ha fatto registrare un trend positivo

Coldiretti. Estate: il primo week end di inizio estate ha fatto registrare un trend positivo

tumblr_nps6f1WIJX1t1prrio1_540

Molto apprezzate le sagre in provincia ma la meta preferita rimane il mare

E, indipendentemente dalla destinazione, è diventato immancabile il souvenir alimentare

Bilancio positivo per il primo week end dopo l’inizio dell’estate che ha fatto registrare l’aumento dell’1% confermando il trend positivo in atto dal 2015.

Chi è rimasto in città ha potuto scegliere tra sagre, musica e iniziative organizzate in ogni parte della provincia.

A fare la parte del leone è il mare per più di 6 italiani su 10 (62%), al secondo posto si classificano le città d’arte a pari merito con parchi, oasi, riserve e la campagna, seguiti dalla montagna. Continua a leggere “Coldiretti. Estate: il primo week end di inizio estate ha fatto registrare un trend positivo”

CANI AL MARE, di emycreazionicani

CANI AL MARE, di emycreazionicani

Ormai tutte le spiagge si sono attrezzate per ospitare i cani, ma quanto costano!!!! è diventata così diffusa la moda di portare il cane ovunque che ormai è diventato un vero business per chi vuole fare soldi facili, a Lignano per esempio una giornata al mare con il cane ti può costare anche 60 euro, hai a disposizione tutti i confort e persino il bar apposito per i cani in cui puoi trovare il gelato per il tuo amico peloso..ma ne vale la pena?

Tutto il giorno al mare sotto il sole, legato al guinzaglio, che sia davvero utile per la salute del cane? Continua a leggere “CANI AL MARE, di emycreazionicani”

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

un-mare-23_marzo_mare_plastica-copia1

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

Casale Monferrato (AL) – venerdì 23 marzo 2018 

Un altro appuntamento letterario organizzato dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino: venerdì 23 marzo, alle ore 18.00, presso la sede operativa di Casale Monferrato (viale Lungo Po Gramsci, 10), ci sarà l’incontro con Franco Borgogno, autore del libro “Un mare di plastica”

Giornalista e scrittore, descriverà la sua esperienza nella missione scientifica che attraverso il passaggio a nord-ovest ha studiato l’impatto ambientale della plastica nei mari e negli oceani del mondo.

Attraverso il racconto del viaggio e dell’esperienza di ricerca, l’autore illustrerà il più diffuso inquinamento moderno, in gran parte ignorato, e indicherà alcune semplici norme di comportamento che possiamo attuare nella vita di tutti i giorni, per non compromettere ulteriormente lo stato di salute del mare. Continua a leggere “UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno”

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest, di Franco Borgogno

un mare 23_marzo_mare_plastica copia.jpg

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

Casale Monferrato (AL) – venerdì 23 marzo 2018 

Un altro appuntamento letterario organizzato dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino: venerdì 23 marzo, alle ore 18.00, presso la sede operativa di Casale Monferrato (viale Lungo Po Gramsci, 10), ci sarà l’incontro con Franco Borgogno, autore del libro “Un mare di plastica”

Giornalista e scrittore, descriverà la sua esperienza nella missione scientifica che attraverso il passaggio a nord-ovest ha studiato l’impatto ambientale della plastica nei mari e negli oceani del mondo. Continua a leggere “UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest, di Franco Borgogno”

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

un mare 23_marzo_mare_plastica copia

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

Casale Monferrato (AL) – venerdì 23 marzo 2018 

Un altro appuntamento letterario organizzato dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino: venerdì 23 marzo, alle ore 18.00, presso la sede operativa di Casale Monferrato (viale Lungo Po Gramsci, 10), ci sarà l’incontro con Franco Borgogno, autore del libro “Un mare di plastica”

Giornalista e scrittore, descriverà la sua esperienza nella missione scientifica che attraverso il passaggio a nord-ovest ha studiato l’impatto ambientale della plastica nei mari e negli oceani del mondo. Continua a leggere “UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno”

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

un mare 23_marzo_mare_plastica copia

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

Casale Monferrato (AL) – venerdì 23 marzo 2018 

Un altro appuntamento letterario organizzato dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino: venerdì 23 marzo, alle ore 18.00, presso la sede operativa di Casale Monferrato (viale Lungo Po Gramsci, 10), ci sarà l’incontro con Franco Borgogno, autore del libro “Un mare di plastica”

Giornalista e scrittore, descriverà la sua esperienza nella missione scientifica che attraverso il passaggio a nord-ovest ha studiato l’impatto ambientale della plastica nei mari e negli oceani del mondo. Continua a leggere “UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno”

Ma di quale U.E. stiamo parlando? Ma se non ci rispetta neppure la Francia, che sta fagocitando le nostre acque al nord della Sardegna!, di Claudio Martinotti Doria

