ICARO

" Vola alta parola"

dp1983.1009.8.R[1] Matisse, Il volo di Icaro  

 

Mi prende voglia di provarci anch’io,

aprire di me stesso il labirinto

sciogliere il laccio da cui sono avvinto

 verso il sole volare come un dio.

 

Icaro guarda dal suo mito il mio,

larghe le ali che di pece ho tinto

-nel quadro di Matisse son dipinto-

attratto dal supremo barbaglio

 

del Sole eterno, e forte frenesia

 mi spinge dove non si può salire,

né mutamento aiuta a ritornare

 

della mia apoteosi in fondo al mare,

se non sciolto nel fuoco per morire,

uccello, uomo, qualunque cosa sia.

Marisa Cossu

 

View original post

DI OMRA E DI LUCE

" Vola alta parola"

N. PARDINI LEGGE: “SILLOGE INEDITA” DI MARISA COSSU

Nazario Pardini

PREFAZIONE

A

Marisa Cossu

  

DI OMBRA E DI LUCE 

RACCOLTA  POETICA

Chiarori e notturni nella musica del verso

Marisa Cossu,
collaboratrice di Lèucade

Questo il titolo della silloge: Di ombra e di luce. Chiarori e notturni, lucentezza e oscurità, albe e tramonti, primavere e autunni: tanti polemos eraclitei che caratterizzano il corso della vita; come d’altronde ogni strada che si percorre. Ogni cammino è costellato di ombre e di luci, di montagne e di pianure, di muraglie e di orizzonti: una simbiotica fusione di contrari che dà il senso, nella sua diacronica successione, della complessità del vivere:

Qualcosa già mi chiama nella sera,

muta, velata dal groviglio stretto

delle passioni che per questa vita

camminamenti scavano nel vuoto

del lungo viaggio tra l’abisso e il sole.

Appare all’improvviso il mio ristoro,

quell’amore che solo

giustifica la…

View original post 1.467 altre parole

“Grazia Deledda” di Marisa Cossu. Rivista letteraria”Euterpe 27″ di Lorenzo Spurio

" Vola alta parola"

Grazia Deledda

 

“Io son pallida e bruna.

Un amor fiero – svela l’oscura mia pupilla mesta …”

Generazioni di giovani contemporanei si sono forse imbattuti, nel corso degli studi, solo superficialmente, e per breve tempo, nella figura e nell’opera della volitiva scrittrice sarda, prima e unica donna italiana premiata con il Nobel della letteratura nel 1926  per il romanzo  “Canne al vento”.

La lettura delle sue opere dà l’idea della difficile condizione delle donne fino ai giorni d’oggi e delle immani sfide che ciascuna ha dovuto affrontare per affermare la propria dignità e ottenere le pari opportunità sociali e civili.

L’Autrice nacque a Nuoro nel 1871. La sua vita, appartata all’interno di un piccolo paese della Barbagia, la consuetudine al rispetto delle consolidate tradizioni culturali proprie dell’ambiente di vita, le limitazioni al desiderio di volare lontano imposte dalle convenzioni dell’epoca, fecero della Deledda una voce solitaria e contrastata nel…

View original post 1.201 altre parole

Dimmi che pizza mangi ti dirò chi sei

Creando Idee

Dimmi che pizza mangi La margherita? Per laureati. Con i wurstel? Per i Peter Pan. Grazie a un breve trattato di psicologia della pizza scopriamo chi siede a tavola con noi. Occhio, per esempio, alle croste avanzate… «Fare le pizze è come amare qualcuno», scrive Cavina, «deve venire facile». Facile a dirsi per lui, dato che oltre a essere uno scrittore di successo, Cavina è un pizzaiolo professionista. E, ora, dopo sei romanzi, ha pensato di mettere insieme le sue due passioni, scrittura e impasto. Il risultato è La pizza per autodidatti, un libro utile e divertente, con consigli pratici che vanno dal tipo di forno a condimenti, ricette, e un capitolo intitolato Breve trattato di psicologia della pizza Ovvero: Dimmi che pizza ordini e ti dirò che tipo sei. Voi, per esempio: siete più da margherita o da quattro stagioni? Quattro stagioni per eterni indecisi Ogni pizzeria ne propone…

