Lo scrittore e poeta alessandrino Bruno Volpi si presenta ai lettori di Alessandria today

Lo scrittore e poeta alessandrino Bruno Volpi si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografia dello scrittore e poeta alessandrino Bruno Volpi, del quale in seguito presenteremo anche la prefazione dei suoi prossimi libri che usciranno nell’autunno 2019. Volpi tra l’altro ha scritto le seguenti numerose opere: Bonsoir Monsieur, La bambina dal cappello di fiori, Pinocchio e Rivera, Il vestito della Cresima, Mordimi stupido, Occhi scuri e profondi, Due monete di cioccolato, La passeggera misteriosa, Come una bolla di sapone, Delitto a Villa Palmieri, Il merlo di Matilde… pubblicate in varie antologie.

Bruno Volpi foto.jpg

Biografia:

Bruno Volpi, alessandrino, classe 1960, è laureato in Scienze Geologiche e lavora in una delle principali aziende italiane del settore energetico, nell’area della Ricerca ed Innovazione. È relatore di seminari in Master internazionali e presso alcuni atenei italiani e ha pubblicazioni scientifiche su riviste del settore.

Appassionato d’arte e letteratura italiana contemporanea, dal 2014 scrive poesie, favole e brevi racconti di genere narrativo e giallo/noir e collabora attivamente con la rivista “Il salotto degli Autori”.

Le sue opere hanno ottenuto riconoscimenti in vari ambiti. Vincitore del Premio Nazionale Letteratura Italiana Contemporanea, dal 2016 al 2019, nelle sezioni «Poesia inedita», «Racconto inedito», «Fiabe e Favole» e Raccolte di racconti.

Nell’ambito della letteratura giallo/noir, vincitore del concorso acquese Notti nere 2017 e finalista del Concorso Giallo in Provincia 2017 e del Premio Giallo Indipendente 2018.

Per la narrativa, vincitore del Premio Letterario Internazionale «Trofeo Penna d’Autore» 2018 e premiato nel concorso LeggiadraMente 2017; finalista del Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2016 e 2017.
Continua a leggere “Lo scrittore e poeta alessandrino Bruno Volpi si presenta ai lettori di Alessandria today”

CROCIATA CONTRO LA PLASTICA, di Silvia De Angelis

plastica4

E’ fondamentale tenere alto l’allarme, e far crescere la sensibilità di tutti in relazione al problema della plastica in mare. Infatti non è semplice trovare soluzioni per limitare, in modo definitivo, l’uso di materiali non smaltibili e ancora più complicato progettare sistemi funzionanti al cento per cento per liberare oceani, ma anche mari eco-sensibili come il Mediterraneo.

L’Associazione Federagenti è stata una delle prime a lanciare l’emergenza “plastiche in mare” proprio dal Forum di Porto Cervo.

E’stata presentata una Onlus Internazionale “A sea to live”, ma anche un insieme di progetti virtuosi, per poter eliminare una quota crescente di plastica.

Da meccanismi che ruotano, da sistemare lungo il corso dei fiumi, responsabili delle maggior quantità di versamenti di materiali non smaltibili in mare, a navi sperimentali; sino a un sistema da applicare alle carene di una quota percentuale significativa delle navi, che si muovono sulle rotte commerciali del globo.

Purtroppo, per le plastiche, esiste anche un problema di sostituzione e quindi di disponibilità di prodotti biodegradabili ad hoc, che sono commercializzati da un ristretto numero di multinazionali che non sono, al momento, disponibili a garantire una vera e propria sostituzione della plastica, nelle abnormi quantità richieste da una domanda destinata a esplodere.

Inoltre si parla di un progetto innovativo di bicchieri dotati di un chip in grado di assicurare una notevole sostituzione di bicchieri di plastica monouso nel corso di grandi eventi.

plastica10

 

LADISPOLI NECROPOLI, di Silvia De Angelis

Poco fuori Ladispoli (Roma), parallela ad un tratto enorme di spiaggia libera, troviamo una serie di resti, risalenti al periodo compreso tra il sesto e quinto secolo avanti Cristo, da attribuirsi alla popolazione etrusca.