Ma di quale

Ma quale U.E pretendiamo?. Se non ci si rispetta neppure tra gli stati fondatori della presunta unione, come l’Italia e la Francia, quest’ultima continua a commettere angherie e vessazioni al nostro paese, storicamente l’elenco sarebbe interminabile anche solo riferendosi agli ultimi decenni, senza andare troppo indietro nel tempo. L’ultima porcata che i francesi stanno facendo ai nostri danni è impossessarsi subdolamente delle pescose acque a nord della Sardegna, come se appartenessero alla Corsica, regione per altro francese solo formalmente perché se potesse avrebbe già dichiarato l’indipendenza. Ed i nostri politici ovviamente dormono, lasciano fare, nel più perfetto stile parassitario, pusillanime e incompetente, che da sempre caratterizza la classe politica italica, serva e colonizzata.

Speriamo almeno i sardi tirino fuori gli attributi e impediscono questo ennesimo sconcio, impedendo materialmente ai francesi di invadere e sfruttare le acque che non gli appartengono,

I sardi hanno già dovuto subire fin troppi soprusi e danni ambientali e sanitari, avendo trasformato la loro incantevole isola in un poligono militare e luogo di esercitazioni con continui passaggi anche di imbarcazioni e sottomarini nucleari americani. Che i francesi invidiosi degli americani vogliano partecipare a colonizzare il nostro paese? Nel frattempo lo stanno comprando anche loro pezzo per pezzo. Venghino signori, venghino, che i nostri politici in quanto a prostituzione sono imbattibili, sopratutto con quello che non appartiene a loro ma agli italiani, quelli che sono abituati da generazioni a lavorare seriamente e non a parassitare come i politici e che si vedono gradualmente depauperare il loro patrimonio e peggiorare la loro qualità di vita.

Claudio Martinotti Doria Continua a leggere “Ma di quale U.E. stiamo parlando? Ma se non ci rispetta neppure la Francia, che sta fagocitando le nostre acque al nord della Sardegna!, di Claudio Martinotti Doria”

Due metri. Di mare in più

due metri in più italy_in_2100

fonte: http://www.educazionesostenibile.it/

Che cosa succederebbe se un giorno il livello dei mari aumentasse di due metri? Ci sono 30 milioni di chilometri cubi di acqua allo stato solido, immobilizzata nelle zone polari e nelle montagne, pronti a fondersi. Ma anche il sollevamento del livello del mare di poche decine di centimetri provocherebbe danni elevatissimi. Preoccuparsi oggi e guardare “lontano” 

Giorgio Nebbia

nebbia@quipo.it 

(Nell’immagine a lato, come potrebbe essere l’Italia nel 2100)

“Due metri”, questo lo strano titolo di un articolo che parla del possibile innalzamento, di due metri, appunto, del livello dei mari in seguito al riscaldamento dell’intero pianeta Terra. Continua a leggere “Due metri. Di mare in più”

L’interfaccia che stiamo perdendo

l'interfaccia la_costa_vicino_al_circeo

È quella fra mare e terra, la costa, ed è uno dei più straordinari ecosistemi, patrimonio di biodiversità, raccontata anche da Rachel Carson in un libro inedito in Italia. L’erosione, provocata soprattutto dalla mano umana e dalle politiche di privatizzazione, la sta però distruggendo a ritmi preoccupanti 

Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it 

fonte: http://www.educazionesostenibile.it/

L’Italia ha ottomila chilometri di coste: la metà circa di queste coste è costituita da spiagge sottili, coperte di sabbia o piccoli ciottoli, l’altra metà è costituita da coste rocciose. La costa, l’interfaccia fra mare e terra, è uno dei più straordinari ecosistemi: punto di incontro fra le acque dolci dei fiumi e del sottosuolo e l’acqua salina del mare, possiede, nelle sue rocce e spiagge e dune, una ricca, spesso quasi invisibile, vita di vegetali e animali, un patrimonio di biodiversità. Continua a leggere “L’interfaccia che stiamo perdendo”

La Milonga di San Silvestro a Porto Venere

di Stefania Marina. Alessandria

Porto Venere: Si è svolta presso lo Yacht club di Marina del Fezzano Porto Venere la milonga di San Silvestro organizzata dall’associazione Tangueando.

I numerosi partecipanti danzando i tanghi, le milonghe e i valtz propositi dal bravo dj Jorge Ramirez Civadda, hanno accolto in armonia il nuovo anno in una location elegante e romantica in riva al mare.

Jorge Ramirez Civadda

nasce a Buenos Aires nel 1963 ed è di origine orillera (si chiamano così tutti gli abitanti nati sulle sponde del Rio de la Plata). Sfoggia un tango milonguero genuino di carattere tradizionale, basato su abbraccio e comunicazione corporale, un tango dinamico e divertente.

Continua a leggere “La Milonga di San Silvestro a Porto Venere”