View original post 202 altre parole

La top 5 dei cibi più taroccati

Creando Idee

Dal Parmigiano Reggiano, importato dall’estero e spacciato per italiano, all’ olio extravergine d’oliva colorato artificialmente, passando per le mozzarelle di bufala prodotte con cagliate surgelate dell’est Europa. Il mercato delle truffe alimentari è sempre più in crescita e produce un fatturato di milioni di euro l’anno.La Cina è la capitale mondiale della falsificazione, mentre al secondo posto c’è la Germania.Ecco i cibi italiani più contraffatti:1° posto: Olio extravergine d’oliva E’ un prodotto irrinunciabile sulle nostre tavole e viene molto apprezzato anche all’estero Ma si presta, forse più di ogni altro, al “taroccaggio”. I motivi? E’ molto duttile e può essere facilmente “aggiustato ad arte” con qualche trucco come la miscelazione con altri oli superando indenne i test di qualità. Così capita spesso che oli importati da Spagna, Tunisia e Grecia vengano rivenduti come extravergini dop prodotti in Italia. 2° posto: Vino Anche il fenomeno della contraffazione dei vini italiani è…

View original post 285 altre parole

Curiosità nelle cose di tutti i giorni

Creando Idee

Non ce ne accorgiamo, eppure gli oggetti che affollano la nostra quotidianità nascondono vicende particolari, a volte divertenti, curiosità che quasi nessuno conosce. Siamo così abituati ad averli sotto gli occhi che non ci viene in mente di osservarli da una prospettiva diversa, come cose dotate di storie interessanti, degne di essere raccontate. Benedict le Vay, è un vero e proprio “segugio” quando si tratta di ritrovare le curiosità che poi ci fanno esclamare: «Non l’avrei mai detto!» Oppure: «Non ci ho mai pensato». Eccone alcune. Chi sapeva, ad esempio, che passare il filo interdentale tra i denti aiuta a prevenire gli attacchi di cuore? E che i campeggiatori in Cornovaglia sono tenuti svegli dallo “scricchiolio dei cavolfiori” i vegetali produrrebbero un specie di cigolio, quando giungono all’apice della stagione?Lo sapevate, che non si può spezzare in due uno spaghetto uno spaghetto soltanto, non una manciata? Le onde d’urto…

View original post 193 altre parole

Guarda “Briganti se more.L’Inno Dei Briganti.” su YouTube

Antonella Lallo

Testo Brigante Se More

Ammo pusato chitarre e tammorre
ca chesta musica s’ha ‘dda cagná
simmo briganti e facimmo paura
‘e ‘ca scupetta vulimme cantá
(‘e ‘ca scupetta vulimme cantá)eh oh ha ha ha ha
E mó cantammo `sta nova canzone
tutta `a gente se l`ha da impará
nun ce ne fotte dù re borbone
la terra è nostra e nun s’ha da tuccá
(la terra è nostra e nun s’ha da tuccá)
Tutt´o paese da Basilicata
s’e scetato e mo vonn’ luttá
pur’ a Calabria mó s’ha arrevotata
e `sto nemico facimme tremá
(e `sto nemico facimme tremá)
eh oh ha ha ha ha
Chi vide o lupo e se mise paura
nun sapea bona ca è a veritá
u vero lupo che magna ´a creature
e ò Piemontese ch’avimmo a cacciá
(e ò Piemontese ch’avimmo a cacciá)
Femmine belle chetate lu core
si lu brigante vulite salvá

View original post 50 altre parole

Riddle Me This: The Psychology Of The Riddler

The Comic Vault

Batman’s Rogue Gallery features some of the most intriguing villains to ever be created. From Ra’s Al Ghul to Mr Freeze, each foe represents a different aspect of the Dark Knight’s psyche. They test Batman and push him to be better superhero. When it comes to challenging Batman’s intelligence, The Riddler is the perfect foil. Obsessed with proving his superiority, Edward Nigma uses more than riddles to achieve his goals.