I primi scavi, in epoca moderna risalgono alla prima metà del XIX secolo e ancora oggi possono essere visualizzati dei resti storici, probabilmente nella stessa età dello sviluppo della città di Alsium.

Secondo gli esperti potrebbe esserci un’autentica necropoli romana sul mare, che si estende lungo la costa e portata alla luce dalle mareggiate, che di tanto in tanto, sovrastano il litorale romano. Infatti, recentemente, si è verificata un’onda lunga che ha eroso la parete di falesia e ha scoperchiato la tomba.

Il mare l’ha restituita. Da un primo sopralluogo tecnico sembrerebbe trattarsi di resti ossei di un adulto. Episodi simili furono registrati  anche la scorsa estate, quando in quel tratto di costa fu ritrovato un teschio e una tomba etrusca.

ladispoli necropli1

ladispoli necropoli

ladispoli necropoli 10

(foto di Silvia De Angelis)

 

“FELICITA” TRILUSSA, di Silvia De Angelis

1-trilussa

 “C’è un ape che si posa
su un bottone di rosa:
lo succhia e se ne và…
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.”

trilussa felicità

Un piccolo cantico, che d’impatto potrebbe apparire solo inusuale per la sua brevità, ma che riletto attentamente, sa racchiudere un profondo significato, non agibile a tutti.

Infatti, in molti, non riescono ad essere appagati dalle piccole gestualità del quotidiano, che, nel loro insieme ci permettono di condurre una vita piuttosto agiata, fatta di comodità  e di tutti quei particolari che rendono gaie le ore del nostro giorno.

Gli individui, in genere, spesso sono alla ricerca di cose astruse, al di fuori della  loro portata, per appagare un ego incontentabile e insoddisfatto, causa spesso, di forme di depressione.

Eppure basta osservare l’intensità del cielo e del mare, per appropriarsi d’un’infinita gioia di vivere, accompagnata da tanti piccoli particolari del contorno, che nel loro insieme, ci permettono di condurre un percorso abbastanza soddisfacente e in grado di mettere da parte, l’energia necessaria, per superare quei momenti complessi che la vita, prima o poi, riserva.

Quindi , tornando ai versi del Trilussa, cogliamone il senso più appropriato, cercando di catturare quella felicità dell’attimo, che abbiamo a portata di mano (@Silvia De Angelis)

 

Parlando di fotografia, di Fioralba Focardi

Oggi vi porto a osservare tre fotografie, vorrei anzi spero che la mia amica Lucia Palmiotto, continuasse a donarci delle sue Fotografie, Lucia in arte Luz, ha un dono sa parlare attraverso le fotografie.

Io scriverò su ogni suo scatto l’emozioni dello sguardo, l’emozione che Luz sa trasmettermi. Spero anche a voi.


In questo scatto, tutta la forza potente del mare nel suo infrangersi sugli scogli, mentre il sole infiamma l’orizzonte, come se l’onda si mettesse in posa. La magnificenza dei colori, rapiti e immortalati in un attimo.
 

In questa fotografia tutto l’oro del tramonto sul placido tremore del mare, brevi brividi di piacere al calar del sole. L’effetto del riverbero come a indicare l’approdo all’imbarcazione, quasi un’ ombra cinese.


La poetica del momento: colori tenui a sfiorare l’orizzonte, mentre gabbiani volano liberi. Il molo nel suo chiaro scuro s’agghinda a incontrare la lanterna che illuminerà la notte.

Le immagini sono di Lucia Palmiotto, LUZ, scorci di Giovinazzo in provincia di Bari.

