Alza il volume con Radio West, di Lia Tommi

Il rock di Radio West, 14 anni di rivoluzione mandrogna in un libro.
E’ in libreria ‘Alza il volume’, la storia narrata dai protagonisti dell’emittente radiofonica alessandrina. Personaggi, aneddoti, curiosità ed un bel po’ di storia locale per non dimenticare una bella avventura d’altri tempi.

Che ne sanno i giovani di com’erano gli anni delle radio libere, ora che la musica si ascolta col telefonino. Che ne sanno della voglia di libertà che aleggiava tra le consolle e i vinili e delle nottate di giovani che attraverso la musica volevano spaccare il mondo. Forse, leggendo un libro uscito a luglio, i giovani, potrebbero almeno immaginare lo spirito rock dei genitori. “Alza il volume – Il sogno rock di Radio West”, è stato scritto da Paolo Tolu e da Bruno “Svisa” Annaratone, edito da LineLab edizioni di Alessandria.

Negli anni, appunto, delle radio libere, West voleva cambiare il mondo partendo da Alessandria – è già difficile farlo oggi, immaginate negli Anni ‘80 – a suon di musica, quando le frequenze erano usate maggiormente per proclami politici o per fare business. Quei ‘bravi ragazzi’ che hanno visto gli States ed hanno ‘studiato’ la musica vera hanno inseguito un sogno e perseverato nella voglia di far rocckeggiare la Città di Gagliaudo, finché si è potuto.

Il libro ripercorre la storia di Radio West dal primo giorno in cui è andata in onda, il 13 luglio 1982, fino al 2 ottobre 1996. ha trasmesso ad Alessandria prima dagli scantinati di via Alessandro III, poi, dal 1986, da corso Teresio Borsalino. “Alza il volume” ne ripercorre gli antecedenti americani e il successivo cammino alessandrino. Il libro ha origine da un’idea di Bruno Annaratone, meglio conosciuto come Svisa, uno dei quattro fondatori insieme a Dedè Vinci, Massimo Cannarella e Marco Olivieri. E colui che, al fianco di Vinci, ne ha seguito la parabola fino alla chiusura, post alluvione.

L’intento è quello di non dimenticare e non far dimenticare la partensei ‘westiana’ e tutto ciò che è rappresentato per tanti alessandrini e per tutta la città.

Venerdì 19 ottobre, ore 21, in Sala Ferrero ad Alessandria, incontro con gli amici di Radio West .

Omaggio a Frank Sinatra di Cristina Saracano

Venerdì 26 ottobre al Teatro Sociale di Valenza, serata dedicata a Frank Sinatra

A partire dalle 21,15 la splendida voce di Franco Rangone, accompagnata da Paolo Tomellieri al clarinetto e All Stars: sax, vibrafono, piano, batteria e contrabbasso, ci emozioneranno con melodie jazz.

Per informazioni: dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19, 0131920154.

” L’ANIMA A NUDO “, di Rosella Lubrano

L'anima

di Rosella Lubrano

” L’ANIMA A NUDO “

Si nutre l’anima d’Amore

come arpa di vento,

sorvola oceani inviolati

alla luce dell’albero

della luna,

avvolge l’eco dei ricordi

tra un arcobaleno e l’altro

tra ossessivi pensieri

che bucano l’io.

Ha sete d’eterno

oltre l’ immensità del buio

nell’assordante silenzio

delle emozioni,

ha fame di sogni

a lungo vagheggiati

nel ruggire della tempesta

perfetta. Continua a leggere “” L’ANIMA A NUDO “, di Rosella Lubrano”

” SE L’ ANIMA MIA..”, di Rosella Lubrano

se l'anima

di Rosella Lubrano

” SE L’ ANIMA MIA..”