Riddler’s motivations make him fascinating as a solo villain and a supporting character to other rogues. I’m exploring the psychology behind his actions to see what makes him one of Batman’s deadliest enemies.

View original post 525 altre parole

“Autunno al cinema – Poveri ma belli: gli anni 50′ tra commedia e dramma”: una rassegna a Giarole

di Maria Luisa Pirrone

Il Soggiorno Airone (Coop Sociale Onlus) di Giarole Monferrato, in collaborazione con l’Associazione di cultura cinematografica e umanistica La Voce della Luna di Alessandria e la Fic-Federazione Italiana Cineforum, presenta “Autunno al cinema – Poveri ma belli: gli anni 50′ tra commedia e dramma”, rassegna di film destinata agli ospiti della struttura, con ingresso libero aperto alla cittadinanza locale.

Il ciclo di Cineforum si propone di favorire negli anziani, attraverso la visione e il dibattito intorno a pellicole italiane risalenti agli anni Cinquanta – diventate vero e proprio oggetto di culto per la generazione di giovani di quel decennio – lo stare insieme attivamente, condividendo quanto più possibile emozioni e riflessioni che, a partire dal film, si estendano all’ambito di vita nella sua varietà.

L’obiettivo è duplice, sia individuale che collettivo e sociale: lo stimolo alla memoria, il mantenere vivi i ricordi, risvegliandoli e rimettendoli in circolo. Nel Cineforum, durante la visione e soprattutto in seguito, si porta la propria storia di vita, presente o lontana nel tempo, la si rielabora e riattualizza, condividendola e creando nuovi legami comunicativi ed emotivi con gli altri “compagni di viaggio”. Il pensiero è vivo: si lavora sull’autobiografia propria e altrui, costruendo inediti legami sociali. Si tratta di un tempo presente ricco di stimoli che vengono anche da una dimensione passata, nel tentativo di proiettarsi in un futuro percepito come ancora possibile. Continua a leggere ““Autunno al cinema – Poveri ma belli: gli anni 50′ tra commedia e dramma”: una rassegna a Giarole”

Ogni notte ascolto, di Laura Neri poesie

Ogni notte ascolto, di Laura Neri poesie

44254555_2079368892081628_5764176243893207040_n

Ogni notte ascolto
il respiro del mare
Ogni notte gli amanti
si scambiano promesse
ogni promessa è sacra
non se la porta il vento…
Ogni notte scrivo
sulla parete dell ‘ anima
scrivo pensieri
mentre si affaccia il sogno
Ogni notte profuma
di un tempo felice….
un nido d amore
nasconde sospiri.
Nasce il mistero
nasce la poesia..
fremito del mondo
© Laura

Una sera di ottobre, di Ilaria Romiti

Una sera di ottobre, di Ilaria Romiti

una sera

Cammino…
sospesa su un letto
di caduche foglie che,
aggroviagliate,
giaciono,
inerti e silenziose,
sotto il rumore assordante
dei miei pensieri
persi in quella foschia
misteriosa che mi avvolge
fredda e austera
in un abbraccio
gelido come quelle parole
ascoltate che ora premono
forte nel mio cuore.
Emozioni congelate…
in questa malinconica sera di ottobre.

Ilaria Romiti

Peccato, di Antonella Commendatore

Peccato, di Antonella Commendatore

Peccato

Peccato

È peccato desiderarti?
Volerti vivere
essere fra le tue braccia
riempirti di coccole
baciarti senza fine.