Fioralba Focardi

Lei non ama il mare, di Grazia Torriglia

lei non

di Grazia Torriglia

Lei non ama il mare

È solo malinconia per lei abitare sul mare
lei lo amava ai tempi delle abbronzature
e delle vacanze in Sardegna dove
l acqua traspare
e la sabbia è morbida accoglienza.

Non ama guardarlo alla finestra
luce di un sole riflesso che invade
la mente
o burrasca rumorosa dai flutti che superano il molo
e s’infrangono brutali alle scogliere
casa dei gabbiani.

E’ solo ricordo di un padre che per mare andava
e non tornava mai per farglielo amare.

Grazia Torriglia @

Mari troppo caldi, di Cristina Saracano

I mari negli ultimi anni si sono scaldati di piu’del previsto.

Dal 1991 a oggi hanno assorbito il 60% in più del calore che era stato calcolato.

Se il mare è più caldo, emette maggiore anidride carbonica, creando danni a persone e aninali.

Da uno studio di ricercatori dell’universita’ di Princeton, che ha coinvolto anche studiosi europei, è emerso tutto cio’.

Bisogna ridurre le emissioni di gas di almeno il 25%, altrimenti saremo destinati ad avere situazioni devastanti per il nostro pianeta.

Gli episodi di maltempo degli ultimi giorni dovrebbero farci riflettere.

Fonte: ansa.it

Camogli. La città dei mille bianchi velieri, della sagra del pesce e della Stella Maris: uno dei borghi di mare più belli e più amati della Liguria

Camogli. La città dei mille bianchi velieri, della sagra del pesce e della Stella Maris: uno dei borghi di mare più belli e più amati della Liguria

Questo slideshow richiede JavaScript.

da: https://www.lamialiguria.i

Un borgo di mare sorto intorno al porticciolo dove oggi attraccano i battelli turistici e i pescherecci. A Camogli il protagonista è il mare, sempre presente in qualsiasi attività ed evento. Si rimane incantati dalla bellezza delle facciate dipinte con colori pastello dei palazzi che chiudono la passeggiata a mare.

Le spiagge sono attrezzate e in ciottoli, quelli che vengono usati anche per i tradizionali risseu in bianco e nero sui sagrati delle chiese: molto bello da vedere quello della Basilica di Santa Maria Assunta a Camogli. Il Castello della Dragonara è un antico castello sul mare, costruito sulle rocce a picco sul mare nel periodo delle invasioni saracene.

A due passi il molo da cui partono i vaporetti per splendide gite sul mare. Tutti gli anni la seconda domenica di maggio si tiene la Sagra del pesce, con frittura nella padella dei guinness.

La prima domenica d’agosto si tiene la Festa della Stella Maris: la sera, migliaia di piccoli ceri vengono accesi e lasciati galleggiare sulle onde del mare per rendere omaggio alla Madonna. Qui si preparano le acciughe sotto sale, delicate e buonissime. Fra Camogli e Punta Chiappa si trova la Tonnarella di Camogli, una delle più antiche in Italia, una delle poche rimaste ancora in attività.

foto mie, Camogli e San Fruttuoso

Coldiretti. Estate: il primo week end di inizio estate ha fatto registrare un trend positivo

Coldiretti. Estate: il primo week end di inizio estate ha fatto registrare un trend positivo

tumblr_nps6f1WIJX1t1prrio1_540

Molto apprezzate le sagre in provincia ma la meta preferita rimane il mare

E, indipendentemente dalla destinazione, è diventato immancabile il souvenir alimentare

Bilancio positivo per il primo week end dopo l’inizio dell’estate che ha fatto registrare l’aumento dell’1% confermando il trend positivo in atto dal 2015.

Chi è rimasto in città ha potuto scegliere tra sagre, musica e iniziative organizzate in ogni parte della provincia.

