L’età dell’oro: il Vidal storico

Gore Vidal Portrait Session

DA DAVIDE ASTEGIANO

Non è semplice parlare di un libro (il cui e-book è stato gentilmente fornito da Fazi, che qui ringrazio moltissimo) così intricato e complesso come L’età dell’oro, e non è un caso che lo sia, vista la ricca storia dell’autore. Gore Vidal infatti, è un uomo dai mille volti, è scrittore sì, ma è anche sceneggiatore, drammaturgo, attore e profondo conoscitore della storia e della politica americana, non a caso, da bambino ha vissuto a lungo con il nonno Thomas Pryor Gore, senatore e futuro oppositore politico di Franklin Delano Roosevelt. È stato testimone e volontario della Seconda Guerra Mondiale, ed è sempre stato legato all’Italia, in particolare a Ravello, sulla costiera amalfitana.

Ad aggiungersi alla ricchezza dell’autore è anche la ricchezza della Storia, rigorosamente con la esse maiuscola, che Vidal si prefigge di narrare. L’età dell’oro fa parte di una saga di libri che prende il nome di Narratives of Empire, di cui rappresenta il testo finale, e racconta l’apice del potere statunitense negli anni tra il 1939 e il 2000. È un libro complicato che affianca a fatti e personaggi reali, personaggi inventati che hanno lo scopo principale di fare speculazioni proprio su questi fatti, separando un po’ il Vidal storico da quello del romanziere. Continua a leggere “L’età dell’oro: il Vidal storico”

La colpa è nel vento, di Davide Astegiano

La colpa barcolana-calendario-eventi-young-trieste-este-24-classic-programma-velaveneta-vela-veneta-etreme-40

di DAVIDE ASTEGIANO

Questo breve racconto, La colpa è nel vento, nasce per un contest di qualche tempo fa. Non ci sono riferimenti autobiografici se non la pura e semplice descrizione dei luoghi fisici in cui sono stato. Visto il tema mi sembra particolarmente calzante, a pochi giorni di distanza dalla Giornata contro la violenza sulla donna. Come avrete immaginato, la città nella quale si svolge la storia è Trieste, famosa per la bora e la Barcolana, tra le tantissime  bellezze architettoniche e turistiche, se vi capita fateci un salto, non ve ne pentirete! 

Marta appoggiò il bollitore su una delle piastre elettriche e l’accese. Prese a guardare fuori dalla finestra leggermente appannata. Le tendine stinte, con sopra disegni di gigli che un tempo dovevano essere stati di un vivace color giallo, facevano da cornice alla scena che si svolgeva nella strada sottostante. Proprio in quel momento, infatti, un bus spalancava le sue fauci per vomitare il carico di passeggeri. Le voci squillanti dei bambini, che vacillavano sotto zainoni dalle forme e i colori più fantasiosi, e quelle severe dei genitori, che affannati e accigliati li accompagnavano a scuola, risuonarono per la strada e filtrarono attraverso il vetro della cucina. Vetro che tremò appena, una volta che il bus ripartì. Continua a leggere “La colpa è nel vento, di Davide Astegiano”

Zerocalcare: Macerie Prime, di Davide Astegiano

Zero calcare

DA DAVIDE ASTEGIANO

Riconoscere le cose feroci in un mondo di macerie

Si sono dati regole, riti, un’organizzazione sociale. Hanno portato ciò che serviva per ricominciare a vivere.

Qualcuno si è sistemato meglio, qualcuno peggio.

 Però, ecco, si sono abituati.

 Sennò erano morti.

Adattarsi a un mondo di macerie, trovare un equilibrio tra sensi di colpa,tradimenti, veri o presunti, e ambizioni fatte a pezzi. Per non morire, siamo capaci di abituarci quasi a tutto. È un fenomeno naturale, ma pericoloso. In questo scenario apocalittico, come facciamo a non perdere noi stessi, come manteniamo un contatto con la persona che un tempo ci “sembrava giusto essere”? Zerocalcare, come tutti noi, di risposte non ne ha. Quello che sa, e che ci tiene a sottolineare più volte, è che ci sono cose che non possiamo permetterci di dimenticare. Prima tra tutte: riconoscere le cose feroci.

Macerie Prime, uscito per BAO Publishing il 14 novembre, è la prima parte di un lavoro più ampio che vedrà la conclusione nel maggio 2018 con l’uscita di un secondo volume. La narrazione si apre con l’improbabile matrimonio dell’amico Cinghiale e subito ci ritroviamo immersi nelle dinamiche di gruppo di Zerocalcare e degli storici amici che con gli anni abbiamo imparato a conoscere. Continua a leggere “Zerocalcare: Macerie Prime, di Davide Astegiano”

Firmamento: la nuova rivista letteraria

Firmamento

di DAVIDE ASTEGIANO

Con grande piacere vi annuncio la nascita di Firmamento, la literary-newsletter bimensile curata da Danilo Zagaria, il blogger fondatore di La Linea Laterale, e il sottoscritto. Il progetto, al quale lavoriamo da qualche tempo, è finalmente maturato al punto che non ha senso aspettare oltre. Dunque, ecco a voi la rivista: online troverete la landing-page che vi consentirà l’iscrizione alla newsletter e la pagina Facebook dedicata.

Ritengo che la creazione di una rivista, anche se operante con una modalità inusuale, comporti una dettagliata spiegazione del perché (o, per meglio dire, dei perché) abbiamo deciso di buttarci a capofitto in questo progetto. Vi spieghiamo dunque, qui di seguito, a mo’ di intervista a noi stessi, quali fossero i nostri bisogni e come abbiamo deciso di provare a soddisfarli. Buona lettura. Continua a leggere “Firmamento: la nuova rivista letteraria”

Storie brevissime dal collettivo Pintecaboru – parte seconda, di Davide Astegiano

Storie brevissime

di DAVIDE ASTEGIANO

A Torino, negli ultimi mesi si è riunito un collettivo di scrittura,Pintecaboru. L’idea del gruppo, nato dalla mente di Danilo Zagaria, che gestisce il blog La Linea Laterale (vi invito ad andare a dare un’occhiata), è quella di confrontarsi ciascuno sulla propria idea di scrittura portando con sé le proprie creazioni letterarie. Gli incontri prevedono anche ospiti speciali in visita per unirsi alla discussione e parlare della realtà editoriale del momento. Sono stati con noi alcuni membri della redazione di Carie e Vito Ferro, diAutori Riuniti.

Uno dei frutti più recenti del nostro lavoro, e parlo al plurale perché, come avrete immaginato, ne faccio parte anche io, è una serie di racconti da seiparole, sulla scia del leggendario (nel senso che è una vera e propria leggenda) racconto di Hemingway sulle scarpine da bebè. Qui sotto ho raccolto laseconda parte delle storie prodotte, mentre la prima potete trovarla sul sito della Linea Laterale. Vi invito alla lettura con la speranza di trovare, magari, qualche volto nuovo quando gli incontri del Pintecaboru riprenderanno, dopo la pausa festiva. Continua a leggere “Storie brevissime dal collettivo Pintecaboru – parte seconda, di Davide Astegiano”