Accarezzarti annusarti
e perdermi in te.

È peccato
cercarti chiamarti
sentirti mio e voler essere solo tua

È peccato non amarti
non averti
non viverti
perdere ogni istante sublime di Noi.

@Antonella Commendatore
copyright

La curcuma migliora la memoria e l’umore

ORME SVELATE

15188.jpgSe sei un amante del cibo indiano, puoi essere felice dei tuoi gusti alimentari: secondo i risultati di uno studio condotto da ricercatori dell’UCLA, il consumo quotidiano di una certa forma di curcumina – la sostanza che dà al curry indiano il suo colore brillante – ha migliorato la memoria e l’umore nelle persone con lieve perdita di memoria legata all’età. La ricerca, pubblicata online il 19 gennaio sull’American Journal of Geriatric Psychiatry, ha esaminato gli effetti di un supplemento di curcumina facilmente assorbibile sulle prestazioni della memoria nelle persone senza demenza, così come il potenziale impatto della curcumina sulle placche microscopiche e sui grovigli nel cervello delle persone con il morbo di Alzheimer. Trovata nella curcuma, la curcumina in precedenza ha dimostrato di avere proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti in studi di laboratorio. È stato anche suggerito come una possibile ragione per cui gli anziani in India, dove la curcumina…

View original post 397 altre parole

Distorsione cognitiva nell’anoressia nervosa e nel disturbo borderline.

ORME SVELATE

PS_20171228111834.jpegA volte disagi psichici, apparentemente molto differenti, presentano sintomi coincidenti o molto simili. Le distorsioni cognitive sono la percezione errata o la distorsione dell’informazione in modo sistematico che riflette credenze inaccurate sottostanti riguardo a una persona, al mondo e al futuro. Le distorsioni cognitive sono fattori importanti che contribuiscono all’acquisizione e alla perpetuazione di disturbi mentali, tra cui la depressione, il disturbo ossessivo-compulsivo, i disturbi alimentari e disordine di personalità borderline (BPD). Nonostante le differenze tra questi disturbi, condizioni cognitive simili potrebbero contribuire alla loro co-occorrenza. Nella teoria transdiagnostica del disordine alimentare (ED), l’anoressia nervosa (AN), la bulimia nervosa (BN) e l’ED atipica condividono la stessa peculiare psicopatologia e sono intesi come problemi cognitivi. Conformemente a questo modello, questi ED condividono lo stesso insieme sottostante di convinzioni di autostima disfunzionali e possono essere raggruppati insieme. Una distorsione cognitiva che riguarda i sintomi principali dell’ED è la fusione a forma di…

View original post 280 altre parole

Capacità di valutare i comportamenti nel disturbo borderline

ORME SVELATE

borderline-personality-disorder-i-deliranti.jpgNelle interazioni sociali, spesso abbiamo bisogno di dedurre rapidamente perché le altre persone compiono determinate azioni. Più spesso, deduciamo che il comportamento è un risultato della personalità piuttosto che delle circostanze. In altre parole, attribuiamo un comportamento ai tratti piuttosto che al contesto, un pregiudizio cognitivo noto come Errore di attribuzione fondamentale o Corrispondenza dei pregiudizi. Il superamento di questa tendenza sembra richiedere motivazione e sforzo cognitivo, ma non è chiaro in che modo la tendenza stessa possa contribuire alla psicopatologia e alla disfunzione interpersonale. Un disturbo significativo della personalità caratterizzato da disfunzione interpersonale è il disturbo borderline di personalità (BPD). I pazienti con BPD soffrono di rapide alternanze di intenso attaccamento e intenso distacco nelle situazioni interpersonali, estrema svalutazione o idealizzazione degli altri e menomazioni nella mentalizzazione, capacità di comprendere il comportamento di altre persone in termini di sentimenti, desideri e obiettivi. La BPD è una condizione grave…

View original post 501 altre parole