A fare la parte del leone è il mare per più di 6 italiani su 10 (62%), al secondo posto si classificano le città d’arte a pari merito con parchi, oasi, riserve e la campagna, seguiti dalla montagna. Continua a leggere “Coldiretti. Estate: il primo week end di inizio estate ha fatto registrare un trend positivo”

CANI AL MARE, di emycreazionicani

CANI AL MARE, di emycreazionicani

Ormai tutte le spiagge si sono attrezzate per ospitare i cani, ma quanto costano!!!! è diventata così diffusa la moda di portare il cane ovunque che ormai è diventato un vero business per chi vuole fare soldi facili, a Lignano per esempio una giornata al mare con il cane ti può costare anche 60 euro, hai a disposizione tutti i confort e persino il bar apposito per i cani in cui puoi trovare il gelato per il tuo amico peloso..ma ne vale la pena?

Tutto il giorno al mare sotto il sole, legato al guinzaglio, che sia davvero utile per la salute del cane? Continua a leggere “CANI AL MARE, di emycreazionicani”

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

un-mare-23_marzo_mare_plastica-copia1

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

Casale Monferrato (AL) – venerdì 23 marzo 2018 

Un altro appuntamento letterario organizzato dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino: venerdì 23 marzo, alle ore 18.00, presso la sede operativa di Casale Monferrato (viale Lungo Po Gramsci, 10), ci sarà l’incontro con Franco Borgogno, autore del libro “Un mare di plastica”

Giornalista e scrittore, descriverà la sua esperienza nella missione scientifica che attraverso il passaggio a nord-ovest ha studiato l’impatto ambientale della plastica nei mari e negli oceani del mondo.

Attraverso il racconto del viaggio e dell’esperienza di ricerca, l’autore illustrerà il più diffuso inquinamento moderno, in gran parte ignorato, e indicherà alcune semplici norme di comportamento che possiamo attuare nella vita di tutti i giorni, per non compromettere ulteriormente lo stato di salute del mare. Continua a leggere “UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno”

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest, di Franco Borgogno

un mare 23_marzo_mare_plastica copia.jpg

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

Casale Monferrato (AL) – venerdì 23 marzo 2018 

Un altro appuntamento letterario organizzato dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino: venerdì 23 marzo, alle ore 18.00, presso la sede operativa di Casale Monferrato (viale Lungo Po Gramsci, 10), ci sarà l’incontro con Franco Borgogno, autore del libro “Un mare di plastica”

Giornalista e scrittore, descriverà la sua esperienza nella missione scientifica che attraverso il passaggio a nord-ovest ha studiato l’impatto ambientale della plastica nei mari e negli oceani del mondo. Continua a leggere “UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest, di Franco Borgogno”

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

un mare 23_marzo_mare_plastica copia

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

Casale Monferrato (AL) – venerdì 23 marzo 2018 

Un altro appuntamento letterario organizzato dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino: venerdì 23 marzo, alle ore 18.00, presso la sede operativa di Casale Monferrato (viale Lungo Po Gramsci, 10), ci sarà l’incontro con Franco Borgogno, autore del libro “Un mare di plastica”

Giornalista e scrittore, descriverà la sua esperienza nella missione scientifica che attraverso il passaggio a nord-ovest ha studiato l’impatto ambientale della plastica nei mari e negli oceani del mondo. Continua a leggere “UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno”

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

un mare 23_marzo_mare_plastica copia

UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno

Casale Monferrato (AL) – venerdì 23 marzo 2018 

Un altro appuntamento letterario organizzato dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino: venerdì 23 marzo, alle ore 18.00, presso la sede operativa di Casale Monferrato (viale Lungo Po Gramsci, 10), ci sarà l’incontro con Franco Borgogno, autore del libro “Un mare di plastica”

Giornalista e scrittore, descriverà la sua esperienza nella missione scientifica che attraverso il passaggio a nord-ovest ha studiato l’impatto ambientale della plastica nei mari e negli oceani del mondo. Continua a leggere “UN MARE DI PLASTICA: il passaggio a nord-ovest di Franco Borgogno”