Se l’anima mia giocasse con le nuvole

tra lune in trine d’ organza

e splendidi soli

incantati di noi,

mi abiterebbe il tuo cielo

e io conterei le stelle

tra le fessure dei tuoi occhi. Continua a leggere “” SE L’ ANIMA MIA..”, di Rosella Lubrano”

Per essere felici ed in salute

Creando Idee

Al suono della sveglia, affrontare la giornata con il sorriso sulle labbra è sicuramente più facile che farlo da imbronciati. Ma quali altri benefici porta il buonumore nella nostra vita?Le nuove frontiere della ricerca scientifica ci dicono che il buon umore è terapeutico, tiene lontane numerose malattie, aiuta a superare meglio e più rapidamente quelle che ci hanno colpito.Negli ultimi anni diversi studi stanno dimostrando che il buon umore è direttamente coinvolto in numerosi processi di guarigione e nel rafforzamento delle difese naturali. Al punto che in molti reparti ospedalieri si applicano sessioni di comicoterapia e si moltiplicano gli esperimenti, con risultati spesso sorprendenti: ridere stimola la produzione di endorfine e serotonina, aumenta l’attività dei linfociti killer che distruggono le cellule cancerose, migliora la circolazione, l’ossigenazione del sangue e l’irrorazione degli organi interni, neutralizza ansia e stress, alza il livello di autostima, aumenta la memoria e la capacità di…

View original post 83 altre parole

Un gustoso peccato di gola

Creando Idee

Cuocere le castagne al forno è un metodo alternativo alla cottura in padella. Ecco alcuni consigli per chi vuole gustare le castagne a casa Queste belle giornate di sole anche se siamo già in autunno sono fantastiche per andare a raccogliere le castagne tra i boschi. Poi quando si torna a casa si materializza, giustamente, il desiderio di mangiarle e così castagne fumanti iniziano a frullarvi in testa, ma non avete la padella forata per cuocerle. Nessun problema: basteranno 30 minuti di pazienza e il forno. Parli di caldarroste e subito pensi al tepore del camino alla legna che scoppietta  e a un calice di buon vino. Insomma perché sia veramente autunno è d’obbligo gustare le castagne calde per strada, alle sagre o in casa. Spesso però a casa non abbiamo a disposizione la padella forata necessaria per prepararle. Ma esiste un metodo di cottura alternativo. Come cuocere le…

View original post 232 altre parole

Béatrice Bonhomme chroniquée sur Mediapart

Littérature portes ouvertes

Il n’est pas si fréquent de voir des ouvrages de poésie contemporaine chroniqués dans des journaux en ligne fortement fréquentés. Il n’est donc que normal que je signale ce bel article de Patrice Beray, consacré au recueil Dialogue avec l’anonyme de Béatrice Bonhomme, paru dans les blogs de Mediapart.

View original post 241 altre parole

L’indecisione al ristorante ecco da cosa deriva

Creando Idee

Avere troppa scelta non è sempre positivo, perché il nostro cervello può “incepparsi” mentre calcola costi e benefici di ciascuna delle opzioni che ci si presentano. Il risultato è la classica difficoltà a prendere una decisione, determinata da un fenomeno che gli psicologi chiamano “sovraccarico di scelta”. Probabilmente lo avete già collaudato davanti al ricco e prelibato menù di un ristorante, al negozio di oggetti da regalo durante una vacanza o magari al supermercato mentre siete alla ricerca di un pacco di caffè o di di biscotti. Per svelare i meccanismi cerebrali che sottendono al sovraccarico di scelta, un team di studiosi del California Institute of Technology ha sottoposto un gruppo di volontari ad alcuni esperimenti durante una risonanza magnetica scoprendo che il numero migliori di opzioni da cui attingere è compreso tra 8 e 15. Gli scienziati hanno mostrato ai partecipanti un set di 6, 12 e 24…

