Misure di risanamento della qualità dell’aria nel bacino padano – stagione invernale 2018/2019.

Misure di risanamento della qualità dell’aria nel bacino padano – stagione invernale 2018/2019.

tortona-ex-caserma-passalacqua-municipio-copia

Tortona: Nell’ambito dell’Accordo di programma per l’adozione, coordinata e congiunta, di misure finalizzate al miglioramento della qualità dell’aria nell’area del bacino padano, la Regione Piemonte ha introdotto, a partire dalla stagione invernale 2018/2019,  ulteriori limitazioni strutturali, finalizzate alla riduzione dell’immissione di inquinanti in atmosfera.

L’Amministrazione Comunale di Tortona ha pertanto provveduto ad integrare e modificare le precedenti ordinanze n. 15 del 29/01/2018, n. 16 del 30/01/2018 e n. 2018 del 26/09/2018, con le nuove disposizioni regionali.

In particolare, con ordinanza Sindacale n. 245 del 05/11/2018 si è provveduto ad introdurre quali limitazioni strutturali: Continua a leggere “Misure di risanamento della qualità dell’aria nel bacino padano – stagione invernale 2018/2019.”

Agricoltura e qualità: puntiamo sempre al Made in Italy!

Schermata-2018-01-07-alle-18.23.18-750x375

Il cibo è il nuovo petrolio, la terra è il nuovo oro.

Parlare di cibo e di qualità oggi più che mai significa parlare di politica, parlare del nostro futuro. Scegliere cosa mangiamo, ponendo anche attenzione a come viene prodotto, è un gesto importante che può marcare la differenza tra contribuire al grande cambiamento per cui stiamo lottando, oppure continuare ad alimentare un sistema globale ingiusto, insano e distruttivo.Il nostro Paese è conosciuto nel mondo per la qualità delle sue produzioni agroalimentari, per la grande diversità di produzioni e specificità territoriali. L’agricoltura è un settore chiave e strategico per il futuro del nostro Paese. Per questo è fondamentale costruire un rapporto sano tra agricolturaambiente e paesaggio che sappia tutelare allo stesso tempo la sopravvivenza delle aziende e la salute dei cittadini.

Pur essendo cresciuto in un ambiente urbano…

fin da bambino ho vissuto circondato dalle monocolture del riso e del mais che caratterizzano le zone dove abito. La convivenza tra queste colture intensive e la cittadinanza non è mai stata facile, certamente a causa di un modello di produzione agricolache ha forti impatti sull’ambiente per la sua dipendenza dalla chimica. Per questo in questi anni non ho risparmiato le critiche a questo settore, non ultima la polemica sull’abbruciamento delle stoppie.Eppure, come ogni Vercellese che si rispetti, ciascuno di noi conosce qualcuno che lavora nella risicoltura o nel suo indotto e conosce che questo settore ha visto negli anni un forte declino che ha raggiunto oggi un punto critico. L’importazione selvaggiasenza dazio del riso asiatico (Myanmar, Laos, Cambogia) ha inondato il mercato europeo di un prodotto a basso costo coltivato con standard di qualità ambientale, sanitaria e della tutela del lavoro assai diversi dai nostri.Poco importa che le motivazioni umanitarie di questa operazione si stiano dimostrando ben poco fondate e che la clausola di salvaguardia, lo strumento pensato per intervenire in caso le importazioni arrechino danni alle nostre aziende, sia stata richiesta tardi e male e abbia comunque criteri inadatti che rischiano di intervenire a paziente morto. Sarebbe ancora utile salvare il comparto dalle impostazioni selvagge quando ormai la maggior parte delle aziende sono fallite, magari cannibalizzate da quelle più grandi o legate ai grandi capitali dell’industria? Continua a leggere “Agricoltura e qualità: puntiamo sempre al Made in Italy!”