View original post 187 altre parole

Un gesto semplice

tavolozza di vita

Un gesto semplice

Freddo d’anima
non si smorza

l’antico brivido
riflette ancora
questa solitudine

Un gesto semplice
racchiude ora
tra le braccia
quel vuoto

In sconfinata pienezza
trasmette calore

L’abbraccio rinnova
energia nascosta

Forza sopita
riaccende
speranza viva

…E manifesta amore

08.07.2006 Poetyca

A simple gesture


Cold soul
no fades

the old thrill
still reflects
this loneliness

A simple gesture
includes hours
arms
emptiness

In boundless fullness
transmit heat

The embrace renewed
hidden energy

Force dormant
rekindles
hope alive

It shows love …

08.07.2006 Poetyca

View original post

Il Castagno: la Luce dal Profondo

Nel bosco della Dea

Nome:Castanea sativa Mill.(oppure Castanea vesca Gaertn.), famiglia delle Fagaceae.

Il nome latino Castanea, identico in greco, deriva da Castanis, una città del Ponto, in Asia Minore, da cui si pensava che provenisse la pianta.

Botanica:

Il Castagno è un albero deciduo, probabilmente proveniente dall’Iran o dall’Asia Minore, che cresce nell’area del Mediterraneo, nei boschi mesofili tra i 500 e i 1200 metri di altitudine, tra la fascia degli Ulivi e quella dei Faggi. Può formare boschi puri o vivere in compagnia di altre latifoglie, sopporta abbastanza bene il freddo ma teme le gelate tardive. E’ un albero longevo, che nelle condizioni ideali può anche superare i mille anni. La sua chioma è ampia e rotondeggiante, e il tronco tende a svilupparsi al massimo fino a 35/40 metri in altezza, ma diventa molto robusto. Se viene tagliato, il Castagno butta numerosi polloni, che crescendo vicini…

View original post 2.875 altre parole

Una visione anormale nell’infanzia può influenzare lo sviluppo cerebrale.

ORME SVELATE

Risultati immagini per eyeglass saatchi art Glasses No.2 (Domna Banakou)

Un gruppo di ricerca ha scoperto che una visione anormale nell’infanzia può influenzare lo sviluppo di aree cerebrali di livello superiore responsabili di cose come l’attenzione. I ricercatori dell’Università di Waterloo, della British Columbia e dell’Università di Auckland hanno scoperto differenze nel modo in cui il cervello elabora le informazioni visive in pazienti con vari tipi di occhi pigri. In tal modo, sono i primi a dimostrare che il cervello può distogliere l’attenzione a causa di un occhio pigro quando entrambi gli occhi sono aperti. Gli attuali trattamenti per l’occhio pigro mirano principalmente alle prime fasi dell’elaborazione visiva all’interno del cervello. I risultati di questo studio ci mostrano che i nuovi trattamenti dovrebbero mirare anche a processi di livello come l’attenzione. L’occhio pigro, noto come ambliopia, è una perdita di visione che origina nel cervello, in genere quando un bambino sviluppa un difetto degli occhi (tipo…

View original post 312 altre parole

Insulina degludec e insulina glargine: nuove analisi sui dati degli studi SWITCH 1 e 2

HarDoctor News, il Blog di Carlo Cottone

Presentati al 54th Annual Meeting of the European Association for the Study of Diabetes (EASD 2018), svoltosi a Berlino, dal 1 al 5 ottobre, i risultati delle analisi post-hoc dagli studi SWITCH 1 e 2.

I dati dimostrano che le persone con diabete tipo 1 e 2 nella pratica clinica possono raggiungere un miglior controllo glicemico (HbA1c) con l’insulina degludec rispetto a insulina glargine 100 U, senza un aumento degli episodi di ipoglicemia, che consistono in abbassamenti dei livelli dello zucchero nel sangue potenzialmente pericolosi.1

Abbassare il livello di zucchero nel sangue è importante per aiutare a prevenire le complicanze del diabete, ma questa riduzione può aumentare il rischio di ipoglicemia. In queste analisi post-hoc, si stima che le persone con diabete possano raggiungere una riduzione media del livello di HbA1c dello 0,61 per cento, nel diabete tipo 1, e dello 0,67 per cento, nel…

View original post 790 altre parole